fbpx

La migliore soundbar

Ultimo aggiornamento: 24.08.19

 

Barre audio – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Scoprite quali sono le due soundbar che spiccano sulle altre secondo noi. Puntare su un marchio ben noto è una buona partenza per determinare la qualità dell’investimento e non delude il modello Samsung – HW-K450 Soundbar che possiede tutto ciò che occorre per riuscire a fare la differenza, gestendo alti, bassi e una serie di effetti sonori da vero home cinema. In alternativa anche la proposta Abox – 120W, con Subwoofer sembra poter dire la sua, grazie a 120 Watt di potenza e un’installazione pratica e immediata.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere la migliore soundbar

 

I televisori di nuova generazione, se da un lato hanno portato un’indiscutibile miglioramento della qualità di visione riducendo in modo impressionante il loro spessore, dall’altro hanno sacrificato la bontà del suono. Per questo è consigliabile acquistare una soundbar, ovvero un dispositivo che consenta di godere appieno della qualità audio di quanto stai guardando.

In questa pagina ti proponiamo la nostra guida all’acquisto nella quale troverai i nostri consigli, sia in termini di recensioni dei migliori prodotti sia come suggerimenti su quali aspetti considerare prima di scegliere.

43

 

Guida all’acquisto

 

Per ogni esigenza

L’offerta di soundbar presenti sul mercato è davvero ricca e variegata, capace di soddisfare ogni esigenza sia in termini di qualità d’ascolto, sia di prezzo, sia ancora di esigenze di spazio. Tanto per cominciare ci sono i modelli più economici che sono formati esclusivamente dalla barra che, collegata alla televisione, ne irradia il sonoro. Ci sono poi altri modelli che hanno un subwoofer esterno che serve per incrementare la percezione dei bassi e garantire un audio più rotondo.

Altre soundbar sono pensate per essere utilizzate anche con una serie di casse aggiuntive, in numero variabile (da un minimo di due a un massimo di sette) per assicurare un effetto surround tipico degli impianti home theatre. Naturalmente questi ultimi modelli sono quelli che necessitano di maggior spazio e anche di un’attenta progettazione della stanza, perché le casse devono essere posizionate in punti specifici per restituire il giusto effetto avvolgente.

Mettendo a confronto prezzi e caratteristiche tecniche dei modelli delle migliori marche, dunque, valuta con attenzione le dimensioni del tuo salotto nonché la tua disponibilità a effettuare anche l’installazione degli altoparlanti. Se preferisci qualcosa di più immediato, probabilmente la sola soundbar (con o senza subwoofer) rappresenta il giusto compromesso tra semplicità e fedeltà sonora.

 

Anche l’occhio…

Pensate per essere posizionate sotto o di fianco a un televisore supersottile, anche le soundbar fanno del design uno dei loro punti di forza. Alcuni modelli si caratterizzano per linee all’avanguardia, altri per forme curve, altri per scocche lucide e affascinanti. Valuta dunque con attenzione il colore e la forma che meglio si adattano allo stile del tuo salotto e a quello del tuo TV.

Il numero di connessioni disponibili si colloca ai primi posti della classifica degli aspetti di cui tenere conto prima di scegliere quale soundbar acquistare. Le porte HDMI e ottica non possono assolutamente mancare perché sono quelle che consentono di collegare dispositivi come lettori Blu-ray o console di gioco e godere dell’audio di elevata qualità come quello garantito dal Dolby Digital o dal DTS.

44

Senza fili

L’evoluzione tecnologica ha permesso di rendere il dialogo tra la soundbar e i vari dispositivi compatibili ancora più semplice grazie all’utilizzo del Bluetooth. In questo modo questi apparecchi sono in grado di collegarsi a un subwoofer o agli eventuali altoparlanti senza la necessità di utilizzare scomodi e antiestetici cavi.

Allo stesso modo, sempre grazie al Bluetooth, una soundbar può essere utilizzata come speaker wireless per riprodurre la musica da tutti i dispositivi compatibili, come lettori MP3, smartphone e tablet. Mettendo a confronto i prezzi è evidente come la presenza di questa tecnologia senza fili sia ormai considerata lo standard, perciò il nostro consiglio è di optare per un modello compatibile, così da assicurarti una maggiore versatilità.

