fbpx
×
  • Il miglior aspirapolvere
  • Gli aspirapolvere e le scope elettriche con il sacco hanno i giorni contati?
  • Aspirapolvere senza filo e con filo: quali le differenze e quale conviene acquistare
  • Aspiracenere
  • Aspiraliquidi
  • Bidone aspiratutto
  • Mini aspirapolvere
  • Robot
  • Panno per aspirapolvere a vapore
  • Sacchetto per aspirapolvere
  • Il miglior aspirapolvere

    Ultimo aggiornamento: 16.10.19

    Aspirapolvere – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

     

    Le possibilità di scelta, quando si deve acquistare un nuovo aspirapolvere, sono tante. All’interno di ogni categoria di prodotto (aspirapolvere a traino con o senza sacchetto, scopa elettrica con filo o a batteria ricaricabile, aspirapolvere portatile ciclonico, etc…) ci sono tipologie e modelli diversi in grado di rispondere più o meno alle nostre esigenze. In base ai pareri online espressi dagli utenti e all’utilità che statisticamente ogni aspirapolvere dimostra di avere, abbiamo stilato la nostra classifica. Il miglior aspirapolvere è per noi il Bosch GL-30 (mod. BGL3A209) a traino, equilibrio perfetto tra prestazioni, prezzo e qualità, al secondo posto il Dyson V11 Absolute che, nonostante il prezzo salato, rappresenta lo stato dell’arte delle scope elettriche cicloniche ricaricabili e in terza posizione la scopa elettrica Míele Swing H1 Electro Ecoline, fra le poche a filo e con sacchetto a vantare una spazzola motorizzata con la quale pulire in modo approfondito i tappeti e la moquette.

     

    Tabella comparativa

     

    Pregio
    Difetto
    Conclusione
    Offerte

     

    Come scegliere il miglior aspirapolvere

     

    Si fa presto a dire aspirapolvere! Ma quanti tipi di aspirapolvere esistono? E quale o quali sono più confacenti alle nostre esigenze? Non esiste una risposta definitiva a queste domande, né una migliore marca in assoluto, ma modelli che, per alcuni utilizzi e in determinate situazioni, si rivelano più utili ed efficaci di altri. Chi ha animali in casa, come cani e gatti che perdono continuamente pelo, ha di solito esigenze diverse da chi ricorre all’aspirapolvere per rimuovere semplicemente lo sporco e i capelli che ogni giorno si accumulano sul pavimento.

    È bene quindi possedere almeno un paio di aspirapolvere, di diverso tipo, per far fronte a pulizie a seconda dei casi superficiali, profonde oppure “in mobilità”.

    Nell’articolo che segue prenderemo in esame i tipi di aspirapolvere più venduti, tra quelli presenti sul mercato, e per ognuno vi indicheremo pregi e difetti. Quando avrete finito di leggere la nostra guida mercato, non avrete più dubbi su quali sono i migliori aspirapolvere del 2019 e saprete quale aspirapolvere comprare. Leggendo le recensioni di ogni prodotto troverete inoltri utili consigli d’acquisto.

     

     

    Guida all’acquisto

     

    Le normative UE in termini di consumi ed efficienza energetica

    Prima di passare in rassegna i vari tipi di aspirapolvere, conviene fornire qualche informazione sulle direttive europee che dal 1 settembre 2017 fissano i limiti di potenza, di consumo energetico annuo e rumorosità, oltre a obbligare i produttori a fornire ai consumatori finali indicazioni chiare circa l’efficienza dei loro elettrodomestici sulle superfici dure, sui tappeti e via dicendo.

    Più nel dettaglio, gli aspirapolvere alimentati a corrente devono contenere la potenza nominale in ingresso entro un massimo di 900 watt (il limite precedente era di 1.600 watt). Quanto al consumo energetico, si passa da un massimo tollerato di 62,0 KWh/anno a un massimo di 43 KWh/anno. Tutto ciò sia per rispettare l’ambiente, sia per consentirvi di risparmiare soldi in bolletta. Con queste nuove norme si stima infatti un risparmio annuo, legato all’uso dell’aspirapolvere, di circa 70 euro per famiglia, valore per nulla trascurabile. Anche la rumorosità è meno tollerata rispetto al passato: il limite è stato infatti fissato a 80 dB (decibel).  

    Non meno stringenti le disposizioni in merito all’efficienza pratica dei vari apparecchi i cui motori dovranno durare un minimo di 500 ore, mentre i tubi flessibili resistere ad almeno 40.000 oscillazioni in tensione. Per quanto riguarda l’aspirazione e la capacità dei vari aspirapolvere e scope elettriche di trattenere al loro interno amche le polveri più sottili, grazie ai famosi filtri HEPA o di altro tipo, il massimo consentito in riemissione è dell’1% della sporcizia aspirata.      

     

    Aspirapolvere a traino (con e senza sacchetto)

    Si chiamano “aspirapolvere a traino” quelli il cui corpo motore, dotato di due o più ruote, vi segue mentre aspirate il pavimento, gli imbottiti e le superfici sopraelevate come mensole e librerie. La stragrande maggioranza degli aspirapolvere a traino (detti anche “a carrello”) va collegata alla presa a muro e alimentata a corrente elettrica a 220 V. Ciò vi garantisce prestazioni e potenze aspiranti al top e, in molti casi, anche una buona silenziosità. Chi progetta aspirapolvere a traino di solito non ha la necessità di contenere al massimo le dimensioni dei motori come invece accade, per esempio, con le scope elettriche. Motori discretamente grandi esprimono buone se non ottime capacità aspiranti anche a regolazioni intermedie di potenza, consentendo di mantenere basso il numero di giri per minuto, quindi la rumorosità. I cavi, sempre piuttosto lunghi, non rappresenteranno inoltre un ostacolo durante le operazioni di pulizia.

    Se vi state chiedendo quanto sia comodo un aspirapolvere a traino, provate a osservare il tubo di prolunga flessibile e quello rigido a cui di solito è fissata la spazzola per i pavimenti o  per il parquet, o la lancia per le fughe. Sono entrambi molto sottili! Ciò si traduce nella possibilità di arrivare a pulire praticamente ovunque. Con un aspirapolvere a traino infatti, potrete raggiungere ogni punto della casa aspirando senza fatica sotto i letti, sopra e sotto i mobili e negli spazi talvolta ristretti che si formano fra questi e le pareti. Il trasporto del corpo motore, grazie alle ruote, non è per nulla faticoso anzi dimenticherete quasi di averlo dietro.

    Quali sono allora i punti deboli di un aspirapolvere a traino? Fondamentalmente due: il maggior ingombro, se messo a confronto con quello di una scopa elettrica, il che non li rende particolarmente indicati per gli spazi e gli appartamenti piccoli; la scarsa praticità quando si devono pulire le scale. L’unico modo infatti per pulire dislivelli e scalini con un aspirapolvere a traino è quello di sollevare il corpo motore tenendolo per la maniglia. Un espediente che può andar bene all’utenza giovane, risultare invece scomoda se non pericolosa per le persone un po’ avanti negli anni.

    C’è infine un altro elemento che distingue i vari aspirapolvere a traino: il sacchetto. Alcuni ne sono dotati, costringendovi alla sostituzione non appena si riempiono. Altri invece dispongono di contenitori rimovibili da svuotare quando colmi o quando si nota un calo di potenza ed efficienza complessiva dell’apparecchio. Nel primo caso, la sostituzione obbliga all’acquisto di sacchetti di ricambio originali o compatibili (mediamente a un euro per pezzo), nel secondo non è prevista alcuna spesa. Detta così, la seconda soluzione potrebbe apparire quella vincente e per molti utenti lo è. Altri invece preferiscono evitare ogni contatto con la sporcizia buttando il sacchetto pieno nella pattumiera e inserendo nell’apposito vano del corpo motore quello nuovo.

    Occorre infine fare un riferimento alle dimensioni perché esistono aspirapolvere a traino di grandezza molto contenuta, quasi fossero apparecchi portatili. Sono da prendere in considerazione se il vostro appartamento è piccolo o se intendete usarlo anche in garage o per pulire l’autovettura oppure portarlo con voi in vacanza per aspirare la polvere dal camper o dalla barca. Va da sé che gli aspirapolvere più piccoli montano motori più piccoli e quindi meno potenti (e a volte anche più rumorosi).       

     

    Scopa elettrica con filo (con e senza sacchetto)

    È la principale alternativa all’aspirapolvere a traino dal quale la scopa elettrica con filo, quindi da alimentare alla presa di corrente, si discosta per le più piccole dimensioni e la maggiore praticità, almeno in determinate condizioni operative. Una scopa elettrica concentra infatti in un unico corpo tutti i componenti da cui è composta: motore, cassetto di raccolta della polvere o sacchetto, manico e testina di pulizia (spazzola per le piastrelle, setole morbide per il parquet e via dicendo). Alcuni modelli sono scomponibili nel senso che permettono di separare il manico dal corpo. Questo, a volte, può essere indossato a tracolla, trasformando di fatto la scopa elettrica in un aspirapolvere portatile da usare, in abbinamento a un tubo flessibile, anche per pulire le superfici sopraelevate. Fatte queste premesse, le scope elettriche con filo sono comode perché vi permettono di muovervi agevolmente. Il corpo, per quanto sottile, non consente però di pulire in ogni punto della casa. Restano quasi sempre escluse le porzioni di pavimento che si trovano sotto i letti e i mobili più bassi.

    Per quanto riguarda la potenza di aspirazione, le scope elettriche con filo lottano quasi ad armi pari con gli aspirapolvere a traino. Anche se non raggiungono i livelli di aspirazione (quasi esagerati) dei migliori modelli a carrello, sono comunque in grado di garantire eccellenti interventi di pulizia.

