La migliore chitarra acustica

Ultimo aggiornamento: 15.11.18

Chitarre acustiche – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Nella nostra guida puoi trovare informazioni e la recensione di quelli che sono per noi i migliori modelli. Dai subito un’occhiata alle prime due della classe: la prima è una Yamaha F310, pensata per un pubblico di principianti e per chi riprende a suonare dopo anni; colpisce per l’eccezionale rapporto qualità/prezzo. In alternativa, merita attenzione la Ibanez V50NJP-NT che ha tra i suoi punti di forza una ricca dotazione di accessori, tra cui custodia, accordatore automatico e tracolla.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere la migliore chitarra acustica

 

Appassionato di musica? Ti diletti a suonare la chitarra o vorresti comprarne una per imparare o per farla studiare ai tuoi figli? La scelta migliore è quella di optare per un modello acustico, ideale per apprendere le basi e cominciare a strimpellare in modo gratificante.

Qui di seguito ti proponiamo le recensioni di quelli che consideriamo i migliori modelli in vendita sul mercato ma anche una guida all’acquisto nella quale abbiamo messo in risalto tutte le peculiarità di cui tenere conto per capire quale chitarra faccia al caso tuo, con un occhio costante al prezzo.

9

 

Guida all’acquisto

 

Qualità costruttiva

Il funzionamento di una chitarra acustica è dato dalla sollecitazione delle corde, la cui vibrazione crea una melodia che si propaga attraverso la cassa armonica. Nell’utilizzarla, dunque, non avrai bisogno di alcuno strumento aggiuntivo (come per esempio un amplificatore, compagno inseparabile delle chitarre o dei bassi elettrici) al di là di un plettro che potrai eventualmente sfruttare per interagire con le corde.

Al primo posto della classifica degli aspetti da considerare per scegliere un prodotto che sia di buona qualità è valutarne il manico, che deve essere comodo e confortevole. Una volta impugnato, dunque, non devi sentirlo troppo pesante e scomodo. Inoltre una chitarra acustica di qualità vanta fret (ovvero le barrette in metallo distribuite lungo la tastiera) piacevoli al tatto. Qualora siano troppo ruvidi o eccessivamente sporgenti sono un’indicazione di una realizzazione poco curata che si tradurrà in un ridotto piacere d’uso.

Anche la distanza delle corde dal manico è un elemento cui prestare la massima attenzione, soprattutto perché per padroneggiare al meglio alcune tecniche tipiche di questo strumento è necessario che le dita si possano muovere sulle corde in modo agevole e senza affaticarsi troppo.

 

 

 

Punti di tensione

Uno degli aspetti più importanti, sempre legati alla qualità generale e costruttiva di una chitarra acustica, è che l’assemblaggio delle varie componenti sia impeccabile. Andrà a tutto vantaggio della qualità del suono che lo strumento sarà in grado di produrre.

Un piccolo trucco per controllare la qualità dei materiali e la presenza di eventuali fragilità nei punti di tensione, come l’incollaggio del ponte sulla tavola armonica, è quello di osservare la chitarra in controluce. In questo modo potrai valutare la presenza di eventuali rotture o di crepe, anche molto sottili, che con il tempo potrebbero ingrandirsi.

I modelli realizzati dalle migliori marche dovrebbero fornire una buona garanzia in termini di qualità dei materiali e dell’assemblaggio ma un controllo visivo è comunque sempre consigliabile.

10

 

Il legno e la vernice

Il legno utilizzato per la costruzione della chitarra ha un grande impatto sulla sua qualità e sul tipo di suono che è in grado di produrre. Mettendo a confronto i prezzi noterai quanto la scelta di un tipo di legno influisca sul costo finale.

Sarebbe meglio scegliere una tavola armonica realizzata in legno massello di abete o cedro mentre, in linea generale, l’utilizzo di un legno chiaro si associa a un suono più acuto e cristallino, un legno scuro invece a un suono più corposo e carico di bassi.

Anche la scelta della vernice impatta sulla resa acustica: le chitarre con vernici lucide sono bellissime da vedere ma non permettono al legno di “respirare” e restituiscono un suono più inscatolato. Meglio optare per un modello più naturale, a tutto vantaggio della qualità della musica che sarai in grado di produrre.

