Le 5 Migliori Lavastoviglie da Incasso del 2022

Ultimo aggiornamento: 16.05.22

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

 

Lavastoviglie da incasso – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Tra le tante soluzioni che hanno avuto buoni riscontri durante l’anno è difficile stabilire quale sia il modello più valido, visto che le proposte sono tante e garantiscono buoni risultati. Le offerte che proponiamo qui di seguito sono selezionate tra quelle che hanno dato maggiori soddisfazioni agli utenti che le hanno scelte, facendo una comparazione tra i tanti elettrodomestici disponibili sul mercato. Per facilitare la scelta della lavastoviglie da incasso più adatta alle vostre esigenze abbiamo esaminato alcuni modelli: quello che ha vinto la corsa con gli altri è Candy Brava CDIH 2T1047 Lavastoviglie Slim da Incasso, largo soli 45 cm ma capiente abbastanza da ospitare fino a dieci coperti. Dispone di molti programmi interessanti, come lo Zoom, per lavare tutto in meno tempo. Bosch Elettrodomestici SMV4EVX14E Serie 4, Lavastoviglie a scomparsa è invece un modello più ampio, che può ospitare fino a 13 coperti. Si serve di un’app dedicata per far connettere i dispositivi all’elettrodomestico, così da controllarlo facilmente anche a distanza. 

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere la miglior lavastoviglie da incasso?

 

A differenza di quanto succedeva un tempo, oggi il prezzo che si paga per lavare i piatti a mano è più alto rispetto alla soluzione meccanica con la lavastoviglie, sia in termini di bolletta che di impatto ambientale. Se non sai cosa merita maggiore attenzione al momento dell’acquisto del giusto complemento da incassare nella tua cucina, dai un’occhiata ai nostri suggerimenti: questa guida ti mostra a cosa fare attenzione prima di scegliere l’elettrodomestico più adatto alle tue esigenze.

 

A.1 Bosch SMV40D90EU (singura varianta)

 

Quali differenze tra una lavastoviglie da incasso e una free standing

Il modello a libera istallazione, se non si vuole cedere alle definizioni in lingua inglese a tutti i costi, presenta il vantaggio di potere essere collocato dove si preferisce e in corrispondenza dello scarico e allaccio all’acqua. Ma diverso è il discorso se la nostra cucina prevede la presenza di uno scomparto da dedicare esclusivamente alla lavastoviglie, dato che le componibili moderne sono predisposte per ottimizzare lo spazio degli elettrodomestici che si moltiplicano all’interno di questa stanza.

Confronta prezzi ma non dimenticare di scegliere la migliore lavastoviglie per te anche in base al reale spazio occupato e alla capacità di scomparire alla vista del tutto, e compara i modelli integrati, o quasi, con i modelli semintegrati.

La classifica dei modelli più gettonati, però, è dominata da quelle lavastoviglie in grado di offrire gli stessi vantaggi di una a incasso libero senza soffrire limitazioni di sorta.

Ricorda che nessuna delle lavastoviglie pensate per essere collocate all’interno di un vano in cucina è dotata di pannello frontale, non avrebbe senso visto che la parte a vista è uno sportello identico agli altri nella stanza.

 

Consumi e programmi disponibili

Una lavastoviglie che si comporta bene appartiene almeno alla classe energetica A+, ne esistono di più performanti ma più costose, e gestisce in modo ottimale le risorse, acqua, elettricità e detersivo. Ogni recensione mette in luce questo tipo di caratteristiche offerte da ciascun modello: si tratta di un aspetto da non sottovalutare prima di decidersi all’acquisto di quella giusta per sé.

Sul mercato, infatti, non mancano le proposte simili tra loro ed è bene concentrarsi su questo tipo di dettagli che è in grado di fare la differenza tra un elettrodomestico destinato a un uso quotidiano e uno relegato solo alle grandi occasioni, per paura di non impattare troppo sul budget familiare.

La migliore marca presta grande attenzione a questi dettagli, fornendo schede dettagliate sui consumi stimati per attività, dando indicazioni precise sulla modalità di calcolo dei consumi reali.

