Le 5 Migliori Salviette Umidificate del 2021

Ultimo aggiornamento: 04.12.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

 

Salvietta Umidificata – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

La scelta delle salviettine umidificate dovrebbe prendere in considerazione alcuni aspetti fondamentali. Per prima è importante verificare la compatibilità con la pelle sulla quale verranno usate. Ma non esistono solo salviette per l’igiene personale e la cosmesi. In commercio si possono trovare soluzioni già pronte anche per la pulizia degli ambienti domestici e la detersione di oggetti specialmente delicati. Controllare la composizione del liquido umettante è sempre una buona pratica. Inoltre è importante verificare come smaltire correttamente le salviette per ridurre il più possibile il loro impatto sull’ecosistema. In questo articolo vi proponiamo alcune soluzioni inusuali ma molto interessanti sotto diversi profili. Per prime vi suggeriamo di considerare le WaterWipes Salviettine Umidificate per la pelle sensibile dei bambini, imbevute quasi interamente di sola acqua, sono perfette per non creare irritazioni sulla pelle più delicata. Mama Bear Fresh Salviette umidificate per bebè sono un prodotto a marchio Amazon e per questo proposte a un prezzo davvero interessante e in confezione risparmio da 840 pezzi.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere le migliori salviette umidificate?

 

Vi proponiamo di seguito una breve guida per scegliere le migliori salviette umidificate. Tenete a mente che non sempre il prodotto più economico è anche quello più adatto al vostro scopo. Quindi assicuratevi di sapere bene cosa potete acquistare e che tipo di bisogni si dovranno soddisfare.

Dare sempre importanza agli ingredienti

Anche se non ci si può improvvisare chimici, è sempre una buona idea controllare con attenzione la lista degli ingredienti usati per la realizzazione del liquido umettante. Infatti qui si possono distinguere i principali elementi e riconoscere quelli che potenzialmente possono irritare la pelle a lungo andare.

Di certo usare le salviette di tanto in tanto non rappresenta un pericolo di per sé. Ma è bene considerare che con l’andare del tempo le sostanze presenti possono depositarsi negli strati superficiali della pelle e comprometterne l’equilibrio.

Quindi quando si fanno le proprie scelte d’acquisto è sempre consigliabile prediligere quei prodotti che hanno una lista di ingredienti molto corta. Nel migliore dei casi, ogni ingrediente dovrebbe essere facilmente riconoscibile anche senza aver sostenuto l’esame di chimica organica.

 

Formato del telo

Un altro elemento utile da prendere in considerazione riguarda le dimensioni della salvietta. Devono essere grandi abbastanza da completare la pulizia in poche e semplici passate. Perché se devono proprio semplificare la vita, allora è bene che lo facciano al meglio.

Nel caso dei prodotti pensati per l’igiene degli amici animali, allora le dimensioni dovranno essere particolarmente generose per consentire di svolgere un buon lavoro senza lasciare parti incomplete. Il guaio è che in questo caso puzzerebbero davvero tanto e in maniera sgradevole.

Anche quando il telo è usato per la pulizia della casa dovrà essere di dimensioni adeguate a completare il lavoro per lo meno in una stanza. Meglio se anche in più ambienti in modo da ottimizzare la spesa con una resa maggiore.

Occhio al portafogli

È sempre il caso di pensare a quanto si spende per l’acquisto di prodotti consumabili. Infatti, riassortire spesso la dispensa con prodotti destinati a essere buttati nella spazzatura può avere un impatto importante nell’economia domestica.

Se si sceglie di fare scorta di salviette umidificate si potrà risparmiare parecchio sul costo unitario. Ma bisognerà anche verificare la data di scadenza per scongiurare l’eventualità che il prodotto vada a male prima di poterne effettivamente ottenere un vantaggio.

Altro consiglio utile, prima di acquistare in blocco grandi confezioni con centinaia di salviette, è una buona idea provarle prima e assicurarsi che siano ben tollerate dalla pelle. Le salviette dovranno essere efficaci, avere una profumazione gradevole, meglio se non ne abbiano nessuna. 

Soprattutto non dovranno procurare irritazioni. Quando ci si sarà accertati che rispondono a questi criteri, allora si potrà procedere all’acquisto in blocco delle grandi confezioni risparmio.

