La migliore scopa a vapore

Ultimo aggiornamento: 22.06.18

Scope a vapore – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Le scope a vapore sono comode, efficaci e semplici da usare. Negli anni si sono evolute al punto di permettere oggi una pulizia accurata del pavimento senza usare agenti chimici o detersivi. I prezzi bassi di produzione hanno spinto poi le case costruttrici a progettare modelli integrati, le cosiddette scope a vapore 3 in 1, che abbinano al lavaggio a vapore anche una seconda e/o una terza funzione. In virtù della loro versatilità, abbiamo attribuito il primo e il secondo posto della nostra classifica a scope di questa categoria, la Rowenta Clean & Steam che permette di aspirare e lavare il pavimento in una sola passata, la Hover Steam Capsule per la capacità di trasformarsi in una pistola a vapore da usare su tende, fughe e imbottiti. Si classifica terzo posto della nostra comparazione la Vileda Steam, per le sue semplicità d’uso e concretezza.  

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

Come scegliere la migliore scopa a vapore

 

Nella guida mercato che state leggendo vi offriamo i consigli d’acquisto necessari a scegliere una buona scopa a vapore. Lo facciamo tenendo conto delle offerte, dei migliori prodotti venduti online e del fatto che le aspettative cambiano al variare delle esigenze e che tutti ambiscono ad acquistare una scopa a vapore valida, che assicuri risultati soddisfacenti e che duri nel tempo.

Vi spieghiamo quindi quali sono gli aspetti tecnici e pratici da non trascurare e che, probabilmente, nessun negoziante vi descriverà così nel dettaglio. Abbiamo inoltre selezionato scope a vapore “pure” e altre che abbinano alla forza pulente e igienizzante del vapore le funzioni di aspirazione o pulizia delle altre superfici di casa, dure e morbide, orizzontali e verticali. Alla fine della sua lettura non sarà più necessario chiedersi dove acquistare e saprete senza dubbio quale scopa a vapore comprare.

Guida all’acquisto

 

Solo pavimenti o altre superfici? L’importanza degli accessori

Prima di procedere con l’acquisto di quella che per voi è la migliore scopa a vapore, dovete sapere a cosa effettivamente vi serve. Se intendete lavare soltanto i pavimenti, la moquette e i tappeti o se, approfittando del potere pulente e igienizzante del vapore ad alta temperatura, volete pulire anche le superfici di casa verticali, rigide e non (come tende, materassi e divani) oltre al piano cottura della cucina, alla rubinetteria del bagno e via dicendo.  

Non sono pochi infatti i modelli che permettono, grazie a una folta serie di accessori e/o a una struttura modulabile, di raggiungere superfici diverse dal pavimento. Fate quindi attenzione, quando leggete le schede tecniche delle varie scope, agli accessori che troverete nella confezione.

Molte volte, a fronte di una spesa di poco superiore, si può acquistare un prodotto più versatile. Fate quindi attenzione a confrontare i prezzi. In tutti i casi, soprattutto se intendete sfruttare il vapore per pulire ogni oggetto della casa, accertatevi che questo sopporti le alte temperature. Considerate che di solito, il vapore erogato dalle scope ha una temperatura superiore a quella di ebollizione dell’acqua, aggirandosi intorno ai 120 °C. Benché questo dato sia fornito solo raramente dai vari produttori, può essere considerato giusto con buona approssimazione.    

 

 

Potenza e tempi di preparazione

Nonostante negli ultimi anni le aziende produttrici di scope a vapore abbiano raggiunto livelli tecnologicamente avanzati, una qualsiasi scopa a vapore necessita di alcuni secondi, dal momento in cui viene accesa, affinché il vapore sia pronto per essere erogato.

La velocità con cui ciò avviene – nei migliori modelli si aggira intorno ai 15 secondi – dipende dalla potenza assorbita dal motore utilizzato dalla scopa a vapore. Più questo è potente, meno tempo serve all’acqua per trasformarsi in vapore.

I modelli che abbiamo trattato in questa guida mercato hanno potenze medie di 1.600 watt per tempi di riscaldamento di 15-30 secondi. Ce ne sono altri più sofisticati e versatili, come il “tuttofare” Karcher SV-7, che impiega circa 5 minuti per essere pronto. Dopo però, si rivela una vera e propria macchina da pulizia.

Fate inoltre attenzione alla possibilità di regolare l’intensità del vapore su almeno due livelli: quello minimo vi garantisce delicatezza quando igienizzate per esempio il parquet.   

 

Peso e maneggevolezza

Può sembrare un dettaglio e invece non lo è. Il peso di una scopa a vapore, specie se a usarla sarà una donna di corporatura esile o una persona un po’ avanti con gli anni, conta e determina la sua maneggevolezza.

Il motivo per cui le scope a vapore con aspirapolvere integrato (in questa rassegna vi offriamo due differenti tipi) stentano ad avere il successo che meritano, sta proprio nel loro peso (e, va detto, anche nel loro maggiore ingombro). Badate bene inoltre che il peso dichiarato dal produttore riguarda il prodotto “a secco”. Questo aumenterà una volta che avrete riempito il serbatoio con l’acqua.

 

Capacità del serbatoio e tempi di autonomia

Chi di voi vorrebbe continuamente aggiungere acqua durante le ordinarie pulizie domestiche? La risposta è scontata al punto che i produttori cercano in ogni modo di dotare le loro scope a vapore di serbatoi di capienza più alta possibile. Tanta volontà però deve fare i conti con le dimensioni complessive dell’elettrodomestico che, se si vuole che resti leggero e maneggevole, devono essere contenute entro determinati limiti.

La gran parte delle scope a vapore utilizza contenitori per l’acqua di capacità compresa fra 0,4 e 0,7 litri, per autonomie che oscillano fra i 20 minuti e i 40 minuti circa. Tenete questo di aspetto tecnico in stretta considerazione soprattutto se non vivete in un monolocale ma vi tocca pulire appartamenti di dimensioni medio-grandi. La buona notizia è che quasi tutte le più recenti scope a vapore permettono di rabboccare acqua senza staccare la spina dalla presa di corrente e senza costringervi ad attese snervanti.   

Pulizia senza detergenti chimici

La capacità di pulire ed eliminare i batteri senza ricorrere ad alcuna sostanza chimica è forse la più importante caratteristica di cui le scope a vapore si fanno carico. Lavano e igienizzano il pavimento e le altre superfici di casa con la sola forza del vapore ad alta temperatura e ciò ha contribuito a fare di questi elettrodomestici prodotti di grande successo.

