fbpx

Il miglior termoventilatore da bagno

Ultimo aggiornamento: 19.11.19

 

Termoventilatori da bagno – Consigli d’acquisto, classifica e recensione del 2019

 

Capita spesso, nella stagione più fredda, che uscire dalla doccia sia poco piacevole perché il bagno non ha mai quella gradevole temperatura che renderebbe l’esperienza ben più apprezzabile. Se faticate ad avere un bel tepore in questa stanza, potete pensare di aggiungere un termoventilatore, pensato proprio per essere utilizzato in bagno. In questa pagina faremo un po’ di chiarezza su questi prodotti, spiegandovi la differenza, per esempio, tra quelli con resistenza elettrica o in ceramica, ed entrando nel merito dei motivi per cui sceglierne uno piuttosto che un altro. Dopo avervi chiarito le idee, vi proporremo alcuni modelli come questi due: l’Argo Chic Silver che praticamente potete sfruttare quasi tutto l’anno grazie alla funzione estiva e il Radialight TBSLI003, dal design che ricorda quello di uno scaldasalviette e con dimensioni compatte che ne facilitano la collocazione anche nei bagni non troppo spaziosi.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior termoventilatore da bagno

 

Non tutti dispongono dei termosifoni in casa o almeno non li hanno in tutti gli ambienti. Fare una doccia in inverno può essere poco piacevole, soprattutto quando si chiude l’acqua calda e si esce. Situazione ancora più complicata quando si deve fare il bagnetto al bimbo che oltre a patire il freddo, rischia seriamente di ammalarsi.

Una soluzione può essere rappresentata dal miglior termoventilatore da bagno, basta sistemarlo in prossimità di una presa di corrente e godere di un immediato tepore grazie al quale fare una doccia torna a essere un piacere anche d’inverno. Sul mercato c’è un’ampia scelta, come avrete modo di vedere più avanti quando vi suggeriremo quale termoventilatore da bagno comprare.

 

 

Guida all’acquisto

 

La potenza adeguata

Da qui in poi fondamentalmente cercheremo di rispondere a una domanda precisa: come scegliere un buon termoventilatore da bagno? Innanzitutto bisogna ragionare sulla potenza. Un apparecchio del genere, di solito, va dai 1.800 W ai 2.200 W. Si tratta di una potenza adatta a riscaldare adeguatamente bagni medio grandi. Dovete comunque avere ben chiaro che l’efficacia dei miglior termoventilatori da bagno del 2019 dipende da una serie di fattori: innanzitutto la temperatura esterna e quella interna, l’isolamento delle pareti e naturalmente le dimensioni del bagno.

Soprattutto nel caso di condizioni avverse, conviene accendere il termoventilatore con un certo anticipo rispetto al momento di servirsi del bagno, in questo modo l’ambiente sarà adeguatamente riscaldato ma fate molta attenzione ai consumi perché questi aggeggi sono vampiri di energia elettrica.

 

Temperatura controllata con il termostato

Un modo per avere il bagno caldo ma limitare i consumi è installare un termoventilatore con termostato, che spesso è presente nei modelli dalla migliore marca. Ma cosa fa il termostato? In pratica autoregola avvio e spegnimento allo scopo di mantenere la temperatura costante all’interno del bagno. In questo modo avete un risparmio in bolletta e il bagno caldo.

 

 

Alcune precauzioni

L’installazione di un termoventilatore non è cosa complicata così come il suo utilizzo ma è bene attenersi ad alcune precauzioni utili alla sicurezza. Nulla deve ostacolare il flusso d’aria di conseguenza un termoventilatore non andrebbe mai sistemato dietro una tenda o mobile, anche perché si riduce la sua capacità di riscaldare l’ambiente. Sebbene il termoventilatore vada installato in bagno, è opportuno che si trovi a debita distanza da fonti d’acqua, diciamo almeno 60 centimetri. Evitate di uscire di casa lasciando il termoventilatore acceso allo scopo di fare un bagno al vostro ritorno: quando il termoventilatore è in funzione, è bene che ci sia sempre qualcuno pronto a intervenire.

