fbpx

Il miglior portafiori

Ultimo aggiornamento: 19.07.19

 

Portafiori – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Prendersi cura di fiori e piante vuol dire anche procurare loro spazi dove poter vivere bene e fiorire nel massimo splendore. A tal proposito è consigliabile acquistare dei buoni portafiori, che possano ospitare al meglio i vostri vegetali. Valutate bene i parametri di scelta, che non sempre vengono determinati dalla migliore marca o dal miglior prezzo. In questa guida potrete comparare le recensioni di diverse fioriere che abbiamo selezionato fra le tante presenti in commercio. Scegliete i portafiori più adatti alle vostre necessità e allo stile della vostra casa, valutate che i prodotti siano idonei all’uso interno o esterno e tenete conto degli spazi disponibili. Di seguito troverete un’accurata selezione di modelli ma se non avete tempo di leggere tutto, accettate alcuni nostri suggerimenti. Se amate gli scenari naturali, E-line Tronco potrebbe fare al caso vostro. Si tratta di una fioriera ricavata interamente dal tronco di un albero, per dare un tocco campestre alla vostra casa. Proseguiamo con HABAU 691 Cassetta, un portafiori composto da due cassette in legno che poggiano su due ruote di carro, capaci di rievocare un suggestivo angolo di campagna.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte
â

 

 

Come scegliere il miglior portafiori

 

Se amate i fiori e le piante e vi piace abbellire casa popolandola con tanti amici vegetali, vi sarà utile sapere come fare a esporli in maniera ottimale, senza che questi patiscano. Di seguito troverete una pratica guida con una classifica contenente le recensioni di alcuni portafiori presenti sul mercato. Valutate insieme a noi qual è il modello più adatto a soddisfare le vostre necessità.

Guida all’acquisto

 

Tipo di portafiori

Per scegliere un buon portafiori non è sufficiente valutare la migliore marca del modello o confrontare i prezzi più convenienti. In realtà bisogna tenere in considerazione alcuni elementi che possono rivelarsi determinanti nella scelta di un valido prodotto. Innanzitutto è necessario capire di che tipo di fioriera avete bisogno, se per uso interno, esterno o per entrambe le situazioni. Questo fattore dipende dalla varietà di fiori e di piante che andrete ad esporre e dallo spazio che avete a disposizione a casa.

La differenza sostanziale che passa tra un portafiori per interno e uno per esterno, non è necessariamente identificabile nella forma del modello ma nella tipologia dei materiali utilizzati e nel loro trattamento chimico. In effetti una fioriera da posizionare in giardino o sul balcone, dovrà resistere agli agenti atmosferici e non solo, spesso anche ai parassiti, se questa è realizzata in legno.

I modelli di portafiori presenti in commercio sono un’infinità e la scelta, solitamente, è effettuata a seconda del proprio gusto. Assicuratevi che il vaso o l’espositore floreale che acquisterete sia idoneo a soddisfare le esigenze della pianta, perché sarà l’habitat del vegetale e non solo un pezzo da ornamento casalingo.

 

Stile e design

È consigliabile che il design di un portafiori sia in linea con lo stile della vostra casa o del vostro giardino, per dare un senso di armonia all’ambiente. La gamma di modelli presente in commercio è immensa e spesso, più il design è raffinato e più il prodotto sale di prezzo. Non si tratta di una condizione sempre valida, in quanto è possibile trovare dei portafiori molto eleganti a prezzi davvero bassi e accessibili.

Gli stili sono innumerevoli e possono andare dal rustico campagnolo all’esotico, dal retrò all’ultramoderno. Tutto dipende dalla propria concezione stilistica e dal tipo di arredamento interno o esterno della casa. Un portafiori che sia in grado di richiamare un ambito rurale, sarà quasi certamente in legno, mentre una fioriera ispirata allo stile liberty potrà contenere degli elementi lavorati in ferro battuto.

