Il miglior baby monitor

Ultimo aggiornamento: 17.10.18

Baby monitor – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Philips Avent SCD620/26 è un buon prodotto proposto a un prezzo interessante e che impiega la tecnologia di punta in grado di restituire audio e video di alta qualità. Non mancano i pareri entusiasti dei genitori che l’hanno scelto come compagno nell’accudimento dei propri piccoli: la sensibilità del sensore è tale da captare anche il minimo sospiro.. In alternativa considera Chicco 025670 che è ricco di funzioni, come la possibilità di fare foto e video, e lo zoom digitale molto potente.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior baby monitor

 

Il baby monitor aiuta le mamme che passano molto tempo in casa da sole col proprio bambino e che per tenere in ordine approfittano, in religioso silenzio, dei momenti di tregua scanditi dalle nanne del pupo durante il giorno o nel pomeriggio.

Oltre alle porte socchiuse per proteggere il riposo del bebè, anche la struttura dell’appartamento può rendere difficoltoso sentire il richiamo del bimbo quando non si è nella stessa stanza. Per non limitarsi a confrontare i prezzi, ma per avere anche un’idea chiara di cosa aspettarsi da questo tipo di dispositivi, segui la nostra guida.

5

Guida all’acquisto

 

Solo audio o anche video?

In questo caso, il prezzo è una discriminante non da poco se devi scegliere tra un dispositivo in grado di riprodurre il solo segnale audio o anche il video di quello che sta succedendo nella culla e nella stanzetta del baby.

I modelli più semplici, quelli che funzionano come classici walkie-talkie, intercettano i rumori che avvengono in prossimità del bambino e li ritrasmettono all’apparecchio dell’adulto che si trova in un’altra stanza.

In generale questi modelli scalano la classifica delle preferenze dei consumatori perché sono economici, ben rodati e parecchio affidabili. Meritano una recensione positiva i modelli con una frequenza alta, o comunque superiore ai 40 MHz, perché meno soggetti a interferenze con altri apparecchi cordless, compresi quelli dei vicini a poca distanza.

Sul mercato sono oggi disponibili anche i modelli dotati di video, delle vere e proprie telecamere in grado di filmare anche al buio e rimandare il segnale video al televisore portatile dall’altra parte della casa. In questo modo è possibile tenere sott’occhio il sonno del bambino.

 

Il wireless

La migliore marca di monitor per bambini è quella in grado di fornire numerose alternative, anche se a un prezzo diverso, per accontentare i gusti di tutti i genitori e permettere loro di scegliere in base alle abitudini familiari.

La connessione wireless presente in molti dei nuovi dispositivi serve per avere accesso ai momenti di tenera intimità anche se chi guarda si trova a grande distanza dal pupo. Le connessioni sono sempre protette e accessibili solo con connessioni criptate, e ne possono beneficiare nonni e zii che vivono lontani dal nuovo nato.

6

 

Accessori in dotazione

La nostra guida continua accennando alla possibilità di orientarsi verso modelli che dispongono di sensori a raggi infrarossi per permettere la visione del volto del bambino anche al buio.

Mentre la presenza di rilevatori della temperatura della stanza permette di tenere sotto controllo anche le stufe e non riscaldare troppo o troppo poco l’ambiente protetto del bambino.

Infine, la possibilità di scegliere un baby monitor a doppio canale, consente di inviare oltre che ricevere il segnale, e quindi potere parlare con il bambino e sentirne la risposta, si tratta di uno strumento utile per i bimbi un po’ grandicelli che giocano da soli nella loro stanza, magari al piano di sopra.

 

I migliori baby monitor del 2018

 

Come ci si sente ad avere tutto sotto controllo? Per alcuni si tratta di un bisogno irrinunciabile, soprattutto se in gioco c’è la sicurezza e il benessere del componente più prezioso della famiglia.

I baby monitor permettono di avere sempre sott’occhio il sonno o le attività del bambino anche a distanza. Proponiamo una serie di consigli d’acquisto per facilitare la comparazione tra le offerte e lasciamo a voi la scelta su quale sia il miglior baby monitor del 2018.

