5 consigli per arredare il bagno secondo il Feng Shui

Ultimo aggiornamento: 23.10.20

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

Dalla scelta dei colori e dello stile fino alla disposizione degli arredi: ecco i dettami di questa antica arte geomantica cinese.

 

Le arti divinatorie sono praticate fin dagli albori della civiltà e una delle più antiche, in uso ancora oggi a dispetto delle controversie sulla sua reale fondatezza, è la geomanzia. Quest’arte non ha confini, infatti è stata ed è tuttora praticata tanto in Occidente quanto in Oriente; la Cina, in particolar modo, nel corso dei secoli, ha affinato notevolmente la propria tradizione geomantica, il Feng Shui, al punto da influenzare fortemente le tradizioni geomantiche occidentali.

I principi del Feng Shui, al giorno d’oggi, sono applicati in svariati campi a partire dall’urbanistica e dall’architettura fino all’arredamento degli interni, alla localizzazione e all’edificazione delle tombe.

Dal momento che la geomanzia è un’arte divinatoria basata sulla Terra, inoltre, i punti cardinali, i cinque elementi primari che costituiscono la materia, i colori e le ley lines, cioè le correnti di energia che attraversano il pianeta, sono fattori che rivestono un’importanza primaria. Arredare il bagno secondo i principi del Feng Shui, quindi, significa innanzitutto porre particolare attenzione a questi elementi.

 

L’orientamento del bagno e la posizione degli arredi

Se la casa è ancora in fase di progettazione ci sono tutti i presupposti per orientare le diverse stanze dell’abitazione secondo i principi del Feng Shui. Il bagno, in particolare, deve trovarsi a Nord, perché questo punto cardinale è associato al colore Blu, il quale rappresenta l’elemento Acqua che è dominante nel bagno. 

Proprio per questa ragione, inoltre, il bagno non deve essere comunicante con la cucina, che essendo associata all’elemento Fuoco e al colore Rosso finirebbe col generare conflitti nei flussi di energia, che porterebbero a continue dispersioni.

Secondo le regole del Feng Shui il bagno non dovrebbe confinare direttamente nemmeno con le stanze da letto, in quanto potrebbe essere fonte di disturbo per il normale ciclo del sonno, né trovarsi in posizione centrale sulla pianta dell’abitazione, a meno che non sia adibito esclusivamente al lavaggio.

Come collocare arredi ed elettrodomestici

Per quanto concerne gli arredi, invece, l’unico suggerimento è quello di ridurre al minimo indispensabile le suppellettili del bagno, in quanto l’essenzialità è fondamentale per garantire ordine ed equilibrio armonico, permettendo all’energia di fluire il più liberamente e naturalmente possibile.

È molto importante, invece, che i sanitari, la doccia, la vasca e l’impianto idrico in generale, siano sempre perfettamente funzionanti. Le correnti d’acqua, infatti, sono una delle manifestazioni fisiche dei flussi energetici della Terra; di conseguenza le perdite equivalgono a delle dispersioni energetiche, e le incrostazioni di calcare alterano la linearità del getto d’acqua che esce dai rubinetti, introducendo elementi caotici che disturbano l’equilibrio armonico dei flussi di energia.

Lavandini, bidet e water, inoltre, devono trovarsi lontano dagli angoli, ed essere posizionati preferibilmente verso le zone centrali delle pareti; la vasca o il piatto doccia, invece, dovrebbero essere collocati al centro della stanza oppure, se bisogna installarli per forza a ridosso di una parete, seguire la stessa regola adottata per gli altri sanitari e stare nella zona centrale della parete.

I grandi elettrodomestici rappresentano l’unica nota stonata quando si tratta di seguire le regole del Feng Shui, perché sia le lavatrici sia i migliori scaldabagni elettrici istantanei devono per forza essere installati a ridosso delle tubazioni che li collegano all’impianto idrico. 

Se la casa è in fase di realizzazione si può ovviare adottando le opportune modifiche al progetto, ma per quelle già esistenti, purtroppo, si può soltanto cercare di armonizzare il più possibile l’ambiente collocando gli altri arredi in funzione alla posizione occupata dagli elettrodomestici.

 

Colori, linee, forme e materiali

Come abbiamo accennato in precedenza, il bagno è associato all’elemento Acqua e quindi al colore Blu, che rappresenta anche la benedizione celeste. Per i rivestimenti e le pitture del bagno, quindi, ma anche per gli arredi, gli oggetti decorativi e d’uso comune come gli asciugamani, gli accappatoi e perfino per i piccoli elettrodomestici usati in bagno, bisogna attenersi rigorosamente ai colori Bianco, Grigio Perla Chiaro e a tutte le sfumature di Blu, incluse quelle che virano sulle tonalità di Verde Chiaro e Verde Acqua. Il Verde Smeraldo, pur non essendo conflittuale è ammesso soltanto per le piante, di cui parleremo più avanti.

Sono assolutamente da evitare, invece, il Rosso e tutte le sue tonalità, nonché i colori caldi in generale; come abbiamo già accennato prima, infatti, il Rosso rappresenta l’elemento Fuoco e di conseguenza è fortemente conflittuale con l’ambiente del bagno.

Anche i materiali con cui sono realizzati gli arredi del bagno rivestono una certa importanza; i sanitari, la vasca e il piatto doccia per esempio, almeno secondo i pareri di coloro che seguono alla lettera i dettami del Feng Shui, dovrebbero essere rigorosamente in ceramica, oppure in metallo smaltato. Per i mobili, invece, è consigliato soprattutto il legno; le linee e le forme di sanitari e arredi, inoltre, devono essere arrotondate, in modo da richiamare il moto ondoso e le forme sinuose che assume l’acqua quando viene mossa dal vento.

I materiali di sintesi e gli arredi eccessivamente spigolosi, invece, secondo gli ortodossi del Feng Shui sono assolutamente da evitare; ma se avete deciso di acquistare dei sanitari in resina acrilica potete tranquillamente farlo, a patto che rispettino il colore e le forme adeguate.

 

Specchi e luci

La luce naturale gioca un ruolo chiave nell’irradiare l’energia, e per questa ragione il bagno dovrebbe essere il più luminoso possibile; se la stanza è dotata di ampie finestre tanto meglio, perché queste assicurano anche la corretta aerazione dell’ambiente. Evitate quindi i drappeggi scuri e usate tende chiare, possibilmente dalla trasparenza elevata; per l’illuminazione artificiale, invece, meglio adottare lampadine a luce fredda. Nessuna limitazione per quanto riguarda gli specchi, l’unica raccomandazione è quella di non posizionarli mai uno di fronte all’altro.

Le piante

Se avete spazio a sufficienza e il pollice verde, non trascurate l’idea di mettere qualche pianta qua e là; queste ultime aiutano a purificare l’aria e a eliminare i cattivi odori, inoltre infondono un senso di benessere generale in quanto sono elementi vivi e vitali dell’arredamento.

L’unica regola da seguire, in questo caso, è quella di prediligere la parete a Nord per il posizionamento e di scegliere piante tropicali, come l’aloe, il bambù, la felce, le begonie, le orchidee e il ficus per esempio, che prosperano più facilmente negli ambienti caldi e umidi.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status