La migliore penna 3D

Ultimo aggiornamento: 19.12.18

 

Penne 3D – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Cerchi una buona penna 3D? Confronta queste due, consigliatissime: QPAU AB002 ha lo schermo LCD per visualizzare il materiale scelto e la temperatura. Funziona con ABS e PLA da 1,75 mm, è ergonomica, maneggevole, antiscivolo e può essere acquistata a un ottimo prezzo. Molto gradita è stata anche la Blusmart 3D Pen con schermo, possibilità di regolare temperatura e anche velocità di emissione del materiale. Entrambi i modelli possono essere usati da grandi e piccini.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

Come scegliere la migliore penna 3D

 

Ideale per un nuovo hobby o per fare un regalo originale e innovativo a un bambino, la penna 3D è un piacevole accessorio per chi ama la creatività. Ma quale scegliere tra le tante presenti sul mercato? Leggi la classifica con la recensione dei modelli più apprezzati quest’anno, potresti individuare subito quella che fa per te senza ulteriori ricerche. Ma prima dai un’occhiata alla nostra guida per saperne di più su questo oggetto.

Guida all’acquisto

 

Cos’è e come funziona

All’apparenza si presenta come una penna più grossa di quelle normali e ha generalmente un cavo di alimentazione che la accompagna. I risultati che permette di ottenere sono incredibili: è davvero una piccola stampante tridimensionale che costa qualche decina di euro.

Il funzionamento è simile a quello di una pistola per colla a caldo in cui bisogna inserire lo stick solido che poi viene fuso. Qui occorre introdurre invece un filamento di materiale che può essere ABS o PLA.

Si tratta in entrambi i casi di plastiche facilmente reperibili a un prezzo molto contenuto sotto forma di rocchetti con diametro di 1,75 mm e più raramente di 3 mm.

Il PLA è una bioplastica, quando fonde produce un odore dolciastro, a differenza dell’ABS che emette invece un odore di plastica bruciata e va usato in un ambiente ventilato. L’ABS fonde a una temperatura superiore e non tutte le penne sono compatibili. È inoltre più flessibile del PLA e meno fragile.

Il mercato dei filamenti comunque è molto attivo e non mancano interessanti novità già utilizzate per le stampanti tridimensionali che presto potrebbero essere compatibili anche con le penne 3D.

Tutto quello che bisogna fare è collegare la penna a una presa di corrente, attendere che venga raggiunta la temperatura di fusione – circa 1 minuto – premere il tasto per inserire il filamento e quello per scegliere il materiale. Et voilà. La penna è pronta, non fa rumore, non ingombra, non occorre il computer, non serve una complessa progettazione, solo tanta fantasia.

 

Cosa si può fare

Cosa si può fare dunque con una penna 3D? Per cominciare basta una base su cui la plastica non aderisce: si può disegnare a matita quello che si vuole e poi ricalcare con la penna.

Le penne della migliore marca consentono di regolare la velocità di emissione del filamento: la velocità massima è ideale per riempire, quella minima per “disegnare” in verticale.

Il limite è la fantasia: si può disegnare quello che si vuole e da Internet è possibile scaricare centinaia di template: per esempio, si possono realizzare singoli pezzi da assemblare successivamente.

Si potranno decorare in maniera originale oggetti e superfici, a Natale la casa potrà riempirsi di simpatici addobbi rossi. I filamenti sono disponibili in tanti colori diversi e un paio di rotoli dovrebbero già essere inclusi nella confezione della penna in modo da cominciare subito il primo progetto.

Naturalmente si può disegnare non solo orizzontalmente, in modo classico, ma anche in altezza: il calore della plastica appena fusa consentirà di fissare le nuove parti create.

Animali, giocattoli, decorazioni per zaini, borse, portafogli, bracciali, riparazioni, vere e proprie opere d’arte: l’elenco delle possibili creazioni è praticamente infinito.

Per professionisti e bambini

Le penne 3D possono essere adoperate dai bambini così come dai professionisti, naturalmente occorre scegliere il modello adatto. Basta confrontare i prezzi per accorgersi delle differenze.

Una penna per bambini dovrebbe essere particolarmente maneggevole e avere una punta che non si surriscaldi eccessivamente.

Quelle per professionisti possono prevedere una batteria e quindi si possono utilizzare ovunque, anche lontano da una presa di corrente. Inoltre sono compatibili con diversi filamenti, non solo PLA o ABS; permettono di impostare un rilascio continuo del materiale senza premere il pulsante e assicurano disegni più precisi.

