fbpx

La migliore bici con pedalata assistita

Ultimo aggiornamento: 23.07.19

 

Bici con pedalata assistita – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Perché scegliere una bici con pedalata assistita? È un ottimo metodo per spostarsi in città e raggiungere le nostre mete senza arrivare accaldati e sudati. E altri sono i vantaggi, come per esempio i costi contenuti, inoltre non è obbligatoria l’assicurazione come sugli altri veicoli. Ma siamo sicuri di saper scegliere il modello adatto senza rischiare di spendere troppo o troppo poco per qualcosa che non risponde alle nostre esigenze? Per essere certi di investire bene il nostro denaro dobbiamo confrontare i diversi modelli e verificare quali caratteristiche non possono mancare. Ma se il tempo è tiranno e le possibilità di valutare le opinioni degli utenti non sono tante, allora date un’occhiata alla nostra selezione. Abbiamo scelto le proposte più apprezzate e vantaggiose sotto il profilo del rapporto tra prezzo e qualità. Ecco le prime classificate. La NCM Moscow 48V 27,5″ che ha il vantaggio di essere una vera e propria mountain bike ma motorizzata e quindi più resistente a buche e strade dissestate. BMW CRUISE E-BIKE, buona la qualità della batteria a marchio Bosch che garantisce buona autonomia e capacità di spingere anche in pendenze importanti.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere la migliore bici con pedalata assistita

 

Cosa non deve mancare in una buona bicicletta elettrica? Quali caratteristiche non possono mancare in un modello che sia convincente sia sotto il profilo delle prestazioni che del design? Di seguito ecco una guida che vi aiuterà a fare un po’ di chiarezza sull’argomento.

 

 

Guida all’acquisto

 

Un po’ di chiarezza a proposito delle regole

Non importa quale sia prezzo che siete disposti a pagare per la vostra bicicletta elettrica. Non potrà andare più veloce di 25 chilometri orari e non potrà avere una potenza maggiore di 250 W. Questo perché così prevede il codice della strada riguardo i mezzi che non sono considerati alla stessa stregua dei ciclomotori.

In definitiva, quello che qui manca è un acceleratore. Ma sarà il passo stesso della pedalata umana a innescare il meccanismo che consente di assisterla e renderla meno gravosa, specie in salita. Il vantaggio, senza dubbio notevole, è che non è obbligatorio per la bici l’assicurazione RC né comprare carburante per alimentarla.

E qui chi confronta prezzi avrà già fatto due calcoli e comincia a vedere il grande vantaggio. In classifica vi suggeriamo modelli diversi per farvi fare un’idea di quali necessità può soddisfare ogni modello in particolare.

 

Quali batterie deve montare una buona bici

Alcuni modelli permettono di staccare la batteria dal suo alloggiamento per caricarla con maggiore facilità in poche ore direttamente collegandola alla presa di corrente. Mentre altre non possono essere staccate dal vano che le contiene e per questo è importante disporre di un buon cavalletto e di una presa in garage.

Le migliori, come anche per gli altri elettrodomestici, sono quelle agli ioni di litio. Da scartare quelle al piombo, meno performanti e inoltre, più pesanti e inquinanti.

Attualmente la migliore marca o quella che si sta dimostrando più attenta a rispondere alle esigenze di una domanda in continuo aumento, è Bosch ma anche Yamaha offre buone soluzioni.

 

 

Il design ha la sua importanza

Nella recensione del modello che avete puntato non guardate solo alle caratteristiche tecniche, ma soffermatevi anche su quelle estetiche. Non si tratta di scegliere una bici solo in base al suo colore ma chiedetevi se il suo aspetto può rispondere alle reali esigenze di chi la guida.

Una bici con scavalco basso sarà facile da inforcare da chi ha una mobilità limitata, per via di ostacoli fisici o per la necessità di trasportare molte cose. Anche la presenza di portapacchi posteriore come anteriore possono essere utili per affrontare i compiti quotidiani con semplicità.