 

Le migliori chitarre acustiche del 2018

 

Gli appassionati di musica che stanno cercando una buona chitarra acustica da strimpellare a casa, con gli amici o in un gruppo conoscono bene la vastità dei modelli possibili tra cui fare una comparazione.

Noi abbiamo selezionato le cinque chitarre che, sulla base dei riscontri avuti dagli utenti, risultano essere le migliori del 2018.

 

Prodotti raccomandati

 

Yamaha F310

Principale vantaggio:

Nonostante sia una chitarra entry level, le meccaniche sono buone, abbastanza precise nell’accordatura e con una discreta capacità di tenerla a lungo. Il suono, poi, è brillante e chiaro.

 

Principale svantaggio:

Grossi appunti da fare alla F310 non ce ne sono, manca la predisposizione per usare la tracolla ma riteniamo che sia un “problema” più che trascurabile e di facile soluzione.

 

Verdetto 9.9/10

Pur essendo una chitarra destinata a chi è alla sua prima esperienza con lo strumento, riteniamo di dover esaltare il più che positivo rapporto qualità/prezzo: non costa molto e secondo noi è molto performante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Per i principianti

Yamaha ha realizzato una linea di chitarre pensata appositamente per soddisfare le esigenze di chi si è appena avvicinato alla chitarra. La famiglia F, di cui fa parte lo strumento che vi stiamo proponendo, comprende, a prezzi contenuti, delle chitarre che si caratterizzano per un buon rapporto qualità/prezzo.

Certo, la chitarra acustica F310, qualora ci si appassioni allo strumento, rappresenta una tappa o se preferite il punto di partenza verso altri modelli più performanti, indipendentemente che siano di produzione Yamaha o di altri. È comunque un discorso valido per chi si esibisce dal vivo o ha l’esigenza di registrare un album. Se invece si non si va oltre i classici momenti spensierati, magari in compagnia, è uno strumento degno di essere definito tale.

Leggera e bilanciata

Quando si imbraccia una chitarra, è importante la prima sensazione. In questo caso difficilmente il chitarrista non si renderà conto di avere tra le mani una “sei corde” leggera e ben bilanciata.

Ma com’è il suono? Al netto delle corde montate che hanno la loro incidenza su questo aspetto, possiamo parlare di un suono brillante e chiaro.

Differenze di resa si possono notare, o almeno le nota chi ha l’udito più allenato, al cambiare della scalatura delle corde, caratteristica tutt’altro che scontata per un modello entry level com’è la F310.

La chitarra non è predisposta per usare la tracolla, che a proposito, non è compresa nel pacco così come non c’è una custodia. Tornando alla tracolla, chi lo desidera dovrà provvedere da sé. Il consiglio, sebbene sia un lavoretto facile installare gli agganci, è di rivolgersi a un liutaio.

 

Meccaniche e manico

Affrontiamo una delle questioni più importanti per una chitarra, ovvero, le meccaniche e il manico. Iniziamo dalle prime. Le sensazioni sono positive, le meccaniche ci sembrano buone soprattutto considerando che si tratta di una chitarra economica: in casi del genere, 9 volte su 10, sono pessime. Qui registriamo una piacevole eccezione e l’accordatura terrà abbastanza.

Il manico è scorrevole a sufficienza e i tasti sono precisi. In sostanza possiamo parlare di una tastiera intonata su tutta la lunghezza.

Per quanto riguarda i materiali, anche in questo caso il giudizio è positivo con la tastiera in palissandro e il top realizzato con legno d’abete.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ibanez V50NJP-NT 

 

2.Ibanez V50NJP-NT

Molte recensioni sulle migliori chitarre acustiche vendute online vedono come protagonista la nota casa produttrice giapponese Ibanez. Tra le svariate chitarre offerte dal gruppo nipponico, svetta il modello che qui presentiamo. Anche in questo caso il prezzo assolutamente competitivo è tra i vantaggi principali messi in risalto da molti appassionati. In rapporto alla qualità complessiva espressa, quasi tutti lo ritengono più che accettabile.

Ma il prezzo non è certamente l’unico vantaggio: questa Ibanez, a differenza della Yamaha, viene venduta in una confezione dove sono presenti diversi utilissimi accessori: accordatore elettronico, tracolla, chiave di regolazione, plettri, ponticello e pirolo di ricambio, oltre a una borsina in nylon dove contenere tutti questi accessori e una custodia morbida. Insomma, una dotazione particolarmente completa che non tutte le altre chitarre possono vantare.

