fbpx

I migliori kit per bici elettrica

Ultimo aggiornamento: 15.07.19

 

Kit per bici elettrica – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Le bici elettriche hanno spesso un costo proibitivo ma non tutti sanno che è possibile convertire anche una normale bicicletta e farla diventare elettrica! Se ne hai già una potresti essere solleticato dall’idea. Quello che occorre è un motore da installare insieme ad altre componenti, il tutto venduto in un apposito kit. Generalmente mancano invece batteria e caricabatteria, un costo ulteriore che dovrai necessariamente sostenere insieme, eventualmente, alla manodopera di un tecnico. Ne parliamo nella nostra guida ma, se non hai tempo di leggerla, vai direttamente ai due kit che ti consigliamo tra tutti: uno è L-faster YKB127 che contiene 12 pezzi in totale di buona qualità, specialmente la bussola filettata, la lampada anteriore e il manubrio di accensione. Se vuoi un kit con pezzi di qualità superiore dai un’occhiata al Tongsheng Torque Sensor 36V 350W XH18 che promette una velocità massima di 45 km/h! Entrambi non prevedono batteria e caricabatteria.

 

 

Tabella comparativa

 

Lo mejor de los mejores

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere il miglior kit per bici elettrica del 2019?

 

Le bici elettriche non sono proprio i prodotti più economici sul mercato, infatti sono in pochi a potersele permettere visto il costo proibitivo. Se avete un budget ridotto però potete sempre pensare di aggirare il problema del prezzo e magari optare per un kit capace di dotare la vostra bicicletta di tutto il necessario per trasformarla in una elettrica. Se però non sapete come scegliere un buon kit per bici elettrica e siete disorientati dalla mole di modelli venduti online, potete consultare la nostra guida per avere un quadro completo delle principali caratteristiche da cercare in un buon articolo della migliore marca.

Guida all’acquisto

 

Potenza

Se avete deciso di acquistare un kit per bici elettrica probabilmente avete deciso di alleggerire la fatica fisica quando pedalate. Per questo una delle caratteristiche più importanti di cui tenere conto è la potenza del motore centrale contenuto nel kit. La “forza” di questi componenti viene misurata in watt e si potranno trovare kit contenenti motori capaci di garantire performance elevate.

Ad esempio, se avete bisogno di una bella spinta per percorrere lunghe distanze ogni giorno, potrete optare per un motore dotato di 250 W di potenza. Contate che difficilmente la bicicletta arriverà a più di 30 chilometri all’ora, quindi il motore influenzerà principalmente l’accelerazione così da agevolare la pedalata. Tra i modelli più venduti troverete anche dei kit con motori da 500 W che possono tornare molto utili per chi utilizza la bicicletta in strade con dislivelli e salite.

 

Montaggio

Se cercate un prodotto pratico e vi state chiedendo quale kit per bici elettrica comprare, rimarrete piuttosto delusi nel sapere che questi prodotti non sono affatto intuitivi nel montaggio. Questa operazione, infatti, potrà darvi qualche grattacapo, specialmente se non siete particolarmente esperti o pratici con l’elettronica. Un kit si divide in diversi componenti che oltre al motore comprendono un display LCD, una catena, una maniglia a farfalla con leva del freno, bulloni e cavi da collegare con attenzione per far funzionare tutto senza problemi.

Se non siete sicuri di riuscire a eseguire il montaggio correttamente, prima di acquistare un kit vi consigliamo di chiedere aiuto a un amico più esperto o magari informarvi sulle tariffe dei vari bike shop. Tenente conto che spesso e volentieri i kit non conterranno le istruzioni per il montaggio, quindi se proprio dovete fare da soli vi toccherà richiederle al venditore o magari tentare la fortuna sul web per trovare video o istruzioni testuali.  