Sul mercato non mancano le soluzioni più appropriate anche a chi vuole concedersi delle passeggiate all’aria aperta, qui le MBK sono sempre le più indicate. Ma andranno molto bene anche per i pendolari che hanno bisogno di contare su una buona ammortizzazione e resistenza delle ruote quando le strade sono piene di buche e accidentate.

 

Le migliori bici con pedalata assistita del 2019

 

È il momento di dare un’occhiata alla nostra selezione di articoli. Sono scelti tenendo conto delle loro performance e delle preferenze che il pubblico ha dimostrato nel corso dell’anno.

 

Prodotti raccomandati

 

NCM Moscow 48V 27,5″

 

Forse la migliore bici con pedalata assistita e senza dubbio una da non lasciarsi scappare per via del vantaggioso rapporto tra prezzo e qualità. Si tiene ben al di sotto dei 1.000 euro e fa tutto quello che ci si aspetta da una bici di gamma superiore. Il corpo è in alluminio, in questo bilanciando il peso notevole della batteria. Il motore qui è posteriore, quindi si può contare su una buona spinta e richiede una certa destrezza nel maneggiare lo sterzo. Almeno fin tanto che non si fa l’abitudine.

Le caratteristiche tecniche sono parecchio interessanti. È dotata di cambio e deragliatore Shimano. Mentre i freni sono a disco sono Tektro, ditta che vanta un’esperienza quasi trentennale nel settore.

Comode anche le ruote con il diametro notevole di 27,5 pollici. Una misura che contribuisce a dare maggiore stabilità alla pedalata. Anche il profilo della ruota offre un ottimo grip e buona aderenza al manto stradale. Per quanto si tratti a tutti gli effetti di una mountain bike, il suo uso è indicato specialmente su strade asfaltate o su sentieri di terra battuta, meno adatte per l’off road. Rimane comunque di diritto una tra le migliori bici con pedalata assistita del 2019.

Se siete convinti da questo nuovo modello, ma non avete idea su dove acquistare questa ottima bicicletta elettrica, potrete cliccare sul link della pagina di riportato alla fine della nostra recensione. Prima però vi suggeriamo di leggere il riassunto delle sue caratteristiche positive e negative qui di seguito.

Pro
Qualità-prezzo:

La bicicletta si rivela estremamente performante e può essere acquistata a un prezzo davvero conveniente, cosa abbastanza rara nei prodotti di questo genere.

Ruote:

Hanno un buon grip sui terreni dissestati e permettono di utilizzare la bicicletta anche per delle escursioni off road.

Prestazioni:

Il motore posteriore Das Kit X15 da 250W permette di raggiungere una velocità massima di 25 km/h e di favorire una pedalata leggera anche nelle salite più ripide.

Display:

Quello integrato mostra all’utente diverse informazioni, inoltre permette di impostare la potenza della batteria e i livelli di pedalata assistita. Menzione d’onore per la porta USB aggiuntiva per caricare i dispositivi mentre si viaggia.

Contro
MBK:

Sebbene le ruote siano di qualità, la bicicletta non è stata prodotta per i percorsi di montagna più estremi e con molti dislivelli, quindi attenzione a dove si pedala!

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

BMW CRUISE E-BIKE

 

Se avete dubbi su quale bici con pedalata assistita comprare, puntare dritto al top di gamma vi libererà da tante perplessità. Questo perché la famosa casa automobilistica tedesca realizza e-bike con le stesse prestazioni d’eccellenza delle sue prestigiose automobili.

È una bella bici che sostituisce dignitosamente lo scooter e presenta caratteristiche estremamente interessanti. A partire dalla batteria a marchio Bosch che si presta a durare a lungo per affrontare anche le strade più ripide. Si carica direttamente collegata alla bici oppure smontandola facilmente dal suo assetto.

Nomi d’eccellenza anche per le ruote, che montano copertoni Continental con Safety System, per una perfetta aderenza al terreno e maggiore resistenza al rischio di forature. Shimano è il cambio Deore XT a dieci marce ma anche i freni idraulici a disco che stringono bene anche quando si prende velocità in discesa.

Non c’è che dire, è chiaro come scegliere una buona bici con pedalata assistita dipenda in primo luogo dall’affidabilità del produttore. Il modello non costa poco nemmeno quando è proposto all’interno di offerte speciali, ma ha una buona resa che accontenta tutti quelli che l’hanno provata.