Bene, considerate che per esercitare realmente un potere igienizzante, il vapore che entra direttamente a contatto con il panno in microfibra, che a sua volta viene passato sul pavimento, deve avere almeno una temperatura di 120°C. Al di sotto, occorrerà aggiungere del detersivo se si pretende dalla scopa la massima pulizia. Tutti i modelli di scopa a vapore trattati in questa guida mercato non utilizzano agenti chimici ed eliminano il 99,9% circa dei batteri che si annidano su pavimenti e superfici dure. Gli esperimenti e i risultati dichiarati dai produttori prendono in esame il batterio Escherichia coli.

Non escludete tuttavia a priori che, se desiderate lasciare nell’ambiente un profumo di pulito, potete spruzzare sul pavimento, prima di passare il vapore, un detergente delicato al profumo di limone o lavanda. C’è anche chi ricorre all’aceto con risultati decisamente positivi.

 

Le migliori scope a vapore del 2018

 

Prodotti raccomandati

 

Rowenta Clean & Steam

 

Unisce in un solo prodotto un aspirapolvere e una scopa a vapore. La pulizia dei pavimenti avviene quindi in due fasi: aspirazione e igienizzazione tramite vapore. Sta a voi decidere se entrambe debbano svolgersi contemporaneamente oppure in momenti separati.

Uno dei punti a favore della scopa a vapore Rowenta consiste infatti nella libertà lasciata all’utente di utilizzarla dapprima come aspirapolvere, per pulire tutta la casa, poi come scopa a vapore. Se invece avete necessità di far presto e il pavimento non è eccessivamente sporco, potete attivare entrambe le funzioni in contemporanea e pulire in una sola passata. Avrete a disposizione, grazie al serbatoio da 0,7 litri, 40 minuti di vapore erogato in tre differenti intensità, da selezionare in funzione del tipo di pavimento, e un aspiratore ciclonico senza sacco.

Non è necessario inoltre utilizzare acqua distillata ma semplice acqua del rubinetto perché la scopa è dotata di filtro anticalcare. I pulsanti sono concentrati sul manico per la massima comodità d’uso e, impostando al minimo il getto di vapore, per trasformare il dispositivo in una scopa a vapore per parquet. Il manico telescopico e il filo lungo 8 metri renderanno l’uso della scopa a vapore combinata particolarmente confortevole. I panni in microfibra sono lavabili in lavatrice.    

 

Scheda Tecnica

Potenza: 1.700 W • Temperatura: n.d. • Tempo di riscaldamento: 30 secondi • Capacità e tipo del serbatoio dell’acqua: 0,7 litri / rimovibile • Capacità e tipo del contenitore della polvere: 0,4 litri / rimovibile • Autonomia: 40 minuti • Lunghezza del cavo: 7,5 metri • Peso: 5,4 kg • Dotazione: 2x panni in microfibra lavabili in lavatrice + 2x filtri anticalcare

Pro

Usata in modo opportuno, dosando la funzioni aspirazione e lavaggio a vapore, la Clean & Steam fa egregiamente il suo lavoro. Lo fanno notare gli utenti che da mesi la utilizzano e che non possono più farne a meno. Il rapporto qualità/prezzo è ottimo.

Contro

Se avete poca forza nelle braccia, questa scopa a vapore combinata può non fare al caso vostro. I 5,4 chilogrammi di peso, acqua esclusa, si sentono eccome. Trattandosi di una scopa elettrica a vapore, difficilmente riuscirete a passarla sotto i mobili e i letti. Se questo è per voi un limite dovreste rivolgervi a un dispositivo lava e aspira a traino. Qualcuno lamenta la scarsa potenza in fase di aspirazione.

Acquista su Amazon.it (€198,6)

 

 

 

Hoover Steam Capsule 2IN1

 

Vanta la versatilità dei prodotti 2-in-1 trasformandosi da tradizionale scopa a vapore a pistola a vapore per le superfici di casa verticali. Se vi interessa quindi pulire, oltre al pavimento, anche le tende, le piastrelle del bagno e della cucina, i divani, il tappeto e la moquette, la scopa a vapore Hoover 2 in 1 Steam Capsule è il prodotto adatto alle vostre esigenze.

I tanti accessori in dotazione, dalla lancia per le fughe alle spazzole tonde di varie dimensioni, rendono questo elettrodomestico particolarmente efficiente. Lo dimostra anche la testina di pulizia principale composta da due elementi: quello piatto e ampio per pulire le normali superficie, quello estraibile a punta triangolare per raggiungere i punti più difficili del pavimento e lavare in modo impeccabile anche negli angoli.

Il corpo affusolato lo rende agile ma limita la capacità del serbatoio dell’acqua: 0,35 litri per 25 minuti di vapore ininterrotti. Non male, tutto sommato, per appartamenti di medie dimensioni. La facilità con cui il serbatoio rimovibile può essere rifornito e il cavo della corrente lungo 7 metri ne fanno comunque un prodotto pratico e all’avanguardia. Sia la scopa, sia la pistola estraibile sono dotati di pulsanti per un controllo costante dell’erogazione del vapore.   

 

Scheda Tecnica

Potenza: 1.700 W • Temperatura: n.d. • Tempo di riscaldamento: 30 secondi • Capacità e tipo del serbatoio dell’acqua: 0,35 litri / rimovibile • Autonomia: 25 minuti • Capacità del contenitore della polvere: […] • Lunghezza del cavo: 7 metri • Peso: 4 kg • Dotazione: 2x panni in microfibra

Pro

L’ottima dotazione di accessori vi permetterà di pulire ogni superficie della vostra casa, orizzontale e verticale (compresi tappeti e moquette).

Contro

Il pulsante di emissione del vapore, come per altri modelli, va tenuto premuto se si vuole che l’erogazione sia costante. Per alcuni utenti, il serbatoio dell’acqua è piccolo, costringendo a riempirlo più volte durante la pulizia.

