fbpx

Il miglior piano cottura a induzione

Ultimo aggiornamento: 20.06.19

Piani cottura a induzione – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Per chi non ha tempo di analizzare nel dettaglio i tanti piani sul mercato, raccomandiamo in particolare due modelli: il primo è Bosch PIA611B68J, una piastra a quattro fuochi tecnologicamente avanzata che riconosce automaticamente il diametro della pentola e, nonostante la notevole potenza, è progettato per assicurare un discreto risparmio sui consumi. In alternativa, consigliamo Siemens EH675MV17E che si distingue per la superficie di cottura molto ampia e la funzione boost che serve per far bollire l’acqua più in fretta.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior piano cottura a induzione

 

I piani cottura non sono tutti uguali e l’avanguardia in questo settore è rappresentata dai modelli a induzione, capaci di offrire prestazioni stupefacenti, testimoniate anche dal prezzo, non sempre accessibilissimo.

La tecnologia che sfrutta l’attrazione magnetica tra piano e tegame consente di ottenere gli stessi risultati che nelle tradizionali cucine, ma abbattendo i tempi di cottura e la dispersione di calore.

 

1.Siemens EH675MV17E

 

Guida all’acquisto

 

Innovazione in cucina

Prima di scegliere il tuo prossimo piano cottura, dai una chance ai nuovi modelli che sfruttano il sistema di cottura a induzione. Si tratta di un sistema molto ingegnoso eppure molto semplice che sfrutta il campo magnetico che si crea tra piano cottura e pentola e che produce calore attraverso l’induzione di corrente elettrica direttamente all’interno della pentola.

Solo la pentola si riscalda e trasferisce il calore alla pietanza che contiene, in questo modo evitando dispersioni nell’aria o nello stesso piano cottura che rimane freddo, scongiurando il rischio, comune nei classici piani in vetroceramica, di ustionare mani e oggetti di plastica che inevitabilmente ci finiscono sopra quando ancora roventi.

Se ti limiti a confrontare i prezzi, allora dovrai tenere conto anche della spesa necessaria per dotarti della batteria di pentole e tegami compatibili: per generare il campo magnetico, il loro fondo dovrà essere realizzato con leghe che contengono ferro.

La classifica dei vantaggi si completa con l’evidente risparmio in termini di tempo (e consumo di gas) che si impiega per la preparazione dei piatti da portare a tavola.

 

Dimensioni e numero di fuochi

La recensione dei modelli che più sono piaciuti a noi e ai consumatori è corredata dalla descrizione della capacità dei fuochi su cui si può contare.

È vero che acquistare un modello grande prevede un esborso importante, e che sul mercato esistono anche soluzioni a uno o due fuochi, ma bisogna tenere conto che scegliere un modello tradizionale a quattro fuochi comporta un vantaggio anche per un single abituato a cucinare solo per sé, ma che potrebbe avere bisogno di fuochi ausiliari quando decide di invitare amici a cena o di preparare scorte di cibo pronto per la settimana.

Le misure dei piani a induzione sono quelle standard, pensate per andare a incasso negli scomparti appositi delle cucine, non richiedono dimensioni minime o particolari accortezze al momento dell’assemblaggio se non la presenza di un collegamento alla corrente elettrica che ne consente il funzionamento.

2.Bosch PIA611B68J

 

Potenza necessaria

In questa guida non possiamo trascurare l’evidenza, e cioè che per funzionare questo tipo di piano cottura, anche della migliore marca, necessita di una certa potenza perché quando è in funzione il carico di corrente necessario è notevole.

La normale fornitura elettrica di 3 kW potrebbe non essere sempre sufficiente. Si tratta di un prezzo da pagare per contare sull’innovazione del piano cottura che non scalda ma che è in grado di portare a temperatura adatta in tempi strabilianti.

 

I migliori piani cottura a induzione del 2019

 

Meglio la cottura sul fornello a gas o sul piano a induzione? Bel dilemma, ma se in casa l’allaccio del gas non è così conveniente o non è previsto, meglio optare per una scelta diversa.

Ti suggeriamo come scegliere un buon piano cottura a induzione che si combini al meglio con le tue esigenze e il tuo portafogli.