I programmi di lavaggio devono essere tali e quali a quelli proposti per i modelli free standing. Significa che devono potere offrire la possibilità del mezzo carico, qualora fosse utile, la scelta di diverse temperature di lavaggio e i cicli brevi per le stoviglie meno sporche.

A.2 Electrolux Rex RSL 5202

 

Optional desiderabili

Quando si pensa a una lavastoviglie ci si augura che non si trasformi nell’ennesima fonte di inquinamento acustico domestico, per non disturbare il proprio riposo né quello dei vicini.

Le lavastoviglie che garantiscono basse emissioni di rumore sono di certo preferibili: garantiscono anche la presenza di accorgimenti in fase di assemblaggio che limitano la vibrazione e allungano la vita utile dell’elettrodomestico.

La partenza ritardata è un altro bel vantaggio che può riservare una buona lavastoviglie, a incasso o no, quindi se hai necessità di impostare l’orario di avvio anche non in tua presenza sappi che puoi contare su diverse opzioni proposte dai diversi fabbricanti.

Abbiamo anche tante altre pagine dedicate a grandi e piccoli elettrodomestici come forni, cappe aspiranti, frullatori o questi tritatutto Kenwood.

 

Le 5 Migliori Lavastoviglie da Incasso – Classifica 2022

 

Tra le tante soluzioni che hanno avuto buoni riscontri durante l’anno è difficile stabilire quale sia stata la miglior lavastoviglie da incasso del 2022. Le offerte che ti proponiamo qui sono selezionate tra quelle che maggiori soddisfazioni hanno dato agli utenti che le hanno scelte, facendo una comparazione tra i tanti elettrodomestici disponibili. I nostri consigli d’acquisto vogliono proporti alcuni spunti per facilitarti la scelta della lavastoviglie da incasso più adatta ai tuoi bisogni.

 

Lavastoviglie da incasso 45 mm

 

1. Candy Brava CDIH 2T1047 Lavastoviglie Slim da Incasso

Principale vantaggio

Quella di Candy è una lavatrice slim, quindi di dimensioni compatte e da incasso, che permette di risparmiare spazio in una cucina non molto ampia. Si tratta di un prodotto anche silenzioso, visto che produce al massimo 47 dB, ma che vi fa contare su vari programmi, per l’esattezza otto, inclusi quello eco, il prelavaggio e quello intensivo. Potrete impostare anche la partenza ritardata, fino a un massimo di 24 ore. Valida anche la presenza della formula Glass Protection, che garantisce la sicurezza di tutti gli utensili in vetro. 

 

Principale svantaggio

Se avete bisogno di qualche aiuto in più per montarla, non potrete contare sulle istruzioni in lingua italiana, che non sono incluse nella confezione. 

 

Verdetto: 9.7/10

Il rapporto qualità/prezzo è interessante, per cui si tratta di una soluzione ottimale se avete una cucina piccola ma non volete rinunciare a un elettrodomestico del genere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Salvaspazio

Se siete alla ricerca della migliore lavastoviglie da incasso del 2022 per rapporto qualità/prezzo, quella di Candy può soddisfare le vostre esigenze perché una delle più valide tra quelle vendute online. 

Il primo aspetto che balza all’occhio sono le dimensioni, ovvero 45 x 56 x 82 cm, per cui non dovrete sacrificare alcuno spazio, anche se questa lavastoviglie da incasso 45 cm è già abbastanza slim da non costringere a grosse rinunce.

Nonostante le dimensioni mette a disposizione spazio per dieci coperti, quindi potrete organizzare anche cene con gli amici o risparmiare sui cicli, perché potrete aspettare che si riempia prima di avviare un ciclo. 

Non avrete neppure problemi a integrarla con il resto dell’arredamento, quindi dovrete concentrarvi sul piano funzionale e nulla di più.

Programmi

Un modello così compatto conquista i pareri positivi di molti utenti, visto che mette a disposizione ben otto programmi, per aiutarvi non solo a pulire le stoviglie ma anche a risparmiare sulla spesa di acqua e luce.