Acquista su Amazon.it (€90,99)

 

 

 

Vileda Steam

 

Se non avete mai pulito il pavimento con una scopa a vapore e volete provare senza spendere troppi soldi, la Vileda Steam rappresenta un’ottima scelta. Con differenti intensità di erogazione del vapore, selezionabili agendo sulla manopola posta accanto al foro di rabbocco, impiega soltanto 15 secondi per essere pronta. Il serbatoio da 0,4 litri può essere riempito con acqua del rubinetto ma se la vostra acqua è particolarmente dura, cioè ricca di calcare, fareste meglio a utilizzare acqua distillata.    

La scopa a vapore Vileda è sottile, leggera, maneggevole e comoda da usare. La sua testina a forma triangolare vi permette inoltre di lavare anche negli angoli e di seguire perfettamente i battiscopa lungo il bordo delle pareti. Con i due panni in microfibra che troverete nella confezione, lavabili in lavatrice e quindi riutilizzabili, potrete lavare un appartamento di dimensioni medio-piccole senza troppi problemi. Se avete invece necessità di coprire superfici più ampie, potrete acquistare a parte i panni in microfibra che Vileda vi mette a disposizione.

Il cavo elettrico lungo 6 metri vi permette inoltre di pulire senza cambiare continuamente presa di corrente. Applicando al panno la piastra in plastica in dotazione, la lavapavimenti Vileda Steam si trasforma in un’inaspettata alleata anche per rinfrescare con il vapore tappeti e moquette.

 

Scheda Tecnica

Potenza: n.d. • Temperatura: n.d. • Tempo di riscaldamento: 15 secondi • Capacità e tipo del serbatoio dell’acqua: 0,4 litri / integrato • Autonomia: n.d. • Lunghezza del cavo: n.d. • Peso: 3,6 kg • Dotazione: 1x panno in microfibra lavabile in lavatrice

Pro

Leggera, pratica e maneggevole. Sono questi i punti di forza di una scopa a vapore che fa anche bene il suo lavoro. Visto il prezzo a cui è proposta, può considerarsi un ottimo acquisto. Si rivela piuttosto efficace sul gres porcellanato. Usando il bicchiere in plastica in dotazione e con un minimo di attenzione potrete riempire il serbatoio d’acqua senza far cadere in terra neanche una goccia.

Contro

Non vi aspettate risultati da pulizia professionale. D’altronde, un modello entry-level come quello proposta da Vileda non ha nemmeno questa pretesa. Alcuni utenti lamentano il fatto che usata alla massima potenza di erogazione del vapore tende a lasciare il pavimento parecchio bagnato con conseguente formazione di aloni.

Acquista su Amazon.it (€47,55)

 

 

 

Polti Moppy

 

L’idea alla base del Polti Moppy è innovativa. Il prodotto è infatti composto da due elementi: la base elettrica, da riempire con acqua del rubinetto e collegare alla presa di corrente, che emette vapore igienizzando il panno in microfibra, e la scopa composta dal tubo in alluminio telescopico e da una spazzola ad ampia superficie a cui il panno deve essere fissato. A un primo sguardo può sembrare infatti una scopa a vapore senza fili.

Basta poggiare la scopa sulla base per attivare il getto di vapore e preparare il panno in microfibra alla pulizia del pavimento. Grazie all’alta temperatura raggiunta, senza usare detersivi e agenti chimici, è possibile rimuovere dal pavimento fino al 99,9% dei batteri. La possibilità di pulire con una scopa leggerissima rende l’uso del Moppy confortevole e adatto anche alle persone anziane. Mettete però in contro che durante la pulizia dovrete posare la scopa sulla base a vapore diverse volte se vorrete disporre di un panno sempre caldo e igienizzato. Vi converrà inoltre pulire a secco il pavimento prima di passare la scopa a vapore Polti.

Da questo punto di vista, il prodotto vi viene incontro con panni antistatici da fissare alla testina e che passerete prima di iniziare a pulire con il secondo panno intriso di vapore. Nella confezione, oltre al Moppy troverete due panni antistatici e due in microfibra, lavabili in lavatrice e quindi riutilizzabili.    

 

Scheda Tecnica

Potenza: 1.500 W • Temperatura: n.d. • Tempo di riscaldamento: 10 secondi • Capacità e tipo del serbatoio dell’acqua: 0,7 litri / fisso sul pavimento • Autonomia: n.d. • Lunghezza del cavo: 7 metri • Peso: 0,5 kg • Dotazione: 2x panni in microfibra lavabile in lavatrice + 2x panni elettrostatici cattura-polvere

Pro

Non essendo una vera e propria scopa a vapore ma la forma e la maneggevolezza la rendono adatta a pulire anche superfici dure verticali, come le piastrelle del bagno e della cucina. La spazzola che si usa per lavare è leggera e senza fili, con la praticità che ne deriva (misura ben 39x9 cm). Viste le basse temperature a cui può operare, può essere considerata una buona scopa a vapore per pulire i tappeti (per esempio in seta).

Contro

Occorre vaporizzare il panno in microfibra molto spesso se si vuole che la pulizia sia profonda. Su pavimenti in pietra come il granito questo tende a raffreddarsi molto presto. Per ogni vaporizzazione e igienizzazione occorrono circa 20 secondi, non poco se si considera che l’operazione va eseguita più volte per pulire una sola stanza.

Acquista su Amazon.it (€106,8)

 

 

 

Karcher SV-7

 

Se volete ottimizzare i tempi di pulizia ed evitare la fase di preparazione dei pavimenti che precede il lavaggio a vapore, ossia l’aspirazione e la rimozione di briciole e altri detriti, potete optare per la scopa a vapore con accessori di Karcher, l’SV-7. Più che una scopa, è un sistema di pulizia a traino che svolge sia la funzione di aspirazione, sia di lavaggio a vapore.

Dato che quest’ultimo viene erogato ad alta temperatura, i tempi di asciugatura del pavimento sono ridotti a qualche secondo. Da qui la definizione di 3-in-1: aspirazione, lavaggio e asciugatura. Al suo interno è infatti contenuto un doppio serbatoio: l’uno contiene acqua pulita che viene trasformata in vapore, l’altro l’acqua che, facendo da filtro, si sporca man mano che andrete avanti con le pulizie.

In pratica, tutto lo sporco rimosso e aspirato sotto forma liquida, con la comoda spazzola per pavimenti, viene convogliato all’interno dell’acqua. Grazie inoltre a due filtri aggiuntivi, compreso uno di tipo Hepa, il Karcher SV-7 rilascia nell’ambiente soltanto aria pulita, strizzando l’occhio ai soggetti allergici. Non mancano comodi accessori con i quali lo stesso sistema di pulizia trifasico può essere applicato anche agli imbottiti, alle superfici verticali e a quant’altro necessiti di un intervento igienizzante. In tutti i casi non serve usare detergenti: il potere igienizzante del vapore è più che sufficiente.

