fbpx

Il miglior caricabatterie a induzione

Ultimo aggiornamento: 13.09.19

 

Caricabatterie a induzione – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Rispetto a un caricabatterie tradizionale, un modello a induzione è tecnologicamente più avanzato e pratico da usare. Prima di acquistare un apparecchio del genere, è bene sempre controllare che questo sia compatibile con i propri dispositivi, perché non tutti i modelli sono universali. Per aiutarvi a scegliere il prodotto giusto, date un’occhiata alla nostra classifica, ma se non avete tempo per leggere tutte le recensioni, allora non fatevi sfuggire i due suggerimenti che vi forniamo di seguito. Samsung EP-PA510 è uno dei migliori caricabatterie a induzione presenti attualmente sul mercato. Il suo design è compatto ed elegante ed è pratico da trasportare, inoltre tra i vari dispositivi compatibili troviamo: Samsung Galaxy Note 5, S6, S6 Edge e S6 edge+. Un altro modello interessante è Anker AK-A2513011, acquistabile a un ottimo prezzo. Dalla forma circolare compatta e gradevole, è da 10 watt e quindi molto potente, supporta la ricarica rapida, ha la base antiscivolo e i Led che indicano funzionamento e stato della ricarica.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior caricabatterie a induzione

 

Innovativi e dal design accattivante, i caricatori a induzione sono comodi e belli da vedere. Nella nostra guida ne esaminiamo alcune caratteristiche e, nella classifica in basso, offriamo qualche suggerimento concreto per individuare sul mercato il modello più adatto alle tue esigenze.

Guida all’acquisto

 

Modelli compatibili e funzionamento

I caricatori a induzione sono tecnologicamente avanzati e, rispetto a quelli tradizionali, sembrano addirittura avveniristici: probabilmente li sostituiranno in poco tempo.

Prima di acquistarne uno confronta prezzi e prestazioni ma, soprattutto, verifica che il tuo smartphone sia compatibile; non tutti, infatti, lo sono. Eccone alcuni compatibili: i Samsung Galaxy da S6 in poi, quindi S6 edge, S6 edge+, il Note 5, i Nokia Lumia da 820 in poi (830, 920, 930), LG Optimus G Pro, ecc. Non sono disponibili caricabatterie a induzione per gli iPhone ma la Apple non starà certo a guardare per molto tempo, c’è da giurarci.

Come suggerisce il nome, questo innovativo processo di ricarica utilizza l’induzione elettromagnetica che dalla base raggiunge il dispositivo da ricaricare. Occorre prima collegare il caricatore a una presa di corrente ma poi è sufficiente appoggiare il cellulare sopra per far partire la ricarica che avviene, quindi, in modalità wireless, senza il fastidioso cavo da collegare ogni volta.

In questo caso basta semplicemente avvicinare i due dispositivi: un sistema comodo e per niente pericoloso, né per l’uomo né per gli animali.

Attenzione, se desideri assolutamente questo caricabatterie ma scopri che il tuo smartphone non è predisposto per la ricarica wireless, niente paura. Sono disponibili delle cover che, applicate al cellulare, risolvono il problema: il prezzo va da pochi euro fino a qualche decina di euro, in base al modello.

 

Prestazioni

Dopo aver stabilito che il tuo smartphone è compatibile, quali sono gli elementi che vanno valutati in un caricabatterie wireless? Uno è il tempo di ricarica. Va specificato che tutti i caricatori a induzione sono molto più lenti di quelli tradizionali che utilizzano il cavo, per cui spesso torna comodo sfruttarli di notte. Alcuni, però, sono particolarmente lenti e tendono a far surriscaldare il cellulare: meglio dare un’occhiata alla recensione che ne fanno gli utenti.

Non dovrebbe mai mancare, inoltre, un anello o una superficie antiscivolo per tenere lo smartphone in posizione, evitando che possa fuoriuscire al minimo urto.

I caricabatterie sono dotati di un LED che cambia colore e segnala l’avvenuta ricarica. Tuttavia, di notte, la luce potrebbe rivelarsi fastidiosa, meglio dunque optare per un dispositivo particolarmente discreto.

I modelli più innovativi integrano anche un chip che spegne automaticamente la base quando lo smartphone è completamente carico.

