Le 5 migliori caldaie a condensazione del 2020

Ultimo aggiornamento: 09.07.20

 

Caldaia a condensazione – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

La caldaia a condensazione, salvo rare deroghe, non è più una scelta ma, di fatto, un obbligo di legge. Le sue caratteristiche ecologiche la rendono di gran lunga preferibile a quelle tradizionali, ma ci sono diversi modelli in circolazione, con prezzi e caratteristiche differenti. È il tipo di acquisti che spesso si delega ai professionisti dell’installazione, ma saperne di più e scoprire che in Rete esistono offerte interessanti (che includono montaggio e manutenzione) potrebbe farvi cambiare idea. In cima alle nostre proposte trovate la Ferroli Bluehelix Tech rrt 24c, un modello in vendita a prezzo ragionevole e adatto a impianti a metano e gpl. Al secondo posto abbiamo selezionato il modello Ariston MLN3301021, prodotto dalla storica casa di produzione italiana.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere le migliori caldaie a condensazione?

 

Non è detto che la scelta della migliore caldaia a condensazione per il vostro ambiente debba essere delegata, senza se e senza ma, ai tecnici che si incaricheranno di installarla. Se siete completamente digiuni in materia, è più che giusto confrontarsi con dei professionisti, ma, come vi accorgerete leggendo questa guida, potete acquisire senza difficoltà alcuni elementi di valutazione e, magari, scegliere direttamente in Rete l’impianto che fa al caso vostro. 

Cos’è una caldaia a condensazione 

Cominciamo questo viaggio alla ricerca delle migliori caldaie a condensazione del 2020 con una fondamentale definizione. Le caldaie bruciano un combustibile (gasolio o, meglio, gas), sottraggono calore ai gas frutto della combustione, lo trasmettono all’acqua che circola nei radiatori, tramite uno “scambiatore di calore, per aumentare così la temperatura della nostra casa. 

Le caldaie a condensazione hanno però la capacità di condensare una percentuale maggiore del vapore contenuto nei gas di combustione, rendendo l’intero processo più efficiente, economico e, in conclusione, più ecologico. Come si è detto nell’introduzione, dal settembre 2015 la normativa Erp ha di fatto consegnato il mercato alle caldaie a condensazione, rendendole una scelta obbligata. 

In alcuni casi eccezionali è ancora possibile installare modelli a camera aperta, per esempio in caso di sostituzione in ambienti non compatibili con le caldaie a condensazione. L’incompatibilità, tuttavia, deve essere certificata da un tecnico abilitato e il prodotto scelto deve comunque rispettare alcuni parametri di legge.

 

La scelta giusta

Per scegliere quale caldaia a condensazione comprare occorre fare più di una valutazione. Per prima cosa, bisogna capire di quanta potenza necessitiamo. Ciò dipende, in gran parte, dai metri cubi da riscaldare, ma anche dal numero di persone che abitano nella casa e dalle loro abitudini di vita. Le caldaie, infatti, possono essere destinate al riscaldamento della casa, ma anche dell’acqua, o della sola acqua sanitaria, cioè quella usata per l’igiene personale. 

Solitamente, si indica in 24 Watt una potenza più che adeguata a un alloggio di circa 100 metri quadrati, per una famiglia di dimensione media. Naturalmente, la casa dovrebbe essere correttamente isolata, con infissi a doppi vetri e adeguata coibentazione. Inoltre, anche la collocazione geografica può avere il suo peso: non è lo stesso se abitate a più di mille metri sopra il livello del mare o sulle coste della Sardegna.

Come si leggerà nelle recensioni, molti modelli si adattano a essere installati sia all’esterno sia all’interno. Le installazioni all’aperto, in genere, devono prevedere una nicchia che protegga dalle intemperie e, naturalmente, bisogna tenere d’occhio i rischi provocati dalle temperature più basse.

I costo sul mercato possono variare, da prezzi bassi di circa 500 o 600 euro a cifre superiori ai mille euro. Le differenze riguardano sia la qualità del materiale idraulico e meccanico, sia la componente elettronica, quindi la possibilità di controllare e programmare, tramite applicazioni su cellulare o altro dispositivo mobile, il funzionamento e l’attività della caldaia.

Gli appassionati del Made in Italy possono essere contenti: sono molte le aziende nazionali impegnate, con successo, su questo mercato. Ariston, Baxi, Immergas, Beretta, sono alcuni dei marchi più noti e più venduti del settore. 

La valutazione economica

Per scegliere una buona caldaia a condensazione è essenziale considerarne il costo, che però non può limitarsi al prezzo di partenza. Anche per questa ragione è particolarmente importante valutare dove acquistare e da chi. Anche Amazon permette di entrare in contatto con aziende che si occupano delle indispensabili operazioni post-vendita.

Innanzi tutto, è probabile che abbiate bisogno di una installazione, che includa la prima accensione, il collaudo e il primo controllo dei fumi, e non è per nulla scontato che sia tutto incluso nel prezzo dell’acquisto. Inoltre, potreste decidere di aggiungere l’estensione della garanzia e l’assistenza programmata.

I costi variano non poco a seconda dell’azienda a cui vi affidate, ma, in generale, potete prevedere un costo tra i 50 e i 90 euro da pagare una tantum, a cui si somma un canone annuale che solitamente si aggira attorno ai 100 euro. 

Se si moltiplicano queste cifre per 4 o 5 anni, cioè il periodo di estensione della garanzia che avete scelto, si ottiene una cifra che va dai 500 ai 700 euro. Conviene? Improbabile, se si considera che una caldaia non dovrebbe avere bisogno di interventi straordinari nei primi anni di attività, e che i controlli dei fumi previsti dalla legge non dovrebbero essere più di due (al massimo) nel periodo di tempo considerato. Inoltre, a parità di kW prodotti, sarebbe sempre meglio optare per una caldaia a metano, rispetto a una a Gpl, perché il processo di combustione e di recupero del calore è molto più efficiente. 

Anche con la nuova caldaia avete freddo di notte in inverno? A volta una buona e calda trapunta risolve il problema!

 

Le 5 migliori caldaie a condensazione – Classifica 2020

 

 

1. Ferroli – Bluehelix Tech rrt 24c caldaia a condensazione

Principale vantaggio

Buona qualità a un prezzo accessibile: sono rispettati tutti gli standard di legge e la classe energetica A garantisce eventuali benefici fiscali (e risparmi sulla bolletta). Buona dotazione idraulica ed elettronica, struttura solida, adatta a metano e gpl senza bisogno di interventi aggiuntivi.

 

Principale svantaggio

Non si segnalano difetti macroscopici: alcuni test indipendenti misurano un po’ di pigrizia nel riscaldamento dell’acqua, compensata da una perfetta stabilità, anche con più rubinetti aperti.

 

Verdetto 9.8/10

Un buon acquisto, sicuro, che permette di rendere più efficiente ed economico il proprio impianto di riscaldamento. Prezzo adeguato, componenti aggiornati, non dispiacerebbe qualche novità sulla connettività. 

Acquista su Amazon.it (€899)

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Efficienza e affidabilità 

La caldaia a condensazione Bluehelix Tech Rrt 24 C è secondo noi un prodotto che merita di stare in cima ai consigli d’acquisto della sua categoria. Riesce a coniugare efficienza tecnica, risparmio al momento dell’acquisto e, cosa più importante, risparmio energetico. Il prodotto è in grado di funzionare sia a metano sia a GPL senza necessità di acquistare un kit di conversione o ugelli aggiuntivi.

