Il miglior climatizzatore

Ultimo aggiornamento: 25.05.20
0 0 vote
Article Rating

Climatizzatori – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2020

 

Per scegliere il giusto climatizzatore e non sbagliare investimento bisogna considerare la tipologia di elettrodomestico, fisso o portatile, la potenza necessaria per raffreddare efficacemente, la presenza della pompa di calore. Ti consigliamo quelli che sono per noi i due migliori modelli tra tutti quelli che abbiamo analizzato: uno è Hisense NEW ECO EASY 12000 TE35YD01 che integra diverse funzioni innovative, è da 12.000 BTU (va bene fino a 30 m²) e ha un prezzo molto interessante; l’altro è Samsung AR12FSFTKWQNET, anch’esso da 12.000 BTU e molto apprezzato dai consumatori. Entrambi sono inverter, hanno la pompa di calore, il timer, il telecomando e la funzione di deumidificazione.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior climatizzatore

 

Il caldo e l’umidità delle nostre città ormai non lasciano scampo e per correre ai ripari pensiamo che sia utile una guida come questa in grado di aiutare a decidere quale climatizzatore scegliere sul mercato per combattere l’afa in estate ma anche per riscaldare gli ambienti in inverno grazie alla pompa di calore.

Guida all’acquisto

 

BTU/Consumo

Il primo aspetto da valutare per scegliere quello che è il miglior climatizzatore sul mercato in base alle proprie esigenze è la potenza che deve possedere per raffreddare/riscaldare in maniera soddisfacente l’ambiente desiderato.

Tale potenza viene indicata in BTU (British Thermal Unit) e il numero più o meno elevato di BTU che ha ogni climatizzatore è in grado di raffreddare/riscaldare un ambiente più o meno grande. Bisogna, quindi, preliminarmente sapere quanti metri cubi misura lo spazio da climatizzare e, anzi, esistono delle formule (oggi anche delle app) per calcolare nel modo più preciso possibile il totale dei BTU necessari in base allo spazio interessato.

La resa dipende anche da fattori esterni: essa sarà minore nel raffreddare in estate quanto maggiore sarà il caldo esterno e viceversa in inverno.

Strettamente legato alla potenza è, chiaramente, il consumo di energia. Da questo punto di vista, sempre più consumatori sono interessati ai condizionatori con inverter, dispositivo che consente di calibrare in maniera più efficiente la potenza fornita evitando che il motore della macchina si accenda e spenga in continuazione (come nei modelli on/off) consentendo un risparmio di energia.

A questo proposito, è di tutta evidenza che i potenziali acquirenti siano interessati alla classe di efficienza energetica che va da A+++ a D indicata obbligatoriamente in etichetta.

Molto gettonati sono in particolare i climatizzatori inverter da 9000 BTU perché si tratta della potenza necessaria per un locale medio standard.

 

Tipologia

In base alle proprie specifiche esigenze e in base anche al particolare ambiente in cui si vive o si lavora, diventa importante valutare anche la tipologia del condizionatore da comprare. Il modello fisso, per esempio, è quello che ha la resa maggiore, è il più silenzioso perché il motore è collocato fuori e a questa unità esterna si possono collegare uno o anche più split interni. L’ultima frontiera è rappresentata dai condizionatori che, in realtà, non presentano più l’unità esterna.

Il modello portatile non ha bisogno di installazione, è più economico e pratico perché, grazie alle rotelle, può essere trasportato facilmente per raffreddare ogni ambiente solo nel momento in cui se ne ha effettivamente bisogno. Chi ha esigenza anche di riscaldamento deve considerare che non tutti hanno la pompa di calore.

Una via di mezzo è rappresentata dal modello monoblocco a finestra che può essere usato temporaneamente appoggiandolo sul davanzale oppure in maniera permanente fissandolo alla parete o alla finestra.

Silenziosità

Per stilare la propria personale classifica dei migliori climatizzatori c’è chi confronta prezzi, potenza o consumo, ma ci sono anche potenziali acquirenti particolarmente interessati alla sua maggiore o minore rumorosità. Quest’ultima diventa un fattore importante, per esempio, durante la notte, quando si guarda la TV oppure in alcuni luoghi di lavoro o ambienti dove il silenzio è necessario.

In generale, una bassa rumorosità giova al benessere della persona. Per un livello accettabile di rumore bisogna scendere sotto i 30 dB mentre sopra i 65 dB la macchina risulta troppo fastidiosa.

La climatizzazione ha fatto passi da gigante negli ultimi tempi e oggi esistono macchine che lavorano tranquillamente intorno ai 20 dB.

 

Conclusioni

Una guida che illustri le varie caratteristiche più importanti dell’elettrodomestico aiuta, quindi, a scegliere la migliore marca di climatizzatori per le proprie specifiche esigenze perché spiega la potenza, i BTU, il consumo, la tipologia dei diversi climatizzatori. Di seguito una breve recensione di quelli che sono per noi i migliori modelli del 2020.

Volete accendere/spegnere il vostro climatizzatore o qualche altro elettrodomestico da decine di metri di distanza senza alzarvi dalla poltrona? Allora vi serve una buona presa con telecomando. Scoprite di cosa si tratta!

 

I migliori climatizzatori del 2020

 

Il caldo è irresistibile, così man mano che la giornata si infittisce di impegni e appuntamenti, la nostra energia si affievolisce. Entrando in un locale climatizzato proviamo quel sollievo tipico di certi luoghi accoglienti e confortevoli. E così vorremmo fosse la nostra casa quando cerchiamo di scampare all’afa torrida delle ore di punta.

Abbiamo scelto una rosa di prodotti, per aiutarvi nella comparazione tra i migliori climatizzatori venduti online, i nostri consigli d’acquisto vogliono semplificare la scelta tra le diverse offerte.

 

Prodotti raccomandati

 

Hisense NEW ECO EASY 12000 TE35YD01

Principale vantaggio:

Si tratta di un modello tecnologicamente avanzato che integra diverse funzioni interessanti come Super Cooling per abbassare subito la temperatura della stanza, o iFeel, per rilevare con più precisione la temperatura grazie al sensore posto non sullo split ma sul telecomando.

 

Principale svantaggio:

Come accade sempre, gli accessori necessari per il montaggio: cavi, scarico, ecc. vanno acquistati a parte perché non sono inclusi. Il gas refrigerante invece c’è.

 

Verdetto 9.8/10

Questo è un climatizzatore inverter che, rispetto ai modelli On/Off assicura minore rumorosità (56 dB dichiarati), minore usura del motore, maggiore risparmio energetico. La classe di efficienza in raffreddamento è A++. Il climatizzatore Hisense ha la pompa di calore, la funzione deumidificazione, ventilazione e il timer.

Acquista su Amazon.it (€355)

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Inverter

Un climatizzatore moderno come questo che abbiamo inserito al primo posto della nostra classifica non può non integrare la tecnologia inverter, tutta un’altra storia rispetto ai modelli On/Off. Vediamo in breve qual è la differenza tra le due tipologie.

I climatizzatori On/Off si spengono non appena viene raggiunta la temperatura impostata e si riaccendono quando questa viene di nuovo superata.

I modelli inverter, invece, regolano in maniera automatica e costante la temperatura, per cui evitano che il motore si accenda e si spenga tutte le volte: di fatto, non si spengono mai. Il vantaggio per l’utente è una maggiore silenziosità, una maggiore durata delle componenti elettriche che sono meno sollecitate e una migliore efficienza generale.
Altri due benefìci che si ottengono grazie al dispositivo inverter sono il raggiungimento della temperatura desiderata in maniera più rapida, e i consumi energetici che si riducono sensibilmente rispetto agli altri modelli.

