I 5 migliori mantenitori di carica del 2021

Ultimo aggiornamento: 25.10.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

 

Mantenitori di carica – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensione

 

Ci sono accessori che molto spesso possono evitare un bel problema  automobilisti e motociclisti. A quanti, per esempio, è capitato di mettere in moto il mezzo di trasporto e dai una, dai due, dai tre, capire di avere un problema con la batteria? Ma com’è potuto succedere? Avete lasciato i fari spenti, il quadro spento… eppure non va. Dovete sapere che le batterie soffrono l’inattività. Inconvenienti del genere, probabilmente, capitano di più ai motociclisti perché magari lasciano la moto ferma durante il periodo invernale ma neanche gli automobilisti sono immuni dal problema se lasciano l’auto in sosta per tanto tempo. Tutto ciò si può evitare, come dimostreremo con la nostra guida. Vi presentiamo subito due modelli ma il consiglio è di non fermarvi a questi e valutare bene tutte le possibilità. Lo CTEK MXS 5.0 si è rivelato uno strumento affidabile e adatto per la maggior parte delle batterie. Quanto al Black+Decker BDV090 è costruito con buoni materiali e non costa molto.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte
2

Commenti
degli utenti

7

Prodotti
analizzati

8

Ore
investite

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior mantenitore di carica?

 

Avete spesso problemi con la batteria? Allora avete fatto bene a dare un’occhiata alla nostra guida per scegliere il miglior mantenitore di carica. Tutte le informazioni che state cercando, utili a risolvere i vostri dubbi, le trovate qui. Non ci credete? Siamo pronti a scommettere che cambierete opinione alla fine della lettura. Oltretutto abbiamo selezionato tante imperdibili offerte sul mercato che assolutamente non potete farvi scappare; ma per i consigli d’acquisto c’è tempo, sono altre le priorità adesso come, per esempio, comprendere come scegliere un buon mantenitore di batteria.

Non solo d’inverno

Sapete qual è l’errore più comune quando si ha a che fare con la batteria del mezzo di trasporto? Si ritiene che questa patisca soltanto il freddo, dunque i migliori mantenitori di batteria del 2021 sono praticamente inutili quando fa caldo. Ebbene, non avete bisogno del miglior mantenitore di batteria fin quando prendete la vostra auto con una certa regolarità. 

Pertanto, se appena arriva la primavera, lasciate la vettura in garage per andare al lavoro in bici così da passare anche la prova costume, non meravigliatevi se dopo aver caricato tutto sulla vostra auto vi accorgete che la batteria è scarica. Ok, niente panico, avete il caricabatteria, risolvete il problema in pochi minuti… disdetta! Lo avete lasciato dove sta sempre, in fondo al portabagagli… peccato che questa volte tra voi e il prezioso strumento ci sono un sacco di valigie, pesanti per giunta. 

Questo paragrafo ci insegna due cose fondamentali la prima è che il mantenitore di carica va usato tutte le volte che l’auto (o la moto) resta ferma per un lungo periodo, indipendentemente dalla temperatura. La seconda è che quando si carica l’auto per andare in vacanza, tutti gli strumenti utili a far fronte alle emergenze vanno tenuti a portata di mano.

 

Compatibilità

Diciamo che non ci sono grossi problemi di compatibilità tuttavia c’è sempre una piccola probabilità che il vostro mantenitore non vada bene per la batteria. Un problema del genere va evitato semplicemente informandosi prima. In pratica non fatevi distrarre dai prezzi bassi e controllate di fare l’acquisto giusto, invece di preoccuparvi di comprare il dispositivo più economico. Oltretutto un modo per risparmiare lo si trova sempre, spesso è sufficiente fare una comparazione tra i mantenitori venduti online e confrontare i prezzi.

 

I 5 migliori mantenitori di carica – Classifica 2021

 

Dopo aver ascoltato, anzi, letto diversi pareri siamo giunti a determinare una classifica dei mantenitori di maggior interesse. Non mancano i dispositivi della migliore marca ma anche i cosiddetti produttori di seconda fascia hanno saputo farsi valere. Ad ogni modo per saperne di più sulle caratteristiche vi rimandiamo alla recensione. Chi volesse sapere dove acquistare un nuovo mantenitore, può far riferimento al link sottostante.  