Grazie al sistema scambiatore-bruciatore con porta autoraffreddata, la Ferroli ha reso più semplice ed economica la manutenzione. Il numero di parti da sostituire, infatti, è inferiore rispetto a molti prodotti concorrenti. Inoltre, lo Scambiatore Inox Dual (Pro) permette di avere lo scambiatore primario per riscaldamento e quello sanitario in acciaio inox integrati in un unico componente. 

Acqua calda, senza fretta

L’efficienza di funzionamento anche per l’uso sanitario è molto alta e raggiunge  il 94%. Tuttavia, secondo alcuni utenti, non è esattamente una scheggia quando si tratta di scaldare l’acqua, un problema che potrebbe però dipendere da fattori indipendenti. In compenso, è in grado di fornire un flusso continuo e temperatura stabile, anche con più rubinetti attivi. Secondo quanto testimoniato da clienti e installatori, la caldaia permette invece ai radiatori di raggiungere in tempi molto rapidi la temperatura desiderata. 

Dal punto di vista del consumo energetico, si parte dalla categoria A per riscaldamento e acqua calda, ma in abbinamento al comando remoto modulante e alla sonda esterna, acquisti opzionali, può raggiungere la classe di efficienza superiore A+. Test indipendenti certificano un consumo elettrico eccellente (vale a dire molto basso) a massimo carico, a regime estivo e anche in stand by. 

 

Attenti ai fumi

La caldaia Ferroli sembra convincere in tema di sicurezza, ma appena un po’ meno sul fronte della facilità di utilizzo. Siamo comunque su buoni livelli, che forse potevano beneficiare di istruzioni un po’ più dettagliate. Buone notizie dal punto di vista delle emissioni e dei fumi. Le misurazioni sono ottime per l’ossido di azoto (NOx) e molto buone per il monossido di carbonio (il più insidioso). 

Tutti i parametri sono visibili e regolabili dall’ampio pannello a cristalli liquidi. L’azienda tiene molto a sottolineare il sistema MC2 (Multi Combustion Control), vale a dire il suo nuovo sistema di combustione brevettato per una migliore adattabilità di utilizzo al “variare delle condizioni della rete gas”, quali per esempio una riduzione della pressione o fluttuazioni.

In generale, dovrebbe adattarsi bene sia a un impianto autonomo sia a sistemi collettivi fumari in pressione, grazie alla valvola clapet, vale a dire antiriflusso, prevista di serie. È compatibile anche con impianti a pannelli solari. Può essere installata anche all’esterno, purché in una zona sufficientemente riparata.

 

Acquista su Amazon.it (€832,07)

 

 

 

2. Ariston MLN3301021 caldaia a condensazione

 

Un modello della storica azienda Ariston, molto attiva nel settore. La AristonClas One24 è una caldaia murale a gas metano, per riscaldamento e uso sanitario (acqua calda). È caratterizzata da un eccellente rapporto prezzo qualità: ottimi sia i componenti idraulici sia quelli elettronici.

Lo scambiatore XtraTech in acciaio inossidabile, una esclusiva Ariston, garantisce una maggiore efficienza energetica. Lo scambiatore è infatti lo strumento fondamentale con cui lavora una caldaia, attraverso il quale il calore della combustione del gas è trasmesso all’acqua che circola nei radiatori. Maggiore efficienza significa tempi di riscaldamento più rapidi e minore dispersione. 

Notevole anche il rapporto di modulazione, calcolato in 1:7, che misura il range tra potenza massima e minima. Un rapporto alto significa maggiore efficienza quando l’impianto non è a pieno regime, cioè per la maggior parte dell’anno. Con l’abbinamento a un termostato regolabile di nuova generazione, come spesso accade, la classe energetica per il riscaldamento può passare ad A+. 

In realtà, sul fronte del consumo elettrico generale, Ariston potrebbe fare qualcosa di più, ma bisogna considerare l’ottimo display LCD e la predisposizione alla connettività che consente di usare le app Ariston Net e Acqua Ariston Net per la regolazione, anche online, dei valori della caldaia.

Test indipendenti dimostrano buoni esiti nella misurazione delle emissioni, discreta rapidità nel riscaldamento dell’acqua, che riesce a conservare bene la temperatura anche in presenza di più utenze. Il modello è predisposto anche per pannelli solari ed è in regola con le norme in vigore sugli impianti. Abbiamo sintetizzato vantaggi e svantaggi di questo modello Ariston nella tabella che trovate qui rappresentato. 

Pro
Efficienza energetica:

la classe energetica è A, ma può salire ad A+ con l’abbinamento a un termostato regolabile di nuova generazione.

Connettività:

la caldaia è predisposta per collegarsi alle app di Ariston per il controllo remoto delle funzioni e dei valori. 

Emissioni sotto controllo:

test indipendenti hanno misurato buoni punteggi nell’emissione di monossido di carbonio e ossidi di azoto.

Contro
Consumo elettrico:

forse a causa della dotazione elettronica, il consumo elettrico (da non confondersi con la classe energetica) non è tra i più bassi.

Acquista su Amazon.it (€880,9)

 

 

 

3. Vaillant EcoTec VMW 286/5-3 + caldaia a condensazione

 

La Caldaia a condensazione Murale Vaillant EcoTEC VMW 286/5-3 è un modello pensato per l’alimentazione a metano, per riscaldamento e uso sanitario. Ha dimensioni piuttosto compatte (72 cm in altezza e 35 in profondità) rispetto a prodotti concorrenti, ed è progettata per installazione interna. La classe energetica è A sia per il riscaldamento dell’acqua sia degli ambienti. A questo proposito, il prodotto Vaillant si dimostra rapido e costante nel fare uscire dai rubinetti acqua calda e a reggere l’uso da parte di più utenti.

Il controllo delle emissioni di monossido di carbonio, secondo alcuni test indipendenti, ha margini di miglioramento, mentre sfiora già la perfezione il controllo sugli ossidi di azoto. Buone notizie anche dal fronte del consumo elettrico. A pieno regime, la caldaia usa un po’ di corrente in più, ma quando non è a massimo carico, in stand by e da spenta è efficientissima. Ebbene sì, un po’ di elettricità si consuma anche a caldaia spenta: se possibile bisognerebbe avere una leva sul quadro elettrico della casa per staccare totalmente l’impianto. 

Tecnici e clienti confermano, infine, la semplicità di installazione e, soprattutto, dell’uso. Un display retroilluminato permette di controllare agevolmente il funzionamento della caldaia. La potenza nominale è più che adeguata per un appartamento di un centinaio di metri quadri, e anche una casa su più livelli. Naturalmente, consigliamo sempre il sopralluogo di un tecnico prima dell’acquisto, anche per verificare la compatibilità degli impianti. I pro e i contro di questo modello sono riassunti nella tabella qui sotto, per un rapido colpo d’occhio.

Pro
Dimensioni compatte:

a parità di potenza, un po’ più piccola della media, per adattarsi facilmente a qualunque ambiente.

Consumo elettrico:

il consumo elettrico è complessivamente buono, anche se, secondo test indipendenti, potrebbe essere più efficiente in fase di Massimo carico.

