fbpx

Il miglior detersivo in gel per lavastoviglie

Ultimo aggiornamento: 22.08.19

Come scegliere il miglior detersivo in gel per lavastoviglie del 2019?

 

Chi possiede una lavastoviglie si trova anche a dove scegliere il detersivo che consenta di pulire e rendere lucenti piatti e stoviglie che vengono inserite. Il mercato però proponi diversi tipi di detersivi per lavastoviglie e districarsi in questo ginepraio di offerte potrebbe non essere esattamente un’operazione molto semplice.

Al giorno d’oggi i detersivi per lavastoviglie si suddividono in tre tipi: liquido, gel e le pratiche (ma più costose) tabs, conosciute anche come tavolette. Per quanto riguarda i detersivi liquidi, di norma il solo detersivo non basta per avere piatti e stoviglie brillanti. Infatti, in teoria bisogna anche aggiungere il brillantante e del sale. Le tipologie di detersivi per lavastoviglie attuali accomunano tutti questi elementi, ma bisogna anche prestare molta attenzione al loro impatto ambientale, perché molti di questi, essendo prodotti con elementi chimici, una volta dispersi nell’acqua di scarico potrebbero diventare nocivi per l’ambiente.

La scelta di un detersivo liquido, di norma proposto in forma di soluzione gel, consente di dosare al meglio la quantità necessaria per pulire piatti, posate e stoviglie. Anche la classica bottiglia in plastica è uno dei motivi per cui viene scelto, se non altro per la praticità nel riporla sotto il lavandino della cucina e quindi sempre a portata di mano. Una volta finito il liquido, la bottiglia si potrà anche smaltire come un normale contenitore in plastica.

Ma come deve essere un buon detersivo per lavastoviglie per il 2019? Prendendo in esame i prodotti che, come detto, accomunano le varie caratteristiche, sicuramente si dovranno tenere presenti alcune funzionalità che consentiranno di spendere meno ed avere ottimi risultati. Un detersivo per lavastoviglie deve, ovviamente, essere in grado di eliminare sporco e incrostazioni. Al tempo stesso deve essere inodore, anche una volta effettuato il risciacquo, e non deve essere troppo aggressivo sulle stoviglie per non rovinarle. Infine, il prezzo gioca un ruolo fondamentale, ma non sempre a un basso costo corrisponde un prodotto altrettanto valido.

 

 

Finish All in 1 Max Powergel

Principale vantaggio

In unico prodotto in gel si potranno avere le funzioni di brillantante e del sale, per avere piatti, bicchieri, posate e stoviglie brillanti e senza aloni anche a basse temperature di lavaggio. Non è da sottovalutare la sua forza pulente che si esprime al meglio anche quando la lavastoviglie non è a pieno carico ma ci sono comunque stoviglie particolarmente sporche.

 

Principale svantaggio

Qualche utente ha trovato fastidioso l’odore che si genera su piatti e stoviglie una volta tolti dalla lavastoviglie. Questo difetto è molto più marcato quando si utilizza il detersivo con lavastoviglie di ultima generazione che prevedono un utilizzo decisamente minore di acqua per le fasi di risciacquo.

 

Verdetto: 9.9/10

Questo detersivo gel di Finish contiene tutti gli ingredienti necessari per ottenere stoviglie pulite e mantenere in buone condizioni l’elettrodomestico. Niente spese aggiuntive, solo un prodotto per tutto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

All in one

Come è facile evincere dal nome di questo detersivo per lavastoviglie Finish, si potranno trovare in unico prodotto tutte le caratteristiche che servono per avere piatti e stoviglie lucenti e linde alla fine di ogni lavaggio. Infatti, il detersivo Finish, proposto sotto forma di gel, concentrato a rapida dissoluzione, offre la totale efficacia contro lo sporco ostinato, la funzione di brillante per avere piatti e bicchieri splendenti e la funzione del sale, che garantisce un’azione pulente efficace anche a basse temperature.

Il flacone è venduto in due versioni, neutra e Lemon, dove quest’ultima spicca per lasciare un gradevole, ma non fastidioso (anche se per qualcuno sì…), odore di limone al termine del lavaggio.