    Anche nel caso delle scope elettriche con filo, l’elemento che distingue le due principali tipologie è il sacchetto. Se comprate una scopa elettrica con sacchetto mettete in conto di dover periodicamente acquistare i sacchetti di ricambio. Più aspirate, più velocemente questi si riempiono. Non spaventatevi però perché, a meno che non siate veri e propri maniaci della pulizia, un sacchetto di dimensioni medie può durare anche qualche mese.

    Se puntate invece a una scopa elettrica senza sacchetto, il più delle volte basate su tecnologia di aspirazione ciclonica, allora il problema non si pone. Potrete usarla quanto vorrete e preoccuparvi di svuotare il cassetto di raccolta della polvere quando questo avrà raggiunto livelli critici. Se sono meglio le une o le altre è difficile dirlo. Le scope con sacco si svuotano all’istante, senza entrare minimamente a contatto con lo sporco. Con le altre dovrete invece abituarvi a vedere polvere e sporco cadere nella pattumiera. Nulla di che, sia chiaro. È tutta questione di abitudine.

    Scopa elettrica senza filo e senza sacchetto

    Possedere una scopa elettrica leggera, maneggevole, senza filo e senza sacchetto è un po’ il sogno di tutti. Cos’altro chiedere a un aspirapolvere che ci segue in ogni punto della casa senza che il suo cavo elettrico sia d’intralcio, che si svuota della polvere accumulata in pochi attimi e che non ci appesantisce il braccio? Null’altro. La buona notizia è che prodotti simili esistono, quella meno buona è che, almeno per il momento, il prezzo da pagare per tanta comodità non è soltanto economico. Le scope elettriche cicloniche, ricaricabili e senza sacchetto, per quanto comode, mostrano qualche limite. Le prime domande che ci si pone riguardano infatti la potenza di aspirazione e la durata delle batterie ricaricabili.         

    Queste, malgrado abbiano negli ultimi anni compiuto passi da gigante, non garantiscono la stessa capacità aspirante di una scopa elettrica alimentata a corrente. Le scope elettriche senza filo e senza sacchetto adottano motori diversi, più piccoli, e non sono in grado di eguagliare la potenza delle scope tradizionali. Queste ultime infatti, stando alle ultime normative europee, anche se non possono superare i 900 watt di potenza, generano flussi d’aria in ingresso di oltre 25 litri per secondo. Una scopa a batteria raggiunge al massimo una potenza equivalente di 50, 60 watt.

    In questa differenza risiede il motivo che spinge i produttori di scope cordless a esprimere la potenza dei motori adottati non in watt (W) ma in volt (V), facendo riferimento alla tensione (differenza di potenziale) che è in grado di generare la batteria ricaricabile. Anche se il valore in volt dice poco sulla potenza di aspirazione della scopa, non si commette un errore se a tensioni superiori si associano efficienze maggiori.

    Quanto appena esposto non ha affatto lo scopo di indirizzare la vostra scelta su scope elettriche con il filo, perché diverse cordless vantano prestazioni non indifferenti e più che adeguate alla pulizia quotidiana di ambienti medio-piccoli. Ciò grazie alla tecnologia ciclonica e alle spazzole motorizzate, contenenti cioè delle setole rotanti, quasi sempre offerte in dotazione.

    Un’altra domanda ricorrente quando si parla di scope elettriche cicloniche senza cavo riguarda la durata delle batterie. Per quanti minuti potrete aspirare alla massima potenza prima che la vostra nuova scopa elettrica si spenga costringendovi all’attesa della ricarica? Se leggete le recensioni online di chi utilizza questo tipo di elettrodomestico, vi accorgerete che la durata dichiarata tende a quella reale solo nei primi mesi d’uso. Dopo, in seguito a ripetuti cicli di carica e scarica, l’autonomia della scopa tende a diminuire.

    Così come tende a diminuire la potenza aspirante. Questo perché i valori forniti dai produttori vengono ottenuti in condizioni ideali e le durate dichiarate quasi sempre si riferiscono alla più bassa potenza di aspirazione. Detto questo, si deve considerare che non tutte le batterie sono uguali e che ce ne sono di migliori e di più economiche. Sta ai vari produttori accettare il giusto compromesso fra costi di produzione e prestazioni. La gran parte dei nomi più famosi vi metterà a disposizione scope elettriche ricaricabili che, se utilizzate ogni giorno, potranno fornirvi prestazioni soddisfacenti per tempi anche piuttosto lunghi. E qualora la batteria dovesse perdere colpi, potrete sostituirla sempre con una nuova di zecca.     

     

    Cosa significa aspirapolvere ciclonico

    Diversi modelli di aspirapolvere a traino e scope elettriche senza sacchetto, con o senza filo (a batteria ricaricabile), si affidano alla tecnologia di aspirazione ciclonica che l’ingegnere inglese James Dyson applicò, nel 1984, dopo aver registrato una serie infinita di brevetti, agli aspirapolvere domestici.

    In oltre trent’anni, la stessa tecnologia ha subito continui miglioramenti tanto che oggi consente, con grande efficacia, di separare la quasi totalità della polvere e dello sporco dall’aria aspirata depositandoli nel contenitore apposito. Il tutto con un’azione dei filtri sempre più limitata, a tutto vantaggio della loro durata nel tempo.  

    L’aria in ingresso, carica di sporcizia, segue velocemente percorsi a spirale, detti cicloni, che generano la forza centrifuga necessaria a separare i detriti solidi. La tecnologia ciclonica consente in primo luogo di progettare aspirapolvere senza sacchetto, con conseguente risparmio di soldi sul suo ricambio. Il secondo vantaggio è una diretta conseguenza del primo: l’assenza del sacchetto rende più efficace l’aspirazione eliminando qualsiasi calo di prestazioni. Ciò vale a patto che il cassetto raccogli polvere sia periodicamente svuotato.

    A trarre vantaggio da un buon aspirapolvere che sfrutta la tecnologia ciclonica sono soprattutto i soggetti allergici agli acari della polvere, alla forfora del gatto e del cane, ai pollini e via dicendo. I cicloni infatti, ripulendo quasi totalmente l’aria in ingresso, consentono di emettere nuovamente aria pulita, a vantaggio anche del comfort ambientale.

    I pochi residui sfuggiti alla rotazione dell’aria – di solito i più piccoli – vengono infine arrestati dal o dai filtri presenti nei vari modelli: siano essi HEPA o di altro tipo vanno lavati con regolarità e sostituiti ogni due, tre mesi. Se osservate gli aspirapolvere a carrello e le scope elettriche cicloniche in commercio, noterete che alcune dispongono di un solo cono (tecnologia mono-ciclonica), altre di più coni rovesciati (tecnologia multi-ciclonica). Gli aspirapolvere multi-ciclonici riescono a generare una maggiore potenza di aspirazione e a sviluppare una maggiore capacità di separare la polvere dall’aria in uscita: circa il 95% contro il 75% dei mono-ciclonici.  

    Aspirapolvere portatili (con e senza filo) e bidoni aspiratutto

    Oltre alle categorie di aspirapolvere appena trattate, ne esistono altre due altrettanto richieste e utili. Sono gli aspirapolvere portatili e i cosiddetti “bidoni aspiratutto”.

    I primi sono piccoli, leggeri e maneggevoli. Si trasportano ovunque e sono perfetti per pulire l’auto, il camper, la roulotte e la barca. Utilizzati in casa, si prestano invece a raggiungere i punti sopraelevati (come ripiani e mensole) o a pulire i divani. Alcuni modelli, quelli meno potenti, sono invece pensati per aspirare la tovaglia dopo aver mangiato. Per questo motivo sono detti “aspirabriciole”. Esistono davvero tanti tipi di aspirapolvere portatili. Noi vi consigliamo di acquistarne uno buono che possa aspirare non solo briciole di pane e biscotti, ma anche lo sporco più ostinato. Fatta eccezione per alcuni modelli con filo, gli aspirapolvere portatili sono di solito a batteria al litio ricaricabile e sfruttano la tecnologia ciclonica. Di conseguenza sono senza sacco limitando parecchio i costi di esercizio. Dal punto di vista tecnico, vanno trattati come le scope elettriche cicloniche senza filo e senza sacchetto, con pro e contro che ne derivano (potenza aspirante, autonomia della batteria, peso, maneggevolezza e via dicendo).

    Discorso a parte meritano i bidoni aspiratutto, così chiamati perché oltre ai solidi possono, in molti casi, aspirare anche i liquidi. Con queste premesse sono perfetti per rassettare gli ambienti dopo aver eseguito lavori di falegnameria o muratura. Il contenitore raccoglipolvere – il bidone per l’appunto – è di solito caratterizzato da una grande capienza (oltre 15 litri) consentendo di pulire anche per ore prima di svuotarlo.

    Come gli aspirapolvere a carrello, sono dotati di ruote e vanno trainati tenendoli per il tubo flessibile e per quello telescopico. I bidoni aspiratutto fanno della praticità d’uso un autentico punto di forza, soprattutto se sono venduti insieme a diverse spazzole o accessori. Prendete in considerazione di acquistarne uno se avete un garage, una cantina, un giardino o qualunque spazio che richieda di essere pulito senza andare troppo per il sottile. Le potenze erogate di solito sono buone.

    La pulizia dei tappeti e della moquette

    Pulire con l’aspirapolvere sui tappeti non è come farlo sui pavimenti duri (piastrelle, pietra, vinile, resina o parquet). Potreste passare dal pavimento al tappeto senza batter ciglio, utilizzando cioè la stessa spazzola, ma i risultati sarebbero tutt’altro che garantiti, soprattutto se i tappeti in vostro possesso sono a pelo medio o lungo. Questi sono rinomati infatti per la facilità con cui si riempiono di peli e capelli.

    Il più delle volte, la normale spazzola peggiora solo la situazione: lanugine, peli di animali domestici e capelli, spostati in avanti e indietro, finirebbero per incastrarsi definitivamente nelle loro trame. Né è sufficiente ritrarre le setole per rimuoverli: la sola forza aspirante del motore, anche se intensa, continuerebbe a rivelarsi insufficiente.

