fbpx

Il miglior sensore di movimento

Ultimo aggiornamento: 15.10.19

Sensori di movimento – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Se avete la necessità di una luce che si accenda (e si spenga) in automatico al passaggio di qualcuno, per esempio per il portico di casa o per l’androne delle scale, quello che vi serve è un sensore di movimento. Questo prodotto, tipicamente venduto a prezzi bassi, rappresenta una soluzione intuitiva e che non obbliga a complicati lavori di installazione. Per saperne di più vi invitiamo a leggere la nostra guida e le recensioni dei prodotti che abbiamo selezionato tra tutti quelli in vendita online. Se volete arrivare subito al sodo, ecco i due modelli che reputiamo più interessanti. Il Litom STGECD011AB-ST è uno dei migliori sensori di movimento per esterno. Vanta tre diverse modalità di funzionamento, è dotato di ben 24 LED, di cui 6 laterali, per assicurare una luminosità in tutte le direzioni e dispone di pannello fotovoltaico, per evitare sprechi e consumi di energia. In alternativa, l’Hava 1 W – 1200 W mm si fa apprezzare per ingombri ridotti, buona sensibilità e un prezzo di vendita economico.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

Come scegliere il miglior sensore di movimento

 

Se non sai quale sensore di movimento o di presenza scegliere dai un’occhiata alla nostra guida; ti forniamo alcune indicazioni utili per individuare il modello più adatto alle tue esigenze. Nella classifica in basso, invece, trovi la recensione dei modelli più apprezzati quest’anno sul mercato.

 

Guida all’acquisto

 

Tipologia

Questi rilevatori costituiscono la soluzione ideale per una gestione più efficiente dell’illuminazione e permettono una discreta riduzione dei costi. Chi confronta prezzi e prestazioni dei vari modelli deve, prima di tutto, decidere quale tipo di rilevatore acquistare.

I sensori di movimento sono detti anche PIR – Passive InfraRed – e fanno scattare la lampada collegata non appena registrano un movimento. In un ambiente molto affollato, per esempio con un continuo via vai di persone, l’illuminazione rimarrà accesa sempre. Questi sensori rilevano variazioni significative come corsa, passaggi, movimenti maggiori. I sensori di presenza, invece, sono molto più sensibili e registrano solo movimenti minimi, per esempio quelli che si possono compiere stando seduti.

Un’altra decisione che andrà presa preliminarmente riguarda il posizionamento dei sensori; i modelli impermeabili – quelli con certificazione pari almeno a IP5x – sono pensati per ambienti esterni come vialetti, giardini, parcheggi ma anche per aree umide come bagni o docce. Quelli da interno, invece, possono essere montati a parete o a soffitto e vanno bene solamente per ottimizzare l’illuminazione nel corridoio, nella scala o in un altro ambiente dell’abitazione o dell’ufficio.

I rilevatori con lampada integrata possono essere alimentati con energia elettrica o solare. In quest’ultimo caso si utilizza una fonte pulita, si riducono ulteriormente i consumi e l’installazione è semplificata perché non bisogna effettuare nessun complicato collegamento tra cavi.

 

Regolazioni

I sensori della migliore marca si caratterizzano per l’ampia gamma di soluzioni che offrono all’utente, rivelandosi quindi più versatili. Dovrebbe essere sempre possibile regolare il livello di sensibilità alla luce in base alle diverse esigenze in modo da far scattare l’accensione della lampada solo quando si desidera, al primo calare della luce naturale o solo quando è buio.

Una volta che il sensore fa accendere la luce artificiale, dovrebbe poi essere possibile anche regolare per quanto tempo lasciarla accesa. Questo intervallo di tempo varia da modello a modello e può andare da circa dieci secondi a sette minuti o più.

Un’ultima opzione che l’utente potrebbe essere interessato a gestire, sia nei modelli per interni che in quelli da esterno, è l’angolazione e la distanza di rilevazione. I sensori più potenti sono in grado di coprire uno spazio maggiore, i migliori permettono anche di regolare queste impostazioni.

