La migliore stampante a trasferimento termico

Ultimo aggiornamento: 19.12.18

 

Stampanti a trasferimento termico – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

A differenza di una normale stampante laser o a getto, un modello a trasferimento termico è più versatile, in quanto è in grado di generare facilmente stencil, codici a barre, etichette, codici QR e molto altro ancora. Gli ambiti di utilizzo di questo dispositivo sono davvero tanti e sul mercato è possibile trovare numerosi modelli. In questa guida abbiamo selezionato alcune delle stampanti a trasferimento termico più vendute del momento; se però non avete tempo per valutare le nostre proposte, date un’occhiata ai due prodotti che vi suggeriamo qui di seguito. LifeBasis TTP-101 è una stampante che è stata apprezzata molto sia per efficienza, sia per qualità. L’apparecchio è consigliato anche a chi esegue tatuaggi, in quanto è in grado di realizzare degli stencil molto precisi. Se invece disponete di un budget ridotto ma volete comunque acquistare un dispositivo di qualità, allora Brother 406119 QL700 potrebbe soddisfare le vostre esigenze. Si tratta di una stampante ben realizzata, che è capace di generare fino a 93 etichette al minuto; ideale per uffici e negozi.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere la migliore stampante a trasferimento termico

 

Stencil, etichette, codici a barre, codici QR: sono tante le applicazioni che una buona stampante a trasferimento termico consente di ottenere. Nella nostra guida puoi trovare utili indicazioni per scegliere il modello più adatto alle tue esigenze. Un aiuto più concreto lo trovi nella classifica in basso che contiene la recensione dei modelli più apprezzati sul mercato.

Guida all’acquisto

 

Stampanti a trasferimento termico e termiche dirette

Spesso si fa confusione, ma c’è una bella differenza tra stampanti a trasferimento termico – dette anche TT, Thermal Transfer – e quelle termiche dirette – o DT, Direct Thermal.

Il funzionamento è diverso, la qualità delle etichette stampate è diversa e anche il prezzo è molto diverso. Vediamo meglio.

Le stampanti a trasferimento termico riscaldano un nastro che trasferisce, appunto, il calore all’etichetta in basso. Quest’ultima può essere costruita con materiali molto diversi, quindi c’è maggiore versatilità d’impiego.

Quelle termiche dirette, invece, stampano direttamente su un’etichetta chimica sensibile al calore che cambia colore e produce il testo o l’immagine desiderata.

Quali sono i vantaggi delle stampanti a trasferimento termico? Oltre alla maggiore versatilità, hanno anche una resistenza decisamente superiore perché il nastro utilizzato protegge la testina che dura molto di più nel tempo.

Non solo la testina, ma anche l’etichetta stampata dura di più rispetto a quelle delle stampanti termiche dirette che sbiadiscono molto prima. Ecco perché è consigliabile ricorrere al trasferimento termico se devi tenere l’etichetta esposta per molto tempo all’aperto, sotto al sole o in ambienti umidi. Se, invece, ti serve solo per un giorno, per esempio nel caso dei prodotti agricoli freschi, la stampante termica diretta potrebbe bastarti, anche perché costa molto meno. Attenzione, però, con questa potrai stampare solo il colore nero.

 

Ambiti di utilizzo

Quali sono gli ambiti in cui è preferibile usare una stampante a trasferimento termico che, come abbiamo visto, offre prestazioni migliori?

Intanto va specificato che le stampanti di cui stiamo parlando, generalmente, funzionano anche come stampanti termiche dirette, basta modificarne la configurazione perciò, se sei in dubbio, con l’acquisto di un modello a trasferimento termico non sbagli.

Gli ambiti di utilizzo sono svariati: i tatuatori, per esempio, potranno avere a disposizione uno stencil stampato e non più disegnato a mano. Ma, più in generale, si possono stampare etichette per buste, cartelle, DVD, imballaggi, perfino segnaletica temporanea.

La stampante a trasferimento termico è ideale per chi gestisce magazzini, inventari o lavora nel campo dell’assistenza sanitaria e in laboratori di analisi per avere un monitoraggio del paziente. È, infine, indispensabile nel settore della logistica e dei trasporti.

Qualità/prezzo

La migliore marca di stampanti potrebbe essere per te quella che garantisce prestazioni migliori in termini, per esempio, di velocità di stampa e se sei una persona che confronta prezzi vedrai che si tratta dei modelli più costosi, quindi dovrai essere disposto a mettere mano al portafoglio.

