fbpx

Il miglior guanto da portiere

Ultimo aggiornamento: 16.07.19

 

Guanti da portiere – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

La vita del portiere è dura e si dice che chi gioca in porta abbia un pizzico di follia rispetto agli altri compagni. Spesso il portiere è solo, abbandonato a se stesso e con un grosso fardello sulle spalle. Pensiamo a quando la linea difensiva sbaglia clamorosamente il fuorigioco e l’avversario s’invola verso la porta: è uno contro uno nella migliore delle ipotesi. Chi è tra i pali, in queste situazioni è svantaggiato, deve prendere una decisione in un istante e sperare per il meglio. E che dire quando c’è da parare un calcio di rigore, magari al novantesimo? Anche in questo caso l’estremo difensore parte sempre da una posizione svantaggiata. Insomma, la vita del portiere è dura, spesso ingrata; per i tifosi chi sta tra pali e subisce gol, sbaglia sempre. Se quanto detto fino a ora non vi ha scoraggiato e volete giocare ugualmente in questo ruolo, vi suggeriamo, in particolare, questi due modelli: i Blok.iT Professional hanno le stecche alle dita le quali le proteggono a dovere mentre Uhlsport Elimnator Supergrip hanno un eccellente grip.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere i migliori guanti da portiere

 

Che stiate muovendo i vostri primi passi sui campi da calcio o che abbiate già maturato un po’ di esperienza, vi invitiamo a leggere la nostra guida per scegliere i migliori guanti da portiere.

Vi presenteremo diversi modelli così da consentirvi di fare una comparazione e individuare quelli che più si addicono a voi. Se vi interessa sapere dove acquistare a prezzi bassi uno degli articoli della nostra selezione, potete cliccare sul link corrispondente, siamo certi che in questa pagina troverete i migliori guanti da portiere del 2019.

Guida all’acquisto

 

Le caratteristiche del palmo

Per comprendere come scegliere un buon guanto da portiere, bisogna innanzitutto avere chiaro che questo si compone di tre parti che sono: il palmo, il dorso e la chiusura. Ognuna di esse gioca un ruolo fondamentale ma andiamo con ordine cominciando dal palmo che assicura la presa sul pallone. Il palmo è costituito da una mescola di gomma e lattice e a seconda di come sono combinati questi due materiali, si determina la morbidezza.

Ma è meglio scegliere guanti più morbidi o duri? Più che altro possiamo dirvi che guanti con palmo morbido assicurano una migliore presa in tutte le condizioni di gioco. Quelli con palmo duro, invece, perdono qualcosa dal punto di vista del grip ma hanno una maggiore resistenza. Ma la resistenza è determinata anche dallo spessore: i guanti più spessi durano di più e attutiscono meglio l’impatto con il pallone. Lo spessore varia dai 3 ai 5 mm.

Ultima caratteristica che riguarda il palmo è il tipo di taglio; questo può essere piatto, ovvero, con cuciture esterna, negativo, ossia con cuciture interne e infine, misto. In quest’ultimo caso c’è un’estensione del lattice sulle dita pollice e indice in modo da aumentare la superficie di presa.

 

Le caratteristiche del dorso

Il dorso si differenzia per traspirazione e supporto ed è ciò che ne determina il peso. Il miglior guanto da portiere, tra le sue caratteristiche, deve certamente avere una buona traspirabilità ma non basta e, come vedremo tra un attimo, c’è anche l’elemento soggettivo che ha il suo peso sulla decisione finale. All’altezza delle dita, infatti possono esserci o meno delle stecche. Queste servono a prevenire gli infortuni (nei limiti del possibile) evitando che le dita si pieghino e ciò aiuta anche nel respingere o deviare il pallone.

Sebbene rispetto al passato i materiali per le stecche siano diventati più leggeri, le dita sono comunque limitate nei movimenti e ci sono portieri che preferiscono i modelli privi di tale supporto. Scegliere guanti con o senza stecche è un fattore soggettivo; il portiere, in base alla sua esperienza è in grado di sapere quale sia la soluzione migliore per lui. Ad ogni modo chi sta appena iniziando a giocare in questo ruolo, farebbe meglio a prediligere i guanti senza stecche poiché più confortevoli.

Le caratteristiche del polsino e le misure

Il polsino fa una cosa molto semplice: fascia il polso; insomma, è il sistema di chiusura. Un buon polsino è in grado di proteggere il polso così da prevenire, sempre nei limiti del possibile, gli infortuni. La chiusura è garantita da del semplice velcro. Quanto alla misura, per gli adulti varia da 7 a 11 mentre per i bambini va da 4 a 6. Quando misurate i guanti, accertatevi che le punte delle dita abbiano uno spazio di circa 1 cm così da avere una buona mobilità. Nel caso di guanti steccati è preferibile prendere mezza taglia in più.