 

 

1. CTEK MXS 5.0 Caricabatterie Automatico 12V, 5 Amp

Principale vantaggio

L’affidabilità è il punto di forza di un dispositivo come l’MXS 5.0, funziona ottimamente anche in condizioni climatiche estreme. 

 

Principale svantaggio

Pur non essendo un dispositivo molto complicato da usare, va detto che le istruzioni fornite dal produttore sono poco chiare.

 

Verdetto 9.8/10

Il marchio lo conoscono tutti, i suoi prodotti anche: se cercate un mantenitore e caricatore affidabile è l’MXS 5.0 che dovete comprare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Otto fasi

Quando si parla di mantenitori e caricabatterie il primo nome che viene in mente è sempre CTEK, basti pensare che grossi marchi automobilistici inseriscono proprio i dispositivi di questo marchio tra gli accessori. Dunque, un nome una garanzia. 

Il modello che vi proponiamo funziona come mantenitore e caricabatteria ed è dotato di un microprocessore con compensazione automatica della temperatura. È pensato per batterie al piombo acido da 1,2 a 160 Ah. È caratterizzato da diverse funzionalità, otto fasi per essere più precisi, come la diagnosi che verifica se la batteria è in grado di accettare e mantenere la carica, in caso contrario l’utente sa che è giunto il momento di cambiare la batteria. 

Altrettanto utile è la funzione di desolfatazione con gli impulsi di tensione che tolgono i solfati dalle piastre della batteria al fine di ripristinarne la capacità.

Massimo risultato con il freddo e il caldo

Il dispositivo ha un compensatore di temperatura che svolge una funzione molto importante garantendo ottime prestazioni di ricarica anche nelle condizioni più estreme di caldo o freddo. L’MXS 5.0 è provvisto di un esclusivo metodo di mantenimento a impulsi brevettato da CTEK che funziona egregiamente sul lungo periodo. 

Molto semplice, poi, seguire visivamente il test di mantenimento e ricarica della batteria grazie alle luci LED. È un dispositivo che fa della versatilità un altro dei suoi punti di forza poiché, come accennato nel paragrafo precedente, permette la ricarica di tutti i tipi di batteria al piombo acido fino a 110 Ah mentre il mantenimento è per batteri fino a 160 Ah.

 

Buoni materiali

Tra gli elogi espressi dai clienti e che abbiamo avuto modo di prendere nota c’è la robustezza del dispositivo. La qualità costruttiva, ma anche l’impiego di buoni materiali, fanno dello MXS 5.0 un dispositivo affidabile sotto tutti i punti di vista. Per farvi capire meglio, ad alcuni utenti è capitato che il mantenitore cadesse più volte a terra senza mai riportare conseguenze né all’esterno né all’interno. 

Qualcuno ritiene che il dispositivo si scaldi troppo ma si tratta di lamentele isolate che segnaliamo solo per scrupolo. Probabilmente bisognerebbe sforzarsi di più con le istruzioni nel senso che secondo alcuni utenti queste sono poco chiare e chi non ha mai usato un mantenitore fino ad ora, comprensibilmente, ha delle difficoltà, almeno per i primi tempi. Questa, ad ogni modo, è l’unica vera cosa negativa che possiamo dire di un dispositivo che per il resto ha soddisfatto tutti.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Black+Decker BDV090 Carica Batteria e Mantenitore di Carica, 6 V e 12 V

 

Compatto e pratico il mantenitore Black+Decker è adatto per batterie al piombo acido da 6 e 12 V. Non ha la funzione booster quindi non aspettatevi che se la batteria vi abbandona improvvisamente, possiate farla riparte con questo dispositivo che comunque non manca di aspetti positivi, a cominciare dal prezzo che è abbordabile. 