Quelli disponibili sono l’intensivo a 70°C, l’ universale a 60 °C, l’eco a 50°C , il rapido a 45°C, lo speciale a 45°C, quello per il vetro a 45°C, l’automatico con scelta da 45 a 70 °C  e infine il prelavaggio. Spicca tra questi il programma Zoom, che consente di lavare tutte le stoviglie in un tempo ridotto, ovvero 32 minuti.

Il lavaggio Glass Protection è invece pensato prettamente per tutti gli utensili in vetro, che hanno bisogno di maggiore cura per durare a lungo, non macchiarsi e, soprattutto, non rompersi. 

 

Gestione delle funzioni

Per rendere ancora più semplice l’impostazione dei programmi, il menù è collocato all’interno dello sportello, proprio all’apertura, ed è touch, quindi basterà passare con le dita sui tasti dedicati per avviare i cicli di lavaggio.

La classe di appartenenza è la E, quindi non il massimo del risparmio, ma ci sono elementi come la partenza ritardata, al massimo di 24 ore, che consentono di avviare la lavastoviglie quando si spende di meno e soprattutto quando è più comodo per noi.

Il vero problema, se così si può dire, di questo modello sono in realtà le istruzioni, assenti in lingua italiana, che potrebbero servire a chi non ha molta dimestichezza con elettrodomestici simili: tuttavia il problema è facilmente risolvibile visitando il sito dell’azienda, in cui basterà inserire il numero del modello per individuarle. 

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Lavastoviglie da incasso Bosch

 

2. Bosch Elettrodomestici SMV4EVX14E Serie 4, Lavastoviglie a scomparsa

 

Se non avete alcuna idea su quale lavastoviglie da incasso comprare ma desiderate un modello nuovo e tecnologico, questo di Bosch può essere quello adatto alle vostre esigenze. Si tratta in primo luogo di un prodotto che può ospitare fino a 13 coperti, infatti ha un’ampiezza pari a 60 cm, anche se è un modello a scomparsa totale, quindi non occuperà spazio in cucina.

Come dicevamo, questa lavastoviglie da incasso Bosch è dotata di un sistema di connessione a vari dispositivi, che consente di regolarne le funzioni anche a distanza: con l’app Home Connect potrete infatti gestirla sulla smartphone o sul tablet.

Per quanto concerne la parte interna, il cestello superiore potrà essere regolato in altezza a seconda delle necessità. Un punto di forza è il motore, silenzioso e pensato per dosare bene acqua e sapone, aiutandovi a risparmiare. Se, però, siete alla ricerca di una lavastoviglie da incasso A+++, questa può non soddisfarvi in quanto appartiene alla classe C.

Pro
App Home Connect:

Tramite questa applicazione, da scaricare sul cellulare o sul tablet, potrete controllare a distanza la vostra lavastoviglie e ricevere tanti suggerimenti utili.

Cestello regolabile:

Quello superiore può essere posizionato a diverse altezze a seconda delle necessità di spazio.

Motore:

Non solo è silenzioso, ma riesce a dosare bene energia e acqua, per consentire un risparmio a 360°.

Contro
Classe energetica:

Non appartiene alla A+++ ma alla C, quindi potrebbe non soddisfare le esigenze di chi vuole qualcosa del genere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Lavastoviglie da incasso 60 mm

 

3. Beko DFN05311S lavastoviglie Libera installazione

 

Beko, da qualche anno a questa parte, si sta facendo apprezzare nel mercato degli elettrodomestici per la sua capacità di commercializzare prodotti di buona qualità a prezzi mediamente alla portata di tutti. Questa lavastoviglie a libera installazione non fa eccezione e si propone come una scelta da tenere nella massima considerazione se non volete svenarvi per un apparecchio di questo tipo. 

Il primo aspetto a balzare agli occhi è la sua capacità di ben tredici coperti, il che consente di avere un bel po’ di spazio a disposizione per piatti, pentole e bicchieri, nonché l’attenzione messa al dispenser in cui posizionare il detersivo, che è scorrevole così da non rappresentare un problema al momento dall’apertura o della chiusura. Apprezzabili sono, sia la disponibilità di cinque differenti programmi di lavaggio, pensati per soddisfare le varie esigenze di carico e consumo di acqua, sia l’emissione sonora, che si attesta su 49 dB e che, alla prova dei fatti, rende la lavastoviglie non particolarmente fastidiosa quando in funzione. 