 

Prodotti raccomandati

 

Bosch PIA611B68J

Principale vantaggio

Il risparmio di GPL e metano, utilizzando un piano cottura a induzione, è netto, e vi permetterà di economizzare non solo in bolletta ma anche dal punto di vista del tempo necessario per la cottura dei cibi, che verrà in molti casi dimezzato.

 

Principale svantaggio

I comandi, secondo alcuni acquirenti, sono troppo piccoli e poco visibili in condizioni di scarsa illuminazione. Poco adatti quindi a persone anziane che potrebbero avere difficoltà nel riconoscimento dei comandi.

 

Verdetto 9.8/10

Acquistare un piano cottura a induzione comporta una spesa iniziale non indifferente, non solo per il prodotto in sé ma anche per pentole e padelle dal momento che quelle vecchie non potrete più utilizzarle. Una volta effettuato il passaggio, però, non vorrete più tornare indietro poiché l’efficienza di questa tecnologia fa risparmiare sui tempi di cottura e anche sui consumi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Risparmio energetico

Chi vuole effettuare il passaggio a un piano cottura a induzione si preoccupa spesso del consumo di energia elettrica che andrà ad aumentare. Tuttavia, bisogna tenere in considerazione alcuni punti fondamentali. Innanzitutto, non utilizzerete più metano o GPL da cucina, abbattendo completamente quel costo. Inoltre, i consumi elettrici non sono uguali per tutti gli elettrodomestici poiché ogni prodotto è dotato di una classe di assorbimento energetico che indica chiaramente i consumi.

Da questo punto di vista il piano a induzione di Bosch è tra i migliori sul mercato dal momento che rientra nella classe di efficienza energetica A, una delle più basse ed economiche.

Considerando questi due punti fondamentali è facile capire come le preoccupazioni siano infondate e la cottura a induzione sia in realtà molto più economica di quanto si pensi e l’unico gravoso impegno economico è quello iniziale che prevede l’acquisto non solo del piano ma anche di pentole e padelle adeguate a questo tipo di tecnologia.

Tempi ridotti

In aggiunta ai consumi bisogna tener conto anche del tempo necessario per cuocere gli alimenti. Un piano a induzione riesce a portare due litri d’acqua a ebollizione circa due volte più velocemente di un piano cottura a gas, permettendo quindi di cuocere prima i propri alimenti e risparmiare ulteriormente non solo sui consumi ma anche sul tempo necessario per la preparazione.

Il piano di Bosch è anche dotato di funzione denominata PowerBoost per ogni zona di cottura, funzione in grado di aggiungere potenza e accelerare ulteriormente il processo di cottura.

Gli utenti che ne beneficiano maggiormente sono quelli che hanno ritmi serrati e coloro che, per esempio, in pausa pranzo tornano a casa per un pasto veloce troveranno la modalità PowerBoost estremamente utile.

 

Semplicità di utilizzo

Infine, non si tratta di strumenti tecnologici estremamente complicati. Il piano di Bosch è dotato, come la maggior parte dei piani a induzione, di controlli touch tramite i quali potrete regolare non solo la potenza riscaldante ma anche altre funzioni interessanti come quella “reStart” che ripristina le impostazioni di cottura precedentemente immesse in caso di spegnimento accidentale, la funzione “QuickStart” per selezionare rapidamente una potenza di cottura base.

L’unica perplessità relativa ai comandi touch, espressa da qualche utente, è la loro scarsa visibilità in condizioni di illuminazione non ottimali. Ricordate quindi di illuminare l’ambiente quando usate il piano cottura.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Siemens EH675MV17E 

 

1.Siemens EH675MV17EInnovativo e dalle linee moderne e minimal ecco a chi abbiamo deciso di attribuire il titolo di miglior piano cottura a induzione del 2019.

Il sistema di cottura permette di abbattere i tempi, e di conseguenza i costi, di cottura, grazie al sistema ottimizzato per riscaldare esclusivamente la base delle pentole predisposte per questo scopo.

La superficie di cottura è davvero ampia e consente una buona autonomia nel decidere dove posizionare pentole e padelle per cucinare più pietanze alla volta senza temere che nulla si rovesci. Le zone di cottura FlexInduction consentono così, la massima flessibilità e versatilità.

Il piano cottura ha un assorbimento elettrico dichiarato di un 1kW, ed è dotato di sistema di rilevamento della pentola per evitare di rimanere in funzione anche quando è libero.