 

Prodotti raccomandati

 

Philips Avent SCD620/26

Principale vantaggio:

La stabilità e la potenza del segnale sono considerevoli, così è possibile utilizzare il dispositivo anche in abitazioni grandi o disposte su più piani.

 

Principale svantaggio:

Le suonerie incorporate non è che colpiscano per la piacevolezza delle melodie e, per alcuni utenti, più che calmare il bambino contribuiscono a farlo innervosire ancora di più.

 

Verdetto 9.8/10

Il baby monitor frutto della collaborazione tra Philips e Avent si fa apprezzare per la qualità e la ricchezza di funzionalità. Il collegamento è stabile. Prezzo non proprio alla portata di tutti.

Acquista su Amazon.it (€139,88)

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

La telecamera

Il dispositivo si compone di due parti, come da tradizione di questo genere di prodotti. C’è la telecamera, da posizionare nella stanza del bambino in modo che lo inquadri mentre fa la nanna nel lettino o nella culla, e c’è il ricevitore, dal quale i genitori osservano il piccolo e si accorgono qualora si sia svegliato e pianga.

La telecamera, che permette di osservare immagini nitide anche quando la cameretta è al buio, è dotata di una basetta e dunque deve essere appoggiata su un ripiano mentre non è in alcun modo possibile ancorarla al letto. La resa delle immagini è di buon livello, anche se il ricevitore viene collocato a una certa distanza o se nel mezzo si trovano vari ostacoli come porte o se la camera del bimbo si trova a un piano differente.

Tra l’altro l’accensione di un led si preoccupa di segnalare se l’unità mobile è all’interno del campo di ricezione.

Non solo video

Il ricevitore portatile è dotato di un display da 2,7 pollici sul quale osservare quanto la telecamera sta inquadrando. Ma è anche dotato di altoparlanti che consentono di ascoltare gli eventuali rumori, tipicamente il pianto del bambino o qualche suo versetto, in modo da capire se è il caso di intervenire.

Tra le varie funzioni ce n’è una denominata Vox, che attiva il display esclusivamente nel momento in cui viene rilevato qualche rumore proveniente dalla cameretta. La qualità del sonoro è elevata e la telecamera permette non solo di ascoltare ma anche di trasmettere la propria voce, così potrete provare a calmare il bambino parlandogli o cantandogli una ninna nanna.

Qualora la vostra voce non funzioni, potete affidarvi anche su alcune suonerie precaricate, che riproducono una serie di rilassanti melodie. Non tutti i genitori le hanno apprezzate, perché secondo alcuni la qualità è mediocre e, alla fine, il risultato finisce con l’essere controproducente, con il bimbo che, ascoltandole, si innervosisce invece di calmarsi.

 

Non costa poco

La qualità di visione al buio, la cura nella scelta dei materiali e la ricchezza di funzioni fanno di questo baby monitor una scelta molto valida.

D’altra parte il brand che lo produce è ritenuto tra i più affidabili per quanto riguarda i dispositivi per la prima infanzia. Tanta qualità e attenzione al dettaglio ha ovviamente una ripercussione sul prezzo di vendita, piuttosto elevato e non alla portata di tutti. Ma in un mercato di prodotti economici che poi restituiscono immagini poco nitide o frammentarie, meglio spendere qualcosina in più.

 

Acquista su Amazon.it (€139,88)

 

 

 

Chicco 025670 

 

2.Chicco 025670Nella nostra classifica proponiamo quello che secondo noi è il miglior baby monitor Chicco, vediamone le caratteristiche più interessanti.

La tecnologia che supporta questo dispositivo permette una trasmissione del video senza interferenze o interruzioni, grazie alle due vie di comunicazione del segnale.