Questione di spazi

Ovviamente un fattore fondamentale nella scelta di un portafiori consiste nello spazio che si ha a disposizione. Esistono delle fioriere studiate appositamente per ingombrare poco e contenere più vasi possibili. Queste generalmente sono sviluppate in altezza e sono dotate di vari ripiani regolabili. Un’altra soluzione sono i portafiori pensili, che possono essere appesi a travi, gazebi o chiodi, in modo da non ingombrare per terra.

Poi ci sono i vasi pensili da balcone, che grazie a degli speciali supporti possono essere agganciati saldamente a parapetti e ringhiere. Le soluzioni salvaspazio sono tante e diverse e il mercato offre delle opzioni per soddisfare ogni tipo di esigenza, in modo che tutti possano godere dei propri angoli verdi in ambito casalingo.

 

I migliori portafiori del 2019

 

Date un’occhiata alla nostra top list e scoprite quali sono i migliori portafiori del 2019. Troverete una pratica guida, ricca di consigli d’acquisto che vi aiuteranno a valutare le varie offerte presenti attualmente in commercio.

 

Prodotti raccomandati

 

E-line Tronco

 

Principale vantaggio:

Il vaso si presenta in un design prettamente naturale, in quanto è stato ricavato dall’intaglio di un tronco d’albero. All’interno del vano in legno, è possibile piantare fiori e piantine di ogni tipo, per donare un tocco campestre al vostro ambiente.

 

Principale svantaggio:

Sebbene il vaso possa sembrare solido e robusto, se esposto all’esterno questo risulta scarsamente resistente agli elementi atmosferici e ai parassiti, che a lungo andare potrebbero deteriorarlo.

 

Verdetto: 9.8/10

Si tratta di un portafiori ecologico e naturale, che è in grado di ricreare un piccolo spazio verde all’interno o all’esterno della vostra casa a un prezzo accessibile e conveniente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Fascino naturale

Se siete veri pollici verdi e amate ornare la casa o il giardino con piantine e altri vegetali, in maniera da ricreare un’atmosfera quanto più naturale possibile, il portafiori E-line Tronco potrebbe fare al caso vostro. Si tratta di un vaso grezzo dal design rustico e dal fascino bucolico. In pratica il contenitore è stato ricavato interamente scavando in un tronco d’albero. La particolarità del modello consiste nel fatto che, dopo aver sistemato piante e fiori all’interno dell’apposito vano in legno, l’effetto scenico che otterrete sarà del tutto naturale e non artificiale.

La fioriera è molto versatile e può essere posizionata in diversi punti di un’abitazione, come per esempio: in cortile, in veranda, in giardino o sul balcone. Ideale per chi ha degli ampi spazi da abbellire o per chi ha una casa in campagna. Questo vaso è un evidente richiamo alla natura all’interno del proprio habitat, attraverso gli elementi che essa stessa ci offre. Grazie a E-line, potrete ricreare un pezzetto di area verde esponendo le piante e i fiori che preferite.

Materiale ecosostenibile

Rispetto ad altri portafiori in plastica, ferro, resina e altri materiali, il punto di forza di questo modello è rappresentato dal legno stesso di cui è composto. Si tratta infatti di una fioriera da giardino al 100% naturale, in quanto la materia prima utilizzata è il tronco di un albero e perciò, qualora decideste di buttarlo via, l’impatto ambientale del rifiuto sarà pari a zero.

L’unico svantaggio di questa tipologia di vaso è la resistenza agli agenti esterni. Trattandosi di una fioriera grezza, la sua longevità è strettamente vincolata al suo posizionamento. Se decidete di esporre il tronco all’interno di un locale, questo rimarrà ben protetto, al contrario se optate per un’ubicazione all’aperto, il portafiori sarà soggetto ai danni causati da elementi atmosferici, intemperie, animali e parassiti.

Gli acari, i tarli e l’umidità possono danneggiare seriamente il legno, indebolendolo, facendolo marcire o causando rotture irreparabili. L’unico modo per prevenire tali rischi consiste nel prevenirli attraverso l’utilizzo periodico di vernici protettive e polveri antiparassitarie.