    La pulizia dei tappeti richiede infatti un aspirapolvere ad hoc (il cosiddetto battitappeto) oppure un accessorio specifico da usare con la propria scopa elettrica (con o senza filo) o aspirapolvere a traino. Comprarne uno dedicato, cioè un battitappeto, è una soluzione efficace ma costosa. Acquistare invece un aspirapolvere che, fra gli accessori, preveda una spazzola motorizzata, è secondo noi la mossa più intelligente.

    Non è un caso che la gran parte delle scope elettriche ricaricabili integrino nella testina di pulizia una spazzola motorizzata ossia rotante. Di tutti i modelli che vi proponiamo in questo servizio, vi suggeriamo in particolare la scopa elettrica Míele Swing H1 Electro EcoLine perché progettato per chi ha uno o più tappeti in casa. È, come potete leggere nella recensione dedicata, una scopa elettrica con filo e con sacchetto – nel pieno rispetto della filosofia Míele – che vi permette sfruttando la spazzola motorizzata e l’infinita autonomia che solo una scopa elettrica con filo può garantirvi, di rimuovere dal tappeto ogni tipo di sporco, dai detriti ai peli.

    Il termine “Electro” contenuto nel nome fa riferimento alla spazzola interna che ruotando ad alta velocità cattura peli e capelli pulendo in profondità il tappeto. Mettete tuttavia in conto che, qualunque aspirapolvere dotato di spazzola motorizzata scegliate, vi costringerà alla pulizia manuale o mediante appositi strumenti della stessa.

     

    I migliori aspirapolvere del 2019

     

    Dopo avervi descritto per sommi capi i vari tipi venduti online e spiegato come scegliere un buon aspirapolvere, ne abbiamo selezionati alcuni per una comparazione – otto in tutto – che rappresento al meglio le categorie trattate. Se non sapere quindi dove acquistare il vostro modello ideale, sfruttate i link presenti nelle recensioni che seguono e procedete in tutta serenità con l’ordine.

    Più precisamente, vi offriamo descrizione, pro e contro di aspirapolvere a traino con filo, scope elettriche con filo e con sacchetto, scope elettriche con filo e senza sacchetto, scope elettriche cicloniche ricaricabili (senza filo e senza sacco), aspirapolvere portatili da usare all’occorrenza anche come aspirabriciole e, infine, bidoni aspiratutto. Potrete in questo modo confrontare i prezzi dei modelli proposti e acquistare quello che per voi è il migliore.

     

    Prodotti raccomandati

     

    Bosch GL-30 (mod. BGL3A209)

     

    Come la gran parte dei prodotti dell’azienda tedesca, anche l’aspirapolvere Bosch GL-30 a traino bada alla sostanza. Con un assorbimento energetico moderato di 600 watt, assicura una potenza aspirante equivalente a quella di un aspirapolvere da 2.500 watt. La regolazione avviene mediante una manopola che ruota di 180°.

    Le varie tacche indicano il minimo, il massimo e le potenze ideali per gli imbottiti, i tappeti e i pavimenti (compresi i parquet). Di aspetto essenziale, basato su un corpo per metà bianco, per metà nero, dispone di un insolito tubo flessibile in tessuto anziché in plastica, più resistente e studiato per sopportare anche i movimenti più bruschi. Lo spostamento del corpo motore, durante le sessioni di pulizia, è particolarmente fluido grazie alle quattro ruote posizionate al di sotto. Fra le stesse trova posto la fessura alla quale si fissa il tubo con la spazzola inserita, facilitando il parcheggio dell’aspirapolvere.

    Un’altra è in posizione ortogonale. Sulla parte superiore si trova l’indicatore di sacchetto pieno. L’aspirapolvere mantiene inoltre invariata la sua efficienza anche quando questo è al limite della sua capienza. Il filtro è lavabile e riutilizzabile.

    Pro
    Raggio di azione:

    il cavo di corrente, lungo 7 metri, sommato al tubo flessibile in tessuto e a quello telescopico, regala un raggio di azione di ben 10 metri. Potrete quindi evitare di attaccare e staccare continuamente la spina dalla presa di corrente.

    Buona dotazione di accessori:

    la spazzola con setole retrattili è a doppia funzione, permettendovi di aspirare delicatamente sul parquet e in profondità sui tappeti. La lancia per le fughe serve inoltre sia per pulire gli interstizi, sia gli imbottiti.

    Aspirapolvere silenzioso:

    alla minima potenza e fino a quella intermedia, il motore è silenzioso consentendo l’uso dell’aspirapolvere anche nelle ore serali.

    Contro
    Chiusura del vano sacchetto:

    sembra questo l’unico neo dell’aspirapolvere a traino Bosch. La chiusura del vano sacchetto non è particolarmente comoda.

    button-IT-2

     

    Acquista su Amazon.it (€84,88)

     

     

     

    Dyson V11 Absolute

     

    Quando il termine “Absolute” segue il nome di un aspirapolvere Dyson, significa che quel modello vanta la più completa dotazione di accessori, attivi e passivi, che l’azienda possa prevedere. La scopa elettrica senza filo e senza sacco Dyson V11 Absolute non fa eccezione e include ben 8 accessori, compresa l’innovativa spazzola motorizzata High Torque la quale, grazie a dei sensori interni, riconosce il tipo di pavimento sul quale si trova comunicando con il motore aspirante e regolando di questo la potenza.

    Tutto ciò a vantaggio non solo dell’efficienza in fase di pulizia, ma anche della autonomia complessiva. Sullo stesso principio meccanico della spazzola rotante High Torque si basa la mini turbo-spazzola che, pur se priva di sensori, rimuove dagli imbottiti (divani e poltrone) la polvere, i peli e i capelli eventualmente intrappolati nelle loro trame. La Dyson V11 Absolute è una scopa elettrica multi-ciclonica che associa al ciclone principale altri 14 piccoli cicloni in grado di imprimere all’aria che li attraversa un’accelerazione impressionante: ben 79.000 g.

    Questo il valore dichiarato anche se a noi sembra un tantino esagerato. Per darvi un’idea di quello che significa, considerate che l’accelerazione di un corpo in caduta libera è di 1 g (laddove g è l’accelerazione di gravità ossia 9,8 m/s2). Con un simile valore, la scopa riesce a separare dall’aria anche il più piccolo granello di polvere, intasando meno i filtri e restituendo aria pulita all’ambiente.

    Tutto lo sporco in ingresso si deposita infatti nel cassetto raccogli polvere il cui sviluppo è parallelo alla direzione del flusso d’aria attraverso il tubo metallico. Cassetto che, stando alla recensioni pubblicate online, è anche abbastanza facile da svuotare. I filtri, in ogni caso, sono progettati per trattenere oltre il 99% delle particelle microscopiche che impattano contro di essi, compresi i vari allergeni in circolo nell’aria.

    Pro
    Al minimo l’autonomia è garantita:

    se si utilizza la minima potenza, la scopa può aspirare senza sosta per un’ora, consentendo di pulire anche un appartamento di medie dimensioni.

    L’efficienza è fuori discussione:

    chi l’ha già acquistata assicura che il potere pulente di questa Dyson è ai massimi livelli per una scopa elettrica senza filo e senza sacco, non solo sui pavimenti duri ma anche, grazie ai vari accessori, sulle superfici morbide.  

    Un insolito display informativo:

    si trova sulla parte alta del motore e permette a chi utilizza la scopa di conoscere il suo stato, l’autonomia residua, la potenza utilizzata e il momento in cui conviene svuotare il cassetto raccogli polvere. 

    Contro
    Non è molto scorrevole:

    se la spazzola High Torque fosse dotata di ruote, la scorrevolezza della scopa elettrica sarebbe nel complesso migliore. Si ha come l’impressione di doverla spingere.

    Continua a mancare una posizione di parcheggio:

    anche se la Dyson V11 Absolute è dotata di attacco a muro (che integra la funzione di ricarica), non è possibile lasciarla in posizione verticale sul pavimento (parcheggio). Ciò costringe a posarla per terra in caso di pausa imprevista se non si vuole rischiare che cadendo si rompa. 

    Clicca qui per vedere il prezzo

     

     

     

    Míele Swing H1 Electro EcoLine 

     

    A prima vista, la scopa elettrica Míele Swing H1 Electro EcoLine sembra non discostarsi molto dalle altre che compongono il catalogo della storica azienda tedesca. La differenza invece c’è e sta tutta nel termine “Electro” che dà il nome al modello. Si riferisce alla spazzola motorizzata SEB 217-3, progettata ad hoc per pulire moquette e tappeti. La scopa elettrica sfrutta infatti una spazzola rotante le cui setole disposte a spirale rimuovono dalle trame del tappeto o della moquette polvere (anche la più fine), capelli umani e peli di animali come cani, gatti e furetti.

    La rotazione della stessa è affidata a un piccolo motore interno alimentato da un contatto elettrico. Per questo motivo, la spazzola è compatibile con la scopa Swing H1 Electro EcoLine, con altri specifici modelli (elencati sul sito web di Míele) ma non con tutti. Insieme alla spazzola motorizzata, troverete nella confezione anche la tradizionale bocchetta con setole retrattili SBD 355-3, perfetta per pulire i pavimenti duri e i parquet.

    Con un pratico pulsante da azionare con il piede, le setole rientrano al suo interno. A completare la buona dotazione di accessori ci pensano una lancia per le fughe, una bocchetta piccola per gli imbottiti e l’accessorio che permette di fissare entrambi al manico per averli sempre a portata di mano.

