Il miglior essiccatore Severin

Ultimo aggiornamento: 17.10.18

 

Come scegliere il miglior essiccatore Severin del 2018?

 

L’essiccazione è un efficace sistema di conservazione degli alimenti, in particolare di frutta e verdura, perché permette di mantenerne inalterate caratteristiche, componenti nutritive e vitamine.

Questo perché, quando viene disidratato, il cibo non subisce alcun intervento di tipo chimico e perché l’eliminazione dell’acqua impedisce lo sviluppo di microbi e l’ossidazione degli alimenti. Ecco perché l’acquisto di un essiccatore non è un’idea così strana ed ecco perché abbiamo realizzato una guida per aiutarvi a scegliere il prodotto che meglio si adatti alle vostre esigenze.

Il primo aspetto da considerare è quello relativo alla potenza del motore –  che solitamente si attesta attorno ai 250-400 Watt per i modelli a basso costo – e che ha come conseguenza la capacità di generare il calore necessario a privare gli alimenti dei liquidi. Un essiccatore potente eseguirà l’operazione in un minor lasso di tempo e, tenendo conto che si parla comunque di processi di molte ore, si tratta di un risparmio importante.

Un altro dettaglio da non sottovalutare è la capienza dell’apparecchio che, tipicamente, dispone di un numero variabile di ripiani. Ovviamente maggiori saranno, più quantità di frutta e verdura (ma anche carne, funghi e pesce) potrete essiccare in una sola volta. Prestate attenzione, infine, al livello di rumorosità generato perché, dovendo restare in funzione anche per più di 12 ore, è decisamente meglio che non emetta un elevato livello di rumorosità.

Tra i più interessanti essiccatori del 2018 vi segnaliamo quello realizzato da Severin, storica azienda tedesca specializzata nella produzione di piccoli e grandi elettrodomestici.

 

 

Severin OD 2940

Principale vantaggio

L’apparecchio prodotto da Severin è dotato di cinque dischi con un diametro di 31 cm, che potrete utilizzare sia contemporaneamente sia singolarmente, sulla base di quanti alimenti volete disidratare. Ogni disco, inoltre, può essere posizionato su due livelli d’altezza, per garantire lo spazio necessario per ospitare cibi più o meno spessi.

 

Principale svantaggio

Alcuni acquirenti ritengono che il tempo impiegato per ottenere risultati di disidratazione solo accettabili sia eccessivamente lungo. D’altra parte, considerato il prezzo basso, è difficile pretendere dal modello di Severin prestazioni di tipo semi-professionale.

 

Verdetto: 9.6/10

L’essiccatore di Severin consente di agire su grandi quantità di alimenti, grazie alla sua struttura a strati. Consuma poco e non produce rumori che possono infastidire durante la sua azione.

Acquista su Amazon.it (€50,99)

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Da uno a cinque dischi

L’aspetto più apprezzabile di questo essiccatore è rappresentato dalla presenza di ripiani circolari, che possono essere posizionati ad altezze e in quantità variabile, in base alle vostre esigenze e alla quantità di cibo da essiccare. Nel dettaglio i dischi, con un diametro di 31 centimetri, sono cinque e l’apparecchio può ospitarli tutti ma anche solo un paio. Inoltre potrete posizionarli ad altezze differenti, così da lasciare spazio sufficiente per i cibi con uno spessore meno sottile.

Il dispositivo di Severin è dunque versatile e personalizzabile, in modo da soddisfare chi ha l’esigenza di disidratare grandi quantità di frutta e verdura ma anche chi intende farne un utilizzo sporadico, per ridotte quantità di cibo. In base a dove collocherete i vari ripiani le temperatura sarà differente: dagli 85 gradi del primo, ai 70 gradi dell’ultimo. I dischi si rimuovono facilmente e possono essere lavati, utilizzando acqua e detersivo per i piatti, in modo da eliminare eventuali residui di cibo.

Consumi energetici

L’essiccatore vanta una potenza di 250 Watt, utilizzati per generare il calore necessario per avviare e completare il processo di essiccazione. Si tratta di una richiesta energetica tutto sommato in linea con quella di altri prodotti analoghi e da questo punto di vista i consumi sono accettabili. La questione fondamentale è che per eliminare l’acqua da frutta, carne o verdura un dispositivo di questo tipo ha bisogno di molte ore.

Quando lo accenderete, dunque, dovrete pazientare come minimo una decina di ore prima di ottenere l’effetto desiderato. E questo “monte ore” potrebbe essere anche superiore nel caso di cibi con uno spessore più elevato. I consumi vanno dunque spalmati per le ore di accensione. Alcuni utenti si sono presi la briga di fare una stima di quanto l’essiccatore di Severin impatti sulla bolletta della luce e, in media, ogni sessione d’uso costa più o meno 50 centesimi di euro.  

 

Poco fastidioso

Le succitate ore di funzionamento consecutive vanno tenute in considerazione anche nell’ottica della rumorosità, perché la ventola che si occupa di diffondere il calore all’interno dell’apparecchio non è totalmente insonorizzata. Per fortuna il livello di rumore generato è ampiamente al di sotto della soglia del fastidio perciò non dovrete preoccuparvi che il funzionamento dell’essiccatore rovini i rapporti di buon vicinato o vi impedisca di dormire di notte.

Un altro aspetto da considerare è dove posizionare il prodotto di Severin che, grazie alle dimensioni compatte e alla forma circolare, riesce a contenere gli ingombri. Sarà dunque facile trovargli un posto, magari vicino a una finestra nel caso decidiate di disidratare verdure dall’odore intenso, come per esempio i peperoncini piccanti. Qualche perplessità emerge nei pareri degli utenti in merito alla robustezza delle plastiche utilizzate per il suo assemblaggio, visto che alcuni lamentano rotture nei sostegni a cui agganciare i ripiani circolari.     

 

Acquista su Amazon.it (€50,99)

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.