 

Dimensioni non ingombranti

Le dimensioni del vaso non sono molto ingombranti, in quanto il tronco misura cm 50 di lunghezza per cm 15 di profondità. La capienza utile interna del vano è di cm 40 per cm 10 circa; trattandosi di tronchi naturali e diversi, le misure possono variare leggermente a seconda del pezzo.

Si tratta di un contenitore ideale per piantare fiori, piantine grasse o piccole piante che non tendono a crescere troppo. L’interno del tronco può essere riempito interamente di terriccio, per effettuare una coltivazione diretta oppure potete installare piccoli vasetti all’interno della parte cava, qualora non desideriate intaccare direttamente il legno con la terra.

Il peso del vaso vuoto non è eccessivo e vi consente di spostare il tronco con facilità. Date le dimensioni ridotte, potrete posizionare il portafiori sul balcone o sotto la veranda, preferibilmente in zone non troppo esposte al vento e alle intemperie.

Il prezzo di vendita del modello è contenuto e accessibile, così potrete acquistarne più di uno qualora desideraste abbellire più spazi della vostra casa.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

HABAU 691 Cassetta

 

Se siete alla ricerca di qualche vaso particolare ma non sapete ancora quale portafiori comprare, HABAU 691 Cassetta potrebbe attirare la vostra attenzione. Si tratta di una cassetta in legno portafiori, o per meglio dire di una struttura montata su due ruote da carro che sostiene ben due fioriere rettangolari. L’effetto visivo è sorprendente, in quanto il prodotto ricrea un vero e proprio angolo di scenario rurale, simulando un piccolo carretto, che abbellirà l’entrata, il giardino o il terrazzo di casa vostra.  

I due contenitori possono ospitare fiori e piante di ogni genere, a seconda dei vostri gusti personali. La fioriera è realizzata in legno di pino massiccio, anche se molti utenti consigliano di dare periodicamente una mano di impregnante protettivo, qualora decideste di posizionarla all’esterno. Ciò eviterà di far marcire il legno a causa dell’esposizione alle intemperie e ad altri elementi atmosferici. Ogni cassetta  può essere rivestita con una pellicola interna, per proteggere ulteriormente il legno dall’umidità. Il portafiori arriva a casa non assemblato, anche sei il montaggio risulta semplice e veloce da effettuare.

Pro
Scenario campestre:

La fioriera è realizzata in legno ed è composta da due vasi rettangolari che poggiano su due ruote di carretto. Nel complesso il risultato visivo è soddisfacente e rievoca un piccolo scenario campagnolo.

Facile da montare:

Il portafiori arriva a casa smontato ma nonostante ciò l’assemblaggio non è per niente difficile da effettuare.

Rapporto qualità/prezzo:

Il legno di cui è composta l’intera struttura è di pino massiccio di buona manifattura. Il rapporto qualità/prezzo è soddisfacente e il costo del prodotto è basso e conveniente.

Contro
Vernice:

La vernice di base del modello non è sufficiente a garantire un’adeguata protezione alla fioriera, specialmente se questa viene esposta all’esterno. Pertanto è consigliabile passare periodicamente una mano di impregnante al legno.

Acquista su Amazon.it (€29,95)

 

 

 

SONGMICS GFS103B

 

Se non sapete come scegliere un buon portafiori, che sia solido e in grado di contenere più vasi, date un’occhiata al modello in ferro SONGMICS GFS103B. Si tratta di una delle fioriere più vendute in rete, molto apprezzata per l’elegante design e pertanto non potevamo non inserirla nella nostra classifica.

L’impalcatura sorregge quattro ripiani rimovibili che possono ospitare diversi vasi a seconda delle vostre esigenze. Il tutto poggia fermamente su quattro piedi regolabili che garantiscono una buona stabilità. La struttura del portafiori è lavorata a mano in modo altamente accurato e preciso, al punto che le saldature risultano lisce e omogenee. Il ferro è verniciato a polvere con doppio strato, inoltre è trattato contro la ruggine per durare più a lungo.