Design

Per alcuni utenti la migliore marca di caricabatterie wireless potrebbe non essere quella che realizza i modelli più performanti o col miglior rapporto qualità/prezzo, ma quella che si distingue per il design più originale o elegante.

Dal punto di vista della praticità d’uso, sono preferibili i caricatori leggeri e compatti perché più facili da trasportare. Per quanto riguarda l’aspetto estetico, le aziende continuano a realizzare prodotti sempre diversi, accattivanti, raffinati.

Attenzione anche al colore: sono pochi i produttori che danno all’utente la possibilità di scegliere tra diverse opzioni.

 

I migliori caricabatterie a induzione del 2019

 

Abbiamo visto il funzionamento e le caratteristiche che contraddistinguono i caricabatterie a induzione. Come promesso, adesso ci concentriamo sulla comparazione tra quelli che riteniamo i migliori modelli di quest’anno quanto a rapporto tra prestazioni offerte e prezzo di vendita. Scopri quali sono.

 

Prodotti raccomandati

 

Samsung EP-PA510

 

Tra i nostri consigli d’acquisto non poteva mancare questo Samsung, probabilmente il miglior caricatore a induzione che puoi trovare sul mercato.

Ha un ottimo rapporto qualità/prezzo e per questo è anche uno dei più venduti online. Colpisce, in particolare, il design non solo perché è molto curato nell’estetica ma, soprattutto, perché è estremamente compatto e leggero, il che rende questo dispositivo ideale da portare sempre con sé, per lavoro o intrattenimento.

Non manca l’indicatore a LED che, passando dal blu al verde, segnala quando lo smartphone è completamente carico e può essere prelevato.

Come abbiamo detto in precedenza, lo smartphone deve essere predisposto per la ricarica wireless: tra i dispositivi ricaricabili ci sono, tra gli altri, Samsung Galaxy Note 5, S6, S6 edge, S6 edge+.’

Pareri positivi accompagnano il lancio di questo nuovo prodotto Samsung. Nello specifico, l’estrema portabilità ha stupito diversi utenti. Vediamo insieme nel dettaglio perché.

Pro
Portabilità:

Le dimensioni ridotte lo rendono idoneo a supportare l’utente in mobilità, senza la presenza di cavi e fili a intralciare le operazioni di ricarica.

Tecnologia Qi:

Il dispositivo sfrutta la connettività wireless offerta dal sistema Qi: posizionando lo smartphone sulla base si darà il via alle operazioni di caricamento.

Pratico:

La presenza di un indicatore LED segnala lo status e il tipo di operazione in corso: luce blu durante la fase di carica e luce verde per segnalare l’avvenuta fine delle attività, con facilità di lettura per gli utenti.

Contro
Lentezza:

Alcuni clienti hanno riscontrato una certa lentezza nel portare a carica completa il dispositivo collegato.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Anker AK-A2513011

 

Sono diversi i motivi che hanno determinato il successo del caricatore wireless Anker e il notevole apprezzamento dei consumatori. Vediamo quali.

Questo caricatore da 10 watt – quindi molto potente – supporta la ricarica rapida dei dispositivi abilitati, per esempio Samsung Galaxy Note 5, Note 7, S7/S7edge, S6 edge+, iPhone 8+, X e altri.

Spicca la forma circolare, il design elegante e le dimensioni molto compatte (8,5 x 8,5 x 0,7 cm) che lo rendono comodo da maneggiare e trasportare. Un po’ meno comodo potrebbe essere collocare lo smartphone perché va messo nella giusta posizione per far attivare il caricatore.

Alla base sono presenti degli inserti antiscivolo che permettono di tenerlo stabilmente su ogni superficie e, come in tutti i migliori modelli, non mancano i Led che indicano quando il dispositivo è in funzione e lo stato della carica.

Sono naturalmente presenti tutti gli accorgimenti tecnici che evitano problemi sia al caricatore sia al cellulare in caso di sovraccarico e cortocircuito. Tra i vantaggi di questo modello c’è il prezzo decisamente competitivo.

Ecco una breve scheda riepilogativa dei principali vantaggi e svantaggi del nuovo caricabatterie wireless Anker che ha riscosso notevole apprezzamento sul mercato per l’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Pro
Ricarica rapida:

Questo è un caricabatterie da 10 W, quindi molto potente, ed è in grado di supportare la ricarica rapida degli smartphone compatibili, tra cui iPhone 8, X, Samsung Galaxy Note 5, Note 7, S7/S7edge, S6 edge+.