Questi sono consigli generali poi con il tempo ogni portiere sviluppa le sue preferenze. Ad esempio, vi ricordate del mitico portiere messicano con il vizio del gol, Jorge Campos? Lui usava guanti più grandi mentre un altro famoso estremo difensore come Peter Shilton li preferiva più stretti.

 

I migliori guanti da portiere

 

Abbiamo organizzato i nostri consigli d’acquisto secondo una classifica. A seguito dell’analisi dei guanti selezionati, abbiamo scritto una recensione per mettere in evidenza pro e contro.

Come avrete modo di vedere voi stessi, sul mercato ci sono delle offerte molto interessanti anche per i guanti della migliore marca. Non vi resta altro da fare che leggere i nostri pareri e confrontare i prezzi degli articoli venduti online.

 

Prodotti raccomandati

 

Blok.iT Professional

 

Principale vantaggio:

Trattandosi di guanti steccati, le dita sono protette e ci sono maggiori garanzie di poter deviare il pallone anche in caso di un tiro molto forte.

 

Principale svantaggio:

I palmi dei guanti perdono parte della loro capacità di presa in caso di pioggia pertanto si presenteranno delle oggettive difficoltà nel bloccare il pallone.

 

Verdetto 9.6/10

Tra i modelli più venduti online, i Blok.It hanno un buon rapporto qualità/prezzo ma presentano dei limiti oggettivi quali la resistenza all’usura. Consigliati per uso non intensivo e senza pioggia.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Guanti steccati

Sono guanti con stecche non professionali che si mettono in evidenza, innanzitutto, per il prezzo interessante. Essendo steccati, si hanno meno probabilità di riportare infortuni alle dita ma assicurano anche una migliore risposta in fase di parata poiché le dita non tendono a piegarsi all’indietro nel momento di deviare il pallone.

Dobbiamo comunque segnalare che il pollice sembra godere di una minore protezione, critica mossa in più recensioni presenti in rete. La vestibilità è molto buona; la chiusura è garantita da un sistema a velcro ed è ben salda. I portieri in possesso di questo modello, almeno la maggior parte di essi, è concorde nello giudicare positivamente il rapporto qualità/prezzo.

La qualità del grip

I guanti assicurano un buon grip ma non in tutte le condizioni di gioco. Se con il bel tempo non si sono problemi di presa, è con la pioggia che le cose si complicano esponendo il portiere a brutte figure.

Il palmo diventa scivoloso e suggeriamo vivamente di non provare mai a bloccare il pallone perché c’è il rischio che, complice l’acqua, la sfera sfugga di mano e termini nel sacco. Alla luce delle testimonianze raccolte non possiamo andare oltre la generosa sufficienza per quanto riguarda la presa. Tuttavia, se giocate sporadicamente e quando il cielo è grigio non ci pensate minimamente a scendere in campo oppure se giocate al coperto, potete tranquillamente sorvolare su questo problema.

 

Troppo sensibili all’usura

A queste cifre non si possono pretendere guanti particolarmente longevi ma in questo caso dobbiamo criticare pesantemente la resistenza all’usura di questi guanti. Se la vostra intenzione è comprarli per un uso intensivo, vi suggeriamo di guardare ad altri modelli. Se invece vi riunite una volta a settimana per una partita tra amici, senza impegno e non volete spendere troppo, allora accomodatevi pure, non resterete delusi.

Ma analizziamo un altro aspetto che pur se non determinante ai fini di una parata ha comunque la sua importanza, ovvero, la traspirabilità. In merito abbiamo riscontrato parecchia soddisfazione, all’interno di questi guanti le mani non sudano più della norma e questo è certamente un punto a favore.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Uhlsport Elimnator Supergrip

 

Con questi guanti si fa sul serio. La buona qualità è fin troppo evidente e ciò si rispecchia nel prezzo che sebbene non richieda percepire lo stipendio di Donnarumma per comprarli, è comunque alto. Ma sappiamo tutti che la qualità si paga. I commenti positivi per questo nuovo modello Uhlsport sono davvero tanti. Per il palmo è stata usata la mescola messa  a punto dal produttore e che prende il nome di Supergrip; questa ha il pregio di adattarsi a tutte le condizioni climatiche e di essere molto resistente alle abrasioni.

Ma è con la pioggia che se ne apprezzano le doti, anche se non ci sono problemi sui campi asciutti, basta assicurare ai guanti un po’ di umidità.