Facilità d’uso:

il modello Vaillant è piuttosto semplice da usare e anche gli installatori si dicono soddisfatti.

Contro
Da interno:

consigliato soprattutto per installazione interna, nel rispetto di tutte le norme vigenti in materia.

Acquista su Amazon.it (€1297,7)

 

 

 

4. Immergas Victrix 32 ERP caldaia a condensazione

 

Ecco un’ottima caldaia prodotta dalla italiana Immergas. Questo specifico modello è di classe A sia per la funzione di riscaldamento degli ambienti sia per quella sanitaria. In caso di sostituzione di un vecchio modello non a condensazione permette quindi l’accesso ai benefici fiscali. È pensata per alimentazione a metano, ma è dotata di valvola di serie che consente di adattarla, senza kit aggiuntivi, anche al gpl.

La potenza in kilowatt permette tranquillamente di coprire una superficie superiore ai 200 metri quadrati e si adatta anche a case su più livelli. Tecnici e clienti certificano rapidità e stabilità nell’erogazione di acqua calda, anche con più rubinetti aperti, e nel riscaldamento dei termosifoni. È particolarmente efficace la app Dominus per la regolazione delle funzioni e dei valori della caldaia anche via Wi-Fi. Test e tecnici indipendenti testimoniano una buona gestione dei fumi di scarico, con limitate emissioni nocive.

Per questo il prodotto è premiato con la Classe ecologica 5, la più alta per il contenimento di ossidi di azoto, spesso contrassegnati con la sigla NOX. L’alto range di modulazione permette un rendimento particolarmente efficiente in tutte le stagioni, incluse quelle in cui gli impianti non funzionano a massimo carico. I consumi elettrici, invece, non si possono considerare tra i più bassi. Può essere installata agevolmente all’interno e all’esterno, garantita a temperature fino 5 gradi sotto zero. Abbiamo diviso per punti, nella tabella che leggete qui sotto, gli elementi positivi e negativi che caratterizzano questo modello della Immergas.

Pro
Efficienza energetica:

la caldaia è etichettata come classe A sia per il riscaldamento sia per l’uso sanitario. Condizione indispensabile per eventuale bonus fiscale.

Basse emissioni:

le emissioni nocive di ossidi di azoto sono molto basse. Promossa anche per quanto riguarda il monossido di carbonio.

App Dominus:

la caldaia è predisposta per interagire con l’app Dominus, per spegnere, regolare, controllare le funzioni dell’impianto.

Contro
Consumi elettrici:

il consumo di elettricità, a caldaia spenta, in stand by e in piena attività, hanno margini di miglioramento.

Acquista su Amazon.it (€1218)

 

 

 

5. Junkers 410-ZWB24RE caldaia a condensazione

 

Questo modello di caldaia a condensazione della Junkers-Bosch è un prodotto di buona qualità, anche se un po’ meno duttile rispetto al concorrente al vertice della classifica. Nasce per essere alimentata a metano, anche se è possibile adattarla a gpl con l’acquisto di un kit di conversione e l’intervento di uno specialista. In compenso, è predisposta per integrarsi con un impianto a pannelli solari. 

Il prezzo è relativamente contenuto. Se ne trovano venduti online a meno di 800 euro, e il modello può essere collocato esternamente, ma solo rispettando alcune indispensabili condizioni di installazione.

Si tratta di un prodotto pensato per avere una lunga vita. A questo proposito i produttori sottolineano la presenza di uno scambiatore di calore bitermico, in accaio inox inossidabile. Il rapporto di modulazione dichiarato è 1:3. Con questo valore si misura il rapporto tra potenza massima della caldaia e potenza minima. Più il rapporto è alto, migliore sarà il rendimento energetico finale della caldaia quando non è spinta al massimo, vale a dire in primavera, estate e autunno.

La classe energetica non è superlativa: per il riscaldamento è classificata B, mentre è A per l’uso sanitario. Secondo i pareri di tecnici e clienti, è in grado di coprire tranquillamente le esigenze di un appartamento di circa 100 metri quadrati, ma prima dell’acquisto è sempre consigliabile il rilevamento di un tecnico.

Modesta la dotazione per la regolazione dell’impianto in remoto. Qualche utente lamenta la vendita a parte dei flessibili, mentre è incluso il kit di scarico dei fumi. Rivediamo nella tabella qui sotto tutti i principali punti a favore e contro l’acquisto di questo prodotto.

Pro
Rapporto qualità prezzo:

prestazioni dignitose a un prezzo medio più che avvicinabile rispetto al tipo di prodotto.

Silenziosa ed efficiente:

i clienti si ritengono soddisfatti. Un modello silenzioso e facile da usare.

Contro
Classe energetica:

per il riscaldamento, questo prodotto Bosh-Junkers raggiunge solo la categoria B. Meglio per l’uso sanitario, categoria A. 

Connettività:

non è previsto un sistema di regolazione e controllo a distanza tramite Internet o altri strumenti di domotica. 

Acquista su Amazon.it (€641,76)

 

 

 

Come usare le caldaie a condensazione

 

Le caldaie a condensazione, così come quelle tradizionali, hanno bisogno di controlli e manutenzione, con una frequenza minima stabilita dalla legge. Dovrete affidarvi, per questo, a professionisti e ditte specializzate, ma è bene sapere in anticipo quali sono le regole vigenti, che variano in base al numero di abitanti dei comuni e, anche, alle normative specifiche delle regioni. 

Per questo, nella nostra guida per scegliere la migliore caldaia a condensazione, abbiamo inserito qualche suggerimento legale, accanto ad alcuni accorgimenti che possono migliorare l’impianto di riscaldamento.

Le regole di manutenzione

Secondo il regolamento in materia di controlli sull’efficienza energetica, in vigore dal  2013, gli impianti domestici con potenza superiore ai 10 e inferiore a 100 kW, a gas metano o GPL, devono essere sottoposti a controlli ogni quattro anni. Nel caso di impianti a combustibile solido o liquido, le verifiche devono eseguirsi ogni due anni.

Queste sono le regole generali, ma potrebbero variare se abitate in regioni o province autonome che abbiano legiferato in materia. È il caso, per esempio, di Liguria, Piemonte, Val d’Aosta, Trentino, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Puglia e Sicilia.

Le regole cambiano, inoltre, per comuni al di sopra o al di sotto dei quarantamila abitanti. Per non sbagliare, insomma, la cosa migliore da fare è consultare lo Sportello Energia del Comune o della Provincia di appartenenza. Spesso, le informazioni necessarie si trovano anche online. 

Si consiglia di rispettare le scadenze previste per legge, sia perché verificare l’efficienza della caldaia e la qualità delle emissioni dei fumi asseconda un nostro interesse economico e sanitario, sia perché eventuali trasgressioni sono sanzionate con multe salate. 

Le autorità competenti fanno controlli a campione e, nel caso vengano a bussare alla vostra porta, dovrete esibire la documentazione necessaria per certificare l’avvenuto controllo, tramite ricevute o libretto di manutenzione.

 

Riscaldamento più efficiente

Prima di valutare come scegliere una buona caldaia a condensazione, può essere utile considerare in quale tipo di ambiente la inseriremo. Per ridurre al minimo i consumi, infatti, esistono alcuni accorgimenti che si possono prendere, soprattutto se state per trasferirvi in una casa da ristrutturare. 