 

Scheda Tecnica

Potenza: 2.200 W • Temperatura: n.d. • Tempo di riscaldamento: 5 minuti • Capacità e tipo del serbatoio dell’acqua: 0,45 litri / rimovibile • Autonomia: 25 minuti • Tipo di contenitore della polvere: ad acqua • Lunghezza del cavo: 6 metri • Peso: 9,4 kg • Dotazione: spazzola per pavimento, bocchetta manuale, ugello vapore di precisione, spazzole tonde, bocchetta per poltrone, bocchetta per fessure e spazzola per mobili, detergente antischiuma. misurino, tubo vapore con impugnatura.

Pro

È un apparecchio tutto in uno che, usato nel modo più opportuno, può regalare belle soddisfazioni e un notevole risparmio di tempo. Gli accessori in dotazione lo rendono idoneo a tutte le superfici di casa. La scopa è sottile e raggiunge anche i punti più difficili permettendovi di lavare anche sotto i mobili e i letti.   

Contro

Alcuni utenti fanno notare che per attivare il vapore durante le pulizie si deve tenere premuto l’apposito pulsante, non proprio il massimo in termini di comodità. Considerate che il serbatoio che contiene acqua sporca e i panni in microfibra vanno lavati alla fine di ogni pulizia.

Acquista su Amazon.it (€473,81)

 

 

 

Come utilizzare una scopa a vapore

 

Oltre a domandarsi come scegliere una buona scopa a vapore, è buona norma chiedersi come la si usa una volta comprata. Per ottenere il meglio dalla vostra scopa a vapore, vi conviene infatti adottare qualche piccola accortezza. Non serve molto comprare la migliore marca sul mercato, quella che gode delle migliori recensioni, se poi non si usa la scopa nel modo opportuno.

In primo luogo leggete attentamente il libretto di istruzioni del vostro nuovo elettrodomestico e guardate con attenzione le figure. Detto questo, sappiate che il segreto della pulizia perfetta sta nella preparazione del pavimento. La rimozione preventiva di polvere, briciole e altri detriti non può infatti prescindere dall’uso della scopa a vapore. A meno che non disponiate di un dispositivo 2-IN-1 come la scopa a vapore H2O Karcher VS-7 o il Rowenta Clean & Steam, passate prima l’aspirapolvere e solo dopo procedete con il vapore. Se non lo fate, rischiate di far accumulare troppo sporco sotto il panno in microfibra e di spostarlo insieme a voi, sotto forma di poltiglia nerastra (e talvolta maleodorante), stanza dopo stanza. Il cattivo odore è uno dei segnali che meglio avvisano su un errato uso della scopa a vapore.

Altro aspetto fondamentale è la sostituzione del panno sporco con uno pulito con la giusta frequenza. Se continuate a usare lo stesso panno, stanza dopo stanza, avrete solo l’illusione di aver pulito a fondo il vostro appartamento. Se nella confezione della vostra scopa a vapore si trova un solo panno in microfibra, vi conviene acquistarne almeno un altro paio. Tutte le case produttrice li prevedono nel catalogo degli accessori e ricambi. La buona notizia è che i panni in microfibra sono lavabili in lavatrice con conseguente possibilità di riutilizzarli un innumerevole numero di volte.

Un altro suggerimento che ci sentiamo di darvi riguarda la quantità di vapore da utilizzare per la pulizia. Il fatto che tutte le scope ne eroghino soltanto alla pressione di un apposito pulsante non è affatto casuale. Se gettate sul pavimento continuamente vapore finirete per creare piccole pozzanghere che, oltre a creare aloni, richiederanno molto tempo per asciugarsi. Fate poi attenzione al tipo di pavimento su cui intendete passare la scopa: il paequet è sicuramente il più delicato, non amando i getti di vapore intenso. Regolate quindi l’emissione al minimo prima di passare la scopa.    

Fatte queste premesse, vi occorrerà un minimo di pratica per capire come trarre il massimo dal modello di scopa che avete acquistato. Potrà sembrarvi strano ma una passata energica e precisa, nella giusta direzione, vale di più di passate ripetute nello stesso punto.

 

Acqua del rubinetto o distillata?

È questa una delle prime domande che ci si pone quando, appena acquistata una nuova scopa a vapore, si deve riempire il serbatoio per metterla in funzione. Se si usa sempre e solo acqua distillata non si commette un errore. Anzi, si permette alla scopa di durare più a lungo e di non soffrire delle incrostazioni di calcare che inevitabilmente si accumulerebbero dentro i suoi ugelli usando la normale acqua del rubinetto.

Occorre però fare un paio di considerazioni. La prima riguarda la durezza dell’acqua che esce dal proprio rubinetto di casa, ossia la quantità di sali che precipitando si trasformano in minerali incrostanti. A tal proposito, fareste bene a fare una telefonata all’acquedotto che gestisce la vostra rete idrica.

La seconda riguarda la presenza di filtri anticalcare che le migliori scope a vapore del 2018 integrano per non costringervi ad acquistare dal supermercato acqua distillata. Se il modello di scopa da voi scelto prevede dei filtri da sostituire periodicamente, allora potrete utilizzare anche acqua del rubinetto. In caso contrario, l’uso di acqua distillata è (quasi) d’obbligo.

 

 

Se questo ti è piaciuto, crediamo che tu non possa proprio perderti i prossimi articoli:

 

Robot aspirapolvere

La migliore scopa elettrica senza fili

Aspirapolvere senza sacco

Aspiracenere

Bidone aspiratutto

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Scope a vapore – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Se ti manca il tempo per documentarti a fondo sulle varie scope a vapore, ecco subito i primi due modelli che spiccano sugli altri che abbiamo analizzato. La Black & Decker FSMH16151 piace parecchio perché è snodabile e snella, il getto è personalizzabile ed è possibile contare sulla funzione booster per ottenere maggiore potenza sulle macchie più incrostate. La Imetec Master Vapor SM01 ha una base piatta molto larga che consente di abbattere i tempi di pulizia anche su superfici estese.