 

Le migliori soundbar del 2019

 

Quasi del tutto sconosciute fino a pochissimi anni fa, le soundbar si stanno facendo rapidamente largo nel mercato dei prodotti tecnologici soprattutto da quando i televisori sono diventati così sottili da lasciare uno spazio sempre più marginale agli altoparlanti.

Chi, invece, non vuole sacrificare la qualità dell’audio e si chiede quale soundbar comprare, può analizzare quelli che per noi sono i cinque migliori prodotti del 2019 elencati sotto.

 

Prodotti raccomandati

 

Samsung – HW-K450

 

Principale Vantaggio:

Grazie a un’architettura studiata nel dettaglio, l’impianto audio non va a pesare più di nove chili, con una gestione bluetooth e un collegamento via smartphone che trasforma l’oggetto in una postazione di controllo.

 

Principale Svantaggio:

A detta di numerose persone la qualità dell’audio non è soddisfacente, specie per quel che riguarda la voce. In molti si sono lamentati di un rumore di fondo che non permette di sentire meglio i dialoghi, anzi.

 

Verdetto 9.6/10

Progettata per chi non vuole spendere una cifra esagerata nell’acquisto di un sistema audio multi canale, la soundbar Samsung rientra tra i prodotti più venduti on line, grazie a prestazioni che, pur non facendo gridare al miracolo, sembrano soddisfare i più.

Acquista su Amazon.it (€148,9)

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Controllo

Appoggiandosi al protocollo Bluetooth, il sistema Samsung permette una gestione centralizzata dei controlli su volumi. L’utilità di questo sistema è duplice.

Da un lato infatti si riesce a monitorare la situazione direttamente dal proprio telefono, dall’altro è possibile collegare la soundbar ad altre fonti di riproduzione, gestendo così l’ascolto di una playlist in salotto o un bel disco rilassante comodamente seduti sul divano di casa e con delle note a fare da sottofondo al tutto. Basta scaricare l’applicazione Samsung Audio Remote per realizzare in un attimo il pairing con la soundbar, facendo ordine tra la propria discografia e con un sistema intuitivo e dall’interfaccia quanto più user friendly.

Potenza

In molti hanno gradito la scelta del brand di realizzare una soundbar potente, capace di toccare i 300 Watt senza particolari difficoltà, catapultando così l’utente dentro il film che sta visionando. Diversi utenti si sono detti soddisfatti anche del modo in cui Samsung ha assemblato i componenti.

Le finiture e la robustezza complessiva non lasciano spazio a considerazioni su un lavoro impreciso e che non punti a durare nel tempo. Se da una parte la forma allungata della soundbar si sposa bene con un mobile nelle immediate vicinanze del televisore, dall’altro è opportuno guardare anche al subwoofer, collocabile dove meglio credete così da gestire in modo ottimale i bassi e tutti quegli effetti che danno corpo e fisicità al suono. È presente anche una pratica staffa da muro, per chi è in cerca di un oggetto che dia ancora meno nell’occhio.

 

Stile

La linea di soundbar e strumenti di supporto audio realizzati da Samsung ha dalla sua l’indubbia capacità di mettere d’accordo chi non vuole spendere troppo, con chi invece punta a un impianto audio senza l’aggiunta di cinque casse sparse per il salone o la camera.

Il risultato è la creazione di un sistema alternativo, capace di evocare in un ambiente di dimensioni contenute, l’atmosfera e il feeling di un audio veramente presente e co-protagonista di quanto stiamo vedendo in video. Grazie anche al sistema Surround Sound Expansion si realizza un suono circolare e ampio, che avvolge e offre la sensazione di un audio più rotondo, adatto a chi ama certe atmosfere. Per cui se cercate qualcosa a un costo contenuto, la proposta Samsung potrebbe fare al caso vostro.

 

Acquista su Amazon.it (€148,9)

 

 

 

Abox – 120W, con Subwoofer

 

La proposta Abox nasce con l’intento di creare un supporto audio posizionabile in casa, così da sfruttare il ripiano della Tv come base di appoggio o collocare la stessa a parete. Le occasioni e i modi di posizionamento non mancano, motivo per cui si può scegliere la configurazione che più vi aggrada e tenere il volume a tutta potenza, immergendovi nel mondo delle immagini su schermo con un indice di coinvolgimento in cui la musica va a giocare un ruolo chiave. 120 Watt di potenza e diversi sistemi permettono di collegare la soundbar con il televisore.