Sappiamo che fa acquolina, ma visto il prezzo prima dell’acquisto vi consigliamo vivamente di proseguire la lettura con il riassunto dei suoi vantaggi e svantaggi qui sotto, riportati secondo i pareri degli utenti che l’hanno provata.

Pro
Resistente:

La bicicletta dispone di un resistente telaio in alluminio che le permette di resistere a eventuali urti o cadute e che ne garantisce una buona durata nel tempo.

Gomme:

Dotata di due pneumatici Continental CruiseContact con catarifrangenti, questo modello si rivela ideale per chi cerca una bicicletta elettrica stabile e sicura da manovrare.

Batteria:

Firmata Bosch è una garanzia di potenza continua che assicura di poter pedalare anche sulle strade più ripide.

Controllo:

I freni idraulici combinati con il cambio a dieci marce Shimano garantiscono un controllo totale sulla bicicletta in qualsiasi situazione.

Contro
Prezzo:

Bosch, Shimano e Continental messe insieme in un ottima bicicletta presentano un bel conto salato, ma questo c’era da aspettarselo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

BIWBIK MOD. TRAVELLER

 

La prima cosa che balza all’occhio di questo modello firmato Biwbik è la grande solidità che trasmette, frutto di un telaio compatto nel quale è integrata la batteria al litio ad alta capacità da 36V – 12 ampere. La robustezza ha sicuramente un impatto positivo, però va tenuto comunque conto che la bici è pesante, dunque non è uno scherzo caricarla in auto o portarla su per le scale, operazione che potrebbe creare qualche grattacapo a una donna o a un ragazzino.

La bici viene consegnata per gran parte già assemblata ma è necessario comunque montare la ruota anteriore, i pedali e i parafanghi, operazione piuttosto semplice a cui bisogna poi aggiungere il tempo necessario a eseguire qualche regolazione di alcuni elementi. In particolare molti utenti si sono lamentati dei freni a disco che sfregano sulle pastiglie quando non addirittura impediscono la corretta rotazione delle ruote. Dovrete metterci mano.

Le performance sono invece estremamente convincenti e, dopo poche pedalate, il motore si mette in azione e garantisce velocità, divertimento e poco sforzo fisico, senza accusare il colpo nemmeno qualora chi si mette in sella abbia un peso superiore ai 90 kg.

Questo modello è più conveniente rispetto ad altri, ideale nel caso vogliate qualcosa con un  buon rapporto qualità-prezzo. Qui di seguito troverete il link al negozio dove poter acquistare la bicicletta a prezzi bassi e una breve rassegna dei pro e dei contro.

Pro
Per la città:

La bicicletta consente di pedalare con facilità subito dopo la partenza. Ideale per chi sta cercando un modello per la città e non vuole fare troppa fatica.

Versatile:

Dispone di tre diverse modalità di pedalata assistita, selezionabili a piacimento a seconda della situazione e dell’utente.

Freni a disco:

I freni a disco consentono una frenata sicura e precisa, ottima per le grandi città, molto trafficate.

Contro
Pesante:

Il peso del modello non ne consente un trasporto agevole in auto o su per le scale, specialmente per chi è un po’ debole fisicamente.

Acquista su Amazon.it (€829)

 

 

RICH BIT –  MTB TP860

 

Ecco una bella bici pieghevole con pedalata assistita proposta a un pubblico vario grazie anche al suo design unisex che va bene per la corporatura maschile come per quella femminile. È una pieghevole, quindi poco ingombrante e con ruote di dimensioni contenute, così come il telaio che si deve adattare alla corporatura regolando di conseguenza il sellino e il manubrio. Però una volta ripiegata risulta estremamente compatta e facile da trasportare dove serve.

Fa piacere sapere di poter contare sugli ammortizzatori sia posteriori che anteriori. Indispensabili per contenere gli effetti e i contraccolpi quando la strada è più dissestata o in cui ci sono parecchie salite. L’autonomia è limitata a 20 chilometri anche se si affrontano terreni difficili con percorsi in salita. In compenso si ricarica in un paio d’ore in base allo stato della batteria.