    L’aspirapolvere è robusto e silenzioso: alla minima velocità, già sufficiente per asportare la sporcizia di ogni giorno, lo si può passare anche nelle ore serale, senza rischiare di disturbare i vicini. Come tutte le scope elettriche Míele, pesa un po’ e richiede un minimo di forza per essere gestito al meglio. Non ci sentiamo infatti di consigliarlo a persone anziane o a donne di corporatura particolarmente minuta.

    Comodo il doppio cursore di accensione la cui utilità è svelata non appena viene rimosso il manico (regolabile) di metallo. La scopa elettrica Míele Swing H1 Electro EcoLine è infatti progettata per trasformarsi in un comodo aspirapolvere portatile con il quale pulire anche gli interni dell’auto, del furgone o della barca. La dotazione non include però un tubo flessibile che potrete acquistare, anche come accessorio compatibile, online o nei negozi fisici dopo aver misurato il diametro dell’attacco.     

    Pro
    Ottima qualità costruttiva:

    ben costruita e robusta, rappresenta al meglio la filosofia Míele. L’inserimento del tubo nel corpo motore restituisce infatti una buona sensazione di solidità.

    Silenziosa:

    alla minima velocità potrete usarla senza troppi problemi anche nelle ore serali e notturne. La scopa è infatti molto silenziosa. Né farete fatica a chiacchierare con qualcuno mentre aspirate il pavimento.

    Pensata per i tappeti e la moquette:

    la spazzola motorizzata SEB 217-3 ne fa una delle poche scope elettriche con filo (e con sacco) a vantare un’ampia bocchetta con rullo in setole rotante. 

    Doppia funzione:

    estraendo il tubo flessibile in acciaio inox, si trasforma in un aspirapolvere portatile per auto e imbottiti.    

    Contro
    Un po’ pesante:

    le persone di corporatura esile potrebbero avere difficoltà a manovrare la scopa elettrica Míele su ampie superfici e per tempi prolungati. Il corpo non è molto leggero (5 kg di peso) e la larga spazzola richiede un minimo di forza fisica. 

    Non si infila sotto i mobile e i letti:

    il corpo motore non è certo ultra-slim e ciò rende la scopa poco agile sotto i letti più bassi e i mobili. Tenetelo in considerazione prima di acquistarla. 

    Acquista su Amazon.it (€278,99)

     

     

     

    Rowenta Compact Power Cyclonic (mod. RO3753EA)

     

    Può essere l’aspirapolvere potente a traino che fa per voi se ne state cercando uno ciclonico, senza sacchetto e dalle dimensioni compatte. Così si caratterizza il Rowenta Compact Power Cyclonic.

    Con 750 watt di potenza (per un flusso d’aria in ingresso di 25 litri/secondo), mette a disposizione una buona dotazione di accessori che difficilmente vi costringerà a fare ulteriori acquisti (anche se altri accessori sono disponibili). Si comporta bene in ambienti di superficie anche estesa, grazie ai 7 metri di filo che sommati al tubo flessibile e a quello metallico telescopico garantiscono un raggio d’azione di 8,6 metri.

    La capacità del contenitore della polvere è di 1,5 litri, non male ma preparatevi a svuotarlo abbastanza spesso perché la buona potenza di aspirazione del Rowenta accorcerà tempi necessari a riempirlo.

    Il tubo metallico è telescopico per regolazioni di lunghezza a piccoli passi. La tecnologia su cui basa è la mono-ciclonica con un doppio livello di filtraggio che permette di trattenere dentro l’aspirapolvere il 99,98% della polvere aspirata.      

    Pro
    Silenzioso:

    la silenziosità dell’aspirapolvere Rowenta è uno degli aspetti più apprezzati da chi l’ha già acquistato.

    Compatto e maneggevole:

    le dimensioni sono particolarmente contenute mentre le grandi ruote laterali, accompagnate da una ruota centrale che ruota di 360°, rendono confortevoli gli spostamenti. Comoda anche la grossa maniglia che consente di spostare il corpo motore da un punto all’altro.   

    Ben accessoriato:

    insieme alla classica spazzola con setole retrattili, in dotazione troverete anche la spazzola larga e stretta con setole morbide per il parquet e una pratica lancia per le fughe.

    Contro
    Avvolgicavo:

    trattandosi di un sistema a molla che avvolge il cavo automaticamente, con il tempo potrebbe rompersi. Meglio utilizzarlo con cura e senza esagerare.

    Cassetto della polvere:

    può risultare piccolo per chi è abituato a usare l’aspirapolvere ogni giorno e richiede un minimo di pratica per svuotarlo senza che la polvere di disperda.

    Acquista su Amazon.it (€84)

     

     

     

    De’Longhi Colombina XL135.21

     

    Punta alla praticità la scopa elettrica De’Longhi con filo e senza sacchetto. Le recensioni online sottolineano la capienza del cassetto raccogli-polvere (1 litro) che non costringe a continui svuotamenti, la qualità del filtro HEPA che si rimuove e pulisce con facilità e il fatto che la scopa si regge in piedi da sola.

    Questa caratteristica va tenuta in considerazione perché consente di interrompere il lavoro di pulizia momentaneamente, per esempio in seguito a una telefonata improvvisa. Anche le dimensioni sono contenute facilitando la conservazione in ripostiglio. La potenza del motore è di 450 watt ma l’azienda assicura che in termini di capacità aspirante, la Colombina XL135.21 è paragonabile a una scopa di potenza di 1.300 watt.

    Leggendo le recensioni online si deduce però che non tutti gli utenti sono d’accordo. Di contro è abbastanza silenziosa soprattutto se dei tre livelli di potenza, selezionabili con la leva che si trova alla base del manico, si sceglie quello inferiore. Il filtro che purifica l’aria in uscita è di tipo HEPA e, stando a quanto dichiarato dal produttore, lascia fuoriuscire meno dello 0,02% della polvere in ingresso. Una vera benedizione per il comfort ambientale e i soggetti allergici alla polvere.  

    Pro
    Non occorre svuotare spesso il cassetto della polvere:

    la scopa mantiene la sua efficienza anche con il contenitore quasi pieno. Il sistema “Easy Clean” permette poi un rapido e facile svuotamento.

    Sta in piedi da sola:

    in caso di chiamata improvvisa o se arriva il postino mentre state pulendo, potete spegnere la scopa elettrica e lasciarla in posizione nel punto in cui vi trovate. Resterà in piedi, ad attendervi, al vostro rientro.

    Buona dotazione di accessori:

    Insieme alla spazzola a doppia azione, nella confezione troverete una lancia per le fughe e una bocchetta a T.

    Contro
    Si attacca al pavimento:

    lo fanno notare diverse recensioni online. Alla massima potenza, la spazzola in dotazione tende ad attaccarsi al pavimento rendendo scomodo l’utilizzo soprattutto a chi non ha molte forze nelle braccia.  

    Acquista su Amazon.it (€74,98)

     

     

     

    Rowenta Air Force Extreme Vision Pro (mod. RH8872WO)

     

    È una delle scope elettriche cicloniche, senza filo e senza sacco, di maggiore successo. Oltre che per la buona potenza di aspirazione (assicurata dalla batteria da 25,2 volt), la Rowenta RH8872WO piace anche per la durata della batteria che al livello minimo riesce a garantire 60 minuti di utilizzo continuo. Prendete tuttavia in considerazione l’idea di tenere la scopa continuamente in carica perché una volta a secco richiede diverse ore per ricaricarsi.

    Se dovete quindi pulire abitazioni disposte su più livelli e rimuovere quotidianamente lo sporco dalle scale, questa scopa elettrica ricaricabile può essere la scelta giusta. Ma considerate che state acquistando un elettrodomestico a batteria le cui prestazioni, per quanto buone, non raggiungono quelle di un tradizionale aspirapolvere a traino o scopa elettrica con filo. Il prodotto si caratterizza inoltre per la spazzola a forma triangolare (delta) studiata per raggiungere gli angoli e i punti nascosti. La sua efficienza è data anche dall’articolazione snodata che permette una rotazione di 158°.

    La scopa inoltre non è molto ingombrante, si regge in piedi da sola e riesce a infilarsi anche sotto i letti e i mobili. Se questi però sono particolarmente bassi dovrete rinunciare.

    Pro
    Indicatori e luci Led (anche sulla spazzola):

    le tacche luminose poste in corrispondenza del manico vi indicano l’autonomia residua. Le luci Led che invece si trovano sulla testina a forma triangolare agevolano le operazioni di pulizia in condizioni di luce scarsa.

    Buon rapporto prezzo/prestazioni:

    non sono molti i pareri discordi su questa scopa elettrica senza filo e senza sacchetto. Autonomia e potenza aspirante sono sicuramente fra i punti di forza.

    Contro
    Non il massimo sui tappeti:

    alcuni utenti lamentano il blocco della spazzola motorizzata contenuta nella testina a forma di delta quando la scopa è utilizzata sui tappeti.

    Luci Led:

    qualcuno lamenta la riduzione progressiva di intensità luminosa degli indicatori Led che si trovano sulla spazzola a delta, preposti a illuminare il pavimento durante le sessioni di pulizia.

    Acquista su Amazon.it (€189,38)

     

     

     

     

    Black+Decker Dustbuster Litio 27 (mod. DVJ325J-QW)

     

    Se possedete già un aspirapolvere a traino o una scopa elettrica con o senza filo, l’aspirapolvere portatile ciclonico Black+Decker può completare la dotazione di casa in modo perfetto.

    Laddove infatti non arriverete con un modello pensato per i pavimenti, riuscirete a pulire con uno portatile e leggero. Sono molti i pareri favorevoli espressi online da chi ha già acquistato questo aspirapolvere ciclonico Black+Decker, in particolare per quanto riguarda la potenza di aspirazione, più che sufficiente ad aspirare la polvere e i peli di animali dai divani, dagli imbottiti e dalla tavola, a fine pranzo o a fine cena. Il beccuccio estraibile è molto comodo e permette di aspirare anche nelle fessure, mentre la spazzolina a scomparsa consente di rimuovere lo sporco dalle superfici meccanicamente prima che l’aspirazione lo risucchi all’interno.