Design:

Convince il design compatto dalla forma circolare con i piedini antiscivolo che permettono di tenerlo stabilmente su ogni superficie.

Led:

Non mancano i Led che servono a segnalare quando il caricatore è in funzione e lo stato della carica del cellulare.

Sicurezza:

La tecnologia proprietaria Anker MultiProtect assicura la massima protezione allo smartphone e al caricatore stesso in caso di cortocircuito, sovratensione, sovraccarico.

Contro
Posizionamento smartphone:

Come detto, il caricabatterie ha dimensioni molto contenute (8,5 x 8,5 x 0,7 cm) e il cellulare va posizionato sempre con precisione per farlo attivare.

Acquista su Amazon.it (€19,99)

 

 

 

iProtect Stazione di Ricarica

 

Il design di questa stazione di ricarica iProtect è uno degli aspetti che ha colpito più positivamente i consumatori. Se sei un amante degli oggetti con linee molto curate, dagli un’occhiata. Inoltre è disponibile in diversi colori, magari lo puoi abbinare alla cover del tuo smartphone.

I dispositivi che si possono ricaricare senza acquistare ulteriori accessori sono tutti quelli compatibili Qi come, per esempio, LG Optimus G Pro, Nokia Lumia 930, 920, 830, 820 e i Samsung Galaxy da S6 in poi.

Il LED di colore blu indica che è in corso la ricarica, quando si spegne segnala che è possibile prelevare lo smartphone. I tempi per il completamento dell’operazione sono probabilmente superiori a quelli del classico caricatore a parete, ma la comodità è notevolmente maggiore.

Il prezzo competitivo è un altro aspetto che ti può spingere a prendere in considerazione questo prodotto.

Un design accattivante gli ha meritato l’inserimento in una guida per scegliere il miglior caricabatterie a induzione. Forme eleganti si accompagnano a un prezzo in linea con quanto offerto, sia in termini di connettività che di sicurezza.

Pro
Look:

L’aspetto e la forma allungata ne fanno un oggetto che può fare bella figura, su un comodino come su una scrivania, non perdendo di vista la funzione pratica per cui è stato realizzato.

Qualità materiali:

Una buona resa costruttiva lo rende un oggetto sicuro oltre che pratico; disponendo della compatibilità con tecnologia Qi si possono ricaricare smartphone appoggiandoli sulla base apposita.

Praticità:

La modalità di funzionamento dell’oggetto ne fa un buon supporto per quanti vogliono eliminare cavi e prese a muro, sfruttando una tecnologia wireless per rimettere in carica il proprio telefono.

Contro
Base:

Secondo alcuni utenti bisogna centrare perfettamente il punto di ricarica, pena il mancato funzionamento del caricabatterie.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

UrCover Qi Wireless

 

Come scegliere un caricatore a induzione dal design moderno ma con tratti vintage? Dai un’occhiata a questo modello distribuito da UrCover: colpisce proprio per le forme innovative circolari, per il bordo di metallo che racchiude una superficie in finta pelle la quale esalta l’estetica e lo rende più piacevole al tatto.

La possibilità di scegliere tra diversi colori è un altro vantaggio sempre molto apprezzato. Come i migliori modelli, ha una superficie antiscivolo che tiene il cellulare stabile in posizione.

Alcuni utenti fanno notare che l’indicatore circolare a LED che segnala la ricarica in corso non è così discreto come promette la casa produttrice e potrebbe dare fastidio a qualcuno che lo usa di notte.

Si tratta, in ogni caso, di un caricatore di terza generazione, quindi è tecnologicamente avanzato, efficiente, garantisce una ricarica piuttosto veloce e il cellulare non si surriscalda.

Quanti cercano prezzi bassi ed efficienza, potrebbero non essere soddisfatti del costo finale di questo caricabatterie, giustificato però dalla potenza e dalla tecnologia innovativa che consentono una carica rapida.

Pro
Look accattivante:

La presenza di un rivestimento metallico e di una zona in finta pelle, esaltano le forme e richiamano certa estetica che mixa vintage e tecnologia, in un connubio ideale per quanti amano la forma oltre che la sostanza.

