Il miglior termometro per carne

Termometri per carne – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensione del 2017

 

Per ottenere una cottura perfetta per ogni tipo di carne, il termometro è uno strumento indispensabile soprattutto quando si cuoce al forno ed è difficile tenere il cibo costantemente sotto controllo. La tecnologia ha fatto passi da gigante anche in questo campo, e se non sei aggiornato sulle ultime novità ti consigliamo di leggere la guida qui sotto, dove potrai trovare delle recensioni imparziali che ti aiuteranno a spendere bene i tuoi soldi. Se non hai tempo da dedicare alla lettura, vogliamo almeno segnalarti i due termometri che hanno ricevuto i commenti più positivi da parte degli acquirenti: Ivation IVA-WLTHERM è un termometro digitale che sfrutta la tecnologia wireless per permetterti di controllare la temperatura sia della carne che del barbecue fino a una distanza di 90 metri; più economico il Weber – 6492, un modello a sonda dei più classici, con un ridotto margine di errore e un display rotante che ti permette di leggere agevolmente la temperatura rilevata.

 

Tabella comparativa

 

Immagine Prodotto Prezzo Opinioni dei clienti Recensioni La Migliore Offerta
Ivation - Set da 2 termometri wireless per monitorare a distanza Clicca qui Clicca qui Clicca qui Visita il negozio!
Termometro digitale Weber Original €21.5 Clicca qui Clicca qui Visita il negozio!
Leifheit 3095 Termometro digitale da cucina universale €14.9 Clicca qui Clicca qui Visita il negozio!
Kitchen Craft Termometro da carne in acciaio INOX €6 Clicca qui Clicca qui Visita il negozio!
Termometro Cucina【Garanzia a Vita】Topop Digitale Termometro da Cucina €6.28 Clicca qui Clicca qui Visita il negozio!

 

 

Come scegliere il miglior termometro per carne

 

Difficile stabilire quale sia la migliore marca di termometri per carne oggi disponibile sul mercato, di certo un buon utensile deve possedere alcune caratteristiche di costruzione imprescindibili e garantire quanta più precisione al grado, non necessariamente al decimo di grado. In questo modo è possibile per chiunque, anche i meno esperti, gustare i tagli di carne spesso più costosi e di certo più saporiti alla temperatura corretta e quindi alla consistenza preferita.

La guida che ti proponiamo ti spiega brevemente cosa succede alla carne durante la cottura e soprattutto cosa deve essere in grado di fare un termometro per essere davvero utile in questo frangente.

1.Ivation - Set da 2 termometri wireless

Guida all’acquisto

 

Al sangue, media o ben cotta?

Al ristorante sarà capitato a tutti i carnivori di sentirsi fare questa domanda una volta ordinata la propria fiorentina, ma questa distinzione della carne in base al tipo di cottura è molto approssimativa e necessita di maggiore precisione per potere essere veramente apprezzata.

La classifica delle preparazioni che necessitano un monitoraggio costante è capitanata dai tagli più alti, spesso i più pregiati e quindi cari. Dall’arrosto al roast-beef, passando per le varietà di animale macellato, è possibile trovare un range piuttosto ampio di cotture possibili cui corrispondono diverse consistenze che derivano da altrettante reazioni chimiche che ne determinano l’esito e il piacere al palato. A ben vedere, le tre classificazioni italiane sono molto approssimative, più specifiche quelle anglosassoni, che identificano quattro livelli di cottura cui corrispondono caratteristiche organolettiche altrettanto diverse, rare, medium rare, medium e well done.

Quello che cambia, e che determina una buona recensione per il ristorante, è il tipo di reazione chimica che sviluppano le proteine della carne sottoposte ad alte temperature, gli appassionati di chimica sanno che ci riferiamo alla mioglobina e alla miosina, incluse nel prezzo di ogni taglio.