Anche la Ibanez è pensata per chi è alle prime armi; ciononostante ha una bellissima linea e, soprattutto, garantisce una sonorità di alto livello.

Venduta a prezzi bassi molto concorrenziali, la Ibanez ha una serie di pregi importanti e un solo difetto degno di essere menzionato.

Pros
Buona qualità:

Il marchio giapponese Ibanez si fa apprezzare per la buona qualità dei materiali anche nei suoi prodotti più economici e vantaggiosi. Rappresenta sempre una scelta di sicuro affidamento.

Accessoriata:

Il vantaggio principale di questa scelta rispetto ad altre soluzioni sulla stessa fascia di prezzo è quello di ritrovarsi già con una serie di accessori utili, come l’accordatore automatico, la custodia, la tracolla e un set di plettri.

Per principianti:

Proprio per la presenza di tanti accessori che saresti costretto a comprare a parte e per una certa facilità d’uso, la chitarra elettrica Ibanez che ti consigliamo è l’ideale soprattutto per i principianti assoluti.

Cons
Battipenna:

Il battipenna tende a rigarsi con grande facilità. A meno che non ti piaccia il fatto che la chitarra acquisisca rapidamente un look “vissuto”, la cosa potrebbe risultare fastidiosa.

button-IT

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Eko Ranger 6 BLK 

 

3.Eko Ranger 6 BLK

Secondo le recensioni maggiormente positive sulla migliore chitarra acustica elettrificata, va segnalata la Eko Ranger 6 BLK, modello “dreadnought” che, a differenza di altre, è disponibile in un elegante e accattivante nero lucido o in un più classico colore naturale legno satinato.

E il look vintage rende questa Eko molto amata da chi è sempre stato innamorato dei modelli anni ’80.

Finiture e capotasto sono nella norma ma, nel complesso, non sfigura affatto di fronte a chitarre che costano il doppio o anche il triplo.

Dalla sonorità squillante nel timbro, è consigliata come entry level o a chi ha bisogno di un buon muletto.

È, inoltre, comoda, con una action agevole e gli armonici suonano tutti benissimo. Secondo l’opinione di molti, però, per esprimere al massimo le sue potenzialità potrebbe essere necessario cambiare le corde all’inizio e sostituirle con altre di maggiore qualità.

Il prezzo a cui è possibile trovarla sul mercato costituisce un altro punto forte che farà ingolosire chi è ancora indeciso.

Anche questo modello ha sollevato pareri entusiasti in tutta Italia, vuoi per il suo aspetto davvero accattivante che per l’ottimo rapporto tra spesa e prestazioni. Ecco i suoi principali vantaggi e svantaggi.

Pros
Economica:

Tra i tanti modelli che ti suggeriamo nella nostra guida – tutti molto abbordabili – Eko Ranger 6 è il più economico e ti permette di avere uno strumento perfettamente funzionante con un investimento davvero contenuto.

Design:

Per gli amanti del vintage e dei colori scuri, l’appeal di questa chitarra elettrica sarà irresistibile. Il look non è forse l’elemento più importante in una chitarra, ma di sicuro ti invoglierà a impegnarti per diventare un grande musicista.

Affidabile:

Chi ha già provato altri prodotti Eko conosce la qualità di questo produttore e la sua grande attenzione nei confronti del cliente.

Cons
Corde:

Il più grosso neo dello strumento è legato alla qualità delle corde montate al momento dell’acquisto. Per rendere giustizia al resto della chitarra, è molto meglio provvedere subito a cambiarle con altre di maggiore qualità.

button-IT

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Ibanez PF1512 NT 

 

4.Ibanez PF1512 NT

Chi volesse cimentarsi nell’accompagnamento di Wish you were here senza sapere quale chitarra acustica a 12 corde comprare può sicuramente tenere in considerazione la Ibanez di cui parliamo qui. Anche se possono svolgere il ruolo di soliste, infatti, le chitarre a 12 corde vengono usate per lo più come accompagnamento e famoso è il caso proprio del capolavoro dei Pink Floyd.

Questa Ibanez si caratterizza per il manico molto sottile che alcuni apprezzano particolarmente mentre ad altri fa storcere il naso quando si usa la tecnica fingerstyle.

