Se vuoi la migliore esperienza di navigazione, apri la pagina nell'app.

Il miglior switch HDMI

Ultimo aggiornamento: 20.09.18

 

Switch HDMI – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensione del 2018

 

Gli switch HDMI permettono di collegare, allo stesso tempo, diversi dispositivi sorgente a un solo monitor o TV (oppure viceversa), a seconda del modello scelto e del tipo di esigenze da soddisfare. Per capire come scegliere un buon switch HDMI tra i tanti modelli disponibili sul mercato, includendo la fascia dei prodotti a basso costo, potete servirvi della nostra guida, dove troverete tutte le informazioni del caso, e la recensione di quelli che, secondo i consumatori, sono da considerare i migliori switch HDMI del 2018, in base alle prestazioni offerte e al rapporto qualità-prezzo. Tra questi il Techole Splitter 969344, uno dei modelli più richiesti tra quelli venduti online, dal momento che è bidirezionale, e il Sowtech S-1, per il suo prezzo decisamente accessibile.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior switch HDMI

 

Per tutti coloro che hanno fretta di andare al sodo, invece, abbiamo pensato di creare una classifica per stabilire quale fosse il miglior switch HDMI, tra i cinque prodotti esaminati nella nostra guida; quelli che si sono piazzati ai primi tre posti, li abbiamo inseriti in una tabella di comparazione che confronta prezzi, pregi e difetti, offrendo così dei validi e oculati consigli d’acquisto relativi a quale switch HDMI comprare.

 

 

Guida all’acquisto

 

Caratteristiche dello Switch HDMI

Lo switch HDMI è un piccolo dispositivo che serve a commutare il segnale in passaggio, dai diversi dispositivi sorgente collegati ai suoi ingressi, al monitor collegato alla sua uscita.

Generalmente funziona come una sorta di HUB, ovvero un nodo di collegamento per dispositivi, che dispone di un numero variabile di ingressi e un’uscita HDMI; agli ingressi è possibile allacciare i lettori DVD e Blu Ray, le console dei videogame, i computer desktop e laptop o altri supporti dotati di HDMI, mentre l’uscita è riservata per il collegamento con il dispositivo di visualizzazione, che si tratti di una TV, un monitor o un videoproiettore.

Il numero di ingressi, come detto prima, è variabile da un minimo di due a salire, in base al modello, mentre l’uscita è quasi sempre una soltanto; generalmente, quindi, lo switch HDMI è previsto per il collegamento a un solo schermo, esistono però modelli di tipo bidirezionale, che permettono il funzionamento delle porte sia come IN sia OUT, quindi è possibile utilizzare un modello del genere per collegare un solo dispositivo sorgente a due diversi schermi, nel caso si abbia questo tipo di esigenza.

 

HDMI e HDCP

Un altro aspetto a cui badare è la compatibilità, sia per quanto riguarda lo standard del segnale HDMI sia per il protocollo di protezione del segnale HDCP, utilizzato dalle diverse sorgenti. La versione più recente dell’HDMI è la 2.0, ciò non toglie che uno switch HDMI che supporti questo standard non funzioni anche con le sorgenti che utilizzano una versione  precedente; viceversa, invece, uno switch con una versione HDMI 1.4, per esempio, è decisamente incompatibile con un dispositivo che invia segnali HDMI 2.0, quindi bisogna fare attenzione a questo aspetto.

La stessa dinamica vale per il protocollo di protezione HDCP, il cui standard più recente è la versione 2.2; le tipologie di standard HDMI e HDCP possedute da uno switch, vanno sempre verificate, a prescindere che il modello scelto appartenga o meno alla migliore marca del settore.

 

 

Lo switch HDMI VGA

Una particolare variante dello switch HDMI è quella utilizzata per permettere l’interconnessione di più dispositivi che utilizzano l’ingresso di tipo VGA, ovvero il particolare tipo utilizzato per collegare i monitor ai computer desktop e laptop.

Questo tipo di switch permette non soltanto di collegare la TV, i lettori DVD-Blu Ray e le console al monitor del computer, ma anche diversi computer a un singolo monitor, e passare alla visualizzazione dell’uno o dell’altro a seconda delle esigenze.