 

I range di temperatura da tenere d’occhio

Prima di cucinare la carne in casa è bene sapere che vanno tenuti in considerazione due valori importanti: la temperatura del cuore della carne e quella del barbecue o, in generale, della fonte di calore. Scegliere un termometro in grado di assicurare un buon range di misurazione significa potere contare su un margine d’errore contenuto, tanto per quanto riguarda la carne come per le braci ardenti.

Il cuore dovrebbe mantenersi all’interno di un range ben preciso, tra i 50° e i 70°C, piccole variazioni, anche di pochi gradi all’interno di questo intervallo agiscono in modo decisamente diverso e il palato lo nota. Un termometro che non sia in grado di assicurare la precisione al grado in questo particolare intervallo potrebbe non rivelarsi lo strumento adatto a sostituire l’occhio nella valutazione della giusta consistenza della cottura.

2.Termometro digitale Weber Original

 

Termometri adatti a più scopi

Dal confronto prezzi emerge spesso la prima suddivisione tra modelli adatti solo alla misurazione della temperatura della carne, fino a quelli in grado di assicurare la giusta precisione per determinare anche valori estremamente più alti, quindi per tenere sotto controllo la temperatura di barbecue o forno.

In questo caso è bene tenere a mente quali sono le esigenze in cucina e stabilire se si adatta meglio al nostro bisogno un modello che si inserisce esclusivamente nel taglio di carne per misurarne la temperatura al volo, oppure quelli dotati di sonda estraibile che consentono un monitoraggio continuo, in particolare della temperatura del piano cottura.

 

I migliori termometri per carne del 2017

 

Non è difficilissimo scegliere quale termometro per carne comprare. In fondo si tratta di comprendere al meglio quali sono le caratteristiche che ci si aspetta di trovare e fare un’attenta comparazione tra i modelli più venduti prima di decretare quale rappresenta il miglior termometro per carne del 2017.

 

Prodotti raccomandati

 

Ivation IVA-WLTHERM

 

1.Ivation - Set da 2 termometri wirelessSi presenta bene questo termometro digitale wireless dalla portata davvero notevole. In assenza di ostacoli, riesce a misurare la temperatura della carne da una distanza di circa 90 metri, 300 piedi con la misura anglosassone. Il kit comprende due dispositivi, entrambi dotati di ampio schermo LCD dai caratteri ben leggibili e chiari.

È possibile visualizzare allo stesso tempo la temperatura della carne e quella del barbecue: un ottimo sistema per tenere sotto controllo l’andamento della cottura, specie se deve essere lenta. È predisposto per funzionare senza fili, quindi in grado di ricevere il segnale e informare sulla temperatura da monitorare anche se in cucina si fa altro o si sorseggia la birra con gli amici. Ma sono comprese anche le sonde per potere usare il termometro anche quando la carne si cucina direttamente in forno.

Si possono impostare le temperature di riferimento tanto per il barbecue che per la carne, in questo modo il dispositivo sarà in grado di avvisare con un segnale acustico e visivo il superamento della soglia prefissata.

Sebbene sia il modello più tecnologico della classifica, la sua qualità lo rende anche il più costoso. Confronta pro e contro per valutare se ne vale davvero la pena e in caso positivo potrai cliccare sul link riportato qui di seguito che ti porterà sulla pagina del negozio.

 

Pro

Tecnologia: Una delle caratteristiche più interessanti di questo modello è il suo funzionamento senza fili. Ideale per quando fai un bel barbecue dato che può informarti sulla cottura della carne a distanza.

Schermo: Il modello è dotato di un ampio schermo LCD sul quale potrai leggere in modo chiaro le informazioni sulla temperatura della carne e del barbecue.

Forno: In dotazione troverai anche le sonde per poter usare il termometro nel forno, in modo da poter tenere tutto sotto controllo.

 

Contro

Pairing: Purtroppo sarà necessario fare il pairing dei dispositivi ogni volta che li si accende.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Weber 6492

 

2.Termometro digitale Weber OriginalTra i migliori termometri da carne digitali non può certo mancare il classico modello a sonda, da inserire direttamente nel pezzo di carne per controllarne rapidamente la temperatura interna, per poi essere rimosso.