Certo, un costo così contenuto per un prodotto di un grande marchio può far sorgere il sospetto che si sia risparmiato sui materiali e sulla qualità costruttiva in generale ma vi garantiamo che non è assolutamente così: è tutto molto resistente e affidabile. 

Non c’è un display, tuttavia il sistema di indicatori LED dà tutte le informazioni del caso, facilmente interpretabili grazie a un libretto delle istruzioni scritto in modo chiaro ed esaustivo. C’è solo un limite che abbiamo individuato e non è di poco conto; se la batteria è completamente scarica il caricatore non riesce a caricarla, pertanto evitate di arrivare a tale condizione limite.

Pro
Prezzo:

È venuto a un costo molto vantaggioso che, ne siamo certi, farà gola a tanti, anche perché parliamo di un prodotto Black+Decker.

Qualità:

Il dispositivo è costruito con buoni materiali, è in grado di resistere a urti accidentali, le plastiche sono dure.

Istruzioni:

Quelle allegate al prodotto sono chiare, dettagliate, basta una rapida lettura per capire immediatamente come usare il mantenitore.

Contro
Batteria scarica:

Non soddisfano le prestazioni soltanto in un caso, ovvero, quando la batteria è completamente a terra; in quel caso il caricatore non riesce a caricarla.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Noco G750EU 6V/12V .75 Amp Intelligente Caricabatteria e Mantenitore di Carica automatico

 

Probabilmente i nostri lettori conoscono i prodotti Noco e sanno della loro qualità ed affidabilità. La tradizione, per così dire, è mantenuta dal caricatore e mantenitore in esame. Tutto funziona molto bene, soprattutto la ricarica, anche quando la batteria è del tutto scarica, a proposito è compatibile sia con quelle al litio sia al piombo da 6 e 12 V e fino a 30 Amp/Hr. 

I tempi di ricarica sono veloci. È possibile fare la diagnostica della batteria, c’è inoltre la funzione di recupero. È compatto e questa è stata un’altra delle caratteristiche che gli utenti hanno messo in evidenza tra le cose che hanno gradito. 

Segnaliamo che non ci sono istruzioni in italiano ma solo in inglese. Avrebbe fatto comodo la presenza di un secondo cavo con gli occhielli per lasciarlo collegato fisso alla batteria senza dover smontare le pinze.

Pro
Veloce:

I tempi di ricarica della batteria sono abbastanza rapidi, pertanto non bisognerà attendere troppo prima di rimettere in moto il vostro mezzo.

Performance:

Se la vostra batteria è del tutto scarica, non preoccupatevi perché il caricatore riesce a portarla a nuova vita anche in questo caso.

Contro
Cavo:

Abbiamo notato l’assenza di un secondo cavo con gli occhielli da lasciare collegato alla batteria in modo fisso, dover smontare le pinze è scomodo.

Istruzioni:

Purtroppo pur essendo presenti le istruzioni, non sono in italiano ma soltanto in inglese, pertanto potrebbe esserci qualche difficoltà a capire come si usa il mantenitore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Suaoki Caricabatteria Mantenitore 6V/12V 4A

 

Trattasi di un caricatore caratterizzato da un processo a otto passi e può caricare qualsiasi tipo di batteria. È molto facile da usare ed è in grado di rilevare il voltaggio a 6 o 12 V e funzionare di conseguenza. Terminata la carica, Suaoki diminuisce la corrente in automatico attivandosi così come manutentore della batteria. 

Assolutamente da menzionare la presenza del display dove si può visualizzare lo stato di carica della batteria, il voltaggio e le informazioni sulla diagnostica. Retroilluminato, lo schermo LCD è comodamente leggibile anche al buio. 

È uno strumento assolutamente sicuro, protegge batteria d utenti. I cavi ci danno l’impressione di essere troppo sottili ma il vero problema è un altro, se la batteria è del tutto scarica, non viene caricata e appare un messaggio di errore.

Pro
Display:

Lo schermo LCD si è rivelato essere di grande comodità nonché di agevole lettura anche in condizioni di oscurità.

Manutentore:

Dopo aver completato il ciclo di ricarica il dispositivo diminuisce automaticamente l’erogazione della corrente funzionando come manutentore.