Materiali

Sebbene sappiamo che la strategia migliore per investire i propri risparmi sia cercare un prodotto con un buon compromesso tra qualità e prezzo, vi invitiamo a tenere sempre conto dei materiali specialmente quando si tratta di oggetti con parti elettroniche. Un buon kit per bici elettrica deve contenere delle viti in acciaio inox e pressofusioni in alluminio che garantiranno stabilità al motore e ne favoriranno la durevolezza nel tempo.

Comprando un prodotto con materiali scadenti invece rischierete di trovarvi tra le mani dei collegamenti poco longevi che dopo un po’ di utilizzi potrebbero danneggiare irreparabilmente il motore. Per quanto riguarda il display LCD, potrete trovarne di più o meno dettagliati e in grado di informarvi sulla vostra velocità e sui chilometri percorsi.

Passiamo adesso alle recensioni dei prodotti in classifica grazie alle quali potrete effettuare una comparazione tra le offerte e comprare il miglior kit per bici elettrica per le vostre esigenze.

 

Prodotti raccomandati

 

L-faster YKB127

 

Principale vantaggio:

Vanta un ottimo rapporto tra la qualità delle singole componenti e il prezzo di vendita. In questo modo potrai creare la tua bicicletta con un esborso molto inferiore a quello necessario per un modello elettrico.

 

Principale svantaggio:

Nel kit non è compresa la batteria, che andrà quindi acquistata a parte. Dovrai dunque aggiungere alla spesa quella necessaria per comprare questo componente (ed eventualmente quella per il montaggio se pensi di non essere in grado di farlo da solo).  

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Che cosa arriva

Il kit si compone di ben undici elementi. Vediamoli nel dettaglio, a cominciare dal motore che ha una potenza di 250 watt, più che adeguati per muovere la bicicletta e farle raggiungere una piacevole velocità di crociera senza alcuna fatica. Il produttore afferma che, una volta montato il kit, la tua due ruote potrà viaggiare a circa 30 chilometri all’ora. Ricordiamo, comunque, che il limite massimo consentito dalla legge è di 25 km/h.

Nella confezione poi troverai: una catena, una ruota libera con adattatore, un controller del motore, una piastra di montaggio con i suoi bulloni, una maniglia a farfalla con leva del freno, un faro dotato di indicatore del livello della carica, un interruttore e una barra lunga 18 centimetri. È bene notare che nella confezione non è presente una batteria, che dovrà dunque essere acquistata, insieme al suo caricabatterie, a parte.   

Spesa e abilità

L’idea che sta alla base di un kit come questo è quella del risparmio. In pratica con una spesa tutto sommato contenuta si ottiene il necessario per trasformare una normale bicicletta in un modello elettrico. Considerando quanto costano questo tipo di bici, se già disponi di una due ruote l’esborso sarà davvero contenuto. A patto però che tu sia in grado di montare i vari componenti da solo o comunque con l’aiuto di qualcuno che lo faccia gratis, come un figlio o un amico.

Coloro che hanno già avuto modo di acquistare il prodotto sostengono che l’operazione non sia particolarmente complicata ma è innegabile che siano necessarie un minimo di destrezza e di confidenza con la meccanica della bici e con il fai da te. Se pensi di doverti affidare a uno specialista, tieni conto nel computo delle spese da sostenere anche della sua parcella.

 

E il manuale?

La fase di assemblaggio dei vari componenti sarebbe ovviamente facilitata dalla presenza di un manuale che spieghi passo a passo quello che bisogna fare. Quando il kit viene recapitato, però, le istruzioni non ci sono. Per fortuna il produttore non ha problemi a inviarle, dietro richiesta, via email. Resta comunque il fastidio di non averle subito a disposizione e, inoltre, non tutti sanno che possono farsele mandare (per fortuna tu stai leggendo la nostra recensione e sei venuto a conoscenza di questa possibilità).