Altre caratteristiche

Il prezzo degli apparecchi è certamente un’altra variabile da valutare e, tuttavia, bisogna anche considerare il risparmio che questi dispositivi assicurano, in alcuni casi evidente già dalla prima bolletta.

Per quanto riguarda i sensori con luce integrata, un’altra caratteristica da non sottovalutare è il numero di LED presenti: più ce ne sono, meglio sono distribuiti e più efficace sarà l’illuminazione del vialetto o del giardino.

Nel caso dei rilevatori a cui va collegata una fonte di luce, occorre invece verificare qual è la potenza massima supportata, espressa in watt.

 

I migliori sensori di movimento del 2019

 

Se non sai quale rilevatore di presenza comprare dai un’occhiata ai nostri consigli d’acquisto. Si tratta di quelli che sono per noi i migliori sensori di movimento per quest’anno e quelli più apprezzati dai consumatori. Sono tutti caratterizzati da un ottimo rapporto tra prestazioni offerte e prezzo conveniente. Scopri quali sono, ti aiuteremo a investire bene il tuo denaro.

 

Prodotti raccomandati

 

Litom STGECD011AB-ST

 

Questo modello realizzato dalla Litom è un sensore di movimento per esterno tra i più venduti online. Tra i punti di forza va sottolineata la presenza di ben 24 LED, di cui sei laterali, tre per ogni lato, che assicurano una luminosità più diffusa quando la lampada si accende, superiore a quella di tanti altri modelli simili.

Un altro vantaggio è la presenza del pannello fotovoltaico che non solo sfrutta una fonte di energia pulita e non inquinante, ma riduce i consumi e semplifica notevolmente anche l’installazione, poiché non bisognerà armeggiare con cavi elettrici.

È una lampada versatile perché dotata di tre diverse modalità di funzionamento, da adattare alle specifiche esigenze di ognuno: può essere accesa appena fa buio o, con una diversa intensità, quando rileva un movimento. Si tratta di una lampada efficiente con un buon angolo di rilevamento e capace di attivarsi anche quando registra un movimento a otto metri di distanza. Installata all’altezza giusta – 1,7 – 2 m da terra – consente anche al cane e al gatto di attivarla.

Il grado di impermeabilità IP65 assicura protezione da pioggia e condizioni meteo estreme.

Se non sapete dove acquistare un buon sensore di movimento ma soprattutto quale comprare, forse la nostra guida per scegliere il migliore in vendita vi potrà essere utile per farvi un’idea chiara della situazione e scegliere per il meglio. A cominciare dal Litom che ci sembra essere una valida soluzione. Sono diversi i clienti ad averne apprezzato le sue caratteristiche ma qualche difettuccio c’è e lo vedremo insieme con i vantaggi che comunque non mancano.

Pro
Luminoso:

I 24 led di cui è dotato il sensore garantiscono una buona visibilità, anche al calare delle tenebre; non c\'è che dire, è un prodotto illuminante.

Fotovoltaico:

Si risparmia l\'elettricità grazie al pannello fotovoltaico che fornisce l\'energia necessaria al suo funzionamento.

Efficiente:

Registra i movimenti fin da una distanza di 8 metri, in definitiva lo riteniamo pratico e funzionale.

Contro
Batterie:

Purtroppo le batterie hanno una durata scarsa.

Costoso:

Il prezzo è abbastanza alto e la cosa non è stata molto gradita alla clientela.

Acquista su Amazon.it (€74,87)

 

 

 

Hava 1 W-1200 W

 

Qualora abbiate la necessità di posizionare un sensore che provveda ad accendere la luce al rilevamento della presenza di qualcuno, la soluzione proposta da Hava è funzionale e anche economica. La forma piatta, lo spessore ridotto (24 mm) e il diametro di 114 mm permettono di posizionarlo facilmente e senza ingombri eccessivi sia sul soffitto sia a parete.