 

 

Le 5 Migliori Salviette Umidificate – Classifica 2021

 

1. WaterWipes Salviettine Umidificate per la Pelle Sensibile dei Bambini

Principale vantaggio:

Sola acqua e un goccio di essenza di frutta per queste salviettine che si caratterizzano per la particolare tollerabilità anche quando la pelle è molto delicata.

 

Principale svantaggio:       

Le salviette non sono biodegradabili, aspetto che potrebbe essere migliorato visto che il liquido usato per inumidirle è solo acqua e poco profumo naturale.

 

Verdetto: 9.8/10

Una soluzione interessante sotto tanti punti di vista, primo fra tutti la particolare tollerabilità anche da parte delle pelli più sensibili. Sono molto apprezzate dalle mamme durante i cambi fuori casa e rappresentano una soluzione rapida ed efficace anche nei contesti più difficili. Il prezzo non è dei più bassi, ma si abbassa scegliendo di fare grandi scorte.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Le più pure in commercio

Le migliori salviette umidificate a detta di molti utenti sono queste WaterWipes caratterizzate dal fatto di non avere altro che acqua e un goccio di estratto di frutta. In particolare, qui è diluito all’1% estratto di semi di pompelmo che funziona da balsamo per rendere più efficace la pulizia senza creare alcun tipo di irritazione sulla pelle. 

Per questo sono una buona soluzione per bambini e anziani che abbiano bisogno di un modo pratico per lavarsi anche quando non è disponibile l’acqua corrente. Non è presente nemmeno la profumazione. Questo dettaglio potrebbe sembrare una noiosa mancanza, ma ha uno scopo preciso: ridurre l’incidenza di irritazioni

Certificate come idonee per i soggetti allergici

L’assenza di profumo e di altri allergeni è il motivo per il quale queste salviette sono state approvate all’associazione Allergy UK. Il vantaggio di questo prodotto è di riuscire a lenire le irritazioni da pannolino nella maggior parte dei casi.

L’accortezza da seguire è quella di asciugare bene la pelle del bebè prima di rimettere il pannolino. Infatti, l’umidità residua potrebbe causare arrossamenti, mentre è davvero improbabile che siano le sostanze disciolte nel liquido.

Ogni salviettina è molto umidificata, quindi raccoglie una gran quantità d’acqua per pulire bene e a fondo il bimbo a ogni cambio. Vista la speciale composizione neutra, inoltre, si possono usare anche per pulire le manine senza temere che possa portarle dopo alla bocca.

 

In formato convenienza

Le WaterWipes si caratterizzano per la possibilità di essere acquistate in formati molto grandi. In particolare è possibile decidersi per il pacco scorta da dodici confezioni, ognuna con sessanta salviettine all’interno.

Scegliendo di comprare oltre 700 salviette, consente di contare su prezzi bassi e di certo più convenienti rispetto all’acquisto della confezione singola. Un altro vantaggio dell’acquisto in blocco è di limitare le spese di spedizione e avere così sempre disponibile una buona scorta che si consuma presto con il passare dei mesi.

Le salviette non sono biodegradabili al momento e questo potrebbe rappresentare motivo di scetticismo nei confronti di un prodotto che si professa tra i più puri in commercio. Eppure, la ditta conferma l’intenzione di sostituire i propri prodotti con la loro versione biodegradabile entro il 2025.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Marchio Amazon Mama Bear Fresh Salviette Umidificate per Bebè

 

Tra le migliori salviette umidificate del 2021 troviamo anche questa soluzione proposta in esclusiva da Amazon che non è facile trovare dove acquistare altrove. Si fanno apprezzare soprattutto per il vantaggioso rapporto tra qualità e prezzo. Specie se si considera che è possibile fare grande scorta a prezzi davvero stracciati, sono ben 840 salviette inumidite a 3 centesimi l’una.

Sono ben imbevute e per questo sono efficaci e permettono di portare via lo sporco con poche passate anche quando non c’è acqua nei paraggi. Si possono usare anche per il cambio del pannolino anche se c’è chi non le apprezza per questo scopo per via della particolare sottigliezza del tessuto impiegato. 

