Manicure gel: tutto quello che c’è da sapere

Ultimo aggiornamento: 04.07.20

Lo smalto gel è ormai la scelta prediletta di molte clienti ed estetiste: pratico e facile da mettere, dura a lungo ed è perfetto per qualsiasi stagione!

 

Che cos’è il gel semipermanente?

Il gel semipermanente si è rivelato spesso molto più utile di numerosi prodotti cosmetici per la cura delle mani, in particolare per le donne sempre prese dal lavoro e che non possono badare molto all’aspetto delle proprie mani.

Il successo è stato così clamoroso che non è difficile trovare un kit gel per unghie più venduto rispetto ai normali smalti, che spesso vengono evitati proprio perché, dopo un giorno, tendono a creparsi e rovinarsi con facilità.

Per eliminare il fastidioso problema di dover sempre iniziare di nuovo il lavoro, il semipermanente risparmia tempo e fatica, con una durata che può raggiungere anche le tre settimane, senza accennare a danneggiarsi.

Potete stenderlo in casa o recarvi da un’estetista, il cui trattamento medio varia dai 15 ai 25 euro, compresa però la pulizia delle unghie a fondo e l’uso di prodotti professionali. Se volete cimentarvi nel fai da te, dovrete procurarvi una lampada UV, un gel base e uno fissante, il semipermanente e il prodotto adatto a rimuoverlo la volta successiva, per ripetere l’operazione.

Avendo una consistenza quindi più densa a leggermente acquosa, si amalgama bene a qualsiasi superficie ed è progettato appositamente per adattarsi e fissarsi completamente all’unghia, quasi come una seconda patina dura.

Inoltre può essere applicato non solo alle unghie naturali, come molte pensano, ma anche alla ricostruzione di base, ravvivando quindi il colore e permettendo di farlo durare più a lungo possibile.

Ovviamente, prima di procedere alla stesura, bisogna dare importanza alla pulizia e a rendere lisce le unghie, eliminando le cuticole e le pellicine in eccesso; poi potete procedere ad aggiungere il gel base, che servirà da rinforzante e protettivo per la superficie.

A questo punto potete applicare l’altro tipo di gel, stando attente a non farlo colare: a ogni stesura dovete inserire la mano per qualche minuto all’interno della lampada UV, per permettere la polimerizzazione.

Differenze tra smalto gel e semipermanente

Sono molte, nel mondo della nail art, a chiedersi quali sono le differenze tra queste due tipologie, soprattutto per quanto riguarda gli effetti: è piuttosto comune pensare che sia lo smalto gel, sia il semipermanente portino le unghie a indebolirsi progressivamente fino a sfaldarsi del tutto o danneggiarsi in maniera irrecuperabile.

In realtà non è così; sono sempre gli eccessi che comportano problemi, ma entrambi i prodotti di per sé possono arrivare piuttosto a rinforzare la superficie dell’unghia, donandole l’originario splendore.

Da questo punto di vista, le due sono praticamente uguali, perché non causano effetti collaterali spiacevoli; anzi, a volte anche un comune smalto usato di continuo potrebbe contornare l’unghia di aloni e macchie scure.

Detto questo, il semipermanente è il nome che viene dato in riferimento a un prodotto fotoindurente, che può persistere, come già accennato, almeno per tre settimane, se non di più.

Se la manicure viene eseguita nel modo giusto e con una certa professionalità, infatti, si può facilmente arrivare anche alle quattro settimane, e il suo scopo è di donare nuova lucidità e bellezza alle unghie.

Il volume di queste ultime poi sarà solo leggermente più spesso rispetto al normale, e l’applicazione del semipermanente può essere effettuata anche se non si è esperte, visto che è molto simile allo smalto normale e ha un’asciugatura rapida.

Lo smalto gel, al contrario, ricrea una vera e propria base per l’unghia, che cresce al di sotto, lontana da impurità e sporcizia. E’ più resistente rispetto al semipermanente e il suo effetto è più bombato rispetto al primo, motivo per cui è da preferire quando si hanno unghie molto danneggiate e indebolite.

La sua rimozione risulta più complessa anche per questo; ci vuole una mano esperta per eliminare i residui fissi e ormai asciutti del gel. A livello di prezzo, poi, è sicuramente più conveniente il semipermanente: è possibile usarlo da casa e inoltre anche il trattamento estetico è meno lungo e invasivo, poiché la ricostruzione è appunto un sostitutivo dell’unghia stessa.

Lo smalto gel è quindi adatto a chi soffre di onicofagia, ovvero tende a mangiare le unghie danneggiandole e accorciandole di continuo; fare la ricostruzione impedirebbe il movimento, visto che ingerire pezzetti di gel potrebbe causare problemi alla salute.

 

Come proteggere la manicure gel più a lungo?

Avere le unghie perfette diventa difficoltoso in particolare durante la stagione estiva, perché se da un lato diventa il momento più gettonato per dare sfogo agli ultimi look del momento, dall’altro è causa di malessere per pelle, capelli e simili.

La combinazione letale di mare, sabbia e sole possono rovinare in un attimo anche la manicure più curata; per questo occorre premunirsi e dare vita a una serie di accorgimenti per le evenienze.

Il primo step è l’idratazione a fondo delle unghie e delle cuticole: se le mani risultano particolarmente secche, anche la base dello smalto nel risente, rischiando di creparsi con facilità.

Esistono in commercio diversi prodotti specifici per combattere l’irritazione, specialmente dal sole, ma se volete ricorrere a rimedi naturali è consigliato l’olio di cocco o di jojoba che sono ricchi di sostanze nutritive e rimpolpanti.

In alternativa, il miele e l’olio extravergine d’oliva si rivelano allo stesso modo ottimi alleati della pelle, per garantirle il giusto benessere. Anche la forma delle unghie può essere incisiva di una buona durata o meno; non sono indicate quelle squadrate, perché gli angoli potrebbero facilmente impigliarsi in qualche filo, con il risultato che il semipermanente potrebbe venir via.

La tipologia a mandorla o dalla punta leggermente arrotondata è adatta a prevenire qualsiasi problema di questo tipo, e favorire un colore sempre intatto e brillante. Ancora di più la bellezza delle unghie può essere incentivata dall’utilizzo di un top coat, ovvero una copertura trasparente, che non è solo rinforzante ma anche riflettente.

Il risultato è quello di donare alla base la massima protezione possibile.

Tra l’altro, siccome ha una consistenza liscia e compatta, sarà più facile risciacquare via dalle unghie i residui di prodotti solari o simili che potrebbero minare la normale brillantezza del colore e anche l’effetto estetico generale.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status