Si governa con facilità dall’area di comando touch, che con la semplice pressione del dito permette di impostare velocità di riscaldamento o la temperatura ideale per la cottura. In definitiva, con le sue funzioni avveniristiche e il design contemporaneo siamo sicuri di non sbagliarci definendolo uno tra i migliori piani cottura a induzione Siemens.

Il piano cottura proposto da Siemens ha già molti ammiratori e raccoglie tanti pareri positivi, per questo motivo trova un posto di rilievo nella nostra classifica. La lista di pro e contro che trovi di seguito ti aiuterà a stabilire se questo sarà il tuo nuovo alleato in cucina.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Bosch PIT645F17E 

 

4.Bosch PIT645F17EEcco un altro piano di cottura firmato Bosch tra i nostri consigli d’acquisto: innovativo e versatile presenta i vantaggi della tecnologia tedesca pur non essendo al momento uno dei più venduti online, probabilmente per via del costo in apparenza proibitivo.

In realtà le funzioni smart di questo piano cottura ci hanno convinti perché ne permettono un uso che si adatta con facilità ai diversi bisogni di una famiglia.

Mantiene in memoria le impostazioni di cottura che si riavviano automaticamente se il piano si spegne durante il funzionamento. Si comanda con facilità e si imposta sulla temperatura ideale selezionando fino a diciassette livelli di potenza, per trovare l’ottimo per la cottura di ogni alimento.

Ogni zona è dotata di funzione turbo per raggiungere in fretta la massima temperatura, oltre a disporre, ciascuna, di timer che arresta la cottura al momento indicato.

Altre funzioni interessanti giustificano il prezzo importante: è possibile visualizzare il consumo elettrico direttamente mentre il piano è in funzione, mentre un indicatore digitale informa se è ancora troppo caldo per essere sfiorato dopo avere ultimato la cottura.

Hai in mente di fare qualche ristrutturazione in casa o hai bisogno di tutti gli accessori della tua nuova cucina? La lista delle principali caratteristiche che trovi di seguito ti aiuterà a capire se questo modello fa al caso tuo.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€528,67)

 

 

 

De’Longhi PIN 60 TC 

 

5.De'Longhi PIN 60 TCAnche De’Longhi propone soluzioni d’alta qualità arricchendo la scelta dei piani cottura disponibili sul mercato. Collochiamo in coda alla classifica uno dei modelli più venduti per via della semplicità delle funzioni e del prezzo più abbordabile.

I quattro fuochi permettono una buona scelta per combinare le diverse stoviglie in base all’uso o alle preparazioni che si intendono fare.

Si comanda con facilità tramite comandi touch posti frontalmente e offre la possibilità di regolare con precisione la temperatura di cottura degli alimenti per evitare che si brucino o che non cuociano abbastanza in fretta.

Il piano in vetroceramica si pulisce in fretta, anche quando i sughi gocciolano sulla piastra incandescente, è sufficiente raschiare con una lametta la superficie senza paura di graffiarla.

Importante il consumo della piastra se i quattro fuochi sono accesi alla massima potenza, arriva a 7,2kW, cosa che può non essere supportata da tutti gli impianti domestici. Ma la piastra permette comunque di regolare la potenza in base al reale bisogno ed è dotata di numerose funzioni che ne rendono facile e piacevole l’uso: dal sistema di sicurezza per i bambini, che blocca l’attivazione dei comandi, al dispositivo di riconoscimento della temperatura che evita il surriscaldamento o la tracimazione dei liquidi dalla pentola.

Non mancano di certo le possibilità di scelta su dove acquistare un piano cottura, ma se hai intenzione di scegliere quello, non soltanto più economico, ma anche vantaggioso in rapporto ai benefici offerti la ricerca potrebbe farsi più complessa. Ti aiutiamo con la comparazione delle caratteristiche essenziali di questa soluzione firmata De’Longhi.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

vidaXL 50096 

 

3.vidaXL 50096Il terzo posto di questa classifica è occupato da un modello “da viaggio”. Si collega direttamente all’alimentazione domestica tramite il cavo che, con facilità, trasforma in cucinino qualsiasi locale, purché dotato di sistema di aerazione da cui far uscire i fumi di cottura. Molte le caratteristiche offerte che invogliano all’acquisto, a cominciare dal prezzo piuttosto allettante e alla facilità d’uso che consente di preparare contemporaneamente più pietanze da portare a tavola velocemente.