Non tutti i termoventilatori sono adatti a funzionare in bagno poiché si crea spesso del vapore. Controllate la certificazione IP che nel caso specifico deve essere almeno 21. Ma cosa vuol dire esattamente un grado di protezione IP21? Significa che l’apparecchio è protetto da acqua gocciolante.

 

I migliori termoventilatori da bagno

 

Siamo giunti al momento della nostra classifica. Abbiamo scelto per voi una serie di termoventilatori molto interessanti: per ogni modelli trovate una recensione con la quale cerchiamo di mettere in luce le caratteristiche più interessanti ma anche quelle deludenti. Prima di acquistare non dimenticate di confrontare i prezzi.

 

Prodotti raccomandati:

 

Argo Chic Silver

 

Principale vantaggio:

Il termoventilatore non è utile solo d’inverno per riscaldare il bagno. Quando fa caldo, usando la funzione ventilazione estiva, funziona infatti come un ventilatore.

 

Principale svantaggio:

Non è adatto a riscaldare bagni di dimensioni medie o quantomeno medio – grandi. Molti utenti sono rimasti delusi ritenendolo inadeguato alle loro esigenze.

 

Verdetto 9.6/10

È un termoventilatore molto bello esteticamente che può svolgere egregiamente il suo compito in un bagno di piccole dimensioni e torna utile anche in estate.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Utile tanto d’inverno quanto in estate

Argo propone un termoventilatore con resistenza a ceramica. Presenta due modalità di riscaldamento che sono quella Eco/Comfort e la ventilazione estiva. Soffermiamoci un attimo questa seconda modalità che secondo noi è davvero interessate e non la trovate in qualsiasi ventilatore da bagno. In pratica Chic Silver trova impiego anche in estate perché funziona come un ventilatore.

Quanto al consumo elettrico si va dal minimo di 1.000 W al massimo che è di 2.000 W. Molto utile, secondo noi, il sensore di finestra aperta che però deve essere attivato. Ma cosa fa questo sensore? Rileva la temperatura dell’ambiente, il bagno nel nostro caso, e se questa scende fino a 5/10° il termoventilatore si spegne.

Timer giornaliero e settimanale

Il termoventilatore è dotato di un timer che può funzionare sia su base giornaliera sia settimanale così da decidere l’accensione e lo spegnimento per tutta la settimana e non doversene preoccupare più. Ha il termostato digitale per la regolazione della temperatura e l’oscillazione automatica per una migliore distribuzione del calore. Un dispositivo di sicurezza, poi, funziona in modo tale da prevenire il surriscaldamento.

In pratica l’apparecchio disattiva il motore e gli elementi riscaldanti. Il termoventilatore è gestibile con un telecomando che però ha ricevuto parecchie critiche: lento e poco preciso: bisogna trovare la posizione giusta per farlo funzionare con il termoventilatore. Il display resta acceso ma volendo, basta intervenire sul tasto di accensione/spegnimento per evitare sprechi di energia. Va detto che in questo caso dovrete riprogrammare il termoventilatore una volta riacceso.

 

Ottimo design

Molti utenti hanno ammesso di aver preferito questo modello rispetto ad altri anche per il suo design. In effetti si tratta di un apparecchio bello esteticamente, moderno e abbastanza piatto. Insomma, installato in bagno fa una bella figura. Ma veniamo a qualche lamentela tutt’altro che trascurabile.

Non tutti si sono detti soddisfatti della capacità di riscaldamento, l’Argo Chic va in difficoltà con bagni di medie dimensioni; in molti casi risultati apprezzabili si ottengono impostandolo al massimo della sua potenza con conseguenti ripercussioni sui consumi energetici. I materiali sono di modesta qualità, il telecomando in particolare non è piaciuto e non solo per la poca reattività cui abbiamo fatto cenno nel paragrafo precedente ma anche per la sua qualità costruttiva.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Radialight TBSLI003

 

Quando si parla di termoconvettori a parete solitamente si ci preoccupa dello spazio necessario per il montaggio. Questo modello “made in Italy” si adatta molto bene anche a dei bagni piccoli, date le sue dimensioni ridotte che ti permettono di posizionarlo dove ti è più comodo.