Il sensore a infrarossi rileva il movimento a 360 gradi e con una portata compresa tra uno e sei metri, sebbene alcuni utenti affermino che la sensibilità sia superiore (per qualcuno perfino troppo, visto che si attiva anche al passaggio di una persona in un’altra stanza, se la separazione tra gli ambienti avviene tramite una porta a vetri).

Il piatto è di colore bianco ed è realizzato in PVC resistente, consente di gestire facilmente lampade a Led o fluorescenti fino a 500W di potenza e anche di impostare il tempo di accensione, da un minimo di 10 secondi fino a un massimo di 15 minuti. Considerato il prezzo di vendita e la semplicità di installazione, si tratta di un prodotto degno della massima considerazione.

Pro
Semplice:

L’installazione e il montaggio sono facili da eseguire e non richiedono particolare abilità. Allo stesso modo anche impostare il tempo di accensione non arreca alcun problema.

Ingombri:

Il piatto ha un diametro contenuto e spessore ridotto, dunque non è un difficile collocarlo ovunque ne abbiate bisogno.

Compatibilità:

Funziona egregiamente con lampade Led o fluorescenti, con potenza da 1 fino a 500W.

Contro
Sensibilità:

Il sensore, in alcune situazioni, si dimostra perfino troppo sensibile. Inoltre non è possibile modificare l’angolo di attivazione.

Acquista su Amazon.it (€12,73)

 

 

 

Goobay 95172

 

Come scegliere un buon sensore di movimento per interni? Il nostro consiglio è di valutare con attenzione questo modello della Goobay. Un apparecchio come questo consente di gestire con oculatezza il proprio impianto di illuminazione, evitando sprechi e riducendo i consumi.

In particolare, questo rilevatore è pensato per essere montato a soffitto e, quindi, ha un raggio d’azione di 360° che capta il movimento da qualunque direzione provenga – fino a una distanza di 6 metri – per far scattare il dispositivo luminoso collegato.

Il costo decisamente abbordabile è un altro punto di forza di questo modello e non sono pochi i consumatori che ne hanno acquistato più d’uno per coprire più punti della propria abitazione, ottenendo un ulteriore sconto sul prezzo. Il manuale solo in tedesco non è di grande aiuto in fase d’installazione.

È probabilmente il sensore di movimento più economico che si possa trovare in giro, ma attenzione, non è da esterni, bensì da interni. La sua presenza aiuterà ad evitare gli sprechi di energia in casa con conseguenti benefici per il portafogli. Ma vediamo quali sono i pro e i contro che sono emersi nel corso della nostra analisi del prodotto.

Pro
Raggio d\'azione:

Ha un raggio d\'azione a 360° così da poter rilevare il movimento da tutte le direzioni possibili.

Prezzo:

Il costo è secondo noi uno degli aspetti più interessanti: davvero economico e ideale per chi è interessato ai prezzi bassi.

Contro
Meno sensibile:

L’azienda produttrice parla di una sensibilità a partire da 6 metri di distanza ma secondo alcuni utenti il valore è inferiore e non superiore ai 4 metri.

Acquista su Amazon.it (€12,7)

 

 

 

Electraline 58412

 

Se non sai quale sensore di movimento per esterni comprare dai un’occhiata a quello realizzato da Electraline. È tra i più venduti sul mercato per i vantaggi offerti al consumatore, a cominciare dal prezzo imbattibile, ideale per chi è in cerca del massimo risparmio. Si tratta di un interruttore crepuscolare che fa attivare la lampada collegata solo quando la luce solare naturale esterna cala. Come nei migliori modelli, è anche possibile regolare il livello di sensibilità alla luce al quale far scattare l’accensione della lampada.

Il consumatore, in base alle proprie esigenze, può stabilire l’attivazione non appena la luce naturale si affievolisce oppure solo quando è notte fonda. Il sensore è versatile perché può essere regolato anche in un altro senso e, cioè, l’utente può decidere per quanto tempo la lampada debba rimanere accesa: l’intervallo disponibile va da dieci secondi a quattro minuti.