La comparazione con i modelli appena visti non regge, chiaramente, si tratta di un modello parecchio più piccolo e che non si può incassare, ma si usa come fosse un qualsiasi elettrodomestico da cucina. In generale chi lo acquista apprezza la limitatezza dei consumi, la potenza massima è di 3,1 kW, che difficilmente si raggiunge perché è quella assorbita da entrambi i fuochi, quello grande e quello piccolo, al massimo della potenza.

Anche in questo caso, la superficie è interamente liscia grazie alla presenza di comandi che si attivano sfiorandoli, cosa che semplifica le operazioni di pulizia di questo piccolo piano.

Non male le caratteristiche del piano cottura vidaXL, non solo per la possibilità di acquistarlo a prezzi bassi, ma per la qualità generale che questo piano cottura in vetroceramica è in grado di assicurare. Lo schematico elenco di pro e contro che lo contraddistingue ti farà da guida per scegliere il migliore piano cottura a induzione.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Bosch PIA611B68J 

 

2.Bosch PIA611B68JHai già fatto una spesa importante scegliendo gli elementi per l’arredo della tua cucina ma quale piano cottura a induzione comprare perché garantisca di invecchiare insieme ai mobili senza subire danni o perdere funzionalità?

Il marchio Bosch è spesso sufficiente per garantire la qualità della fattura: è l’impiego della tecnologia di punta nella fabbricazione di elementi elettrici che rende affidabili i prodotti del marchio tedesco in qualsiasi campo.

Anche questo piano cottura non lascia a desiderare in termini di prestazioni e versatilità. Associa a misure standard, la larghezza è di 60 cm, una buona gestione dello spazio e della disposizione dei piani riscaldanti. Si comanda con facilità tramite sensori tattili dal discreto pannello frontale e permette di regolare l’intensità della temperatura in base al tipo di preparazione o ricetta.

Nonostante la notevole capacità di assorbimento energetico, i quattro fuochi accesi consumano fino a 7 kW, è possibile impostare la funzione eco per ridurre a 1 kW i reali consumi. In generale, un uso ponderato di questo piano cottura permette di contenere la spesa per l’alimentazione e ottenere comunque risultati soddisfacenti per nuclei familiari medio/piccoli.

Bosch propone questa soluzione accattivante e funzionale di cui di seguito riassumiamo le caratteristiche essenziali per facilitarne la comparazione con gli altri modelli di pari fascia e prezzo. Scopri se fa per te.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come usare un piano cottura a induzione

 

Non avete l’allacciamento per il gas e siete stanchi di farvi due piani a piedi con la bombola caricata sulle spalle, senza contare che poi il gas finisce sempre nel momento del bisogno, come se si trattasse di una regola non scritta. C’è una sola soluzione, o meglio, due ma dubitiamo vi alletti l’idea di mangiare panini per tutta la vita. Allora non resta altro da fare che comprare un piano di cottura a induzione.

Servono pentole speciali

Non starete mica pensando di prendere le pentole che fino a ieri avere usato per i fornelli a gas e sperare che funzionino anche sul vostro nuovo piano di cottura a induzione? Se è così ci auguriamo che abbiate letto quanto segue in tempo utile perché per i piani a induzione servono pentole specifiche, costruite per tale scopo. Non si può mettere sul piano acceso un qualsiasi tegame. Inoltre le pentole devono essere di forma circolare e con il fondo liscio.

 

Come pulire il piano cottura

Si sa, quando si cucina, si sporca molto. Vediamo allora come pulire nel modo giusto un piano di cottura a induzione. Innanzitutto in caso sia realizzato in vetroceramica è da bandire qualsiasi prodotto aggressivo. Buoni risultati si ottengono utilizzando il sapone per i piatti, aiutandosi con una spugna non abrasiva oppure con della carta assorbente. Seguendo queste piccole e semplici regole non si correrà il rischio di rovinare il piano cottura.

 

Attenzione alla temperatura

Un piano a induzione raggiunge temperature elevate in tempi brevi e chiaramente più in fretta del fuoco dei fornelli a gas. Quando si lavora con prodotti sensibili alla temperatura, come il burro o il cioccolato, c’è il rischio di bruciarli. Ma tranquilli perché molti modelli hanno l’impostazione per mantenere costante la temperatura, basta selezionarla e non ci saranno problemi.

