Il miglior giradischi

Giradischi – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2017

 

I migliori giradischi utilizzano la trasmissione a cinghia capace di isolare più efficacemente il piatto dalle vibrazioni meccaniche prodotte dal motore. Spesso gli utenti decidono di acquistare un modello non per le prestazioni offerte ma per il design più accattivante. Per essere sicuro di individuare il prodotto giusto per le tue esigenze e non sprecare l’investimento fatto, controlla anche le funzioni presenti. Per esempio, potresti preferire quelli con lettore CD integrato e, soprattutto, quelli dotati di ingresso USB in grado di trasformare le tracce su vinile nel moderno formato MP3. Se hai poco tempo a disposizione per leggere tutta la nostra guida e la classifica in basso, ti invitiamo a considerare due modelli con particolare attenzione. Uno è Pioneer PL 990, preamplificato e automatico: tutto quello che dovrai fare per farlo funzionare è premere un tasto. Un altro giradischi molto interessante si è rivelato il Dual DTJ 301 perché dotato di porta USB ed è ideale per lo scratch.

 

 

Tabella comparativa

 

ImmagineProdottoPrezzoOpinioni dei clientiRecensioniLa Migliore Offerta
Pioneer PL-990 Giradischi stereo completamente automatico Nero/Black€145.8Clicca qui Clicca quiVisita il negozio!
Dual DTJ 301 USB audio turntables€219Clicca qui Clicca quiVisita il negozio!
Audio-Technica AT-LP60-USB Giradischi con trazione a cinghia, USB e€145Clicca qui Clicca quiVisita il negozio!
Clicca qui 4.3 su 5 130Visita il negozio!
Akai Turntable + USB Clicca quiClicca qui Clicca quiVisita il negozio!
Denon DP-29F Giradischi - PREMIUM SILVER€124Clicca qui Clicca quiVisita il negozio!
Philips OTT2000/12 Giradischi, Bluetooth, Audio In, USB Diretta, Lettore MP3 Clicca quiClicca qui Clicca quiVisita il negozio!

 

 

Come scegliere il miglior giradischi

 

I grandi appassionati di musica sostengono che la qualità d’ascolto garantita da un disco in vinile sia tuttora impareggiabile, capace di suscitare emozioni precluse all’audio registrato su un cd.

Per questo motivo i dischi, sebbene ormai ridotti a una nicchia del mercato musicale, non sono mai scomparsi e, anzi, negli ultimi anni sono prepotentemente ritornati in auge. E con essi i giradischi, la cui qualità è essenziale per una riproduzione impeccabile del suono.

Ecco perché abbiamo messo a confronto i migliori modelli presenti sul mercato, stilando una classifica di quelli che meritano la vostra attenzione, nonché realizzato questa guida per aiutarvi a capire quali sono gli aspetti di cui tenere conto prima di comprare un giradischi.

1

 

Guida all’acquisto

 

Vibrazioni addio!

L’aspetto più importante nella scelta di un giradischi è che sia in grado di estrarre il maggior numero di “informazioni” dal vinile e per farlo deve essere capace di interpretare i dati presenti nei solchi del disco. Ogni vibrazione, anche piccola, interna o esterna, può essere un’interferenza alla corretta lettura e quindi all’ottenimento di un suono perfetto.

La prima scelta da operare per ridurre al minimo il rischio di vibrazioni, è se acquistare un modello con telaio rigido o sospeso. Entrambi rappresentano una valida soluzione e, più che altro, differiscono tra loro non tanto per la capacità di contrastare le vibrazioni (ottima in entrambi i casi) quanto per la filosofia legata alla loro progettazione.

Alcuni costruttori di giradischi ritengono che una struttura rigida ostacoli al meglio la propagazione della vibrazione mentre altri credono che l’isolamento più efficace sia garantito da un controtelaio sospeso su piccole molle di metallo. La scelta dipende molto dai gusti personali e possiamo solo aggiungere che i giradischi rigidi sono più semplici da montare e “configurare”.

