5 cose da sapere prima di acquistare una maschera per capelli

Ultimo aggiornamento: 01.06.20

Le maschere per capelli sono prodotti rivolti a consumatori che vogliono rendere la propria chioma sana e priva di doppie punte. Prima di acquistarle, seguite i nostri consigli.

 

Il sogno di ogni donna, ma anche quello di molti uomini, è quello di avere i capelli sempre perfetti, anche durante una tempesta. Purtroppo questo non è sempre possibile, poiché tendiamo a sottoporre le nostre teste a numerosi stress, come il fon e la piastra, oppure le tinte chimiche e le decolorazioni.

Per questo motivo sono state create delle creme ricche di principi attivi, capaci di ripristinare la loro naturale bellezza e luminosità. Ma come fare a scegliere la migliore maschera per capelli più adatta alle nostre esigenze? E quando è necessario applicarla? 

Qui di seguito, troverete alcune delle informazioni più importanti da dover conoscere prima di acquistare questa tipologia di prodotti.

 

A cosa serve?


I capelli hanno una forma cilindrica e sono composti principalmente da cheratina, una proteina che ritroviamo anche nelle unghie e nelle ciglia, da una percentuale di acqua, da melanina, la quale ne determina il colore e, infine, da lipidi. 

Questi ultimi sono molto importanti, poiché servono a mantenerli sani e forti e, se dovessero venire a mancare a causa degli agenti atmosferici, dell’inquinamento o dei lavaggi troppo aggressivi, la struttura dei capelli potrebbe modificarsi e subire un deterioramento, diventando così più porosa e maggiormente soggetta alla formazione delle doppie punte. 

Ed è qui che, oltre agli shampoo e ai balsami appropriati, entrano in gioco le maschere che, se applicate nel modo corretto, possono apportare numerosi benefici, e ripristinare lo strato lipidico.

 

Quando e come usarla?


Una maschera andrebbe effettuata almeno due volte al mese, tuttavia, se i vostri capelli sono eccessivamente disidratati e spenti a causa di una recente decolorazione, oppure di una continua esposizione all’umidità, è possibile applicarla anche una volta a settimana. 

A seconda della tipologia che sceglierete dovrete rispettare un tempo minimo di posa che, di norma, va dai 15 minuti a un massimo di un’ora, nonostante ciò, nessuno vi vieta di tenerla per più tempo, anzi, in alcuni casi è possibile indossare delle cuffie protettive con cui poter dormire. 

Si può utilizzarla dopo lo shampoo? In realtà questo tipo di prodotti è formulato per essere applicato prima del lavaggio a capelli asciutti. Spesso ci si tende a confondere con il balsamo, che però non ha le stesse proprietà: serve semplicemente a districare i nodi sotto la doccia e renderli più pettinabili, dunque, non apporta dei veri e propri benefici alla struttura, né può ripristinarne il film idrolipidico. 

Quindi, l’utilizzo del balsamo non sostituisce assolutamente una maschera, anche se l’aspetto può essere molto simile.

Quale tipo scegliere?


Le maschere non sono tutte uguali ma potremmo provare a dividerle in base alla consistenza: le più leggere e blande sono chiamate conditioner e sono spesso confuse con i normali balsami. 

Presentano una texture più liquida rispetto a quelle comuni e hanno un tempo di posa più breve, che può arrivare fino a un massimo di cinque minuti, possono essere utilizzate più frequentemente, e si rivelano essere le più apprezzate da chi non ha mai tempo per prendersi cura della propria chioma. 

Le maschere normali invece, sono per lo più vendute in barattolo e hanno una consistenza più cremosa: vanno applicate sui capelli asciutti e devono essere tenute a riposo per un tempo più variabile, che potrebbe andare dai dieci ai 30 minuti. 

Di solito queste sono le più nutrienti e hanno un maggior numero di principi attivi all’interno, che andranno scelti sempre in base alle vostre esigenze. Un’altra tipologia, forse la più nuova, è composta da set di diversi flaconi, che di norma prevedono prodotti a base oleosa o cremosa. 

Un esempio potrebbe essere il famoso trattamento Olaplex, nato in America e da poco diffuso anche all’interno dei migliori saloni italiani, si tratta di una maschera divisa in più fasi, di cui le prime due non possono essere acquistate privatamente, ma è possibile usufruirne solo dal parrucchiere, principalmente in accoppiata a una decolorazione. 

Il principio attivo di questo prodotto è un particolare aminoacido, che agisce ricostruendo la struttura dei capelli sottoposti ad agenti chimici molto aggressivi, come l’ammoniaca. Le altre fasi sono acquistabili online, e possono essere adoperate tranquillamente a casa come cura di mantenimento, una volta a settimana. 

Infine, esistono quelle da tenere in posa tutta la notte, come per esempio le hair sleeping mask vendute da Sephora, tra le quali potrete scegliere una versione alla rosa con proprietà antistatiche, una al cocco, profumata e nutriente, oppure una anti rottura al burro di karitè.

 

Tipologie di capelli


Una maschera non andrebbe scelta solo in base al prezzo e alla consistenza, bensì è fondamentale acquistarne una che sia adatta alla propria tipologia di capelli e di cuoio capelluto. 

Chi ha la cute più sensibile e tendente alla forfora, dovrebbe eventualmente optare per una dalla formulazione più leggera, tuttavia, spesso accade che a differenza dello scalpo, le lunghezze siano eccessivamente secche e necessitano di qualcosa di più corposo. 

In questo caso, le soluzioni potrebbero essere due: applicarne una più delicata sulle radici, e un’altra più nutriente sul resto, oppure lasciare il cuoio capelluto asciutto e, al massimo, effettuare un massaggio con un olio anti prurito e antinfiammatorio solo in quella zona. 

Chi ha i capelli ricci invece, dovrebbe orientare la propria scelta verso qualcosa che possa definire e idratare i boccoli, spesso soggetti a perdita di elasticità. Infine, se li avete colorati chimicamente, è preferibile optare per una maschera ravvivante.

Ingredienti


Per far sì che una maschera possa essere definita valida, deve essere ricca di principi attivi e avere pochi siliconi e tensioattivi. Sarebbe opportuno imparare a leggere le etichette presenti sui flaconi, per evitare di essere attirate da una dicitura che potrebbe non risultare veritiera. 

Per esempio, nella lista degli ingredienti, dovrebbero spiccare ai primi posti gli olio vegetali, come quello di macadamia, di jojoba o di Argan; inoltre, se i vostri capelli sono eccessivamente secchi, dovreste evitare quelli a base di alcol, che tendono a disidratare ulteriormente i fusti. 

Infine, per quanto riguarda i siliconi, una dose troppo elevata potrebbe appesantire le chiome e farle sporcare più velocemente.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status