In ogni caso, la maggior parte dei commenti sono concordi nel ritenerla una buona 12 corde con una sonorità brillante e più viva di altri modelli simili e le cui prestazioni valgono, in generale, il prezzo a cui questa “dreadnought” viene venduta.

Eccoci di nuovo a passare in rassegna i pregi e i difetto dello strumento recensito.

Pros
12 corde:

La chitarra acustica a 12 corde si presta tipicamente al ruolo di accompagnamento, anche se nulla vieta ovviamente di lanciarsi anche in qualche assolo. Se rispecchia le tue esigenze, quindi, sappi che è il miglior modello che troverai per questo scopo.

Suono:

Il suono prodotto da questo strumento è molto allegro e potente, soprattutto se comparato a altre 12 corde sulla stessa fascia di prezzo.

Cons
Manico sottile:

Questo elemento potrebbe essere inserito sia tra i pregi che tra i difetti, a seconda delle proprie preferenze e del proprio stile musicale. Per quanto ci riguarda, lo troviamo un po’ troppo stretto e di ostacolo a certi movimenti.

Non per principianti:

Non consideriamo questo modello della Ibanez molto adatto ai principianti, non tanto perché sia difficile da padroneggiare ma perché è pensata soprattutto per l’accompagnamento, quando un nuovo “iniziato” ha bisogno di imparare lo strumento a 360 gradi.

button-IT

 

Acquista su Amazon.it (€194)

 

 

 

Ibanez PF17ECE LG 

 

5.Ibanez PF17ECE LG

Tra i consigli d’acquisto su come scegliere una buona chitarra acustica amplificata, molti convergono ancora una volta su un modello Ibanez.

Anche se si trova al quinto posto della nostra classifica, bisogna tener presente che il marchio Ibanez è sinonimo di soddisfazione per i clienti la maggior parte dei quali ha lodato il rapporto tra il prezzo contenuto di questa “dreadnought cutaway” e le prestazioni che rimangono, comunque, di buon livello.

Anche la costruzione può dirsi adeguata con le parti in mogano e palissandro così come i pickups e i preamps che non sfuggono alla solita qualità Ibanez.

In particolare, è stato apprezzato il sistema Advantage usato per i piroli perché risultato più durevole. Infatti se normalmente il ponte si solleva quando la corda viene tirata, in questo caso la sfera all’estremità della corda rimane bloccata più saldamente.

Passiamo ora a valutare più nel dettaglio i punti di forza e i punti deboli dello strumento appena recensito. È proprio quello che stavi cercando?

Pros
Amplificata:

La chitarra amplificata risponde a esigenze diverse rispetto a un tradizionale modello acustico. Se è proprio quello che stai cercando, il marchio Ibanez rappresenta una scelta di sicuro affidamento.

Qualità:

Pur non essendo uno strumento professionale, con tutti i limiti che ne derivano, la chitarra amplificata Ibanez trasuda qualità da ogni sua componente e produce un suono di cui andrai sicuramente fiero.

Cons
Costosa:

La ibanez qui recensita richiede un esborso più sostanzioso rispetto a quanto visto finora, con il rischio che risulti anche troppo ostica per un principiante.

Difficile:

Se sei un principiante o hai ormai perso la confidenza che avevi con la chitarra, è sempre meglio incominciare con una chitarra classica rispetto a un\'acustica, più difficile da padroneggiare per via del manico sottile e le corde più dure.

button-IT

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Yamaha F310 

 

1.Yamaha F310

Chi vuole scoprire qual è la migliore chitarra acustica del 2018, deve assolutamente prendere in considerazione la Yamaha F310. Si tratta di un modello “dreadnought” che è stato lodato dalla maggior parte degli utenti per via della sua eccezionale sonorità. Visto il prezzo più che competitivo a cui viene venduta non ci si attendeva una performance di così alto livello.

Una volta provata, però, si capisce subito come mai è tra le chitarre acustiche Yamaha più vendute: il suono generato dalle corde e dal corpo in abete e meranti è dolce, brillante, metallico ma caldo.

Destinato, in particolare, a un pubblico di principianti o a chi riprende a suonare dopo molto tempo, è uno strumento che non delude le aspettative neanche degli appassionati più esigenti.

Proseguiamo la nostra guida per scegliere la migliore chitarra acustica analizzando pro e contro del modello che più ci ha convinti. Se convincerà anche te, saprai dove acquistare tale prodotto grazie al link più in basso.

