Il miglior switch di rete

Ultimo aggiornamento: 22.11.17

Switch di rete – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2017

 

Vuoi aumentare le porte Ethernet del tuo modem/router, ottimizzare il traffico di rete e non avere problemi di velocità e trasmissione dati? Allora hai proprio bisogno di uno switch di rete. Dai un’occhiata alle indicazioni contenute nella nostra guida, ti aiuteremo a individuare l’apparecchio migliore per te evitando di sprecare denaro. Se vuoi passare subito al sodo, puoi consultare la nostra classifica e scoprire i modelli più gettonati quest’anno. Ti anticipiamo qui brevemente i primi due, nel caso non avessi tempo. TP-Link TL-SF1008D è uno switch a 8 porte ma sono disponibili anche i modelli a 5 e 16 porte. Plug and play, vanta un ottimo rapporto qualità/prezzo. Molto apprezzato è anche lo switch Netgear GS305P-100PES e anche qui c’è ampia possibilità di scelte, da 5 fino a ben 48 porte. La velocità supportata è 10/100/1000 Mbps, la scocca è in metallo, quindi bella resistente, e può essere montato a parete grazie al kit incluso.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

Come scegliere il miglior switch di rete

 

In questa guida cerchiamo di chiarire cos’è e a cosa serve uno switch di rete. Nella classifica in basso presentiamo la recensione dei modelli più apprezzati dagli utenti quest’anno: confronta prezzi e prestazioni e in pochi minuti potresti individuare quello che stai cercando. Buona lettura!

 

Guida all’acquisto

Cos’è e a cosa serve

Quando in casa si hanno più computer ma non abbastanza porte sul modem per collegarli tutti, lo switch di rete è l’apparecchio che risolve il problema perché aggiunge altre porte Ethernet (il numero varia in base ai modelli) per poterli connettere tutti.

Lo switch è come un hub che mantiene sempre fluido il traffico di rete perché azzera quello superfluo e fa in modo che non vi siano cali nella velocità di navigazione e in generale nelle prestazioni. In questo modo tutti i computer possono trasmettere e ricevere dati contemporaneamente senza nessun problema perché non vi saranno conflitti.

Questo apparecchio nasce per gestire al meglio le reti aziendali più complesse ma poi sono state realizzate versioni per l’utenza domestica o per piccole aziende con un prezzo decisamente inferiore: sono i cosiddetti switch unmanaged, cioè quelli plug and play che sono immediatamente utilizzabili, senza scaricare niente, senza dover usare cavi particolari se non quelli standard Ethernet e senza necessità di configurazione. Sono quelli di cui ci occupiamo in questa pagina.

Non è detto che allo switch bisogna collegare solo i computer: questi dispositivi stanno avendo un grosso successo sul mercato perché consentono di gestire meglio, per esempio, access point, telefoni IP e telecamere IP, sempre più spesso presenti anche nelle abitazioni o in piccole attività.

 

Porte e velocità

Quale switch scegliere dunque? Le migliori marche mettono a disposizione dell’utente un’ampia gamma di possibilità in modo che possa selezionare il modello più adatto alle proprie esigenze, a cominciare dal numero di porte: 4 o 5 dovrebbero bastare per un’abitazione, ma non mancano modelli con 8 e 16 porte per piccole e medie aziende.

Sono questi gli switch più diffusi, quelli più grossi sono tipicamente utilizzati da aziende con esigenze maggiori di personalizzazione, funzioni, prioritizzazione del traffico.

Poi bisogna guardare alla velocità: 10 Mbps sono il minimo per le reti Ethernet, molto diffuso è anche lo standard 100 Mbps e sempre più diffusi i dispositivi con 1000 Mbps o 1 Gbps, ma ben presto sentiremo parlare di 10 Gbps.

Meglio puntare su porte Gigabit perché, anche se le periferiche da collegare non supportano questa velocità, lo faranno le altre che acquisterai in futuro, per cui è meglio essere preparati.

SoHo, PoE

Facendo una ricerca sugli switch di rete potresti imbatterti in due oscure sigle: SoHo e PoE. Vediamo di che cosa si tratta: SoHo è l’acronimo di Small office Home office e indica quel settore del mercato che è una via di mezzo tra l’utenza amatoriale e quella professionale.

Di questa fascia di mercato fanno parte i modelli analizzati in basso, quelli più diffusi, che sono un gradino più in alto rispetto a chi ha un solo PC a casa e non ha esigenze particolari e un gradino più in basso rispetto ad aziende con un grosso volume di traffico da smistare e ottimizzare.

PoE significa Power over Ethernet e indica quei dispositivi che possono essere alimentati con lo stesso cavo con cui si collegano alla rete Ethernet. In questo modo si riduce il numero di cavi necessario per collegare le varie apparecchiature, l’installazione è più semplice e lo spazio di lavoro più ordinato.

 

I migliori switch di rete del 2017

 

Dopo averne spiegato funzionamento, caratteristiche e tipologia, passiamo adesso ai nostri consigli d’acquisto su quale switch di rete comprare. Andremo ad analizzare e a fare una comparazione tra i modelli più venduti e quelli ritenuti migliori per rapporto tra prestazioni offerte e prezzo. Scopri quali sono.

