Il miglior atomizzatore

Ultimo aggiornamento: 13.12.18

 

Atomizzatori – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Il fulcro di ogni sigaretta elettronica che si rispetti è l’atomizzatore, ovvero l’elemento che trasforma il liquido in vapore. Meglio quello con serbatoio o il dripper? Molto dipende dall’autonomia che volete avere e se preferite una migliore resa. Per risparmiare è consigliabile scegliere un modello rigenerabile, così da non dover fare acquisti troppo esosi. Il canalizzatore del liquido potrà invece essere il wick o la mesh: cosa preferire? In mezzo a tanti dubbi, la nostra guida può aiutarvi a comprendere quali elementi sono i migliori per voi. Se non avete il tempo per leggerla, ecco una piccola anticipazione dei prodotti che preferiamo. Il top per noi è Kassysy Aspire Nautilus Mini BVC, dotato di un serbatoio da 2 ml e che include, nella confezione, ben due resistenze e un manuale di istruzioni. Subito dopo viene Smok TFV8 BABY, dal costo contenuto e dalla valida resa aromatica.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior atomizzatore

 

Se siete appassionati di sigarette elettroniche, dovete prendere in considerazione prima di tutto l’atomizzatore da montare, che è l’elemento in grado di produrre il vapore. Come trovare quello giusto? Date un’occhiata alla nostra guida e poi alla classifica in fondo per confrontare le varie caratteristiche e farsi un’idea della migliore marca in commercio.

 

 

Guida all’acquisto

 

Come è fatto

Prima di procedere all’esame dei prodotti sul mercato, vediamo cos’è un atomizzatore e come si compone. Gli elementi che non possono mai mancare sono una resistenza, chiamata coil, e una camera di atomizzazione, ovvero lo spazio nel quale si va a creare il vapore. All’interno troverete un collegamento elettrico, che ne garantisce il funzionamento, e un elemento a ghiera o con fori che permette il passaggio dell’aria e del liquido. Una caratteristica che può mancare è il serbatoio, detto tank, al posto del quale potrete trovare il dripper.

Nei primi è possibile inserire una quantità di liquido, tra i 2 e gli 8 ml, da utilizzare nel corso del tempo. Nei secondi è invece possibile inserire all’interno delle gocce, sufficienti a permettervi di fare tra i tre e i venti tiri in tutto. Alcuni hanno una piccola vasca che può accogliere un massimo di 1 ml di liquido, così da garantirvi un po’ più di autonomia.

Il vantaggio del tank è quello di non avere grosse perdite ma lo svantaggio è quello di avere una resa minore. I dripper invece hanno meno autonomia ma permettono di porre la bocca proprio dove si genera il vapore, garantendovi di assaporare meglio l’aroma.

 

Rigenerabile o no?

Se siete attenti a confrontare i prezzi, valuterete se sceglierne uno rigenerabile o meno. Alcuni atomizzatori hanno una testina che è l’elemento principale della loro struttura, ovvero quello che vi permette di svapare.

In certi modelli questo elemento tende a consumarsi dopo un certo numero di usi, per cui deve essere sostituito con una spesa che varia tra i 2 e i 5 euro. Se volete evitare questa manovra, dovrete optare per quelli rigenerabili, ovvero quelli che sarete voi a ricostruire, creando la molla e aggiungendo il cotone necessario.

Il vantaggio sta nel risparmiare una spesa da ripetere ciclicamente, anche se il tempo impiegato per ricreare il coil sarà abbastanza. Per ovviare al problema, potete scegliere un atomizzatore che includa tutto il necessario per la rigenerazione, venduto a un prezzo concorrenziale.

 

 

Wick o Mesh?

Il liquido può essere trasportato grazie a due elementi, il wick o la mesh. Il primo è un materiale assorbente, come il cotone, la silica, il rayon e la ceramica. Il vantaggio nell’usarlo è quello di poterlo lavorare con grande facilità, ma la resa non sarà delle migliori.

La mesh è invece una maglia metallica in fogli: deve essere arrotolata e fungere così da cilindro nel quale veicolare il liquido. Deve però essere ossidata bene prima di essere inserita, un lavoro abbastanza impegnativo, ma la resa è molto valida, per cui potrete assaporare meglio il liquido.

La recensione degli altri utenti potrà darvi ulteriori indicazioni su quale metodo scegliere per godere della vostra sigaretta elettronica.