È il modello ideale, infatti, per eseguire controlli e raffronti sui documenti office e fare confronti fra le pagine di calcolo Excel.

 

I migliori switch HDMI del 2018

 

I cinque tipi di switch HDMI che abbiamo esaminato per voi, come potrete vedere proseguendo nella lettura, possono rispondere in maniera adeguata alle più diverse esigenze; al primo posto si è classificato il modello che offre la prestazione generalmente più richiesta, ovvero quella di permettere il collegamento di più dispositivi a una TV, con in più il vantaggio di essere bidirezionale, nel caso in cui si volessero collegare più schermi a una singola sorgente. Gli altri modelli, invece, si differenziano per il numero di ingressi a disposizione e per gli standard HDMI e HDCP utilizzati; si tratta di apparecchi che potrebbero interessare maggiormente coloro che hanno bisogno di collegare molti dispositivi a un singolo monitor, come nel caso dei network di videosorveglianza. Per concludere, invece, troverete un modello di switch HDMI VGA, che interesserà in modo particolare i possessori di network PC.

 

Prodotti raccomandati

 

Techole Splitter 969344

 

Il Techole Splitter è uno switch HDMI 4K bidirezionale che dispone di due ingressi e un’uscita, con pulsante di controllo per passare rapidamente da una sorgente all’altra, e indicatori LED, per segnalare quale sorgente è in collegamento; essendo bidirezionale permette di offrire due diverse configurazioni: collegare due sorgenti HDMI a un display, o TV, oppure una singola sorgente a due display separati, magari posizionati in camere diverse.

Supporta i segnali audio e video in alta definizione, con risoluzione a 1080p, 2K e 4K, con una trasmissione stabile e veloce da 3,4 Gbps, ovviamente è consigliabile usare sempre dei cavi HDMI 2.0, in modo da massimizzare la compatibilità; quest’ultima è ampia e permette di collegare lo switch, senza problemi, ai lettori DVD e Blu-Ray, PS3, PS4, XBox One, XBox 360, PC, laptop, TV HD, Full HD e Ultra HD, monitor di computer, videoproiettori e altri dispositivi di tipo multimediale.

Acquista su Amazon.it (€10,99)

 

 

 

Sowtech S-1

 

Il Sowtech S-1 è uno switch HDMI 2.0, che però è compatibile anche con gli standard HDMI 1.0 e 1.4, il che gli permette di essere collegato anche a sorgenti più datate; dispone di due ingressi e un’uscita HDMI ma, a differenza del modello esaminato in precedenza, è dotato di sensore automatico del segnale, quindi il pulsante di controllo non funziona da commutatore, ma serve a resettare lo switch in caso di errori nella trasmissione del segnale, oppure nel caso in cui la risoluzione visualizzata sia inferiore a quella prevista dalla sorgente.

Il Sowtech S-1 è compatibile con tutti i dispositivi dotati di ingresso HDMI 1.0, 1.4 e 2.0, inoltra supporta i segnali audio e video in HD da 480i/480p fino a 4K a 60 Hz e 3D; l’unica pecca, purtroppo, riguarda la compatibilità HDCP, ferma alla versione 1.4, di conseguenza ha difficoltà col segnale HDCP in versione 2.2.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

DotStone 4×1

 

Il multi HDMI switch prodotto da DotStone, invece, è un modello che ha il pregio di offrire ben quattro ingressi e un’uscita HDMI, tutti dello standard 2.0, quindi con capacità di supporto per i segnali audio video in alta definizione fino a 4K a 60 Hz e 3D a 1080p.

Lo switch è azionato da un sensore automatico del segnale ma è accessoriato anche con un pratico telecomando, per selezionare in maniera facile e veloce la sorgente desiderata, tra le quattro disponibili; inoltre ha il pregio di supportare sia lo standard HDCP 1.4 sia quello 2.2, e le versioni HDMI 1.0, 1.1, 1.2, 1.3 e 1.4, in caso si posseggano ancora dei dispositivi con qualche anno sulle spalle.