Funzioni

Oltre al sistema inverter, il climatizzatore Hisense possiede anche le funzioni che non possono mancare in un buon modello, a cominciare dalla presenza della pompa di calore. Questo significa che lo si potrà utilizzare non solo in estate per rinfrescare, ma anche in inverno per riscaldare, l’ideale per ambienti privi di sistemi di riscaldamento.

Il climatizzatore può essere utilizzato anche solo come deumidificatore: a volte il caldo opprimente non dipende solo dalla temperatura ma dal grado di umidità. Attivando la sola funzione di deumidificazione, spesso i risultati sono sorprendenti.

Un’altra funzione presente è la ventilazione, meno potente delle altre ma utile quando il caldo è ancora sopportabile: consente di fare a meno del ventilatore che, altrimenti, andrebbe comprato a parte.

Naturalmente non manca il timer, fondamentale per trovare l’ambiente alla temperatura desiderata al proprio rientro, e il telecomando per controllare tutte queste funzioni.

I climatizzatori Hisense hanno anche un sistema di autodiagnosi in tempo reale che segnala eventuali malfunzionamenti, e la protezione in caso di sovraccarico che disattiva l’elettrodomestico.

 

Prestazioni

Questo modello ha 12.000 BTU, il che significa che va bene tranquillamente per un ambiente di 25 m², ma può arrivare anche a 30 m²: molto dipende da fattori quali l’altezza del soffitto e l’esposizione al sole.

Tra i vantaggi più significativi che offre questo climatizzatore c’è il risparmio energetico certificato dalla classe di efficienza A++ in raffreddamento e A+ in riscaldamento: su una scala che va da A+++ a D non è niente male.

Per quanto riguarda la silenziosità, i dB dichiarati (potenza sonora massima per l’unità interna) sono 56, anche qui niente male.

Di questo modello vanno ricordate alcune funzioni speciali: iFeel, che permette di rilevare la temperatura dell’ambiente in maniera più precisa grazie all’uso del sensore del telecomando e non di quello della macchina, utile soprattutto in inverno.

La funzione antigelo fa attivare il climatizzatore quando la temperatura scende al di sotto di 8°, mentre Super Cooling serve per raffreddare la stanza molto rapidamente.

 

Acquista su Amazon.it (€355)

 

 

 

Samsung Inverter AR12FSFTKWQNET 

 

2.Samsung Inverter AR12FSFTKWQNETSamsung propone una linea di climatizzatori a parete adatti all’uso domestico e per refrigerare ambienti di dimensioni contenute, caratterizzata dai ridotti consumi grazie alla tecnologia impiegata.

Tra i climatizzatori Samsung più venduti, troviamo la serie Boracay dotata di sistema Inverter. Questo innovativo metodo di refrigerazione consente un uso intelligente e ponderato delle risorse, pur con prestazioni eccellenti. A differenza dei classici modelli on/off che, detta in soldoni, si “staccano” appena raggiunta la temperatura ottimale, il metodo Inverter permette di modulare la potenza della macchina, erogando l’aria grazie al flusso a potenza variabile, e così rispondendo alle reali necessità di refrigerazione della stanza.

Il climatizzatore è dotato anche di speciali filtri HD 80 e HD 60, che riescono a trattenere buona parte delle particelle in sospensione nell’aria, l’ideale per sanificare l’ambiente dove vivono soggetti allergici o con difficoltà respiratorie. Un altro aspetto pensato per migliorare la qualità dell’aria del locale, è la caratteristica di questo apparecchio di autopulirsi, cioè di rimuovere l’umidità formata dalla condensa all’interno dell’impianto, responsabile della proliferazione di muffe e batteri che altrimenti verrebbero immessi nell’ambiente.

All’interno della nostra guida per scegliere il migliore condizionatore, grande peso ha l’elenco dei pregi e dei difetti di ciascun modello preso in esame. Vediamo di seguito come se l’è cavata questo prodotto della Samsung.

button-IT

 

Acquista su Amazon.it (€439)

 

 

 

De’Longhi PAC AN112 Silent 

 

4.De'Longhi PAC AN112 SilentAnche De’Longhi propone un articolo interessante che merita di entrare nella nostra classifica dei più performanti dell’anno. Si tratta di un modello a istallazione libera, si sposta e colloca dove serve senza necessitare interventi murari di fissaggio alla parete, chiaramente la potenza refrigerante è media.

Media ma non bassa, si tratta di 11.000 BTU dichiarati dal fabbricante e confermati da chi l’ha acquistato. Colpisce soprattutto per l’efficienza energetica e l’appartenenza alla classe A+ con consumi davvero contenuti.

Il Pinguino De’Longhi non è un modello recente, ma ha una storia e uno stuolo di estimatori che nel corso degli anni hanno confermato la loro preferenza. Oggi il climatizzatore ha un design elegante e raffinato e si adatta bene a tutti gli ambienti, domestici come professionali.

Funziona anche come deumidificatore con una potenza di 1,2 litri l’ora, ma non funziona anche da elemento riscaldante.

Non è silenziosissimo, ma si tratta comunque di una soglia di rumore tollerabile, la massima infatti arriva a 63 decibel.

Queste le caratteristiche principali dell’elegante climatizzatore portatile, vediamo in dettaglio quali vantaggi o svantaggi offre ai suoi acquirenti.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

 Mitsubishi Electric MSz-HR35VF Climatizzatore Parete

 

Considerato uno dei migliori climatizzatori di quest’anno, il modello di Mitsubishi si presenta con performance elevate ad un prezzo abbastanza conveniente. Sfruttando un sistema DC inverter il dispositivo è in grado di raggiungere la temperatura richiesta in pochissimo tempo, mantenendola stabile ed evitando sbalzi che possono nuocere alla salute.  

Questo tipo di tecnologia inoltre consente di ridurre notevolmente i consumi elettrici, in quanto sfrutta un controllo elettronico della tensione. La classe energetica A++ in raffreddamento e A+ in riscaldamento contribuiscono ad ammortizzare i costi di utilizzo del climatizzatore. Per quanto riguarda la potenza, il prodotto arriva a 12.000 BTU, più che sufficienti per un ambiente di medie dimensioni. 

Non manca la possibilità di controllare il climatizzatore tramite Wi-Fi utilizzando dispositivi portatili come smartphone, tablet o PC. Concludiamo la nostra recensione con la tabella che mette a confronto i pregi e i difetti del prodotto.

Pro
Inverter:

Il controllo elettrico della tensione permette al climatizzatore di sfruttare l’energia in modo ottimale, ammortizzando notevolmente i consumi e aumentando le performance.

Classe energetica:

Elevata sia per il raffreddamento (A++) sia per il riscaldamento (A+) per una buona ammortizzazione dei costi di utilizzo.

Potente:

Con 12.000 BTU sarà possibile rinfrescare o riscaldare una stanza o un salotto di medie dimensioni con efficacia.

Wi-Fi:

Usando l’app Mel Cloud sarà possibile usare uno smartphone, un tablet o un PC per poter controllare il climatizzatore a distanza.

Contro
Niente display:

Il climatizzatore non ne è provvisto, mentre quello del telecomando è difficile da leggere.

 

Acquista su Amazon.it (€576,92)

 

 

 

Argo Ecowall 9 Climatizzatore Fisso, DC Inverter 9000 BTU

 

Non è il climatizzatore più potente sulla piazza ma se volete risparmiare il più possibile potete puntare su questo Argo, che si presenta con un prezzo molto interessante. È stato progettato sfruttando la tecnologia inverter, quindi potrà regolare automaticamente il flusso energetico, ammortizzando i consumi aumentando allo stesso tempo la longevità dei componenti interni che non subiranno sbalzi improvvisi di tensione. 