Tuttavia puoi trovare ottime stampanti con un rapporto qualità/prezzo invidiabile, ne abbiamo elencate alcune in basso a cui ti consigliamo di dare un’occhiata.

Una maggiore velocità, misurata in ips – inch per second – è ideale per le aziende con elevata produttività. La stampante dovrebbe essere anche facile da installare, usare e, se ha una struttura modulare che permette di aggiungere nuove funzionalità e connessioni, sarà in grado di adattarsi alle esigenze aziendali man mano che evolvono.

 

Le migliori stampanti a trasferimento termico del 2018

 

Passiamo adesso ai nostri consigli d’acquisto e vediamo qualche suggerimento pratico su quale stampante a trasferimento termico comprare. Si tratta dei modelli che hanno riscosso maggiore gradimento da parte dei consumatori. Ecco quali sono.

 

Prodotti raccomandati

 

LifeBasis TTP-101

 

Sei un tatuatore? Allora questa LifeBasis potrebbe essere la migliore stampante a trasferimento termico per te perché, come sottolineano tanti professionisti, le prestazioni offerte sono davvero notevoli.

In primo luogo, si tratta di un modello molto resistente. Come abbiamo detto in precedenza, le stampanti a trasferimento termico sono più durevoli di quelle termiche dirette, ma la LifeBasis lo è in modo particolare, durerà anni e anni senza dare problemi perché è affidabile e non si inceppa: lo testimoniano tanti utenti soddisfatti.

Il vantaggio per un tatuatore è che sarà finalmente possibile realizzare stencil precisi e di qualità partendo da una stampa o un disegno e non più a mano.

Le istruzioni sono solo in inglese ma il funzionamento non è affatto complicato: basta collegarla alla presa di corrente, inserire il foglio col disegno e quello su cui stamparlo e premere Invio. Voilà.

L’ottimo rapporto qualità/prezzo, che puoi verificare tu stesso cliccando sul link in basso, è un altro vantaggio di questo prodotto.

La nostra guida per scegliere la migliore stampante a trasferimento termico continua con un piccolo elenco relativo ai vantaggi e agli svantaggi di questo modello che abbiamo appena recensito.

Pro
Prestazioni:

Se siete alla ricerca di una stampante caratterizzata da un compromesso qualità/prezzo favorevole, questo modello è sicuramente da valutare con attenzione. Come testimoniano gli utenti che l’hanno scelta, è caratterizzata da una lunga durata e affidabilità.

Precisione:

Tra le sue caratteristiche positive spicca la precisione di stampa di questo apparecchio, adatto a coloro che praticano lavori che hanno a che fare con l’arte, tatuatori compresi.

Facile da usare:

Basta collegare il dispositivo alla presa della corrente e inserire il foglio nel rullo aspettando la fine della stampa.

Contro
Istruzioni:

Sebbene il funzionamento sia semplice e intuitivo, mancano le istruzioni in italiano, ci sono solo in inglese e questa è sicuramente una mancanza.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Brother 406119 QL700

 

Come scegliere una buona stampante a trasferimento termico economica per etichette? Se hai un budget molto ridotto ti consigliamo di dare un’occhiata a questa Brother, potrebbe essere il modello che stai cercando.

Tra i più venduti sul mercato, ha nel costo competitivo uno dei suoi punti di forza, ma non certo l’unico. Un altro è la facilità di utilizzo: tutti la possono utilizzare senza problemi, non bisogna essere degli esperti, non occorre installare driver o altro. Basta pigiare un tasto; per etichette più elaborate, invece, bisogna usare il programma Brother.

Per quanto riguarda le prestazioni, questa stampante è in grado di stampare fino a 93 etichette per indirizzi standard al minuto, un risultato niente male, ideale per gli uffici con elevata produttività. La taglierina integrata velocizza ulteriormente il lavoro.

È, inoltre, molto versatile perché si possono creare stampe differenti per svariate esigenze come, per esempio, etichette di 62 mm di larghezza per buste, pacchi, DVD, fino a striscioni e segnaletica temporanea di 1 m di lunghezza.

Pro
Prezzo:

Questa proposta è adatta a coloro che non vogliono spendere tanto, senza rinunciare a buone prestazioni e praticità di utilizzo.

