fbpx

Il miglior rilevatore di fumo

Ultimo aggiornamento: 15.10.19

Rilevatori di fumo – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Per garantirsi tutta la sicurezza necessaria per prevenire il rischio di un incendio, l’acquisto di un rilevatore di fumo è da prendere in seria considerazione, sia che vogliate installarlo in casa sia in un ufficio. Qui di seguito vi proponiamo le recensioni dei modelli più interessanti ma se non avete tempo di leggerle tutti vi possiamo anticipare che il Nest Project è un rilevatore Smart che può essere controllato con lo smartphone. Un altro dispositivo interessante è Heiman HM-626PHS, che risulta uno dei modelli più economici ed efficienti presenti in commercio.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior rilevatore di fumo

 

Classico prodotto per la sicurezza domestica, il rilevatore di fumo è uno strumento in grado di individuare un principio di incendio. Sul mercato ne esistono di vari tipi, da quelli più semplici a modelli integrati in grado di fornire una protezione a 360 gradi contro quasi tutti i principali rischi. La presente guida ti aiuterà a scoprirne le caratteristiche più importanti, mentre per scegliere il più adatto alle tue necessità consulta la nostra classifica dei migliori rilevatori del momento.

Il primo requisito da controllare è la precisione del sensore di rilevazione dei fumi. Ricordati però che è importante collocare l’apparecchio nei posti giusti, seguendo le istruzioni fornite dal costruttore. Anche quelli di migliore marca faranno cilecca se posizionati troppo lontani dalle fonti di pericolo.

Data la delicatezza della funzione svolta, è bene poi non basarsi troppo sul prezzo e privilegiare sempre e comunque la qualità.

Guida all’acquisto

 

Semplice o completo?

La prima scelta che si pone al consumatore smaliziato è quella tra dispositivi che si limitano solo a rilevare i fumi e quelli invece completi, che si attivano anche con le fiamme, l’anidride carbonica e il metano fornendoti una protezione globale.

A livello tecnico, dotarsi di un singolo dispositivo per ogni rischio è da preferire (clicca qui per una panoramica più completa), in quanto si potrebbe avere in casa lo strumento migliore per ogni potenziale situazione di pericolo. Se devi confrontare i prezzi delle due soluzioni, però, il discorso cambia. Il rilevatore completo è molto più economico, senza che nel complesso ciò riduca il livello di sicurezza in modo sensibile. All’atto pratico, questa soluzione potrebbe quindi essere preferibile.

 

Batteria e installazione

Sono due aspetti essenziali da considerare. L’alimentazione di un buon rilevatore deve essere sia a rete che autonoma, per potersi attivare anche nel caso che l’incendio abbia compromesso l’impianto elettrico. Bisognerà controllare la durata della batteria, che varia da prodotto a prodotto, e accertarsi che sia sostituibile senza fatica.

Mentre l’installazione non presenta in genere difficoltà particolari, leggendo le varie recensioni degli utenti abbiamo scoperto che è importante avere un manuale in italiano, se non altro per essere sicuri di posizionare e configurare lo strumento nel modo giusto. Quindi, fai attenzione a questo fondamentale dettaglio, che può incidere molto sulla tua sicurezza.

Intelligente e connettivo

Non sarebbe bello essere avvisati dal rilevatore di un pericolo quando siamo fuori casa, magari con una chiamata sul cellulare? I nuovi modelli hanno in effetti realizzato questo sogno in quanto sono dotati di connessione Wi-Fi. In questo modo ti assicurano un servizio di vigilanza costante, molto utile quando sei in viaggio o in vacanza.

Tra le altre funzionalità spesso presenti in questo tipo di dispositivi ricordiamo poi l’autotesting, ossia la possibilità di effettuare dei test periodici di verifica della funzionalità. Così sarai sempre sicuro che l’apparecchio stia vigilando sulla tua sicurezza e non sia guasto. Inoltre, può rivelarsi utile la funzione reset, che azzera i valori registrati.

