I 5 Migliori TV 4K del 2020

Ultimo aggiornamento: 21.09.20

 

TV 4K – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

Se state meditando l’acquisto di una nuova tv, non dovreste indugiare troppo e optare per una Smart tv 4k. È la migliore risoluzione di immagine possibile e con l’apporto dell’HDR può garantire una qualità mai vista prima nei nostri salotti. È vero, i contenuti in 4k non sono ancora molto diffusi, e forse sui cosiddetti canali generalisti bisognerà aspettare un po’, prima che compaiano. Tuttavia, con una Smart tv, ci sono molti modi per accedere a film già disponibili in ultra HD, e l’intrattenimento televisivo del futuro già oggi prevede piattaforme online, canali satellitari e altre innovazioni che accelerano il mercato e ne rivoluzionano le proposte. Volete farvi trovare impreparati? Nei primi posti della nostra classifica abbiamo puntato in alto, con due modelli da 55 pollici. Il modello di LG con schermo Oled, 55c9pla, è ancora piuttosto costoso, ma è di qualità tecnica superiore. Samsung, invece, con il suo Qe49q60ratxzt, propone la tecnologia Qled e consente anche un relativo risparmio. Nelle posizioni più basse troverete modelli più piccoli ed economicamente più accessibili.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere la migliore tv 4k?

 

La scelta di una tv 4k è solo il primo passo. I televisori più recenti sono prodotti sempre più sofisticati e raffinati, con caratteristiche, prezzi e destinazioni molto diverse tra loro.

In questa guida per scegliere il miglior tv 4k, abbiamo cercato di fornire qualche criterio per orientarsi in un mercato ampio e complesso.

Bisogna pensare che una tv, oggi, deve dialogare con altri dispositivi, collegarsi a Internet, archiviare app e altri contenuti digitali. A tutto questo occorre pensare prima di decidere quale tv 4k comprare.

Oled è meglio?

La risoluzione di uno schermo indica il numero di pixel, vale a dire la quantità di punti luminosi che compongono, come un mosaico, l’immagine. Più alto è il numero, maggiore sarà la definizione, quindi il dettaglio.

Al cinema, la risoluzione 4k corrisponde a 4096×2160 pixel, ma sugli schermi televisivi è più frequente quella di 3840×2160 pixel. 

Esistono però altri aspetti che determinano la qualità della visione su una tv 4k: il contrasto e la resa dei colori, per esempio, per non parlare dell’audio.

Restando all’immagine, molto dipende dalla tecnologia adottata per la costruzione del display.

Sul mercato attuale, esistono due alternative sostanziali tra cui scegliere: gli schermi LCD (a cristalli liquidi) e gli schermi Oled.  

I pixel delle tv con schermo OLED sono costituiti da diodi organici auto illuminanti. È un po’ come se ogni singolo pixel fosse una lampadina autonoma, che può essere accesa e spenta singolarmente.

Per questa ragione, la resa dei neri è particolarmente efficace, e le ombre risultano incise e profonde. 

I valori di contrasto sono mediamente superiori, il che significa, in sostanza, bianchi più bianchi e neri più neri.

Da un punto di vista tecnico, gli schermi oled permettono la costruzione di apparecchi con uno spessore inferiore ai 4 millimetri, con tutti i vantaggi che ne conseguono.

 

Schermi a cristalli liquidi (LCD)

Gli schermi LCD sono molto migliorati ultimamente, e grazie alla retroilluminazione a led durano più a lungo e consumano meno energia. Hanno il vantaggio di costare meno dei modelli Oled e di garantire, se ben costruiti, un’ottima qualità complessiva.

A metà strada tra i due è recentemente comparsa una “terza via”. Si chiamano schermi Qled, sigla che significa Quantum Led. 

A dispetto dell’assonanza con la sigla OLED (non casuale, sostengono i maligni) si tratta di schermi LCD, utilizzati soprattutto su televisori Samsung 4K, che hanno, in più, un apparato di filtraggio costituito da nano particelle di punti quantici. 

Il risultato finale si traduce, sostanzialmente, in una gamma cromatica che può essere, teoricamente, perfino superiore a quella degli OLED, ma molto dipende dalla tecnologia che supporta l’apparecchio.