Il fabbisogno di calore di un ambiente è misurato in kW per metro cubo. Si considera che 0,05 kW/m3 sia un valore adeguato alla maggioranza delle persone. Questa misura può ulteriormente scendere a 0,03 kW se l’ambiente è ben isolato, o salire a 0,08 kW se l’edificio è vecchio e poco manutenuto.

Il cambio degli infissi, benché costoso, potrebbe essere l’intervento più semplice. La soluzione migliore è costituita da modelli con doppi o addirittura tripli vetri e guarnizioni antispiffero. Per fare economia, è possibile cambiare le sole guarnizioni dei vostri vecchi infissi. 

Il tetto è uno dei principali responsabili della dispersione del calore. Si calcola che da esso possa dipendere poco meno di un terzo della conservazione di calore di una casa. Sul tetto è  possibile intervenire sia sulle falde sia nel sottotetto, ma sono operazioni complesse e costose.

Non meno complicati sono i lavori sulle pareti, che si possono coprire con materiali isolanti quali polistirolo, lana di vetro, schiume isolanti e altro. Infine, il pavimento: dopo avere rimosso piastrelle o parquet e massetto, la soletta può essere coperta da materiale isolante, a cui aggiungere tubi di riscaldamento.

La scelta dei radiatori

Il riscaldamento sui pavimenti sembra essere uno dei più efficienti, ma è più probabile che nelle vostre case siano installati normali termosifoni. I più diffusi nelle vecchie case sono quelli in ghisa, anche se oggi si preferiscono soluzioni alternative.

L’accoppiamento con caldaie a condensazione non è dei migliori. Questo perché erano stati pensati per altri tipi di impianto e progettati per lavorare a elevate temperature (70-75 gradi). Tuttavia, prima di prendere una decisione, è meglio consultare un tecnico. Si potrebbe scoprire che i nostri termosifoni in ghisa possono comunque funzionare bene, soprattutto se hanno dimensioni molto capienti.

Non c’è dubbio, tuttavia, che, potendo scegliere, sia meglio orientarsi verso i caloriferi in alluminio, che sono anche un prodotto più economico. Questo tipo di termosifone inizia a rilasciare calore a temperature abbastanza basse, ed è quindi possibile riscaldare quasi istantaneamente un ambiente freddo, un’opzione utile negli ambienti soggetti a sbalzi di temperatura a causa della posizione geografica o all’uso di elettrodomestici quali forni e fornelli.

Un’alternativa un po’ più costosa, ma molto gettonata negli ultimi anni, è costituita dai termosifoni in acciaio. Sono venduti come autentici termoarredi e, generalmente, occupano un’ampia superficie in altezza, proprio per essere efficienti nell’accoppiamento con caldaie a condensazione. 

 

 

 

Domande frequenti 

 

Sono previste detrazioni fiscali per l’acquisto di caldaie a condensazione?

Poiché le caldaie a condensazione comportano una riduzione dei consumi e quindi un minore impatto ambientale, ogni anno sono previsti bonus fiscali per chi decide di passare a questa tecnologia.

È sempre meglio verificare le condizioni in corso, ma la caldaia deve essere rigorosamente di classe A. È possibile accedere a un rimborso del 50% per l’acquisto di una caldaia a condensazione, ma si può arrivare anche al 65% se si abbina un sistema di termoregolazione di ultima generazione.

Le detrazioni fiscali necessitano di fatture d’acquisto e ricevute dei pagamenti in forme tracciabili: tramite bonifico, carta di credito, bancomat o carta di debito e altre forme previste.

 

Le caldaie a condensazione hanno bisogno di un kit per i fumi specifico?

I gas di scarico, che nei vecchi modelli erano eliminati direttamente dopo la fase di combustione, nelle caldaie a condensazione compiono un secondo passaggio, ed è in questo modo che il loro calore è parzialmente recuperato e reimmesso nell’impianto di riscaldamento.

Per questa ragione, è necessario un kit per fumi con caratteristiche specifiche. Quando la caldaia è installata all’interno della casa e non c’è canna fumaria, bisogna ricorrere a un kit coassiale, costituito da un tubo in grado di attraversare il muro per scaricare i fumi all’esterno. Lo scarico a parete deve rispettare alcune regole fondamentali, per non procurare disturbo a vicini di casa e all’ambiente circostante. In effetti, se possibile, sarebbe meglio evitarlo, perché peggiora le condizioni igieniche anche della propria abitazione, ed è infatti severamente regolamentato.

Nei condomini, invece, dove vive la maggior parte di noi, c’è quasi sempre una canna fumaria. In questo caso, occorre un kit, cosiddetto, sdoppiato, composto cioè da due tubazioni, una con il compito di aspirare l’aria e l’altra addetta allo scarico. Entrambe si infilano nella canna fumaria.

 

Come funzionano le caldaie a condensazione e perché sono più efficienti?

Le caldaie a condensazione, in pratica, permettono di recuperare una parte del calore disperso durante il processo di combustione. Nella camera stagna della caldaia, infatti, entrano aria e gas per essere bruciati. Il calore prodotto dalla combustione è usato per riscaldare l’acqua che circola poi nei termosifoni. Il processo di combustione produce però fumi caldi che, nelle caldaie normali, salgono naturalmente verso l’alto e sono espulsi. 

La caldaia a condensazione recupera una parte di quei fumi, li riporta allo stato liquido tramite raffreddamento e quindi li utilizza per il preriscaldamento dell’acqua fredda che torna dai termosifoni.

La comparazione con i vecchi sistemi, in ogni caso, è operazione puramente accademica: le attuali norme sugli impianti di riscaldamento non lasciano spazio a dubbi e obbligano anche i produttori a uniformarsi. Le deroghe sono pochissime e devono essere certificate.

 

Cosa sono i miscelatori e le valvole termostatiche?

Parliamo di due elementi essenziali per il funzionamento del riscaldamento. I Miscelatori portano l’acqua calda proveniente dalla caldaia all’impianto di riscaldamento o a quello dell’acqua per uso sanitario. Quando apriamo un rubinetto di acqua calda, con riscaldamento attivo, il miscelatore si “preoccupa” di privilegiare questa richiesta, rispetto all’impianto generale. 

Le valvole termostatiche, come potrebbe suggerire il nome, servono proprio a conservare la temperatura richiesta, limitando al minimo i consumi. Quando è raggiunta la temperatura voluta, la valvola riduce la circolazione di acqua nei termosifoni. Se si scende sotto la soglia desiderata, al contrario, aumenterà il flusso. Le caldaie a condensazione necessitano di valvole e miscelatori appositi, che ne assecondino il funzionamento con le basse temperature.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Caldaia a condensazione – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

Le caldaie a condensazione stanno lentamente ma inesorabilmente sostituendo i vecchi modelli convenzionali, grazie alla loro maggiore efficienza energetica; se avete deciso di sostituire la vostra caldaia con una di nuovo tipo, quindi, ma non siete ancora riusciti a sceglierne una adatta, la nostra guida vi aiuterà fornendovi ulteriori informazioni in merito. Abbiamo anche esaminato da vicino tre delle migliori caldaie a condensazione del 2020, secondo le opinioni degli acquirenti, selezionate tra tutte quelle disponibili nella fascia dei prodotti a basso costo. Tra queste si fanno notare soprattutto la Beretta 20113788, dall’ottimo rapporto qualità-prezzo e dotata di una buona potenza e facile da installare,e la Junkers-Bosch Condens 2000 W, meno prestante ma dal prezzo decisamente conveniente.