Sono sette i livelli di assistenza alla pedalata e quindi è possibile farsi strada anche su percorsi più impegnativi. Anche se in salita il solo motore può fare difficoltà a spingere il peso della struttura e della persona che vi monta sopra.

Difficile resistere alla tentazione di una bicicletta elettrica dalle dimensioni compatte e che ha la possibilità di essere ripiegata per un facile trasporto. Passiamo in elenco i suoi vantaggi e svantaggi per avere un’idea completa del prodotto.

Pro
Pieghevole:

Il modello consente un facile trasporto in automobile, ideale quindi per una vacanza in villeggiatura. Una volta piegata occupa davvero poco spazio, quindi anche trovarle posto non sarà un problema.

Ammortizzatori:

Quelli posteriori e anteriori garantiscono un buon controllo sui contraccolpi causati dalle strade più dissestate.

Sette livelli:

La pedalata assistita dispone di sette livelli di assistenza, ideali per affrontare percorsi impegnativi e per rilassarsi mentre si pedala per le campagne.

Contro
Salita:

Il motore non è abbastanza potente da poter affrontare salite impegnative, quindi a chi vuole fare un po’ di MBK consigliamo un moderno diverso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

BMW Cruise

 

BMW è un marchio di prestigio sia per quanto riguarda le auto sia le moto. Poteva dunque proporre una bici con pedalata assistita che non rispettasse gli elevati standard cui la casa tedesca ha abituato? Ovviamente no. Ma, altrettanto ovviamente, non poteva nemmeno realizzare un modello low cost, infatti mettete in preventivo un esborso particolarmente importante se volete fare sfoggio di questa bicicletta. Lo stile BMW emerge già dalle sinuose linee del telaio, dall’accostamento tra il bianco e il nero di sella e ruote e dall’utilizzo dell’alluminio.

Il motore elettrico è firmato Bosch e garantisce performance davvero di alto livello, sia che decidiate di sfruttarlo al minimo, per esempio in modalità eco o tour, sia che desideriate un intervento più importante, scegliendo le modalità sport o turbo. In questo modo è possibile affrontare sia percorsi cittadini sia qualche sterrato, senza affanni di sorta. Il merito è da ascrivere anche agli pneumatici e ai freni a disco idraulico che assicurano frenate progressive ed efficaci. Insomma, parliamo di una fuoriserie, che come tale costa molto e non è alla portata di tutti.

Nella nostra guida per scegliere la migliore bici con pedalata assistita abbiamo inserito anche questo modello di BMW. Non è proprio il più economico della classifica, ma il prezzo alto è giustificato dall’eccezionale qualità garantita dalla famosa ditta produttrice. Concludiamo la recensione con il consueto riassunto dei suoi vantaggi e svantaggi.

Pro
Design:

BMW non lesina di certo quando si tratta di creare prodotti con un design accattivante e lo stesso vale per questa spettacolare bicicletta a pedali.

Modalità:

Il motore Bosch può essere impostato su diverse modalità che si adattano a situazioni ed esigenze diverse.

Contro
Prezzo:

Ci sembra quasi superfluo commentare sul prezzo di questo modello, d’altronde BMW si fa pagare parecchio cara.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare una bici con pedalata assistita

 

Acquistare una bici con pedalata assistita è la scelta ideale per chi ha la necessità di spostarsi in città, usufruendo di un veicolo che non comporti un estenuante sforzo fisico. Si tratta, in sostanza, di una normale bicicletta con un motore elettrico che si attiva contestualmente alla spinta sui pedali, ed essendo equiparata a tutti gli effetti alle bici tradizionali, non sarà richiesto alcun tipo di omologazione o l’obbligo di un’assicurazione.  

 

 

Il motore

Ci preme sottolineare, innanzitutto, che il codice della strada prevede che le biciclette elettriche debbano avere una potenza nominale non superiore ai 250 watt e possono raggiungere una velocità massima di 25 chilometri orari.