Alcuni acquirenti sostengono che le operazioni da eseguire sono comunque facili, che l’inserimento dei vari cavi è intuitivo e che i connettori hanno un’etichetta che specifica dove vanno collegati. Certo un minimo di cura in più da parte del produttore da questo punto di vista avrebbe rappresentato un piacevole valore aggiunto.

 

Acquista su Amazon.it (€99,99)

 

 

 

Tongsheng Torque Sensor 36V 350W XH18

 

La scelta di questo kit va nella direzione di portarsi a casa, sostenendo una spesa maggiore, un prodotto di elevata qualità. Questa affermazione è immediatamente avvalorata dando un’occhiata alla bontà dei materiali, delle lavorazioni meccaniche, delle pressofusioni in alluminio, dell’utilizzo di viti a brugola in acciaio inox e della scelta di sigillare in modo impeccabile tutti i cavi all’interno del motore.

Parlando di quest’ultimo, si caratterizza per un voltaggio di 36V e per una potenza di 350W, scelta che permette di disporre di un supporto più che adeguato non solo su strade pianeggianti ma anche su dislivelli con una pendenza di circa il 15%. Alcuni aspetti di cui è importante tenere conto prima di perfezionare l’acquisto, in modo da essere certi di ottenere un prodotto adeguato alle proprie esigenze.

La larghezza dell’alloggiamento del gruppo pedali deve rientrare nel range massimo di 68-72 millimetri. Inoltre funziona con sensore di coppia, presente su entrambi i pedali, dunque il motore si occupa di fornire un’assistenza alla pedalata proporzionale alla forza che applicherete. Il kit è venduto privo di batteria che, dunque, andrà acquistata a parte. Tenetene conto, visto il prezzo non proprio economico del prodotto di Tongsheng.

Pro
Potenza:

Grazie al motore da 350W e alla presenza di un doppio sensore di coppia, assicura un’assistenza alla pedalata tale da poter affrontare anche strade con un certo dislivello.

Materiali:

Ogni elemento è di alta qualità, sia per quanto concerne la scelta dei materiali sia per quel che riguarda le lavorazioni e gli assemblaggi.

Schermo:

Incluso nella confezione c’è anche il display LCD che garantisce una buona visibilità in ogni condizione di luce solare.

Contro
Costo:

Il prezzo, considerato anche che nel kit non è inclusa la batteria e che va dunque acquistata a parte, non è alla portata di tutti.

Acquista su Amazon.it (€390)

 

 

Motor Drive 24V250W

 

Si tratta della scelta più economica per quanto riguarda i kit per bici elettriche ma, come spesso avviene, per poter risparmiare è necessario accettare qualche compromesso. Intanto cominciamo con il dire che, pur nella sua economicità, è un prodotto di buona qualità e dedicato a coloro che hanno una certa esperienza in materia, visto che l’installazione e alcuni passaggi non sono proprio intuitivi.

Per fortuna sul Web è possibile trovare alcuni video tutorial che aiutano in questo senso. Nel kit è presente una corona dentata che va collocata sul mozzo della ruota posteriore in sostituzione del disco del freno. Questa diventa già una discriminante perché se la vostra bici non ha questa predisposizione, l’acquisto del set diventa inutile. La batteria non è inclusa, dunque è consigliabile acquistarne una da 12 Ah, misura adeguata per il motore da 250W.

La combinazione consente di avere un buon supporto quando si pedala su terreni pianeggianti o con leggeri dislivelli, mentre se siete amanti dei sentieri di montagna, meglio indirizzarsi verso qualcos’altro. Tenete però presente che la centralina non ha il PAS, come invece dovrebbe essere per rispettare il codice della strada. Un vigile particolarmente pignolo potrebbe crearvi qualche grattacapo…

Pro
Prezzo:

Il costo del kit è accessibile e, nonostante questo, la qualità generale dei vari componenti è di buon livello.

In pianura:

La potenza di 250W, abbinata alla giusta batteria, consente di ottenere performance adeguate per affrontare tratti pianeggianti e leggeri dislivelli.