Sicuro:

Si tratta di un dispositivo assolutamente sicuro, tutte le precauzioni sono state prese in fase di progettazione, inoltre è costruito con buoni materiali.

Contro
Batteria scarica:

Attenzione a non far scaricare completamente la batteria perché in questo caso potreste non riuscire a ricaricarla, visto che viene segnalato un messaggio di errore.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

5. Motopower MP00205A 12V 800mA Completamente Automatico

 

Il dispositivo è adatto per tutte le batterie al piombo da 12 V. Il suo prezzo, ne siamo sicuri, non mancherà di catturare la vostra attenzione e a nostro avviso si configura come uno dei punti di forza più rilevanti. 

Di grande semplicità è il funzionamento, in pratica è tutto in automatico ma nonostante ciò, i clienti hanno lamentato l’assenza di istruzioni in italiano la cui presenza, giustamente, è sempre gradita. Dicevamo della facilità d’uso; in pratica c’è un microprocessore controlla un programma che a sua volta verifica costantemente l’intero processo di ricarica. Quando si completa il ciclo di ricarica, il dispositivo si arresta. 

Tale controllo da parte del programma scongiura  a priori il rischio di cortocircuito, sovraccarico e polarità inversa. Sul versante degli aspetti negativi c’è poco da segnalare se non il cavo di alimentazione troppo corto  e l’assenza di istruzioni in italiano.

Pro
Costo:

I nostri lettori non resteranno indifferenti al costo del Motopower, è una spesa che si sostiene a cuor leggero.

Funzionamento:

Non presenta particolari difficoltà di funzionamento, va tutto in automatico una volta collegati i cavi.

Contro
Cavo alimentazione:

Secondo noi avrebbe bisogno di qualche centimetro in più per un collegamento più comodo con la presa della corrente.

Istruzioni:

È vero che il funzionamento non è complicato ma ciò non giustifica l’assenza di istruzioni in italiano.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare il mantenitore di carica

 

Se avete un mezzo di trasporto che lasciate in sosta per lunghi periodi, l’acquisto di un mantenitore di carica, più che un consiglio, è un obbligo. Quando l’auto o la moto restano fermi per mesi è quasi certo che la batteria si scaricherà. Tuttavia basta un po’ di attenzione per evitare che ciò accada, è sufficiente collegare alla batteria un mantenitore di carica.

Ho il mantenitore ma lo uso solo in inverno

Potrebbe capitarvi di ascoltare una affermazione del genere e potrebbe pure avere senso ma vediamo in quale caso ciò è vero. Per esempio, molto spesso la moto non si usa in inverno perché il freddo può essere insopportabile, poi c’è la pioggia ecc, tanto è vero che molti decidono addirittura di sospendere l’assicurazione perché certi la la moto resterà in garage per poi essere ripresa in primavera. In questo caso è ovvio che il mantenitore si usa solo in inverno ma non significa che la batteria non possa scaricarsi anche con il caldo. Dunque, se non prendete l’auto durante l’estate, collegare il mantenitore vi conviene.

 

Ho la moto, meglio le pinze a coccodrillo o gli occhielli?

Per la modo è preferibile usare gli occhielli invece delle pinze a coccodrillo. Gli occhielli, infatti possono essere lasciati collegati permanentemente sulla batteria e collegare velocemente il cavo quando serve. Ricordate che il rosso è positivo mentre il nero è negativo.

 

Alcune precauzioni

Dispositivi come mantenitori e caricabatterie sono sicuri ma ciò non toglie che vanno prese alcune precauzioni per evitare anche la più piccola possibilità di pericolo. Il locale dove usate il dispositivo deve essere ventilato ma anche coperto, distante da materiale infiammabile. In caso di ricarica la batteria dovrebbe ricevere una corrente equivalente al 10% della capacità nominale. Inoltre è preferibile la ricarica lenta piuttosto che quella veloce. Quando usate il dispositivo nella sua funzione di mantenitore, di tanto in tanto controllate che sia tutto in ordine.