Il modello è facile da assemblare e può essere smontato quando non viene utilizzato, in modo da non ingombrare spazio. Lo stile della fioriera è un po’ retrò e dona un tocco classico all’ambiente. Ideale da esporre sia all’interno e sia all’esterno della vostra casa. Il rapporto qualità/prezzo è buono, anche se il costo del prodotto non è propriamente economico.

Pro
Versatile:

Il portafiori è dotato di quattro ripiani rimovibili, così potrete posizionarvi sopra sia vasi piccoli e sia vasi con piante più alte.

Trattamento antiruggine:

La struttura di ferro è verniciata a polvere ed è tratta con un prodotto antiruggine, in modo da durare più a lungo anche se esposta all’esterno.

Assemblaggio pratico:

Il portafiori è semplice e veloce da assemblare e non richiede l’ausilio di una seconda persona. Inoltre è possibile smontarlo altrettanto rapidamente e conservarlo in un ripostiglio, qualora non doveste più utilizzarlo.

Contro
Prezzo:

Il rapporto qualità/prezzo è buono, anche se il costo è un po’ alto e potrebbe risultare non accessibile a tutte le tasche.

Acquista su Amazon.it (€48,99)

 

 

 

Emooqi Macrame Plant Hanger

 

Siete ancora alla ricerca del miglior portafiori per le vostre piante? Allora perché non scegliere un sistema innovativo per esporre i vostri amici vegetali come il kit Macrame Plant Hanger prodotto da Emooqi? Il set include quattro modelli di portavasi in corda, ognuno con una trama differente. Questi possono essere appesi tramite un gancio a qualsiasi supporto, come chiodi, travi, gazebi, alberi.

Le corde si adattano a diversi formati di vaso e donano un look raffinato e moderno alla casa, al terrazzo o al giardino.

Il materiale utilizzato è cotone  naturale di alta qualità, resistente alla corrosione, sicuro e annodato a mano. I ganci in dotazione sono in acciaio inossidabile e garantiscono una presa salda. L’unica pecca è la mancanza di scelta di colori, in quanto il set è monocromatico. Il prezzo di mercato del prodotto è basso e competitivo e un solo set vi consente di esporre ben quattro fioriere.

Pro
Elegante:

Il set include quattro portafiori in corda che possono sostenere ben quattro vasi. Ogni pezzo ha un intreccio raffinato ed elegante che dona un tocco di modernità all’ambiente.

Materiali di alta qualità:

Le corde sono di cotone di alta qualità, resistenti alla corrosione e i ganci sono in acciaio inox, per offrire un appiglio saldo e sicuro.

Universale:

Ogni corda è versatile e può essere adattata a vasi di diverse dimensioni, ovviamente compatibili con la massima estensione e la massima portata del prodotto.

Contro
Colore:

Purtroppo l’azienda non mette a disposizione una gamma di tonalità da scegliere, infatti il modello è venduto in monocolore.

Acquista su Amazon.it (€11,98)

 

 

 

Bama 30217 Rondine

 

Valutando i portafiori da esterno venduti online, ci siamo imbattuti nel modello Bama 30217 Rondine. Si tratta di un vaso da balcone molto versatile, che può essere adattato a ringhiere e parapetti di diverso spessore. Ciò è possibile grazie a due speciali braccia regolabili che si allungano e si accorciano a seconda della profondità della base di aggancio.

É presente anche un piccolo distanziale mobile nella parte bassa del contenitore, che consente di controbilanciare il vaso, facendolo rimanere in posizione orizzontale. Alcuni utenti hanno evidenziato il fatto che bisogna usare una certa accortezza quando si registrano le braccia prensili, in quanto potrebbero danneggiarsi se strattonate con troppa forza.

