Impariamo la tecnica della spugnatura per dipingere le pareti

Ultimo aggiornamento: 27.11.20

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

Per spezzare la monotonia di muri verniciati in modo classico, provate a dare un bel colpo… di spugna! Qui di seguito vi spieghiamo come si fa.

 

Pennello e rullo non sono gli unici attrezzi utili per tinteggiare le pareti di casa. Una soluzione fantasiosa  dal bell’effetto è la tecnica della spugnatura. Molti ritengono che questa possa andar bene solo per un ambiente come la cameretta dei bambini per dare un tocco di vivacità ma permettetemi di dissentire con quanti la pensano in questo modo. La questione non è tanto quale tecnica si usa per verniciare la stanza quanto la scelta dei colori, anche quelli sobri ben si prestano alla spugnatura e il risultato finale è molto elegante, potete scegliere qualsiasi pittura per pareti venduta online.

 

Cosa serve

Fondamentalmente di cosa avete bisogno per fare la spugnatura? Beh il nome della tecnica è di quelli che spoilerano alla grande, ma non pensiate che si possa impiegare solamente una spugna che può essere sintetica o naturale ma anche uno straccio appallottolato. La scelta tra l’una, l’altra oppure lo straccio appallottolato dipende dall’effetto che si vuole ottenere. 

Se ad esempio vi interessa una verniciatura più omogenea allora dovete servirvi di una spugna sintetica, altrimenti per ottenere qualcosa di più irregolare vanno bene quella naturale e lo straccio. Il  nostro consiglio è di fare delle prove su cartone con i tre sistemi così da avere un esempio pratico sotto gli occhi. 

Cosa altro serve? Sicuramente un rullo ma anche tre tonalità di colore di idropittura per la base e l’altra per la spugnatura. A ciò, poi, va aggiunto tutto il necessario per predisporre la stanza ad essere tinteggiata, quindi un telo per il pavimento, carta scotch, stucco per pareti e carta vetrata.

Scelta del colore e preparazione della stanza

Chiaramente dovete scegliere il colore che preferibilmente deve essere chiaro al fine di evitare dei contrasti eccessivamente forti. La tonalità più chiara serve per la base. Prima di cominciare a tinteggiare c’è un lavoro preliminare da eseguire. Nei limiti del possibile sgomberate la stanza sia per avere massima libertà di movimento sia per proteggere l’arredamento. 

Sul pavimento va steso un telo così da non sporcare più del necessario. Coprite porte e finestre con fogli di giornale da fissare con la carta scotch. Dalle pareti eliminate eventuali chiodi e tasselli, rimuovete o coprite le mascherine degli interruttori. 

Avendo tolto i chiodi, la parete presenta dei fori che è necessario chiudere. Per farlo si usa lo stucco, buono anche per sistemare altre imperfezioni. Una volta applicato lo stucco, bisogna attendere che si asciughi per poi scartavetrarlo fino a ottenere una superficie liscia. Passando uno straccio umido sulla superficie scartavetrata si eliminano i residui di polvere. Se la parete è porosa è bene applicare del fissativo in modo che assorba meno vernice e che la faccia aderire meglio.

 

La spugnatura

La prima parte dell’operazione è un lavoro classico, si tratta di tinteggiare la parete con il rullo o con un pennello. Per la base si usa la tonalità più chiara. Completata la prima fase si può passare a quella propriamente detta della spugnatura. Si comincia con la pittura di tonalità media, diluitela con l’acqua e sistemarla in una bacinella quindi inumidite la spugna, strizzatela e immergetela nella vernice. 

La spugna va messa a contatto con la superficie picchiettando, i colpi devono essere leggeri e rapidi. Una cosa importante da tenere a mente è che non deve mai colpire duo o più volte nello stesso punto. La stessa operazione va ripetuta con la tonalità più scura. 

Prima di passare all’altra tonalità la spugna va lavata per bene, ancora meglio se ne usate una nuova. A questo punto fate qualche passo indietro, allontanatevi dalla parete e osservatela attentamente in cerca di spazi eventualmente rimasti troppo vuoti, una volta individuati, rifinite.

L’attrezzatura

Molti dei nostri lettori oltre ad essere interessati a conoscere come eseguire la tecnica della spugnatura chiedono anche consigli sull’attrezzatura da impiegare. Di rulli, pennelli e spugne se ne trovano tanti in vendita, sia presso i ferramenta, sia presso negozi di vernici e naturalmente online. Vi proponiamo alcuni accessori che secondo noi meritano l’acquisto per la loro buona resa. 

Cominciamo parlando di qualche rullo. Il Nespoli è adatto per le superfici lisce, è un rullo da 22 centimetri che assicura un ottimo assorbimento della pittura quando ce lo immergente e un altrettanto buon rilascio, questo perché ha un tessuto in teflon. Terminato il lavoro, si pulisce facilmente. Lo trovate in vendita intorno ai 15 euro. 

Sempre prodotto da Nespoli, c’è il rullo da 18 cm con manico telescopico che si allunga da 36 a 78 cm. In questo caso il prezzo è di 20 euro circa, restano confermate le caratteristiche descritte per il rullo da 22 cm visto in precedenza. 

Pinty Rullo Non Stop, invece, ha un serbatoio dove si versa la vernice. Con questo tipo di rullo non avrete problemi di gocciolamento o spruzzo. Ha una larghezza di 20 cm ed è molto pratico perché non vi costringe ogni volta a intingere il rullo nella vernice. Costa 25 euro.

Dal catalogo Kelix abbiamo preso il pennello da 120 x 25 mm a setole miste, ha un manico molto comodo. È un pennello leggero che dà buoni risultato secondo noi. Costa 13 euro. Probabilmente conoscete il marchio Cinghiale (protagonista di una pubblicità televisiva di qualche anno fa entrata ormai nel mito) che è uno dei leader del settore. Siamo sicuri che resterete molto soddisfatti dalla plafonetta antigoccia da 150 per 50 mm. Ha il manico in plastica, è leggera e scorre benissimo sulle pareti. Costa intorno agli 11 euro.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status