Mantenitori usati

Sconsigliamo l’acquisto di mantenitori usati in quanto le componenti elettroniche si usurano e la loro funzione potrebbe essere compromessa.

 

 

 

Domande frequenti

 

A cosa serve il mantenitore di carica?

Quando si lascia un mezzo di trasporto fermo per mesi, c’è il rischio che quando si va a metterlo in moto questo non parte. Il problema è la batteria che, a causa dell’inattività del veicolo, si scarica. Un mantenitore serve a evitare che ciò accada.

 

Come funziona un mantenitore di carica?

Dopo aver collegato il dispositivo a una presa della corrente e collegati i morsetti ai poli della batteria, si lascia il mantenitore inserito durante tutto il tempo di inattività del veicolo. Sarà lo stesso dispositivo ad attivarsi e disattivarsi con lo scopo di tenere il livello di carica della batteria sempre al massimo.

 

Come collegare il mantenitore di carica alla moto?

Dopo aver inserito il mantenitore nella presa della corrente si collega la pinza rossa al polo positivo e quella nera al polo negativo. Tuttavia per le batterie da moto, nella maggior parte dei casi si usano i morsetti a occhielli che vengono lasciati in modo permanente così da usare il solo attacco rapido quando ce n’è bisogno.

 

Qual è la differenza tra mantenitore di carica e avviatore/booster per auto e moto?

Il mantenitore di carica serve per evitare che la batteria si scarichi mentre il booster interviene quando la batteria è a terra, dando quella spinta necessaria  a far rimettere in moto l’automobile oppure la moto.

 

Dove acquistare un mantenitore di carica?

Un dispositivo come il mantenitore di carica può essere acquistato online oppure presso negozi specializzati in vendita di ricambi ed accessori per auto e moto.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

4 COMMENTI

Matteo

March 10, 2021 at 5:13 pm

Buongiorno ho bisogno di un’info
Devo trasferirmi in un’altra città e devo lasciare la macchina ferma per diversi mesi, perché non posso portarla con me.
Questo un po’ mi preoccupa, perché l’ho presa da poco e nn voglio rovinarla
Voglio sapere quale mantenitore di carica scegliere?

Risposta
BuonoedEconomico

March 11, 2021 at 10:11 pm

Ciao Matteo,

la prima cosa che ti consigliamo è sicuramente di staccare i cavi della batteria, soprattutto se, come ci hai detto, hai intenzione di lasciare la macchina ferma per tanto tempo.
In questo modo preserverai i suoi componenti ed eviterai che quando la rimetterai in moto si rovini dopo pochi giorni di utilizzo.
Il mantenitore di carica che ti consigliamo è il modello CTEK MXS 5.0, perché è molto affidabile e facile da utilizzare.
Offre fino a otto fasi diverse, perciò non sarà un problema attaccare di nuovo la batteria in modalità Recovery e farla funzionare nuovamente quando ne avrai bisogno.

Saluti

Team BeE

Risposta
Mauro

March 9, 2021 at 10:16 am

Salve buongiorno.
Per la mia moto devo acquistare un mantenitore di carica efficiente, che vorrei utilizzare ma solo a 6 volt.
Il meccanico mi ha consigliato di sceglierlo così per evitare di rovinare la batteria.
Che mi consigliate per lasciarlo attaccato continuamente senza l’ansia di controllare se è tutto a posto?

Risposta
BuonoedEconomico

March 10, 2021 at 8:43 pm

Salve Mauro,

comprendiamo benissimo l’esigenza, anche perché spesso e volentieri è necessario provare diverse soluzioni per trovare quella più giusta.
Il mantenitore di carica che ti consigliamo in questo caso è il modello Black+Decker, particolarmente compatto e molto, molto pratico.
Tuttavia, abbiamo bisogno di sapere qualche informazione in più per capire se è davvero la soluzione migliore.
La tua moto che tipo di batteria ha? Perché, per esempio, questo mantenitore di carica è adatto per i modelli a piombo acido da 6 e da 12 V.

Saluti

Team BeE

Risposta

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia, Romania e Canada.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status