Inoltre, può essere usato anche come appendi asciugamani, quindi può trovare la sua collocazione ideale vicino al lavabo. Sono interessanti le automatizzazioni di questo termoconvettore.

Grazie al suo sensore di rilevamento, si accenderà automaticamente appena una persona entrerà in bagno, inoltre potrà essere impostato per accendersi in determinati orari. Molto utile se al risveglio vuoi trovare il bagno caldo e pronto per poterti fare una doccia rilassante. Dispone di un kit di montaggio viti per permetterti di installarlo facilmente senza l’aiuto di un tecnico.

Chi ha bisogno di un nuovo termoventilatore da bagno e dispone di un buon budget, potrà optare per questo modello di Radialight prodotto in Italia. Nel caso non si sappia dove acquistare l’articolo, si potrà cliccare sul link del negozio. Prima però, consigliamo di leggere quali sono i suoi pro e contro qui di seguito.

Pro
Dimensioni:

Le dimensioni ridotte del prodotto permettono di installarlo senza ingombrare troppo spazio.

Sensore:

Il sensore di movimento si attiverà ogni volta che qualcuno entra in bagno, mettendo automaticamente in funzione il termoventilatore.

Timer:

L’utile funzione del timer permette di impostare l’accensione e lo spegnimento del prodotto.

Installazione:

Il kit di montaggio comprende tutto il necessario per installare il termoventilatore senza l’aiuto del tecnico.

Contro
Prezzo:

Non è il prodotto più economico in circolazione. Chi vuole risparmiare potrà comunque trovare altri termoventilatori a un prezzo più conveniente.

Acquista su Amazon.it (€124,9)

 

 

 

De’Longhi HVA 0220

 

Il termoventilatore De’Longhi ha un buon prezzo; è adatto a chi ne fa un uso sporadico e non vuol spendere troppo denaro. Non è richiesta installazione dunque potenzialmente lo si può sistemare ovunque nella casa. Piccolo, compatto e leggero non avrete alcun problema a spostarlo di volta in volta. Si può scegliere tra due livelli di potenza: 1.000 W e 2.000 W selezionabili con un pulsante.

Peccato non sia possibile scegliere livelli intermedi. Il termoventilatore può andar bene per ambienti piccoli ma è incapace di fornire adeguato calore a quelli medio grandi.

Ha un grado di protezione IP21 dunque non preoccupatevi se si forma vapore in bagno. Non ci sono né il telecomando né il timer.

Pro
Costo:

È certamente una soluzione low cost che fa al caso di chi non ha bisogno di usare con assiduità il termoventilatore.

Niente installazione:

Non necessita di essere installato dunque è possibile trasportarlo da una stanza all’altra a seconda del bisogno.

Piccolo e leggero:

Le sue dimensioni ridotte e il peso leggero ne facilitano il trasporto e l’ubicazione, volendo è possibile portarselo in ufficio.

Contro
Inadeguato per ambienti medio/grandi:

Il termoventilatore mostra tutta la sua inadeguatezza al momento di dover riscaldare ambienti di dimensioni medie.

Livelli di potenza:

Sono due e vanno da un minimo di 1.000 W a un massimo di 2.000 W ma non è possibile sceglierne uno intermedio.

Assenza del timer:

Il termoventilatore non è provvisto di un timer che permetta quantomeno di impostare lo spegnimento.

Acquista su Amazon.it (€19,98)

 

 

 

Rowenta SO9265F0 Mini Excel Eco Safe

 

Dotato di una resistenza a ceramica, grazie alla funzione Eco si possono contenere i consumi. Nello specifico, la temperatura si assesta sui 21 gradi con un livello di potenza di 1.000 W.