Altro elemento importante è il braccio, che può essere dritto, a S o tangenziale ma, da questo punto, è stato il mercato a operare la scelta, visto che la stragrande maggioranza di quelli installati sui giradischi sono dritti.

 

Questione di… testina

Elemento determinante nella scelta di un giradischi è la sua testina, che può essere considerata il tramite tra voi e il disco, una sorta di traduttore che interpreta le informazioni e le trasforma in musica.

Ne esistono di due tipi: MM (Magnete Mobile) e MC (Mobile Coil, ovvero bobina). Quest’ultima è quella che, mediamente, assicura una qualità del suono migliore perché ha una tensione di uscita molto più bassa ma, di contro, necessita di un amplificatore che sia compatibile. Inoltre non permette la semplice sostituzione dello stilo una volta usurato (cosa possibile con l’MM) ma obbliga all’acquisto di una testina nuova di zecca, con un superiore impatto sui costi da sostenere.

Visto che i giradischi non sono oggetti molto diffusi, nella vostra scelta valutate anche la facilità di reperire i ricambi per la testina, per non dover diventare matti alla ricerca di uno stilo…

2

 

Che tipo di trazione?

Anche in questo caso la scelta si riduce a due modelli: a trazione diretta e a cinghia e, ancora una volta, il mercato ha detto la sua, privilegiando i modelli a cinghia che garantiscono maggior isolamento tra il motore, da cui provengono numerose vibrazioni, il piatto e la testina.

La trazione diretta ha dalla sua una capacità probabilmente superiore di eliminare le vibrazioni ma produrre i motori e implementare le tecniche di isolamento comporta spese piuttosto elevate che si riverberano poi sul costo di vendita del giradischi. Il confronto tra i prezzi dei modelli con le due trazioni è impietoso a tutto vantaggio di quelli con cinghia.

La scelta finale su quale giradischi comprare, però, dipende molto anche dalle vostre orecchie e dalla loro sensibilità. Mai come nel caso di un prodotto di questo tipo, infatti, la possibilità di ascolto prima dell’acquisto è fondamentale.

 

I migliori giradischi del 2017

 

Chi non sa apprezzare la vera musica forse non capirà la tua voglia di acquistare un moderno giradischi. Stupisci i tuoi amici facendo loro ascoltare tutta la qualità sonora di un disco in vinile, scegliendo il miglior giradischi sul mercato. Ti basta fidarti dei nostri consigli d’acquisto!

 

Prodotti raccomandati

 

Pioneer PL 990 

 

1.Pioneer PL 990Se tutto quello che desideri è un ottimo strumento per ascoltare i tuoi dischi a casa, per noi non c’è alcun dubbio: la scelta migliore è il Pioneer PL 990, essenziale e dannatamente bravo nello svolgere il suo compito. Non si tratta, chiaramente, di un dispositivo ultra professionale, ma è molto meglio della stragrande maggioranza di quelli che si trovano sulla stessa fascia di prezzo.

È uno dei giradischi Pioneer più venduti soprattutto perché facilita molto la vita di chi lo utilizza, automatizzando al massimo ogni operazione grazie alla modalità di riproduzione automatica. In pratica, basta selezionare la velocità (tra 33 giri o 45 giri) e al massimo il punto di partenza della testina, e al resto ci pensa il giradischi, muovendo in autonomia il braccio a inizio disco e rimettendolo in posizione d’attesa a disco finito.

È dotato di uscita RCA per collegarlo a un impianto stereo e permette di regolare la velocità di riproduzione tramite una rotella.

Per aiutarti a scegliere il miglior giradischi proseguiamo con un elenco dei motivi di interesse e dei difetti dell’apparecchio realizzato dall’azienda giapponese.