Pros
Rapporto qualità/prezzo:

Una delle migliori chitarre per chi voglia iniziare a suonare o riprendere dopo una lunga pausa. Qualità dei materiali più che discreta, attente rifiniture, un bel design sobrio e pulito e una buona facilità d’uso.

Garanzia:

Il fatto che sia la chitarra acustica più venduta nel Regno Unito, nazione molto ricca di tradizione musicale, è già una garanzia sulla qualità del prodotto e sulla bontà della propria scelta.

Morbida:

Per essere suonata al meglio richiederà, come tutte, che si formino i caratteristici “calli” sui polpastrelli della mano. Rispetto a molte altre, però, le corde sono più morbide e si maneggiano con minore sforzo e fatica.

Cons
Difetti di fabbricazione:

Purtroppo, sembra esserci in circolazione un buon numero di pezzi con difetti di fabbricazione. Per fortuna, acquistando online è sempre possibile effettuare il reso gratuito.

button-IT

 

Acquista su Amazon.it (€139)

 

 

 

Come utilizzare una chitarra acustica

 

La scelta di uno strumento versatile e accattivante come una chitarra acustica, ha il merito di avvicinare alla musica, ampliando il modo di esprimersi grazie allo studio e alla pratica costante. Abbiamo qui raccolto alcune linee guida che possono funzionare da faro e indicare le pratiche per un uso corretto e responsabile.  

Controllate manico e corpo della chitarra

La scelta di un modello di chitarra acustica passa anche da un’attenta valutazione delle parti che la vanno a comporre. Vi consigliamo prima e dopo l’acquisto, di verificare se nel manico o nella zona della cassa acustica sono presenti incrinature o piccoli segni di usura.

In entrambi i casi correte subito ai ripari prima che il danno si allarghi.

 

Impugnate il manico comodamente

Il manico è una delle parti principali dello strumento. In unione con la cassa è bene che sia pratico da impugnare e consenta un movimento agile e preciso della mano. Fate attenzione a che le dita non soffrano anche nelle zone in cui sono posizionate le barrette in metallo.

 

Scegliete la chitarra in base alla vostra mano

Sembra ovvio ma non tutti scelgono uno strumento in base alla mano dominante. Nel caso in cui foste mancini è bene indirizzarsi su uno strumento specificamente pensato e realizzato per chi utilizza la mano sinistra per pizzicare le corde e la mano destra per realizzare gli accordi.

 

Proteggete la chitarra

Una chitarra di buona qualità è di solito realizzata in legno, un materiale che per quanto resistente deve essere tenuto nella giusta considerazione. In questo modo avrete la certezza di non compromettere le potenzialità e la capacità dello strumento di suonare al meglio. Vi consigliamo di optare per una custodia, meglio se semirigida così da tenere al sicuro la chitarra a lungo e in ogni situazione.

 

Conoscete le parti dello strumento

Avere chiaro come e di quali componenti è composta una chitarra vi consente di mettervi mano in caso di problematiche e ottenere il meglio in quanto a suono e praticità d’uso.

Tasti rovinati o una accordatura lenta possono distorcere completamente il suono e il tocco che avete sui tasti.

 

Considerate l’acquisto di un accordatore elettronico

Per chi si trova agli inizi e ancora non ha allenato l’orecchio, è indispensabile affidarsi all’aiuto di un accordatore elettronico. Si tratta di uno strumento che, posizionato nelle vicinanze di una corda o fissato in un punto del manico, consente una intonazione rapida e funzionale.

Scegliete una posizione comoda

La scelta del giusto punto dove suonare passa anche da una piacevolezza e familiarità che possono variare da persona a persona. Le prime volte è consigliato stare seduti, poggiando una parte della chitarra sulla gamba opposta al braccio dominante.

 

Scegliete una tecnica di pennata

Nel momento in cui si decide di suonare una chitarra è bene indirizzarsi sul modo migliore per pizzicare le corde. Non si tratta di una scelta definitiva ma è buona norma provare e sgombrare il campo da incertezze e dubbi fin da subito, che si punti su un plettro o a mano libera.

 

 

Ti è piaciuto il nostro articolo? Qui sotto ne puoi trovare altri altrettanto interessanti:

 

Migliore chitarra elettrica

Amplificatore per chitarra

Chitarra per bambini

Chitarra semiacustica

Batteria acustica

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (16 votes, average: 4.63 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.