 

 

Come scegliere la migliore scopa a vapore

 

Prima di deciderti all’acquisto confronta le caratteristiche essenziali che deve avere una scopa a vapore: troverai quella che meglio risponde alle tue esigenze, senza rischiare di sprecare denaro o di rimanere deluso perché non compie le tue aspettative.

Ti proponiamo una guida per scegliere la migliore scopa a vapore di facile consultazione che riassume le caratteristiche salienti e cosa le rende migliori di altre meno performanti. Ti sarà più facile identificare la migliore marca di scope a vapore che più si adatta alle tue necessità.

1

 

Guida all’acquisto

 

Capacità della tanica

Il prezzo di solito è di per sé una discriminante da tenere in considerazione al momento della scelta: il prezzo più alto corrisponde a un prodotto più efficace. Ma quando si tratta di scegliere non basta un confronto dei prezzi, bisogna sapere a cosa prestare maggiore attenzione. La capacità della tanica determina l’autonomia della scopa, quindi se è in grado di pulire una stanza grande o più di una. Rabboccare continuamente la tanica può risultare frustrante e alla lunga anche demotivare l’uso della scopa.

Una buona capacità di solito si aggira intorno ai 750 ml, un buon compromesso tra il peso da portare in giro e la potenza di emissione del vapore continuo. Alcuni modelli offrono anche la possibilità di regolare la potenza di emissione del vapore, in modo da riservare il getto più intenso solo alle macchie più ostinate.

Nel caso di scope che funzionano come aspirapolvere ad acqua, la presenza di una tanica capiente consente di massimizzare la resa dell’elettrodomestico che in una sola passata leva polvere e macchie dal pavimento, lasciandolo pulito e igienizzato perché il vapore a 100° uccide i germi.

 

Due funzioni in una scopa

Le scope a vapore più accessoriate e appetibili sono quelle in grado di unire in un solo attrezzo altre funzioni utili per la pulizia della casa. Non è un caso che quelli che scalano le classifiche delle preferenze dei consumatori siano i modelli in grado di pulire oltre il semplice pavimento.

La nostra recensione si è concentrata sui modelli che lavorano anche in verticale, in questo modo ravvivano i tessuti e la tappezzeria, come le tende o i divani. La polvere si accumula anche sulle superfici verticali, alla lunga spegnendone i colori: una pulizia delicata fatta di sola acqua e nessun agente chimico può dare nuovo splendore anche al tappeto persiano che abbiamo appeso come arazzo in salotto.

Esistono poi modelli particolarmente versatili, che permettono di scollegare dal corpo principale un aspiratore portatile in grado di emettere vapore e di lavorare direttamente sulle superfici meno estese, raggiungendo i punti più difficili o i ripiani e le mensole. Una manna per tenere in ordine e brillante ogni angolo di casa con una sola passata.

2

 

Accessori

Molti i modelli di scope a vapore sul mercato, non tutti offrono gli stessi risultati in termini di versatilità o di prestazioni. Alcuni, per esempio, non lasciano il pavimento sufficientemente asciutto, cosa che potrebbe macchiare certi tipi di mattonelle. Un buon panno completa la dotazione della scopa, perché in grado di assorbire l’umidità e portare via la sporcizia senza lasciarsi dietro la scia d’acqua.

Molti modelli includono un numero consistente di ricambi, ma è sempre possibile, e in molti casi consigliato, procurarsi i panni di scorta. Si lavano in lavatrice senza difficoltà e contribuiscono a migliorare le prestazioni della scopa. Accessori specifici per raggiungere punti difficili, o per pulire la moquette o il tappeto si trovano inclusi nelle confezioni dei prodotti più affidabili e di miglior fattura.

 

Le migliori scope a vapore del 2018

 

Uniscono il potere disinfettante del vapore a un’ampia base per pulire casa in modo ecologico e profondo, ecco perché le scope a vapore sono le più vendute tra tutti gli elettrodomestici.

Di seguito una rassegna dei migliori prodotti, sicuri che tra questi almeno uno rispetta le tue esigenze.

 

Prodotti raccomandati

 

Black & Decker FSMH1621R-QS

 

Principale vantaggio:

Si può usare in verticale oppure si può staccare il tubo e dirigerlo in modo ravvicinato dove serve. Anche il sistema di alimentazione della tanica dell’acqua è maneggevole e facile da riempire.

 

Principale svantaggio:  

Non prevede un sistema di aspirazione, quindi per pulire bene il pavimento si dovrà aspirare con attenzione per evitare il più possibile la formazione di aloni e per ottenere vera igiene.

 

Verdetto: 9.8/10

La sua linea snella e maneggevole la rende molto facile da usare. È semplice muoversi lungo la stanza e verso angoli e fessure più difficili grazie al tubo che si stacca e sul quale, se si preferisce, si possono collegare accessori specifici.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Alimentazione continua

Il bello di questa scopa a vapore è che consente di lavorare in modo continuo e agevole perché la tanica si stacca e ricarica con facilità. Ha una capienza di 350 ml che potrebbero sembrare pochi ma conferiscono leggerezza alla struttura. Una volta rimessa l’acqua è sufficiente aspettare una manciata di secondi per tornare a usare la scopa. Di certo più semplice e veloce che riempire d’acqua pulita il secchio del mocio. Altra carta a favore: non è necessario acquistare acqua demineralizzata per alimentare la caldaia che funziona anche con quella del rubinetto.

Questi aspetti concorrono a renderla la perfetta sostituta al lavaggio dei pavimenti a mano e con lo straccio. Sì, perché questo è la sua funzione essenzialmente. Per garantire perfetta igiene delle superfici sarà necessario spazzare, o meglio, aspirare con attenzione per evitare la formazione di cattivi odori o di aloni di sporco sul pavimento.

Linea snella e agile

Non tutte le scope a vapore sono facili da guidare attraverso pavimento e mobili. Questa ha il vantaggio di essere molto leggera e di essere molto longilinea. Quindi cerca di imitare il più possibile il bastone della ramazza che si usa per pulire il pavimento con lo straccio, ma qui la schiena ringrazia e il risultato è certamente migliore. Anche se non è previsto un serbatoio specifico è possibile aggiungere qualche goccia di olio essenziale dell’odore preferito direttamente al panno in microfibra per rilasciare un gradevole profumo in tutta la casa. In questo modo non si sente affatto la mancanza dell’uso di detersivi chimici per le pulizie quotidiane.