Dimensioni:

Si tratta di una stampante di modeste dimensioni, semplice da collocare anche in mancanza di spazio.

Versatile:

Con questa stampante è possibile creare stampe diverse per andare incontro a ogni esigenza, dalle etichette fino agli striscioni.

Contro
Ricambi:

Qualche utente si è lamentato a causa del costo abbastanza notevole dei rulli di ricambio.

Acquista su Amazon.it (€59,9)

 

 

 

Intermec PC43t

 

Questa Intermec è una tra le migliori stampanti a trasferimento diretto del 2018. Se lavori nel campo delle spedizioni, dell’ospitalità, dell’assistenza sanitaria, potrebbe essere quella che fa per te.

È un modello molto versatile anche perché può essere arricchito con accessori e funzionalità che consentono di adattarlo perfettamente a ogni specifica esigenza. Ha un design modulare e l’utente stesso può eseguire gli aggiornamenti.

Si tratta di una stampante pensata per chi ha bisogno di stampe affidabili e di alta qualità. Nello stesso tempo è anche molto veloce perché permette di stampare fino a 8 ips, equivalenti a 204 mm per secondo. Non male davvero.

L’interfaccia a icone la rende facile da usare, mentre la configurazione via USB e il caricamento dei supporti con una sola mano assicurano rapidità e comodità.

Pro
Versatile:

Questa stampante può essere  integrata con diversi accessori per riuscire ad andare incontro a tutte le esigenze. Ideale per uso professionale, inoltre è pratica e compatta.

Veloce:

Tra le sue caratteristiche positive spicca la rapidità di esecuzione. Adatta quindi per stampare etichette o simili, soprattutto grandi quantità in tempi ridotti.

Facile da usare:

Un pannello di controllo a icone semplice da gestire vi guiderà nel processo di stampa, rendendo l’uso comodo e rapido.

Contro
Costo:

Non è il modello più economico in circolazione. Tuttavia se l’intenzione è quella di farne un uso professionale, questa stampante è sicuramente tra le migliori in circolazione.

Acquista su Amazon.it (€598)

 

 

 

Bixolon SLP-T403

 

Un altro modello con cui ti consigliamo di fare una comparazione è quello proposto da Bixolon perché ha tutto quello che serve per una stampa efficiente a un costo ragionevole.

È una stampante completa e viene usata con successo da chi lavora in magazzino, nel campo delle spedizioni e della sanità. In particolare, la stampante Brother si è imposta per i risultati ottenuti nella stampa dei codici a barre e specialmente di quelli QR bidimensionali che sono molto più complessi ma che vengono gestiti efficacemente.

Modello versatile, è dotato di porta USB, seriale e parallela per offrire soluzioni a chi utilizza interfacce diverse, ma può supportare anche il modulo Ethernet e Bluetooth, opzionali.

Stampante robusta, è anche facile da usare. Le prestazioni in termini di velocità e risoluzione sono di buon livello, considerando il costo non proibitivo a cui viene venduta.

Pro
Professionale:

Si tratta di un dispositivo completo, ideale per coloro che devono stampare codici a barre ed etichette in modo rapido e per grandi quantità.

Versatile:

Un modello versatile, con porta USB per rispondere alle diverse necessità, ed inoltre la possibilità di utilizzare Bluetooth e ingresso Ethernet, opzionali.

Affidabile:

Un prodotto veloce e facile da usare, adatto a lavori frequenti e di una certa portata nonché alla stampa ad alta precisione.

Contro
Design:

Forse il suo aspetto non è tra i migliori, sembra infatti un po’ vecchiotto e non particolarmente ispirato. Tuttavia ciò non ha nulla a che vedere con le sue prestazioni.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Seypos PRP-300

 

Non sarà tra i modelli più venduti online ma questa Seypos merita attenzione. In primo luogo, si tratta di una stampante che può essere acquistata a un prezzo decisamente competitivo, per cui se hai un budget molto ridotto, ti consigliamo di darle un’occhiata.

Un altro vantaggio di questo prodotto è il suo design compatto che non occuperà molto spazio sulla scrivania.

La stampante, inoltre, è piuttosto versatile perché permette di ottenere etichette e ricevute di diverso tipo e perché ha tre interfacce, USB, RS232 ed Ethernet per poter collegare e stampare contenuti da fonti differenti.

