Manicure in pochi step: quello che piace alle donne!

Ultimo aggiornamento: 23.10.20

Ormai con l’avvento della quarantena sono sempre di più le ragazze che vivono il dramma di unghie spezzate, ricostruzioni e gel rovinati

 

Eliminare lo smalto vecchio e il semipermanente

Per avere una manicure perfetta e curata nei minimi dettagli, potete ricorrere a uno dei migliori kit gel per unghie che si possono facilmente reperire sul mercato a buon prezzo e senza troppi problemi.

Se però non ne avete la possibilità o comunque preferite un look più naturale, la prima cosa da fare è togliere i residui di smalto o di semipermanente. Nell’ultimo caso, non usate prodotti aggressivi come la trielina e solventi simili, se le vostre unghie sono abituate al trattamento estetico; non servirebbero a nulla, se non a irritare le pelle e stressare il tessuto.

Dovete prima accorciare le unghie con una forbice apposita, e poi utilizzare una lima in cartone per rimuovere delicatamente ogni traccia della copertura, evitando danni alla base sottostante.

Poiché il semipermanente, si sa, tende comunque a indebolire l’unghia, una volta eliminato del tutto il trattamento va accompagnato a una cura, con appositi impacchi fai da te. In particolare, è bene rinforzarla applicando una base indurente alle vitamine o nutrirla con impacchi al succo di limone o olio extravergine, molto utilizzati anche in altri cosmetici per i loro effetti benefici.

Nel caso in cui, invece, le vostre unghie siano del tutto naturali e vi sia solo lo smalto a coprirle, un buon solvente è adatto a togliere ogni traccia residua; è consigliato però usare una tipologia senza acetone, che è più delicata ma comunque efficace.

Ricordate comunque di sciacquare sempre bene le mani dopo averlo applicato, non solo perché è a base di alcol, ma anche perché potrebbe indebolire l’unghia quanto più tempo vi rimane sopra.

Come nel caso del semipermanente, per una maggiore sicurezza dopo aver tolto del tutto il prodotto, usate dell’olio di oliva per ammorbidire le cuticole e la pelle intorno e, aiutandovi con un pennellino, spalmatelo anche su tutte le lunghezze.

Come rimuovere le cuticole

Le cuticole sono una delle cose più fastidiose con cui avere a che fare quando ci si prende cura delle proprie unghie, perché sono pellicine talvolta dolorose, che non permettono una distensione perfetta dello smalto.

Per eliminarle non ci vuole molto, basta ammorbidire la pelle delle mani per qualche minuto in acqua e bagnoschiuma, poi procedere con il classico olio per cuticole. Se non ne avete uno, possiamo spiegarvi come farlo fai da te: è completamente naturale e non vi toglierà molto tempo.

Procuratevi circa 40 gocce di olio di oliva, 40 gocce di olio di mandorle e quattro gocce di olio essenziale al limone; se volete renderlo anche più forte e benefico per le unghie potete aggiungere 20 gocce di olio di ricino, ricco di vitamina E.

A questo punto potete passare al procedimento vero e proprio: mescolate prima l’olio di oliva con l’olio di mandorle e poi aggiungete le altre due tipologie. Una volta terminato, travasatelo con un contagocce all’interno di una boccetta di vetro, da conservare possibilmente in luogo fresco e asciutto.

Questi ingredienti non sono scelti a caso: l’olio di oliva ha proprietà lenitive e idratanti, ottimo per rigenerare la pelle stressata e danneggiata, quello di mandorle ha alti poteri anti infiammatori, rallenta i processi di invecchiamento e aiuta la cicatrizzazione delle ferite.

Quello di ricino invece, oltre a contenere la vitamina E che è molto idratante, ha una consistenza simile alla cheratina, principale costituente delle unghie. Ritornando al discorso cuticole, dopo aver creato o applicato direttamente l’olio potete aiutarvi con un bastoncino in legno e spingerle delicatamente verso l’esterno.

A quel punto potete tagliarle oppure, se sono particolarmente difficili da gestire, bloccarne la riscrescita. Attenzione a non tirarle o cercare di strapparle senza che siano opportunamente ammorbidite: in quel caso potrebbe uscire sangue dalla ferita e, oltre a stressare l’unghia, la pelle intorno potrebbe facilmente infiammarsi.

 

Limare le unghie e applicare la base

Importante, nel lavoro compiuto sulle vostre unghie, è anche il modo di trattarle e curarle perché da quel primo gesto cresceranno sane, forti e soprattutto dritte, per avere il massimo effetto estetico.

In base alla loro lunghezza potete decidere se tagliarle oppure limarle per essere comunque più comode: per quelle più lunghe vi servirà una forbicina o un tagliaunghie. Consigliamo il secondo trattamento, che permette di fare un taglio netto e non rovinare così l’immagine dell’unghia.

Inoltre, e in particolare per questo motivo, è fondamentale lasciare gli angoli intatti perché, nel caso in cui vengano tagliati male, si può andare incontro a infezioni e problemi molto fastidiosi.

Se comunque non siete sicure della vostra mano, per paura o per mancanza di abitudine, tagliatele al margine e arrotondate poi l’unghia con l’aiuto di una limetta, in modo da definire la forma come più vi garba.

Con le unghie corte è più facile gestire la situazione, perché vi basterà in questo caso solo usare la lima, meglio se in cartone: ricordate di non abusarne però, perché tende a indebolire il tessuto e compiere movimenti avanti e indietro potrebbe consumarla.

Dopo queste operazioni, potete procedere a stendere la base trasparente, che avrà la funzione di evitare l’ingiallimento, la desquamazione e far durare più a lungo possibile anche lo smalto.

Se soffrite di onicofagia, ovvero tendere a mangiare continuamente le unghie, è consigliato un tipo di base rinforzante e con il sapore a peperoncino, che può aiutarvi a desistere dall’intento una volta a contatto con la lingua.

In commercio vi sono basi di tutti i tipi, alcune molto simili al bianco; se avete unghie particolarmente fragili è consigliata quella indurente, che può in poco tempo risolvere la spiacevole sensazione.

Una volta terminato con questo step, non vi resta che applicare lo smalto: prima di tutto scaricate dal pennellino il colore in eccesso, per poi iniziare con una prima passata al centro e poi le due successive ai lati.

Non arrivate fino all’attaccatura, perché così lo smalto colerà sui bordi, ma lasciate sempre un margine libero; vi occorrerà inoltre mano ferma per evitare striature.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status