    La batteria al litio da 10 volt di cui è dotato garantisce da 10 a 16 minuti di autonomia in funzione della potenza utilizzata, per un flusso d’aria massimo pari a 946 litri per minuto. Il contenitore per la polvere ha una capacità di 610 ml, in linea con quella degli altri modelli portatili. Per una ricarica completa sono necessarie circa 6 ore.   

    Pro
    Vano raccogli-polvere:

    è semitrasparente e aiuta ad avere sotto controllo il livello di riempimento. Si stacca completamente dal corpo motore facilitando le operazioni di svuotamento e pulizia (anche sotto l’acqua corrente).

    Potente e affidabile:

    Per il tempo dichiarato, da 10 a 16 minuti, l’aspirapolvere mostra la sua efficienza svolgendo bene i compiti per i quali è stato progettato.

    Contro
    Sistema di spegnimento:

    curiosa la scelta del produttore di costringere l’utente a passare per la posizione “boost” quando, per spegnere l’aspirapolvere, sposta l’interruttore su Off. Ciò determina degli inutili anche se momentanei incrementi di potenza e rumorosità.

    È abbastanza rumoroso:

    la rumorosità è un difetto comune agli aspirapolvere portatili a batteria (e non solo). Per una potenza sufficiente ad aspirare anche piccoli detriti e briciole, al momento è il compromesso da accettare.  

    Manca la base di ricarica:

    sarebbe stata utile una base di ricarica che per appendere l’aspirapolvere al muro.

    Acquista su Amazon.it (€81,29)

     

     

     

    TackLife Wet Dry Vacuum 18.9L (mod. PVC01A)

     

    Se siete alla ricerca di un modello tuttofare, di quello che generalmente viene detto “bidone aspiratutto”, l’aspirapolvere TackLife PVC01A, il più economico della nostra rassegna, fa senza dubbio al caso vostro. Gli utenti che lo hanno già messo alla prova lo descrivono come un vero e proprio “carro armato” nel senso che alla potenza di aspirazione di 1000 watt abbina una grande versatilità.

    A iniziare dalla possibilità di aspirare residui secchi ma anche liquidi alla scelta di dotarlo o meno di un sacchetto. Il bidone in cui viene convogliato lo sporco ha una capacità di 18,9 litri, più che sufficiente ad affrontare impegnative sessioni di pulizia. Se per esempio state eseguendo lavori in casa, il bidone TackLife vi permetterà di fare ordine in pochi minuti. Un sensore inoltre ne arresta il funzionamento se la quantità di liquidi aspirati supera il livello massimo consentito.

    Buono anche il sistema di filtraggio a più strati che alterna filtri HEPA e in tessuto per sbarrare la strada anche alle particelle più fini. Le ruote ancorate alla sua base permettono di trasportarlo con facilità mentre il tubo flessibile e le prolunghe ne aumentano il raggio d’azione.

    Pro
    Massima praticità:

    si comporta bene in tutte le situazioni grazie alla buona potenza di aspirazione e all’ottima capacità del contenitore. Potrete quindi usarlo in casa, in cantina, in garage e per pulire l’auto. E lo si trova a prezzi bassi.

    Soffia anche aria:

    se montate il tubo in posizione opportuna, il bidone aspiratutto si comporta anche come soffiatore utile, per esempio, per raccogliere foglie e sporco tutto in un punto.  

    Contro
    Costruzione un po’ economica:

    da un prodotto dal costo contenuto non conviene aspettarsi una qualità costruttiva superlativa. Le plastiche possono non piacere pur restando su livelli accettabili.

    Un po’ rumoroso:

    il rumore prodotto non è certo dei più insopportabili ma l’aspirapolvere, funzionando sempre al massimo della sua potenza, non è progettato per l’uso serale o notturno.

    Clicca qui per vedere il prezzo

     

     

     

    Come usare un aspirapolvere

     

    Nella guida all’acquisto che avete appena terminato di leggere, abbiamo trattato più categorie di aspirapolvere analizzando tipi diversi per utilizzi e situazioni differenti. Vi forniamo quindi alcuni suggerimenti di carattere generale che consentano di allungare la vita del vostro nuovo acquisto. Qualunque sia l’aspirapolvere da voi comprato, una delle regole base è quella di svuotare il cassetto della polvere o cambiare il sacchetto una volta che questi si sono riempiti. Cassetti e sacchetti pieni sono infatti i primi nemici della potenza di aspirazione e le prime cause del calo di efficienza.

    La stessa attenzione va rivolta ai filtri. Siano essi HEPA o di altro tipo, vanno costantemente monitorati e puliti affinché non perdano la loro efficacia. Ci sono filtri che possono essere anche lavati in acqua tiepida e sapone, altri vanno invece puliti esclusivamente a secco. Purtroppo non esistono filtri di durata eterna per cui, anche i migliori, dopo alcuni mesi di utilizzo, vanno cambiati. Lo capirete dal colore che con il tempo tende a un grigio sempre più scuro.

    Potrete acquistare online i filtri originali suggeriti dalle varie aziende, ma vanno benissimo anche i cosiddetti “compatibili” che di solito sono proposti a prezzi più bassi. Lo stesso ragionamento si può applicare ai sacchetti di ricambio: oltre agli originali, il mercato offre compatibili di ogni tipo prodotti da società terze su licenza dei produttori. Se avete acquistato un aspirapolvere a traino oppure una scopa elettrica senza sacco, un minimo di attenzione dovrà essere rivolta anche al cassetto raccogli polvere.

    Non sempre vi basterà svuotarlo. In alcuni casi sarà necessario lavarlo sotto l’acqua corrente. Vi conviene inoltre fare un po’ di attenzione anche alla o alle spazzole che utilizzate più spesso, soprattutto se sono motorizzate. Queste ultime in particolare si riempiranno di peli d’animali e capelli che periodicamente andranno rimossi. Non è un’operazione semplicissima, almeno per le prime volte, ma necessaria se volete che la scopa o l’aspirapolvere nel loro complesso non perdano di efficienza.  

    Il parcheggio dell’aspirapolvere

    Appurata l’importanza di curare i filtri, i sacchetti, i contenitori per la polvere e le spazzole, un’altra regola d’oro il cui rispetto serve a preservare la durata del vostro aspirapolvere riguarda il suo parcheggio. A meno che il modello da voi acquistato non sia progettato per reggersi in piedi da solo, grazie a spazzole larghe e concepite ad hoc, il nostro consiglio è di adagiarlo sempre sul pavimento se durante le operazioni di pulizia doveste essere interrotti da una telefonata improvvisa o qualcosa di simile. La gran parte dei cattivi funzionamenti di aspirapolvere e scope elettriche è attribuibile infatti a colpi accidentali presi in seguito a cadute. A rompersi facilmente sono i sistemi e i ganci avvolgicavo nonché le varie componenti dei motori. Non dimenticate che fatta eccezione per questi ultimi e per i tubi telescopici, gli aspirapolvere sono interamente realizzati in policarbonato o plastica.

    Un discorso a parte meritano le scope elettriche o gli aspirapolvere portatili ricaricabili. L’elemento critico di questi è la batteria poiché dalla sua efficienza dipende interamente il funzionamento dell’aspirapolvere. Tenetela sempre in carica se la utilizzate quotidianamente. Al contrario, se prevedete lunghi periodi di arresto, staccate la scopa o l’aspirapolvere dalla presa di corrente o rimuovetela dalla base di ricarica dedicata.  

     

     

     

    Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

     

    Dyson V8 Absolute

     

    Visto il prezzo, non la si compra a cuor leggero. I giudizi positivi espressi da chi ha deciso di spendere quanto richiesto per acquistare la Dyson V8 Absolute lasciano però intuire la bontà dell’investimento. Dyson è d’altronde all’avanguardia per quanto riguarda scope elettriche e aspirapolvere portatili ricaricabili e senza sacco, grazie a un uso sempre più avanzato della tecnologia multi-ciclonica.

    Utilizzato alla potenza minima – adeguata a pulire casa senza problemi – l’autonomia garantita è di 40 minuti. Merito del motore digitale Dyson V8 che ottimizza in i consumi. L’efficienza in fase di aspirazione è invece garantita dalla doppia fila di Cicloni 2 Tier Radial che operando in parallelo catturano e trattengono anche la polvere più fine. In condizioni di sporco critico, è possibile lanciare la scopa elettrica in modalità Max per ottenere la massima potenza di aspirazione.

    La durata della batteria, supponendo di usare la scopa sempre al massimo, si riduce però a soli sette minuti. Il design della Dyson V8, a baricentro alto, consente di sollevarla con facilità e senza sforzi per raggiungere anche punti sopraelevati. Eccellente la dotazione di accessori.   

    Pro
    Svuotamento del cassetto:

    è molto comodo e pratico il che permette di svuotare il vano raccogli-polvere a ogni utilizzo per garantirsi sempre la stessa potenza aspirante.  

    Arriva ben accessoriata:

    considerati i prezzi degli accessori Dyson, sarete ben felici di scoprire la dotazione della scopa V8 Absolute che comprende due spazzole motorizzate grandi, una mini turbospazzola per gli imbottiti, la lancia per le fughe e una spazzolina per i punti in cui la polvere si accumula in modo più ostinato.

    Contro
    Non si regge in piedi:

    la forma della scopa elettrica, unita alla particolare ergonomia, non le consente di reggersi in piedi da sola. È anche rischioso appoggiarla alla parete. Per evitare che cada e si danneggi, meglio posarla sul pavimento se siete costretti a interrompere le pulizie.  

    Funzione turbo e autonomia:

    come per tutte le scope elettriche ricaricabili, a una maggiore potenza corrisponde un maggior dispendio energetico. La Dyson V8 Absolute, non l’ultimo modello della casa inglese, non fa eccezione e vede ridursi il suo tempo di funzionamento in modalità turbo.  