 

Pro

Automatico: Il selettore relativo al tipo di vinile si voglia riprodurre (45 o 33 giri) consente di sfruttare le funzioni automatiche del giradischi, che sposta il braccio in corrispondenza del punto esatto, colloca la puntina e avvia la riproduzione senza alcun intervento manuale. L’unica cosa che dovrai fare è posizionare il disco sul piatto.

Prezzo interessante: Buon rapporto tra qualità generale e costo. Per chiunque non abbia esigenze professionali o un orecchio particolarmente “fine”, si tratta di un modello che assicura una piacevole riproduzione dei dischi.

Facilità d’uso: Giradischi preamplificato, tra i più economici, è dotato di uscita Rca che semplifica il collegamento con l’impianto stereo.

 

Contro

Assemblaggio: Il materiale che domina è la plastica, anche per il braccio e la puntina. Questa scelta mantiene il prezzo basso ma penalizza la resa sonora e l’audio appare un po’ troppo piatto.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€151.96)

 

 

 

Dual DTJ 301 

 

1.Dual DTJ 301Per ridare vita ai vecchi vinili è bene dotarsi del giusto supporto in grado di riprodurre i dischi senza danneggiarli e garantendo una buona qualità di ascolto, vediamo in dettaglio le caratteristiche di questo Dual DTJ 301 e cosa ne pensano i consumatori che l’hanno scelto.

È un modello molto versatile e adatto anche all’uso che ne fa un utente al giorno d’oggi e non solo un nostalgico del rock anni ’70. È dotato di trazione diretta ed è in grado di supportare la funzione di avviamento e arresto rapido, non stupisce quindi che il giradischi sia compatibile anche per fare scratch.

Buona anche la dotazione del giradischi che è predisposto per essere collegato a Mac o PC per trasferire e digitalizzare i vinili e convertirli in formato wav. Inoltre è anche dotato di preamplificatore e amplificatore incorporato da collegare alle casse tramite gli ingressi phono e aux in.

Un bel modello acquistato parecchie volte dagli appassionati del settore anche per via dell’affidabilità del marchio e la precisione della tecnologia applicata, ne sono una prova i riconoscimenti ricevuti a riprova della validità del prodotto.

 

Pro

Compatibile per lo scratch: La trazione diretta rende questo modello adatto per fare scratch sui piatti ed essere usato durante le serate danzanti.

Porta USB per digitalizzare i vinili: Attraverso la porta USB e il software dedicato è possibile collegare il giradischi tanto a Mac come a PC per potere digitalizzare i vinili e archiviarli in formato wav.

Puntina removibile: La presenza di preamplificatore ed equalizzatore sono utili per migliorare la qualità dell’audio in uscita, ma la possibilità di cambiare la puntina che non è fissa consente di personalizzare il giradischi con quella della qualità preferita.

 

Contro

Completamente manuale: La testina non torna indietro da sola né si posiziona automaticamente sul disco ma ha bisogno di essere spostata manualmente, quindi occhio e mano leggera.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€219)

 

 

 

Philips OTT2000/12 

 

3.Philips OTT2000-12Come scegliere un buon giradischi USB? Partendo da un marchio affidabile come Philips e guardando alle altre caratteristiche, che nel caso del modello qui recensito sono di primissimo livello.

È in realtà un lettore poliedrico che permette di ascoltare mp3, CD e dischi e di riversare facilmente il contenuto dei nostri vecchi vinili in una penna USB, in modo da poterli portare sempre con noi.

Uno dei punti di forza del prodotto sono gli altoparlanti: due woofer da 3 pollici che renderanno giustizia alla qualità audio dei tuoi vinili e ti permetteranno di ascoltare a pieno volume anche il resto della tua musica, in qualunque formato sia.

Da segnalare la possibilità di connessione tramite Bluetooth, che consente di trasferire la musica in maniera stabile (per quanto a corto raggio) anche in modalità wireless da dispositivi moderni come tablet, smartphone e computer.

Si tratta sicuramente di un prodotto che per via di tutte le sue funzionalità ha un elevato rapporto qualità/prezzo!