È possibile sfruttare il sistema bluetooth, evitando scomodi cavi e fili che possono andare a ingombrare, oppure passare per un cavo coassiale, una presa Aux o un ingresso ottico. Tutto a discrezione dell’utente. Nella parte laterale è presente poi una presa Usb, studiata per che chi vuole connettere una pennetta e gestire al meglio una playlist o passare per i comandi a sfioramento.

Pro
Linea:

Le forme della soundbar e del subwoofer si adattano al meglio agli ambienti di casa, potendo così ottimizzare collocazione e posizionamento del piccolo impianto.

Collegamenti:

Chi cerca la versatilità e la comodità nel collegamento delle diverse parti, potrà guardare alle cinque opzioni disponibili, dall’ingresso ottico, passando per quello Aux, al coassiale e al bluetooth.

Controllo:

All’interno della confezione è presente un controller con cui monitorare volume, sorgenti sonore, potenza dei bassi e tutto ciò che occorre per dare quel tocco in più al vostro impianto.

Contro
Potenza:

Alcune persone avrebbero gradito un maggior sfoggio di Watt, invece dei 120 presenti sul dispositivo.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Yamaha YAS-105

 

Ci sono diversi motivi per cui ti potrebbe interessare questa soundbar Yamaha, a cominciare dal costo accessibile a tutte le tasche, l’ideale per chi vuole spendere il meno possibile per un dispositivo del genere ma senza rinunciare alla qualità che, come sottolineano tanti utenti soddisfatti, rimane molto elevata e la casa giapponese, del resto, rappresenta una garanzia in tal senso.

Oltre all’ottimo rapporto tra prestazioni e prezzo, questa soundbar ha riscosso grande successo di vendite e apprezzamento presso i consumatori per l’ingombro minimo occupato: si tratta, infatti, di un modello molto sottile, compatto e senza subwoofer esterno, l’ideale per chi ha poco spazio a disposizione in sala.

Per quanto riguarda il parco connessioni, ricordiamo la presenza della porta USB che permette di collegare memorie esterne per riprodurre le proprie playlist preferite. È supportato anche il Bluetooth per cui sarà possibile ascoltare la musica su smartphone e tablet in modalità wireless, senza alcun collegamento fisico. Scaricando l’apposita applicazione, il dispositivo mobile potrà essere utilizzato anche come telecomando per un controllo da remoto ancora più semplice.

Il design non è solo compatto e ultrasottile ma anche molto elegante: se hai il televisore montato a parete potrai installare la soundbar appena sotto, assicurando un effetto scenografico di sicuro impatto.

Nonostante le dimensioni compatte, questa Yamaha ha una potenza di 120 watt totali – inferiore ai modelli più complessi e costosi – ma capace di riportare l’audio del televisore a nuova vita. In particolare, la tecnologia utilizzata simula un suono realistico e coinvolgente, simile a quello di un sistema surround 7.1.

Rivediamo adesso quali sono le caratteristiche principali della soundbar Yamaha che ha ricevuto notevole apprezzamento dai consumatori.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Sony HT-CT8

 

Sul mercato puoi facilmente trovare soundbar più potenti di questa Sony che ha solo 80 watt, ma non sarà facile individuare un modello con lo stesso rapporto qualità/prezzo. Se hai un budget ridotto all’osso dalle un’occhiata: il vantaggio è che si tratta di un modello economico ma in grado di incrementare sensibilmente le prestazioni audio del tuo tv.

Il sistema a 2.1 canali con subwoofer esterno cablato e l’amplificatore digitale S-Master assicurano notevole riduzione delle distorsioni, audio bilanciato su tutte le frequenze e bassi sufficienti per vivere con grande coinvolgimento esplosioni e sequenze particolarmente concitate dei film d’azione.

La tecnologia ClearAudio+ migliora ulteriormente l’esperienza audio in termini di nitidezza e chiarezza dei dialoghi perché riesce a ottimizzare il suono da qualunque fonte provenga.

È una soundbar elegante e molto sottile che può essere collocata sotto al televisore oppure a parete. Per quanto riguarda le connessioni, è supportato sia il Bluetooth che la NFC per associare smartphone e tablet, trasmettere le proprie playlist in streaming e controllarle dallo stesso dispositivo mobile.