     

     

    Miele Swing H1 Exellence Ecoline

     

    La qualità delle scope elettriche Miele è nota e anche la Swing H1 conferma l’attenzione che l’azienda tedesca ripone nella progettazione dei suoi elettrodomestici.

    La scopa elettrica, con filo e con sacchetto, oltre ad avvalersi di un tubo telescopico, quindi regolabile, in acciaio inox, si separa in due pezzi trasformando il corpo motore, che contiene anche il sacchetto, in un pratico aspirapolvere portatile. L’accensione e lo spegnimento sono operazioni comode grazie al doppio cursore posto in corrispondenza della maniglia. La potenza del motore elettrico è di 550 watt, più che sufficiente ad asportare polvere, peli, capelli e detriti di ogni tipo. Regolabile su due livelli, la scopa è anche molto silenziosa, soprattutto alla più bassa velocità di funzionamento.

    La spazzola con setole retrattili, per aspirare i tappeti, è abbastanza larga facilitando le operazioni di pulizia delle grandi superfici. Risulta invece scomoda quando si vuole che la scopa elettrica raggiunga punti angusti della casa. Il problema è risolto applicando i comodi accessori in dotazione a funzione doppia: bocchetta per gli imbottiti e lancia per le fughe.

    Pro
    Buona qualità costruttiva:

    la scopa elettrica è ben costruita e robusta. L’inserimento del tubo nel corpo motore restituisce una buona sensazione di solidità.

    Molto silenziosa:

    alla minima velocità potrete usarla senza problemi anche nelle ore serali e notturne. La scopa è infatti molto silenziosa. Né farete fatica a chiacchierare con un parente o un’amica mentre aspirate il pavimento.

    Doppia funzione:

    estraendo il tubo flessibile in acciaio inox, si trasforma in un aspirapolvere portatile per auto e imbottiti.    

    Contro
    Un po’ pesante:

    le persone di corporatura esile potrebbero avere difficoltà a manovrare la scopa elettrica Miele su ampie superfici e per tempi prolungati. Il corpo non è molto leggero (5 kg di peso) e la larga spazzola richiede un minimo di forza fisica.

     

     

     

    » Controlla gli articoli degli anni passati

    Aspirapolvere – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

     

    Ecco due ottimi aspirapolvere, i migliori per noi: Dyson DC37C Total Allergy vanta una chiusura ermetica e uno speciale filtro che impedisce alle particelle di sporco di ritornare nell’aria: ideale per chi soffre di allergie; in più è pratico e leggero da trasportare. iRobot Roomba 620 è indicato per chi ama il massimo della comodità: basta premere un pulsante e il robot aspirapolvere fa tutto da solo, compreso ritornare alla propria base di ricarica quando l’autonomia sta per finire.

     

     

    Come scegliere il miglior aspirapolvere

     

    L’aspirapolvere è uno strumento indispensabile per preservare l’igiene della propria casa. Più potente ed efficace di scope tradizionali e scope elettriche, è utile sia per le pulizie quotidiane che per le grandi pulizie. Con così tanti modelli sul mercato, però, scegliere quello giusto non è facile. Di seguito, presentiamo le caratteristiche da tenere maggiormente in considerazione al momento dell’acquisto, secondo una nostra personale classifica.

    1

     

    Guida all’acquisto

     

    Con sacchetto o senza

    Quando si tratta di acquistare un aspirapolvere, tipicamente il primo dubbio che si presenta è quello tra modelli dotati di sacchetto e modelli che ne sono privi. Vediamo insieme quali sono i pregi e i difetti delle due categorie.

    Per quanto riguarda i modelli privi di sacchetto, va segnalato come questi, in voga negli anni Ottanta, siano stati abbandonati per tanti anni per via dell’eccessiva polvere dispersa al momento di svuotare il serbatoio. Oggi questa operazione è sicuramente stata resa più agevole e “pulita”, ma rimane sempre un punto a sfavore di questi modelli. Anche il sistema di filtraggio, persino in presenza di filtri HEPA, non è spesso all’altezza dei modelli con sacchetto.

    Inoltre, se il filtro non è lavabile, andrebbe cambiato ogni anno. A loro favore, gli aspirapolvere senza sacco permettono di risparmiare tempo e denaro nell’acquisto e cambio dei sacchetti. Peraltro, le loro prestazioni non subiscono un calo quando il contenitore inizia a riempirsi, cosa che accade con i sacchetti.

    Gli aspirapolvere dotati di sacchetto, invece, sono sicuramente consigliati a chi soffre di allergia. La polvere, rinchiusa nel sacchetto, non tornerà in circolo e anche il cambio sarà un’operazione “indolore”. Questo genere di aspirapolvere, inoltre, è quello che tende ad avere una maggiore longevità, non avendo fuoriuscite di polvere che possono col tempo compromettere altre parti dell’elettrodomestico.

     

    Numero e qualità degli accessori

    Al secondo posto come criterio di selezione nella nostra guida per scegliere il miglior aspirapolvere avremmo potuto scegliere tra tanti fattori diversi, ma visto il ruolo fondamentale svolto dagli accessori di questi elettrodomestici, ti invitiamo a un confronto attento di questi in fase di preacquisto.

    Fondamentale per la corretta pulizia di tutti gli ambienti e le pavimentazioni della casa è infatti l’utilizzo della giusta spazzola. Ne esistono di specifiche per il parquet, per la moquette, per tappeti e per superfici più dure. Anche le bocchette, perfette per la pulizia di mobili, divani, poltrone e affini, sono utili e permettono di pulire tutta la casa con un unico elettrodomestico.

    La presenza di altri accessori utili come l’avvolgicavo e le luci LED che indicano il grado di riempimento del contenitore/sacchetto deve essere determinante nella scelta, così come l’impiego di tecnologie avanzate, come quella ciclonica che garantisce una potenza di primo piano.

    2

     

    Tipologia di filtro

    La migliore marca di aspirapolvere è spesso anche quella che fornisce i filtri migliori. In un’epoca in cui più o meno tutti ci riscopriamo allergici in qualche grado alla polvere, la presenza di un buon filtro HEPA (dall’inglese High Efficiency Particulate Air filter) è fondamentale per preservare il nostro stato di salute durante le pulizie.

    Non tutti i filtri HEPA sono uguali: vanno dall’H10 all’H14, e da un grado di filtrazione dell’85% a uno del 99,995%. Ovviamente, più ci si avvicina all’H14 meglio è.

    Nel caso di filtro lavabile, assicurati che le sue prestazioni rimangano di livello nel tempo e sostituiscilo comunque quando inizia a mostrare segni di cedimento.

     

    Conclusioni

    Grazie a questa agile guida, sarai in grado di valutare un aspirapolvere in base alle caratteristiche più importanti, come la presenza o meno di sacchetti e il numero e la qualità dei suoi accessori. Proseguendo nella lettura, avrai modo di leggere la nostra recensione degli aspirapolvere più apprezzati e venduti quest’anno, frutto di un confronto di prezzi e caratteristiche.

     

    I migliori aspirapolvere del 2019

     

    Diventato indispensabile in ogni casa, l’aspirapolvere è un elettrodomestico presente sul mercato in tantissimi modelli diversi per caratteristiche e prezzo. È importante sapersi orientare in questa giungla di offerte per evitare di fare un acquisto sbagliato di cui pentirsi poco dopo.

    Di seguito elenchiamo cinque suggerimenti utili che offrono spunti per aiutare a capire quale aspirapolvere comprare.

     

    Prodotti raccomandati

     

    Dyson Big Ball Multifloor Plus

     

    L’aspirapolvere Dyson ha suscitato notevole interesse in tanti consumatori per diverse interessanti caratteristiche, a cominciare dall’aspetto originale che non risponde tanto a esigenze estetiche quanto funzionali.

    La sua forma rotonda gli consente di recuperare da solo la posizione corretta se viene ribaltato, un bel vantaggio rispetto agli altri modelli a traino che, se si rovesciano, interrompono la pulizia.

    Si tratta, inoltre, di un elettrodomestico molto potente. È dotato di due file di cicloni che generano maggiore forza riuscendo a catturare anche polvere microscopica, detriti, sporco e altri allergeni, espellendo aria pulita.

    È un modello comodo da usare e da manutenere perché non sono presenti filtri da lavare, sostituire, acquistare e poi perché un nuovo meccanismo rende lo svuotamento del contenitore con lo sporco più facile e igienico. Basta fare clic con un cursore e si apre lo sportello inferiore che fa uscire la polvere e gli altri residui raccolti. Una volta svuotato lo si richiude ed è fatta: le mani non toccano mai lo sporco.

    Il manico snodabile a 360° è un altro punto di forza del Dyson perché, potendo ruotare in tre direzioni, è più semplice da manovrare, assicura maggiore controllo e, in definitiva, semplifica la pulizia.

    Le varie spazzole in dotazione consentono di pulire qualsiasi tipo di pavimento, tappeto e anche superfici più delicate come, per esempio, un paralume.

    Dyson è tra i marchi leader al mondo per la produzione di aspirapolvere e questo è uno dei modelli più apprezzati. Riepiloghiamone pregi e difetti.

    Pros
    Forma sferica:

    La forma sferica rende questo aspiratore a traino più facile da manovrare e, a differenza degli altri modelli simili, consente di recuperare la posizione originaria se si ribalta, evitando di interrompere la pulizia.

    Capacità di aspirazione:

    Le due file di cicloni creano notevole forza e capacità di aspirazione, riuscendo a catturare anche la polvere microscopica e a restituire aria molto più pulita.

    Comfort:

    Questo modello è facile da trascinare perché è compatto e leggero. In più non ha bisogno di filtri da acquistare e pulire. Con un gesto si apre il contenitore per far uscire lo sporco che non entra mai in contatto con le mani.