La fioriera è resistente al sole e agli sbalzi termici, inoltre è dotata di una griglia interna che crea uno spazio per contenere una piccola riserva d’acqua sotto il terriccio, in modo da mantenere un buon livello di umidità delle radici. Confrontando il prezzo di questo vaso con quello di altri portafiori presenti sul mercato, salta subito all’occhio la convenienza del prodotto, che risulta economico e di buona qualità.

Pro
Adattabile:

Il vaso può essere adattato a qualsiasi tipo di ringhiera o staccionata, grazie alla presenza di due braccia regolabili in cinque posizioni.

Riserva d’acqua:

All’interno del portafiori è presente una griglia che separa il terriccio dall’acqua, in maniera da mantenere un buon livello di umidità per la pianta.

Qualità/prezzo:

La fioriera ha un buon rapporto qualità/prezzo e il costo risulta basso e vantaggioso.

Contro
Braccia delicate:

Alcuni utenti consigliano di usare una certa delicatezza nella registrazione della lunghezza delle braccia prensili, in quanto i supporti potrebbero cedere se maneggiati in maniera troppo veemente.

Acquista su Amazon.it (€9,78)

 

 

 

Come utilizzare un portafiori

 

Avere degli spazi verdi in casa, sul balcone o nel proprio cortile non è soltanto roba da pollici verdi ma serve a dare un tocco naturale e armonico all’ambiente. Non è necessario essere dei giardinieri professionisti per prendersi cura di fiori e piante ma è sufficiente avere un po’ di manualità e di fantasia. Vediamo alcuni esempi di come allestire delle piccole zone verdi attraverso l’utilizzo di semplici portafiori.

 

 

Stile campagnolo

Come abbiamo visto il mercato offre una vasta scelta di portafiori che vanno selezionati a seconda del tipo di piante e di fiori che desiderate esporre.

Ovviamente dovete tenere in considerazione anche gli spazi che avete a disposizione e valutare se necessitate di vasi da interno o da esterno. Spesso, quando si ha un giardino, viene data molta importanza alla progettazione del verde ma quando si passa ad arredarlo con vasi e fioriere, è facile imbattersi in elementi completamente disomogenei con il contesto. Lo stesso discorso vale per l’interno di una casa e per ovviare a ciò basta armarsi di poche semplici regole di buon gusto.

Se la vostra abitazione è rustica o è sita in un contesto rurale, allora delle fioriere in legno o in pietra saranno perfette per essere in sintonia con il resto della casa. I modelli sono davvero tanti e c’è solo l’imbarazzo della scelta. Potreste acquistare dei vasi intagliati nei tronchi d’albero oppure optare per dei contenitori in pietra. Un altro consiglio è quello di sfruttare delle anfore in terracotta o dei vecchi secchi in metallo. Le possibilità sono infinite e vi basterà usare un po’ di fantasia e di estro artistico.

 

Stile retrò

Un altro stile molto apprezzato è quello vintage o retrò, che può contare sull’utilizzo di tantissimi elementi e anche qui potrete dare sfogo alla vostra immaginazione e arredare a seconda del vostro gusto. Se desiderate donare un tocco “liberty” all’ambiente, optate per delle fioriere in ferro battuto. In commercio esistono degli appositi supporti in ferro lavorato che possono ospitare uno o più vasi.

Il vantaggio di queste strutture, specialmente in quelle ad ampia portata, consiste nel fatto che se avete problemi di spazio, potrete posizionare più fioriere su un solo supporto. I portafiori vintage non sono esclusivamente realizzati in metallo, infatti è possibile imbattersi in modelli di legno caratterizzati da un design agé. Non è necessario che l’arredamento della casa sia in stile retrò ma è necessario saper combinare tutti gli elementi per ricavarne uno stile personalizzato.