La sonda è lunga a sufficienza per riuscire a entrare bene fino al cuore dei tagli più alti, una comodità specie se si stanno cucinando con lentezza grossi pezzi interi.

Ha una testina di plastica e su questa è posizionato il sensore di rilevamento del dato, quindi il termometro non è pensato per essere lasciato in forno o infilzato nella carne, per quel tipo di misura è necessario usare i dispositivi con sonda a parte. Il display è rotante e può essere orientato a favore di chi lo usa per offrire maggiore agio durante la lettura della misurazione.

Ha un buon range e rileva le temperature da 0 a 230°C, il margine d’errore massimo confermato dalla casa di produzione oscilla tra 1 e 5° in base al livello di temperature, minimo errore fino a 100° e massimo fino a 230°. Chiaramente è possibile impostare la misurazione in gradi Celsius o Fahrenheit.

La nostra guida per scegliere il miglior termometro per carne continua con un’analisi dei pregi e difetti di questo modello di Weber. Se non sai dove acquistare il prodotto, potrai cliccare sul link riportato qui di seguito per andare sulla pagina di negozio che lo vende a prezzi bassi.

 

Pro

Semplice: Si tratta di un modello classico, facile da utilizzare. Basterà inserire l’asta nella carne per controllare subito la temperatura interna e ottenere la cottura ottimale.

Display: Lo schermo del termometro può essere ruotato per avere una lettura migliore e più agevole della temperatura rilevata.

Range: Può rilevare temperature da 0 a 230° C, con un margine di errore variabile ma comunque abbastanza basso.

 

Contro

Retroilluminazione: Il display non è retroilluminato, cosa che potrebbe rendere difficile la lettura dei dati se magari si vuole fare una grigliata la sera.

Acquista su Amazon.it (€21.5)

 

 

 

Leifheit 3095

 

3.Leifheit 3095 Termometro digitale da cucina universaleTi sarai reso conto di come scegliere un buon termometro da carne dipenda soprattutto dal tipo di uso che intendi farne. I classici modelli a sonda, da infilzare nella carne per pochi secondi durante la cottura, hanno anche il vantaggio di potere essere usati per altri scopi e rendersi così molto versatili in cucina.

Il modello Leifheit è pensato per essere infilzato nei tagli di carne più alti, ma anche per misurare la temperatura di liquidi o semiliquidi e trova svariate applicazioni anche in pasticceria, per la preparazione di creme e torte per esempio.

Il range di temperature misurabili è molto alto e, a differenza dei comuni modelli, questo è in grado di scendere anche sotto lo zero. In pochi istanti è in grado di misurare da -45°C a 200°C, con scatti di un decimo di grado. Un buon livello di precisione.

Del resto i cinque anni di garanzia offerti per il prodotto parlano da soli e danno una buona stima dell’affidabilità del piccolo elettrodomestico.

Vediamo adesso quali sono i pro e contro di questo modello secondo i pareri degli utenti, così potrai avere un quadro complessivo e valutare bene se questo termometro da carne può fare al caso tuo.

 

Pro

Versatile: Il termometro può essere usato sia con la carne che con liquidi e semiliquidi. Utile anche per preparare creme e dolci.

Temperatura: Si distingue dagli altri modelli per la sua capacità di scendere sotto lo 0 e arrivare fino a -45° C di misurazione.

Maneggevole: Il design del termometro gli garantisce una buona maneggevolezza, così potrai usarlo con facilità e rapidità.

 

Contro

Velocità: Alcuni utenti che hanno acquistato e provato il prodotto lo hanno trovato un po’ lento nel rilevamento della temperatura.

Acquista su Amazon.it (€18.04)

 

 

 

Kitchen Craft KCMEATTH

 

4.Kitchen Craft Termometro da carne in acciaio INOXIl confronto tra le offerte passa anche dalla comparazione tra i modelli altamente tecnologici e completamente digitali e quelli puramente analogici dal gusto un po’ rétro, ma di certo molto efficaci.