Per concludere, ricordiamo che la rivoluzione digitale di sicuro influenzerà nel prossimo futuro anche i rilevatori di fumo, arricchendoli di nuove possibilità e funzioni. Per cui, se sei un appassionato di sicurezza, cerca di tenerti sempre aggiornato.

 

I migliori rilevatori di fumo del 2019

 

La sicurezza è tutto, soprattutto quella domestica: grazie a questo dispositivo sarai subito allertato nel caso che in casa si stia sviluppando un principio di incendio, con la conseguente possibilità di intervenire in tempo per limitare i danni.

Il consiglio di acquisto più importante che si può dare su come scegliere un buon rilevatore di fumo è essere sicuri dell’affidabilità e precisione del sensore. Nelle singole recensioni dei migliori prodotti dell’anno troverai poi ulteriori indicazioni e suggerimenti per fare un acquisto che ti consenta di dormire sonni tranquilli.

 

Prodotti raccomandati

 

Nest Project

 

Principale vantaggio:

È un rilevatore intelligente, si gestisce tramite lo smartphone e dice con precisione che tipo di problema c’è e in quale parte della casa. Gli avvisi possono essere mandati a tutti i membri della famiglia.

 

Principale svantaggio:

Molti utenti hanno trovato il processo di configurazione troppo complicato, in particolare sono state riscontrate non poche difficoltà per impostare l’italiano come lingua.

 

Verdetto 9.9/10

Il rilevatore di fumo Nest Project, secondo noi, è un dispositivo all’avanguardia grazie al quale si dice addio ai falsi allarmi e si tiene la situazione sempre sotto controllo; anche quando si è lontani da casa.

Acquista su Amazon.it (€145)

 

 

DESCRIZIONI CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Smart

Se ci chiedete una sola parola per descrivere il rilevatore di fumo Nest Project, la prima che ci viene n mente è “Smart”. Probabilmente siete abituati ai classici rilevatori che in presenza di fumo emettono un semplice suono. Non sempre vuol dire che la casa sta andando a fuoco; magari è solo la cena che si è bruciata, ma intanto il rilevatore emette l’allarme, sempre lo stesso, indipendentemente che ci sia una situazione di reale pericolo oppure no.

Nest Project ha un sensore a spettro suddiviso e fa tutte le verifiche del caso in completa autonomia e invia un report sullo smartphone avvertendo del tipo di problema. Naturalmente c’è anche un avviso vocale che dice esattamente dove c’è il pericolo; al pianto di sotto, a quello superiore e così via.

Gestibile con lo smartphone

La gestione è comoda; si può fare tramite lo smartphone e in un certo senso è come avere il rilevatore sempre a portata di mano; anche quando si è fuori casa. Basta scaricare l’applicazione dedicata. I pulsanti della app sono molto chiari. Se non c’è pericolo, basta pigiare “app silence” e l’allarme cessa.

Quando Nest Project rileva un problema, può mandare l’avviso a tutta la famiglia. L’avviso dice di che tipo di problema si tratta, ad esempio monossido di carbonio, e in quale parte della casa è interessata. Basta un tocco sullo schermo del telefono per eseguire un test e conoscere lo stato del funzionamento di tutti i rilevatori.

 

Lunga durata del sensore

Il monossido di carbonio è molto pericoloso perché invisibile e inodore: lo si respira senza rendersene conto e le conseguenze possono essere tragiche. Nest Project ha un sensore in grado di rilevare il monossido di carbonio che ha una vita di 10 anni. Per una maggiore sicurezza il rilevatore controlla automaticamente lo stato della batteria e i sensori per 400 volte nell’arco di 24 ore.

Molto pratica la luce con sensore di movimento. L’unica lamentela piuttosto ricorrente nei commenti in rete riguarda una certa difficoltà di configurazione. In particolare il procedimento per l’impostazione della lingua italiana risulta essere piuttosto ostico.