Velocità:

Il sistema wireless sfrutta la potenza per una carica efficace e in tempi brevi, grazie al protocollo più aggiornato di comunicazione e alla piena compatibilità con la tecnologia Qi.

Addio fili:

Il sistema di caricamento è semplice e intuitivo: una volta posizionato il telefono sulla base e riscontrata la compatibilità necessaria, si può procedere alla ricarica senza problemi di collegamento e fili che possono intralciare.

Contro
Necessità cover:

In assenza di un telefono compatibile è necessario acquistare una cover specifica, per consentire al dispositivo di caricarsi a dovere.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un caricabatterie a induzione

 

Sapete che è possibile caricare la batteria del vostro device senza nessun collegamento con cavi? Questa funzionalità è presente sulla maggior parte degli smartphone, ma se il vostro dispositivo non dovesse rientrare tra questi modelli niente paura, perché in commercio esistono anche delle cover che una volta posizionate intorno al telefono rimediano subito al problema. Per il momento, questo sistema non è ancora molto diffuso, ma non siete curiosi di capire il suo funzionamento?

 

 

Come funziona la ricarica a induzione o wireless

La ricarica a induzione (o wireless) è stata introdotta sul mercato da non molto tempo e permette di caricare lo smartphone senza il collegamento tramite cavo. Questo processo è possibile grazie ai campi elettromagnetici che si generano da un secondo dispositivo, ovvero il caricabatteria a induzione. Questa base deve essere collegata alla presa elettrica e fornisce una sorta di ripiano su cui posizionare il dorso del telefono.

Basterà il contatto tra i due apparecchi per far sì che l’energia arrivi alla batteria del dispositivo, tramite l’elettromagnetismo. Talvolta questa possibilità viene offerta dallo smartphone, mentre in altri casi bisogna acquistare un’apposita cover che, fortunatamente, non ha prezzi particolarmente elevati.  

 

Pro e contro del caricabatterie a induzione

Il termine “wireless” potrebbe creare un po’ di confusione, portandoci a immaginare una ricarica totalmente senza fili. Idea sbagliata, perché anche il caricabatterie a induzione presenta il problema della limitazione del cavo e, inoltre, lo smartphone deve essere posizionato sulla base, quindi non è possibile la ricarica in mobilità.

Tuttavia, non parliamo di una soluzione inutile, perché in alcune situazioni risulta molto interessante: possiamo, ad esempio, lasciarla fissa sulla scrivania e trovarla sempre a disposizione quando vogliamo caricare la batteria durante il lavoro o lo svago; evitiamo di sottoporre l’ingresso USB del nostro smartphone a stress, fino ad arrivare all’usura della porta o del cavetto di alimentazione.

Inoltre, posizionare il telefono su una base collegata è già di per sé un gran bel risparmio di tempo, soprattutto se lasciamo il caricabatteria fisso su un piano e non dobbiamo cercarlo in giro per casa o nella borsa.

 

 

Il primo utilizzo

Come abbiamo già visto, il caricabatterie a induzione è composto da una base su cui poggiare lo smartphone (o altro dispositivo) e il cavo di alimentazione.

Sulla base potrebbero esserci degli inserti in gomma, per favorire l’attrito con il dispositivo e, talvolta, sui punti di ricarica sono presenti dei simboli per meglio individualizzare la zona con il trasmettitore di energia.

Potreste chiedervi “ma se lascio il caricabatterie sempre collegato e pronto all’uso, come farà a capire la presenza o meno dello smartphone?” Ecco come funziona: a intervalli regolari, la base lancia dei segnali per controllare se c’è il device, in caso di risposta affermativa un nuovo segnale tornerà indietro con la giusta informazione e i trasmettitori attivano il campo elettromagnetico con i ricevitori, dando subito inizio alla ricarica.

Eventuali luci LED potranno essere d’aiuto perché danno la possibilità di capire se il telefono sta ricevendo l’energia, la portata del segnale e anche segnalare un possibile collegamento non ottimale. Inoltre, aiutano a capire quando la batteria è totalmente carica.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

 

Vinsic Mini Ultra-Sottile

 

Vinsic è, a nostro giudizio, tra i migliori caricabatterie a induzione del 2019 e anche uno dei più venduti sul mercato. Tra i suoi punti di forza c’è il prezzo imbattibile, un’ottima notizia per chi è in cerca di un dispositivo a buon mercato.