È dotato di sistema di attivazione vocale per avvisare i genitori quando c’è un rumore nella stanza dove riposa il bebè, la ripresa a raggi infrarossi invece permette di tenerlo sempre sott’occhio anche al buio. Dal dispositivo si può attivare lo zoom digitale per guardare da vicino il faccione del nostro bel bimbo addormentato. Nel frattempo possiamo anche fare delle discrete ma tenerissime riprese video o scattare delle foto grazie ai comandi presenti sul display da 3 pollici che funziona con sistema touch screen.

La telecamera che si istalla a parete ha in memoria sei ninne nanne, ma è dotato di connessione MP3 per preparare al baby la migliore colonna sonora in base ai suoi gusti più speciali.

Anche questo modello ha ricevuto i pareri positivi di tantissimi utenti. Grazie alla loro esperienza con il prodotto e alla nostra, abbiamo potuto stilare una classifica dei principali pregi e difetti. Eccoli.

Pro
Zero interferenze:

Grazie alla tecnologia digitale a due vie di comunicazione, le riprese audio e video verranno sempre trasmesse senza subire alcuna interferenza.

Zoom digitale:

Non solo una grande risoluzione e il supporto dei raggi infrarossi: è possibile procedere con uno zoom per controllare da vicinissimo lo stato di salute e l’umore del bimbo.

Funzione foto e video:

Tramite i pulsanti sul display touch screen è possibile scattare foto e registrare dei video del proprio bimbo.

Ninna nanna:

Il baby monitor intratterrà il bambino non solo con le sei ninne nanne già in memoria, ma anche con qualsiasi Mp3 in nostro possesso.

Contro
Qualità audio:

Da un prodotto di fascia così alta ci si aspettava una qualità audio migliore.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€165,41)

 

 

 

Motorola MBP8 

 

3.Motorola MBP8Tra i sistemi di controllo a distanza del riposo dei piccoli, esistono le versioni dotate esclusivamente di microfono, quindi non per forza puntate direttamente sul bambino, ma posizionate in modo da captare solo i rumori della stanza. Vediamo come scegliere un buon baby monitor Motorola che restituisca una buona qualità audio.

Le caratteristiche di questo prodotto sono notevoli, i microfoni hanno una buona resa e riescono a captare anche suoni leggeri in una stanza di 5mq. L’unità nella camera del bimbo si collega alla presa del muro, quindi non necessariamente sopra la culla, basterà che sia vicina. Anche l’unità genitoriale ha bisogno di essere collegata a una presa, dato da tenere in considerazione se si desidera invece un dispositivo mobile da poter portare con sé.

La capacità del segnale è notevole, è in grado di coprire le esigenze di una casa a più livelli restituendo sempre un suono nitido e chiaro.

Completiamo di nuovo la recensione passando in rassegna i vantaggi e gli svantaggi del baby monitor Motorola riscontrati durante il suo utilizzo. Contiamo che ti siano utili al momento della scelta.

Pro
Plug-n-go:

È molto utile sia in casa che in viaggio. Non solo, infatti, è poco ingombrante da trasportare, ma grazie alla presa da muro si installa ed è pronto da utilizzare in un attimo.

Microfono:

Come spesso accade nei baby monitor che si concentrano soltanto sull’audio, la qualità e la sensibilità del microfono sono molto elevate. È in grado di captare anche il minimo suono.

Contro
Portata ridotta:

La portata non va oltre i 50 metri, per cui la camera dei genitori deve essere piuttosto vicina a quella in cui si trova la culla o il lettino.

Volume:

Il volume non può essere regolato e per alcuni utenti potrebbe risultare troppo basso per i loro gusti.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€30,63)

 

 

 

D-Link DCS-825L

 

4.D-Link DCS-825LVediamo adesso quale baby monitor Wi-Fi comprare per essere sempre in contatto con il nostro bambino, in qualunque parte del mondo ci troviamo.