 

 

Come scegliere le migliori caldaie a condensazione del 2020?

 

Nelle caldaie tradizionali, soltanto una percentuale del calore dei fumi di combustione viene usata per riscaldare l’acqua, mentre sia il vapore acqueo frutto del processo di combustione, sia quello latente associato, vengono dispersi nell’atmosfera attraverso il camino, andando quindi persi.

Le caldaie a condensazione, invece, recuperano una buona parte del calore latente dei fumi prima che questi vengano espulsi dal camino, il calore recuperato, quindi, viene utilizzato per preriscaldare l’acqua di ritorno dell’impianto termico; questo si traduce in un minore impatto ambientale, dato che la temperatura dei fumi emessi dal camino è decisamente inferiore rispetto a una caldaia tradizionale, e in una maggiore efficienza energetica, visto che l’acqua in ingresso è già stata preriscaldata, e quindi richiede minor calore per tornare alla temperatura di esercizio.

Le caldaie a condensazione, quindi, hanno il pregio di ridurre i consumi elettrici e anche le emissioni di ossidi di azoto e monossido di carbonio, offrendo sia il vantaggio economico sia quello ambientale ed ecologico, ragion per cui sempre più persone stanno passando a questo tipo di tecnologia.

Questo passaggio, però, avviene gradualmente dato che il costo di questi dispositivi è ancora abbastanza elevato rispetto a quelli tradizionali; anche mantenendosi sulla fascia dei prodotti a basso costo, infatti, non è facile trovare un modello accessibile per tutti, soprattutto quelli dalla potenza maggiore, che possono raggiungere i 140 o 160 kiloWatt.

Mantenendosi sui modelli più compatti però, che non oltrepassano i 30 kiloWatt di potenza, è possibile trovare delle ottime caldaie, progettate appositamente per soddisfare le esigenze di impianti di piccola e media grandezza, o per nuclei familiari non troppo numerosi; bisogna stare sempre attenti, però, a verificare che il modello scelto sia effettivamente conveniente, a seconda della ditta produttrice, infatti, determinati accessori primari possono essere inclusi nel prezzo oppure acquistabili separatamente, e quindi incidere sulla spesa complessiva.

 

Le 3 Migliori Caldaie a Condensazione – Classifica 2020

 

1. Beretta 20113788

 

Tra le migliori caldaie a condensazione dell’anno, questo modello si distingue per il suo prezzo molto interessante che la rende accessibile a chi non ha un budget particolarmente elevato. Dispone di una potenza nominale di 24 kW, più che sufficienti per attivare il riscaldamento e ottenere l’acqua calda senza dover aspettare. 

La classe energetica sul sanitario A permette di risparmiare non poco, mentre bisogna fare un po’ di attenzione sul riscaldamento in quanto la classe energetica B è piuttosto bassa. Il prodotto è consigliato infatti per un’abitazione dove si accende il riscaldamento la sera quando si rientra a casa e nel weekend. 

Secondo i pareri degli utenti, l’installazione è abbastanza semplice e può essere eseguita anche senza l’aiuto di un tecnico. Se siete interessati e volete acquistare il prodotto, vi basterà cliccare sul link del negozio che trovate qui di seguito. 

Pro
Potente:

Arriva a ben 24 kW di potenza nominale che consentono di attivare i riscaldamenti e l’acqua calda sanitaria senza dover aspettare. Ideale per un appartamento abitato da una coppia o da una famiglia. 

Installazione:

A detta degli utenti che l’hanno provata, questa caldaia è abbastanza semplice da montare, quindi con un po’ di pazienza e dimestichezza nel fai da te si potrà sistemarla in casa senza l’aiuto di un tecnico.

Prezzo:

Non si trovano tutti i giorni caldaie a condensazione così economiche. Il costo basso del prodotto vi permette di passare dalla vecchia caldaia ad una nuova senza spendere troppo.

Contro
Classe energetica:

Sebbene per l’acqua sanitaria la classe sia buona, lo stesso non si può dire per quella del riscaldamento. La classe energetica B infatti non permette di tenere acceso il riscaldamento tutto il giorno per tutta la settimana, a meno che non si vogliano ricevere bollette davvero salate. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Junkers 410-ZWB24RE Caldaia

 

Anche la caldaia a condensazione Condens 2000 W, prodotta dalla consociata Junkers-Bosch, è un modello alimentato a metano, ma ha il vantaggio di essere venduta completa del kit fumi e, inoltre, è possibile trasformarla a GPL acquistando, a parte, l’apposito kit di conversione.

A parte l’ottimo rapporto qualità-prezzo, la Condens 2000 W è un dispositivo che offre un buon livello di robustezza e affidabilità, grazie allo scambiatore primario bitermico, realizzato in acciaio inox, e al recuperatore secondario in lega di alluminio e silicio; la sua efficienza non è ai livelli della caldaia Vaillant descritta in precedenza, ma è comunque tale da farla rientrare nelle classi da A a G per quanto riguarda il rendimento energetico.

Gli acquirenti la ritengono una buona caldaia, economica e affidabile grazie alla presenza dell’elettronica Bosch, semplice da usare e abbastanza silenziosa; adatta da installare negli impianti delle case di media grandezza.

Acquista su Amazon.it (€641,76)

 

 

 

3. Baxi Caldaia a Gas A Condensazione Luna3 Avant+

 

La Luna3 Avant+ è la nuova versione a condensazione delle caldaie convenzionali Luna3, prodotte dalla ditta italiana Baxi; è una caldaia murale adatta alla sostituzione in impianti ad alta temperatura, alimentata a metano ma predisposta al montaggio di un kit specifico di conversione per il GPL.

È un modello da 24 kiloWatt di potenza che produce acqua calda sanitaria e provvede anche all’impianto di riscaldamento, è fatta con buoni materiali, solida e affidabile, inoltre è dotata anche degli adeguati sistemi di protezioni e sicurezza richiesti dalle normative vigenti.

Rientra nelle classi A e B di efficienza energetica e ha un profilo di carico XL, ma la caratteristica che gli acquirenti hanno apprezzato di più è il costo; ma il kit fumi va comprato a parte e, a seconda dell’impianto, anche i tubi di collegamento dato che quelli forniti non sono ampiamente compatibili, andando a incidere notevolmente sulla spesa finale.

Acquista su Amazon.it (€825)

 

 

 

Domande frequenti

 

Quale canna fumaria occorre per la caldaia a condensazione? 

Per prima cosa è bene che si punti a canne fumarie realizzate in plastica, questo perché i fumi di questa tipologia di caldaie sono più acidi rispetto a quelli prodotti dai modelli tradizionali. Per il tipo di condotti di intubamento è bene puntare a modelli espressamente consigliati dal produttore oppure che presentano le seguenti specifiche: classe W di resistenza a condensa e P1 per quel che riguarda la pressione.

 

Dove si può installare la caldaia a condensazione?

La caldaia può essere collocata sia internamente che all’esterno. Importante è che si sia predisposto un adeguato sistema di scarico a tetto. Ad eccezione del locale garage si possono collocare dentro casa, soluzione consigliata o all’esterno.

La prima opzione è da preferire perché si consuma meno e l’oggetto è più protetto e facilmente gestibile.

 

Come funziona una caldaia a condensazione?