 

Le migliori penne 3D del 2018

 

Per facilitare e velocizzare l’acquisto della migliore penna 3D per le tue esigenze dai un’occhiata ai nostri consigli d’acquisto. Qui trovi modelli per tutte le esigenze, corredati da una breve recensione e dal link dove acquistare i prodotti alle migliori offerte di mercato.

 

Prodotti raccomandati

 

QPAU AB002

 

Pronto per la tua prima penna tridimensionale? Allora dai un’occhiata a questo modello, estremamente apprezzato dai consumatori.

Va bene per tutti, per gli esperti e per chi è meno bravo, bambini compresi. Come sottolinea la maggior parte degli utenti, si tratta di un oggetto pratico e comodo da tenere in mano grazie alla forma ergonomica e al manico antiscivolo rivestito in gomma.

La presenza del display LCD è un grande vantaggio perché permette di controllare in ogni momento il materiale scelto e la temperatura.

La penna è compatibile con ABS e PLA e nella confezione sono inclusi entrambi i filamenti da 1,75 mm per poter iniziare immediatamente a creare oggetti tridimensionali.

È possibile regolare anche la velocità di emissione del materiale; in ogni caso le istruzioni danno una mano a capire subito il funzionamento.

Performante e facile da usare, potrebbe essere un ottimo regalo per chi non sa proprio come scegliere una buona penna 3D.

Nella nostra guida per scegliere la migliore penna 3D, il modello AB002 prodotto da QPAU occupa il primo posto perché è il più apprezzato dai consumatori, per le sue ottime prestazioni e per l’estrema facilità d’uso.

Pro
Ergonomica:

Il design dell’impugnatura, modellato ergonomicamente, e il manico rivestito in gomma antiscivolo rendono la penna molto comoda da usare, offrendo un perfetto controllo dello strumento.

Display:

Una ulteriore comodità è rappresentata dalla presenza di un display LCD, che indica il tipo di materiale caricato e permette di tenere sotto stretto controllo la temperatura del punto di fusione e la velocità di estrusione.

Compatibilità:

La penna 3D QPAU è compatibile sia con il polimero dell’acido lattico PLA, sia con il polimero termoplastico ABS, e viene fornito con entrambi i tipi di filamento, per iniziare subito a lavorare.

Contro
Basse velocità::

Alle basse velocità non estrude in maniera lineare e ogni tanto crea delle bolle d’aria che interrompono il flusso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Blusmart 3D Pen

 

Non sarà una penna 3D professionale ma poco ci manca. Come confermano tanti consumatori soddisfatti, le performance e il comfort d’uso sono elevati.

Si tratta di un modello recentemente rinnovato e migliorato in cui non manca il pratico display che indica la temperatura e il materiale utilizzato.

Come tutti i migliori modelli, anche questo è compatibile con PLA e ABS e permette quindi di regolare la temperatura per ognuno.

Sono presenti il manuale, la base d’appoggio e due filamenti ABS per poter cominciare subito a realizzare i propri progetti.

È possibile regolare anche la velocità di emissione del materiale su otto livelli per ottenere esattamente quello desiderato.

La penna è molto leggera ed estremamente maneggevole; l’ugello non raggiunge temperature elevate e quindi è sicuro per chi lo usa ma, naturalmente, c’è bisogno di fare sempre attenzione considerando che all’interno ci sono circa 200 gradi. Può essere usato da tutti, grandi e piccini.

Dove acquistare una penna 3D dalle elevate prestazioni ma dal costo contenuto? Il nuovo modello prodotto dall’azienda Bluesmart, potrebbe essere proprio la risposta giusta a questa domanda.

Pro
Prestazioni:

Anche la penna 3D Bluesmart è un modello dalle eccellenti prestazioni, leggera, maneggevole e con una velocità di estrusione che può essere regolata su otto diversi livelli.

Sicura:

L’ugello non raggiunge temperature elevate, ma il calore interno può superare anche i 200 gradi, ragion per cui la penna 3D Bluesmart è dotata di un interruttore di sicurezza che la spegne automaticamente dopo 8 minuti di utilizzo continuato.

Display LCD:

Utilissimo per monitorare costantemente la temperature e la velocità di estrusione, inoltre segnala anche il tipo di filamento utilizzato, dal momento che è compatibile sia con ABS sia con PLA.