 

I migliori atomizzatori del 2018

 

Ecco le recensioni dei cinque modelli che abbiamo apprezzato maggiormente tra quelli venduti online. Date un’occhiata alle loro caratteristiche e fatene una comparazione per individuare quale atomizzatore comprare.

 

Prodotti raccomandati

 

Kassysy Aspire Nautilus Mini BVC

 

Se quello che state cercando è un atomizzatore 510, quello di Kassysy è proprio ciò che fa per voi. Questo modello è dotato di un serbatoio che si può ricaricare e può raggiungere la quantità di 2 ml di liquido.

Molto apprezzato dagli utenti l’aroma, che viene assaporato pienamente, e l’assenza di perdite, visto che pare il prodotto non goccioli durante la svapata. Il vapore prodotto è consistente e questo aspetto è gradito specialmente in rapporto al prezzo di vendita, ritenuto vantaggioso dai più.

Nella confezione troverete non solo due resistenze, in modo da essere già pronti quando una non andrà più bene, ma anche un libretto di istruzioni, che può essere sempre utile ai novizi.

Le rimostranze riguardano, secondo alcuni, la non originalità dell’articolo, che a volte viene ricevuto con questo sentore, e una certa difficoltà nello smontaggio e nel caricarlo.

La nostra guida per scegliere il miglior atomizzatore vede diversi prodotti che possono soddisfare le esigenze di tutti i consumatori. Quello di Kassysy ha conquistato un posto d’onore: se volete conoscere i pregi e i difetti che lo caratterizzano, date loro un’occhiata qui sotto.

Pro
Serbatoio:

Quello qui in dotazione è ricaricabile e può contenere fino a 2 ml di liquido, per permettervi di svapare a lungo.

Aroma:

Gli utenti affermano di poterlo assaporare pienamente, grazie alla conformazione del prodotto, che impedisce anche la formazione di gocce, così da poter fumare senza problemi.

Rapporto qualità/prezzo:

Il costo è gradito da tutti coloro che apprezzano il vapore denso prodotto, sintomo di un articolo di buona qualità.

Accessori:

Nella confezione sono incluse due resistenze, così da non doverne acquistare troppo presto una di ricambio, e un libretto di istruzioni, utile per chi è alle prime armi.

Contro
Uso:

Chi non è esperto incontra parecchie difficoltà nello smontaggio e nel caricare l’atomizzatore, con una consistente perdita di tempo.

Non originale:

C’è chi ritiene di aver ricevuto un articolo non originale, avendo già provato in passato prodotti della stessa marca.

Acquista su Amazon.it (€25,81)

 

 

 

Smok TFV8 BABY

 

Appare una delle offerte più valide anche questo atomizzatore di Smok, che è uno dei più venduti sul web. Si tratta della versione mini del più famoso TVF8, che ha quindi un costo contenuto e permette un po’ a tutti i maggiorenni di accedervi.

Soddisfa gli utenti la resa aromatica, che consente di assaporare bene ogni gusto e che viene considerata buona da gran parte degli acquirenti, insieme alla consistente produzione di vapore. La fornitura all’interno della confezione include due resistenze e un vetrino di ricambio, che può tornare sempre utile.

Un neo, riscontrato da chi ne fa un uso continuo, è il serbatoio da 2 ml, molto piccolo, che costringe a continue ricariche. Il meccanismo di chiusura risulta poi abbastanza incerto, tanto che c’è chi ha paura che si versi il liquido, se lo mette nel taschino.

Per molti è comunque uno dei migliori atomizzatori del 2018, per questo lo abbiamo posto sul podio dei nostri consigli d’acquisto.

L’atomizzatore di Smok è per molti una delle offerte più valide del web. Se non sapete dove acquistare questo prodotto, date un’occhiata al link che vi proponiamo e che vi suggerisce dove trovarlo a prezzi bassi. Intanto riepiloghiamo i pregi e i difetti che lo contraddistinguono.

Pro
Costo:

Questo atomizzatore è venduto a un prezzo basso, che accontenta tutti coloro che non hanno a disposizione una grossa somma di denaro.

Funzionalità:

Molti sono soddisfatti della resa aromatica, in quanto è possibile gustare ogni tipo di fragranza, e della produzione di vapore, che è considerato molto consistente.