Se è vero che gli schermi LCD non permettono lo spegnimento dei singoli pixel come avviene sugli schermi Oled, i display che sono retroilluminati con led rimediano parzialmente al gap grazie al “local dimming”.

Uno schermo a cristalli liquidi, infatti, è strutturato in modo tale da permettere comunque alla luce posta dietro il pannello di filtrare, sebbene i cristalli si siano “posizionati” in modo da non farla passare per offrire una immagine scura. 

Se c’è la possibilità di spegnere completamente i Led, è abbastanza evidente che si potrà rimediare a questo difetto.

Si tratta di una finezza, che a molti telespettatori potrebbe non interessare. In ogni caso, non tutti gli apparecchi televisivi a Led offrono questo strumento di controllo.

Non solo: anche se presente, il local dimming non sempre copre tutte le zone dello schermo. In alcuni casi è limitato alle fasce laterali, oppure a quelle inferiori e superiori.

La giusta dimensione

Le dimensioni degli schermi televisivi sono tradizionalmente indicate in pollici, laddove un pollice corrisponde a circa 2,5 cm. 

La misura si riferisce alla diagonale del rettangolo di visione: una tv da 40 pollici, per esempio, ha una diagonale di un metro, e si può considerare già una buona misura.

Tra un display da 40 pollici e uno da 50 possono esserci diverse centinaia di euro di differenza nel prezzo. 

Se il budget e gli spazi a disposizione lo consentono, consigliamo di non scendere al di sotto dei 43”. 

In questa fetta di mercato c’è ampia varietà di prodotti, anche venduti online, e la differenza di prezzo, generalmente, non è troppo onerosa. 

Inutile dire che uno schermo da 55 pollici si avvicina molto di più a un’esperienza cinematografica, soprattutto se ci si può posizionare a una distanza compresa tra tre e cinque metri.

Sebbene non compaiano nella nostra cinquina, esistono anche modelli che superano i 60 pollici. Per acquistarli, però, bisogna prepararsi a spendere poco meno di duemila euro, per i prodotti migliori, ma esistono offerte che superano di poco i mille euro. Da questo punto di vista, la Rete è il miglior luogo dove acquistare, ma fate attenzione a non ricevere a casa modelli inadeguati al mercato italiano o, almeno, europeo: potreste avere problemi con la sintonizzazione dei canali e la loro numerazione automatica. 

 

Le 5 Migliori TV 4K – Classifica 2020

 

 

1. LG OLED AI 55 Pollici Smart TV OLED55C9PLA

 

Principale vantaggio:

I vantaggi di uno schermo Oled balzano agli occhi in questo televisore LG: colori naturali, sfumature sorprendenti, ombre scolpite e scure. Il sistema di intelligenza artificiale integrato aiuta ad avere sempre la giusta calibrazione.

 

Principale svantaggio:

Rispetto al prezzo di lancio, oggi il modello LG è sceso a cifre abbordabili, ma ancora abbastanza impegnative. Per trovare un vero difetto, bisogna lamentarsi delle istruzioni per appendere la tv, secondo alcuni clienti poco chiare.

 

Verdetto: 9.8/10

Se lo trovate in vendita a una cifra inferiore a 1.500 euro, fareste un autentico affare. La spesa è impegnativa, ma la qualità del televisore è eccezionale. Il supporto alla tecnologia 4k HDR è tra i migliori sul mercato, e perfino l’audio, relativamente più debole rispetto alle altre caratteristiche, regge bene su contenuti in Ultra HD. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

La superiorità Oled

Sebbene le tv a cristalli liquidi stiano progressivamente migliorando, la tecnologia Oled si può ancora considerare superiore.

Si spiega già così la posizione occupata dal modello LG OLED55C9PLA, da molti giudicato il migliore tv 4k dell’anno. Al momento del lancio costava più di duemila euro, mentre oggi si può trovare, anche nuovo, a poco più di mille euro. 

Una cifra comunque alta per la maggior parte di noi, ma che permette di avvicinarsi a un prodotto che ha caratteristiche eccezionali, a cominciare dal design.