La classe energetica A++ per il raffreddamento e A+ per il riscaldamento permettono di utilizzare il climatizzatore in modo intensivo, una buona soluzione per un ufficio. Il modello si rivela anche molto silenzioso, quindi sarà possibile tenerlo acceso durante la notte senza venire disturbati dal rumore eccessivo. 

Le molteplici funzioni del prodotto permettono di gestirlo al meglio, tra queste troviamo ‘memory’ che mantiene le impostazioni anche in caso di blackout e quella ‘Sleep’ in grado di regolare automaticamente la temperatura in base all’ambiente e a quella corporea delle persone nella stanza.

Pro
Consumi:

La tecnologia inverter unita ad una classe energetica elevata permettono di ammortizzare notevolmente sui consumi e usare il climatizzatore in modo intensivo.

Funzioni:

Il climatizzatore dispone di molte impostazioni utili per garantire un flusso di temperatura costante anche durante la notte o quando si schiaccia un pisolino.

Gas R32:

Il prodotto è conforme alle normative dell’unione europea sulla riduzione dell’impatto ambientale.

Contro
Poco potente:

9.000 BTU sono sufficienti solo per un ambiente di pochi metri quadri. È possibile scegliere un modello della stessa marca più performante ma a un costo di vendita più alto.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un climatizzatore

 

Nella scelta di un climatizzatore da installare in casa, un ruolo fondamentale è svolto dalla comprensione del migliore utilizzo di un prodotto che torna utile non solo in estate ma anche durante i mesi invernali. Di seguito alcune note pensate per chi ha deciso di acquistarne uno ma non ne conosce uso e manutenzione.

Scegliete il modello che fa al caso vostro

Il primo consiglio che ci sentiamo di darvi suona più come una necessaria premessa: esistono in commercio climatizzatori fissi e mobili, per cui capite bene la vostra esigenza e indirizzatevi su un prodotto da collocare in modo permanente in una zona della casa, oppure dotato di ruote così da essere spostato da un ambiente all’altro.

 

Preferite un utilizzo parsimonioso

Il consumo in termini di spesa elettrica richiesto da un climatizzatore incide in maniera sostanziosa sul budget mensile. Pianificate quanto possibile accensione e spegnimento, seguendo le reali necessità degli occupanti della casa, in modo da non lasciarlo in funzione quando nessuno beneficia dell’azione rinfrescante.

 

Raccogliete l’acqua

Tutti i dispositivi tendono a scaricare l’acqua che si condensa. Preparate una zona in cui collocare un contenitore della giusta grandezza, deputato alla raccolta; in questo modo potrete stare tranquilli e ridurre il rischio che l’acqua strabordi dal punto di raccolta.

 

Sfruttate il telecomando quando disponibile

Quasi tutti i modelli possiedono un telecomando che si occupa di gestire differenti modalità di aerazione degli ambienti. Vi consigliamo di programmare accensione e spegnimento così da ottimizzare i consumi, preferendo la modalità di deumidificazione a quella di raffreddamento; una volta messa in funzione, riduce di molto gli effetti negativi legati alla percezione della temperatura.

 

Posizionate il climatizzatore in punti strategici

Per un’efficiente azione è bene collocare in una parte alta della parete il climatizzatore, avendo l’accortezza di non installarlo dietro mobili o tende. La presenza di oggetti davanti al dispositivo può nuocere al risultato finale e ridurre così l’efficacia e lo scopo principale per cui si è acquistato un climatizzatore.

 

Controllate i filtri dell’aria

La presenza di filtri è studiata appositamente per la raccolta di polvere e pulviscolo che naturalmente resta in sospensione. Buona norma è controllare che siano puliti e, in caso contrario, procedere alla loro rimozione e lavarli sotto acqua corrente. In caso di rotture è bene sostituirli completamente.

Isolate bene le stanze da rinfrescare

Una pratica efficace con cui ottenere il massimo dal climatizzatore è chiudere le finestre della stanza in cui è collocato il supporto, incluse quelle di altre stanze comunicanti. In questo modo si limita al massimo la circolazione di aria che potrebbe ridurre l’effetto finale.

 

Non diminuite eccessivamente la temperatura

La scelta di un ambiente fresco deve tenere conto della temperatura presente all’esterno.

Il consiglio è di non impostare il climatizzatore su un valore più basso di 15 gradi; sono eccessivi e si rischiano effetti negativi causati da uno sbalzo eccessivo tra dentro e fuori. Bastano 5 gradi in meno rispetto all’esterno per percepire già un certo sollievo.

 

 

 

Domande frequenti

 

Dove posizionare il climatizzatore?

Il climatizzatore necessita di una configurazione ben precisa. Per quanto riguarda l’unità esterna, dovrete posizionarla in un luogo asciutto, riparato sia da pioggia sia dal sole, per evitare che il processo di refrigerazione venga rallentato o alterato, rischiando quindi di sovraccaricare l’unità e portare a delle rotture. Assicuratevi inoltre che sia lontana da altri oggetti e che non vi siano muri o pareti che coprano le ventole affinché la macchina possa lavorare senza intoppi.

Per quanto riguarda invece l’unità interna, potrete scegliere la stanza che usate maggiormente e che quindi necessita di un controllo della temperatura. È dunque inutile installare il climatizzatore nella stanza dei propri figli, per esempio, se questi trascorrono la maggior parte del tempo fuori casa o in salotto. L’unità interna va solitamente posizionata in alto, facendo attenzione che non sia troppo vicina al soffitto. Come per l’unità esterna vale anche qui la necessità di non posizionarla eccessivamente vicina a muri oppure mobilio, per garantire una aerazione ottimale.

 

Cosa significa BTU?

L’acronimo BTU sta per British Thermal Unit, ed è un’unità di misura utilizzata per fare riferimento alla quantità di calore necessaria a innalzare la temperatura. Per evitare di dover fare calcoli complessi basta sapere che per far funzionare al meglio un climatizzatore in una stanza di circa 20 metri quadri, è necessaria una potenza di circa 6.000 BTU.

 

Cos’è un climatizzatore inverter?

Un climatizzatore che utilizza la tecnologia inverter è pensato per modificare la frequenza della corrente di alimentazione. Ciò garantisce non solo un rumore inferiore mentre in azione ma anche un risparmio energetico non indifferente. L’inverter, appena acceso, sfrutta alla potenza massima il motore, portando la temperature al livello richiesto in poco tempo ma successivamente modula tale potenza con oscillazioni molto più ampie rispetto ad altri dispositivi. Il vantaggio finale per l’utente è un risparmio energetico di circa il 30%.

 

Cosa si intende per pompa di calore?

La pompa di calore è un dispositivo in grado di trasmettere energia termica da una fonte a temperatura bassa a una a temperature più alta. La più comune per quanto riguarda gli impianti di condizionamento è quella che estrae il calore dall’aria e lo spinge all’esterno o all’interno, raffrescando o riscaldando l’ambiente in base alle esigenze degli utenti.

 

Qual è la differenza tra climatizzatore mono split e dual split?

Quando si parla di climatizzatore mono split ci si riferisce a un prodotto dotato di una unità interna collegata a quella esterna mentre invece, con il termine dual split, parliamo di una unità esterna che è in grado di alimentarne due interne.