Attraverso un sistema di riscaldamento l’acqua viene riscaldata. La differenza sta tutta nella gestione e nell’utilizzo dei fumi. Grazie a un sistema di gestione e ricircolo si sfrutta il vapore acqueo prodotto dai casa come ulteriore fonte di calore, massimizzando così i benefici e riducendo di molto lo spreco energetico. In questo modo si vede come in un’ottica di risparmio e di gestione energetica la caldaia a condensazione rappresenta una via logica e sensata per la produzione di acqua calda.

 

La caldaia a condensazione è obbligatoria?

Il 26 settembre 2015 segna la data ultima entro la quale i produttori di caldaie tradizionali devono interrompere la produzione di questo tipo, allineandosi quindi alle direttive che puntano a una migliore gestione energetica e anche a un risparmio in termini di spesa in bolletta. Detto ciò l’utente può anche acquistare un tipo di caldaia differente, avendo cura però che la data di fabbricazione corrisponda a un periodo precedente il 26 settembre 2016. 

 

La caldaia a condensazione dà diritto a sgravi fiscali?

Fino a data 31 dicembre 2020 la legge prevede la possibilità di beneficiare di sgravi fiscali con una variazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie con un tetto massimo che tocca il 65% nel caso di lavori di risparmio energetico. Aumentando il livello energetico della propria abitazione si può beneficiare dunque di una detrazione sia sull’imposta sul reddito delle persone fisiche sia per ditte. 

Le spese ammesse includono sia il costo dell’installazione sia la spesa per le prestazioni professionali di chi, de facto, ha realizzato il tutto. Discorso simile per chi ristruttura un edificio residenziale o le sue parti comuni, con una percentuale che si aggira sul 50% delle spese sostenute.

 

Vaillant 0010018500 Caldaia Murale a Condensazione con Produzione ACS

 

La caldaia a condensazione ecoTEC pro è realizzata dalla nota ditta tedesca Vaillant, uno dei brand di punta in questo settore di produzione, ed è un modello murale da 28 kiloWatt, abilitato anche alla produzione ACS, cioè di Acqua Calda Sanitaria.

È alimentata a metano e possiede un’elevata efficienza di sistema, grazie alla quale rientra abbondantemente nella classe A e, se abbinata a una termoregolazione di classe VI, come vSmart per esempio, può raggiungere perfino la classe A+ sulla tabella del rendimento energetico; le sue dimensioni compatte ne facilitano di molto la collocazione in qualsiasi ambiente, senza problemi, anche esternamente e sui piccoli balconi.

Il kit fumi, i filtri anticalcare, il defangatore e altri eventuali accessori, però, vanno acquistati separatamente; fatta eccezione per questo piccolo dettaglio, che per alcuni potrebbe incidere sulla spesa complessiva da sostenere, gli acquirenti la considerano una caldaia eccellente, soprattutto per chi ha l’impianto a metano.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Bibliografia
1- Installazione Caldaia a Condensazione
2- Caldaie a condensazione, come funziona la detrazione fiscale
3- Caldaia ad elevata efficienza
4- Caldaia a gas tradizionale e a condensazione
5- A quali distanze possono essere installate le caldaie?

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
43 Comments
Il più vecchio
Il più nuovo Il più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Spaggiari
Spaggiari
July 5, 2019 9:57 am

Devo sostituire la caldaia istallata nel 1999 (Ocean mod.”Luna”), quale mi consigliereste, in rapporto qualità prezzo, per 1 maisonette di 70mq al piano terra? Ho serie difficoltà nel rintracciare un istallatore visto che tutti mi propongono solo prodotti forniti da loro…grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
July 6, 2019 8:24 pm
Reply to  Spaggiari

Salve, Dper un appartamento di quelle dimensioni va più che bene una caldaia a condensazione da 20 kW, progettata per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Basterebbe anche una caldaia da appena 14 kW, ma di solito con questa potenza sono predisposte soltanto per il riscaldamento. Per quanto riguarda il modello specifico da installare, invece, se ti sei trovato bene con la Ocean potresti sostituirla tranquillamente con un modello dello stesso tipo prodotto dal nuovo brand; infatti l’Ocean Group ha ceduto la linea delle caldaie al BAXI Group tedesco, che ne sta continuando la produzione. Le caldaie… Read more »

Tiziana
Tiziana
September 5, 2019 2:27 pm

Sto valutando una caldaia veissman che a detta del tecnico dovrebbero essere di qualità superiori a quelle riportate in questo articolo. Sapete aiutarmi in questa decisione??? Attualmente ho una vaillant

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
September 7, 2019 7:30 pm
Reply to  Tiziana

Salve Tiziana,

Viessmann è un grosso gruppo tedesco e non dovresti avere problemi. Di quale modello stai parlando esattamente?

Saluti

Sandro
Sandro
September 16, 2019 10:56 pm

Buonasera,
Il mio tecnico mi ha proposto un ariston clas one 24 a condensazione per una casa da scaldare su due piani di 200 mq e acqua sanitaria.
Volevo un consiglio sulla qualità della tipologia di caldaia e se 24 kw sono adeguati o meno.
Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
September 18, 2019 7:39 pm
Reply to  Sandro

Salve Sandro, La Ariston Clas One è una caldaia eccellente, ed essendo un modello a condensazione è anche estremamente efficiente. La camera chiusa, infatti, permette di recuperare il calore dei fumi di scarico; una normale caldaia a camera aperta da 24 kW sarebbe risultata insufficiente per riscaldare 200 metri quadrati su due piani, proprio a causa della dispersione di una gran quantità di calore attraverso i fumi di scarico, ma con la Clas One non avrai assolutamente alcun problema. Se alla spesa aggiungi anche il termostato Cube S Net inoltre, prodotto sempre da Ariston, potrai gestire la caldaia tramite Wi-Fi… Read more »

Pasquale
Pasquale
October 3, 2019 7:23 am

Buongiorno.
Devo sostituire la vecchia caldaia SIME Mistral 31/50 CE (riscaldamento e acqua calda sanitaria, potenza nominale 34,4 KW) dopo 20 anni di onorato servizio.
Ho contattato due ditte che reputo serie, le quali mi propongono rispettivamente i modelli:
– SIME Brava Slim HE 30/55 Erp
– VIESSMANN Vitodens 222W da 35KW
Comprendendo anche installazione, collaudo e documentazione per la detrazione fiscale, il costo della seconda ammonta a circa il doppio della prima.
Cosa ne pensate?
Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
October 5, 2019 8:48 pm
Reply to  Pasquale

Salve Pasquale, la SIME è una buona caldaia e anche più economica rispetto alla Viessmann. Entrambe le caldaie, inoltre, sono soggette alla detrazione fiscale massima (65%) se abbinate a un sistema di termoregolazione di classe VI. Il costo superiore della Viessmann, però, è dovuto al fatto che i prodotti di questa azienda tedesca rappresentano lo State-of-the-Art nel campo delle caldaie e degli impianti di riscaldamento, al top sia per quanto riguarda le prestazioni (la Vitodens 222W è capace di erogare la stessa quantità di acqua calda di una caldaia dalle caratteristiche analoghe, ma con un bollitore dalla capacità nettamente inferiore,… Read more »

Vincenzo
Vincenzo
October 8, 2019 8:51 pm

Buonasera siccome devo cambiare la caldaia . Ho un impianto normale , con termosifoni di ghisa . Non so quale caldaia comprare tra Ariston, atag e atlantic. Mi potreste aiutare ? Grazie. Ho una casa di 140 metri quadrati .