Il dispositivo D-Link funziona dialogando direttamente con il proprio smartphone sfruttando il segnale internet per permettere di vedere il bambino dal vivo attraverso la videocamera anche quando un viaggio ci costringe lontani dal pargolo. Ma questo dispositivo funziona anche collegato alla rete domestica per potere dialogare con i dispositivi che ne fanno parte, oppure in modalità wireless anche quando non si ha accesso alla connessione alla rete. Scaricando la App EyeOn, si assicura che soltanto gli utenti autorizzati possano avere accesso alla comunicazione con il dispositivo che controlla il bambino.

L’apparecchio è dotato di numerose funzioni interessanti, eccone una carrellata veloce. È provvisto di audio bidirezionale, che permette di sentire quello che succede nella cameretta ma anche di parlare con il bambino. Ha uno zoom digitale 4x mentre il sensore video restituisce immagini HD molto nitide e riconosce automaticamente se è necessaria la visione notturna. Si può personalizzare il tipo di notifiche che si vuole ricevere, per esempio impostando una temperatura ideale per la cameretta, e il sensore si attiva segnalando il troppo caldo o troppo freddo. Grazie alla scheda microSD inclusa è possibile registrare video e foto dei momenti più significativi del nostro bambino.

Anche il modello D-Link, così diverso da quelli analizzati in precedenza, può vantare pregi importanti che ne consigliano la scelta, così come qualche piccolo difetto che potrebbe frenarti dall’acquistarlo.

Pro
Portata:

La portata è praticamente infinita, dato che alle immagini si accede direttamente via internet, e quindi da ovunque disponiamo di una connessione.

Opzioni:

Il baby monitor prodotto da D-Link è ricco di utili funzionalità e opzioni, come la visione notturna con LED a infrarossi, l’audio bidirezionale, lo slot per la scheda di memoria MicroSD e tanto altro ancora.

Contro
Requisiti:

Per poter funzionare al meglio, ha bisogno di una rete wireless in casa e ovunque si pensi di farne uso. Inoltre, si dovrà essere in possesso di uno smartphone e/o di un tablet per visualizzare le riprese.

Sensore temperatura:

Quello che poteva essere un interessante optional è più spesso considerato un vero flop, dato che i dati trasmessi sulla temperatura ambientale sembrano molto poco attendibili.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Chicco 025630

 

5.Chicco 025630Eccoci all’ultimo consiglio sulla scelta del dispositivo ideale per il controllo in remoto del sonno del nostro bambino. Chiudiamo la nostra carrellata di proposte con il più classico dei modelli di ricetrasmittente proposta da Chicco per monitorare con discrezione il bambino. Se quello che cerchiamo è un dispositivo di facile utilizzo per segnalare rumori nella stanza del bebè, questo modello fa al caso nostro.

Semplice da usare grazie alla sua tecnologia analogica, funziona restituendo un buon segnale audio senza interferenze grazie ai due canali di comunicazione. Segnala con una luce LED l’intensità del rumore che viene rilevato in prossimità del bambino. Un supporto utile se la formazione della nostra casa non permette di sentire bene i vagiti che vengono dalla stanza dove riposa il neonato.

Ha una portata di 150 metri, sufficiente a coprire l’estensione di una casa grande. Funziona a pile, ricaricabili quelle dell’unità genitore, alcaline quelle dell’unità bambino, oppure collegando alla corrente entrambe le trasmittenti.

Venduto a prezzi bassi tanto da essere probabilmente il modello più economico tra quelli qui suggeriti, questo modello della Chicco ha anche altri pregi con cui potrebbe conquistarti.

Pro
Ottima portata:

La notevole portata da 150 m consente di utilizzarlo anche in case a più piani o da un appartamento a un altro confinante.

Portatile:

L’unità per i genitori come quella per il neonato funzionano sia a batteria che alimentati dalla presa elettrica, per cui possiamo spostarli ovunque vogliamo senza problemi. Inoltre al momento dell’acquisto vengono fornite delle pile ricaricabili per l’unità per i genitori.

Contro
Funzioni limitate:

È privo di tante funzioni extra che corredano gli altri dispositivi analizzati in precedenza, come le suonerie o l’audio bidirezionale.