Contro
Tenuta termica:

Secondo alcuni acquirenti, la tenuta termica non è elevata, e il calore generato dalla penna si percepisce più di quanto si dovrebbe, sia dall’ugello sia dall’impugnatura.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

VICTORSTAR RP100A-blue

 

Tra le migliori penne 3D del 2018 troviamo questo modello Victorstar che è anche uno dei più venduti online.

Si tratta di un oggetto con un prezzo estremamente competitivo, ideale per chi vuole spendere il meno possibile. È un prodotto pensato soprattutto per i bambini dagli otto anni in su, per i quali potrebbe rappresentare un regalo divertente, creativo e originale.

È molto facile da usare, naturalmente è necessaria un po’ di pratica perché non è come disegnare su un foglio di carta; il manuale in un incerto italiano aiuta comunque a capirne meglio il funzionamento e i tre filamenti di colore diverso inclusi nella confezione permettono di mettersi all’opera immediatamente.

È una penna essenziale, senza display, ma consente di utilizzare sia ABS che PLA. È leggera e maneggevole, ottima per i bambini. Ma non solo.

Il modello più economico, tra quelli che abbiamo messo a confronto in questa guida, è la VICTORSTAR RP100A, una penna 3D ideale per i principianti e per i bambini dagli otto anni in su.

Pro
Per principianti:

Si tratta di un modello essenziale ultra-economico, privo di display LCD, ma ottimo come strumento per i principianti e per i bambini a partire dagli otto anni in su, per cominciare a far pratica senza spendere eccessivamente.

Accessoriata:

La dotazione di accessori include, oltre alla penna e all’adattatore di alimentazione, anche un mini cacciavite e ben tre rocchetti di filamento ABS da 3 metri ognuno, di diversi colori.

Compatibilità:

Può essere usata sia con il filamento ABS sia con il PLA, e questo è sicuramente un pregio dal momento che, generalmente, le penne 3D più economiche lavorano con un solo tipo di materiale.

Contro
Istruzioni:

La traduzione italiana presente nel manuale d’uso è fatta male e, purtroppo, risulta poco comprensibile.

Acquista su Amazon.it (€29,99)

 

 

 

DIKI IV

 

Un altro suggerimento per chi non sa quale penna 3D comprare è questo modello Diki. Facendo una comparazione con altre penne simili, spicca l’ottimo rapporto tra le prestazioni e il prezzo.

È un modello sottile, maneggevole, adatto per adulti e bambini con più di otto anni di età.

L’impugnatura gommata e le scanalature permettono di utilizzarla tranquillamente anche a chi è mancino.

Non c’è il display ma i due LED indicano quando la temperatura di fusione è stata raggiunta per poter cominciare a utilizzarla. Nella confezione sono presenti anche i filamenti PLA di due diversi colori per iniziare subito.

Anche se il manuale non è in italiano, il funzionamento è molto semplice e non mancano video esplicativi in rete. La penna non riesce a estrudere l’ABS per cui è possibile utilizzare solo PLA.

Secondo i pareri dei consumatori, la DIKI IV è una penna 3D adatta per chi non ha particolari pretese, dal momento che può utilizzare soltanto filamenti di PLA, apprezzata soprattutto per la sua economicità.

Pro
Per principianti:

Anche la penna 3D prodotta da DIKI è un modello ideale per i principianti, leggero, maneggevole e dotato di un’impugnatura gommata adatta sia per i destri, sia per i mancini.

PLA:

A differenza dell’ABS, che una volta raggiunto il punto di fusione emettere un intenso odore di plastica cotta, il PLA è una sostanza organica che emette un odore dolciastro; per cui è adatta anche ai bambini, a patto che abbiano dagli otto anni in su.

Accessori:

La dotazione accessoria include due filamenti di PLA da 5 metri l’uno, di diverso colore, per cominciare subito a lavorare.

Contro
Istruzioni:

Le istruzioni, purtroppo, mancano del tutto; in ogni caso è possibile trovare dei video, su Youtube, che mostrano come va utilizzata.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

ELEGIANT ELEGIANTwFJ3CrXIn

 

Se stai cercando una penna 3D per bambini dai un’occhiata a questo prodotto. Come puoi vedere cliccando sul link suggerito, colpisce il prezzo imbattibile che permette di fare un regalo innovativo anche a due o più nipoti dagli otto anni in su.

Si tratta di uno dei modelli più venduti sul mercato e, nonostante il prezzo accessibile a tutte le tasche, è dotato di display per poter regolare sia la temperatura che il tipo di materiale: permette infatti di impiegare PLA e ABS.