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
October 10, 2019 7:44 pm
Reply to  Vincenzo

Salve Vincenzo, intanto sarebbe bene specificare cosa si intende per “normale” e se l’attributo è riferito al tipo di alimentazione, e cioè a metano oppure a propano, oppure al tipo di caldaia, cioè a camera aperta oppure a condensazione. In ogni caso, per andare sul sicuro ti consigliamo le caldaie prodotte da Ariston, che hanno raggiunto eccellenti standard di efficienza e risparmio energetico; per quanto riguarda le dimensioni dell’abitazione, per 140 mq è meglio optare per un modello da 28 kW di potenza, in modo da poter riscaldare sia l’acqua del circuito dei termosifoni sia quella per uso sanitario. Tornando… Read more »

massimo
massimo
October 18, 2019 1:48 pm

cerco istallatori in provincia di Milano che accettino la cessione del credito in cambio dello sconto immediato

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
October 19, 2019 3:01 pm
Reply to  massimo

Salve Massimo,

riceviamo e volentieri pubblichiamo la tua richiesta.

Saluti

Davide
Davide
November 1, 2019 6:51 pm

Ciao volevo cambiare la caldaia, ho 110mq e l’impianto a pavimento voglio spendere poco e avere risparmio sulla bolletta cosa mi consigli? Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 2, 2019 5:47 pm
Reply to  Davide

Salve Davide,

il nostro consiglio è di valutare una Ferroli Divacondens F24, una caldaia a condensazione alimentata a metano che costa relativamente poco, che è possibile convertire per l’alimentazione a GPL o aria propanata (eventualmente), che ha una elevata efficienza energetica (classe A nella produzione di acqua calda sanitaria e B nel riscaldamento), che è dotata di funzione ECO per risparmiare ulteriormente nel periodo di scarso utilizzo dell’acqua calda ed è predisposta anche per l’abbinamento al cronocomando remoto modulante e a un impianto solare termico.

Saluti

Silvia
Silvia
November 5, 2019 8:25 pm

Devo cambiare la caldaia urgentemente e mi hanno proposto una junkers bosch cerapur balcony per esterno..è valido come prodotto?Resistente alle intemperie?grazie.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 7, 2019 6:26 pm
Reply to  Silvia

Salve Silvia,

confermiamo che la Junkers-Bosch che hai indicato è un’ottima caldaia a condensazione, specifica per l’installazione esterna.
Ovviamente esistono delle alternative, in alcuni casi perfino superiori in termini di qualità e risparmio energetico (come la Viessmann Vitodens 100-E per esempio), ma ovviamente sono caratterizzate da un prezzo più alto.
La Junkers-Bosch Cerapur Balcony è meno prestante per quanto riguarda la tabella ErP del risparmio energetico, ma ha il pregio di possedere un prezzo più abbordabile rispetto alle caldaie da esterno più virtuose.

Saluti

Francesco
Francesco
November 9, 2019 2:00 pm

Devo cambiare caldaia , stata proposta una condensazione E.On serena .
Che è esattamente caldaia Savio mod. Inoxdens che è esattamente la caldaia E.On Serena.
Volevo qualche consiglio, suggerimenti.
Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 11, 2019 9:14 pm
Reply to  Francesco

Salve Francesco, le caldaie segnalate sono prodotte da due ditte diverse, la Inoxdens HE è prodotta dalla ditta Savio mentre la Serena è prodotta dalla E.On Energia. Entrambi i modelli possiedono ottime caratteristiche e sono disponibili nella versione da 25 kW di potenza, ma ovviamente hanno prezzi diversi (750 euro circa la Inoxdens e quasi 900 euro la Serena). Per quanto riguarda le prestazioni sono entrambe delle eccellenti caldaie, quindi il consiglio è quello di scegliere il modello che ritieni più conveniente dal punto di vista del prezzo (facendo attenzione a calcolare anche le eventuali spese aggiuntive per l’installazione ed… Read more »

Alberto
Alberto
February 17, 2020 1:10 pm

Non ho trovato niente riguardo la Serena prodotta da E.On,potreste fornirmi qualche info?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
February 18, 2020 7:09 pm
Reply to  Alberto

Puoi consultare direttamente il sito del produttore nella pagina relativa alla caldaia a condensazione; nella pagina, come vedi, a parte le caratteristiche c’è anche una finestra dove puoi chiedere il preventivo. Per ulteriore assistenza in merito e per conoscere i punti vendita, invece, ti basta andare sulla loro pagina dei contatti dove troverai i numeri di telefono del servizio clienti; quelli per gli impianti residenziali sono segnati nel riquadro rosso, mentre gli altri sono destinati per l’assistenza alle imprese e ai professionisti.

Alberto
Alberto
February 18, 2020 10:47 pm

A me sembra prodotta dalla Biasi ed esattamente il modello Basica Cond.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
February 20, 2020 7:07 pm
Reply to  Alberto

Sarebbe utile sapere a quale modello di caldaia ti riferisci nello specifico, visto che nell’articolo pubblicato ne abbiamo segnalate tre (una Beretta, una Junkers-Bosch e una Baxi).
In ogni caso le caratteristiche possedute dalle caldaie a condensazione sono simili per tutti i modelli, indipendentemente dalla ditta costruttrice, e le differenze risiedono soltanto nelle specifiche tecnologie proprietarie utilizzate da ogni singolo produttore. In termini di potenza, prestazioni ed efficienza, quindi, le variazioni sono minime, mentre cambiano sostanzialmente l’affidabilità del prodotto (in termini di tecnologia e durata) e il livello di assistenza al cliente offerto dalla ditta.

Alberto
Alberto
February 23, 2020 10:10 am

La E.On non produce caldaie,si affida alla Bsg di Pordenone,si tatta di capire a che modello esatto corrisponde,che sia Biasi o Savio.

Alberto
Alberto
February 23, 2020 10:12 am
Reply to  Francesco

Buongiorno Francesco,lei è sicuro che si tratti della Inoxdens?Me la devono montare ma si negano di darmi ulteriori info su questa Serena 25.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
February 24, 2020 7:15 pm
Reply to  Alberto

La Inoxdens a cui ti riferisci è prodotta dalla Savio, e non è tra le caldaie esaminate in questo articolo; ciò non toglie che sia un buon prodotto di fascia media, meno efficiente nei consumi ma più economica rispetto alle caldaie di fascia alta. Per quanto riguarda il costruttore specifico della Serena 25, non è dato saperlo nemmeno a noi, purtroppo, visto che alcune aziende non forniscono dati sui loro fornitori OEM. Non crediamo però che questo sia rilevante per la qualità del prodotto in sé; ma se non ti fidi puoi sempre rivolgerti a una ditta notoriamente più affidabile… Read more »

Alberto
Alberto
April 3, 2020 4:39 am

La cadaia Serena 25 che mi hanno appena montato è esattamente la Biasi Rinova RiNnova cond plus ovvero la Savio INOXDENS HE.

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
April 3, 2020 8:10 pm
Reply to  Alberto

Salve Alberto,

grazie del tuo intervento!