    Manico snodabile:

    Il manico snodabile a 360° consente di semplificare la pulizia perché assicura maggiore controllo in tutte le direzioni.

    Cons
    Prezzo:

    Se cerchi un aspirapolvere economico, potresti trovare il costo di questo Dyson superiore al budget preventivato.

    Clicca qui per vedere il prezzo

     

     

     

    iRobot Roomba 960

     

    Un robot aspirapolvere come questo è ideale per chi cerca, prima di tutto, la massima comodità possibile. Il sistema di navigazione iAdapt 2.0 consente, infatti, di pulire tutte le stanze di un’abitazione in completa autonomia, senza alcun intervento da parte dell’utente.

    La pulizia va avanti ininterrottamente per 75 minuti finché la carica del robot è quasi esaurita; a quel punto è lui stesso che ritorna alla propria base di ricarica. Ancora una volta tutto da solo.

    Non ci sono sacchetti da cambiare ma solo un raccoglitore da svuotare quando la luce a LED segnala che è pieno.

    Si tratta di un prodotto molto avanzato dal punto di vista tecnologico ed è dotato di numerose utili funzioni: per esempio, consente di creare un muro virtuale oltre il quale il robot non può andare, l’ideale per tenerlo lontano da alcuni oggetti o da un ambiente che non si desidera venga pulito.

    Nonostante sia un modello complesso dal punto di vista tecnologico, è però facile da usare perché, una volta stabilite le impostazioni, basta premere un tasto per cominciare la pulizia.

    Grazie alla connessione Wi-Fi supportata e all’apposita applicazione, si possono impostare questi parametri in qualsiasi momento e ovunque. Allo stesso modo è possibile sapere da remoto come sta procedendo la pulizia.

    iRobot con la sua serie Roomba ha rivoluzionato la pulizia nelle case di milioni di consumatori in tutto il mondo. Ecco quali sono le caratteristiche principali di questo modello.

    Pros
    Comodità:

    Trattandosi di un robot, la pulizia avviene in maniera totalmente automatica. L’intervento dell’utente si limita alle impostazioni e allo svuotamento del raccoglitore quando la luce a LED segnala che è pieno.

    Base di ricarica:

    A differenza di altri robot simili, questo modello torna da solo alla sua base di ricarica dopo circa 75 minuti di pulizia quando la sua batteria sta per esaurirsi.

    Muro virtuale:

    Si tratta di una funzione interessante che crea una barriera virtuale intorno a oggetti o ad ambienti, impedendo al robot di avvicinarsi.

    Remoto:

    Grazie alla connettività Wi-Fi supportata e all’app iRobot Home, è possibile avviare la pulizia e conoscere lo stato di avanzamento in qualunque momento e ovunque ci si trovi.

    Cons
    Prezzo:

    Per assicurarti le prestazioni di questo robot aspirapolvere devi essere pronto a un investimento non indifferente.

    Acquista su Amazon.it (€521,27)

     

     

     

    Rowenta RO5285EA Compacteo

     

    4.Rowenta RO5285EA Compacteo

    Proseguendo con i nostri consigli d’acquisto su come scegliere un buon aspirapolvere, parliamo qui del modello Rowenta Compacteo.

    Numerosi i vantaggi presenti: innanzitutto, è un modello super compatto ideale se si ha poco spazio in casa, poi la classe di efficienza energetica è la A con un motore da 750 W equivalenti a 2000 W delle versioni Rowenta precedenti, la capacità del sacco è di 3 l e in dotazione si trovano la bocchetta lancia e quella per superfici imbottite, la spazzola per il parquet e la mini turbo spazzola per pulire divani, materassi e aspirare i peli degli animali. Non ha filtro HEPA.

    È un aspirapolvere leggero ma robusto e maneggevole, dotato di avvolgicavo automatico, led che indica se il sacco è pieno e manico ergonomico che lo rende molto facile da trasportare. Ottimo il rapporto qualità/prezzo.

    Decisamente più economico dei modelli visti in precedenza, il Compacteo di Rowenta presente le seguenti caratteristiche.

    Pros
    Dimensioni:

    Le dimensioni compatte dell’aspirapolvere costituiscono uno dei suoi maggiori punti di forza perché consentono di occupare un ingombro estremamente ridotto, l’ideale per chi non ha spazio in casa.

    Prestazioni:

    Il motore da 750 w è stato migliorato e offre ora le stesse prestazioni di quello da 2000 w dei modelli precedenti. La potenza di aspirazione è quindi notevole mentre i consumi rimangono ridotti vista la classe di efficienza energetica di appartenenza che è la A.

    Versatile:

    Oltre alla bocchetta lancia e a quella per superfici imbottite, in dotazione sono incluse anche due spazzole che rendono il Compacteo versatile poiché può aspirare con efficacia tutte le superfici.

    Pratico:

    Le ridotte dimensioni dell’elettrodomestico lo rendono anche maneggevole e pratico da usare, mentre il manico ergonomico è ideale per trasportarlo.

    Cons
    HEPA:

    L’aspirapolvere non è dotato di filtro HEPA.

    Clicca qui per vedere il prezzo

     

     

     

    Rowenta RH7937WA Powerline

     

    5.Rowenta RH7937WA Powerline

    Un altro valido modello con cui fare una comparazione è il Powerline sempre della Rowenta. Si tratta di una scopa elettrica con filo lungo 6 m e senza sacco.

    Ha una potenza/consumo di 750 W equivalenti ai 1800 W dei vecchi modelli Rowenta e classe di efficienza energetica A. Utilizza, inoltre, l’esclusiva tecnologia ciclonica Air Force che, sfruttando l’accelerazione dell’aria (fino a 380 km/h), consente un’ottima separazione di quest’ultima dalla polvere.

    È dotata di filtro HEPA e spugna di riserva; tra gli accessori vi sono anche la spazzola combinata, quella per il parquet, la bocchetta lancia, per tessuti imbottiti e la prolunga.

    È uno tra gli aspirapolvere più venduti e, complessivamente, ha un ottimo rapporto qualità/prezzo e una buona capacità di aspirazione; il serbatoio si monta e si smonta con facilità. Leggermente pesante da sollevare, è però maneggevole e agevole da passare sulle superfici.

    La scopa non si regge in piedi da sola anche se è abbastanza sottile da entrare in uno sgabuzzino col minimo ingobro.

    Il modello Powerline della Rowenta ha riscosso un buon successo grazie al rapporto qualità/prezzo vantaggioso per l’utente. Riepiloghiamo quali sono i principali punti di forza e di debolezza.

    Pros
    Economico:

    Se stai cercando aspirapolvere che abbiano soprattutto prezzi bassi, dai un’occhiata al Powerline. Potrebbe essere quello giusto per le tue esigenze.

    Air Force:

    Si tratta di una tecnologia innovativa presente in questo aspirapolvere che, sfruttando l’accelerazione dell’aria, permette di separarla efficacemente dalla polvere.

    Prestazioni:

    Il Powerline dispone di un motore molto potente, è dotato di filtro HEPA e di un serbatoio facile da montare e smontare. Il vantaggio per l’utente è quello di avere prestazioni complessivamente di buon livello.

    Cons
    Peso:

    Per qualcuno potrebbe risultare troppo pesante da sollevare.

    Comodità:

    A differenza di altre scope elettriche simili, la Powerline non si regge in piedi da sola.

    Clicca qui per vedere il prezzo

     

     

     

    Dirt Devil DD5551-3 Infinity Rebel

     

    3.Dirt Devil DD5551-3 Infinity Rebel

    Al quinto posto della nostra classifica troviamo uno tra i migliori aspirapolvere venduti online, il Dirt Devil Infinity Rebe.

    Si tratta di un aspirapolvere multiciclonico senza sacco da 900 W con classe di efficienza energetica B. È dotato, inoltre, di filtro HEPA 13 e di serbatoio capiente da 2,5 l.

    Maneggevole, leggero, con una notevole forza di aspirazione (anche per quanto riguarda peli di animale e sui tappeti), è dotato di spazzola per parquet, bocchetta specifica per la tappezzeria, spazzola per mobili, bocchetta per fessure, spazzola per lavare pavimenti e tappeti sporchi. Sono presenti avvolgitubo e ruote in gomma.

    È un oggetto solido e robusto, ha il serbatoio che si sgancia facilmente e la rumorosità è nella norma. Non ha, invece, il regolatore di aspirazione ma sul manico è possibile, comunque, regolare l’aria meccanicamente.

    Il design è compatto e stilisticamente gradevole mentre il prezzo è contenuto.

    La nostra classifica si conclude quindi con il modello Infinity Rebel della Dirt Devil, un aspirapolvere multiciclonico senza sacco potente ed economico. Ecco quali sono i maggiori pro e contro con il consueto suggerimento su dove acquistare.

    Pros
    Prestazioni:

    La notevole potenza del motore, il filtro HEPA in dotazione e il capiente serbatoio assicurano prestazioni di tutto rispetto.

    Versatile:

    In grado di aspirare efficacemente anche peli di animale, l’Infinity Rebel ha una ricca dotazione di accessori che lo rendono un elettrodomestico versatile perché capace di operare su tutte le superfici.

    Cons
    Regolazione:

    Non è presente il regolatore di aspirazione.

    Classe energetica:

    La classe di efficienza energetica è la B che non è male in sé ma, paragonata ai modelli visti in precedenza, risulta maggiormente energivora.

    Clicca qui per vedere il prezzo

     

     

     

    Come utilizzare un aspirapolvere

     

    L’aspirapolvere è una delle migliori invenzioni provenienti dagli Stati Uniti che, fin dalla sua nascita nella seconda metà del 1800, ha aiutato a tenere pulite le case di milioni di persone. Naturalmente i prototipi ottocenteschi farebbero sorridere se utilizzati ai giorni nostri e fu necessario attendere gli inizi del 1900 per poter avere a disposizione apparecchi elettrici.