Il risparmio stimato è del 50%. Essendo dotato di termostato, si può regolare la temperatura. Il termoventilatore Rowenta dà il meglio di sé in ambienti con dimensioni comprese tra i 15 e 20 metri quadrati. Il design è carino e non c’è bisogno di installarlo. Le dimensioni sono compatte ed è molto leggero.

Veniamo ad alcuni difetti messi in evidenza dagli utenti. Innanzitutto all’accensione si avverte un forte cattivo odore, inoltre molte persone lo giudicano un apparecchio rumoroso nonostante la funzione silenziosa e dunque sconsigliano l’utilizzo di notte.

Pro
Efficace:

Riscalda adeguatamente gli ambienti a patto che questi non superino i 20 metri quadrati, limite spiegato con chiarezza dal produttore.

Funzione eco:

Grazie alla funzione eco la temperatura si imposta su 21 gradi centigradi, cosa che consente un risparmio energetico pari al 50%.

Compatto:

È un apparecchio che si fa apprezzare per le sue dimensioni, essendo compatto e leggero non ci sono problemi a trasportarlo.

Contro
Cattivo odore:

Molti clienti si lamentano per il cattivo odore emanato dal termoventilatore una volta che viene messo in funzione.

Rumoroso:

Sebbene sia dotato della funzione silenziosa, diversi acquirenti lo ritengono troppo rumoroso al punto da sconsigliarne l’uso durante le ore di sonno.

Costo:

Rispetto ad altri termoventilatori portatili, quello di Rowenta ha un costo maggiore dunque pensateci bene se meriti l’esborso di denaro richiesto.

Acquista su Amazon.it (€43,99)

 

 

 

Rowenta SO6510 Instant Comfort

 

Il termoventilatore Rowenta ha deluso ben poche persone e dobbiamo dire che è abbastanza efficace nel riscaldare ambienti non troppo grandi (20-25 metri quadrati). In un bagno è perfetto, anche perché ha la certificazione IP21 dunque non preoccupatevi di fare tanto vapore, non ci saranno conseguenze per il dispositivo. Ottima la potenza, che va da un valore minimo di 1.200 W a un massimo di 2.400 W.

Per un uso prolungato c’è la funzione eco, così da limitare i consumi. Gli utenti in possesso di questo modello dicono che è abbastanza silenzioso quando è in funzione.

Oltre a riscaldare uniformemente l’ambiente, questo Instant Comfort di Rowenta ha anche la ventilazione fredda. Segnaliamo l’assenza di un timer, inoltre non ci convince la posizione della maniglia che secondo noi è poco comoda.

Pro
Efficace nel riscaldare:

Il termoventilatore non delude per la sua capacità di riscaldamento: fino ad ambienti da 25 metri quadrati non ci sono problemi.

Potente:

Ha una buona potenza, può spingersi fino a 2.400 W per riscaldare velocemente uniformemente l’ambiente.

Resistente al vapore:

Anche se fate docce molto calde, con conseguente vapore in abbondanza, il termoventilatore non avrà problemi in quanto ha un grado di protezione IP21.

Contro
Manca il timer:

Questo modello non è provvisto di un timer per l’accensione e lo spegnimento, La sua assenza ha contrariato diverse persone.

Posizione della maniglia:

Non ci ha convinto la scelta di posizionare la maniglia sul retro: sarà anche un bene per il design ma è una soluzione poco comoda.

Prezzo:

Pur non avendo un costo inaccessibile, va detto che rispetto ad altri modelli di pari potenza costa qualcosina in più.

Acquista su Amazon.it (€44,49)

 

 

 

Come utilizzare il termoventilatore da bagno

 

Se non avete altri dispositivi di riscaldamento in casa, potete fare ricorso a un termoventilatore. Questo torna molto utile in bagno ma non solo. Vogliamo condividere con voi alcuni consigli che possano aiutarvi a usare al meglio il vostro termoventilatore.