La tv raggiunge lo spessore massimo di 4,7 cm nella parte inferiore, che contiene le casse da 40 Watt e tutta la componentistica elettronica. Lo schermo, in sé, sarebbe sottile come un foglio di cartoncino e il corpo superiore del televisore è una lastra di pochi millimetri.

La cornice è sottilissima e, in condizioni di buio, le immagini sembrano fluttuare nel nulla.

Le porte di connessione si trovano soprattutto sul bordo laterale, per facilitare il fissaggio a muro: 4 HDMI (2.1), 3 USB e uscita audio ottica/digitale. 

La base d’appoggio è innovativa e garantisce massima stabilità, al prezzo però di un ingombro poco inferiore alla larghezza del display.

Neri “abissali”

Lo schermo Oled di questo modello non è tra i più luminosi (parliamo di dettagli), ma ha una resa che sfiora la perfezione sia al buio sia in condizioni di luce più forte. 

Le ombre sembrano dipinte a inchiostro, senza traccia di aloni e zone grigie. 

Il supporto all’HDR è quello classico di LG: si punta su Dolby Vision (il prescelto da Netflix), HDR10 e HLG, ma non c’è supporto per HDR10 +.

Il risultato pratico è superlativo. Si possono vedere sfumature di colore altrove impercettibili, con un realismo che difficilmente troverete sulle tv LCD, sia pure di fascia alta.

LG sta investendo molto per aggiungere funzioni di AI (intelligenza artificiale) che intervengano automaticamente per migliorare la qualità del colore, del contrasto, della luminosità in base alle condizioni ambientali e alle caratteristiche delle scene.

Un sistema analogo supporta anche l’audio. È chiaro che un televisore di questo genere meriterebbe un sistema di casse esterne all’altezza, ma gli altoparlanti della tv svolgono comunque un ottimo lavoro.

Il suono surround virtuale creato da LG AI Sound 5.1 riesce a intervenire là dove serve e sorprende con effetti avvolgenti e bassi scuri.

 

Web OS 

Tutta la componente Smart è delegata al sistema Web OS, che può anche non piacere da un punto di vista soggettivo, ma di sicuro non fa mancare niente.

“Capitanato” da un processore alpha9, è semplice da usare e permette una personalizzazione della pagina home in base alle proprie preferenze.

Tutte le principali app per lo streaming video sono già caricate e molte altre si possono scaricare da Internet. Netflix e Amazon Prime Video hanno un tasto dedicato su telecomando. Latita, per ora, Apple TV.

La tv si connette via Wi-Fi o con cavo Ethernet e supporta anche Bluetooth.

Per chi è interessato, l’apparecchio può dialogare con l’assistente digitale Alexa di Amazon o con Google Assistant. Sono già previsti, in ogni caso  sia comandi vocali che gestuali. 

La regolazione nativa del televisore è già ottima, ma se si desidera non mancano certo le opzioni per perfezionare a proprio piacimento tutti i parametri, nel minimo dettaglio.

Per chi vuole collegare una console di gioco, questo è uno dei migliori apparecchi sul mercato, se non il migliore. L’input lag è tra i più bassi, come i videogiocatori esperti hanno ormai imparato. 

In definitiva, una gran bel televisore, che per ora non compare tra i più venduti perché il prezzo non è tra i più popolari.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Samsung QE55Q60RATXZT Serie Q60R QLED Smart TV 55″, 4K

 

In seconda posizione, un modello Samsung molto più economico, con schermo Qled.

Difficile la comparazione diretta con il concorrente LG: questa è una tv LCD con un filtro chiamato Quantum Filter, perché composto da punti quantici (Quantum Dots), vale a dire microcristalli che hanno le dimensioni di una molecola d’acqua.

La tv si avvantaggia del Quantum Style, grazie al quale, una volta spenta la tv, si può attivare la Funzione Ambient Mode: lo schermo si armonizza e si adegua a colori e design del vostro soggiorno, trasformandosi in una sorta di quadro.

Se siete più interessati alla sostanza, probabilmente vi interesserà capire cos’è il QHDR.

La tecnologia “Q” ha il compito di migliorare ulteriormente le prestazioni dell’HDR. Nel complesso, questo modello Samsung gestisce HDR10, HDR10+ e HLG in modo secondo noi più che adeguato, soprattutto rispetto al prezzo attuale.