Ma il costo abbordabile non significa che il prodotto sia di bassa qualità, tutt’altro. Il design, per esempio, è ultra sottile, leggerissimo e, quindi, ideale da trasportare per caricare i propri dispositivi a casa come in ufficio.

Il LED che indica lo stato della ricarica è discreto e, pertanto, può essere usato tranquillamente anche di notte. Il disco di silicone vicino al bordo evita che il cellulare appoggiato sopra possa scivolare verso l’esterno.

Il chip integrato disattiva il funzionamento del caricatore una volta che lo smartphone è stato ricaricato completamente. In questo modo si evitano problemi alla batteria e l’apparecchio ne guadagna in sicurezza e stabilità. A proposito di sicurezza, non può mancare la protezione da sovratensione e sovracorrente.

La maggior parte dei consumatori sottolinea che la ricarica è estremamente veloce e che lo smartphone, a differenza di altri modelli, non viene surriscaldato. Difficile chiedere di più a un prodotto con un prezzo così invitante.

Tra i più economici dispositivi in commercio, il caricabatterie a induzione Vinsic risulta un oggetto comodo, dall’ingombro minimo e spedito nel portare a pieno regime la batteria dello smartphone.

 

Pro

Rapidità: La velocità di ricarica è tra i pregi che spiccano maggiormente. Diversi utenti infatti hanno sottolineato la resa e la rapidità con cui, una volta posizionato il telefono, il dispositivo si occupa della sua carica.

Sicurezza: Ottimizzato per non sprecare connettività wireless, il caricabatterie interrompe la sua carica una volta raggiunta la luce verde, proteggendo quanto collegato da sovraccarichi e cortocircuiti.

Dimensioni contenute: Quanti hanno necessità di mobilità, troveranno un buon compromesso nel supporto Vinsic; lo spessore complessivo è minimo e la parte superiore in silicone consente di bloccare bene lo smartphone sulla base.

 

Contro

Led di carica: Alcuni utenti hanno confermato una certa difficoltà nel rintracciare sul supporto il Led di avvenuta ricarica.

 

 

 

Nillkin 900240 Magic Disk 2

 

Ecco un ulteriore suggerimento per chi non sa quale caricatore a induzione comprare. Sebbene il prezzo superiore alla media non fa di questo modello uno dei più venduti in assoluto, ha alcune caratteristiche che potresti trovare interessanti.

Una di queste è il design molto originale, non solo perché è circolare, compatto, dotato di cuscinetti antiscivolo, leggero e comodissimo da trasportare, ma anche perché è trasparente ed emette una luce blu quando vi si appoggia il cellulare, a indicare che è in corso la ricarica.

Un altro particolare interessante è la presenza di un sensore di luminosità che modifica questo indicatore luminoso e lo affievolisce man mano che diminuiscono le fonti luminose intorno, per esempio di notte, in modo da poterlo utilizzare senza che dia fastidio. È una soluzione intelligente spesso adottata dagli utenti, visto che i tempi di ricarica non sono velocissimi. Da segnalare, infine, i consumi di energia molto ridotti.

Bassi consumi di energia e una serie di funzioni che ottimizzano e semplificano la vita all’utente, ne fanno un oggetto curioso e funzionale. Scopriamo i suoi punti di forza, con un link a fine articolo su dove poter acquistare il caricabatterie.

 

Pro

Forma circolare: La scelta di una forma circolare si unisce a un disegno che punta a ottimizzare al meglio la funzionalità principale, con un buon compromesso tra grip e base di caricamento.

Luminosità variabile: Il dispositivo presenta un sensore di luminosità che si adatta all’ambiente circostante, consentendo una facile visualizzazione quando comincia a farsi buio.

Leggerezza: Le dimensioni e la forma particolare, rispondono anche a una necessità di mantenere al minimo l’ingombro complessivo, consentendo una ricarica pratica e funzionale anche in economia di spazio in casa o altrove.

 

Contro

Tempi di ricarica: Alcuni clienti hanno riscontrato una tempistica leggermente sopra le aspettative per quel che riguarda i tempi necessari al caricamento complessivo dello smartphone.

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (8 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status