Venduta a un prezzo molto interessante, consente di risparmiare sulla spesa iniziale ma tenete comunque conto che è abbastanza “vorace” in termini di consumi di brillantante e sale, che dovrete dunque acquistare con una certa frequenza.

Pro
Capacità:

La lavastoviglie è pensata per ospitare tredici coperti, dunque mette a disposizione uno spazio più che adeguato per soddisfare le esigenze di lavaggio di una famiglia media.

Rumorosità:

Si attesta sui 49 dB e, in effetti, quando è in funzione emette un rumore contenuto che non risulta particolarmente fastidioso.

Prezzo:

Considerando qualità complessiva, numero di programmi a disposizione e capacità, l'esborso da sostenere per l'acquisto appare più che adeguato.

Contro
Consumi:

Non parliamo della classe energetica (che è A+) bensì della velocità con cui vengono consumati sia il sale sia il brillantante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Lavastoviglie da incasso Miele

 

4. Miele G 5022 SCU BRWS, Lavastoviglie Sottopiano, A++

 

La lavastoviglie da incasso Miele è un modello da 14 coperti, dedicato quindi a chi ha bisogno di maggiore spazio per lavare le stoviglie. Caratterizzata da una grande qualità, appartiene alla classe A++, per cui consente di risparmiare abbondantemente sui consumi.

La sua particolarità sta nel cassetto superiore, dedicato esclusivamente alle posate, che si apre molto comodamente e che non costringe, quindi a occupare la parte centrale in basso, come accade per tanti modelli di lavastoviglie. 

Interessante anche l’apertura dello sportello, che resta nella posizione desiderata, quindi non cadrà o sbatterà. Il menù è presente sulla sua parte anteriore, con tasti dedicati per impostare i programmi o altre funzioni, come la partenza ritardata. 

Il Quick Power Wash è dedicato a chi vuole ottimi risultati in meno di un’ora. Non è uno dei modelli più venduti perché non è il più economico ma, se volete sapere dove acquistare a prezzi bassi, cliccate sul link in basso. 

Pro
Classe energetica:

Questo modello appartiene alla classe A++, quindi assicura di base un buon risparmio nella spesa di luce.

Cassetto per le posate:

Posto in alto, è dedicato esclusivamente a questi utensili, quindi sarà più facili posizionarli all’interno della lavastoviglie.

Programmi:

Ce ne sono diversi, per lavare fino a 14 coperti, come il Quick Power Wash che termina in meno di un’ora.

Contro
Costo:

Non è un elettrodomestico pensato per chi vuole essenzialmente risparmiare, ma per chi ha a disposizione un buon budget.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Lavastoviglie da incasso Electrolux

 

5. Electrolux EEQ47200L Lavastoviglie integrata totale 60 cm

 

La lavastoviglie da incasso Electrolux è un modello dal costo molto interessante in rapporto alle funzioni che mette a disposizione. Dotata di vari programmi di lavaggio, include anche l’ammollo, quello eco, quello veloce e quello approfondito.

Grazie al cursore, sarà molto semplice regolare le impostazioni e anche la durata dei cicli, per poi lasciare la macchina ad agire da sola. Si tratta di un modello molto silenzioso, che non emette suoni all’accensione o per indicare che il ciclo è finito, ma proietta una luce sul pavimento, verde quanto è terminato il lavaggio, rossa quando è in funzione.

Si serve inoltre della tecnologia Air Dry, che permette di asciugare meglio le stoviglie, così da metterle poi subito a posto. Facile da montare, è una buona soluzione se non sapete come scegliere una buona lavastoviglie da incasso, anche se il numero di coperti potrebbe non soddisfare tutti, in quanto sono solo 13. 

Pro
Silenzioso:

Questo modello è caratterizzato dall’assenza di segnali sonori, per cui sarete avvisati da una luce verde quando i cicli sono finiti e rossa quando sono in azione.