Infine, non bisogna dimenticare il Processore Quantum 4K, che offre una funzione di upscaling e adatta l’illuminazione alla luce ambientale e calibra il sonoro in base alle scene o ai contenuti del video. 

Per le funzioni Smart, Samsung si affida al sistema Tizen OS, collaudato e completo. Si trovano le app per lo streaming più gettonate: da Netflix ad Amazon Prime, comodamente raggiungibili dal telecomando.

Nel complesso, questa tv si fa apprezzare su tutti i fronti. La calibrazione automatica del colore è efficientissima, in particolare nella modalità Film. 

Si trova anche l’impostazione Migliora vista digitale, che regolata in automatico limita l’effetto banding nelle aree scure. 

Allo stesso modo, la regolazione Auto Motion Plus elimina eventuali problemi con le immagini in movimento. Vanta un valore di contrasto di 6450:1, perfetto sia al buio sia con forte illuminazione. 

Le casse audio integrate sono di buona qualità, ma di piccole dimensioni: per avere un audio all’altezza di certi contenuti in 4k, forse è meglio riflettere sull’acquisto di una soundbar aggiuntiva. 

Nella tabella qui sotto potete rileggere, in sintesi, tutti i pro e i contro che abbiamo riscontrato in questo senso interessante modello.

Pro
Prezzo conveniente:

attualmente in vendita a poco più di 500 euro, è indiscutibilmente un buon affare.

Smart e ludica:

il sistema Tizen installato è tra i più flessibili, completi e reattivi. Le app fondamentali ci sono tutte e se si vuole collegare una console di gioco, le prestazioni sorprenderanno.

Ambient Mode:

la funzione che trasforma la tv spenta in un quadro o mimetizza lo schermo con il colore della parete è un simpatico plus.

Contro
Casse audio:

le casse non sono di cattiva qualità, ma obiettivamente poco potenti. Vivamente consigliata una soundbar aggiuntiva. 

Acquista su Amazon.it (€860)

 

 

 

3. Sony KD-55XG7005 TV Smart da 55″, 4K

 

Questa linea di prodotti Sony raccoglie critiche favorevoli, ma anche qualche appunto negativo. Il modello da 55 pollici, tuttavia, è quello che meglio schiva le palle vaganti.

Il prodotto ha indiscutibilmente un bel design, con un paio di possibili difetti: i piedini usati come base occupano un po’ troppo spazio e lo spessore di 8 centimetri rende un po’ meno “invisibile” la collocazione a muro.

Peccati sostanzialmente veniali, e in gran parte compensati dalla solidità strutturale complessiva, abbastanza rara in una linea di prodotti entry level, e apparentemente migliore di quella dei modelli Samsung nella stessa fascia di prezzo. 

Contrariamente ai modelli Sony della stessa linea, ma con schermo più piccolo o più grande, questa tv usa un pannello VA (Vertical Allignement), che ha come conseguenza valori di contrasto nettamente superiori (5800:1, adatto a visione al buio e con illuminazione) e neri molto più densi e incisivi.

Il supporto alla tecnologia HDR non è dei più promettenti: sono previsti HDR10 e HLG, ma gli standard con metadati dinamici, come HDR 10+ o Dolby Vision, non sono presi in considerazione.

La luminosità dello schermo, d’altra parte, non permette di sfruttare tutte le potenzialità del 4k HDR. 

Sony rimane maestra nell’impostazione della calibrazione nativa della tv. Chi ha occhi più addestrati ed esigenti potrà comunque regolare a piacimento e nel dettaglio tutti i parametri dell’immagine. 

Per la parte smart l’azienda giapponese ha optato per un sistema Linux, che svolge discretamente il suo compito: funziona senza incertezze, mette a disposizione le app più conosciute e dispone di 16 gigabyte per archiviare software e altri contenuti. 

Nei consigli d’acquisto e tra le recensioni si legge qualche lamentela sulla possibilità di ampliare il pacchetto di app disponibili. 

L’audio è modesto, e per buoni risultati andrebbe integrato con una soundbar o casse acustiche.