Non solo, è possibile regolare anche la velocità di estrusione con un cursore, insomma non manca proprio niente anche per l’artista più esigente, compreso il filamento per cominciare subito a “scrivere”.

Leggermente più voluminosa di altre penne simili, è però maneggevole e facile da usare. In buona sostanza, costa poco ma funziona come le altre più care.

Chiudiamo la nostra guida con un altro modello appartenente alla categoria dei prodotti a prezzi bassi: la penna 3D prodotta da ELEGIANT, leggermente più voluminosa rispetto ai modelli analoghi, ma altrettanto maneggevole.

Pro
Sicura:

Il vantaggio principale è dato dalle dimensioni: è più spessa di altre penne e quindi mantiene meglio la tenuta termica, e questo è un bene specialmente per i bambini, che possono usarla senza rischi.

Economica:

Anche se non è la più economica in assoluto, si colloca comunque nella fascia dei prodotti a prezzi bassi, fattore che l’ha resa apprezzabile da moltissimi consumatori.

Compatibilità:

Pur essendo una penna 3D economica, ha il pregio di poter lavorare sia con i filamenti in ABS sia con quelli in PLA, offrendo così un buon livello di versatilità.

Contro
Consumo:

Secondo alcuni acquirenti, a differenza di altre penne 3D di fascia analoga, la Elegiant tende a consumare i filamenti un po’ troppo in fretta, e ciò la rende dispendiosa.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare una penna 3D

 

La penna 3D è un accessorio di ultima generazione che consente di realizzare oggetti tridimensionali liberando la creatività presente in ognuno di noi. Se non avete mai avuto il piacere di provarla e non sapete come funziona, in questo articolo troverete utili informazioni che vi consentiranno di farne il miglior utilizzo.

 

 

Come funziona

Da un punto di vista estetico somiglia a una vera penna, con dimensioni leggermente superiori e un cavo di alimentazione collegato. Si tratta di una sorta di stampante 3D, tecnologica ma economica, che permette di creare qualsiasi cosa, o quasi. Se avete utilizzato le pistole per colla a caldo, utilizzare la penna 3D sarà un gioco da ragazzi perché il suo funzionamento è molto simile.

Basta collegare la penna alla presa di corrente e aspettare che raggiunga la temperatura di fusione. A questo punto si scegliere il materiale e il colore da utilizzare e si può iniziare a lavorare. Il grande vantaggio di questo accessorio consiste nella sua semplicità, non serve un computer o uno studio a priori per usarla, solo tanta creatività e immaginazione.

 

ABS e PLA

Per usare la penna 3D servono i filamenti di ABS o PLA, ovvero plastiche speciali che surriscaldandosi cambiano la loro consistenza per facilitare le creazioni, e che si induriscono quando la loro temperatura si abbassa.

L’ABS è molto resistente e flessibile, fonde ad alta temperatura e bisogna valutare la compatibilità con la propria  penna. Il PLA è caratterizzata da un odore dolciastro quando brucia, è meno resistente rispetto all’ABS ma solitamente è compatibile con la maggioranza dei modelli in commercio.

Negli ultimi tempi, le stampanti 3D utilizzano materiali di ultima generazione e presto saranno compatibile anche per le penne tridimensionali.

 

Usare la creatività

Per iniziare a usare una penna 3D dovrete prima di tutto scegliere una superficie sulla quale non aderisca la plastica. Le penne di migliore qualità permettono di regolare la velocità di emissione del filamento, in modo tale da poter disegnare in verticale lentamente e riempire successivamente il disegno ad alta velocità.

Si possono scaricare tantissimi template dal web e, utilizzando filamenti di colore diverso, è possibile creare singoli pezzi da assemblare per realizzare una piccola scultura. Si può disegnare orizzontalmente oppure in verticale, facendo attenzione al fissaggio dei pezzi.

 

 

Una penna per tutti

Le penne 3D possono essere utilizzate dai professionisti del settore ma anche dai bambini ed è proprio questo il loro punto di forza. I modelli per bambini dovrebbero essere maneggevoli, con la punta che non si surriscalda in modo eccessivo.

Al contrario le versioni per professionisti sono generalmente dotate di una batteria incorporata e si possono utilizzare anche con filamenti di ultima generazione che consentono di realizzare creazioni ad alta precisione.

 

 

Se questo ti è piaciuto, crediamo che tu non possa proprio perderti i prossimi articoli:

 

Tavoletta grafica

Stampante 3D

Il miglior tavolo da disegno

Stampante laser

Stampante inkjet

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (7 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.