 

Acquista su Amazon.it (€145)

 

 

 

Heiman HM-626PHS

 

Questo rilevatore risponde alle esigenze di quanto cercano un rilevatore di fumo economico ma comunque affidabile. Nella versione base la confezione contiene un solo rilevatore ma c’è anche la possibilità di comprare confezioni da tre e da cinque. L’installazione è libera (può essere installato tanto al soffitto quanto alla parete, anche se per una maggiore sicurezza è opportuno scegliere sempre il soffitto) molto semplice: non ci sono fili. Il rilevatore, infatti, è alimentato da una batteria la cui durata è garantita per 10 anni.

Il problema è che una volta esaurita non è possibile procedere alla sua sostituzione in quanto integrata al rilevatore. Alcune persone hanno lamentato il fatto che il rilevatore non riuscirebbe a rilevare la presenza del fumo delle sigarette.

Premesso che per ovvie ragioni le sigarette non costituiscono un pericolo, se si esclude la salute delle persone, test fatti da altri utenti hanno dimostrato come l’allarme scatti se la sigaretta è messa vicino al rilevatore. Dunque, se volete installare il rilevatore per scoprire se qualcuno fumo dove non è permesso, pensiamo a luoghi pubblici, l’acquisto si rivelerà insoddisfacente ma non è questa la sua funzione.

Pro
Economico:

Il rilevatore di fumo ha un costo abbastanza contenuto soprattutto se ci sono pochi ambienti da tenere sotto controllo. Ogni stanza deve avere il suo rilevatore per il corretto monitoraggio.

Facile installazione:

I clienti hanno apprezzato la facilità con la quale si installa il rilevatore; non ci sono fili da passare e il lavoro si porta a termine in pochi minuti.

Installazione libera:

La migliore scelta è installare il rilevatore al soffitto ma essendo l’installazione libera, chi lo preferisce può metterlo alla parete.

Contro
Batteria:

Sebbene il produttore affermi che la batteria duri 10 anni, il problema è che una volta esaurita non può essere cambiata.

Sigarette:

Chi installa il rilevatore per rilevare il solo fumo delle sigarette, resterà deluso. L’allarme scatta solo se queste sono a pochi centimetri di distanza.

Acquista su Amazon.it (€16,99)

 

 

 

X-Sense SD11

 

Tra i modelli di rilevatori di fumo in vendita sul mercato quello di X-Sense concorre al titolo di più economico ma questo non deve lasciare intendere che le sue qualità siano limitate. Anzi, pur con un esborso modesto vi porterete a casa un apparecchio in grado di rilevare tempestivamente e in modo efficace i fumi da incendi nascosti e a lenta combustione.

Godrete così di tutta la sicurezza di cui avete bisogno sia che decidiate di montarlo in casa sia in un’attività commerciale. Proprio la velocità e la facilità dell’installazione rappresentano un altro valore aggiunto cui sommare anche la presenza di perni anti-scasso che garantiscono l’integrità del prodotto rendendone molto complicato il furto o la manomissione.

Qualora venga rilevato il fumo, il dispositivo emette un segnale acustico molto potente, nell’ordine degli 85 dB, in modo che sia letteralmente impossibile che l’allarme possa venire ignorato.

Altro motivi di apprezzamento è la durata della batteria che, trattandosi di un modello al Litio, è in grado di funzionare senza soluzione di continuità per una decina di anni, così non dovrete preoccuparvi che si possa scaricare. Importante rilevare, infine, come l’SD11 sia esclusivamente un rilevatore di fumo e non anche di monossido di carbonio, dunque se avete questa esigenza meglio cercare altrove.

Pro
Autonomia:

Integra una batteria al Litio che garantisce un’autonomia di molti anni, perciò non dovrete più preoccuparvi di doverla sostituire perché si è scaricata.

Economico:

Costa davvero poco ma la qualità e l’efficacia che offre sono di alto livello, perciò si tratta del classico prodotto dalla poca spesa ma dall’ottima resa.

Sensibilità:

Il sensore è in grado di rilevare in modo tempestivo i fumi da incendi nascosti e a lenta combustione.