Se vivete in un appartamento piccolo, dove è necessaria la climatizzazione di una sola stanza, la scelta migliore è naturalmente il prodotto mono split, dal costo inferiore. Se invece volete climatizzare due stanze, dovrete necessariamente puntare a un dual split se volete spendere una cifra contenuta. Questi ultimi, però, potrebbero sovraccaricarsi più facilmente e richiedono una manutenzione certosina per evitare che l’unità esterna vada incontro a guasti.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Mitsubishi MSZ-HJ35VA

 

3.Mitsubishi MSZ-HJ35VAAndiamo avanti e proponiamo adesso un sunto delle caratteristiche più interessanti del modello che Mitsubishi ha lanciato nel 2013. Si tratta di un apparecchio potente in grado di raffreddare una stanza di medie dimensioni grazie alla potenza stimata in 12.000 BTU.

Eppure l’efficienza energetica non delude dato che le prestazioni sono catalogate nella classe A, tanto per il riscaldamento come per il raffreddamento. Lunga durata al motore è assicurata dalla presenza di un motore Inverter che riduce le vibrazioni e massimizza le prestazioni, mentre tanto in emissione di calore che di aria fredda la capacità è notevole.

Altro vantaggio rappresentato dalla tecnologia inverter è quello di regolare costantemente la temperatura ideale ed evitare la scocciatura del sistema acceso/spento che si attiva ogni volta che il termostato segnala uno scostamento dalla temperatura settata. In questo modo l’ambiente si climatizza rapidamente e il dispendio energetico è minore, mantenendosi la temperatura sempre costante.

Compatta e di dimensioni discrete l’unità interna, che pesa in tutto 9 kili, mentre più importante e voluminosa è quella da fissare all’esterno dell’abitazione che raggiunge i 25 kg seppure tutto sommato piuttosto compatta e facile da istallare anche in spazi risicati.

È il momento di vedere in dettaglio l’elenco dei benefici e svantaggi principali che caratterizzano questo prodotto che ha saputo conquistare pareri positivi da parte di chi l’ha scelto.

button-IT-2

 

 

 

 

Panasonic KIT-2MRE712-RKE

 

1.Panasonic KIT-2MRE712-RKEIl prezzo considerevole di questo Panasonic è di fatto un freno per molti, ma si ripaga abbondantemente grazie alla presenza dell’innovativa tecnologia inverter che permette di avere in casa la temperatura ottimale senza sbalzi o getti d’aria troppo fredda diretti.

È un dual split, il che significa che un singolo motore regola il funzionamento di due unità refrigeranti da potere installare in luoghi diversi della casa. Un’unità di 12.000 BTU e un’altra di 7.000 coprono il fabbisogno di stanze dalle diverse dimensioni per ottimizzare il consumo elettrico e raggiungere con facilità la temperatura desiderata.

Inclusi nel kit ci sono anche i due telecomandi a infrarossi che permettono il controllo da remoto delle diverse unità perché lavorino autonomamente, anche in base alla diversa esposizione delle due stanze.

Come ci si aspetta da questo tipo di prodotto, è presente il filtro per purificare l’aria immessa in circolazione, insieme al sistema anti muffa che previene il ristagno della condensa all’interno delle macchine evitando la conseguente formazione di batteri e spore.

Anche questo modello così avanzato e ricco di pregi non è esente da difetti. Vediamoli insieme nel dettaglio, così da concludere la nostra guida in bellezza!

 

 

Hisense Dual Split Kelon

Principale vantaggio

Con un solo motore è possibile raffreddare due stanze grazie alla presenza di due split, quindi lo spazio necessario per avere il fresco in due locali si riduce di molto. Ottima la classe energetica A++ che offre.

 

Principale svantaggio

L’altra faccia della medaglia dei sistemi dual split è che, in caso di un malaugurato malfunzionamento del motore destinato ad alimentarli, in un colpo solo si bloccheranno entrambi.

 

Verdetto 9.8/10

Prezzo assolutamente interessante e conformità alla classe A++ consentono di usare questo sistema di condizionamento tutto l’anno visto che è presente anche la funzione di pompa di calore.

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Appartamento al fresco… o al caldo

Questo sistema di condizionamento prevede l’installazione di un solo motore, destinato ad alimentare due split di diversa potenza da posizionare nei locali della casa. Il primo e più potente split ha una capacità di raffreddamento pari a 12.000 BTU, e quindi diventa ideale da posizionare in salotto. Per la camera da letto si può installare il secondo split da 9.000 BTU.

Se utilizzati insieme, sono in grado di rinfrescare o riscaldare un appartamento di piccole dimensioni. Molto utile la funzione pompa di calore, che consente di alzare la temperatura del locale e utile in case dove manca il riscaldamento o quello centralizzato non è ancora stato attivato.

Ovviamente è presente anche la funzione di deumidificatore che spesso viene preferita (soprattutto di notte) a quella di condizionatore. In questo caso il sistema è in grado di aspirare 1,3 litri d’acqua all’ora rendendo il clima all’interno della stanza decisamente più gradevole.

Qualità e consumi

Senza dubbio una delle caratteristiche più apprezzate di questo sistema di condizionamento dual split è la conformità alla classe energetica A++. Visto che, come è risaputo, questi apparecchi sono tra gli elettrodomestici più avidi di energia, mentre l’utilizzo di questo sistema non impatterà più di tanto sui costi della bolletta elettrica.

Nonostante il problema che un eventuale guasto al motore bloccherebbe entrambi gli split, la qualità dei materiali utilizzata da Hisense per questo di sistema di condizionamento lascia abbastanza tranquilli rispetto al verificarsi di questa spiacevole evenienza.

 

Sonno assicurato

Uno dei maggiori problemi degli split di bassa qualità è il rumore prodotto quando sono in uso. Non è il caso dei due offerti da Hisense, visto che non supera i 30 decibel al massimo della potenza. Grazie a questo si potrà riposare tranquillamente o vedere i programmi TV senza essere disturbati qualora uno split fosse poste nel salotto. Stesso discorso vale per il motore, che in questo caso arriva a 54 decibel, che però sono mitigati dal fatto che è posto esternamente, sul balcone o sulla facciata del palazzo.

Un comodo telecomando in dotazione consente di impostare le principali funzioni messe a disposizione dal condizionatore, tra cui chiaramente la temperatura che deve raggiungere. Molto utile il timer integrato che permette di impostare (sempre tramite il telecomando) l’orario di accensione e spegnimento per evitare inutili sprechi di energia ed avere sempre il giusto refrigerio o calore in ogni circostanza.   

 

 

Midea Monosplit 

 

1.Midea MonosplitCominciamo col descrivere le caratteristiche salienti di quello che abbiamo ritenuto il miglior climatizzatore del 2020. Il modello proposto da Midea è tanto potente quanto rispettoso del nostro riposo, è dotato di tecnologia di punta, silenziosa ma dalle ottime performance in cambio di consumi contenuti.

La potenza di questo climatizzatore è di 12.000 BTU, più che sufficienti per raffreddare una stanza medio/grande delle dimensioni di 25/40 metri quadri. La joint venture con Toshiba, cioè la collaborazione tra le due ditte specificamente per la realizzazione di questi apparecchi altamente sofisticati, si vede nella qualità di fabbricazione del compressore, che è il nucleo stesso del condizionatore.

Il climatizzatore appartiene alla classe energetica A+ quindi con consumi energetici inferiori a 300kw per ora di attività. È dotato di filtri Fresco Tech e carboni attivi per migliorare la qualità dell’aria immessa in circolazione nell’ambiente in cui opera.

Così come altri modelli simili, il climatizzatore Midea Monosplit è dotato di pompa di calore ed è quindi in grado sia di riscaldare che refrigerare l’ambiente in cui è montato.

Riassumiamo di seguito i principali pregi e difetti di questo condizionatore, non il più economico ma sicuramente uno dei più interessanti per rapporto qualità/prezzo.