Saluti

Team BeE

Luca Di Filippo
Luca Di Filippo
April 13, 2020 12:09 am
Reply to  Alberto

Ciao Alberto anche io dovrei cambiare la caldaia,visto che sono cliente eon sia luce che gas avevo optato per la serena 24kw che offrono loro,prezzo 882€ compreso montaggio +termostato intelligente,tutto pagabile anke a rate a tasso 0,son 4 anni che ho acquistato questa casetta di 80mq,su due livelli con all’interno una viessman vitopend100,se no erro è stata montata nel 2001,quindi ha lavorato per circa 19 anni,penso che abbia lavorato più del dovuto,non so se in questi anni sia stata riparata o altro,immagino di sì visto la lunga durata,comunque ultimamente ho problemi di pressione,sicuramente con problemi allo scambiatore,sarà’ pieno di calcare… Read more »

Alberto
Alberto
April 17, 2020 7:54 am

Ciao,montata il 31/03,al momento tutto ok,la caldaia è silenziosissima,produce acqua calda quasi istantaneamente,al quel prezzo da fare subito.Cmq se vuoi info la caldaia è una Biasi rinova cond plus rimarchiata.

Luca
Luca
April 15, 2020 6:13 pm
Reply to  Alberto

Ma questa caldaia Che offre Eon supporta anche l’impianto a pavimento?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
April 17, 2020 3:21 pm
Reply to  Luca

Salve Luca,

non conosciamo questa caldaia, sappiamo che E.ON in genere fa fare dei sopralluoghi oppure, compilando un piccolo form in cui spieghi che tipo di impianto hai, saranno loro a ricontattarti. Prova qui: https://www.eon-energia.com/clima/climasmart-casa/caldaia-a-condensazione.html?utm_source=google&utm_medium=cpc&gclid=CjwKCAjwp-X0BRAFEiwAheRui3fRNLDX4v-MUW_FkGzb8KU01mhOblvYJ5rECF8xq91sMnTRIdXhLRoCYlEQAvD_BwE

Saluti

Team BeE

Alberto
Alberto
April 17, 2020 3:41 pm
Reply to  Luca

Assolutamente si,sono cadaie a condensazione in tutto e per tutto,da esterno o interno e di diverse potenze.

Salvatore Tafuri4
Salvatore Tafuri4
November 20, 2019 10:58 am

Salve devo cambiare la caldaia al mio appartamento grandezza 162m calpestabili. Mi hanno consiglato l’ariston ALTEAS ONE NET 35Kw opure la Viessmann 100E 35Kw quale delle 2 mi consigliate voi e quanto si può spendere grazie del consiglio

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 21, 2019 8:16 pm

Salvatore, le caldaie a condensazione che ti hanno consigliato sono entrambe ottime, in quanto hanno lo stesso rendimento energetico stagionale: dal 98% al 109%. La differenza di prezzo tra le due caldaie, però, è notevole; la Ariston costa circa 1.400 euro mentre la Viessmann 100E arriva a ben 2.400 euro. Quest’ultima, infatti, è caratterizzata da una migliore qualità strutturale e da alcuni sistemi tecnologici all’avanguardia, come il software di simulazione Vitotronic 200. Tra le due caldaie la Viessmann rappresenta di certo l’eccellenza, ma la sua tecnologia sarebbe pienamente sfruttabile in termini di risparmio energetico soprattutto se combinata con altri impianti… Read more »

giaffred
giaffred
November 26, 2019 3:14 pm

Salve devo sostituire la caldaia da esterno poichè ad ogni temporale la scheda salta inevitabilmente e sembra essere un difetto della caldaia o della scheda. Mi hanno proposto una italtherm city open 25k cosa ne pensa? grazie saluti

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 28, 2019 8:49 am
Reply to  giaffred

Buongiorno, on la City Open 25 K dovresti andare sul sicuro per quanto riguarda le condizioni atmosferiche estreme in termini di temperature, perché la Italtherm l’ha progettata apposta a questo scopo; ci sembra di capire, però, che il tuo problema è di natura elettrica più che climatica. Durante i temporali ci sono fulmini, scariche spurie e sbalzi di tensione improvvisi. Quindi sarebbe utile prima di tutto chiedere il parere di un buon elettricista impiantista, descrivendogli il problema e cercando di capire se è il caso di inserire una protezione aggiuntiva contro i picchi tra la caldaia e la rete elettrica.… Read more »

Anikif
Anikif
February 10, 2020 9:58 pm

Buonasera. Abbiamo fatto il controllo della caldaia ed è risultato che il problema di pressione che abbiamo con l’acqua calda è dovuto al deposito di calcare nello scambiatore. Il tecnico ci ha consigliato 3 strade( premettendo che ha consigliato comunque di installare un dosatore di polifosfati essendo l’acqua della zona molto calcarea): 1. Cambiare caldaia. Quella attuale è una Beretta del 2012 tradizionale. Abbiamo una casa a schiera di 160mq totali. Utilizzo della caldaia sia sanitari che riscaldamento. Cosa consigliate? 2. Cambiare il pezzo degli scambiatori 3. Trovare un idraulico che ( e solo per 1 volta) faccia la pulitura… Read more »

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
February 12, 2020 3:56 pm
Reply to  Anikif

Salve, ci sembra di capire che la caldaia in questione ha maturato già 8 anni di onorato servizio, quindi questa potrebbe essere l’occasione giusta per sostituirla con un modello nuovo dai consumi ridotti. Questa scelta, però, è subordinata anche alla possibilità economica, ma procediamo con ordine. Per quanto riguarda l’idraulico in provincia di Bergamo, puoi cercare quello più vicino al tuo comune di residenza direttamente da questo elenco disponibile sul sito di PagineGialle. La sostituzione degli scambiatori, invece, è un’alternativa da prendere in considerazione soltanto se il costo complessivo tra l’acquisto del pezzo e la sua installazione risulta inferiore a… Read more »

Anikif
Anikif
February 12, 2020 8:06 pm

Grazie dei consigli e della pronta risposta. Per chi come me non se ne intende siete un ottimo aiuto

felice
felice
July 6, 2020 2:55 pm
devo sostituire una caldaia con una a condensazione come funziona la detrazione fiscale cosa devo fare
Lucio
Admin
July 7, 2020 8:43 am
Reply to  felice

Buongiorno Felice,
abbiamo recentemente scritto un articolo di approfondimento proprio sul bonus e sugli sgravi fiscali relativi all’acquisto di una caldaia a condensazione. Ti invitiamo dunque a leggerlo (lo trovi cliccando qui) certi che vi troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno. Buona giornata dal Teak di BeE

felice
felice
July 6, 2020 2:57 pm

una caldaia cosmogas mydens p 34 a condensazione e una buona caldaia

Lucio
Admin
July 7, 2020 8:57 am
Reply to  felice

Salve Felice, il modello di caldaia di cui parli è sicuramente molto interessante e qui di seguito ti elenchiamo i motivi che ci spingono a fare questa affermazione, cominciando dalle dimensioni molto contenute che rendono semplice trovarle una collocazione e installarla. La semplicità coinvolge anche chi la utilizza, vista la presenza di comandi intuitivi, e la manutenzione (grazie all’accesso frontale). Ma la caratteristica tecnica da sottolineare della Mydens P34 è lo scambiatore in titanio che garantisce una circolazione variabile e inversa, il che si traduce – per semplificare – in un rendimento superiore alla media nonché in un significativo risparmio… Read more »

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status