Cambiare la manualità

Il passaggio da un piano cottura a uno a induzione richiede un certo cambio nella manualità, per esempio si può spadellare o saltare la pasta ma con movimenti diversi da quelli che solitamente si fanno sul fuoco.

 

Sfruttare le varie funzioni

Per sfruttare al meglio un piano cottura, è importante prendere confidenza con tutte le funzioni. Tra le più comuni c’è quella detta Bridge che permette di collegare due zone cottura ottenendo così un’unica area più estesa. Altra funzione interessante è quella detta Chef mode, con il piano cottura che si divide in tre zone, ognuna caratterizzata da una temperatura differente, utile in caso di preparazione di piatti particolari i cui ingredienti richiedano determinate temperature.

La funzione Flexy agisce in modo tale che l’intera superficie si adatti di volta in volta al numero e alle dimensioni delle pentole. Infine, il timer che segnala quando la cottura è ultimata.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quanto consuma un piano di cottura a induzione?

Più che fare una questione di consumi bisogna ragionare sui costi. In linea di principio i consumi di una cucina a induzione sono inferiori a quelli di una a gas ma quest’ultimo costa meno. La cucina a induzione consuma meno perché gestisce meglio l’energia. In pratica il calore generato da una cucina a induzione è concentrato solo sulla pentola e non si disperde. Inoltre i tempi di cottura, rispetto al gas, sono inferiori. Volendo ragionare in termini di rendimento energetico, ovvero, il rapporto tra l’energia fornita e quella assorbita, nel caso del piano a induzione è superiore al 90%.

 

Quali pentole sono adatte al piano di cottura a induzione?

Per i piani a induzione servono pentole realizzate a tale scopo. Queste pentole hanno il fondo alto e ferroso: tali caratteristiche favoriscono il generarsi del campo magnetico necessario all’avvio dell’induzione.

 

Quali sono i pro e contro di un piano di cottura a induzione?

Per quanto riguarda i vantaggi possiamo dire che la cottura del cibo è uniforme e richiede minor tempo rispetto al gas. Tra gli svantaggi c’è il necessario acquisto di pentole speciali e un impianto elettrico sufficientemente potente da evitare che il contatore si stacchi di continuo.

 

Come funziona il piano di cottura a induzione?

Questo tipo di piano cottura funziona grazie a delle bobine che generano delle correnti elettromagnetiche. Queste ultime si attivano nel momento in cui sul piano vengono poggiati materiali ferrosi, pentole nel caso specifico. È interessante notare come il campo elettromagnetico riscaldi le sole pentole (e il loro contenuto) ma non il piano.

 

Come pulire il piano a induzione?

Bisogna rimuovere anche le più piccole macchie subito dopo l’utilizzo del piano per evitare che questa si bruci sulla superficie calda e dopo sia molto più complicato eliminarla. Prima di ogni uso del piano bisogna ricordarsi di togliere la polvere tanto dalla superficie del piano quanto dal fondo delle pentole. Mai utilizzare spugne abrasive e detergenti aggressivi; affidatevi ai detersivi specifici per le superfici in vetroceramica.

 

 

Ti è piaciuto il nostro articolo? Qui sotto ne puoi trovare altri altrettanto interessanti:

 

La migliore telecamera spia

Come scegliere la migliore saldatrice a filo

Scaldasalviette elettrico

Scaldavivande elettrici

 

3
Leave a Reply

avatar
2 Commentare le discussioni
1 Risposte alla discussione
0 Followers
 
I commenti con il maggior numero di reazioni
La discussione più calda
3 Gli autori dei commenti
BuonoedEconomicoSilvanaStefano I più recenti autori dei commenti
  Sottoscrivere  
Il più nuovo Il più vecchio Il più votato
Notifica di
Stefano
Ospite
Stefano

aggiornate i modelli!!

Silvana
Ospite
Silvana

È un modello base il piano cottura a induzione bosch pue611bb1e?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Buongiorno Silvana,

non conosciamo questo modello, magari qualche nostro visitatore può darti delle informazioni…

Saluti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (23 voti, media: 4.70 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status