 

Prodotti raccomandati

 

TP-Link TL-SF1008D

 

Cliccando sul link suggerito verrai reindirizzato alla pagina con uno switch di rete a 8 porte ma TP-Link, come tutte le migliori aziende, prevede anche altre opzioni: è infatti disponibile quello a 5 e 16 porte.

Colpisce l’eccezionale rapporto qualità/prezzo di questi modelli che, non a caso, sono tra i più venduti online. L’azienda produttrice, del resto, è sinonimo di grande affidabilità ed è ben nota a livello globale.

I suoi switch sono plug and play, facili e immediati da installare, senza bisogno di configurazioni e non comportano l’utilizzo di cavi crossover.

Su ogni porta viene rilevata la velocità di collegamento del dispositivo per poterla configurare in maniera ottimale in termini di prestazioni e compatibilità.

Nonostante il basso costo, gli switch impiegano una tecnologia innovativa che consente un notevole risparmio energetico e un considerevole aumento della capacità di rete.

Si tratta probabilmente del miglior switch di rete sul mercato per rapporto qualità/prezzo.

Acquista su Amazon.it (€9)

 

 

 

Netgear GS305P-100PES

 

Netgear è un altro marchio che non poteva mancare nella nostra classifica dei migliori switch di rete del 2017.

Anche in questo caso l’utente ha la possibilità di scegliere il numero di porte, da 5 fino a 48.

Cliccando sul link si verrà reindirizzati allo switch di rete a 5 porte 10/100/1000 con 4 porte PoE. Come gli altri modelli, è plug and play e quindi immediato e facile da installare.

A differenza dei prodotti più economici, questo presenta una scocca in metallo che è quindi più resistente della plastica e non teme urti e cadute. Oltre all’alimentatore, viene fornito anche il kit per il montaggio a parete.

Estremamente apprezzato dai consumatori, questo switch è pensato per abitazioni, piccole e medie imprese che non hanno particolari esigenze di gestione (unmanaged); ha gli indicatori luminosi posti a sinistra delle prese di rete in modo da non essere coperti dai cavi.

Acquista su Amazon.it (€68,83)

 

 

 

D-Link DGS-1008P

 

Come scegliere un buono switch di rete D-Link? Ecco un prodotto particolarmente gradito dagli utenti: si tratta di un modello a 8 porte gigabit con 4 porte PoE e ha tutte le caratteristiche per soddisfare pienamente un’utenza domestica e di piccole-medie imprese.

Per un mercato del genere occorre uno switch plug and play non gestito come questo che venga subito riconosciuto e sia immediatamente operativo senza complicate installazioni.

Anche questo modello consente di collegare direttamente le varie porte tramite normali cavi Ethernet senza usare quelli incrociati o le porte uplink.

La presenza delle porte Gigabit assicura maggiore larghezza di banda per tutte quelle applicazioni che necessitano di elevata velocità.

Senza ventole, estremamente silenzioso, può essere collocato ovunque, anche se non ha fori per il fissaggio a parete.

Tra i dispositivi PoE che permette di alimentare ci sono, per esempio, telecamere IP, telefoni IP e access point.

Acquista su Amazon.it (€65,8)

 

 

 

TP-Link TL-SG108

 

Ecco un altro switch estremamente apprezzato dagli utenti che potrebbe incontrare il tuo favore. Si tratta di un modello Gigabit a 8 porte da 10/100/1000 Mbps ma sono disponibili anche altre versioni.

Lo switch TP-Link condivide molte delle caratteristiche degli altri modelli analizzati precedentemente. Tra queste, il mercato di riferimento che è quello delle abitazioni e delle piccole e medie imprese che hanno bisogno soprattutto di estrema semplicità o, per meglio dire, assenza di gestione.

È quindi uno switch plug and play, immediatamente utilizzabile senza configurazione, senza uso di cavi cross, senza problemi. Supporta auto MDI/MDIX e impiega la moderna tecnologia Green che riduce enormemente i consumi energetici.

Il prezzo è più che competitivo.

Acquista su Amazon.it (€26,16)

 

 

 

D-Link GO-SW-5G/E

 

Il costo accessibile a tutte le tasche è uno dei punti di forza di questo switch a 5 porte D-Link che è disponibile anche nella versione a 8 porte.

D-Link è un marchio che non delude e le recensioni entusiastiche degli utenti sono lì a dimostrare l’affidabilità di questo prodotto.

A un prezzo ultra competitivo si porta a casa uno switch Gigabit Ethernet 10/100/1000 Mbps per espandere facilmente la propria rete e scaricare file più velocemente e godere di uno streaming video più fluido. Certo, la scocca è in plastica e non in metallo ma rimane comunque un vero affare.

È plug and play e quindi viene riconosciuto immediatamente senza che l’utente debba scaricare niente o eseguire complicate installazioni.

Anche qui abbiamo l’impiego della tecnologia Green per ridurre al massimo i consumi e anche qui viene regolato l’invio di energia alla porta in base alla lunghezza del cavo Ethernet collegato.

Acquista su Amazon.it (€12,1)

 

 

 

Leave a Reply

Be the First to Comment!

Notify of
avatar
wpDiscuz
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2017. All Rights Reserved.