Oltre all’ingresso ottico è presente anche la porta USB per collegare memorie esterne e riprodurre tutto il contenuto archiviato.

Ecco quali sono, in breve, i principali punti di forza e di debolezza della soundbar Sony.

 

Acquista su Amazon.it (€144,99)

 

 

 

Sonos Playbar PBAR1EU1BLK 

 

4. Sonos Playbar PBAR1EU1BLKPer tutti coloro che si stanno chiedendo come scegliere una buona soundbar 5.1 wireless, noi consigliamo di valutare con attenzione il modello Sonos Playbar.

È un dispositivo facile da installare ed espandere; richiede solo due cavi che sono inclusi; può essere controllata da app gratuite per Android, iPhone o iPad.

Si tratta di una soundbar 5.1 che ha un prezzo notevole ma le qualità possedute sono numerose: intanto il design è di grande livello, pulito, senza fili, molto meno ingombrante di un sistema dolby surround completo. In secondo luogo riproduce il suono di tutti i dispositivi connessi con un audio impeccabile; dispone di nove diffusori di classe D (sei woofer midrange e tre tweeter) per un suono non più forte ma più chiaro.

Va sotto il televisore o può essere montato a parete.

Secondo i pareri di moltissimi utenti, Sonos Playbar offre prestazioni eccezionali, superiori a quelle dei modelli visti finora. Peccato, però, che non sia certo venduta a prezzi bassi! Valuta con noi se i suoi pregi superano i difetti!

button-IT

 

Acquista su Amazon.it (€799)

 

 

 

Yamaha YSP-1400 

 

3. Yamaha YSP-1400Proseguendo con i nostri consigli d’acquisto, parliamo qui del modello Digital Sound Projector della Yamaha.

Si tratta di una tra le soundbar Yamaha più vendute; supporta la tecnologia Bluetooth e ha un’app dedicata per la gestione da smartphone e tablet.

Costituito da un unico dispositivo con due subwoofer integrati e, quindi, senza quello esterno, ha una potenza in uscita di 76 W ed è in grado di riprodurre un suono surround reale e coinvolgente con una buona presenza dei bassi. Inoltre la funzione Clear Voice rende i dialoghi più chiari e quella UniVolume evita gli sbalzi di volume che possono capitare durante la pubblicità o quando si cambia canale.

Presenta un ingresso audio digitale ottico, il formato audio Dolby Digital e DTS e cinque canali di uscita degli altoparlanti.

Proseguiamo la recensione con un elenco dei pregi e dei difetti, per poi indicarti con un link dove acquistare il prodotto qualora dovessi decidere che è proprio quello che fa al caso tuo.

button-IT

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come usare una soundbar

 

Non è poi così difficile trovare in commercio televisori con una qualità delle immagini eccezionali ma non di rado capita che l’audio deluda. Cosa fare? Per ovviare a questa pecca e finalmente abbinare a immagini ultra definite un audio all’altezza della situazione è opportuno comprare una soundbar che possa trasformare un buon televisore in una TV eccezionale.

Dove posizionarla

Il luogo proposto alla soundbar è alla base del televisore. Il lettore non tema che questa possa coprire parte dello schermo perché le soundbar hanno un design progettato proprio per evitare inconvenienti del genere e dare la possibilità a tutti, anche a chi non ha un mobile adeguato, di sistemare il dispositivo nel posto giusto. E chi ha fissato il televisore alla parete? Nessun problema perché ci sono diversi modelli di soundbar predisposte per essere affisse al muro. C’è una sola raccomandazione: bisogna lasciare almeno 5 cm di spazio tra la TV e la soundbar.

 

Il collegamento

È chiaro che nessuno vuole dispositivi che facciano perdere tempo per collegare cavi e quant’altro. Con una soundbar, se vi va male, dovrete collegare uno solo cavo, se vi va bene, invece, potrete eseguire l’operazione via Bluetooth. Ma tornando al famigerato cavo, questo può essere ottico oppure HDMI, dipende dal modello di soundbar.