Noterete, poi, soprattutto sui calci d’angolo, i vantaggi offerti dalla tecnologia 3D Embossed Shockzone che possiamo descrivere come dei cuscinetti in lattice che rendono più comoda la respinta di pugno. Ottima la traspirabilità; segnaliamo l’assenza delle stecche alle dita.

Pro
Grip:

L’aderenza dei guanti supera le più rosee aspettative, anche in caso di pioggia. I guanti si adattano a qualsiasi condizione climatica.

Resistenti:

La buona qualità dei materiali e la particolare mescola ideata da Uhlsport conferiscono ai guanti un’ottima resistenza all’usura.

Buona respinta di pugni:

Grazie alla tecnologia 3D Embossed Shockzone non avrete difficoltà in situazioni come quelle dei calci d’angolo, dove spesso è richiesta l’uscita di pugno.

Contro
Prezzo:

Se volete portare a casa questi guanti e sfoggiarli in campo, dovrete essere pronti a spendere una bella sommetta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Nike GK Jr Match FA16

 

Nike sa quanto sia importante allevare i calciatori fin da piccoli e per i bambini ha pensato a questi guanti realizzati in schiuma di lattice molto morbida che ha il pregio di assorbire adeguatamente tanto l’impatto con il pallone quanto con il terreno di gioco. Il polso è ben avvolto e la vestibilità è buona.

La circolazione dell’aria è garantita da dei forellini presenti sulle dita: è un sistema molto semplice ma sufficiente allo scopo.

Il prezzo è contenuto ma il design ci è sembrato poco curato; va detto che comunque che sono guanti abbastanza sobri. La qualità del materiale non è eccelsa ma coerente con il prezzo richiesto. Sono poco resistenti all’usura secondo noi.

Le dita non presentano le stecche ma trattandosi di guanti per bambini è una mancanza ininfluente.

Pro
Buona imbottitura:

L’imbottitura, a nostro avviso, è più che adeguata allo scopo: tanto l’impatto con il pallone che con il suolo sono ben assorbiti.

Vestibilità:

Chi ha indossato i guanti riferisce di una buona vestibilità; oltretutto il polso è ben avvolto e la chiusura con sistema a feltro è salda.

Contro
Materiali:

I materiali sono modesti, anche se dobbiamo precisare che sono in linea con il costo dell’articolo; non aspettatevi una lunga durata.

Design:

Abbiamo notato una scarsa attenzione per il design; va bene aver puntato sulla sobrietà ma crediamo che esteticamente questi guanti avrebbero potuto essere resi più accattivanti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ichnos Artemis

 

Se il vostro budget è risicato e vi servono dei guanti per la partitella settimanale insieme ai vostri amici, gli Ichnos Artemis potrebbero fare al caso vostro. Sono guanti steccati ma è bene precisare che le stecche si trovano su tutte e cinque le dita dunque anche il pollice.

Lo specifichiamo soprattutto perché non tutti sono favorevoli alla stecca sul pollice poiché ritengono che questa limiti, in qualche modo, la presa.

Il lato positivo è la maggiore protezione. Lo spessore è buono; 4 mm mentre il taglio è ibrido. Un po’ di delusione c’è circa la resistenza all’usura; diverse persone che ne hanno fatto un uso intensivo hanno dovuto cambiare i guanti dopo 6/8 mesi.

Quanto detto chiarisce senza ombra di dubbio che i guanti Ichnos non fanno al caso di chi pratica attività agonistica.

Pro
Dita protette:

Questo guanti presentano stecche per ogni dita della mano, in questo modo la protezione è totale, anche se a non tutti piace la stecca al pollice.

Spessore:

I guanti sono imbottiti a dovere: lo spessore al palmo di 4 mm garantisce il buon assorbimento all’impatto con il pallone e con il suolo.

Contro
Poco resistenti:

Diversi portieri non sono rimasti soddisfatti circa la resistenza all’usura. Alcune persone hanno lamentato la necessità di dover cambiare i guanti dopo meno di un anno.

Non adatti a uso agonistico:

I portieri rimasti delusi ritengono di non consigliare questo modello per attività agonistica o per uso intensivo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Adidas Predator

 

Tra i modelli economici più interessanti meritano menzione questi Adidas Predator. L’imbottitura del palmo è buona: tiri e impatto con il terreno sono ben assorbiti. La punta delle dita è arrotolata e tale caratteristica comporta una maggiore superficie di contatto tra il pallone e guanti con tutti i vantaggi che ne conseguono ai fini di una parata efficace.

La vestibilità è molto buona mentre la tecnologia Evo Zone favorisce il controllo del pallone.