Tecnologia Air Dry:

Grazie a questo elemento le stoviglie saranno asciugate meglio e potrete quindi metterle subito a posto.

Programmi:

Quelli presenti su questo modello sono vari, inclusi l’ammollo, l’eco, quello più veloce e quello approfondito.

Contro
Coperti:

Quelli qui presenti sono 13, non sufficienti per tutti coloro che hanno bisogno di maggiore spazio.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come usare una lavastoviglie da incasso

 

Lavare i piatti è la parte peggiore di un bel pranzo o di una deliziosa cena. La cosa diventa ancora più ardua e difficile da digerire se a tavola si era in molti. Tanti piatti e pentole unte e sporco che non vuol proprio saperne di venir via. Ma a semplificare la vita c’è la lavastoviglie, un elettrodomestico ormai presente nella maggior parte delle cucine e divenuto indispensabile quasi quanto la lavatrice.   

Come caricare la lavastoviglie

Per ottenere piatti e pentole pulite non basta mettere il detersivo e avviare l’elettrodomestico. Innanzitutto bisogna rimuovere manualmente i residui grossi di cibo. Le posate vanno sistemate in modo tale da non sovrapporsi così che l’acqua possa raggiungere tutta la superficie. Particolare attenzione va prestata ai coltelli la cui lama deve essere rivolta verso il basso.

I piatti vanno caricati sul cestello inferiore: in questo modo riceveranno un flusso d’acqua adeguato. Bicchieri e tazze, invece, vanno disposti sul cestello superiore capovolti e in posizione inclinata, in modo che l’acqua possa defluire. Le macchie vanno rivolte verso il braccio irroratore. Inoltre bisogna sempre verificare che le pentole e quant’altro possano essere messe in lavastoviglie.

 

La giusta temperatura

La selezione della temperatura dipende dalla quantità di sporco da ripulire. Più un piatto è sporco più c’è bisogno di acqua calda per eliminare macchie e residui di cibo. Pertanto, in casi del genere meglio impostare la temperatura a 50°.

 

Il detersivo

In commercio esistono diversi tipi di detersivi studiati per la lavastoviglie. È importante sapere che non bisogna mai usare il comune sapone per i piatti. Il detersivo deve essere conservato in un ambiente asciutto, protetto dall’umidità.

Il brillantante

Oltre al detersivo si può aggiungere il brillantante. Tale prodotto va riposto in una vaschetta che solitamente si trova affianco a quella per il detersivo. Il brillantante è importante perché evita la formazione di macchie calcaree sulle stoviglie.

 

I consumi

In molti sono titubanti nel decidere se acquistare una lavastoviglie oppure no. La questione riguarda i consumi. Eppure, secondo diversi studi pare che l’uso della lavastoviglie comporti minori sprechi rispetto al lavaggio a mano. La lavastoviglie usa la corrente elettrica per riscaldare l’acqua la quale viene pompata e riciclata. Dunque, non solo si risparmia sulla quantità di acqua impiegata ma anche sull’energia elettrica necessaria a riscaldarla perché meno acqua si usa, meno corrente si consuma. In linea generale, un lavaggio con la lavastoviglie richiede una quantità d’acqua inferiore di sette volte rispetto a quello a mano.

 

 

 

Domande frequenti

 

Cosa significa lavastoviglie da incasso?

Con il termine lavastoviglie da incasso si indicano quelle lavastoviglie che, per forza di cose, devono essere inserite all’interno di un mobile. Rispetto a quelle a libera installazione, si presentano molto scarne nel design, appunto perché saranno richieste all’interno di un mobile della cucina. 

Sono due le tipologie di lavastoviglie da incasso: a scomparsa e a scomparsa totale. La prima si differenzia dalla seconda per la presenza di un cruscotto nella parte frontale, dove sono presenti i comandi. 

Il pannello del mobile in questo caso ricopre solo la parte inferiore. Quelle a scomparsa totale quindi non sono assolutamente visibili dall’esterno, essendo totalmente ricoperte da un’anta. In questo caso i comandi sono nella parte superiore dello sportello.

 

Come montare/smontare la lavastoviglie da incasso?