 

 

L’installazione a parete

Se avete la sola esigenza di riscaldare il bagno, vi conviene prendere un termoventilatore da parete. L’installazione non è complicata: vediamo come procedere. Marcate i punti da forare con il trapano prestando attenzione a non essere troppo lontani della presa della corrente. Aiutatevi con un metro per la distanza esatta e con una livella per evitare di ritrovarvi con il termoventilatore inclinato.

Trapanate e inserite i fisher, poi stringete le viti lasciandone fuori di 3/5 mm. Spingete il termoventilatore contro il muro accertandovi di far coincidere i fori sul retro dell’apparecchio con le viti, poi, un volta a contatto con la parete, spingete il termoventilatore leggermente verso il basso.

 

Pulizia

Per eseguire la pulizia, staccate la spina e, se usato da poco l’apparecchio, attendete che si raffreddi. Per rimuovere polvere e sporco dalla parte esterna, usate un panno umido. Prima di riutilizzare il termoventilatore attendete che sia completamente asciutto. Accertatevi che all’interno non entri acqua. Non usate solventi e detersivi. La pulizia delle griglie di entrata e uscita dell’aria va fatta con un aspirapolvere.

 

 

Occhio ai consumi

I termoventilatori sono dispositivi che consumano abbastanza, un uso eccessivo comporta una bolletta parecchio salata. Usatelo solo lo stretto necessario, meglio averne uno solo in bagno mentre per riscaldare altri ambienti conviene ricorrere a una stufa a gas se non si hanno i termosifoni. Se usate il termoventilatore mentre fate la doccia, che sua breve così oltre a risparmiare elettricità, risparmiate anche acqua. Non montatelo dietro ostacoli o la sua capacità di riscaldare sarà limitata e sprecherete energia senza riscaldare adeguatamente l’ambiente.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

ARGO-WALLY

 

Questo modello si è guadagnato il primo posto nella nostra classifica dei migliori termoventilatori da bagno del 2019 grazie al suo design elegante e alla sua resistenza in ceramica. Sarà un vero piacere averlo in bagno e anche i tuoi ospiti potranno rimanere colpiti dalle belle finiture in argento metallizzato e argento spazzolato.

La rifinitura in ceramica fa in modo che l’ambiente rimanga riscaldato più a lungo, limitando inoltre i costi della bolletta a fine mese usando la modalità ECO. Gli utenti sono rimasti soddisfatti dalla rapidità con la quale questo termoventilatore riesce a scaldare anche un bagno dal soffitto molto alto.

In dotazione troverai anche un telecomando a infrarossi con il quale potrai settare il prodotto che riporterà le informazioni su un display LCD.

I pareri degli utenti confermano l’ottima qualità del prodotto unita ad un prezzo molto conveniente che lo rende adatto a tutte le tasche. Vediamo adesso quali sono le sue caratteristiche positive e negative.

Pro
Design:

La rifinitura in ceramica del prodotto gli dona un aspetto elegante che permette di installarlo anche in un bagno dal design raffinato.

Ceramica:

Non sono solo estetici i vantaggi apportati dalla ceramica, ma anche pratici. Grazie a questo rivestimento, il termoventilatore sarà molto resistente e inoltre riuscirà a tenere calda una stanza più a lungo.

ECO:

Questa modalità permette di limitare i costi della bolletta quando si utilizza il termoventilatore per molte ore.

Telecomando:

Si troverà un pratico telecomando in dotazione, ideale per gestire le funzioni del prodotto a distanza.

Contro
Timer:

Alcuni consumatori avrebbero gradito un timer per programmare l’accensione e lo spegnimento del prodotto.

 

 

Termoventilatore CES 5000

 

Se vuoi migliorare la tua qualità della vita mattutina quando vai al bagno ma non hai intenzione di spendere troppo, allora potresti optare per questo modello. Il suo vantaggio è di avere la protezione IP24 contro gli schizzi d’acqua, per questo non dovrai preoccuparti di montarlo vicino alla doccia o al lavabo.