I dorsi non ci hanno del tutto convinto, in particolare nel caso delle respinte di pugno: per esempio, mancano delle zone a cuscinetto. Non sono guanti che possono fare al caso dei professionisti e di quanti svolgono attività agonistica.

La resistenza all’usura è nella media ma crediamo non ci siano problemi in caso di uso sovente, che attenzione, è cosa diversa da utilizzo intensivo.

Pro
Punta delle dita:

Le punte delle dita arrotolate garantiscono una maggiore superficie di contatto tra i guanti e il pallone il che favorisce la parata.

Vestibilità:

I guanti Adidas sono stati apprezzati per la loro vestibilità, inoltre la tecnologia Evo Zone migliora il controllo del pallone.

Contro
Dorso senza cuscinetti:

I dorsi mancano di cuscinetti, utili quando c’è da respingere il pallone con il pugno, dunque non sempre l’impatto è ben assorbito.

Non adatti ad attività agonistica:

Trattandosi di guanti economici, com’è facile supporre, non sono molto adatti a chi gioca a calcio a livello agonistico.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare i guanti da portiere

 

I guanti sono l’attrezzo più importante per i portieri e questi possono fare la differenza. Chi sta tra i pali deve potersi fidare assolutamente dei guanti che indossa: se questi non danno garanzie in termini di grip, anche il portiere sarà insicuro e tenderà a respingere la maggior parte dei palloni, anche quelli che potrebbero essere bloccati.

Ma vediamo nel dettaglio come usare e soprattutto prendersi cura dei propri guanti.

 

 

Attenzione al campo

Non solo i tacchetti vanno scegli in base al terreno di gioco ma anche i guanti; quelli in lattice morbido, per esempio, soffrono i campi sintetici di vecchia generazione e i campi in terra. Non solo ciò influisce negativamente sulla durata. Oltretutto i residui di terreno e/o polvere pregiudicano il grip.

 

Rinvigorite la spugna del palmo

È buona norma qualche minuto prima dell’inizio gara bagnare i guanti con acqua tiepida in modo da lasciarli umidi (non esagerate). L’acqua filtrando all’interno del lattice, lo ammorbidisce, migliora l’elasticità della spugna che si trova nella zona del palmo e si migliora il grip.

 

La pulizia dei guanti

Ora vediamo un’operazione tanto importante quanto delicata. La prima cosa che vogliamo spiegarvi sono gli errori da evitare. Niente lavaggio in lavatrice, non stendeteli al sole per asciugarli ed evitate il contatto diretto con fonti di calore. Chiarito cosa non va fatto, vediamo come lavare i guanti. In una bacinella versate dell’acqua tiepida e immergeteci i guanti. Se questi non sono troppo sporchi, sarà sufficiente strofinarli con i polpastrelli.

Se la situazione è più grave, potete usare del sapone delicato, anche se sarebbe preferibile un detergente specifico reperibile nei negozi di articoli sportivi. Fatto ciò, lasciate i guanti a gocciolare, va bene all’aperto ma ricordate, niente luce diretta del sole.

 

 

Guanti di scorta

Tenente presente che l’asciugatura dei guanti non è rapida, soprattutto in inverno. Potrebbero volerci un paio di giorni ecco perché suggeriamo di avere sempre almeno un secondo paio di guanti così da poterli alternare tra un lavaggio e l’altro. Questo, ovviamente, se li usate più di una volta a settimana.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come personalizzare i guanti da portiere?

I guanti sono personalizzabili, molti venditori offrono questo servizio che spesso è disponibile online. Basta inserire il testo nell’apposito campo e rispettare il limite dei caratteri. Diversi siti prevedono l’esclusione di parole che potrebbero essere ritenute offensive.

 

Come conservare i guanti da portiere?

I guanti da portiere vanno conservati in un luogo fresco e arieggiato per evitare la formazione di muffa. È molto importante evitare l’esposizione diretta alla luce del sole. Inoltre, vanno tenuti lontano da fonti di calore.

 

Come lavare e asciugare i guanti da portiere?

I guanti da portiere vanno lavati a mano con acqua tiepida. In caso di necessità si può impiegare un sapone delicato oppure un detergente specifico. Per l’asciugatura non vanno esposti alla luce del sole né nelle vicinanze di fonti di calore.

 

Come faccio a scegliere la taglia giusta?

Per individuare la taglia giusta per i guanti, su un foglio di carta fate un calco della vostra mano.

Appena sotto la base delle dita misurate la larghezza da un’estremità all’altra del palmo. Tenete presente che possono esserci delle differenze di vestibilità da marca a marca. Recatevi sulla pagina del produttore e cercate la tabella per la corrispondenza delle taglie e confrontatela con la misurazione che avete effettuato.

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status