In soluzione insieme all’acqua che è l’ingrediente principale, ci sono anche estratti di aloe vera e camomilla che hanno il compito di dare una delicata profumazione e lenire leggermente gli arrossamenti. Ma se si preferisce, è possibile acquistare anche salviettine con altre profumazioni e sostanze disciolte in soluzione per ottenere un effetto finale diverso.

Pro
Pacco scorta:

Se pensate che questo possa essere il vostro nuovo acquisto, considerate anche l’importanza di risparmiare molto sul prezzo di listino facendo una scorta consistente di ben 840 pezzi.

Facili da estrarre:

La confezione è dotata di chiusura ermetica per evitare il rischio che il liquido all’interno si versi bagnando tutto quello che trova all’interno della borsa.

Disponibili diverse profumazioni:

Si può scegliere tra soluzioni distinte per avere un risultato finale diverso sulla pelle.

Contro
Sottili e ricche di conservanti:

Sono considerate troppo sottili per la pelle delicata del bebè e molti preferiscono soluzioni più morbide e avvolgenti. Inoltre l’INCI non è impeccabile e potrebbe non essere compatibile con le esigenze del neonato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Mum & You Salviettine Umidificate Biodegradabili per Bambini e Neonato

 

Se non sapete decidere quali salviette umidificate comprare per non inquinare come petroliere, potreste fermare qui le vostre ricerche. Infatti questo modello figura tra i più venduti e apprezzati soprattutto per via delle buone performance in termini di sostenibilità ambientale.

Le salviette sono realizzate in tessuto completamente biodegradabile, e per questo è possibile buttarle nel water oppure smistarle nel contenitore dell’umido quando si fa la raccolta differenziata. Sono anche realizzate facendo a meno di plastica nella confezione che è invece riciclabile. 

Infine, il liquido in cui sono imbevute è quasi interamente acqua, e solo il 2% è composto da sostanze tutto sommato in linea con gli obiettivi dichiarati dall’azienda in tema di sostenibilità ambientale.

Sono ben tollerate da chi ha la pelle delicata anche se non sono perfette per la pelle del neonato per via della presenza di alcuni ingredienti non esattamente compatibili. Peccato non sia facilissimo estrarre una salvietta alla volta con facilità e con una sola mano.

Pro
Biodegradabili:

Si fanno apprezzare per via della loro particolare consistenza morbida malgrado siano anche compostabili.

Confezione senza plastica:

Anche la confezione che contiene le salviette è realizzata in modo da garantire il minor impatto ambientale.

Adatte ai soggetti allergici:

Acqua al 98% e sostanze di origine naturale e vegetale compongono il liquido umettante che non provoca reazioni allergiche in chi lo usa.

Contro
Packaging scomodo:

Manca il tappo che assicura una chiusura ermetica e la possibilità di sfilare una salviettina alla volta senza ritrovarsene tante inutilizzate tra le mani.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Salviette Pogi per Toelettatura 100 Salviette Deodoranti per Cani Biodegradabili

 

Quando si tratta di stabilire come scegliere delle buone salviette umidificate c’è da tenere a mente anche chi sarà il destinatario finale del prodotto. In questo caso si tratta di salviettine per cani, pensate in particolare per pulire il pelo dell’animale dopo essere stati a passeggiare all’aperto.

Sono leggermente profumate al tè verde, ma anche queste vantano la perfetta compatibilità con l’ambiente e la pelle del cane. Infatti sono biodegradabili e prodotte dalla lavorazione del bambù. Il risultato è una salvietta ecologica, facile da usare e molto ampia in modo da essere efficace con poche passate.

La scelta del bambù come materia principale ripaga sotto tanti punti di vista. Per esempio, è naturalmente antibatterico e ipoallergenico, per questo si presta a essere usato per realizzare un prodotto che deve andare a stretto contatto con la pelle. Non crea irritazioni né arrossamenti, dato che anche i cani possono soffrire di questo tipo di reazioni allergiche.

Pareri molto positivi fanno da corollario a giustificare la ragione di tanto successo nelle vendite per un prodotto di nicchia destinato a un’utenza speciale.