 

Il telecomando

La soundbar può essere gestita con il telecomando e non solo. Innanzitutto c’è quello che normalmente è compreso nella confezione ma ci sono soundbar compatibili con determinate marche di TV che permettono di usare un unico controllo remoto. Ma le possibilità non sono finite qui perché sono sempre più diffuse le applicazioni che danno la possibilità di gestire la soundbar con lo smartphone. Le applicazioni offrono svariate possibilità e potenziano il dispositivo, rendendolo più versatile: ad esempio si può ascoltare la musica in streaming dallo smartphone.

Scegliere misure proporzionate al televisore

Da non sottovalutare le dimensioni della soundbar. Precisiamo che non è la lunghezza a rendere una soundbar migliore di un’altra: ci sono dispositivi tanto compatti quanto potenti. La nostra è una riflessione puramente estetica. Riteniamo che le misure della soundbar devono essere proporzionate a quelle del televisore al quale andrà collegata. Una soundbar molto più grande della TV ha come conseguenza un effetto estetico sgradevole.

 

Di quanti watt?

La scelta della potenza va ponderata. Non bisogna farsi ingolosire dalla quantità di watt. Se il salotto o un qualsiasi altro luogo dove è posizionata la TV è piccola, sarà inutile puntare a un alto wattaggio: la scelta deve essere fatta in accordo alle dimensioni della stanza e possibilmente dell’acustica della stessa.

 

 

 

Domande frequenti

 

Cos’è e a cosa serve la soundbar?

La soundbar è un’ottima alternativa a un sistema home theater. Fondamentalmente si tratta di uno speaker oblungo per televisori moderni in grado di emulare il surround e aumentare drasticamente la qualità audio, sostituendo le casse integrate del televisore, solitamente di bassa qualità. Basta collegare la soundbar al televisore tramite un cavo HDMI, o se entrambi i dispositivi dispongono di Bluetooth effettuare il pairing.

Solitamente le soundbar vengono accompagnate da un subwoofer per potenziare i bassi. Assicuratevi di avere un po’ di spazio libero sul mobile porta TV dato che tipicamente è un dispositivo molto lungo che potrebbe ingombrare più del necessario.

 

Dove posizionare il subwoofer della soundbar?

Il subwoofer della soundbar non è proprio l’oggetto meno ingombrante che vi troverete tra le mani, infatti spesso molti utenti scelgono dispositivi sprovvisti di questa aggiunta per risparmiare un po’ di spazio. Se però non potete proprio rinunciare a bassi rotondi e precisi, allora non vi resta che sistemare il subwoofer in modo ottimale.

Una buona soluzione è metterlo a terra vicino al mobile del televisore per lasciare quanto più spazio possibile alla soundbar. Nel caso abbiate moltissimo spazio sul piano TV potete metterlo vicino allo schermo, oppure in caso di connessione Bluetooth, potete collocarlo su una mensola a parte.

 

Come si usa la soundbar?

È molto semplice, basta collegarla al televisore e questa dovrebbe automaticamente riprodurre l’audio del dispositivo, bypassando gli speaker integrati. Nel caso invece il televisore continui a utilizzare le sue casse, dovrete andare nelle impostazioni e scegliere la fonte audio. Alcune soundbar sono dotate di telecomando per aggiustare il volume o regolare l’equalizzazione, mentre altre dispongono solo di semplici comandi posti sulla cassa.

I prodotti più moderni sono dotati addirittura di Google Assistant che consente di controllare le varie funzioni tramite comandi vocali.

 

Quale soundbar può andar bene per un TV da 50” e per uno da 65”?

Tutte le soundbar sono adatte per i televisori moderni. Ovviamente questo esclude i vecchi televisori a tubo catodico dato che non dispongono di entrata HDMI. Se avete ancora spazio dopo aver sistemato un TV da 50’’ o da 65’’ vi conviene acquistare una soundbar con subwoofer per esaltare i bassi.

Nel caso invece abbiate un po’ esagerato con lo schermo o avete altri dispositivi come console di gioco e lettori Blu-ray, allora potete optare per una soundbar di piccole dimensioni senza subwoofer. La qualità audio non sarà la stessa di una con subwoofer, ma sicuramente meglio degli speaker integrati.

 

Conviene più una soundbar o un sistema Home Theater

Dipende molto dalla qualità. Ci sono soundbar molto costose in commercio, specialmente quelle prodotte dalle migliori marche, inoltre stanno per arrivare sul mercato dispositivi con comandi vocali dal prezzo decisamente elevato.