 

Pro

Caldo/Freddo: Non tutti acquistano il condizionatore solo per l’aria fredda. L’aria calda, infatti, può risultare un optional particolarmente utile soprattutto per chi abita in appartamenti privi di un impianto di riscaldamento a gas.

Consumi: Con una classe energetica A+, i consumi si mantengono al di sotto dei 300 kW l’ora. Considerata la potenza di 12.000 BTU è un ottimo affare!

Qualità dell’aria: Grazie ai filtri Fresco Tech ai carboni attivi la filtrazione dell’aria è ottimale e quella che viene immessa nell’ambiente è di grande qualità.

Ecologico: Utilizza il gas ecologico R410a per un minore impatto sull’ambiente.

 

Contro

Dettagli: Rispetto ai prodotti di marchi più blasonati e costosi, questo modello è rifinito con meno attenzione per i dettagli ed è forse leggermente più rumoroso.

 

 

Shockbuy ATXN35NB

 

2. Shockbuy ATXN35NBDaikin propone una linea di climatizzatori dal prezzo contenuto e che risulta vantaggioso soprattutto in comparazione con i vantaggi offerti.

Si tratta di un monosplit, quindi dotato di un solo elemento da 12.000 BTU. È in grado di raffreddare o riscaldare una stanza di medie dimensioni, intorno ai 40 metri quadrati. Lavora in combinazione con il motore che deve essere collegato alla parete esterna, decidendo se forare il muro o se sfruttare una finestra rinunciando a un po’ di illuminazione.

Appartiene alla classe energetica A+ tanto per quanto riguarda il potere refrigerante, come per la pompa di calore i cui consumi sono normalmente più alti.

La dotazione non è molto ricca, mancano le staffe e i tubi di raccordo in rame, ma si tratta di elementi facilmente reperibili in ferramenta e che non comportano grossi costi aggiuntivi. Vantaggioso invece risulta il prezzo di vendita di questo apparecchio funzionale e sufficientemente potente per garantire buoni risultati in poco tempo.

Hai intenzione di dotare casa di un impianto di climatizzazione e non sai quale si adatti meglio alle tue esigenze? Il breve quadro riepilogativo che segue ti aiuta a comparare vantaggi e svantaggi offerti dal modello della Daikin.

 

Pro

Economico: Il costo del climatizzatore è tutto sommato molto competitivo, si tratta di un modello con un solo elemento climatizzante da collegare al motore che si fissa all’esterno, ma ha un buon potere sia in raffreddamento che come pompa di calore.

Potente: Sono 12.000 BPU per questo modello, uno tra i valori più alti raggiungibili dai dispositivi destinati all’uso domestico.

Silenzioso: Tanto l’elemento interno come il motore hanno emissioni acustiche tutto sommato contenute, se non le più basse sul mercato.

 

Contro

Classe energetica: È la A+ tanto per la pompa di calore, che consuma di più, che per il sistema refrigerante, che sfruttando il gas R410A contiene i consumi. Si tratta comunque di un buon punteggio, ma non il più basso della categoria.

 

 

Hisense Serie Mass

 

3.Hisense Serie MassVediamo ora come scegliere un buon climatizzatore Inverter che sia anche silenzioso e discreto. Il modello Hisense, colosso cinese che si sta affermando sul mercato mondiale dell’elettronica, ci ha colpiti per via di alcuni aspetti interessanti che andiamo a vedere brevemente.

La potenza di raffreddamento del climatizzatore arriva a 9.000 BTU, che sta per British Thermal Unit, cioè l’unità di misura anglosassone per indicare la potenza di climatizzazione dell’aria di un locale in condizioni stabili. Bisogna tener conto che il variare della temperatura esterna influisce sulla capacità del climatizzatore di casa di mantenersi all’interno dei parametri impostati.

Questo elettrodomestico, in particolare, funziona bene in stanze medio/piccole, dalle dimensioni di 10/15 metri quadri, dove è in grado di garantire, per esempio l’emissione di calore sufficiente a riscaldare la stanza anche se all’esterno ci sono -15 gradi.

Il gas adoperato nel compressore, R410A, ne garantisce i consumi limitati, infatti appartiene alla classe A. Funziona anche come deumidificatore e ha di serie alcune funzioni che lo rendono parecchio comodo da usare: è dotato di timer, di regolazione automatica di spegnimento e riavvio, si comanda da remoto con il comodo telecomando con schermo LCD.

Cogliere pro e contro di ogni modello è fondamentale se si vuole procedere a un acquisto ben ponderato, che non sia influenzato solo dai prezzi bassi o dal nuovo modello uscito sul mercato. Analizziamo insieme i motivi per cui comprare questo modello e quelli per cui, eventualmente, optare per altro.

 

Pro

Inverter: La tecnologia inverter permette di mantenere una temperatura costante nell’ambiente, ma anche di abbattere i consumi in bolletta.

Funzioni: Questo condizionatore non solo emette sia aria calda che aria fredda, ma ha una serie di funzioni che risultano molto utili, come la funzione turbo per un intervento rapido, quella dry per eliminare l’umidità in eccesso e quella sleep da usare la notte per ridurre consumi e rumore.

Contro

Potenza limitata: È un condizionatore pensato per ambienti di dimensioni ridotte e non è in grado né di raffreddare né di riscaldare per bene interi appartamenti di dimensioni medio-grandi.

 

 

Olimpia Splendid Unico Sky

 

4.Olimpia Splendid Unico SkyVediamo adesso quello che ci è sembrato il miglior climatizzatore senza unità esterna attualmente disponibile, interessante sia per le prestazioni offerte che per il prezzo a cui è disponibile.

L’assenza di motore a sé stante semplifica l’installazione, che comunque va fatta su una parete perimetrale della casa, cioè che dà verso l’esterno dell’edificio, dove vengono praticati due fori dal diametro di 16 cm. A differenza dei modelli visti finora, questo condizionatore emette solo aria fredda e non ha pompa di calore, la potenza di raffreddamento è nella media e consente di ottenere buoni risultati in camere di circa 15 mq.

Questo modello non supporta la tecnologia Inverter, quindi lavora in modalità acceso/spento emettendo il flusso d’aria fino al raggiungimento della temperatura settata.

Il vantaggio di questo dispositivo sta nella sua versatilità d’uso. Non essendo vincolato dalla presenza di unità esterna può essere montato per rispondere con flessibilità alle esigenze d’uso e architettoniche dell’interno della casa.

Questo modello, così diverso da quelli precedentemente analizzati, ha anch’esso i suoi punti di forza e di debolezza, che analizziamo di seguito. Dovesse convincerti, ecco dove acquistare questo prodotto: ti basta fare click sul link in basso!

 

Pro

Versatilità: Essendo privo di unità esterna, si presta a diversi tipi di installazione e potrà essere spostato da un punto a un altro della casa (o di una stanza) con maggiore facilità.

Buon compromesso: Questo modello rappresenta un buon compromesso tra un condizionatore normale e uno portatile. È più mobile del primo e più potente del secondo, venendo perfettamente incontro a esigenze particolari.

 

Contro

Solo freddo: Questo modello di condizionatore non è dotato di pompa di calore e non può quindi essere usato per riscaldare la propria abitazione, ma solo per raffreddarla.

Niente inverter: L’assenza di tecnologia Inverter fa sì che i consumi siano più alti che per altri dispositivi. Il condizionatore lavorerà infatti fino al raggiungimento della temperatura desiderata, per poi arrestarsi e riprendere quando questa sarà scesa.

 

 

Hisense Dual Split

 

5.Hisense Dual SplitUn unico motore e due macchine refrigeranti in casa, per alcuni potrebbe essere una soluzione da tenere in considerazione durante la ricerca, ma quale climatizzatore Dual Split comprare per rispondere bene ai nostri bisogni?