Se si preferisce, è possibile scegliere tra versioni più o meno accessoriate. Quindi gli elementi da collegare al tubo che si stacca dal corpo della scopa possono rispondere a diverse esigenze in base alle abitudini personali. Per esempio si può usare per ravvivare le tende o i divani di casa o per dare una rinfrescata rapida a capi già indossati il giorno prima ma ancora non pronti a fare un nuovo giro in lavatrice.

 

Vapore regolabile

In base al tipo di superficie da trattare sarà possibile regolare l’intensità del flusso di vapore, in generale non estremamente potente. In questo modo è possibile dirigere il getto in modo mirato anche quando si lavora su dettagli come gli angoli o le fessure per le pulizie più accurate.

I panni in microfibra che si fissano alla base della scopa sono facili da rimuovere. Si lavano in lavatrice e sopportano anche i cicli più vigorosi a 60° a patto di non esagerare con la centrifuga e di ricordarsi di non usare l’ammorbidente che ne limiterebbe il potere assorbente.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Imetec Master Vapor SM01 

 

3. Imetec 8137 Master Vapor SM01Tra le migliori scope a vapore vendute online, un posto di rilievo spetta a questo modello della Imetec.

Dalla sua ha il vantaggio di essere una scopa a vapore incredibilmente leggera, solo due chili, e facile da gestire: si parcheggia in verticale per entrare in uno sgabuzzino o nel vano della porta, mentre l’avvolgicavo permette di riporla senza avere intralci.

Comoda anche la funzione autopulente in grado di rimuovere le incrostazioni di calcare, garantendo una vita più lunga a questo elettrodomestico. Si riscalda in poco tempo e poi è pronta per essere usata regolando su due livelli l’intensità del getto di vapore per decidere se lasciare il pavimento più o meno bagnato.

Tanti gli utenti entusiasti che lodano la praticità d’uso combinata con un buon rapporto tra qualità e prezzo. Unico neo segnalato di frequente è la capacità ridotta della tanica, che da una parte rende la scopa ultra leggera ma, dall’altra richiede un uso oculato del vapore per riuscire a completare la pulizia di un piccolo appartamento con una sola carica.
Questo modello non poteva proprio mancare tra i nostri consigli d’acquisto.

Per aiutarvi a visualizzare più facilmente i pregi e i difetti della Imetec Master Vapor proponiamo di seguito un elenco dettagliato di pro e contro. Capirete perché è meglio affidarsi a prodotti con un buon rapporto qualità/prezzo che semplicemente a quelli venduti a prezzi bassi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Mediashopping H2O Plus

 

1.Mediashopping H2O PlusA differenza del tradizionale modello con tanica, ingombrante e poco maneggevole, Mediashopping propone una variante di scopa a vapore, comoda come una classica scopa elettrica con il vantaggio del potere sterilizzante dell’acqua a 100°.

Ideale per pulire i pavimenti, lavora bene anche su moquette e tappeti senza lasciare aloni di umidità dove è stata usata. Gli usi a cui si presta il vapore sono tanti, tutti diretti a sterilizzare, ravvivare e pulire in profondità senza fare ricorso a sostanze chimiche, e qui la speciale forma della scopa consente di arrivare bene non solo per terra, ma anche sui vetri o per dare una rinfrescata ai capi appesi alle grucce, magari quelli che da tanto tempo stavano chiusi in armadio.

In dotazione insieme alla scopa, il kit è fornito di accessori specifici per il trattamento delle diverse zone. Così, oltre al panno in microfibra triangolare, tra le altre cose si trovano anche l’accessorio speciale per la pulizia della moquette, dei vetri e il panno speciale per la pulizia degli indumenti.

Economica, pratica e maneggevole ecco come si presenta questa scopa a vapore ideale per le pulizie quotidiane che vanno in profondità senza richiedere grossi sforzi. L’elenco di vantaggi e svantaggi ne mette subito in luce le caratteristiche essenziali.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Hoover SSNB 1700 Steamjet 

 

2.Hoover SSNB 1700 SteamjetAppena un po’ più lenta a riscaldare, 30 secondi contro i 15 del modello appena visto, ma ugualmente interessante grazie alla sua autonomia di 25 minuti grazie al comodo serbatoio da 700 ml, ecco a chi tocca il secondo posto nella nostra classifica, ma vediamo in dettaglio perché e come scegliere una buona scopa a vapore Hoover.

Maneggevole e leggera, poco più di 3kg, questa scopa regge bene la comparazione con altri modelli grazie al prezzo interessante e alla corposa dotazione di accessori. Ha un manico facilmente removibile, per migliorarne la manovrabilità e facilitare il raggiungimento di ogni punto da pulire, l’impugnatura è ergonomica e il peso è distribuito in modo da potere essere facilmente trasportata da un punto all’altro della casa. Anche i due spazzoloni intercambiabili, uno triangolare e uno rettangolare, aiutano a pulire proprio ogni angolo di casa.

La potenza del vapore si può regolare in intensità permettendo di agire con maggiore decisione sui punti più critici come le fughe delle mattonelle.

La nostra recensione non potrebbe dirsi completa senza un pratico elenco di pro e contro per questo modello, che vi aiuteranno a prendere una decisione ponderata. Vediamoli insieme.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ariete AR4160 

 

4.Ariete AR4160È possibile che siate arrivati alla nostra classifica perché indecisi su quale scopa a vapore Ariete comprare, è comprensibile: si tratta di un marchio affidabile, presente da tempo sul mercato e prolifico di elettrodomestici ben fatti.

Si riscalda velocemente e ha un’autonomia di 20 minuti grazie al serbatoio removibile da 600ml.

Raggiunge con facilità tutti i punti da pulire e igienizzare grazie alla testa snodabile fino a 180° che si combina con l’attrezzo specifico per la pulizia di tappeti e tessuti per ravvivarne le fibre.

In dotazione ha due panni in microfibra lavabili in lavatrice, interessante la modalità di fissaggio del panno alla bocca della scopa tramite linguette a strappo studiata in modo da non dover usare, e quindi sporcare o bruciare, le mani. Raggiunge i 100° facilitando la rimozione di incrostazioni e patacche facendo risplendere il pavimento in breve tempo.

Comoda da riporre, questa scopa si ripiega su se stessa per occupare il minimo spazio in un angolo dello sgabuzzino o della lavanderia.