Facendo una ricerca potete trovare anche dei buoni sistemi Home Theater 5.1 o 2.1 economici che riescono a creare un buon surround. Quindi più che sul costo del prodotto, la scelta ricade su quanto spazio in casa avete a disposizione.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

LG NB2540

 

2. LG NB2540Un altro ottimo prodotto da valutare per fare una comparazione tra tutti i modelli presenti sul mercato è questo della LG con subwoofer esterno.

Anche in questo caso abbiamo la connessione wireless via Bluetooth mentre l’amplificatore audio 2.1 ha una potenza totale pari a 120 W.

Il modello è molto elegante, ideale per televisori da 42”, può essere fissato alla parete (le staffe per il montaggio sono incluse) e presenta, tra le altre, le seguenti caratteristiche tecniche: formato audio Dolby Digital e DTS, sette modalità audio possibili, tre canali di uscita degli altoparlanti.

Si tratta di una tra le migliori soundbars LG vendute online: il suono che produce è potente, pulito, i bassi sono ottimi. Il dispositivo si installa con facilità e pur essendo un prodotto di grande qualità mantiene un prezzo competitivo.

Anche il modello più economico della nostra lista della spesa ha tanti pregi che ne consigliano l’acquisto immediato. Dai un occhio qui di seguito.

 

Pro

Economica: Il prezzo di questi prodotti tiene solitamente a distanza una buona quantità di potenziali acquirenti. Non è questo il caso della soundbar LG, incredibilmente economica per le prestazioni che offre.

Da parete: La soundbar viene fornita con tutti gli accessori necessari per installarla a parete. Un’ottima soluzione se anche il televisore è fissato in questo modo.

Bluetooth 3.0: L’efficace sistema di bluetooth 3.0 permette di utilizzare la soundbar non solo per migliorare la resa audio del proprio televisore, ma anche per sentire al meglio la musica presente sul nostro tablet o sul computer di casa.

 

Contro

Subwoofer: La qualità non eccelsa del subwoofer è probabilmente il principale punto debole della soundbar LG, anche perché è collegato via cavo e non via bluetooth.

 

 

LG LAS450H

Principale vantaggio

Non essendo un prodotto recentissimo viene offerto a un prezzo davvero molto conveniente che fa da contraltare a un suono riprodotto che non è dei migliori.

 

Principale svantaggio

La potenza  in uscita offerta dalla soundbar non molto alta è ideale solo per avere un discreto audio quando si guardano i programmi Tv o si riproduce musica da un dispositivo collegato via bluetooth.

 

Verdetto: 9.4/10

Soundbar che migliora la qualità audio rispetto alla maggior parte degli speaker integrati nelle TV anche di ultima generazione. Il prezzo è molto aggressivo.

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Barra e subwoofer

Design gradevole e linee morbide per questo sistema audio composto da una soundbar e un subwoofer. La prima offre una potenza d’uscita pari a 120 watt mentre il subwoofer arriva 100 watt per un totale di 220 watt di potenza audio. Di certo questo valore non è tra i migliori sul mercato, ma chi cerca un sistema audio per migliorare l’audio dei programmi TV riprodotti sul proprio televisore può prendere in considerazione questo modello, se non altro per il prezzo molto conveniente.

Ha due possibilità di connessione con la TV: via cavo digitale ottico o tramite HDMI, quindi molto versatile dal punto di vista dei collegamenti, visto che ormai tutti i TV sono dotati di almeno di due porte HDMI. Se però fosse presente un’uscita audio digitale, la scelta migliore per il collegamento sarebbe senza dubbio quest’ultima visto che si può lasciare libera una porta HDMI per collegare un altro dispositivo.

Non solo per la TV

Una delle caratteristiche migliori di questo sistema audio è la presenza di una connessione Bluetooth. Grazie a questa è quindi possibile utilizzare il sistema audio LG anche per riprodurre audio in arrivo da diversi dispositivi dotati di tale connessione wireless, come smartphone, tablet o notebook. Tramite la stessa connessione la soundbar dialoga con il proprio subwoofer. Questo facilita non poco il posizionamento di quest’ultimo, che comunque per funzionare necessita di una presa elettrica nelle vicinanze.