Contro
Specifico:

Si tratta di un rilevatore esclusivamente di fumi, perciò non è in grado di accorgersi dell’eventuale presenza di altre sostanze.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Qoosea HM-625PHS

 

Compatto e semplice questo rilevatore può fare al caso di quanti cercano qualcosa di discreto, capace di passare inosservato e farsi notare solo nel momento del bisogno, ovvero, quando c’è del fumo in casa. L’installazione è semplice, non ci sono fili da collegare e all’interno della confezione ci sono le staffe necessarie per il fissaggio al soffitto.

Installazione che però, secondo noi, prevede troppe limitazioni a cominciare dalle raccomandazioni del produttore di non installare il rilevatore in cucina, un luogo dove potenzialmente, più di altri, può svilupparsi un incendio, Ma questo rilevatore non può essere piazzato nemmeno in bagno (evidentemente è sensibile anche al vapore) o in garage. Il dispositivo, inoltre, non può interagire con lo smartphone.

Qualora dovesse scattare l’allarme potete stare certi che non passerà inosservato, visto che la sirena emette un suono a 85 dB. La batteria integrata ha una durata di dieci anni.

Pro
Dimensioni:

Il rilevatore di fumo Qoosea si fa apprezzare per le sue dimensioni ridotte: è molto discreto ma quando serve, sa farsi sentire grazie al volume sostenuto dell’allarme.

Prezzo:

Il rilevatore è tra quelli più economici in commercio; anche se è necessario acquistarne uno per ambiente, non è richiesto un investimento eccessivo.

Contro
Installazione:

Ci sono alcuni paletti che delimitano dov’è possibile e dove non, installare il rilevatore. La cucina, pur potenzialmente esposta a possibilità d’incendio, è uno di quegli ambienti dove è sconsigliata l’installazione.

Smartphone:

Avendo una tecnologia semplice, questo dispositivo non è in grado di interfacciarsi con lo smartphone di conseguenza non manda avvisi né può essere gestito a distanza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Fireangel DIV005850 – St-620

 

Il rilevatore Fireangel è alimentato con una batteria a litio la cui durata è garantita per dieci anni. A differenza di altri modelli, in caso di necessità la batteria può essere sostituita una volta che ha esaurito il suo ciclo vitale. È di semplice installazione; non servono cavi.

Buoni, secondo noi, i materiali che sono in grado di resistere anche al calore intenso, condizione indispensabile nel malaugurato caso in cui si sviluppi un incendio. Molta cura è stata riservata al design, cosa che, sebbene all’atto pratico conti poco, è pur sempre un aspetto positivo visto che potrete collocarlo anche in bella vista senza che rovini l’estetica della stanza.

Buono il volume dell’allarme, chiaramente udibile. A quanto pare non sono disponibili le istruzioni in italiano ma solo in francese e inglese. Inoltre all’interno della confezione può esserci l’una o l’altra versione ma non entrambe, dunque bisogna avere anche la fortuna di beccare la lingua straniera che meglio si “mastica”.

Pro
Alimentazione:

L’alimentazione del rilevatore di fumo è a batteria, questa ha una durata di 10 anni ma a differenza di altri modelli, una volta esaurita può essere cambiata.

Installazione:

Gli utenti hanno apprezzato la semplicità dell’installazione al soffitto. Nella confezione sono presenti le staffe: basta disporre di un trapano.

Design:

Molto apprezzato dagli utenti, oltre che da noi, il design del rilevatore da fumo ha un aspetto moderno e molto gradevole.

Contro
Istruzioni:

I clienti del mercato italiano lamentano l’assenza delle istruzioni nella loro lingua: sono disponibili solo in inglese e francese. Oltretutto non sono presenti entrambi ma l’una o l’altra.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un rilevatore di fumo

 

Ci sono cose su cui sarebbe bene non badare al risparmio: la sicurezza è una di queste. Nel nostro caso parliamo di sicurezza all’interno delle mura domestiche. Non immaginate quanto sia semplice provocare, accidentalmente, un incendio; basta una distrazione e, quando ci accorgiamo delle fiamme, è troppo tardi. Ecco perché è importante installare dei rilevatori di fumo che, nella maggior parte dei casi, segnalano anche la presenza di gas nell’aria.

