fbpx

Cosa sono i raffrescatori evaporativi? Conviene comprarli?

Ultimo aggiornamento: 14.11.19

 

 

Se non avete modo di installare in casa un climatizzatore, abbiamo una soluzione alternativa, anche se non ugualmente efficace: scopriamo di cosa si tratta.

 

Fa caldo vero? Eh sì l’estate diventa sempre più insopportabile con le temperature da bollino rosso. In alcune zone d’Italia si arrivano a toccare i 40 gradi e in alcuni casi superare addirittura questa soglia che già di per sé è critica. Aggiungiamo poi il tasso di umidità che fa aumentare il caldo percepito e il quadro è completo. Sfuggire all’afa per quanti sono impossibilitati a viaggiare in direzione di luoghi più freschi non è semplice. 

Bisogna attrezzarsi come si può per difendersi dal caldo. Il condizionatore è quanto di meglio la tecnologia ha da offrici e non è strettamente necessario rovinare la facciata del palazzo oppure occupare spazio sul balcone perché si può ricorrere a dei buoni climatizzatori senza unità esterna venduti online. Certo, questi oggetti costano, in alcuni casi anche parecchio e non tutti possono affrontare tale spesa.

Poi ne servirebbe uno per stanza nel caso si scelga un modello a muro. Se non avete le possibilità economiche per comprare uno o più condizionatori o magari non potete eseguire fori nel muro perché magari la casa non è vostra e siete in affitto, cosa vi resta? Il classico ventilatore che però fa poco e nulla poiché in fin dei conti sposa l’aria che se è calda, tale rimane, e il raffrescatore evaporativo.

 

Il funzionamento

È chiaro che il confronto tra un condizionatore e un raffrescatre è improponibile. Il primo vince senza dubbio, non c’è partita. Ma se a sfidarsi fossero il raffrescatore e il ventilatore? In questo caso sarebbe il raffrescatore spuntarla. Lo abbiamo detto poc’anzi: il ventilatore sposta l’aria, non la raffredda. Il raffrescatore evaporativo fa qualcosa di più: sposta l’aria e immette acqua nebulizzata, magari rinfrescata con ghiaccio. 

Ma cerchiamo di capire un attimo come avviene tutta l’operazione che si conclude con l’emissione di aria rinfrescata. L’aria viene aspirata e poi fatta passare attraverso un pannello evaporativo che si mantiene umido grazie all’acqua, al ghiaccio oppure a entrambi; successivamente l’aria viene rimessa in circolo ma più fresca. 

Abbiamo più volte rimarcato l’improponibilità di un confronto con il climatizzatore (ecco la lista dei migliori prodotti) e quanto stiamo per dirvi marcherà ulteriormente il divario. Un raffrescatore va bene spazio piccoli e per goderne degli effetti è bene non stare troppo lontano. Vero, molti locali pubblici li usano per allietare i clienti, soprattutto negli spazi all’aperto ma si tratta di raffrescatori molto grnadi che non sono adatti a un uso domestico; spesso sono direttamente collegati all’impianto idrico.

 

 

Cosa dicono i detrattori

I detrattori non mancano mai. In questo caso chi sconsiglia il raffrescatore afferma che aumenta il livello di umidità nell’aria e dunque il calore percepito, Beh, se così fosse davvero, l’inventore avrebbe toppato alla grande e non si capirebbe perché si continua a commercializzare elettrodomestici con un così grave ed evidente difetto. In realtà tali critiche non hanno fondamento e vi spieghiamo subito il perché. È vero che viene immessa acqua nell’aria ma questa è nebulizzata, le particelle sono infinitamente piccole: sono molecole raffreddate. Tale caratteristica non consente il formarsi dell’umidità nell’aria.

 

I vantaggi del raffrescatore

Dunque, conviene comprare un raffrescatore? Per rispondere alla domanda proviamo a capire quali sono i suoi vantaggi. Cosa poco, decisamente meno del condizionatore più economico che possiate trovare e rispetto a quest’ultimo i consumi sono di gran lunga inferiori. Dunque è una soluzione low cost.

L’aria prodotto è fresca, naturale e non comporta rischi per la salute. È ecosostenibile; non inquina poiché impiega solo acqua e ghiaccio; non contribuisce all’aumento della temperatura globale. È pratico, non va installato (fatto salvo quelli usati dagli esercizi pubblici per rinfrescare i clienti). Si sposta da una parte all’altra della casa, senza fatica o affanno. La manutenzione è minima: basta pulire di tanto in tanto i filtri.

 

Gli svantaggi

Non sarebbe corretto mostrare solo la faccia di una medaglia. Vanno sempre valutati pro e contro e dunque vi segnaliamo quelli che secondo noi sono gli svantaggi di un raffrescatore. Innanzitutto non abbassa significativamente la temperatura all’interno della stanza. La sua portata è limitata, nella maggior parte dei casi bisogna restare a pochissimi metri di distanza per avvertire il fresco. Bisogna riempire il serbatoio di acqua e se questo non è molto capiente, l’operazione andrà eseguita più volte al giorno.

 

 

Conclusioni

Alla luce di quanto detto fino a ora è nostra opinione che comprare un raffrescatore evaporativo ha la sua convenienza. È forse l’unica valida alternativa a quanti per un motivo o per un altro non possono comprare un climatizzatore d’aria che, è bene ribadirlo, è sempre preferibile fin quando è possibile.

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status