Notevoli sia il raggio d’azione che arriva a 180° sia la potenza della lampada alla quale collegare il sistema che può arrivare a 1.000 watt.

Costi contenuti per il sensore proposto da Electraline, anche se precisiamo che non si tratta del sensore più economico in circolazione e si accende al calare della luce solare ma più in generale permette una serie di regolazioni molto interessanti, secondo noi. Ma parliamone nei pro e nei contro.

Pro
Crepuscolare:

La lampada si attiva al calare del sole, ma la cosa più interessante è che si può regolare l\'accensione in base all\'intensità della luce.

Intervallo di tempo:

È regolabile anche l\'intervallo di tempo durante il quale la lampada deve restare accesa.

Contro
Distanza:

La distanza necessaria affinché il sensore si attivi è davvero esigua.

Regolazione:

Le rotelline per le regolazioni sono troppo piccole e chi ha le dita grandi avrà delle difficoltà.

Acquista su Amazon.it (€12,67)

 

 

 

Maclean MCE25

 

Non sarà il miglior sensore di movimento del 2019 ma questo Maclean merita attenzione perché, come fa notare la maggior parte dei consumatori, si tratta di un modello resistente e realizzato con materiali di buona qualità. È un apparecchio che colpisce per la sua versatilità poiché si può regolare in vari modi, adattandosi alle esigenze di ognuno.

Il raggio d’azione, per esempio, può essere regolato da 5 m a 12 m in base alle esigenze. Anche la sensibilità alla luce si può regolare e il consumatore può scegliere oltre quale soglia far attivare l’illuminazione collegata. Si può stabilire anche per quanto tempo la luce debba rimanere accesa e l’intervallo tra cui scegliere è molto ampio perché va da dieci secondi a sette minuti.

Infine, poiché è impermeabile come certifica il grado di protezione IP44, può essere installata sia all’esterno che all’interno, a parete.

Economico efficiente e versatile: non c’è molto altro da dire su un sensore che ha suscitato l’interesse di tantissimi clienti ma valutiamo i pro e i contro per capire bene cosa ha di speciale e cosa è penalizzante.

Pro
Gamma di rilevazione:

Ragguardevole la distanza massima alla quale si attiva il rilevatore che è di 12 metri, inoltre, questo valore è regolabile a partire da un minimo di 5 metri.

Impermeabile:

Può essere installato anche all\'aperto, la pioggia non lo danneggerà.

Intervallo di tempo:

Si può stabilire il tempo massimo durante il quale il sensore resterà acceso: si va dai 10 secondi ai 7 minuti.

Contro
Ingombrante:

non è tra i sensori più compatti che si possano reperire in vendita.

Installazione:

Per installarlo bisogna avere un minimo di competenza e dimestichezza con cavi e elettricità.

Acquista su Amazon.it (€11)

 

 

 

Come utilizzare un sensore di movimento

 

Può essere un valido alleato per consentire il giusto risparmio energetico ma anche come dissuasore in caso di tentata intrusione da parte di malintenzionati. Vediamo come utilizzare al meglio il sensore di movimento perché svolga tutte le funzioni di cui è capace.

Per accendere la luce o attivare la videocamera di sicurezza

Il sensore di movimento è un dispositivo molto utile che consente di massimizzare la resa di impianti di sicurezza o di illuminazione. Si usa all’esterno della propria abitazione principale, non importa che si tratti di una villa privata o di un condominio. Anche attività commerciali o pubbliche possono trarre grande beneficio dall’uso di un sensore.

Attivandosi solo quando rileva il passaggio di una persona consente di tenere sotto controllo i consumi di corrente e mantenere contenuti i costi in bolletta. Un vantaggio dell’accensione delle luci al passaggio delle persone è quello di rischiararne il cammino. Ma l’inevitabile corollario è quello di togliere dall’ombra della notte anche eventuali ladri che cercano di introdursi all’interno della nostra proprietà, scoraggiandone le cattive intenzioni.