Gli appassionati di videogame si aspettavano qualcosa in più dalla produttrice della PlayStation, per quanto riguarda l’uso della tv in collegamento con console per videogame.

Nella tabella qui sotto potete trovare sintetizzati i punti di forza e debolezza di questo prodotto.  

Pro
Alta risoluzione:

il televisore dà il suo meglio con i contenuti in 4k e supporta ottimamente le scene d'azione. 

Qualità prezzo:

il prezzo di questo modello Sony è molto interessante e permette di assolvere qualche difetto strutturale.

Contro
HDR limitato:

la Sony non ha previsto il supporto per nessuno degli standard attualmente disponibili di HDR con metadati. 

Videogame:

qualche appassionato videogiocatore non è rimasto completamente soddisfatto dal modo in cui la Tv interagisce con le console per videogiochi.

Acquista su Amazon.it (€517,05)

 

 

 

4. Samsung UE43RU7450UXZT Smart TV 4K Ultra HD 43″

 

La versione del modello Samsung RU7450 che qui proponiamo, in color argento, è in vendita esclusivamente su Amazon.

Si tratta di un prodotto cosiddetto entry level, che però può tranquillamente competere con concorrenti più costosi. 

La qualità delle immagini è molto buona, il rapporto di contrasto di 5700:1 è più che sufficiente e non si notano scie o sfarfallii fastidiosi neppure nelle scene più movimentate.

Le casse audio da 20 watt non sono una dotazione esaltante, ma il prezzo contenuto permette, eventualmente, di compensare con l’acquisto di una soundbar. 

Il supporto alla tecnologia HDR 10+ non può dare risultati superlativi, ma è un dettaglio che riguarda attualmente una percentuale molto bassa dei contenuti disponibili su una Tv.

Si presenta nel classico design pulito dei Tv Samsung, con la base a V e una sottile cornice grigia.

Le funzioni Smart sono affidate al sistema Tizen, con la sua dote di applicazioni e giochi scaricabili e le immancabili app per lo streaming video (Netflix, Prime video, YouTube e tutte le più note).

Funziona ottimamente l’abbinamento a una console di gioco, mentre un po’ immatura è ancora l’integrazione con Alexa. Può migliorare, tuttavia, con l’aggiornamento del sistema.

Ripercorriamo per punti le caratteristiche più convincenti e meno riuscite di questo televisore Samsung.

Pro
Buon rapporto prezzo qualità:

immagini fluide, con una discreta resa delle sfumature possibili con la tecnologia HDR. 

Consigliato ai videogiocatori:

le funzioni Smart sono efficienti e varie, e il televisore risponde bene anche se lo si collega a una console per videogiochi.

Contro
Audio limitato:

l'audio delle casse a 20 Watt, soprattutto per contenuti in 4k, mostra qualche limite. Si può rimediare con l’acquisto supplementare di una soundbar.

Angolo di visione:

la tv dà il suo meglio nella visione frontale, mentre si riscontra qualche problema con un angolo di visione troppo laterale. 

Acquista su Amazon.it (€309,74)

 

 

 

5. Philips 7300 Series 43PUS7304/12 4K Ultra HD Smart TV

 

Un altro modello da 43 pollici, questa volta prodotto in casa Philips. Si tratta di una Tv con qualità molto interessanti, a un prezzo più che accessibile.

La prima cosa che si nota è l’ottimo setting preconfigurato, e i moltissimi scenari con cui è possibile regolare l’immagine a seconda dei contenuti in visione: Naturale, Film, Gioco e molti altri.

È una tv che si preoccupa di quegli utenti che non desiderano perdere tempo con la regolazione manuale, ma vogliono godersi nel migliore dei modi lo spettacolo.

La funzione Ambilight, reclamizzata dall’azienda produttrice, prevede l’installazione di Led luminosi su due bordi laterali e su quello inferiore, che proiettano effetti di luce più o meno in sintonia con le immagini sullo schermo. 

Il risultato è particolarmente efficace se alle spalle della TV c’è una parete chiara, che regala l’illusione di uno schermo più ampio.

La retroilluminazione, inoltre, distrae da valori di contrasto che non rendono mai alla perfezione il nero. 