Vediamo insieme le caratteristiche essenziali di questo modello per fornire ulteriori elementi alla valutazione.

Come negli impianti dei grandi locali commerciali, i modelli Multisplit associano a un solo elemento motore da installare all’esterno, più dispositivi di climatizzazione da collocare nei punti strategici della casa per diffondere bene l’aria temperata ed evitare lo sbalzo tra un ambiente e un altro. Così si comporta il modello Dual Split proposto da Hisense, che combina due elementi di diversa potenza, uno da 9.000 e un altro da 12.000 BTU per rispondere in modo specifico alle esigenze degli ambienti in cui collocarli. Supporta la tecnologia Inverter, ulteriore garanzia di poter mantenere una temperatura costante in tutta la casa quando i climatizzatori sono in funzione. La pompa di calore si attiva già a -15 gradi, il tipo di gas adoperato rientra nella categoria di consumo energetico ridotto di classe A e come per i modelli precedenti, anche qui si ha la possibilità di impostare timer e spegnimento/accensione automatici.

 

 

Hisense Dual Split Kelon

 

1. Hisense Dual Split KelonLa soluzione proposta dalla cinese Hisense non delude affatto chi l’ha testata personalmente per via dell’ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Si tratta di un modello dual split e cioè dotato di unico motore che aziona i due elementi che lavorano separatamente su due stanze di dimensioni differenti. Ma insieme è possibile migliorare la qualità dell’aria di un appartamento di piccole dimensioni.

Il climatizzatore funziona raffreddando l’aria grazie ai due elementi di potenza diversa: 9.000 e 12.000 BTU per elemento. Il dato indica la capacità di lavorare su una stanza piccola e una media in modo da distribuire l’effetto proporzionalmente alle reali necessità.

Funziona anche come pompa di calore e deumidificatore, con una capacità di assorbimento dell’acqua pari a 1,3 litri l’ora circa.

Il dispositivo è silenzioso, tanto per quanto riguarda il motore che gli elementi installati nelle camere, e la possibilità di impostare il funzionamento con il timer perché si accenda o spenga all’orario programmato ne facilita l’uso notturno in case troppo fredde o troppo calde che necessitano di un intervento mirato.

I dettagli sono quelli che rendono questa soluzione Hisense particolarmente apprezzata dagli acquirenti che l’hanno preferita, nonostante la marca non sia ancora tra le più conosciute. Te ne offriamo una rapida descrizione per facilitarne la comparazione con gli altri modelli.

button-IT

 

 

 

 

Se questo ti è piaciuto, crediamo che tu non possa proprio perderti i prossimi articoli:

 

Ventilatori da soffitto

Il miglior materasso gonfiabile

Ombrellone da giardino

Termoconvettore

Climatizzatore portatile senza tubo

 

 

Bibliografia
1- Climatizzatore – Wikipedia
2- La guida su come usare il condizionatore
3- Pulire il condizionatore in 5 mosse
4- Come installare correttamente un condizionatore
5- Ridurre il consumo del condizionatore

 

 

1.3 Samsung Inverter AR12FSFTKWQNET

Principale vantaggio

La presenza della tecnologia Inverter consente di regolare la potenza dell’azione refrigerante, così da adattarla al meglio alle tue esigenze. In quest’ottica è da lodare la capacità dell’apparecchio di rimuovere l’umidità al suo interno per evitare che possano generarsi muffe e batteri, così che l’ambiente sia costantemente salubre. Il tutto con estrema silenziosità.

 

Principale svantaggio

Il montaggio necessita di un po’ di tempo e di una certa attenzione, in particolare per quanto riguarda l’installazione del tubo di scarico della condensa.

 

Verdetto: 9.6/10

Un ottimo condizionatore, che si fa particolarmente apprezzare per l’elevata cifra tecnologica utilizzata per la sua realizzazione e che vanta caratteristiche che lo rendono allo stesso tempo semplice da usare ma completo, grazie a funzionalità importanti soprattutto nella capacità di “produrre” aria salubre e priva di batteri.

Acquista su Amazon.it (€439)

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Una temperatura costante

I settori di sviluppo e ricerca di Samsung consentono all’azienda coreana di offrire un condizionatore dalle innovative funzionalità, prima tra tutte la tecnologia Smart Inverter. Dietro a questo nome si cela una modalità d’uso che incrementa il comfort d’utilizzo del dispositivo, visto che rende più semplice il raggiungimento e il mantenimento della temperatura desiderata, evitando che l’apparecchio si avvii e si spenga in continuazione.

In questo modo si ottiene un duplice vantaggio: l’ambiente è costantemente climatizzato in modo corretto e si evitano sprechi di energia, con un sensibile beneficio di costi sulla bolletta energetica.

L’attenzione al risparmio ma anche alla salvaguardia dell’ambiente è evidenziato anche dalla funzione di eco-standby che, quando il climatizzatore non è attivo, consente di assorbire un quantitativo minimo di energia rispetto a quanto facciano i modelli realizzati da altri produttori.

1.1 Samsung Inverter AR12FSFTKWQNET

 

Un alleato contro le allergie

Purtroppo sono molti coloro che soffrono di allergie, nei casi più comuni spesso causate dalla polvere. Da questo punto di vista la scelta di questo condizionatore di Samsung rappresenta una garanzia perché è dotato di particolari filtri tecnologicamente all’avanguardia.

Denominati HD 60 e HD 80, si tratta di elementi protettivi ad alta densità in grado di trattenere anche le più piccole particelle di polvere, evitando così che vengano messe in circolazione con l’aria rinfrescante e che quindi siano responsabili di starnuti o difficoltà di respirazione.

In questa direzione va vista anche la funzione auto clean, che si attiva direttamente con il telecomando in dotazione e che si occupa di eliminare l’umidità che si viene a creare all’interno dell’apparecchio, evitando così che possano formarsi muffe o batteri. Una volta impostata, il condizionatore si preoccuperà di eseguire la rimozione dell’acqua in eccesso a ogni spegnimento.

 

Dimensioni e installazione

L’Inverter di Samsung si caratterizza per dimensioni dello split (ovvero il componente che si monta sulla parete della stanza che si vuole climatizzare) piuttosto contenute. Nel caso di prodotti di questo tipo non è possibile sperare di avere un apparecchio quasi invisibile alla vista perché, per generare il giusto grado di raffreddamento, è necessaria un’uscita piuttosto ampia. Diciamo che comunque la casa coreana è riuscita ad abbinare funzionalità, estetica e ingombri ridotti.

Al momento dell’installazione tieni conto che dovrai trovare un posto anche per l’unità esterna, quella che si occupa della dissipazione del calore generato dal processo di raffreddamento dell’aria. Le dimensioni di questo elemento sono significative ed è necessario collocarlo all’esterno, perciò sappi che finirà con l’occupare un certo spazio sul balcone o su parte della facciata della casa. Esteticamente non è il massimo ma è lo scotto da pagare per non soffrire la calura estiva.

 

Acquista su Amazon.it (€439)

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

0 0 vote
Article Rating
Sottoscrivere
Notifica di
guest
31 Comments
Il più vecchio
Il più nuovo Il più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Enrico
Enrico
March 12, 2019 4:24 pm

Buonasera,
sono interessato all’acquisto di un condizionatore portatile; quasi tutti quelli che ho visto, da specifiche tecniche, sono dotati di un tubo di 1,5 metri per lo scambio di calore interno/esterno. Avrei due domande:
1) E’ possibile collegare al climatizzatore un tubo più lungo (oltre il doppio)?
2) Dovrei sistemare il climatizzatore in un sottotetto e vorrei sapere se il tubo di scambio calore può essere sistemato ad un altezza superiore a quella del climatizzatore (lo scambio di calore deve avvenire per il tramite di un finestrino/abbaino nel tetto mansardato).
Grazie.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
March 13, 2019 9:54 am
Reply to  Enrico

Salve Enrico,

da quello che sappiamo:

1) Il condizionatore deve espellere l’aria calda fuori dall’ambiente da raffreddare, se il tubo fosse più lungo rispetto a quello fornito in dotazione l’aria calda non verrebbe scaricata sufficientemente all’esterno e ritornerebbe nell’ambiente vanificando l’efficacia del prodotto e danneggiando la macchina.
2) Normalmente il tubo va posizionato a un’altezza di minimo 35 cm da terra fino a un massimo di 100 cm.

