Il miglior olio di cocco

Ultimo aggiornamento: 14.12.18

Oli di cocco – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Riconosciuto come un alimento dalle molteplici qualità benefiche, l’olio di cocco sta superando la diffidenza degli italiani, entrando pian piano a far parte della nostra cucina. Due ottimi prodotti per noi sono: 100ProBio 1PB1000fbab, solidificato, adatto alla cucina e alla cosmesi, mantiene tutte le proprietà funzionali perché è biologico e non raffinato, al pari dell’Arnetica 1000ml che ti permette di risparmiare grazie alla confezione da un litro.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere i migliori oli di cocco

 

Vuoi darti alla cosmesi casalinga o il tuo regime alimentare sta per subire un piacevole cambiamento e non sai come scegliere un buon olio di cocco. Il prezzo è un elemento importante da valutare, ma non il solo.

Questa guida si propone di darti i consigli utili per scegliere il burro o olio di cocco realizzato senza alterarne le proprietà organolettiche e massimizzando i benefici che ne derivano.

a-1-olio-di-cocco

Guida all’acquisto

 

A tavola o per la cosmesi fai da te

L’olio di cocco è un grasso vegetale che si spende bene in diversi ambiti, come del resto fa la maggior parte degli oli di uso comune. La differenza tra questo e un EVO, per esempio, sta nella persistenza dell’odore: gradevole e delicata nel primo, decisamente più importante e a volte fastidiosa del secondo. Ma di entrambi si può dire che svolgono alla perfezione questi due compiti, essendo per natura ricchi di sostanze e nutrienti che fanno bene al corpo, dentro o fuori.

Confronta prezzi e noterai che l’olio di cocco nello specifico non ha un costo inaccessibile, anche se superiore ad altri colleghi vegetali, a partire da quello d’oliva. Ma si spende bene in diversi ambiti: dalla saponificazione con soda caustica, alla produzione di maschere e creme per viso o capelli, fino alla possibilità di essere usato in cucina per la frittura visto che ha un punto di fumo piuttosto elevato e sopporta bene le alte temperature.

 

Impara a leggere l’etichetta

La recensione attenta di un prodotto di questo tipo va letta con attenzione, ma ancora più attenta deve essere la lettura delle informazioni riportate direttamente in etichetta. La qualità dell’olio di cocco dipende in primo luogo dal tipo di lavorazione che ha subito così come dalla certificazione della sua origine.

Sul mercato non mancano gli esempi di prodotti spacciati per ecosostenibili ma che nascondono magagne. Gli oli migliori sono quelli definiti extra vergini, frazionati o nativi, cioè quelli estratti dalla parte più pura della pianta e che sono stati lavorati in modo da separare le componenti più grezze. Sono oli le cui caratteristiche organolettiche sono selezionate tra le migliori offerte dalla pianta.

L’olio non deve essere raffinato o estratto attraverso l’impiego di altre sostanze, come solventi o altri chimici che oltre ad alterarne le caratteristiche sono persistenti e rimangono intrappolate nell’olio che andremo a usare. Devono quindi essere estratti a freddo tramite spremitura.

a-2-olio-di-cocco

Perché cercare la certificazione bio

La migliore marca farà grande vanto della propria compatibilità con i criteri previsti dall’agricoltura bio. Questo non solo per un fatto di moda, ma soprattutto perché garanzia dell’assenza di sostanze nocive impiegate durante la coltivazione della palma e che permangono nell’olio.

Controlla che l’ente che certifica la salubrità dell’olio sia riconosciuto a livello europeo, e che quindi rispetti il regolamento comunitario in termini di coltivazione biologica. Ulteriore garanzia è rappresentato dal marchio del commercio equo e solidale: saprai che le limitazioni sulla qualità delle colture sono ancora più strette e che per la coltivazione del cocco sono stati rispettati i diritti dei lavoratori e della loro terra.

La classifica che segue ti propone diverse soluzioni scelte tra quelle che maggiore successo hanno avuto tra gli acquirenti quest’anno.

 

I migliori oli di cocco del 2018

 

In tanti hanno scelto la cosmesi come hobby e realizzare le creme in casa significa prestare attenzione ai materiali usati per creare i propri segreti di bellezza. Principale vantaggiodotti di questa classifica ti vogliono dare alcuni spunti per aiutarti a capire come scegliere un buon olio di cocco.