È il caso di questo modello firmato Kitchen Craft, estremamente intuitivo e semplice da usare che mostra chiaramente il range di temperatura, pazienza se non è preciso al decimo di grado, e il tipo di cottura corrispondente in base al gusto, se al sangue, media o ben cotta. Ma il range orientativamente oscilla tra un minimo di 54°C a un massimo di 130°C.

È pensato specificamente per la carne e ha il classico design che ne consente una visuale diretta e comoda una volta infilzato nel pezzo, che sia d’agnello o manzo non importa. È realizzato interamente in acciaio inox lucidato a specchio, per garantire maggiore igiene e robustezza. Ma questo non significa che possa essere lasciato all’interno del pezzo durante la cottura né in forno, rimane uno strumento da essere usato per pochi istanti per controllare il livello di cottura e incontrare alla perfezione i gusti dei commensali.

Andiamo adesso a vedere le qualità e i difetti di questo modello, così potrai controllare se il suo costo ridotto non sia sinonimo di bassa qualità. Potrai trovare l’oggetto venduto a prezzi bassi sulla pagina di negozio riportata qui di seguito.

 

Pro

Design: Il look un po’ retro di questo modello potrebbe essere una buona attrattiva per gli amanti degli oggetti un po’ vintage.

Intuitivo: Consente di visualizzare in modo veloce lo stato di cottura e unisce le informazioni sulla temperatura a del testo.

Materiale: La sua realizzazione in acciaio inox gli garantisce una buona resistenza e durevolezza. Ovviamente come gli altri termometri senza sonda non potrà essere lasciato nel forno.

Prezzo: A una cifra modica potrai portarti a casa un buon termometro, ideale se non vuoi spendere troppo per comprare un oggetto del genere.

 

Contro

Precisione: Essendo analogico potrebbe non essere proprio il massimo della precisione nelle rilevazioni.

Acquista su Amazon.it (€10.12)

 

 

 

Topop SVITCP1-SVIT

 

5.Digitale TermometroÈ uno tra i nostri consigli d’acquisto preferiti: è venduto a un prezzo estremamente competitivo ma non cessa di entusiasmare gli acquirenti che continuano a preferirlo ad altri più blasonati, e costosi, venduti online.

È un termometro a sonda, in grado di misurare la temperatura anche sotto lo zero e fino a 300°C, quindi spendibile per diversi utilizzi in cucina come per il fai da te.

Non stupisce che sia un campione di vendite, pur non essendo il più preciso sul mercato, si presta bene a misurare la temperatura in pochi secondi e ha un display facile da leggere e dotato di retroilluminazione così da potere essere usato anche durante le grigliate serali.

Misura sia in Celsius che Fahrenheit e le varie, poche per la verità, funzioni si impostano comodamente dai quattro tasti posti di fronte sull’impugnatura. Il manico è chiaramente in plastica, e quindi non adatto a resistere a un’esposizione prolungata alle alte temperature, ma la sonda è in acciaio e lunga 15 cm, in modo da poter penetrare anche i tagli più alti.

Per concludere la nostra classifica con i pro e contro di questo modello.

Buonoedeconomico.it spera di averti dato un buon aiuto per scegliere il tuo nuovo termometro da carne e ti augura degli ottimi barbecue!

 

Pro

Versatile: Può essere usato sia per la cucina che per il fai da te. Ideale anche per controllare la temperatura dell’acqua per fare il bagnetto al tuo bambino.

Range: Dispone di un ottimo range di temperatura che arriva fino ai 300° C e anche sotto 0, fino a -50°C.

Auto arresto: Se non viene utilizzato il termometro si spegne da solo, facendo risparmiare carica alla batteria.

Sonda: La sonda del termometro è lunga 15 cm, questo ti permetterà di misurare la cottura della carne con taglio più alto.

 

Contro

Display: Secondo alcuni utenti, la plastica utilizzata per la realizzazione del display non è molto resistente, specialmente quella dei tasti.

Acquista su Amazon.it (€20.99)

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...