Saluti

Stefania Petriccione
Stefania Petriccione
August 22, 2019 7:16 am

Salve, mi è stato proposto un AKAI Mistral 9200 per la camera da letto (ca. 20 m quadri) in quando in offerta (329 euro), cosa ne pensa? Un consiglio per favore… grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
August 24, 2019 9:05 pm

Salve Stefania, i climatizzatori Akai sono ottime macchine sotto tutti gli aspetti. Le persone che li hanno acquistati, infatti, li hanno apprezzati sia dal punto di vista estetico (soprattutto la caratteristica di mostrare la temperatura direttamente sul pannello dello split, tramite delle luci LED poste sotto la scocca), sia per quanto riguarda le prestazioni, che ritengono eccellenti. L’ulteriore vantaggio che ha reso i climatizzatori Akai tanto apprezzati e richiesti, inoltre, è quello di essere estremamente silenziosi rispetto alla media standard dei climatizzatori prodotti dalle altre ditte. L’offerta che ha ricevuto le permette anche di risparmiare 20 euro rispetto al prezzo… Read more »

Nino
Nino
October 4, 2019 8:07 am

Buongiorno, devo acquisatre un condizionatore canalizzato … mi hanno proposto TOSHIBA – serie RAV- RM801BTP-E1 U.I RAV-GP801ATP-E1 inverter 24000 BTU GAS R32 mod: 2019 completo di Easyzone per 5 zone … me lo hanno segnalato come prodotto di ottima qualità e fascia alta … asiimililabile ad un Panasoni Paci Elite … confermate ?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
October 5, 2019 8:49 pm
Reply to  Nino

Salve Nino,

ti hanno dato un ottimo consiglio. I climatizzatori Toshiba, infatti, non soltanto sono assimilabili ai Panasonic Elite, ma sono addirittura superiori per quanto riguarda le loro caratteristiche anti-corrosione, e insieme ai Samsung si collocano nella fascia più alta per quanto riguarda efficienza energetica, prestazioni e affidabilità. Il sistema canalizzato che ti hanno consigliato è costoso, infatti, ma è anche uno dei migliori in circolazione.

Saluti

Dino
Dino
December 23, 2019 5:17 am

Mi hanno istallato un prodotto viessmann senza avermi lasciato la certificazione dell’impianto e conformità collaudo.
Oltre che raccontarmi bugie..o falsità .la serietà di cui si vantano non è altro per adescare il cliente, che dopo avere saldato il conto dell’impianto non viene più ascoltato e considerato. IL prodotto è CINESE e non Tedesco come dicono loro (prima di vendertelo) sono pentito di avere avuto a che fare con questa COZZAGLIA..sarò costretto a procedere con
Vie legali per avere la conformità del impianto (che tra l altro è d obligo ) ,SCONSIGLIATO PRODOTTI VIESSMANN

Nicola Augelletta
Nicola Augelletta
March 27, 2020 10:56 pm
Reply to  Dino

Viesmann è un produttore di caldaie tedesco. Non produbce, ma acquista da un produttore cinese i climatizzatori e parte della gamma di PDC aria acqua

ALESSIO
ALESSIO
January 28, 2020 6:54 pm

Cerco un motore dual R410 per sostituire uno non funzionante

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
January 29, 2020 7:19 pm
Reply to  ALESSIO

Salve Alessio,

per il motore che cerchi prova a rivolgerti a questo rivenditore: Clima Caldaie. Come puoi vedere ne hanno ancora in magazzino.

Saluti

Mauro
Mauro
January 29, 2020 3:29 pm

Buon pomeriggio,
per una sala+cucina ambiente unico di 49 metriquadri altezza soffitto 265cm , 3 grandi finestre + 1 finestra piu’ grande con portafinestra annessa per andare sul terrazzo, 3 pareti esposte al Sole.
Non riesco a capire se sufficiente un condizionatore da 12.000 btu o andare su uno da 15.000/18.000
Anche in termini di consumo.
12mila BTU mi permetterebbe di valutare piu’ marchi (LG deluxe/artcool; Samsung windfree/triangle; Panasonic Etherea; Mitsubishi; Toshiba)
BTU piu’ alto limita la scelta anche per costo piu’ alto
come valutate questo modello TOSHIBA SUZUMI PLUS RAS-B16PKVSG-E RAS-16PAVSG ?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
January 29, 2020 7:21 pm
Reply to  Mauro

Salve Mauro, per le dimensioni che hai riportato, 12.000 BTU sono insufficienti; 49 metri quadrati con altezza di 2,7 metri richiedono 15.000 BTU. Con gli impianti Toshiba vai sul sicuro, visto che sono tra i migliori sul mercato, ma il modello da 15.000 BTU non è facilmente reperibile in Italia, come del resto accade anche per quelli di altri marche. Ti consigliamo pertanto di dare un’occhiata al Toyotomi Izuru TRN/TRG856ZR da 18.000 BTU. I climatizzatori Toyotomi Izuru, infatti, oltre a essere estremamente affidabili sono al top anche per quanto riguarda l’efficienza energetica, che raggiunge la classe A++ in raffreddamento e… Read more »

Mauro
Mauro
January 30, 2020 12:25 am

Grazie per la celere ed esaustiva risposta, allora 12.000 BTU eliminato 🙂 spero solo che 15.000 sia sufficiente e non faccia andare il motore sempre sotto sforzo. Al momento vivo a Praga e qui come in Austria e Germania e’ abbastanza facile trovare modelli a 15.000 BTU. Purtroppo Toyotomi Izuru non si trova 🙁 Il modello Toshiba Suzumi Plus da 15k BTU mi e’ stato offerto a 1,300 euro montaggio incluso. Mi sembra valido, 2 opzioni che avevo in mente sono lo Shorai premium da 15k BTU ma lo vendono a 1500/1800 euro senza montaggio, e il Mirai da 15k… Read more »

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
January 30, 2020 6:32 pm
Reply to  Mauro

Ciao e grazie a te per la fiducia che riponi in noi, i Mitsubishi sono buoni ma riteniamo molto più affidabili i Toshiba e i Toyotomi. Per quanto riguarda la resa, 15.000 BTU sono consigliati per le superfici dai 40 ai 49 metri quadrati, quindi effettivamente la tua è una situazione quasi “al limite”; ci sembra di capire che devi sottostare anche a un budget limitato di spesa (non oltre i 500 euro immaginiamo) e a questo prezzo dubitiamo che tu riesca a trovare qualcosa di meglio del Suzumi Plus. Nel caso in cui potessi “allungarti” un po’, invece, ti… Read more »

Mauro
Mauro
January 30, 2020 11:57 pm

Buonasera, ringrazio l’Admin per la precedente risposta che mi ha tolto i primi dubbi. Da me (vivo a Praga) i modelli 15.000 BTU si trovano facilmente, mentre non si trova il Toyotomi Izumi. Vorrei capire se per le dimensioni della stanza (49m2), che ho descritto nella mia richiesta precedente, e’ piu’ indicato un 18.000BTU o vado tranquillo con il 15.000BTU? Non vorrei avere un motore sovradimensionato che non utilizzo e che per assurdo mi consuma, ma non vorrei nemmeno rischiare di avere un motore che va sempre al sotto sforzo. Tra le seguenti opzioni che mi hanno offerto, quale consigliate?… Read more »