Il motore può essere posizionato sul mozzo di una delle due ruote, oppure al centro in prossimità del perno dei pedali. Il motore anteriore potrebbe, però, incidere sulla trazione della bicicletta andando a creare uno squilibrio nella distribuzione del peso, a differenza di quello posteriore che, invece, non crea alcun problema di slittamento, ma a causa della troppa vicinanza agli ingranaggi, rende più complessa la sostituzione della ruota in caso di foratura.

Più pratico il motore centrale che non interferisce né con le manovre di guida né col montaggio o lo smontaggio delle ruote, dimostrandosi quindi la scelta più funzionale.

 

La batteria

Altro elemento da valutare prima del vostro acquisto è la batteria, da cui dipenderà l’autonomia del velocipede, e quindi il tempo di utilizzo tra una ricarica e l’altra. Le batterie migliori sono quelle al litio, molto più piccole e leggere delle altre al nichel o al piombo, e con una capacità di 90-150 wattora per chilogrammo. Ciò ovviamente si traduce in un peso ridotto a parità di capacità e in una maggiore durata della batteria stessa.

Tenete conto, poi, anche del voltaggio, solitamente compreso tra i 24 e i 48 volt, che dovrà essere lo stesso del motore. Il valore degli ampere, invece, vi permetterà di stabilire quanto tempo impiegherà il motore a scaricare le batterie, dandovi quindi un’idea complessiva sia dell’autonomia del mezzo sia del numero di chilometri che sarà possibile percorrere con una ricarica.

 

I sensori

Un’altra componente indispensabile sono i sensori di pedalata che rilevano il movimento dei pedali e danno il consenso all’attivazione del motore.

I modelli più comuni, e anche più economici, sono dotati di un sensore di rotazione che attiva il motore contestualmente alla rotazione dei pedali con una spinta costante e non modulabile fino a quando non sarà raggiunta la massima velocità (di 25 km/h).

I prodotti più innovativi, invece, sono muniti dello speciale sensore di sforzo dove l’attivazione dell’assistenza elettrica avviene alla minima pressione sul pedale. A differenza del precedente, questo sistema consente al ciclista di modulare la spinta, sincronizzando la pressione esercitata alla propulsione elettrica. In questo modo si ridurranno anche i consumi della batteria estendendone quindi anche l’autonomia.

 

 

I materiali

Ad incidere sia sul peso sia sulla praticità di utilizzo del veicolo sono anche i materiali con cui viene realizzato il telaio. I modelli più abbordabili hanno una struttura in acciaio che spesso, però, risulta troppo pesante e poco flessibile.

La fibra di carbonio, invece, si connota per la particolare leggerezza e ha il principale vantaggio di assorbire meglio le vibrazioni, ma avendo una struttura molecolare a catena è più sensibile all’usura e al deterioramento. Molto più reattivi e resistenti i telai in alluminio che spesso vengono associati a forcelle in carbonio per ridurre l’inconveniente delle vibrazioni derivanti dall’attrito degli pneumatici sul terreno.

 

 

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

 

Atala – Citybike elettrica

 

Atala è un marchio di riferimento nel panorama italiano e anche con il suo modello a pedalata assistita coglie nel segno. Il prezzo contenuto e la linea elegante e da passeggio che caratterizza i modelli di questo modello, danno quella marcia in più che ci si aspetta da una buona bici.

In comparazione con gli altri modelli già visti notiamo un prezzo molto interessante e qualità tutto sommato molto buone. Come per esempio il cambio Shimano a sei marce e la presenza di una batteria con buona autonomia. Il kit elettrico che monta la bici è quello Bafang Eco Logic, una buona soluzione per chi cerca una bici che supporti lo sforzo della pedalata nei momenti critici.

Il telaio è in alluminio e mantiene un peso nella norma, considerando che anche le ruote sono piuttosto piccole, 16 pollici, si può portare anche sui mezzi pubblici senza faticare troppo.

Lo troviamo tra i modelli più venduti anche per via della buona qualità delle componenti, cambio e comandi sono Shimano Tourney.