Contro
Non per tutti i modelli:

La corona dentata va montata sulla ruota posteriore al posto del disco del freno, dunque la vostra bici deve avere questo tipo di configurazione.

Per esperti:

Il montaggio non è alla portata di tutti, per fortuna è possibile trovare qualche video tutorial che dà una mano.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Bafang BBS01B

 

Tra i migliori kit per bici elettrica del 2019 abbiamo inserito il modello di Bafang che si è fatto notare dai consumatori per il suo motore con sensore di velocità integrato. Raggiunge una potenza di 250W, sufficienti per raggiungere i 30 km\h in poche pedalate, cosa che lo rende particolarmente adatto a chi va spesso a lavoro in bicicletta e non vuole affaticarsi. Il kit comprende tutto il necessario per il montaggio, inoltre si troverà un comodo display LCD che permette di controllare la velocità raggiunta.

La qualità dei materiali si attesta su buoni livelli, sebbene alcuni pezzi siano più resistenti di altri. Per quanto riguarda il montaggio, il kit contiene cavi maschi-femmine diversi quindi facilmente riconoscibili e collegabili. È un prodotto ideale per la città con molti rettilinei ma gli utenti ne sconsigliano l’utilizzo in luoghi con curve e salite data la bassa responsività del motore. Vediamo adesso quali sono i pro e contro del kit nella nostra tabella riassuntiva, dopo la quale potrete trovare il link del negozio online dove potrete acquistarlo ad un prezzo conveniente.

Pro
Motore:

Con 250W di potenza si potranno raggiungere i 30 km\\h velocemente e senza fare troppi sforzi nella pedalata.

Display:

Sarà possibile visualizzare la velocità raggiunta grazie al pratico display digitale incluso nel kit.

Montaggio:

Sebbene non sia intuitivo, il produttore ha deciso di semplificare un minimo la vita agli utenti con cavi maschio-femmina ben distinti e che permettono di effettuare i giusti collegamenti.

Contro
Materiali:

Alcuni componenti sono di buona qualità, mentre altri sono in plastica e lasciano parecchio a desiderare.

Poco versatile:

Gli utenti consigliano di utilizzare il kit solo su biciclette adibite a percorsi cittadini con molti rettilinei, dato che la responsività del motore non garantisce la massima sicurezza nelle curve e nelle salite.

Batteria:

Non è inclusa nel prezzo e va acquistata a parte, il che rappresenta una spesa aggiuntiva di cui tenere conto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Vogvigo ruota posteriore per bicicletta elettrica

 

Sebbene non sia un vero e proprio kit, abbiamo inserito nei nostri consigli d’acquisto questa comoda ruota posteriore che può comunque fornire la vostra bicicletta di un motore elettrico in grado di darle la giusta spinta. La ruota elettrica in questione è larga 66 cm e dispone di un motore integrato da 500W oltre a tutti i vari componenti necessari per il montaggio.

Colpisce particolarmente la potenza del motore che porterà la bicicletta ai 50-60 km\h e permetterà una pedalata fluida grazie all’assenza di catene o spazzole. Attenzione però perché il limite consentito è di soli 25 km\h, inoltre portare un veicolo a pedali a quella velocità non è proprio consigliabile a livello di sicurezza.

All’interno del kit troverete anche il display LCD grazie al quale potrete controllare i km\h raggiunti dalla bicicletta. Se questa ruota elettrica con motore vi ha convinto, vi invitiamo a cliccare sul link del negozio online. Altrimenti potete consultare la tabella dei pro & contro dove mettiamo a confronto prezzi, pregi e difetti del prodotto.

Pro
Potente:

Il motore senza spazzole e catene arriva fino a 500W di potenza che equivalgono a ben 50 km\\h. È ideale per affrontare strade scoscese con delle salite.

Display:

Sarà facile monitorare i km\\h raggiunti dalla bicicletta grazie al comodo schermo in dotazione con il kit.