 

 

Spazi limitati

L’allestimento con portafiori non è un concetto limitato solo a chi ha una casa grande o enormi aree da abbellire ma si estende anche a chi di spazio ne ha poco e non vuole rinunciare al suo angolo di verde. Il mercato suggerisce molteplici soluzioni salvaspazio a chi non ha la possibilità di piazzare un vaso in casa o sul balcone. Esistono i portafiori pensili, realizzati con appositi supporti che possono essere agganciati a un chiodo o a una sbarra.

Il loro punto di forza consiste nel fatto che oltre a non ingombrare sono in grado di offrire un belvedere ad altezza d’uomo. In alternativa ci sono i vasi da ringhiera, dotati di appositi ganci che consentono di installare saldamente una fioriera su un parapetto di un balconcino.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come costruire un portafiori in legno

La costruzione di una fioriera in legno può sembrare un’impresa difficile e realizzabile soltanto da mani esperte come quelle di un abile artigiano. In realtà è possibile creare un portafiori fai-da-te in modo semplice e divertente. Se disponete di un vecchio tronco d’albero, potrete svuotarlo con martello e scalpello, ricavando un vano per contenere il terriccio. Una volta ottenuto il vaso, effettuate dei fori nella parte cava con l’aiuto di un trapano.

Ciò agevolerà il drenaggio della terra quando la innaffierete. Se desiderate proteggere ulteriormente il legno, applicate una mano di vernice impregnante sul tronco e rivestite l’interno del vaso con uno strato di nylon o di plastica, in maniera da evitare il contatto diretto tra terriccio e legno. Ricordatevi di forare anche la plastica per il drenaggio dei liquidi. Questo tipo di fioriera è ideale per piantare fiori misti o piantine grasse. Questo è uno dei tanti metodi per costruire un portafiori naturale, riciclando un vecchio tronco d’albero abbattuto e ridandogli nuova vita.

 

Come costruire una carriola portafiori

Se siete amanti del bricolage potrete rimboccarvi le maniche e restaurare una vecchia carriola inutilizzabile e trasformarla in una fioriera per il vostro giardino. Se però non disponete di un rottame del genere, potreste acquistarne una o addirittura realizzarla con le vostre mani. In questo caso dovrete procurarvi cinque tavole di legno e costruire una cassetta che fungerà da vaso per la pianta.

Diversamente potrete procurarvi una cassetta di legno già assemblata, come ad esempio quella per la frutta. Successivamente dovrete costruire dei longheroni in legno e due piedi che costituiranno l’intelaiatura d’appoggio della carriola.

La ruota anteriore potrete crearla sagomando un disco di legno o innestando una ruota vera recuperata da qualche rottame di passeggino o bicicletta per bambini. L’operazione richiede un po’ di manualità, chiodi, viti (consigliate), carta vetrata e vernice impregnante. In rete è possibile trovare diversi tutorial sull’argomento, che vi aiuteranno a costruire la vostra carriola/portafiori.

 

Come abbellire un portafiori

Di modi per migliorare e abbellire i vasi ne esistono davvero tanti e differenti, basta usare un po’ di fantasia. Per esempio potete rivestire dei semplici vasi in terracotta con della carta adesiva colorata, reperibile presso una ferramenta o un negozio specializzato per casalinghi e bricolage.

Diversamente potrete utilizzare dei sacchi di iuta, come quelli di patate, se il vaso è molto grosso. In più per ravvivare l’aspetto del sacco potrete decorarlo con della pittura applicata attraverso l’utilizzo di stencil.

 

Come realizzare una bici portafiori

L’arte del riciclo fa miracoli e un altro esempio lo potete ottenere trasformando una vecchia bicicletta in un bel portafiori per il vostro giardino. Per ottenere ciò potrete lasciare il rottame del velocipede allo stato grezzo, in base alle sue condizioni di conservazione oppure riverniciarlo secondo il vostro gusto.

Se la bici è provvista di cestino e di portapacchi, potrete aggiungere dei vasi con i fiori e le piante che preferite. Insomma, la vostra fantasia potrà sbizzarrirsi e dare vita a una vera e propria opera d’arte floreale che arricchirà il cortile o il giardino di casa vostra.

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status