 

Come impostare correttamente il sensore

Per essere certi di sfruttare al massimo del suo potenziale questo dispositivo è bene che non si attivi a casaccio. Per questo sarà necessario impostarlo perché sia sensibile alla presenza di esseri umani e non di animali randagi che si trovino nei paraggi. È bene scegliere quei modelli che consentono di regolare l’altezza del rilevamento del segnale. I sensori che funzionano con un riconoscimento del calore emesso dal corpo di chi si avvicina saranno più precisi nella rilevazione della presenza di uno o più individui trasferendo al dispositivo collegato l’impulso per la sua accensione.

Sensori dotati di telecamere sono quelli più sofisticati e adatti a rispondere alle esigenze di monitoraggio dell’area contro l’accesso di ladri.

Nei locali pubblici frequentati da molte persone, un sensore di movimento svolge bene il proprio compito mantenendo accesa la luce fin tanto che ci sono persone nel locale. La luce si spegne quando l’ultima persona esce, non c’è da preoccuparsi di lasciare al buio qualcuno se si usa un sensore che ne rileva la temperatura più alta rispetto a quella ambientale e non i movimenti.

Collegare il sensore al sistema di allarme antintrusione

È possibile collegare l’apparecchio per il rilevamento di persone estranee a un sistema di protezione della casa o della propria attività commerciale. In questo caso si tratta di creare un sistema integrato che fa scattare un allarme o invia una segnalazione a chi di dovere se dovesse rilevare un tentativo di intrusione. In questo caso è possibile personalizzare il sistema di notifica del tentativo di scasso.

Si può scegliere se ricevere una e-mail o una notifica in tempo reale su smartphone. L’avviso può essere automaticamente inviato alle forze dell’ordine perché possano prendere provvedimenti immediati.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

 

MengK LED Wireless

 

Un altro buon rilevatore di movimento per esterni è quello realizzato da MengK. Facendo una comparazione con la versione precedente, i miglioramenti che sono stati apportati sono evidenti. I LED integrati adesso sono 16 e non 8: il risultato è un’illuminazione decisamente più potente.

Si tratta di una lampada alimentata a energia solare, un sistema pulito, meno dispendioso economicamente e più facile da installare. Inoltre l’efficacia del pannello è stata migliorata e la batteria ora è più efficiente e dura di più. È un modello molto resistente e destinato a durare negli anni. Il grado di impermeabilità IP64 è sufficiente a proteggere la lampada anche in caso di condizioni atmosferiche particolarmente difficili e di pesanti acquazzoni.

La facilità del montaggio è un altro punto di forza del rilevatore di movimento poiché non occorrono cavi ma basta qualche minuto per fissare poche viti e tasselli già inclusi nella confezione.

Il nuovo Mengk presenta importanti miglioramenti rispetto alla versione precedente che invece degli attuali sedici LED, ne aveva soltanto otto, davvero pochi per una buona illuminazione. Di conseguenza questo modello offre una maggiore quantità di luce. La maggior parte dei pareri raccolti, sono positivi ma vediamo pregi e difetti.

 

Pro

Installazione: Essendo un dispositivo che funziona sfruttando l’energia solare, non richiede di installare i fili: bastano un trapano, un cacciavite e qualche vite.

Impermeabilità: Dovendo stare all’esterno è importante che resista anche alle piogge più forti: grazie al buon livello di impermeabilità, l’acqua non è un problema.

 

Contro

Poco versatile: C’è una sola modalità di funzionamento e dunque non si può scegliere di impostare, per esempio tra illuminazione continua, di notte o di solo movimento.

Alimentazione: Essendo alimentato dall’energia solare, si è obbligati a installarlo in un punto dove batta il sole per la maggior parte del tempo, altrimenti la batteria durerà pochissimo. Per quanto la scelta sia ecologica, è una limitazione non di poco conto secondo noi.

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status