 

 

KASANOVA – E-mootika

 

La bici elettrica con pedalata assistita che vediamo in questa breve scheda rappresenta una buona soluzione per chi cerca un’alternativa allo scooter. Tanto in termini di costi più contenuti come per la possibilità di essere guidata da chiunque, questa bici costituisce un ottimo sistema per muoversi facilmente in città.

In comparazione con gli altri modelli che abbiamo indicato tra i nostri consigli d’acquisto non è la più leggera. I suoi 24 chili complessivi richiedono di prendere seriamente in considerazione la possibilità di non uscire se la batteria non è perfettamente carica. Potrebbe essere difficile portarla in giro solo con la forza delle gambe. Costituisce comunque un buon esempio di affidabilità e performance di buon livello.

Grazie anche alla capacità di reggere fino a 100 chili di peso. Tra i modelli venduti online questa rappresenta una buona soluzione per chi deve spostarsi in giro per il quartiere, facendo spesa e trasportando oggetti con comodità e la calma necessarie.

 

 

8
Leave a Reply

avatar
4 Commentare le discussioni
4 Risposte alla discussione
0 Followers
 
I commenti con il maggior numero di reazioni
La discussione più calda
5 Gli autori dei commenti
BuonoedEconomicoAlicegermanoPaolaADA I più recenti autori dei commenti
  Sottoscrivere  
Il più nuovo Il più vecchio Il più votato
Notifica di
ADA
Ospite
ADA

vorrei un vs consiglio per l’acquisto di una bici a pedalata assistita con accesso molto facilitato (cm?). L’uso che dovrei farne è saltuario, solo per brevissimi spostamenti. Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Buonasera Ada,

molto apprezzate sono le bici della spagnola NCM Bikes che hanno un buon rapporto qualità/prezzo. Siamo in contatto con l’azienda per capire quale potrebbe essere il modello più adatto alle tue esigenze.

Saluti

Paola
Ospite
Paola

Salve, vorrei un consigliò per l’acquisto di una bici con pedalata assistita, abito in collina, utilizzo quotidiano 45 km al giorno, leggera e affidabile, prezzo circa 2000. Grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Buongiorno Paola, considerata la distanza da percorrere e la zona collinare, l’ideale sarebbe un modello MTB. Per la questione del peso, se da un lato la batteria ha una sua incidenza, dall’altro è importante garantire anche autonomia e affidabilità della pedalata. Nei modelli qui presi in esame quello di BMW monta una Bosch da 400 Wh e grazie al display nella zona frontale si dispone di tutte le info necessarie sui chilometri percorsi e la batteria restante. Il prezzo per la qualità dei componenti vale la candela, ma bisogna fare i conti con un peso che arriva sui venti chili.… Read more »

germano
Ospite
germano

Buon giorno , vorrei un consiglio , sono alto 190 cm e peso 123 kg che bici mi consigliate ?
abito in zona collinare ed in passato ho avuto un problema alla rotula che non mi permette di sforzare molto in salita .
grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Salve Germano, leggendo la tua domanda e verificando le specifiche dei diversi modelli, ti consiglieremmo di pensare al modello BMW CRUISE E-BIKE. Per prima cosa la questione della taglia: ti dovresti indirizzare verso il modello L (51 cm, h 174 –190 cm), pensato per persone della tua altezza. A livello di potenza la batteria fornita eroga una potenza che crediamo sia adatta alla tua corporatura, creando così il giusto supporto e non andando a sforzare troppo la rotula. Per avere maggiori delucidazioni ti inviamo il link alla pagina dei diversi centri assistenza BMW presenti in Italia. In questo modo avrai… Read more »

Alice
Ospite
Alice

Buongiorno ..vorreiuna bici a pedalata arrostita modello olandesina ma veramente bassa di telaio …sono alta 150 cm …PS dovrei usarla anche x salita giornalmente circa 7 km …

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Salve Alice,

dai un’occhiata qui per le misure: https://www.ideegreen.it/come-scegliere-la-misura-della-bici-66152.html
Tieni conto che non tutti i produttori hanno sempre a disposizione tutte le misure, perciò, subito dopo aver individuato il modello che ti piace, occorre chiedere se è disponibile la misura adatta alla tua statura.

Saluti

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (9 voti, media: 4.67 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status