Le tre categorie

Quando si parla di rilevatori di fumo, si possono evidenziare tre categorie, ovvero, quelli di temperatura e calore, che percepiscono l’innalzamento della temperatura in casa, i rilevatori di fiamma e, infine, i rilevatori di fumo che sono in grado di percepire le particelle prodotte dal processo di combustione.

 

Dove installarlo

Potrebbe venire naturale installare il rilevatore di fumo nei luoghi della casa dove si ritiene più probabile che l’incendio possa originarsi, ma non è così. Una soluzione del genere potrebbe dare luogo a una serie di falsi allarmi: pensiamo, ad esempio, alla cucina. I rilevatori, inoltre, vanno posizionati in base al modello e al loro raggio di azione. Quanto al loro numero, deve essere proporzionale alla superficie da tenere sotto controllo.

È preferibile montare i rilevatori al soffitto; in termini pratici, si procede in questo modo: va rimosso il coperchio e posizionato il rilevatore nel punto prescelto. Quindi, servendosi di un pennarello, bisogna mettere dei segni in corrispondenza dei fori di aggancio del rilevatore. A questo punto bisogna intervenire con il trapano per realizzare i buchi. Informazioni più precise circa il collegamento alla rete elettrica sono reperibili nel libretto delle istruzioni compreso nella confezione.

Testare il rilevatore

Dopo aver installato il rivelatore di fumo, bisogna essere certi che sia stato fatto un buon lavoro e che funzioni. Per tale motivo è necessario eseguire un test, anzi, sarebbe buona norma controllare il dispositivo periodicamente. La prima cosa da fare è acquistare una bomboletta spray per testare i rilevatori di fumo. Una volta in possesso di questo spray speciale è necessario schiacciare il pulsante “test” presente su tutti i rilevatori e non rilasciarlo fin quando non emette un segnale acustico.

A quel punto va erogato lo spray in direzione del rilevatore. Se è tutto in ordine, scatterà l’allarme. Se il rilevatore non è troppo vecchio, sarà dotato di un pulsante per spegnere l’allarme, altrimenti si può avvicinare un aspirapolvere che aspirerà va lo spray rimasto nell’aria circostante il rilevatore.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

 

X-Sense DS211

 

3-x-sense-ds21Rispetto al modello DS511 dello stesso produttore, questo strumento si differenzia in quanto si limita a rilevare solo il fumo. Per le fiamme o il monossido di carbonio dovrai quindi dotarti di apparecchi supplementari. Nonostante questo limite, risulta uno dei più venduti, forse a fronte del prezzo, senza dubbio economico.

Venendo alla funzionalità, a leggere le numerose recensioni degli utenti che l’hanno provato, ad esempio dando fuoco a un foglio di carta, sembra che l’apparecchio faccia abbastanza bene il suo dovere: si attiva quasi all’istante ed emette un forte suono di ben 85 decibel.

Sveglierà non solo la tua famiglia, ma tutto il vicinato, consentendoti però di metterti in salvo. Anche questo dispositivo è sensibile al fumo di sigaretta, per cui purtroppo dovrai smettere di fumare in casa.

Anche questo modello inserito nella nostra guida per scegliere il miglior rilevatore di fumo ha i suoi vantaggi e svantaggi che andiamo a riassumere qui di seguito, in modo da dare un quadro completo agli utenti decisi ad acquistarlo.

 

Pro

Allarme: L’allarme di questo modello è molto potente, infatti arriva fino a 85 decibel. Molto utile per mettere in allerta tutta la famiglia e farsi sentire dal vicinato, in modo da poter mettere tutti in salvo.

Rapido: L’apparecchio è stato testato da diversi utenti con riscontri positivi, infatti sembra che l’allarme si attivi quasi all’istante dando la possibilità di poter agire preventivamente.

Prezzo: Può essere acquistato a un costo molto basso, così si potrà dotare la propria attività o abitazione di un buon rilevatore di fumo e risparmiare.

 

Contro

Funzionale: Rileva solo il fumo, quindi non ci saranno allarmi in caso di fiamme o per il monossido di carbonio.