Interferenze:

Più di un utente ha avuto problemi di interferenze: accertati che non ci siano altri neo genitori con baby monitor nelle immediate vicinanze del tuo appartamento!

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Philips Avent SCD620/26

 

Il fortunato connubio tra uno dei principali marchi dedicati al baby care, Avent, e la nota azienda olandese che produce elettrodomestici, Philips, prosegue e la loro versione di baby monitor portatile convince parecchio. È un bel modello dal design gradevole e maneggevole, pensato per essere usato in mobilità, seppur dentro un certo range d’azione.

L’unità con videocamera che si mette in camera con il bambino è fissa e va sistemata nel posto più adatto per inquadrare il pargolo durante il suo sonno. L’unità che riceve il segnale inviato dalla telecamera è invece mobile e può essere tenuto dalla mamma o da chi si occupa della cura del bambino mentre si sposta da una stanza all’altra. Un Led si illumina e informa in tempo reale se ci si sta allontanando troppo dall’area coperta dalla portata del segnale.  

Ineccepibile la qualità anche dal punto di vista delle prestazioni della videocamera e del microfono: l’audio è netto e ben definito e la sensibilità del microfono può essere regolata a piacere, mentre il volto del bimbo è ben visibile anche al buio grazie agli infrarossi che lo illuminano.

Pro
Alta tecnologia impiegata:

La pulizia del suono e delle immagini restituite all\'unità genitore è molto alta e il viso del bimbo è perfettamente visibile anche al buio grazie agli infrarossi che non ne disturbano il sonno.

Batteria al Litio:

Questa tecnologia consente una lunga autonomia con una ricarica normale e lunga vita della batteria che non soffre il temibile effetto memoria che ne accorcerebbe la vita utile.

Unità genitore mobile:

La ricetrasmittente si porta con sé come un walkie talkie, e il segnale stabile e affidabile si estende anche su più piani della stessa abitazione. Una luce Led avvisa se ci si sta allontanando troppo dall\'area servita dal segnale.

Contro
Serve un supporto:

La telecamera che va nella stanza del piccolo deve essere poggiata a un piano e non è predisposta per essere ancorata alla culla, a meno di non procurarsi un gancio a parte.

Acquista su Amazon.it (€139,88)

 

 

 

Come utilizzare un baby monitor

 

Tenere sotto controllo i propri figli anche se molto piccoli è una delle principali motivi che spingono i genitori verso l’acquisto di un baby monitor. Nelle righe seguenti abbiamo riunito consigli e suggerimenti studiati per migliorare il rapporto con questo delicato ma pratico strumento.

Scegliete la giusta posizione

Vi suggeriamo di procedere facendo diverse prove, collocando il dispositivo a distanze differenti, così da cogliere al meglio il segnale audio e avere un buon angolo di inquadratura nel caso del video. In ogni modo, non posizionate il dispositivo dentro la culla o nel box.

 

Evitate cadute e colpi

Una buona pratica consiste nel tenere ben posizionato e lontano da possibili fonti di disturbo il monitor. Verificate la solidità della base e il buon equilibrio del supporto. In caso di urti eccessivi è molto probabile che il dispositivo possa riportare danni alla lente o al comparto audio, inficiando così le qualità che ne hanno giustificato l’acquisto.

 

Sfruttate le batterie di emergenza

Diversi baby monitor vengono alimentati con la corrente elettrica ma dispongono anche di una batteria tampone in caso di blackout. Il consiglio che ci sentiamo di dare riguarda un controllo preventivo così da verificare questa opzione di supporto.

 

Non considerate il baby monitor un sostituito

Specialmente nei primi mesi è bene avere sempre la guardia alta ed essere vigili. Il dispositivo vi permette di tenere sotto osservazione il piccolo anche a distanza ma non vi solleva dalle naturali e giuste attenzioni che una creatura così piccola naturalmente richiede.