Materiali:

Gli utenti hanno lodato i materiali del prodotto per la loro ottima fattura, soprattutto la ruota che si è dimostrata solida e resistente.

Contro
Batteria:

Come molti altri kit, anche questo non include la batteria che andrà acquistata separatamente.

Montaggio:

Non aspettatevi niente di intuitivo, ci sono molti componenti da sistemare e anche una ruota da montare.

Acquista su Amazon.it (€369,9)

 

 

 

Come montare un kit per bici elettrica

 

Probabilmente avrete già visto qualche kit per bici elettrica nel negozio online e vedendo quanti componenti ci sono da assemblare e montare vi siete sentiti un po’ scoraggiati all’acquisto. Sebbene la tecnica di montaggio di un kit di questo tipo non sia universale e possa variare da articolo ad articolo, in questa sezione della guida ci proponiamo di illustrarvi qualche passaggio per rendervi la vita più facile durante l’installazione del vostro nuovo kit. Vi ricordiamo inoltre che nel caso non troviate le istruzioni all’interno dell’articolo acquistato, potete sempre richiederle alla ditta produttrice.

 

 

Batteria

La posizione della batteria sulla bicicletta è molto importante sia per ragioni estetiche sia per altre squisitamente tecniche. Innanzitutto vogliamo specificare che molti kit non contengono la batteria e che questa andrà spesso acquistata a parte. Se intendete quindi trasformare la vostra bicicletta in un modello elettrico, vi consigliamo di procurarvi subito una buona batteria da poter abbinare al kit.

Potrete fissare la batteria al tubo inferiore del telaio bilanciando meglio il peso tra le due ruote, oppure attaccarla al canotto sotto la sella. Quest’ultima posizione è la più comune per il montaggio di batterie molto piccole. Se invece disponete di un comodo portapacchi potrete acquistare una batteria di grandi dimensioni e quindi di capacità più elevate. Contate però che questo tipo di montaggio peserà molto sulla ruota posteriore e potrebbe ridurre le performance del motore e della vostra pedalata.

 

Pedali e corona

Questa parte del montaggio è proprio quella che fa mettere le mani nei capelli agli utenti meno esperti e per la quale spesso è meglio ricorrere all’aiuto di un professionista. Per sostituire il mozzo della corona richiede l’utilizzo di chiavi a bussola che si possono chiedere in prestito a un bike shop oppure acquistate.

Se trovate un riparatore di biciclette disposto a prestarvele potrete risparmiare, anche perché una volta utilizzate per questa operazione difficilmente vi torneranno utili. Dopo che le chiavi sono in vostro possesso potrete procedere con lo smontare i pedali e la corona dal kit, aiutandovi anche con una leva a cricchetto per la rimozione completa del mozzo. Per eseguire questa operazione non dovrete smontare altri componenti della bicicletta, lasciando manubrio, ruote e forcella al loro posto.

 

 

Motore

Il motore va montato al posto della corona e su di esso verranno poi avvitati i pedali che ne garantiranno l’attivazione. Ricordate di stringere bene le ghiere attorno al motore per stringerlo bene e fare in modo che rimanga ben saldo. Questo perché durante la pedalata potreste rischiare di allentarlo o addirittura di staccare il componente dalla bicicletta. Se il kit acquistato richiede l’utilizzo della catena, dovrete fissarla correttamente ai pedali.

Per completare il montaggio sarà necessario collegare i cavi del display LCD e del motore, oltre alla carica della batteria. Attenzione a non far passare i cavi attraverso i raggi della bicicletta e di effettuare tutti i collegamenti correttamente. Il display LCD va montato sul manubrio in una posizione vicina alle manopole per poterlo raggiungere più agevolmente durante la guida.

 

 

 

Domande frequenti

 

Quali vantaggi ci sono nell’installare un kit di conversione per bici elettrica?