Mauro
Mauro
January 31, 2020 12:43 am
Reply to  Mauro

Scusate non mi aggiornava il sito e non ho visto la risposta precedente. Potete pero’ dirmi cosa ne pensate dei modelli che ho elencato?
Qui il Seiya me lo presentano come leggermente inferiore al Suzumi Plus, valutando il SEER e il tipo di filtri, inoltre mi dicono che entrambi hanno stessi BTU. Il Seiya costa poco meno, ma mi fanno pagare il montaggio.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
February 1, 2020 6:02 pm
Reply to  Mauro

Dunque vediamo di fare un po’ di ordine. Il Seiya è uno dei climatizzatori Toshiba di produzione più recente, che poi sia effettivamente inferiore al Suzumi Plus o meno questo lo diranno soltanto il tempo e l’utenza. Sulle prestazioni di un climatizzatore, infatti, o ci si rifà alle specifiche tecniche del produttore oppure all’esperienza di coloro che li hanno utilizzati (noi preferiamo basarci su quest’ultima, per quanto ci è possibile, ecco perché ci fa piacere comunicare con persone attente come te). Stando alle specifiche, il Seiya presenta ottime caratteristiche, non molto dissimili dai modelli Suzumi Plus (ci sembra di capire… Read more »

Luca
Luca
March 3, 2020 10:22 am

Buongiorno
Vorrei chiedere consiglio per climatizzare due stanze da letto di 20 m quadri,su quale marca puntare,btu necessari,e che sia il più silenzioso possibile.
La mia idea di partenza era quella di un dual split
P.s la casa è degli anni 80,molto vecchia
Grazie.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
March 4, 2020 9:51 pm
Reply to  Luca

Salve Luca, di solito per un ambiente fino a 20 metri quadrati va bene un climatizzatore da 7.000 BTU, ma considerando che la casa è vecchia e che gli infissi non avranno una perfetta tenuta, ti consigliamo di arrivare ad almeno 9.000 BTU in modo da andare sul sicuro. Questo modello prodotto da HiSense dovrebbe fare proprio al caso tuo; innanzitutto è economico nei consumi, in quanto possiede un motore inverter e la pompa di calore, raffredda d’estate e riscalda d’inverno, è Dual Split (9.000 + 9.000 BTU) e soprattutto costa decisamente meno rispetto ai modelli con le stesse caratteristiche… Read more »

Giuseppe Vitiello
Giuseppe Vitiello
April 29, 2020 5:19 pm

BUONASERA, DEVO ISTALLARE DUE DUAL SPLIT . UNO 9000+9000, L’ALTRO 9000 + 12000. VOLEVO SAPERE TRA : HISENSE, FERROLI E CLIVET QUALE SECONDO LEI E’ LA MIGLIORE, OPPURE SE LEI MI PUO’ INDICARE UN ALTRA MARCA MIGLIORE A PARITA ‘DI PREZZO. GRAZIE E BUONA SERATA.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
May 1, 2020 5:01 pm

Salve Giuseppe,

esistono ditte migliori, ovviamente, ma a parità di caratteristiche i loro modelli possono arrivare a costare anche il doppio del prezzo rispetto a quelli delle marche che ci hai segnalato tu.
Noi ti consigliamo i climatizzatori HiSense, che nella sua fascia di mercato è uno dei marchi migliori sotto tutti gli aspetti (non a caso è uno dei più diffusi infatti), ed è quello che offre anche il miglior rapporto qualità-prezzo, inoltre è affidabile perché i suoi impianti sono ben fatti, funzionali e duraturi.

Saluti

Team BeE

Giuseppe Vitiello
Giuseppe Vitiello
May 6, 2020 4:16 am

LA RINGRAZIO PER IL SUO CONSIGLIO E LE FACCIO I MIEI COMPLIMENTI PER LA SUA GENTILEZZA , CHIAREZZA E SEMPLICITA’.GRAZIE MILLE , BUONA GIORNATA.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
May 6, 2020 9:22 pm

Grazie a te, Giuseppe!

Alessandro
Alessandro
May 7, 2020 9:06 pm

Salve dovrei acquistare un condizionatore per la camera da letto e mi hanno consigliato un hisense 12000 dicendo che è uno dei migliori per non conoscendo la marca e trovando discordanza di parere su internet sono un pó confuso visto che costano e non vorrei pentirmene. Ringrazio in anticipo per un eventuale risp3. Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
May 8, 2020 9:47 pm
Reply to  Alessandro

Salve Alessandro,

nella fascia medio-bassa di mercato i condizionatori HiSense sono tra i più affidabili, quindi sotto questo aspetto puoi stare tranquillo; sempre considerando esclusivamente la fascia medio-bassa, gli HiSense sono tra i migliori anche per quanto riguarda le prestazioni e il rapporto qualità-prezzo in generale.
È ovvio, però, che si possono trovare dei condizionatori di gran lunga superiori sotto tutti gli aspetti, come i Toshiba per esempio, ma il loro costo può arrivare anche al doppio, o addirittura di più, rispetto a quello dei condizionatori HiSense.

Saluti

Team BeE

Salvo
Salvo
May 19, 2020 5:42 pm

Salve, sono in cerca di un prodotto discreto e mi è stato proposto un Toyotomi Hiro (htn/htg20-12r32) 12000But Wifi e un Ferroli Diamant S 12000btu wifi. Prezzo pressoché uguale. Sapreste dirmi quale preferite? Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
May 20, 2020 8:34 pm
Reply to  Salvo

Ciao Salvo,

il Ferroli Diamant è un buon climatizzatore ma la ditta Toyotomi è nettamente superiore, sia in termini di qualità costruttiva e affidabilità sia per le prestazioni; se hai l’occasione di prenderlo a un prezzo non troppo più alto rispetto al Diamant S, allora è meglio non farsi scappare l’occasione.

Saluti

Team BeE

Salvo
Salvo
May 21, 2020 12:39 am

390€ vs 360€. Credo sia un buon prezzo no?
Vi ringrazio per il vostro aiuto.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
May 22, 2020 6:26 pm
Reply to  Salvo

Salvo,

Una differenza di soli 30 euro per un climatizzatore come il Toyotomi non è buona, è ottima!

Alessandra
Alessandra
May 20, 2020 4:49 pm

Buonasera
Vorrei un consiglio per un condizionatore da adattare in uno spazio principale di 15 metri quadri che porti aria fredda anche in un’altra stanza sita di fronte a dove sarà installato lo stesso
Silenzioso, di qualità e non esageratamente alto non oltre 31 cm di altezza
Ringraziandovi in anticipo
Buona serata

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
May 21, 2020 8:16 pm
Reply to  Alessandra

Salve Alessandra, purtroppo quello che chiedi è tecnicamente e praticamente impossibile da attuare, visto che lo split del condizionatore è progettato per servire un singolo ambiente. Anche acquistandone uno molto potente e installandolo in una stanza molto piccola, non sarà mai in grado di raffreddare in maniera uniforme tutto l’ambiente; quindi non è una cosa fattibile, né secondo le leggi della fisica né in termini di risparmio economico, visto che consumeresti molta più energia e non riusciresti comunque a portare l’altra stanza alla stessa temperatura di quella dove installi il singolo split. Meglio acquistare un condizionatore con doppio split 9.000… Read more »

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

31
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
DMCA.com Protection Status