Tecnologia Salvavetro

Una speciale tecnologia brevettata da Finish è pensata appositamente per salvaguardare dalla corrosione bicchieri e utensili in vetro che si possono lavare in lavastoviglie, come insalatiere, tazze e via dicendo. Oltre a questo, tutti gli oggetti usciranno dalla lavastoviglie brillanti e senza aloni, anche se si utilizzano cicli brevi di lavaggio o temperature molto basse, opzioni che le nuove lavastoviglie mettono a disposizione per risparmiare acqua e corrente elettrica. Non tutti, però, si sono detti soddisfatti del risultato finale quando viene utilizzato questo detersivo, visto che capita di trovare stoviglie ancora sporche.

 

Addio agli sprechi

Una delle migliori qualità di questo detersivo per lavastoviglie, che è anche un dei motivi perché viene acquistato dalla maggior parte degli utenti, è la possibilità di dosarlo perfettamente in base al tipo di lavaggio che si sta per eseguire. Infatti la sua composizione in gel concentrato consente di utilizzarne pochi dosi per avere un pulito ottimale. Con circa 15 ml di prodotto si può tranquillamente effettuare un lavaggio completo con la lavastoviglie a pieno carico stando sicuri che si avranno al termine posate e stoviglie pulite e brillanti.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un detersivo in gel per lavastoviglie

 

Dopo un pranzo con tanti amici, andare in cucina a lavare i piatti può suonare più come una punizione che come un’attività gradevole da svolgere. Ecco perché la comodità offerta da una lavastoviglie è davvero impagabile: caricandola in pochi minuti e avviando il ciclo di lavaggio, potrete ritornare a chiacchierare piacevolmente con i vostri commensali mentre l’elettrodomestico si occupa della pulizia delle stoviglie. Tuttavia, per garantire risultati splendenti, è necessario scegliere, e usare, il detersivo giusto: leggete questa guida per saperne di più sul detersivo in gel.

 

 

Perché scegliere il detersivo in gel?

Il gel può essere definito come un materiale elastico dalla struttura solida al cui interno è racchiuso un liquido: la combinazione tra i due stati (solido e liquido) consente la concentrazione massima del prodotto, garantendovi un doppio risparmio, in termini di quantità ed economici. Il detersivo in gel è compatibile con il lavaggio di ogni genere di stoviglie in vetro, ceramica, inox e plastica (in questo caso ricordatevi di verificare che resista alle alte temperature).

Riesce a rimuovere ogni tipo di alimento secco o umido, esportando a fondo lo sporco e l’untuosità di grassi e olio. Se è composto in modo equilibrato e funzionale, garantisce il giusto livello di igiene coadiuvato anche dal calore dell’acqua.

Per dare una mano all’ambiente e cercare di ridurre l’inquinamento delle acque, scegliete un detersivo con tensioattivi e solventi completamente biodegradabili e di derivazione vegetale: fate attenzione a ciò che acquistate, poiché sugli scaffali dei supermercati e dei negozi troverete non solo prodotti molto nocivi per l’ecosistema marino ma perfino quelli realizzati con ingredienti di origine animale.

Optando per un gel eco-biocompatibile e dotato delle certificazioni principali del settore (come BIOCEQ, CCPB, VEGANOK), potrete usarlo in estrema sicurezza, per voi e l’ambiente che vi circonda.

 

 

Come usare il detersivo in gel

Prima di caricare la lavastoviglie vi suggeriamo di sciacquare i piatti dentro il pozzetto del lavandino, specie se per avviare il lavaggio dovrete attendere la sera o l’indomani, quando il carico sarà pieno. In questo modo, eviterete che lo sporco si incrosti e diventi ostinato da rimuovere anche alle alte temperature. Inoltre, l’assenza di residui di sughi e olio non genererà il cattivo odore tipico di una lavastoviglie in attesa del lavaggio.

Quindi, dopo aver sciacquato le stoviglie, riponetele sui cestelli e nel portaposate, facendo attenzione che ogni elemento sia raggiungibile dall’acqua. Versate il prodotto in gel nell’apposita vaschetta (in genere è la prima da sinistra, mentre la seconda è destinata al brillantante).

Selezionate il programma in base al livello di sporcizia presente sulle stoviglie e alla durata del ciclo di lavaggio: generalmente impostare il lavaggio a 60° è sufficiente, ma scegliete quello ECO se i piatti sono poco sporchi o quello a 90° quando le teglie e le posate sono molto incrostate.

Un altro parametro da tenere in considerazione è la durezza dell’acqua del vostro comune: cercate informazioni attendibili in merito e regolatevi in base al valore espresso in gradi francesi.

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status