Pro
Compatibile con la pelle del cane:

Il vantaggio dell’uso del bambù per la realizzazione del tessuto della salvietta sta tutto nella sua natura ipoallergenica e antibatterica.

Al profumo di tè verde o senza:

Si può scegliere tra la versione leggermente e gradevolmente profumata, oppure si può evitare il rischio e optare per quella senza profumo.

Salviette grandi:

Le dimensioni del telo sono sufficienti per completare il lavoro in poche passate, anche se il cucciolo potrebbe chiedere più coccole e attenzioni anche dopo aver finito il lavoro sporco.

Contro
Difficili da tirare fuori:

Le salviettine sono piegate una dentro l’altra e questo rende difficile l’estrazione di un solo telo alla volta, con il rischio di sprecare più di quanto serva realmente.

Clicca qui per vedere il prezzo  

 

 

 

5. Swiffer 4 Confezioni da 12 Panni Umidificati

 

Swiffer è noto da tempo per aver introdotto sul mercato i primi stracci che non si devono poi pulire dopo aver raccolto la polvere. Una vera soddisfazione per chi ha i secondi contati e una casa grande da tenere in ordine. Ora propone una versione più sofisticata del famoso catturasporco con delle salviette inumidite. 

Il risultato è che diventa più facile rimuovere sporco e macchie, oltre alla polvere che si accumula normalmente ogni giorno. Le includiamo tra le offerte che ha scovato la nostra redazione perché si tratta di un prodotto che aiuta molto a tenere in ordine casa riducendo al minimo l’impegno necessario. 

Si usano soprattutto per i pavimenti per pulirli con una passata e così catturare ancora più sporco rispetto al solo telo per la polvere. In comparazione con i prodotti della concorrenza, risultano più robusti e spessi, quindi si giustifica il costo maggiore con una migliore resa nel tempo.

Pro
Perfette per pulire con una passata:

Alleate delle pulizie veloci da fare ogni giorno, le rende meno gravose ed efficaci con poco sforzo.

Da usare su superfici diverse:

Le salviette Swiffer si possono usare con successo sui pavimenti in ceramica, linoleum, marmo e legno trattato.

Teli grandi:

Con uno è possibile pulire bene una stanza di dimensioni generose in modo da completare il lavoro in poco tempo.

Contro
Care:

Le salviette umidificate proposte in questa confezione hanno un costo piuttosto alto, specie se si considera che una ne contiene solo dodici.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare le salviette umidificate

 

Bisogna considerare che le salviette umidificate non sono esenti da conseguenze. Il loro uso ha un impatto notevole sull’ambiente e sul portafogli. Quindi andrebbero riservate solo a quelle occasioni in cui veramente mancano acqua e altri sistemi di detersione.

Infatti, anche quelle perfettamente biodegradabili comportano la produzione di rifiuti e quindi fanno lievitare i costi per lo smaltimento.

Quando si usano le salviette umidificate

Tra i nostri consigli d’acquisto ci sono soprattutto prodotti destinati all’igiene personale. Spesso questi prodotti vengono proposti per l’igiene del bambino. Ma quando si decide di usare le salviette per pulire il culetto durante il cambio del pannolino è bene considerare che le sostanze disciolte nel liquido in cui sono imbevute non si risciacqua e rimane sempre a contatto con la pelle.

Quindi prima di fiondarsi sul primo degli articoli venduti online in questa categoria di prodotto è importante verificare cosa contiene e come è prodotto. I migliori prodotti sono imbevuti quasi esclusivamente d’acqua senza profumi né conservati.

Va da sé che è consigliabile usare le salviette solo quando effettivamente manca l’acqua a portata di mano. Per esempio, in casa il cambio del pannolino andrebbe completato sotto l’acqua corrente.

 

Evitare le profumazioni

Anche se in apparenza rendono più gradevole l’effetto delle salviette, i profumi possono essere dei potenti allergeni e provocare alla lunga gravi irritazioni. Quando si sceglie un prodotto di questo tipo è sempre consigliabile prediligere quelli che non contengono profumi. 

Ancora una volta è utile ribadire che le sostanze disciolte rimangono a lungo a contatto con la pelle perché non vengono successivamente risciacquate. Quindi bisogna stare molto attenti a quello che si spalma sul corpo.