Le offerte che trovi di seguito sono selezionate tra i prodotti più venduti quest’anno e che migliori riscontri hanno trovato tra gli acquirenti.

 

Prodotti raccomandati

 

100ProBio 1PB1000fbab 

 

1.Olio di cocco nativoProbabilmente il miglior olio di cocco del 2018, scelto da tanti anche per via della grande versatilità e la qualità degli ingredienti selezionati e certificati bio.

Si tratta di un olio solidificato, spendibile sia in cucina che per il make up, che la tedesca 100ProBio propone al pubblico di connazionali e non con grande successo da parecchi anni.

Si tratta di un prodotto puro al 100% non raffinato e che non prevede l’aggiunta di additivi. È spremuto a freddo quindi non sono stati utilizzati solventi né è stato deodorato prima di essere proposto per la vendita. È indicato nelle diete paleo e vegan proprio per via del basso impatto della lavorazione ed estrazione del grasso dal frutto.

Tanti utenti lo usano anche in cosmesi, come base da cui ricavare creme e maschere per i capelli. Si tratta di un prodotto versatile e facile da impiegare in ricette che ne prevedono l’uso e che dà il meglio di sé per rinforzare la struttura dei capelli fragili e stressati anche se usato puro senza l’aggiunta di altri ingredienti.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Arnetica 1000ml 

 

2.1000ml Olio di cocco extra vergine arneticaVuoi darti alla cosmesi alternativa e naturale ma non sai quale olio di cocco comprare? La proposta di Arnetica è da prendere in considerazione per il buon rapporto tra prezzo, quantità e qualità dell’olio.

Venduto in barattoli da litro, si distingue da altri per il vantaggio del costo soprattutto se rapportato alla qualità della materia prima impiegata.

Oltre a essere bio certificato secondo la normativa europea, l’olio è extra vergine e nativo cioè solo l’essenza della polpa del cocco senza additivi o processi invasivi che ne altererebbero la struttura molecolare e quindi la salubrità.

Ideale per la cosmesi come per la cucina, sopporta bene gli sbalzi di temperatura e l’esposizione al calore, quindi se ne consiglia l’uso anche come sostituto dell’olio d’oliva per le fritture. La consistenza varia in base alla temperatura ambientale, mantenendosi semisolido, come fosse burro, quando è freddo o liquido se è caldo. Il sentore di cocco è persistente e gradevole così da essere piacevole anche usato puro sulla pelle per ottenere una buona idratazione.

 

Acquista su Amazon.it (€19,88)

 

 

 

InstaNatural INS010904000473

 

3.Olio di Cocco Frazionato InstaNaturalTra i migliori oli di cocco specificamente pensati per la cosmesi e la cura del corpo, il prodotto proposto da InstaNatural piace per la praticità e versatilità che offre.

Si tratta di un olio cosmetico specialmente pensato per essere usato nei massaggi o altri trattamenti che ne prevedano l’uso. È un prodotto molto pregiato perché deriva dalla selezione della parte migliore dell’olio vergine e non raffinato cui vengono tolte le parti meno nobili: le più pesanti, e meno solubili, e le più leggere, dall’odore a volte sgradevole. Ecco perché si definisce frazionato, indicando che solo la componente migliore dell’olio estratto dal frutto è selezionata per questo prodotto.

Se ne suggerisce l’uso come alleato per la cura della pelle, delicata o arrossata, inclusa quella dei bambini. L’alto contenuto di vitamina E nel frutto e quindi nell’olio ne determina l’ottima compatibilità con le caratteristiche dell’epitelio e il facile assorbimento unito alla scarsa untuosità lo rendono davvero semplice da usare tutti i giorni.

 

Acquista su Amazon.it (€12,97)

 

 

 

Coconut Merchant 500ml

 

4.Olio di Cocco 500 mlNella comparazione con prodotti simili, quest’olio spicca per il convincente rapporto tra qualità e prezzo. Si tratta di un olio indicato soprattutto per l’uso culinario quindi non sottoposto a trattamenti, e proveniente da agricoltura biologica nel rispetto della normativa europea.

Fa parte dei nostri consigli d’acquisto perché scelto da molti acquirenti che testimoniano la buona qualità del prodotto nonostante il prezzo davvero allettante. Si propone come un valido sostituto dei grassi tradizionalmente impiegati in cucina, olio e burro, quindi adatto a chi segue una dieta crudista o vegana.

