Il miglior estrattore di succo a freddo Biochef

Ultimo aggiornamento: 17.10.18

Estrattore di succo a freddo Biochef - Consigli d

Se puntate a un estrattore di succo a freddo e siete grandi fan del marchio Biochef, allora BioChef Atlas Whole potrebbe soddisfare le vostre aspettative. Grande qualità costruttiva e un processo di estrazione lenta del succogli hanno fatto raccogliere pareri positivi da più parti. BioChef Atlas 150W lavora invece su dimensioni più ridotte, con un ingombro minimo in casa e una pulizia a fine operazione rapida e alla portata di tutti.

Tabella comparativa

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

Come scegliere i migliori estrattori di succo a freddo Biochef del 2018?

Gustare verdure e frutta in formato liquido è tra i motivi principali a spingere gli utenti verso un prodotto specifico come l’estrattore di succo. Sul mercato esistono modelli che si collegano alla presa di corrente e altri che lavorano manualmente, riducendo così costi in bolletta e preservando al meglio i nutrienti degli alimenti lavorati. Nella guida che segue abbiamo inserito suggerimenti che guardano all’efficienza e alla facilità di utilizzo, laddove invece il basso costo si pone come un’alternativa possibile.

 

Un primo punto su cui porre l’attenzione riguarda lo spazio e la collocazione da dare al prodotto. Se vivete in un ambiente ridotto è bene studiare con cura il posizionamento dell’estrattore, visto che di solito questi oggetti occupano un certo spazio. La scelta delle dimensioni poi è direttamente proporzionale all’uso e alle necessità del nucleo familiare o del singolo.

La presenza di un filtro a maglie più o meno strette rientra nell’ambito dei gusti e delle scelte personali. In linea di massima però troviamo la tipologia classica e quella in Ultem. La seconda si caratterizza per una maggiore durata nel tempo ma una capacità di filtraggio che in alcuni casi pregiudica il gusto finale del prodotto con un sapore meno gradevole.

Il dispositivo che si occupa di processare le verdure e la frutta, ottenendo come risultato finale un succo più o meno denso si chiama coclea. Esistono modelli con coclea singola o a doppio albero. Nel primo caso, la lavorazione avviene in verticale o orizzontale, con risultati più o meno adatti a verdure di piccole dimensioni o a foglia. La modalità a doppio albero copre tutte le varietà, con una ricaduta sul costo finale e i tempi di lavorazione, decisamente più lenti.

Chi desidera puntare su dispositivi a motore, dovrebbe non scendere mai sotto gli 80 giri al minuto, con un valore di 40 nel caso si abbia bisogno di una estrazione moderata. Il punto nodale su cui però prestare attenzione riguarda come e quanto il succo si mantenga a temperatura. Una macchina in grado di disperdere il calore al meglio conserva anche il succo nel migliore stato, senza alterare la composizione e la qualità del prodotto finale.

Quali sono i migliori estrattori di succo a freddo Biochef?

Prodotti raccomandati

BioChef Atlas Whole



 

Tra i prodotti di punta del marchio, l’estrattore si presenta resistente e pratico sin da un rapido sguardo. L’apertura collocata nella parte superiore è ampia, così da poter inserire senza difficoltà mele e verdure di una certa grandezza, migliorando ancora di più i tempi di lavorazione.

La lavorazione degli alimenti avviene nel rispetto delle proprietà nutritive tipiche di ogni cibo. Non si genera attrito e di conseguenza calore che potrebbe modificare sapore e ricchezza del prodotto finale. Grazie alla tecnologia EPT gli enzimi e i benefici ottenuti si mantengono intatti, per un succo nutriente e ben equilibrato.

Sul fronte della comodità, il marchio si è attivato facendo in modo che la pulizia del supporto sia automatica. All’utente spetta solo il compito di inserire dell’acqua così da mettere in funzione la modalità di lavaggio della tramoggia e del contenitore.

 

Acquista su Amazon.it (€349)

BioChef Atlas 150W



 

La modalità di funzionamento di tipo verticale, migliora e si adatta a piccoli frutti e  verdure a foglia. La semplicità del processo procede secondo un ritmo lento, che non genera calore e non impatta sulla composizione chimica dei nutrienti contenuti nel succo.

Lo smontaggio e l’unione delle parti risulta comoda e semplice. Una volta rimosse due le zone è sufficiente un passaggio sotto l’acqua, così da pulire senza difficoltà e rimettere in funzione il tutto.

Numerosi utenti hanno apprezzato il buon rapporto qualità/prezzo messo in campo da questo estrattore a freddo. Le dimensioni sono appositamente contenute, così da trovare posto in un angolo della cucina senza creare fastidio a chi lavora ai fornelli, con un filtro in Tritan che fa della resistenza nel tempo la sua carta vincente.

 

Acquista su Amazon.it (€249)

Biochef - Sinergy Slow



 

Un oggetto dalla dimensioni contenute, con un tramoggia allargata così da poter collocare frutta e verdura senza difficoltà e un tappo con cui evitare che il succo fuoriesca durante e dopo la spremitura.

Per ottimizzare e rendere l’estrazione efficace, il movimento si mantiene controllato, senza rischio di surriscaldamento e con un sistema di sicurezza che si attiva in caso contrario, bloccando il dispositivo per consentire un abbassamento della temperatura.

Con l’inserimento di acqua calda durante l’estrazione si ottiene un doppio effetto. Da un lato si procede alle operazioni di lavorazione della frutta mentre dall’altro si realizza la pulizia del dispositivo, in particolare della coclea.

 

Acquista su Amazon.it (€199)



Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.