Inoltre, volendo, si può collegare il sistema via bluetooth anche al televisore (se di marca LG), anche se per avere la migliore qualità audio è comunque consigliabile sfruttare la porta audio ottica o la HDMI. Se si dispone di un dispositivo Android è disponibile un’app gratuita denominata Music Flow Bluetooth che offre un’interfaccia più “amichevole” per riprodurre la musica memorizzata attraverso la soundbar.

 

Installazione a piacere

La soundbar, per dimensioni, è pensata per essere posizionata sotto i televisori da almeno 40 pollici. In questa configurazione sarà anche molto semplice collegarla al televisore, non essendo necessario un cavo ottico o HDMI particolarmente lungo.

Nel caso, nella confezione, sono disponibili anche due staffe per installare l’apparecchio a parete. Questa opzione si rivela molto utile se si possiede una TV LG e quindi si può sfruttare la connessione tra i due dispositivi via bluetooth. Da non dimenticare che comunque serve sempre una presa elettrica in prossimità del luogo dove si intende installare la soundbar. Molto meno impegnativo il posizionamento del subwoofer: basta una presa elettrica non molto distante per alimentarlo e il gioco è fatto.

 

 

Panasonic SC-HTB485EGK

 

2.Panasonic SC-HTB485EGKL’innovativo design di questa soundbar piatta ed elegante colpisce per la sua fattura accurata e la buona resa sonora.

Si tratta di una 2.1, con due elementi frontali da 60W ciascuno e uno dedicato ai bassi, il subwoofer da 130 W.

Supporta il sistema di riproduzione del suono ad alta definizione grazie al Dolby Digital, Pro Logic e Virtual Speacker, sigle che ne indicano la buona qualità nella riproduzione di audio tanto dei video come dei brani musicali da ascoltare direttamente dalla soundbar.

I formati di riproduzione compatibili sono quelli principali, e la presenza di un buon sistema wireless supportato da Bluetooth e tecnologia NFC ne rendono facile la connessione senza cavi con i dispositivi compatibili.

Sono tante le modalità di personalizzazione dell’ascolto per massimizzare la resa tanto dal punto di vista audio che di compatibilità con il video, visto che supporta il FullHD 3D. In questo modo è possibile regolare la percezione dell’audio dell’home theatre come fosse tridimensionale, compatibilmente con i limiti che offre una barra invece di un sistema a elementi singoli da collocare, realmente, su più dimensioni.

Ecco una soundbar che coniuga buone prestazioni sonore alla facilità di connessione con i dispositivi compatibili. Ecco in breve cosa offre e cosa non, per facilitare il confronto con altri modelli.

button-IT

 

 

 

LG LAS450H

 

1. LG LAS450HIl costo di questa soundbar è davvero sorprendente: consente con una piccola spesa di migliorare la qualità dell’audio dei televisori di ultima generazione che su quest’aspetto peccano.

Ha una potenza molto contenuta, stiamo parlando di una soundbar a barra con due canali più il subwoofer che raggiunge in tutto 220 W. Niente liti con i vicini insomma, ma una qualità del suono gradevole e pulita.

È pensata per essere collocata alla base dei televisori da 40 pollici, oppure appesa a parete per trovare la posizione ideale in base alle esigenze di spazio o a dove è istallata la televisione. Sono inclusi nella confezione sia i quattro piedini per poggiarla direttamente su un piano oppure le staffe per il fissaggio a parete. Il subwoofer si può montare tanto frontalmente che lateralmente, rispettando le indicazioni fornite dalla ditta non si percepiranno grosse differenze di suono.

Il vero punto di forza della soundbar è la facilità di connessione wireless che abbatte drasticamente la presenza di cavi e cavetti da un lato all’altro della parete. Un vero vantaggio visto che in questo modo è possibile usare le casse con qualsiasi dispositivo compatibile per ascoltare la propria musica e non solo attraverso il televisore.

Le caratteristiche di questo sistema di amplificazione del suono sono di tutto rispetto, specie se paragonate alla fascia di prezzo cui appartiene e alle funzionalità wireless ben sviluppate. Ecco un breve prospetto che riassume pro e contro del modello.

button-IT

 

 

 

Samsung HW-J250

 

Stai cercando la soundbar più economica? Non sappiamo se questa Samsung possa essere ritenuta tale ma si tratta, comunque, di un modello accessibile a tutte le tasche. Il prezzo assolutamente abbordabile è il suo principale punto di forza e ha suscitato l’interesse di tutti gli utenti in cerca del massimo risparmio.