 

Sfruttate la modalità a infrarossi

Se presente tra le funzioni, l’attivazione della camera per una visione notturna libera le potenzialità del video anche in assenza di luce diurna. In questo modo non si ha necessità di tenere accese piccole luci e si può lasciare dormire serenamente il pargolo, con la stessa definizione di una ripresa con luce naturale o artificiale.

 

Inserite la modalità Ninnananna

Alcuni genitori possono sfruttare il dispositivo per attivare anche un tema musicale che accompagna il piccolo durante il riposino, con una serie di suoni ambientali che funzionano da compagnia.

 

Controllate la presenza di un audio bidirezionale

Il microfono presente sul baby monitor consente in alcuni modelli di far sentire la voce di mamma e papà al piccolo, non fungendo solo da ricevitore ma svolgendo un ruolo attivo e di conforto per il bambino.

Verificate con regolarità i livelli sul display

La potenza del segnale e il livello della batteria sono verificabili a schermo da parte dell’utente. Vi suggeriamo di non perdere di vista queste funzionalità; si eviteranno sorprese e l’improvviso oscuramento del monitor a fronte di una carica esaurita.  

 

Pulite con cura lo schermo

Per non rovinare il display LCD vi suggeriamo di utilizzare un panno asciutto. Stesso trattamento va riservato alla lente presente sulla videocamera. Prima di optare per altri prodotti fate sempre riferimento al manuale di istruzioni.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Philips AVENT SCD603/00

 

1.Philips AVENT SCD603-00Maneggevole come uno smartphone e discreto come una web-cam, tra i baby monitor digitali più venduti troviamo questo modello della Philips AVENT dalle linee accurate e prestazioni interessanti. Il sonno più sereno per un neonato è quello tra le braccia dei genitori, ma se si desidera che il bambino dorma al riparo da rumori fastidiosi, nell’intimità della propria culla, grazie a questo dispositivo si potrà facilmente controllare il suo riposo senza disturbarlo.

Il display a colori ad alta risoluzione restituisce un’immagine chiara e nitida grazie alla telecamera che si può installare a parete e alla capacità di ricezione del segnale entro 150 metri. La visuale a raggi infrarossi permette di potere distinguere senza difficoltà il profilo del bambino anche se sta riposando al buio.

L’attivazione vocale del monitor permette di intervenire tempestivamente se il bimbo ha bisogno, è importante tenere a mente che, soprattutto durante i primi mesi di vita, il rischio di soffocamento durante il sonno non va sottovalutato. La telecamera funziona con l’attacco alla corrente, ma è dotata di pile per potere funzionare anche in caso di black-out, mentre il display cordless ha il suo supporto per la ricarica.

Questa guida per scegliere il miglior baby monitor prevede che ogni recensione di prodotto sia corredata da una lista dei pregi e dei difetti più importanti. Dopo di essa, trovi anche un link che ti suggerisce dove acquistare il prodotto in questione a un prezzo imbattibile.

 

Pro

Qualità delle immagini: In quanto a qualità dell’immagine, è davvero difficile trovare un dispositivo migliore. Grazie ai raggi infrarossi, la camera si vede perfettamente anche in piena notte.

Batterie di emergenza: Si alimenta tramite presa elettrica, ma è dotato anche di batterie in modo da rimanere in funzione in caso di improvviso black out.

Ricezione: La ricezione arriva fino a 150 metri (ovviamente dipende dal numero e dallo spessore dei muri interni o dei livelli della casa) e si rivela ottima anche in appartamenti piuttosto grandi.

Ninna nanna: Bella la possibilità di attivare diverse ninne nanne in remoto.

 

Contro

Sistema di attacco: Il baby monitor ha una base piatta, mentre sarebbe stato comodo un sistema di aggancio per collegarlo direttamente alla culla o al lettino.

button-IT-2

 

 

 

Ne abbiamo ancora! Dai un’occhiata a questi articoli:

 

Specchietto retrovisore per bambini

Lampada notturna bambini

Lampada per bambini

Il miglior monitor fetale

Mini telecamera di sorveglianza

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (13 votes, average: 4.62 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.