Le bici elettriche possono arrivare a costare cifre molto alte, spesso proibitive per chi non dispone di un buon budget. Per questo potete aggirare il problema acquistando un buon kit di conversione per bici elettrica.

I vantaggi che ne trarrete sono molteplici: risparmierete sull’acquisto di una bici elettrica, farete meno fatica nella pedalata e inoltre potrete tenere d’occhio il vostro chilometraggio grazie al pratico display LCD che solitamente si trova all’interno del kit. L’unico problema di questi prodotti sta nella loro installazione non proprio intuitiva e che richiede un po’ di pratica e molta pazienza.

 

Tutte le normali bici possono essere trasformate in bici elettriche?

In teoria sì, sebbene non aspettatevi di montare un kit su un rudere troppo vecchio o su una bicicletta di piccole dimensioni. Non è consigliabile montare il kit su una bicicletta da corsa o su una Mountain Bike, più che altro perché trattandosi di modelli adibiti ad attività sportive potreste perdere facilmente il gusto se venite aiutati nella pedalata.

Questi prodotti si adattano molto bene alle bici per la città o la campagna, dato che possono dare la giusta spinta e raggiungere una velocità di 30 km\h. Attenzione a dove posizionate la batteria e soprattutto ai collegamenti dei cavi.

 

Per scegliere il giusto kit quali caratteristiche bisogna considerare?

La caratteristica principale che vi invitiamo a considerare è la potenza del motore. Tenete conto che il limite massimo di velocità consentito per le bici elettriche è di 25 km\h, quindi non vi consigliamo di acquistare un motore estremamente potente che poi non potrete sfruttare.

Un kit con un motore da 250W è più che sufficiente e vi permetterà di andare a 30 km\h. La potenza del motore inoltre stabilisce anche in quanto tempo raggiungerete l’accelerazione massima per poter fare in meno di pedalare. Un altra caratteristica da considerare è se i componenti del kit sono delle dimensioni giuste per la vostra bicicletta, altrimenti potreste trovarvi tra le mani un prodotto non adatto. Un occhio di riguardo lo meritano anche i materiali che devono sempre essere molto resistenti, specialmente le varie viti che userete per montare il motore e i cavi per i collegamenti.

 

Con un kit di conversione è possibile affrontare le salite?

Sì ma entro certi limiti. Funzionerà molto bene sulle strade cittadine un po’ ripide e in quelle di campagna con salite più impegnative, ma non aspettatevi di poter affrontare dei percorsi in montagna. Se utilizzate spesso la bicicletta in strade di campagna che prevedono collinette e salite, allora optate per un motore da 500W con velocità regolabile tramite il display in modo da poter aumentare la potenza.

 

È difficile montare un kit di conversione?

Essendo un misto tra cavi, componenti elettrici e meccanici il kit di conversione non è proprio intuitivo per quanto riguarda il montaggio, inoltre saranno necessarie alcune particolari utensili come la chiave a bussola. Inoltre spesso le ditte produttrici non inseriscono le istruzioni nel kit, quindi a meno che non le richiedete esplicitamente potreste dover ricorrere a delle guide online.

Il nostro consiglio è quello di rivolgervi a un bike shop o riparatore di biciclette nel caso non siate particolarmente pratici.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Come scegliere il miglior kit per bici elettrica del 2019?

 

Se utilizzi la bicicletta non tanto per passione ma per comodità, ad esempio per raggiungere il posto di lavoro evitando l’assalto mattutino ai mezzi pubblici, potresti valutare la possibilità di comprare una bici elettrica. Se però l’esborso necessario per questo acquisto ti spaventa (in effetti i modelli sul mercato sono ancora piuttosto cari), potresti ricercare il basso costo e pensare quindi di trasformare la tua normale bicicletta in una che per avanzare non ha necessariamente bisogno delle pedalate.