È extra vergine, quindi non sottoposto ad alcun tipo di trattamento invasivo per la sua estrazione dal frutto della palma. È estratto a freddo attraverso un processo di spremitura capace di estrarne l’essenza separandola dalla polpa. L’odore di cocco è persistente, delicato e gradevole: chi ne ama il profumo esotico lo apprezza ancora di più come trattamento cosmetico da applicare puro sulla pelle.

Acquista su Amazon.it (€11,14)

 

 

 

Naissance 250g

 

5.Olio di Cocco Vergine BiologicoEcco un altro tra i prodotti venduti online che merita una menzione speciale nella nostra classifica dei più venduti dell’anno.

Si tratta di un olio di cocco pensato specialmente per la saponificazione, da usare come alternativa al più comune olio d’oliva, con cui si fa il classico sapone di Marsiglia in combinazione con la soda caustica.

Vanta la certificazione bio della Soil Association, uno tra gli enti più rinomati nel Regno Unito, non subisce lavorazioni invasive ed è puro al 100%. Ideale da usare nella cosmesi, si utilizza così com’è come impacco per i capelli o nei massaggi del corpo. Mantenendo le caratteristiche intatte non perde la preziosa compatibilità con la pelle e il sebo naturalmente prodotto da questa come protezione dall’attacco di agenti esterni, climatici o ambientali.

Il prezzo non è tra i più vantaggiosi, visto che è venduto a oltre 40 euro al chilo, ma chi lo usa trova comoda la confezione e reputa buona la qualità del prodotto.

Acquista su Amazon.it (€9,99)

 

 

 

Come usare l’olio di cocco

 

Se siete appassionati di prodotti naturali e soluzioni alternative potreste trovare di vostro interesse l’olio di cocco che non solo offre un prezioso contributo alla cura di pelle e capelli, ma può essere impiegato anche in cucina. Gli impieghi sono davvero tanti, probabilmente troppi per essere elencati tutti ma vediamo quelli più comuni e per certi versi, meno bizzarri.

Olio puro o raffinato

Come prima cosa vogliamo fare una distinzione tra quello che è l’olio di cocco puro e quello raffinato. Il primo non è oggetto di alcun tipo di trattamento e non è pastorizzato. Quanto all’olio raffinato, invece, si ricava dalla polpa fatta essiccare e sottoposta a trattamenti di deodorizzazione e sbiancamento.

Questi processi causano la perdita di una buona parte delle proprietà dell’olio, cosa che lo rende, per ovvie ragioni, più economico. Aggiungiamo che in commercio si trova anche l’olio di cocco biologico, ideale per chi vuole un prodotto sano e senza pesticidi dannosi per la salute dell’uomo. In questo caso, invece, l’asticella del prezzo sale.

 

Sui capelli

Per i capelli è un toccasana, con esso si possono preparare impacchi utili per rendere la chioma brillante o per eliminare le doppie punte. È anche un buon balsamo, non a caso, in commercio si trovano prodotti realizzati proprio servendosi di questo frutto. Applicandolo con regolarità, inoltre, i capelli acquisiranno maggiore forza e vitalità.

Sulla pelle

Problemi di pelle secca? Ci penserà l’olio di cocco a idratarla e renderla morbida. Ma è anche un ottimo prodotto sia pre-ceretta ce post, grazie alla sua azione lenitiva. L’importante è applicare l’olio a piccole dosi in quanto non bisogna esagerare. Per contrastare i segni del trascorrere del tempo suo viso, basta applicarlo con regolarità e la pelle diventerà più elastica e restando in questa particolare zona del corpo, l’olio dà prova di essere anche un buon struccante.

 

In cucina

Preoccupandosi di prestare attenzione, al momento dell’acquisto, se l’olio sia un prodotto cosmetico o alimentare, ed è questo il caso che ci interessa in questo momento, un impiego moderato a tavola contribuirebbe a far aumentare il livello di colesterolo buono nel sangue e al contempo, far diminuire quello cattivo. Su questa ultima informazione invitiamo i lettori a considerarla come pura curiosità in quanto non è nostra intenzione sostituirci al parere di un medico o dare indicazioni terapeutiche che non ci competono.

 

 

Ne abbiamo ancora! Dai un’occhiata a questi articoli:

 

Olio di argan

Migliori semi di chia

Olio di jojoba

Curcuma

Olio essenziale

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 votes, average: 4.80 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.