A livello di materiali, non ha proprio niente da invidiare ai modelli migliori dato che la sua scocca fatta in metallo gli permette di resistere a eventuali urti e di durare nel tempo. I consumatori sono rimasti soddisfatti dal calore emesso dal prodotto, anche se avrebbero preferito un interruttore per spegnerlo o accenderlo.

Infatti sembra che il termoventilatore richieda di impostare una temperatura e quando la raggiunge si spegne automaticamente. Un po’ scomodo perché se si ci dimentica di portare la temperatura a zero si rischia di lasciarlo acceso, gravando così sui costi di fine mese.

Si tratta di un termoventilatore molto economico e dal design essenziale, ideale per chi ha bisogno di regolare la temperatura del proprio bagno a livello ottimale, specialmente durante le stagioni più fredde. Concludiamo la recensione con la nostra consueta rassegna dei pro e contro del prodotto.

Pro
IP24:

Il termoventilatore è resistente agli schizzi d’acqua, così lo si potrà installare vicino alla doccia o al lavabo senza preoccuparsi di rovinarlo.

Materiali:

La scocca in metallo garantisce al prodotto una buona resistenza agli urti e durata nel tempo.

Prezzo:

L’articolo potrà essere acquistato a un prezzo davvero conveniente.

Contro
Interruttore:

Manca l’interruttore per accendere e spegnere il termoventilatore. Sarà possibile solo impostare la temperatura, quindi occorrerà ricordarsi di abbassarla tutta per evitare di ricevere una bolletta della luce salata.

Design:

Il look molto spartano del prodotto lo rende poco adatto a bagni arredati con un certo stile.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Come scegliere i migliori termoventilatori da bagno del 2019?

 

Il riscaldamento casalingo non è sufficiente a rendere il bagno di casa più accogliente prima di una doccia la mattina o la sera? Allora un termoventilatore da bagno è proprio quello che fa al caso tuo. Dai un’occhiata ai modelli a basso costo proposti in questa classifica per trovare quello giusto per le tue esigenze.

A nessuno piace uscire dal letto ed entrare in un bagno dove la temperatura è paragonabile a quella di una caverna. Purtroppo a volte il riscaldamento di una casa non basta a tenere in caldo tutte le stanze, o magari per risparmiare si tende a tenerlo spento facendo qualche sacrificio. Però perché non trattarsi un po’ meglio? Con un termoventilatore potrai tornare a fare i tuoi bagni o le tue docce in pieno relax, riscaldando a modo la stanza senza dover spendere un patrimonio.

Devi sapere che sul mercato esistono due tipi di termoventilatori: quelli con resistenza in ceramica e quelli con resistenza elettrica. I primi riescono a trasmettere il calore in modo più uniforme attraverso la ventola, inoltre hanno anche un consumo energetico ridotto grazie alla ceramica che si raffredda più lentamente. Questi ovviamente hanno un prezzo un po’ più alto rispetto ai modelli elettrici che, sebbene riescano comunque a riscaldare efficacemente l’ambiente, sono meno performanti.

Per quanto riguarda dimensioni e montaggio, alcuni termoconvettori vanno installati a parete e sono di media grandezza. Quindi ti consigliamo di valutare bene di quanto spazio disponi nel tuo bagno prima di procedere all’acquisto. In caso tu non voglia fare nessun tipo di montaggio complicato o spendere dei soldi in più per chiamare un tecnico, potrai sempre optare per un pratico modello da poggiare sul pavimento.

Come una vera e propria stufa portatile, questa tipologia di termoconvettori potrà essere spostata comodamente da una parte all’altra della casa per riscaldare la stanza dove vuoi rilassarti o dove magari ci sono degli ospiti. Conta che questi modelli sono di dimensioni più ridotte rispetto a quelli da installare a muro e hanno la ventola un po’ rumorosa.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (77 voti, media: 4.79 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status