Innanzitutto è d’obbligo avere i giusti utensili e cacciaviti, che sono indispensabili sia per montare la lavastoviglie da incasso sia per smontarla. Per prima cosa è utile individuare i tubi di scarico e il rubinetto. Normalmente si predilige montare la lavastoviglie il più vicino possibile alle tubature, posizione utile soprattutto in caso di guasto. 

Nel caso in cui rubinetto e scarico non siano allineati, sarà necessario dotarsi di un tubo flessibile per il collegamento. Fatta questa operazione si può infilare la lavastoviglie nel vano magari facendosi aiutare da una seconda persona. 

Il passo successivo è il montaggio dell’anta del mobile, che avviene collegando anche il portello della lavastoviglie. Utilizzando un binario, si possono fissare entrambe le porte. 

Questo consente, quando si apre il mobile dove è inserita la lavastoviglie, di aprire anche lo sportello nello stesso momento. Per smontarla non bisogna far altro che fare i passaggi descritti al contrario.

 

Le lavastoviglie da incasso sono tutte pannellabili?

Non tutti i modelli sono pannellabili. Infatti esistono delle lavastoviglie apposite che, in pratica, sono sprovviste di un pannello esterno e offrono solo una porta molto grezza e di certo non bella da vedere. 

In pratica si va ad utilizzare un pannello che è praticamente identico a tutto il resto della cucina. Lo svantaggio di questi modelli è che, una volta chiusi durante il lavaggio, non si possono verificare molte informazioni utili, come ad esempio il tempo residuo, o selezionare il programma che si vuole effettuare. 

Per fortuna alcuni produttori hanno creato delle lavastoviglie a incasso pannellabili, che sulla controporta offrono i vari controlli e in alcuni casi anche un display. Questi modelli scompaiono dalla vista una volta che il pannello viene chiuso, ma prima di iniziare il lavaggio, e anche durante, è possibile vedere dall’alto le informazioni principali dell’operazione che si sta eseguendo.

 

Le lavastoviglie da incasso hanno tutte le stesse dimensioni?

In pratica sì. Le lavastoviglie da incasso misurano tutte 60 cm in larghezza, 81,5 cm in altezza e 55 cm in profondità. Questo per consentire, a chi realizza le cucine, di predisporre un vano apposito per l’inserimento della lavastoviglie, a prescindere da marca e modello che si andrà a scegliere. Solo larghezza e profondità possono variare: ci sono infatti modelli da 82 cm di altezza e 57 cm di profondità, misure che comunque sono adatte per qualsiasi tipologia di cucina.

 

Cosa fare se la lavastoviglie perde acqua?

In base alla perdita che si rileva si può prendere in considerazione una ditta di manutenzione o provare a ripararla da sé. Il problema maggiore che si può verificare è se la lavastoviglie perde acqua da spenta. 

Per prima cosa bisogna verificare l’integrità delle tubature e dei manicotti, e controllare che la perdita non derivi dall’usura di quest’ultimi. Se il problema non è riferibile alle tubature, è meglio rivolgersi a un centro di assistenza. 

Se la perdita avviene da sotto l’elettrodomestico, la causa potrebbe essere la bacinella inferiore che viene riempita troppo. In questo caso il problema dovrebbe essere causato dal sistema che mette in circolo l’acqua. 

È quindi necessario smontare la lavastoviglie dal mobile ed effettuare dei lavaggi a vuoto per capire da dove deriva la perdita. Se la perdita arriva dallo sportello, potrebbe essere la guarnizione usurata, quindi sarà necessario sostituirla, operazione molto semplice da effettuare.

 

 

Altri articoli popolari scritti da noi:

La miglior lavastoviglie

Lavatrice con carica dallalto

Detersivo per lavatrice

Asciugatrice pompa di calore

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

2 COMMENTI

sabrina

June 29, 2019 at 10:01 am

che giudizio date alle lavastoviglie miele?

Risposta
BuonoedEconomico

July 2, 2019 at 5:54 am

Buongiorno Sabrina,

non conosciamo questi modelli, ma magari qualche nostro visitatore sì…

Saluti

Risposta

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia, Romania e Canada.

Buono ed Economico © 2022. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status