    Inizialmente tali prodotti soffiavano aria per spazzare via polvere e sporcizia, fu nel 1901 che fu ideato il concetto di aspirazione della polvere per una migliore rimozione della stessa.

    Sul mercato, oggigiorno, è possibile trovare una quantità di aspirapolvere immensa, che si differenzia per capacità di aspirazione, dimensioni, funzioni aggiuntive e chi più ne ha più ne metta. Scegliere il prodotto adatto alle proprie esigenze risulta anche frustrante a volte dal momento che bisogna passare in rassegna una quantità di dispositivi estremamente elevata.


    Tipologie di aspirapolvere

    Non esiste un vero e proprio “metodo veloce” per acquistare il prodotto migliore, tuttavia ci si può orientare più facilmente scegliendo un modello.

    I più comuni sono: quelli a bidone, dalla forma cilindrica e trainabili grazie a ruote posizionate alla base; a scopa, leggermente più ingombranti di una scopa manuale ma con manico confortevole e sacchetto per la polvere; portatile, dalle dimensioni contenute e in grado di essere azionati con una sola mano, molto utili per la rimozione di briciole e zone elevate che difficilmente riuscireste a raggiungere con altri prodotti; a ciclone, una tecnologia moderna di aspirazione, priva di sacco, che esercita una forza centrifuga generata da un ciclone d’aria prodotto nell’apposita cassetta e in grado di separare la polvere dall’aria; fino ad arrivare ai moderni robot autonomi, che si muovono sul pavimento seguendo schemi preimpostati e aspirano la polvere senza alcun bisogno dell’intervento umano.

    Naturalmente esistono numerose altre varianti ma le macro categorie qui evidenziate riescono a fornire un quadro quanto più omogeneo possibile dei prodotti per la pulizia della casa.


    Il modello giusto al momento giusto

    Il funzionamento di ognuno di questi aspirapolvere, come evidente, varia di modello in modello. Questo non è necessariamente un male dal momento che potrete scegliere il più adatto alle vostre attività di pulizia.

    Un esempio pratico è l’impossibilità di trascinare un aspiratore a bidone su per una rampa di scale che vi permette di accedere al secondo piano della vostra abitazione. In questo caso potreste preferire un modello a scopa elettrica, molto più semplice e leggero da trasportare.

    Qualora abbiate numerosi soprammobili dove si annida una gran quantità di polvere, l’aspirapolvere portatile potrebbe risolvere il vostro problema.

    L’accumulo di polvere nei filtri o sacchetti è, infine, il fattore più importante da considerare per il perfetto funzionamento del dispositivo. Per evitare ingorghi di polvere e sporcizia è opportuno sostituire i sacchetti periodicamente, oppure, qualora si tratti di aspirapolvere ciclonici o con filtri, pulire periodicamente le apposite aree di accumulo.

    Molto comodi sono quei prodotti dotati di spie luminose che avvisano l’utente non appena questi spazi si riempiono eccessivamente, invitandoli a un pronto intervento.

     

     

     

    Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

     

     

    Dyson DC37C Total Allergy

     

    1.Dyson DC37C Total Allergy

    Il miglior aspirapolvere del 2019 è, a nostro giudizio, il Dyson Total Allergy. Si tratta di un modello adatto specialmente a chi soffre di allergie, e le certificazioni della Allergy Suisse e della British Allergy Foundation ne sono la prova, poiché la particolare tecnologia ciclonica, il materiale filtrante di grandissima qualità e la chiusura ermetica della macchina non permettono ad allergeni e ad altre particelle microscopiche di fuoriuscire.

    In più, si colloca nella classe A di efficienza energetica, ha una potenza di aspirazione di 259 W, non è molto ingombrante, con il tubo smontato si ripone agevolmente e il cavo di alimentazione è lungo ben 5,5 m.

    Ottima la dotazione di accessori: spazzola Dual Mode con regolazione dell’aspirazione per tutti i tipi di pavimento, spazzola motorizzata anti-groviglio, bocchetta a lancia flessibile.

    È un elettrodomestico molto performante, ottimamente rifinito; qualità Dyson.

    Il nuovo Total Allergy della Dyson risulta dunque molto performante e apprezzato dai clienti come testimoniato da numerosi pareri favorevoli. Di seguito riproponiamo in sintesi i suoi maggiori punti di forza e di debolezza.

     

    Pro

    Allergie: Il Dyson si rivela una mano santa per chi soffre di allergie poiché, grazie allo speciale materiale filtrante e alla chiusura ermetica, impedisce ad allergeni e altre particelle di fuoriuscire.

    Prestazioni: Il Total Allergy non emette solo aria pulita ma, grazie al motore da 259 w, è in grado di aspirare con efficacia su tutte le superfici. I risultati sono eccellenti anche in presenza di animali in casa. In più consuma poco.

    Pratico: Le ridotte dimensioni ne agevolano lo spostamento in casa e, smontando il tubo di aspirazione, risulta anche molto pratico da riporre. Il cavo di alimentazione lungo ben 5,5 metri permette di arrivare ovunque senza dover cambiare presa di corrente.

    Accessori: Particolarmente ricca si presenta la dotazione di accessori che, grazie alle varie spazzole e bocchette presenti, rendono l’aspirapolvere molto versatile.

     

    Contro

    Prezzo: Il Dyson è meno economico di altri aspirapolvere.

     

     

     

    iRobot Roomba 620

     

    2.iRobot Roomba 620

    Al secondo posto della nostra classifica inseriamo quello che per noi risulta essere il miglior robot aspirapolvere e, cioè, l’iRobot Roomba 620 che è pensato per lavorare in totale autonomia.

    Si tratta di un modello che è stato migliorato rispetto alle versioni precedenti; adesso presenta, infatti, il sistema brevettato Aerovac per raccogliere al meglio peli e capelli e riempire il cestino più uniformemente in modo da facilitarne, poi, la pulizia. Inoltre, grazie all’introduzione della funzione Touch and Go basta premere solo un pulsante, senza impostare alcun programma di pulizia, e il robot parte adattandosi ai vari ambienti e non impigliandosi nemmeno nelle frange del tappeto. Tutto da solo.

    Ancora, la tecnologia Dirt Detect (anch’essa brevettata) gli consente di individuare perfino i punti maggiormente sporchi ai quali dedicherà più tempo.

    Pulisce fino a tre stanze e poi, quando sta per scaricarsi, ritorna (sempre da solo) alla sua base di ricarica.

    È, quindi, un modello tecnologicamente avanzato adatto a chi ama l’estrema comodità.

    Al secondo posto della nostra guida per scegliere il miglior aspirapolvere troviamo dunque il Roomba realizzato dalla iRobot. Rivediamo quali sono le sue caratteristiche principali.

     

    Pro

    Comodità: Il robot è adatto a chi ama l’estrema comodità poiché, grazie alla funzione Touch and Go, basta premere un solo tasto e il Roomba fa tutto da solo, per cui non occorre impostare alcun programma né riportarlo alla base di ricarica.

    Aerovac: È un sistema brevettato per raccogliere meglio peli e capelli e riempire il cestino più uniformemente col duplice vantaggio che potrà essere svuotato meno spesso e con facilità.

    Dirt Detect: L’iRobot è tecnologicamente avanzato. La funzione brevettata Dirt Detect, per esempio, consente all’aspirapolvere di individuare autonomamente i punti della casa più difficili da pulire dedicandovi più tempo.

    Versatile: Il Roomba è in grado di adattarsi ai vari ambienti dell’abitazione e, se hai dei tappeti, il vantaggio che offre è quello di non impigliarsi nelle frange.

     

    Contro

    Aspirazione: Il robot è in grado di aspirare solo oggetti molto piccoli.

     

    » Controlla gli articoli degli anni passati

     

     

    Ti è piaciuto il nostro articolo? Qui sotto ne puoi trovare altri altrettanto interessanti:

     

    Aspirapolvere ad acqua

    Scopa elettrica

    Robot aspirapolvere

    Scopa elettrica senza fili

    Il miglior aspiracenere

     

    2
    Leave a Reply

    avatar
    1 Commentare le discussioni
    1 Risposte alla discussione
    0 Followers
     
    I commenti con il maggior numero di reazioni
    La discussione più calda
    2 Gli autori dei commenti
    BuonoedEconomicoSara I più recenti autori dei commenti
      Sottoscrivere  
    Il più nuovo Il più vecchio Il più votato
    Notifica di
    Sara
    Ospite
    Sara

    Ho un piccolo appartamento e vorrei sapere per dimensioni ridotte quale modello è il migliore! No animali in casa.

    BuonoedEconomico
    Admin
    BuonoedEconomico

    Buongiorno Sara, visto che il tuo acquisto è orientato alla pulizia di un piccolo appartamento, sono da escludere gli aspirapolvere a traino, più ingombranti sia da conservare sia in fase di utilizzo. Se non hai animali in casa, potresti orientarti sulle scope elettrice De’Longhi Colombina XL135.21 (https://www.amazon.it/DeLonghi-XL135-21-Elettrica-Colombina-Class/dp/B075LLSNSP/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1552728722&sr=8-1&keywords=De%E2%80%99Longhi+Colombina+XL135.21) o Miele Swing H1 Exellence Ecoline (https://www.amazon.it/Miele-Swing-H1-Excellence-Aspirapolvere/dp/B0748MVY46/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1552728755&sr=8-1&keywords=miele+swing+h1+excellence+ecoline), alimentate a corrente. La prima è senza sacco, la seconda invece raccoglie lo sporco in un sacchetto che periodicamente andrà sostituito. In compenso, la Miele è particolarmente silenziosa, specie se utilizzata alla minima potenza. Sono da escludere anche le scope ricaricabili poiché adatte a interventi di… Read more »

    1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (15 voti, media: 4.87 su 5)
    Loading...

    Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

    Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

    DMCA.com Protection Status