Accessori:

All’interno della confezione troverete alcune parti di ricambio che non sarete costretti a comprare a parte. Si tratta di un vetrino e di due resistenze.

Contro
Serbatoio:

La sua capacità ridotta, secondo alcuni utenti, costringe a ricaricare con una certa frequenza.

Chiusura:

Il meccanismo risulta incerto per parecchi, tanto che molti hanno il timore di versare il liquido se mettono l’atomizzatore nel taschino.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

THORVAP Smart Mini 30W

 

Se il miglior atomizzatore per voi è quello che include anche tutto il resto, non potrete che optare per la sigaretta elettronica di Thorvap. All’interno del kit troverete inoltre una batteria da 30 watt, il caricabatterie con uscita USB e una resistenza di ricambio.

La capacità di emanare vapore di questo prodotto è considerata di alta qualità da parte degli utenti, come anche l’assenza di perdite che salvaguardano il portafoglio e gli abiti. Notevole la durata della carica, che arriva anche alle 8 ore, permettendo di svapare a lungo.

Il serbatoio da 2 ml non è molto ampio ma adempie al suo dovere. Ci sono però alcuni difetti di fabbrica che non soddisfano alcuni acquirenti, come il filo di ricarica troppo corto o elementi che non possono essere regolati con facilità.

Il prezzo appare conveniente un po’ per tutte le tasche, proprio perché comprensivo di varie parti che non dovrete acquistare separatamente.

Non è forse il modello più economico, ma certamente quello di Thorvap è quello più completo. Ricapitoliamo quali siano i pro e i contro che lo caratterizzano.

Pro
Completo:

Non si tratta di un semplice atomizzatore, ma di una vera e propria sigaretta elettronica, che include la batteria da 30 watt, un caricatore e una resistenza di ricambio.

Funzionalità:

La produzione di vapore è considerata di alta qualità, come anche viene apprezzata l’assenza di perdite.

Carica:

La sigaretta può durare per ben 8 ore quando accesa, grazie a una batteria che non richiede tante cariche.

Contro
Serbatoio:

La sua capacità è di 2 ml, non troppo grande ma sufficiente a garantire un certo numero di svapate.

Difetti:

Secondo alcuni utenti il filo di ricarica è troppo corto e ci sono anche altri elementi che non possono essere regolati con facilità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Smok TFV8 Baby SBBB

 

Ha un costo conveniente anche l’atomizzatore di Smok, che è un 510 e può contare su un serbatoio da 3 ml. La quantità di liquido che avrete a disposizione sarà dunque superiore ma non per questo sarete costretti a spendere molto di più.

Nonostante le sue dimensioni contenute, viene considerato comodo da chi se ne serve, così da poterlo mettere facilmente in tasca. Purtroppo pare che tenda a perdere il liquido quando lo si inclina, operazione che è meglio evitare.

Valida la produzione di vapore, che accontenta chi vuole simulare in tutto e per tutto il fumo di una sigaretta. Permette di assaporare bene l’aroma, anche se non si tratta di un dripper, per cui la qualità sarà sempre inferiore a modelli del genere.

Ciò che convince è il valido rapporto qualità/prezzo, che lo fa prediligere ad altri prodotti simili sul mercato.

La convenienza di questo atomizzatore di Smok ha incontrato i pareri favorevoli di molti utenti. Se volete sapere il perché, guardate più da vicino i lati positivi e quelli negativi che gli appartengono.

Pro
Serbatoio:

A differenza di molti prodotti simili, ha un serbatoio da 3 ml, che consente di inserire più liquidi e quindi di svapare per un tempo più lungo.

Rapporto qualità/prezzo:

Le sue caratteristiche lo rendono uno dei preferiti da tutti coloro che non hanno intenzione di spendere troppo per un prodotto dalle buone caratteristiche.

Funzioni:

Il vapore prodotto è più che sufficiente e l’aroma può essere assaporato per bene.

Dimensioni:

Questo modello ha dimensioni molto contenute, tanto che può facilmente essere messo in tasca.

Contro
Chiusura:

Non è delle migliori, in quanto tende a perdere il liquido se si inclina l’atomizzatore, cosa che non sempre è possibile evitare.