Unico neo: non ha sistema di rimozione del calcare, qualche attenzione in più come l’uso esclusivo di acqua demineralizzata eviterà le incrostazioni prolungandone la vita. Il vapore esce a flusso costante non regolabile, comodo perché il pavimento si asciuga in fretta, ma poco adatto a rimuovere incrostazioni particolarmente dure.

In definitiva, questo modello della Ariete è decisamente ben fatto e ha dalla sua un maggior numero di pregi rispetto ai difetti. Ricapitoliamoli insieme per maggiore praticità.

Acquista su Amazon.it (€104)

 

 

 

Black & Decker FSMH1621R-QS

 

1.Black & Decker FSMH1621R-QSAcari e allergeni rendono la vita di alcuni davvero difficile procurando difficoltà respiratorie da non trascurare. Questo elettrodomestico della Black&Decker è in grado di abbattere quasi completamente la presenza di batteri sulle superfici domestiche, riducendo al minimo l’uso di detergenti chimici per la pulizia della casa, tanto da meritare l’appellativo di migliore scopa a vapore del 2018.

Le prestazioni offerte sono numerose: semplicemente selezionando il tipo di superficie, dal parquet al linoleum o le comuni piastrelle, il getto di vapore cambia rispondendo in modo specifico a diverse necessità di pulizia. Le macchie più ostinate sul pavimento si levano senza doversi chinare azionando il pulsante booster, per avere un getto più potente durante dieci secondi. Si combina con il panno in microfibra per trattenere meglio lo sporco e scivolare con facilità sul pavimento.

È dotato di filtro anticalcare, che permette l’alimentazione con l’acqua del rubinetto ma senza il rischio che gli ugelli si tappino.

Agli utenti che l’hanno provata, questa scopa è piaciuta soprattutto perché riconosce automaticamente la posizione inclinata che consente il rilascio di vapore, flusso che si blocca quando è in verticale: una comodità perché non obbliga a tenere il pulsante premuto per azionarne il meccanismo. C’è anche chi consiglia l’uso di qualche goccia di olio essenziale nell’acqua del serbatoio o nel panno in microfibra perché liberi in casa un profumo davvero gradevole.

La nostra guida per scegliere la migliore scopa a vapore prosegue con un elenco di pro e contro di questo prodotto, che permettono di scegliere il modello giusto per le proprie esigenze e non semplicemente il più economico. Vediamoli insieme.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

 

Come utilizzare una scopa a vapore

 

Per quanti vogliono variare la pulizia di casa affidandosi a uno strumento che sfrutti il potere pulente dell’alta temperatura, la scelta di una scopa a vapore può essere un’opzione percorribile. Di seguito abbiamo inserito alcuni consigli che possono facilitare l’uso e contribuire a sfruttare al meglio questo elettrodomestico.

Aspettate che l’acqua sia giunta a temperatura

Funzionando con il riscaldamento di un liquido grazie a cui igienizzare superfici differenti, è bene capire che il tempo impiegato per la messa in funzione della macchina è diverso da modello a modello. Il tratto comune è costituito dalla pazienza che bisogna avere nell’attendere il momento in cui si raggiunge la temperatura esatta.

 

Scegliete le giuste superfici

Non tutti i tipi di pavimenti sono adatti al lavaggio a vapore. Il legno non trattato e certe tipologie di marmo, rischiano di rovinarsi, così come la carta da parati sulle pareti. Leggete bene il manuale per capire cosa si può fare e cosa è meglio evitare nell’uso di una scopa del genere.

 

Fissate a dovere il panno in microfibra

È buona norma, per ottenere risultati in linea con le aspettative, bloccare al meglio il panno in microfibra. Così potete lavorare senza rischio di lasciare zone sporche e con la tranquillità di uno strumento che si collega con poche mosse alla scopa e può essere lavato e riutilizzato in successive operazioni.

 

Preparate il pavimento

Non utilizzate la scopa a vapore prima di aver pulito e tolto polvere ed eventuali residui dal pavimento. Facendo ciò eviterete di trasportare per casa residui di polvere e rendere infruttuose le passate, vanificando il lavoro della scopa a vapore.

 

Riempite il serbatoio dell’acqua

Abbiate cura di utilizzare al meglio la zona dedicata al riempimento dell’acqua. Non inserite maggior liquido di quello necessario per raggiungere la giusta capienza, così da non far traboccare l’acqua dal contenitore.

 

Non lasciate la scopa a vapore troppo sullo stesso punto

Una volta messa in funzione la scopa, vi consigliamo di non fermarvi a pulire una determinata zona per più di 20 secondi, sempre sulla stessa macchia o su un residuo particolarmente ostico. In questo modo eviterete di correre il rischio di rovinare la superficie.

Capite bene che acqua utilizzare

In alcuni modelli non c’è bisogno di fare distinguo, ma con certe scope a vapore è necessario utilizzare specificamente acqua distillata per un corretto funzionamento. Si riduce il rischio che si possano rovinare alcune parti della macchina.

 

Controllate l’interno del serbatoio

Un  buon controllo della zona del serbatoio ha il merito di lasciare asciutta la parte deputata a questo scopo, una volta messa a riposo la scopa a vapore. Verificate sempre la presenza di possibili macchie o zone rovinate così da prolungare il ciclo vitale del vostro elettrodomestico.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

H2O X5

 

5.H2O X5Vediamo ora le caratteristiche principali di questo modello piuttosto essenziale e che forse non può dirsi la migliore scopa a vapore H2O, pur soddisfacendo le necessità di chi cerca un prodotto mediamente potente ma particolarmente economico.

La forma di questa scopa consente di usarla, oltre che per pulire pavimenti e tappezzeria, anche in verticale lavando vetri e vaporizzando indumenti: chi lavora a maglia, per esempio, sa che il getto di vapore distendendo le fibre è capace di rendere impeccabile un maglione fatto a mano.

La caratteristica del vapore è quella di sterilizzare e quindi deodorare senza ricorrere ad agenti chimici, la forma di questa scopa, dalla testa triangolare e discreta, permette usi meno convenzionali come la pulizia dei giochi dei bambini che, specie quelli dei più piccoli, finiscono spesso in bocca.

Chi la usa in generale lamenta la scarsa capacità della tanica e quindi la limitata autonomia. In definitiva, si tratta di un dispositivo ideale per l’uso frequente, un alleato per la pulizia quotidiana, ma non per pulire superfici particolarmente sporche o estese.