Come? Tramite l’acquisto di un kit ad hoc, pensato proprio per attuare questa evoluzione e aggiungere la componente elettrica a quella meccanica. Se l’argomento ti stuzzica, prosegui nella lettura così scoprirai quali sono gli aspetti di cui tenere conto e potrai leggere la recensione di quello che è per noi il miglior kit per bici elettrica del 2019.

Montare gli accessori necessari alla trasformazione non è difficilissimo ma è bene avere una certa dimestichezza con la struttura e la meccanica della bicicletta. Piuttosto che improvvisarsi e commettere errori che potrebbero pregiudicare il corretto funzionamento è meglio affidarsi a un professionista, il cui intervento va considerato nel calcolo della spesa finale.

Se si opta per un kit più semplice, che prevede il motore montato sulla ruota anteriore, l’operazione è meno complessa mentre per quelli nei quali il motore agisce sul movimento centrale è necessaria una destrezza superiore. Per quanto riguarda il costo da sostenere molto dipende da che cosa è contenuto nel kit, per esempio la presenza o meno della batteria incide notevolmente sul prezzo finale.

Inoltre è necessario che i vari componenti – motore, sistema di rilevazione della pedalata, cavi, batteria, eccetera – siano di buona fattura nonché adatti al modello di bici di cui disponi. In particolare bisogna valutare con attenzione il peso dei vari accessori, di modo che non gravino troppo sul telaio della bicicletta, che potrebbe non essere in grado di sorreggerli al meglio. Qui di seguito trovi la recensione di quello che, secondo noi, è un kit per bici elettriche degno di attenzione.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

 

Ne abbiamo ancora! Dai un’occhiata a questi articoli:

 

Batteria per bicicletta elettrica

 

 

5
Leave a Reply

avatar
3 Commentare le discussioni
2 Risposte alla discussione
0 Followers
 
I commenti con il maggior numero di reazioni
La discussione più calda
4 Gli autori dei commenti
kattivissimaLaura EditorLauraAlessio I più recenti autori dei commenti
  Sottoscrivere  
Il più nuovo Il più vecchio Il più votato
Notifica di
Alessio
Ospite
Alessio

Buona sera avrei bisogno delle istruzioni per montare il kit sulla mia bici grazie mille in anticipo

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Buongiorno Alessio,
le istruzioni sono in inglese e si possono trovare solo qui: https://www.dropbox.com/sh/mqhvvmokoutkgao/AABqswONkUrAhaDjh0DJjMgPa?dl=0
Dai anche un’occhiata a questo video, forse ti chiarirà le idee: https://www.youtube.com/watch?v=2dDEep9pu2U

Saluti

Laura
Ospite
Laura

Buonasera, ho la bici BTwin rockrider 340 ( decathlon). Sono molto negata nello scegliere il modello adatto… Quale kit potrebbe essere compatibile secondo voi ?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico

Buonasera Laura,

per quanto riguarda la compatibilità, non ci dovrebbero essere problemi. Considera, però, che per trasformare effettivamente la tua bici in un modello elettrico avrai bisogno, tra l’altro, del motore, di una batteria e di un caricabatteria. Per montare le varie componenti in maniera corretta probabilmente dovrai rivolgerti a un esperto, dal quale ti consigliamo di andare prima di acquistare il kit, in modo da avere anche un parere professionale su quale possa essere il più adatto per te.

Saluti

kattivissima
Ospite
kattivissima

Mi ha sorpresa molto leggere che, tra i motori che ritenete acquistabili per fare di una bici normale una bici assistita, ne consigliate anche uno da 350 W preoccupandovi esclusivamente del prezzo; sembrate non essere consapevoli che in Italia è fuorilegge, per una bici assistita.
Il massimo consentito per le bici assistite è 250W.
Se si montano motori superiori la bici potrà circolare esclusivamente su suolo privato (in cortile). Cosa che la rende fondamentalmente inutile.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (56 voti, media: 4.82 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status