 

 

 

Tepoinn J05-0001-143

 

4-tepoinn-monossidoMolto potente, questo apparecchio rileva anche il calore e l’anidride carbonica, risultando uno strumento di prevenzione per la sicurezza domestica a 360 gradi. Il prezzoè davvero basso, soprattutto rispetto alle funzionalità offerte, che tra l’altro includono l’auto test per verificare il funzionamento del sensore.

Inoltre, è dotato di memoria interna per conservare i valori degli ultimi rilevamenti effettuati, nonché di tasto reset. In questo modo potrai monitorare la qualità dell’aria all’interno della casa.

Nel complesso buoni i commenti degli utenti, che confermano le qualità dell’apparecchio e la sua funzionalità. Unico neo il manuale, che non è disponibile in italiano. Se non fosse per questo dettaglio, avrebbe potuto essere il miglior rilevatore di fumo del 2019 per l’ottimo rapporto qualità prezzo.

In effetti non sono in molti i rilevatori di fumo venduti online con le qualità e la tecnologia del Tepoinn, un modello adatto a tutti quelli che vogliono il massimo della sicurezza domestica. Concludiamo la nostra recensione con la rassegna dei suoi pro e dei suoi contro.

 

Pro

Tecnologico: Il modello ha un display digitale sul quale sarà possibile controllare tutte le informazioni rilevate. Utile per avere sempre tutto sotto controllo anche quando si è fuori casa.

Memoria: La memoria interna permette di salvare gli ultimi rilevamenti effettuati, per un monitoraggio più efficace della qualità dell’aria casalinga. Per memorizzarne altri, sarà sufficiente premere il tasto reset.

Montaggio: Viene venduto con tutto l’occorrente per un montaggio semplice e veloce che potrà fare contenti anche i meno abili nel fai da te.

 

Contro

Manuale: Come spesso accade con questi prodotti, il manuale d’istruzioni sarà solo in lingua inglese. Viste le funzioni dell’apparecchio poteva tornare utile averlo anche in italiano.

Materiali: I materiali del prodotto non sono dei migliori, cosa che potrebbe inficiare la sua durevolezza nel tempo.

 

 

 

Eminent EM8690

 

5-eminent-em8690È un rilevatore di fumo che però non è utilizzabile da solo, ma assieme al sistema di allarme EM 8605. Detto in due parole, si compone di una centralina che rileva attraverso i vari sensori – per fumo, fiamme o monossido di carbonio – se c’è una situazione di pericolo nell’appartamento.

La comunicazione tra i diversi dispositivi avviene via wireless, e sono tutti dotati di batterie per prevenire una eventuale interruzione di corrente elettrica.

Funziona? A leggere i commenti la risposta è affermativa, anche se la tecnologia è datata, utilizzando ancora gli sms per comunicare tra cellulare e centralina. C’è da dire che questo modello costa poco, per cui il tutto è proporzionato al prezzo. Per averne uno tutto digitale, si deve spendere molto di più.

Se si vuole spendere poco per un nuovo rilevatore di fumo, allora si potrà optare per questo modello Eminent. Prima di cliccare sul link del negozio, consigliamo di dare un’occhiata ai suoi pregi e difetti qui sotto.

 

Pro

Centralina: Si tratta di un rilevatore di fumo che funziona con una centralina d’allarme acquistabile separatamente, ma che oltre al fumo segnala anche le fughe di monossido di carbonio e principi di incendio.

Wireless: I dispositivi comunicano tramite la connessione wireless e funzionano a batterie, così da poter funzionare anche in caso di interruzione di corrente elettrica.

 

Contro

Datato: La centralina comunica l’allarme al proprio cellulare tramite SMS, quindi diciamo che il modello non è proprio al passo con la tecnologia odierna.

Batteria: Diversi utenti si sono lamentati della batteria del prodotto che oltre a non essere di qualità, tende a scaricarsi molto rapidamente.

 

 

KingDun Ottico

Principale vantaggio

La semplicità dell’installazione viaggia di pari passo con la sensibilità e la rapidità con la quale segnala la presenza di una quantità anomala di fumo nella stanza.