Le salviette sono utili per le pulizie di casa

Uno degli impieghi alternativi che spesso viene proposto per le salviette è rendere più rapido ed efficace il lavoro di cura della casa. Fermo restando che è sempre più economico passare lo straccio bagnato e tanta acqua e detersivo, di certo nessuno ha voglia di vestire i panni di cenerentola e chinarsi in terra fino a far brillare il pavimento.  

Di tanto in tanto e con una ricca dose di buon senso è possibile occuparsi di casa ricorrendo a qualche stratagemma che la farà brillare prima dell’arrivo di ospiti all’improvviso.

 

 

 

Domande frequenti

 

Dove smaltire le salviette umidificate?

La risposta a questa domanda dipende dal tipo di salvietta. Infatti solo quelle che sono indicate come biodegradabili possono essere gettate nell’umido. Ma anche qui è importante verificare le indicazioni fornite dal comune di residenza riguardo le regole per la raccolta differenziata. 

Se non si è sicuri del tipo di materiale usato per la realizzazione delle salviette è molto probabile che si tratti di materiale non biodegradabile. Quindi non vanno assolutamente gettate nel water. 

Il problema è che nel lungo tempo potrebbero finire con l’otturarlo ma soprattutto si renderebbero responsabili di gravi conseguenze a livello ambientale. Meglio documentarsi bene prima e scegliere i prodotti da usare in maniera responsabile.

 

Come sono fatte le salviette umidificate?

Si tratta di quadrati di tessuto non tessuto realizzato in materiali diversi. I migliori sono quelli ottenuti dalla lavorazione di fibre vegetali, tra le quali spicca il bambù per quanto riguarda prestazioni e caratteristiche organolettiche. 

In base alla materia prima impiegata, le salviette possono essere più o meno facili da smaltire. Questo tipo di informazione deve essere riportata chiaramente nella confezione e verificata presso il proprio comune. Inoltre, sono intrise di un liquido che per lo più è composto di acqua. In piccola percentuale sono disciolte anche altre sostanze. Tanto minore è la quantità di altre sostanze, maggiore sarà la purezza del prodotto e la sua dermocompatibilità.

 

Cosa si può usare in sostituzione delle salviette umidificate?

Una delle strategie migliori da usare in caso di cambi fuori casa per godersi il piacere di una passeggiata all’aperto è portare con sé un telo di mussola. Basterà inumidirlo con un po’ d’acqua, la stessa che si porta con sé per bere. L’effetto è garantito e le dimensioni del telo sono di solito sufficienti per garantire un lavoro ben fatto anche di fronte alle sfide più agguerrite. 

Sarà importante avere con sé anche un altro telo per asciugare bene la pelle del bebè ed evitare così ristagni d’acqua. Una busta di plastica impermeabile per tenere da parte le stoffe bagnate completa il corredo per i cambi in outdoor. Lo stesso può essere d’aiuto quando si è in giro fuori casa e ci si vuole dare una veloce rinfrescata senza servirsi dei bagni pubblici.

 

È possibile portare le salviette umidificate nel bagaglio a mano in aereo?

Le salviettine non sono equiparate ai liquidi e per questo sono ammesse a bordo dentro il bagaglio a mano. Lo stesso non vale per tutti i trucchi e le creme, quindi è bene considerare il limite di 100 ml per tipo di prodotto ed evitare di dover lasciare agli imbarchi prodotti di un certo valore e di indubbia utilità.

 

Come realizzare un porta-salviette umidificate?

Si possono realizzare tanti progetti fai da te per conservare le salviette umidificate in un contenitore più carino di quello effettivamente proposto dalla casa produttrice. La ricerca del miglior progetto passa soprattutto dal filtro delle proprie capacità e manualità. 

I progetti più comuni vedono il riciclo del tappo a chiusura ermetica di vecchie confezioni. Di solito questo elemento è molto utile perché evita la perdita di liquidi, specie nelle confezioni in cui non è presente a priori. 

Questo utile coperchio si può fissare a una scatola di dimensioni compatibili, magari foderando una scatola per le scarpe e da qui far uscire le salviette una a una senza rischiare sprechi.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia, Romania e Canada.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status