La sua compatibilità, quindi, è elevata e include PC, laptop, Fire Stick, console di videogames, TV, Smart TV, VR, videoproiettori e qualsiasi altro dispositivo sia dotato di ingresso HDMI.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Kiirie KRC1982TC-1

 

Anche il Kiirie KRC1982TC-1 è uno switch HDMI compatibile con TV, Smart TV, videoproiettori, PC, laptop e console di videogame, lettori DVD e Blu Ray e qualsiasi altro tipo di dispositivo dotato di porta HDMI.

Ha il pregio essere il modello più economico in assoluto, tra tutti gli switch HDMI che abbiamo messo a confronto nella nostra scheda; supporta i dispositivi 3D e dispone di tre ingressi e un’uscita con pulsante di controllo per lo switch della sorgente.

Gli acquirenti lo ritengono ben fatto, tra i suoi pregi c’è la possibilità di contare su tre ingressi, l’affidabilità dei contatti placcati in oro a 24 carati e un eccellente rapporto qualità-prezzo; soffre, però, di alcune limitazioni: la compatibilità HDMI vale solo fino alla versione 1.3b, quella HDCP è limitata alle versioni 1.0 e 1.1, e la massima risoluzione supportata, purtroppo, è il formato Full HD a 1080i e 1080p.

Acquista su Amazon.it (€6,59)

 

 

 

Ureru UR-21UA

 

Concludiamo dando un’occhiata allo switch HDMI VGA prodotto da Ureru, modello UR-21UA, creato appositamente per consentire la connessione ai monitor con ingresso VGA di computer, laptop, notebook e agli NVR, i Network Video Recorder.

Dispone di un ingresso per il microfono, uno per le cuffie, due USB 2.0, un ingresso HUB per stampanti e dispositivi USB, due VGA per altrettanti computer e un’uscita VGA a cui è possibile collegare il monitor, la TV o un videoproiettore.

Supporta una risoluzione massima di 2.048 x 1.536 pixel e lo standard video DDC, inoltre è compatibile con i sistemi operativi Dos, Windows e Mac, e con i server KVM.

Secondo gli acquirenti si tratta di un prodotto di qualità medio-bassa, per quanto riguarda i materiali e la fabbricazione, di conseguenza lo ritengono alquanto costoso, date le sue caratteristiche; ciò non toglie che ne riconoscono l’utilità e la facilità d’uso.

Acquista su Amazon.it (€19,99)

 

 

 

Come utilizzare lo switch HDMI

 

Le porte HDMI sembrano non essere mai abbastanza e, anche se i televisori più moderni portano in dote un considerevole numero di ingressi, a voi non basta, perché ne volete di più e ancora di più. Effettivamente spesso i dispositivi da collegare, non solo al televisore, sono tanti. In questo caso è necessario fare ricorso a uno switch HDMI.

 

 

Il collegamento

Collegare uno switch HDMI è una cosa semplicissima; non servono libretti di istruzione e cose di questo tipo: è sufficiente un pizzico di intuito.

Lo switch ha X porte, una di questa è un’uscita che serve per stabilire il collegamento con il televisore o quello che è, attraverso un cavo HDMI. Nelle restanti porte libere, sempre servendosi dei succitati cavi, vanno collegati i dispositivi che più ci interessano.

 

Il selettore

Chiaramente non vanno usati in contemporanea tutti i dispositivi collegati allo switch. Se prestate attenzione sullo switch noterete tanti LED quante sono le porte HDMI disponibili e un tasto select. Pigiando questo tasto si seleziona la porta che ci interessa perché collegata con il dispositivo che vogliamo usare in quel momento. Una lucetta ci segnala quale porta è attiva.

Chiaramente alzarsi ogni volta per selezionare l’ingresso è scomodo, ma niente panico perché spesso nella confezione troverete un comodo telecomando che vi consentirà di gestire il tutto dalla poltrona. Il telecomando presenta tanti pulsanti quante sono le porte del vostro switch HDMI.

 

 

Dove posizionare lo switch

Una delle domande più frequenti riguarda il dove va posizionato lo switch. In vero non c’è un punto migliore di un altro e il dispositivo può anche essere occultato in una zona poco visibile, come dietro il televisore, ciò non pregiudicherà il suo funzionamento né interferirà con il telecomando.

È, secondo noi, una soluzione ideale per chi non ama che i vari cavi siano in bella mostra.

 

 

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.