Definire questo modello della casa olandese solo un giradischi è davvero riduttivo visto che integra funzionalità da vero impianto multimediale, con i pro e i contro che abbiamo evidenziato qui di seguito.

 

Pro

Eclettico: In ogni guida per scegliere il miglior giradischi ti diranno che la versatilità di utilizzo è un aspetto estremamente importante. Da questo punto di vista il modello di Philips non delude perché consente di riprodurre dischi ma anche Mp3 e CD e, inoltre, grazie alla presenza di una porta Usb permette di effettuare la digitalizzazione dei brani su vinile e trasferirli su una chiavetta.

Speaker integrati: Dispone di due woofer da 3 pollici che permettono l’ascolto senza alcun tipo di collegamento a un sistema hi-fi. La soluzione ideale per chi ha ridotte disponibilità di spazio in sala o in camera.

Wireless: Connettività Bluetooth per estendere la compatibilità e agevolare il trasferimento della musica ma anche riprodurla direttamente da un player Mp3 o uno smartphone. Insomma più che un semplice giradischi è una vera stazione multimediale.

 

Contro

Plastica: Qualche perplessità sulla qualità delle componenti utilizzate per il braccio e la puntina. La qualità sonora durante l’ascolto di un vinile è penalizzata.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Denon DP-29F 

 

4.Denon DP-29FAll’interno della nostra classifica non poteva mancare uno dei migliori giradischi Denon venduti online. Si tratta di un modello destinato al puro e semplice ascolto della propria collezione di dischi in vinili, cosa che riesce a fare con grande qualità e praticità.

Anche questo permette infatti una riproduzione altamente automatizzata, che richiede un impegno minimo da parte dell’utente. Basta premere un tasto per far partire il disco: il braccio si muove autonomamente sia in fase di inizio che di fine lettura del disco, quando smette di girare. La qualità del suono, inutile dirlo, è di altissimo livello e accontenterà l’udito di tutti.

Dotato di trazione a cinghia, permette la lettura di dischi a 33 e 45 giri e ha un chassis elegante e robusto in alluminio.

Il giradischi Denon funziona sia con le casse attive (dotate di amplificatore integrato) che con quelle passive (che necessitano di amplificatore).

Passiamo in rassegna pregi e difetti di questo giradischi dal design controverso ma in grado di assicurare una gratificante esperienza d’ascolto.

 

Pro

Materiali: La scocca è in alluminio e trasmette una buona sensazione di qualità e robustezza e anche la trazione a cinghia assicura una riproduzione senza esitazioni.

Audio: L’ascolto risulta estremamente piacevole grazie all’utilizzo di una puntina di buona qualità e alla completa automatizzazione del meccanismo di spostamento del braccio e di avvio della riproduzione del vinile.

Costo proporzionato: Buon rapporto tra capacità di riprodurre l’audio in modo gratificante e prezzo di vendita che, a nostro giudizio, risulta davvero aggressivo per un prodotto di questa qualità.

 

Contro

Nessun upgrade: I cavi utilizzati per collegarlo a un sistema hi-fi non sono removibili, perciò non è eventualmente possibile sostituirli con altri di qualità superiore.

Design: Esteticamente non ha incontrato il favore di alcuni tra coloro che l’hanno già comprato, in particolare per la scelta cromatica.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€124.98)

 

 

 

Crosley CR8005ABLUEU 

 

5.Crosley CR8005ABLUEUPer gli amanti non solo della musica retrò, ma anche dello stile, ecco un prodotto che difficilmente si faranno scappare: il miglior giradischi vintage sul mercato, almeno secondo il nostro modestissimo parere!

Anche l’occhio vuole la sua parte e cosa c’è di meglio di ascoltare un vecchio vinile grazie a uno strumento che trasmette visivamente le stesse sensazioni che ci suscita l’udito?

Disponibile in diverse colorazioni, non punta solo sull’estetica ma anche sulla funzionalità, offrendo sì delle casse incorporate ma anche la possibilità di connetterlo facilmente – tramite l’uscita RCA – a un qualunque impianto stereo o a delle casse amplificate.