Acquista su Amazon.it (€26,9)

 

 

 

Justfog 1453

 

Chi non ha ancora idea di come scegliere un buon atomizzatore, può rivolgersi a quello di Justfog, dal costo davvero concorrenziale. nonostante la spesa non sia delle più alte, il prodotto è molto facile da montare e smontare e offre prestazioni invidiabili.

La quantità di fumo prodotta è eccellente, così come la possibilità di sentire fino in fondo l’aroma. Qualche utente mette in guardia dal tenerlo in verticale, in quanto la resistenza è posta in alto e rischia di asciugarsi, se non lo si pone in questo verso.

Convince molto anche la linea dell’articolo, ben curata e di bell’impatto visivo, dal colore nero elegante. Un punto a sfavore è la capacità del serbatoio, ridotta rispetto ad altri modelli, che può contare solo su 1,6 ml di liquido, per cui dovrà essere presto ricaricato.

Il prodotto è compatibile con l’attacco 510, quindi andrà bene sulla maggior parte delle sigarette elettroniche in commercio.

Ricapitoliamo di nuovo tutte le caratteristiche che ci sono piaciute e quelle che non ci sono piaciute di questo atomizzatore di Justfog.

Pro
Costo:

Le prestazioni buone di questo atomizzatore lo rendono uno dei più validi in quanto molto conveniente. Non dovrete sacrificare altri acquisti pur di averlo.

Aroma:

Può essere gustato fino in fondo, come anche il vapore, che viene prodotto in una quantità più che soddisfacente.

Elegante:

Se anche l’occhio vuole la sua parte, la linea elegante di questo articolo vi conquisterà con il suo colore nero e la forma curata.

Contro
Serbatoio:

Consta in soli 1,6 ml, per cui dovrete ricaricarlo molto spesso se siete tra coloro che amano svapare per tutto il giorno.

Resistenza:

Collocata in alto, rischia di asciugarsi se ponete l’atomizzatore in verticale. Per questa ragione molti consigliano di evitare questo tipo di collocazione.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un atomizzatore

 

Chi per moda, chi per reale volontà di smettere di fumare, si è dato alle sigarette elettroniche. Funzionano? Non funzionano? Non sta a noi dirlo; dopotutto smettere di fumare è una questione di volontà e se le sigarette elettroniche sono un aiuto psicologico, ben vengano.

Certo, va detto che in diversi luoghi pubblici si sta decidendo di vietarle ma non preoccupiamoci di queste cose adesso. Piuttosto pensiamo all’atomizzatore. Si tratta di un componente essenziale per la sigaretta che ha il compito di scaldare il liquido che si trova nella cartuccia e dunque vaporizzarlo.

 

 

Il funzionamento

Prima cosa da capire è come funziona un atomizzatore. Lo spieghiamo con semplici parole senza addentrarci in inutili questioni tecniche. Il liquido che si trova nella cartuccia è vaporizzato dall’atomizzatore. Il vapore ottenuto, mediante un inalatore connesso all’atomizzatore, arriva alla bocca.

La durata media di un atomizzatore è di una quindicina di giorni o poco più; molto dipende anche dall’uso.

 

La pulizia

L’atomizzatore necessita di un minimo di manutenzione o, in altre parole, di un po’ di pulizia. Un atomizzatore pulito dura più a lungo. Ci sono un paio di sistemi. Uno di questi è servirsi di una lavatrice a ultrasuoni. Smontate l’atomizzatore e inseritelo all’interno della lavatrice unitamente a un cucchiaio di bicarbonato. Fate almeno due cicli di pulizia.

Un altro sistema che dà buoni risultati è il seguente: all’interno, di un recipiente, meglio se di vetro, aggiungete circa mezzo litro di acqua calda, 20 ml di aceto, mezzo limone e un cucchiaio di bicarbonato; lasciate in ammollo l’atomizzatore per circa un’ora dopodiché risciacquatelo per bene.

 

 

Ci sono casi più gravi dove è indispensabile intervenire con prodotti chimici. Capita, infatti, che gli atomizzatori siano coperti da oli necessari alla loro lavorazione. Il risultato è un retrogusto tutt’altro che gradevole quando si svapa; per eliminarlo c’è un sistema. Smontate il vaporizzatore e mettetelo in un bicchiere, acqua calda e due o tre gocce di detersivo per i piatti. L’atomizzatore va lasciato in acqua e sapone per circa due ore. Accertatevi di risciacquarlo con cura.

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (63 votes, average: 4.90 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.