Naturalmente le prestazioni non possono essere paragonate a quelle dei modelli più potenti o con un parco connessioni molto ricco. Questo modello ha solo 80 watt complessivi che, però, sono sufficienti a dare una svolta all’audio del televisore spesso inadeguato.

Per quanto riguarda le connessioni, manca l’ingresso HDMI ma è presente quello USB per connettere un supporto esterno con le proprie playlist registrate e il supporto Bluetooth – assente l’NFC – per ascoltare in streaming la musica da smartphone e tablet.

Non solo, scaricando l’app dedicata questi dispositivi mobili diventano veri e propri telecomandi con i quali controllare comodamente le funzioni della soundbar.

Grazie alla funzione TV Sound Connect, chi possiede un tv Samsung può collegare la soundbar in wireless, un bel vantaggio dal punto di vista estetico. Attenzione, però: non tutti i modelli sono compatibili, meglio verificare prima.

Questa Samsung colpisce anche per le dimensioni particolarmente compatte; l’assenza del subwoofer esterno riduce ulteriormente l’ingombro e potrebbe essere la soluzione ideale per chi non ha molto spazio a disposizione in sala.

Riassumiamo i principali vantaggi e svantaggi che abbiamo visto in relazione alla soundbar Samsung.

 

 

 

Samsung HW-J450/EN

 

1. Samsung HW-J450 ENLa migliore soundbar del 2019, a nostro giudizio, è il modello da 300 W con subwoofer esterno della Samsung.

Si collega in modalità wireless al televisore tramite Bluetooth con TV Sound Connect; col telecomando tv è possibile accenderla e regolarne il volume mentre con un’app dedicata (compatibile solo con i dispositivi Samsung con sistema operativo Android) si possono gestire anche altre funzioni.

Prodotto che vanta la consueta qualità Samsung per un audio di altissimo livello, presenta queste caratteristiche tecniche: un ingresso audio digitale ottico, due interfacce HDMI, tre canali di uscita degli altoparlanti, una porta USB; supporta i formati AAC, MP3, WAV, WMA, OGG e FLAC.

Modello dal design elegante, risulta facile da installare e utilizzare: per noi è, in ultima analisi, la migliore soundbar Samsung.

La guida per scegliere la migliore soundbar ti aiuta a compiere una scelta ragionata. Ecco perché consideriamo indispensabile un elenco completo dei pregi e difetti principali di ogni prodotto, fondamentale per un confronto. Ecco come se l’è cavata la soundbar appena recensita.

button-IT

 

 

 

Onkyo LS-T10

 

5. Onkyo LS-T10Tra le numerose proposte di soundbar offerte sul mercato, desideriamo collocare al quinto posto della nostra classifica dei migliori prodotti del 2019 il modello dell’azienda giapponese Onkyo.

Modello di qualità dal design accattivante e non eccessivamente ingombrante, possiede un amplificatore Dolby Digital, un ingresso digitale ottico, coassiale, AUX, USB. Dispone di ben sei altoparlanti da 7 cm di cui quattro frontali e due laterali più subwoofer da 13 cm.

Utilizza la tecnologia wireless Bluetooth per uno streaming audio di alta qualità da tutti i dispositivi abilitati; si collega tramite un solo cavo e poi la si può controllare dal telecomando tv.

Il suono è cristallino e potente, i bassi profondi; buona alternativa all’home theater e soddisfacente anche il rapporto qualità/prezzo.

L’ultimo prodotto della nostra lista non aggiunge forse nulla di nuovo a quanto già visto, ma rappresenta un’altra ottima soluzione per qualità/prezzo, adatta soprattutto a chi vuole un sistema pratico e facilmente padroneggiabile. Di seguito, trovi i principali vantaggi e svantaggi della soundbar Onkyo.

 

 

Ecco altri articoli che potrebbero interessarti:

 

Amplificatore wifi

Il miglior telescopio

Telecamere spia

Il miglior localizzatore GPS

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (172 voti, media: 4.74 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status