Anche la H2O X5, come tutti i modelli precedenti, può vantare pregi e difetti che influenzeranno le vostre decisioni. Di seguito, ricapitoliamo i principali motivi per i quali questo prodotto ci ha convinti e le lacune evidenziate.

 

Pro

Multifunzione: Questa scopa a vapore può assolvere diversi compiti, tra cui la pulizia dei vetri e la vaporizzazione degli indumenti.

Compatibile: Perfetta per pulire un gran numero di superfici diverse senza controindicazioni: pietra, marmo, parquet, ceramica, linoleum e altro ancora.

Sterilizza: Potete usarla semplicemente per sterilizzare oggetti e superfici, uccidendo un gran numero di acari e batteri.

 

Contro

Serbatoio: Con i suoi 400 ml di capienza, è davvero troppo piccolo per chi vuol pulire qualcosa di più grande di un piccolo bilocale.

Fragile: La robustezza di questa scopa a vapore non è il suo punto forte e bisogna maneggiarla con cura se non si vuole rischiare di piegarla durante un esercizio troppo energico.

 

 

 

Domande più frequenti

 

Q1: Come si pulisce un tappeto con la scopa a vapore?

Prima di cominciare a pulire col vapore il tappeto o la moquette – ma anche il pavimento – è sempre consigliabile aspirare la superficie, dopodiché all’estremità dell’elettrodomestico va montato l’accessorio specifico per i tappeti che consente una pulizia più efficace e non rovina il tessuto. Dovrebbe essere presente nella maggior parte dei modelli, ma è sempre meglio verificare prima dell’acquisto. Alcune scope a vapore, invece, hanno una guida in dotazione all’interno della quale va inserita la spazzola quando si vuole pulire il tappeto.

Nelle istruzioni dovrebbe essere specificato a quale potenza regolare il vapore, generalmente si preferisce un livello inferiore rispetto alle superfici dure come i pavimenti. Alcune case produttrici consigliano di erogare il vapore su un panno a parte prima di passare sul tappeto. L’azione del vapore non solo pulisce la superficie ma ravviva anche i colori.

 

Q2: Come si usa una scopa a vapore?

Per prima cosa bisogna riempire la tanica d’acqua e poi collegare la scopa a vapore a una presa di corrente. In pochi secondi la resistenza elettrica trasforma l’acqua in vapore e, a questo punto, si può usare l’elettrodomestico come un normale aspirapolvere. I modelli più efficaci eliminano lo sporco anche con una sola passata, consentendo di risparmiare tempo e fatica. Per le macchie più ostinate è disponibile – ma non sempre – una funzione che permette di aumentare il getto e la potenza del vapore. È possibile regolare anche l’erogazione per igienizzare le diverse superfici come piastrelle, parquet e laminati.

Il tubo flessibile non manca mai perché consente di arrivare anche negli angoli più difficili. Non tutti i modelli, invece, presentano un generatore di vapore staccabile che è utile, invece, per igienizzare comodamente anche poltrone, divani, tende, tessuti ma anche vetri e fornelli.

 

Q3: Come funziona una scopa elettrica a vapore?

Le scope elettriche a vapore sono dotate di un serbatoio per l’acqua che può essere più o meno capiente. All’interno di questa tanica si trova una resistenza elettrica che riscalda l’acqua e in pochi secondi la trasforma in vapore. La temperatura viene mantenuta costante e la produzione di vapore è, quindi, ininterrotta e prosegue fino a quando non si esaurisce tutta l’acqua nel serbatoio. Alcuni modelli consentono di regolare l’erogazione per adattarla alle diverse superfici e i vari accessori in dotazione rendono questo elettrodomestico estremamente versatile.

Il vantaggio di pulire diverse superfici con il vapore e non con acqua fredda è evidente: non occorre usare detersivi perché la forza del vapore in sé è già in grado di eliminare praticamente tutti i germi e i batteri, l’ideale specialmente in presenza di bambini in casa. Aggiungendo qualche goccia di olio essenziale, il risultato è ancora più apprezzabile. Rispetto al mocio, inoltre, la fatica è considerevolmente inferiore.

 

Q4: Che differenze ci sono tra una scopa a vapore Black & Decker e una Hoover?

Black & Decker e Hoover sono marchi che non hanno bisogno di presentazioni; sono entrambe delle multinazionali e Hoover è specializzata maggiormente nella produzione di elettrodomestici per la casa, mentre Black & Decker realizza anche e soprattutto utensili e macchine per amanti del fai da te e professionisti. Prendiamo due dei modelli maggiormente apprezzati dai consumatori: Black & Decker FSMH16151 e Hoover SSNC 1700. Il primo ha un serbatoio da 350 ml, non molto capiente, ma è potente, ha un getto extra di vapore per lo sporco ostinato e trasforma l’acqua in vapore in soli 15 secondi. Particolarmente apprezzata è la possibilità di staccare il corpo centrale per pulire anche piastrelle, fornelli, vetri e altro ancora.

La scopa a vapore Hoover costa tre volte meno ed è ideale, quindi, per chi vuole spendere il meno possibile. È anch’essa molto potente – 1.700 watt – e ha un serbatoio particolarmente capiente da 700 ml. Non sono presenti altre funzioni o caratteristiche più avanzate come il generatore di vapore staccabile.

 

Q5: Come decalcificare una scopa a vapore?

Sono da preferire le scope a vapore che presentano all’interno uno speciale filtro che impedisce o, per lo meno, ritarda fortemente la formazione del calcare. Il vantaggio è che non bisognerà acquistare ogni volta acqua demineralizzata perché si potrà usare tranquillamente quella del rubinetto. Per rimuovere i depositi di calcio che si formano, molte case produttrici consigliano di aggiungere nel serbatoio con l’acqua un paio di cucchiai di aceto bianco e far agire questa soluzione per alcune ore senza accendere la scopa a vapore. La tanica, a questo punto, va svuotata, riempita e svuotata di nuovo fino a quando l’acqua non appare chiara.

Potrebbe essere necessario rimuovere il calcare anche dalle parti metalliche, oltre che dal serbatoio, specialmente nelle località in cui l’acqua è più dura. In questo caso, sempre con l’elettrodomestico spento, si può utilizzare un raschietto e un ago per pulire l’ugello da cui fuoriesce il vapore.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notify of
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (84 votes, average: 4.79 out of 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.