 

Principale svantaggio

Si tratta di un prodotto specifico per rilevare il fumo e non è in grado di segnalare la presenza di altri elementi potenzialmente pericolosi. Non si tratta di un vero e proprio difetto ma è bene segnalare che ci sono altri prodotti più versatili.

 

Verdetto: 9.8/10

Assolve in modo impeccabile la sua funzione, è facile da montare a soffitto e costa poco. Tra i rilevatori di fumo in vendita sul mercato è difficile pensare di trovare di meglio a questo prezzo.

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Semplice e completo

L’acquisto di un rilevatore di fumo è senza dubbio un passo che va nella direzione di incrementare la sicurezza di dove si vive ma è innegabile che dovrebbe essere in cima alla lista della spesa di chi ha un camino o di chi è proprietario di un albergo o di un bed & breakfast. Il modello di KingDun consente di sostenere la spesa senza incidere in modo significativo sul budget visto che costa davvero poco, offrendo però una sensibilità di alto livello. Nella confezione di vendita sono presenti sia le viti per il montaggio sia la pila per il funzionamento, così con pochi e rapidi passaggi potrete attivare il rilevatore e lasciare che si occupi di monitorare la situazione. Le dimensioni estremamente compatte fanno sì che il prodotto risulti discreto e poco appariscente, così da posizionarlo senza che rovini l’impatto visivo della stanza.

Sicurezza certificata

Come tutti i dispositivi deputati alla sicurezza e alla rilevazione di elementi potenzialmente dannosi, anche quello di KingDun vanta la certificazione CE EN 14604 della Comunità Europea a ulteriore garanzia dell’efficacia del funzionamento. Il sensore risulta molto sensibile ed è in grado di attivarsi e segnalare già le prime tracce di fumo, in modo da permettervi di intervenire tempestivamente. Se temete di non sentire l’allarme, questo rilevatore emette un allarme con una potenza sonora di 85 dB, perciò è un rischio che davvero non correte. Il prodotto si occupa anche di segnalare per tempo quando è arrivato il momento di sostituire le pile alcaline necessarie al suo funzionamento, in modo da averle sempre belle cariche.

 

Più d’uno

Le dimensioni compatte e il prezzo davvero contenuto rendono questo prodotto la scelta sostenibile per un hotel, un magazzino, una biblioteca o un centro commerciale perché è facile installarlo in modo discreto e anche acquistarne più d’uno non obbliga ad accendere un mutuo per affrontare la spesa. Sulla parte frontale del rilevatore è presente il tasto “test” che permette di controllare che il dispositivo sia stato montato correttamente. Inoltre è importante che la parte superiore non sia mai dipinta, dunque qualora doveste decidere di imbiancare il soffitto, dovrete prima procedere a smontare l’apparecchio.

 

 

Smoki 2828

 

2-smoki-rilevatoreUno dei migliori rilevatori di fumo in circolazione, che tra l’altro, comparando le varie offerte, risulta tra i più economici. Rileva anche i semplici principi di incendio, ossia la fase precedente a quella in cui le fiamme divampano e distruggono il tuo appartamento, grazie alla particolare sensibilità del sensore fotoelettrico. Lo svantaggio è che nei locali dove è installato non si può fumare, in quanto lo strumento è sensibile al fumo di sigaretta.

La qualità tecnologica del dispositivo è garantita da numerose certificazioni CE che ne assicurano la conformità a tutte le norme di sicurezza e una buona tecnica.

Si fissa senza viti attraverso un dispositivo magnetico e ha una garanzia di ben dieci anni, che copre anche la batteria al litio. Purtroppo non rileva il monossido di carbonio, l’unico difetto che abbiamo riscontrato in un prodotto che altrimenti si potrebbe definire ottimale.

A parte questo, potremmo considerare lo Smoki un compromesso ideale per chi non ha un budget molto alto o non ha voglia di spendere troppo per un rilevatore di fumo. Al termine della rassegna dei suoi pregi e difetti qui di seguito, si potrà trovare il link del negozio dove acquistare il prodotto a un ottimo prezzo.

