Trekking in Piemonte: le 10 migliori escursioni vicino Torino

Ultimo aggiornamento: 16.06.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

Se conoscete la splendida regione del Piemonte o volete visitarla per la prima volta, per fare trekking, ecco alcuni suggerimenti su quali luoghi preferire

 

Il Piemonte si compone di sentieri di montagna, che salgono dalla pianura fino ai massicci della catena delle Alpi. Potrete così incontrare boschi, laghi, valli, parti di vita contadina come di vita nobile, nella cornice delle montagne con vette molto aguzze.

 

Piemonte: escursioni per tutti

Ma cosa offre il Piemonte? A sud si trova la congiunzione tra il sistema alpino e quello appenninico, dove si trova un accesso al mare. Qui le vette sono meno aguzze ma c’è anche un paesaggio molto ricco di cultura. 

Case sparse e abitazioni fortificate, cascine rurali: i posti di montagna in Piemonte hanno una storia che comprende il Po, che nasce dal Monviso, vetta famosa insieme al Monte Rosa e al Gran Paradiso. Il paesaggio che lo circonda è costituito da colline e unisce le Alpi alla pianura, con i vigneti, i campi, i pioppi e i salici, che fanno da cornice a tutto.

 

I sentieri del Piemonte

1.Una tra le escursioni classiche è la GTA in Piemonte, ovvero la Grande Traversata delle Alpi, che fu inaugurata negli anni ‘70 e che tocca i monti da Domodossola alle Alpi della Liguria, dalla Valle Tanaro all’Ossola, includendo ben 1000 km.

Questo percorso tocca anche i ghiacciai del Monte Rosa, il Gran Paradiso e il Monviso. Le tappe durano circa cinque/otto ore ciascuna ed è possibile sceglierle e non percorrerle tutte: è presente una segnaletica bianca e rossa, che riporta proprio la scritta GTA, per aiutare a capire quale sia il percorso.

2.Un altro dei percorsi di trekking in Piemonte tra i più gettonati è l’Anello del Monviso, cioè un anello che include le tre valli poste ai piedi delle Alpi Cozie: parliamo della Valle del Po, la Varaita e la Valle del Guil, che è francese. 

Scegliendo questo tipo di escursione, la si può portare a compimento in cinque giorni, partendo dal Castello di Pontechinale oppure dal Pian del Re. Ci sono anche dei rifugi, dove potrete riposare, ovvero l’Alpetto, il Giacoletti, il Mont Viso, il Quintino Sella e il Vallanta.

 

3.Tra i posti da visitare in montagna del Piemonte e da scegliere per la propria escursione c’è il Monte Rosa: esiste un vero e proprio tour con nove tappe, che riguardano sei valli, dai 1600 m ai 3317 m del Passo del Teodulo, che consente anche di attraversare un pezzo di ghiacciaio.

 

4.Ci sono anche i Percorsi Occitani, che si snodano ad anello per la Valle Maira, che parte in maniera tortuosa ma si addolcisce quando si raggiungono i bacini di Acceglio e Chiappera. In tutto si tratta di 16 tappe che prevedono locande, rifugi e posti dove è possibile fermarsi e riposare. Il sentiero viene segnalato con cartelli con la scritta P.O.

 

5.Inforcate le vostre scarpe da trekking e percorrete il Sentiero Balcone, chiamato così per la bella vista che offre sulle cime e sulla pianura. Si snoda tra la Valle Susa e Torre del Colle: in tutto sono cinque tappe, alcune delle quali abbastanze impegnative. 

Si parte da Monpantero, per fare tappa a Rio Rocciamelone, a Maffiotto e a Pratobotile, per raggiungere Sant’Ambrogio. 

6.Se volete fare trekking sulle Alpi non potete perdere proprio il tratto della Via Alpina, un sistema che parte dalla Slovenia e arriva fino al Principato di Monaco, attraversando ben cinque percorsi e oltre 300 tappe.

Non si tratta di sentieri difficili da attraversare, ma offrono una gran bella scenografia naturale a chi ama il trekking. Nella zona di Cuneo sono presenti 25 tappe, molte delle quali si trovano sul GTA: il percorso rosso va da Col Maurin a Col di Nava, quello blu da Pian della Regina a Chiappera.

 

7.La Via Francigena può essere valicata dalla Valle di Susa o dal Passo del San Bernardo. Ci sono due itinerari che è possibile percorrere: il primo ha come punto di partenza Olux, si estende oltre le montagne di Torino e fino al Monferrato, nei pressi di Asti, per raggiungere Voltaggio in Alta Val Lemme. Il secondo include invece le zone del Canavese e del Vercellese, partendo da Settimo Vittone.

 

8.Un altro itinerario che è possibile percorrere in bici o a piedi è la Grande Traversata della Collina, che prevede sei tappe e che unisce Moncalieri a Chivasso. Per questo si usa l’acronimo GTC, un percorso lungo 65 km, dotato di un ampio dislivello in salita (1507 m) e in discesa (1387 m).

 

9.Si estende in collina il Grande Sentiero del Roero, per ben 12 km, partendo da Bra e fino a Montà, teatro di un meraviglioso spettacolo per gli escursionisti, ma anche per professionisti del settore come geologi e botanici. Viene contrassegnato dalla sigla S1 e mette insieme tutti e 10 i comuni che sono attraversati dalle Rocche. 

10.La Grande Traversata del Biellese è un altro percorso che è possibile affrontare a piedi o in bici ed è anche uno dei sentieri più lunghi di tutta l’Italia, che include vette non troppo alte ma anche parti di pianura. 

Inaugurato nel 1998, tocca ben 200 km di sentieri e strade, ricchi di pannelli illustrativi, e include anche molti elementi che arricchiscono il visitatore, per quanto concerne argomenti come l’ambiente, la cultura e l’antropologia. 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status