Quante calorie contiene il vino?

Ultimo aggiornamento: 10.04.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

Chi segue un regime dietetico ma non vuole rinunciare a un po’ di vino durante i pasti deve conoscere esattamente l’apporto energetico della bevanda, scopriamolo quindi insieme.

 

Il vino, proprio come il cibo, è uno dei piaceri della vita a cui è difficile rinunciare, tuttavia essendo una bevanda alcolica va consumato con moderazione. Secondo studi scientifici, un bicchiere di vino al giorno è in grado di proteggere organi vitali come il cuore e i reni e non parliamo solo del rosso, ma anche del vino bianco, sfatando così il mito che voleva quest’ultimo meno benefico della variante scura.

 

Un bicchiere quanti ml sono?

Molti utenti si interrogano sul tipo di misurazione estremamente generico rappresentato dalla frase “un bicchiere di vino“, a quanto corrisponde di preciso? Esistono numerosi tipi di bicchieri: flute, old fashioned, tumbler, highball, calici, tutti con diametro e capienza differenti, tanto da rendere difficile credere che un intero bicchiere da drink pieno di vino possa fare particolarmente bene alla salute. Ebbene, quando si parla di bicchiere di vino si fa riferimento a una quantità standard che si aggira intorno ai 150 ml, leggermente inferiore alla capienza massima di un classico bicchiere d’acqua che può contenere 200/250 ml.

 

Bere vino fa ingrassare?

Come ogni prodotto che consumiamo, anche questa piacevole bevanda ha il potenziale di far ingrassare, soprattutto se consumata senza criterio. Chi pensava che solo i super alcolici fossero pericolosi per la linea, dandosi piuttosto all’assunzione smodata di vino, dovrà rivedere la propria dieta.

Le calorie del vino non possono essere calcolate in modo assolutamente certo, dal momento che bisogna prendere in considerazione diversi fattori come l’uva utilizzata, il processo di fermentazione, l’aggiunta di eventuali zuccheri e tanti altri elementi che modificano il prodotto finale. Difficile dunque dire con esattezza quante kcal state assumendo con un bicchiere, ciononostante esiste un valore di riferimento che qui prenderemo in considerazione: per 100 ml di rosso parliamo di circa 85 kcal mentre per la stessa quantità le calorie del vino bianco sono leggermente inferiori, anche se non significativamente, ovvero 82 kcal.

 

Le calorie dell’uva

Il vino è un prodotto dell’uva che, in quanto frutto, contiene fruttosio e glucosio in quantità notevoli. In 100 grammi troviamo 61 kcal circa, di cui il 15% è costituito dai carboidrati, che continueranno a esistere anche all’interno della bevanda. Il processo di trasformazione a cui l’uva è sottoposta, ovvero la fermentazione, serve per trasformare gli zuccheri in alcool, che mantiene la carica calorica originale. Per questo motivo il contenuto zuccherino di un alcolico o superalcolico può essere intuito dal grado indicato sulla bottiglia: maggiore sarà il numero e più calorie ingerirete.

 

Come calcolare le calorie

Se non vi fidate di tabelle e indicazioni generiche che potete trovare in rete, dovrete imparare a calcolare autonomamente le calorie del bicchiere di vino che vi ritrovate a consumare, ed è possibile farlo prendendo come punto di riferimento le indicazioni sulla bottiglia. Se consideriamo un vino con una gradazione da 12%, possiamo dedurre che in 100 ml vi saranno circa 12 ml di alcool. Per ogni grammo consideriamo circa 7 calorie e, l’ultimo numero di cui dobbiamo servirci è quello relativo al peso specifico dell’alcool, che è di 0,79 kg/l.

Per ottenere il numero che ci interessa, ovvero quante calorie si ingeriscono, basta moltiplicare la quantità di alcool per il peso specifico e poi per il valore energetico precedentemente indicato.

Zucchero residuo, quanto incide?

Le calorie dello zucchero sono le principali imputate nel nostro discorso, d’altronde sono le stesse che si trasformano in alcool durante la fermentazione. Come gli utenti più appassionati di vino sapranno, spesso la bevanda presenta zucchero residuo, ma questo influisce davvero negativamente sui conteggi? 

In realtà, il valore è inferiore ai 5 grammi per ogni litro, per questo motivo in un bicchiere lo zucchero residuo sarà pari a 0,5 kcal, con un impatto tutt’altro che importante. Tuttavia, se stiamo parlando di vino dolce allora il discorso cambia, poiché qui il valore sale a quasi 50 grammi per litro, portando il residuo zuccherino a valori importanti che costituiscono quasi la metà del totale delle kcal di un bicchiere di vino.

 

Il vino paragonato ad altre bevande

Ora che sappiamo in modo più o meno preciso quante kcal possiamo aspettarci da un bicchiere di vino, possiamo paragonarlo ad altre bevande per capire quanto influisce sull’apporto energetico quotidiano. In linea di massima, un adulto in salute che compie attività e conduce uno stile di vita quanto meno sedentario possibile, deve assumere quotidianamente 2.000 kcal, valore che naturalmente oscilla in base ad altri elementi come l’altezza, la corporatura e condizioni fisiche personali.

Un bicchiere di vino durante i pasti principali, quindi, rappresenta l’8% del fabbisogno energetico quotidiano, tutto sommato accettabile. Alcuni utenti, però, potrebbero chiedersi se non sia meglio consumare un solo bicchiere di un superalcolico o magari una bibita gassata. Prendiamo dunque come esempio un classico cocktail come il Mojito, a base di rum e con acqua gassata: un solo bicchiere contiene 170 kcal circa, ovvero più di due bicchieri di vino e non è egualmente salutare. 

Andrà meglio con i soft drink, dunque? Anche in questo caso, una lattina di cola può contenere un minimo di 150 kcal, molto superiore al classico bicchiere di vino che si conferma come compagno da tavola ideale anche per chi sta seguendo un regime dietetico specifico ma non vuole rinunciare all’aperitivo con gli amici.

Vino e cibo

Di solo vino non si può vivere, ma vediamo in rapporto ad alcuni cibi che consumiamo quotidianamente quanto influisce sull’apporto energetico. Le calorie del piatto di pasta sono variabili, in base soprattutto al condimento, se consideriamo 100 grammi di pasta alla carbonara l’apporto energetico sarà di 380 kcal circa mentre per la pasta al sugo sono solo leggermente inferiori, fermandosi a 340. Come è lecito aspettarsi, per la carne di manzo le calorie sono inferiori, ovvero 136 per 100 grammi, mentre per la stessa quantità di petto di pollo si arriva a 114.

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status