Un altro punto di forza del prodotto è quello di permettere la lettura non solo a 33 giri, ma anche a 45 giri e persino a 78 giri! La puntina è compresa al momento dell’acquisto ed è anche possibile ascoltare la musica mediante cuffie.

Un piacevole salto nel passato, è quello assicurato da questo giradischi dall’aspetto retro ma che alla prova dei fatti evidenzia anche qualche difetto. Vediamo qui di seguito pro e contro del modello di Crosley.

 

Pro

Retro: Il design vintage cattura l’attenzione al primo sguardo, grazie anche a rifiniture curate come la simil pelle di copertura e la presenza della maniglia e dei fermi in metallo. Disponibile in differenti e molto gradevoli colorazioni che fanno un bel contrasto con l’interno del coperchio, anch’esso colorato ma con una tonalità diversa.

Tutti i dischi: È in grado di leggere non solo i 33 e i 45 giri ma anche i “vecchi” 78 giri, scelta che si intona con lo stile retro scelto dall’azienda che lo produce.

Versatile: Numerose possibilità di ascolto perché, alla classica uscita Rca, abbina anche la presa per le cuffie e integra due speaker che consentono di riprodurre musica anche senza disporre di un sistema hi-fi cui collegarlo.

 

Contro

Qualità d’ascolto: Braccio eccessivamente leggero che mette in mostra alcuni limiti, soprattutto in riproduzione dei dischi più recenti. Capita spesso, infatti, che il vinile “salti” rendendo l’esperienza d’ascolto poco gratificante.

Plastiche: La qualità dei materiali utilizzati non convince appieno e molti hanno avuto l’impressione di trovarsi di fronte a un prodotto più bello da guardare che da utilizzare.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Akai ATT05U

 

2.Akai ATT05USe ti stai chiedendo invece quale turntable portatile acquistare che ti permetta di digitalizzare i tuoi dischi, ecco il modello che più ci sentiamo di suggerirti. Questo gioiellino viene venduto a un prezzo davvero irrisorio, che non ha bisogno di offerte per essere allettante. Non solo ha un design accattivante e moderno, ma ha anche tutta una serie di funzioni che lo rendono molto versatile e adatto anche ai DJ, come il livello di Pitch regolabile tra -10% e +10%.

Tramite la presa USB, è possibile collegarlo sia a dispositivi Windows che Mac OSX e sfruttare tutte le potenzialità del programma di elaborazione audio.

Permette di ascoltare dischi a 33 e a 45 giri e viene consegnato con una vasta gamma di accessori, tra cui un telecomando, un cavo USB, un cavo stereo RCA, un paio di software e un manuale che purtroppo non prevede la lingua italiana.

Sicuramente uno dei migliori giradischi Akai in circolazione!

Se sei in cerca di un dispositivo che non sia solo un giradischi ma abbia anche innovative funzionalità per la trasformazione dei vinili in file digitali, ecco quali sono pregi e difetti di questo modello.

 

Pro

Multimediale: Definire questo nuovo modello di Akai un semplice giradischi è riduttivo visto che è dotato di connessione Usb e, abbinato a un computer (con sistema operativo Windows o Mac OS) e con un programma ad hoc, permette di digitalizzare i vinili della tua collezione.

Discoteca: Pitch Control regolabile che consente di utilizzarlo con una certa soddisfazione. Chi sta “studiando” per diventare Dj dovrebbe cercare in rete dove acquistarlo.

Dotazione: Ricca confezione di vendita che, tra l’altro, include anche un telecomando che ne semplifica l’utilizzo anche da lontano.

 

Contro

Solo inglese: Tra i pareri negativi di chi l’ha già comprato, da rilevare l’assenza di un manuale in lingua italiana e una certa complessità nella taratura del contrappeso del braccio.

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (9 votes, average: 4.78 out of 5)
Loading...