Facile da usare, ha la taglierina integrata per accelerare i tempi, mentre la tecnologia di riduzione del rumore la rende più piacevole da utilizzare.

Pro
Compatta:

Una piccola stampante in grado di eseguire un buon carico di lavoro in tempi brevi. Può essere collocata ovunque con estrema facilità e il suo design, anche se spartano, permette di risparmiare spazio.

Costo:

Considerando le buone prestazioni offerte, come riportano gli utenti che l’hanno scelta, il prezzo è favorevole ed è ovviamente parte del successo nelle vendite.

Versatilità:

Si tratta di un modello progettato per la stampa di ricevute ed etichette di diversa tipologia ed è in grado di connettersi tramite USB, cavo seriale RS232 ed Ethernet.

Contro
Design:

Un look non troppo curato esteticamente, ed è forse questa l’unica pecca riscontrata in questo prodotto.

Acquista su Amazon.it (€138,9)

 

 

 

Come utilizzare una stampante a trasferimento termico

 

Le stampanti termiche sono le preferite da chi ha la necessità di realizzare etichette, codici a barre e altre ricevute in tempi brevi. Per quanto le caratteristiche possano variare da modello a modello, questa tipologia di dispositivi si contraddistingue proprio per la velocità, trovando largo impiego soprattutto lì dove si fa la vendita al dettaglio. In questa breve guida spiegheremo alcuni aspetti da tenere in considerazione per un utilizzo corretto.  

La connessione agli altri dispositivi

La prima cosa da fare, dopo aver estratto dalla scatola la stampante e tutti gli altri accessori, è collegarla al computer. Generalmente, sono presenti un cavo USB e uno di alimentazione con adattatore, da inserire nei corrispondenti ingressi, che potrebbero essere collocate sul retro, quindi il cavo USB al computer (o un nuovo dispositivo compatibile, a seconda del modello di stampante) e l’altro alla presa elettrica.

Cercate il pulsante di accensione e la stampante potrà iniziare a funzionare, ma prima dovrete assicurarvi che non ci sia bisogno di installare i driver.

 

Installazione del software

Alcune periferiche sono plug and play, ovvero possono essere usate nel momento stesso in cui vengono collegate al pc, mentre altre necessitano dell’installazione del software. Queste applicazioni hanno però il pregio di semplificarci il lavoro. Nella confezione dovreste trovare il CD con il software necessario, quindi basterà inserirlo nel computer e cominciare l’installazione.

Altri produttori, invece, non includono questo supporto ma danno la possibilità di scaricare il software dal proprio sito internet. Una volta ottenuta l’applicazione, eseguite il programma di installazione, questa operazione viene generalmente guidata dalle istruzioni che compaiono sullo schermo. Se tutti i passaggi vengono eseguiti correttamente, sul vostro pc comparirà una nuova stampante, probabilmente troverete anche l’icona del software sul desktop.

 

Collegamento wireless

Alcuni modelli di stampante a trasferimento termico offrono la possibilità di eseguire il collegamento al pc wireless. Questa soluzione, quindi, non necessita di usare il cavo USB ma sfrutta la tecnologia Bluetooth. Il bello della connessione wireless è il minore ingombro di cavi, ma anche la possibilità di posizionare i due apparecchi non necessariamente vicini. Inoltre, meno vincoli significa anche poter organizzare meglio il proprio lavoro.

Per il collegamento Bluetooth vi basta attivare la connessione anche al computer e collegarlo alla stampante.

Alcuni modelli sono portatili e non necessitano neanche del cavo di alimentazione. In questo caso, vi consigliamo di tenere sempre sotto controllo la durata della batteria e di ricaricarla quando è possibile.

La carta da usare

Spesso si fa confusione tra stampanti a trasferimento termico (conosciute anche come TT) e le termiche dirette (DT). Queste due tipologie funzionano diversamente e anche la qualità della stampa è differente.

Le TT utilizzano un nastro inchiostrato chiamato Ribbon: una testina lo riscalda in modo che trasferisca il colore all’etichetta sottostante. Si parla di carta comune, ma si può stampare anche su carta speciale, sintetica, su chip card, badge, tessere magnetiche o altri supporti.

Le stampanti termiche dirette necessitano di una carta particolare, perché sensibile al calore. Il procedimento è molto simile, ma queste particolari etichette in carta chimica reagiscono al colore, sviluppando così l’immagine o il testo desiderato.

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.