Pro
Economico:

Pensiamo che sia difficile trovare un rilevatore di fumo venduto a un prezzo così conveniente. Se non si vuole spendere troppo, allora questo potrebbe essere il modello giusto.

Sensore:

Il sensore fotoelettrico rileva anche i principi di incendio. Questo vuol dire che il modello metterà tutti in allarme prima che si creino delle fiamme potenzialmente distruttive.

Certificato:

Chi cerca un dispositivo sicuro e certificato può stare tranquillo. Il rilevatore ha numerose certificazioni CE che ne assicurano un funzionamento corretto e conforme alle norme di sicurezza.

Installazione:

Può essere fissato senza viti grazie a un dispositivo magnetico, ottimo per chi è allergico a viti e cacciaviti.

Contro
Monossido di carbonio:

A differenza di altri modelli più costosi, questo non rileva le perdite di monossido di carbonio, ma visto il prezzo questo difetto potrebbe essere giustificabile.

 

 

X-Sense DS511

 

1-x-sense-rilevatoreUn modello senza molte pretese ma che in comparazione ad altri è senza dubbio economico e fa comunque il suo lavoro. Rileva non solo i fumi ma anche il monossido di carbonio, una caratteristica utile per la tua sicurezza in quanto questo gas inodore e incolore può rivelarsi un nemico molto subdolo soprattutto per chi utilizza stufe e caminetti.

Perché funzioni al meglio, il dispositivo va però montato nel posto giusto, ossia vicino alle possibili fonti di pericolo e senza coprirlo con mobili o tende. Altrimenti il sensore non si attiva, rendendo inutile il prodotto.

Tra quelli venduti on line risulta tra i più semplici da installare, essendo sufficiente posizionare due tasselli nel muro. Purtroppo il manuale di istruzioni non è disponibile in italiano: se non sai l’inglese, questo è un aspetto da considerare nel decidere quale rilevatore di fumo compare, visto l’impatto di una corretta installazione sulla funzionalità del prodotto.

Come abbiamo visto, questo modello può essere una risposta efficace per chi cerca una soluzione pratica ed essenziale venduta a prezzi bassi. Concludiamo la nostra recensione riportando le quattro caratteristiche principali del prodotto, insieme a un suo difetto.

Pro
Qualità-prezzo:

Si tratta probabilmente del prodotto più economico venduto online, specialmente se paragonato alle sue prestazioni e alla sua buona funzionalità.

Sicuro:

Oltre al fumo, questo modello può rilevare anche il monossido di carbonio. Ideale per la propria sicurezza domestica, dato che questo gas è inodore e incolore.

Allarme:

Il suono dell’allarme arriva fino a 85 dB, così non ci sarà il rischio che qualcuno in casa non lo senta e si potrà correre subito ai ripari.

Montaggio:

Secondo i pareri degli utenti, il rilevatore X-Sense è abbastanza facile da montare anche se non si hanno abilità particolari nel fai da te.

Contro
Manuale:

Il manuale d’istruzioni è solo in lingua inglese.

 

 

4
Leave a Reply

avatar
2 Commentare le discussioni
2 Risposte alla discussione
1 Followers
 
I commenti con il maggior numero di reazioni
La discussione più calda
3 Gli autori dei commenti
BuonoedEconomicoIsabellaRiccardo I più recenti autori dei commenti
  Sottoscrivere  
Il più nuovo Il più vecchio Il più votato
Notifica di
Riccardo
Ospite
Riccardo

Ma se scatta l’allarme come si fa a interromperlo ?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Buongiorno Riccardo,

l’allarme si spegne da sé quando non rileva più fumo e l’aria torna di nuovo respirabile. In alternativa, puoi silenziarlo manualmente mediante un tasto o perfino tramite cellulare laddove è presente l’app dedicata o, alla peggio, staccando la batteria.

Saluti

Isabella
Ospite
Isabella

vorrei un rilevatore di fumo di sigaretta, non fumo in generale. l’unico che voi indicate particolarmente adatto non lo trovo in commercio, consigli per trovarlo? sono a Roma, ma posso acquistare su internet.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (8 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status