Sul fronte del 4K HDR si riscontrano pareri positivi sia da parte di specialisti sia da parte dei clienti. Philips, infatti, ha deciso di supportare tutti gli standard attualmente sul mercato, dagli scontati HDR10 e HLG a HDR10+ e Dolby Vision, con risultati molto soddisfacenti, soprattutto se si considera la fascia di prezzo in cui ci troviamo.

E un’altra sorpresa positiva è la funzione di Local Dimming, che sarebbe un errore considerare scontata in prodotti di questo tipo.

Anche visione laterale è migliore della media grazie allo schermo Ips, ma la tv può comunque ruotare sugli appoggi.  

Buone notizie anche sulle funzioni Smart: il sistema operativo per le funzioni è Android, supportato da un processore ARM Cortex-A53 a 4 core.

Questo significa una scelta di app vastissima, che deve però fare i conti con i 16 gigabyte previsti per archiviarle. 

Nella tabella qui sotto abbiamo riunito le ragioni a favore e contro l’acquisto di questo interessante ed economico televisore Philips.

Pro
Supporto HDR:

La tv Philips supporta tutti gli attuali standard per HDR con metadati e la resa sullo schermo è buona.

Calibrazione semplice:

i set di regolazione preconfigurati aiutano a ottimizzare la visione senza perdere troppo tempo.

Ambilight:

l’esclusiva di Philips che regala l'illusione di uno schermo più ampio e alleggerisce la visione è un’idea piacevole e ha effetti benefici sulla visione.

Contro
Videogame e console:

Philips ha migliorato (e molto) i tempi di risposta con le console di gioco, ma ai perfezionisti potrebbe non bastare.

Acquista su Amazon.it (€500)

 

 

 

Come usare una tv 4k

 

Nella nostra vetrina dedicata ai migliori tv 4k del 2019 abbiamo cercato di coniugare risparmio e qualità, alternando prodotti a prezzi bassi (relativamente), ma di ottima fattura, ad altri meno economici e tecnicamente superiori.

Ma una volta compreso come scegliere un buon tv 4k, è utile capire come sfruttarne fino in fondo le potenzialità.

Cambiare sistema

Qualunque tv 4k abbiate scelto, si tratta sicuramente di una Smart tv. Il vostro apparecchio è dunque in grado di collegarsi alla rete casalinga, tramite Wi-Fi o cavo Ethernet.

Vi consente di navigare in Rete e, a seconda del sistema operativo installato sul televisore, di scaricare le più diffuse app dedicate allo streaming video.

Le più note sono Amazon Prime Video, Netflix, TimVision, Chili, NowTV, Dazn (per lo sport), Infinity e, naturalmente, YouTube, Rai Play e Mediaset Play.

I televisori, dunque, si differenziano anche per il sistema operativo, vale a dire per il software, che vi permetterà di fare tutte queste cose. 

Android TV è la versione televisiva del sistema operativo per cellulare più diffuso al mondo. Per ovvie ragioni, è quello predisposto a dialogare meglio con i dispositivi Android, dagli smartphone ai tablet. Si trova spesso su apparecchi Sony, Sharp e Philips.

I televisori Samsung, invece, sono solitamente equipaggiati con Samsung Smart Hub o Tizen. Quest’ultimo è secondo noi più ricco e funzionale. Se supportato da un processore adeguato, si rivela reattivo e duttile e può vantare un arsenale di applicazioni che ha poco o nulla da invidiare ad Android Tv.

Anche Samsung Smart Hub, tuttavia, garantisce una interessante collezione di app e può dialogare senza problemi con cellulari e altri apparecchi Samsung.

 

Dove trovo programmi in 4k?

Sulle tv cosiddette generaliste (gli storici canali Rai e Mediaset) in 4k si trova poco o nulla.

Esiste un canale Rai 4k, trasmesso da Tivùsat, che necessita, però, di un decoder appropriato e una parabola satellitare. 

Il decoder può non essere necessario, purché il televisore in nostro possesso abbia alcune caratteristiche. 

Deve disporre, infatti, di un doppio sintonizzatore, supportare lo standard televisivo DVB-S2 e il codec HEVC ed essere certificato per  per la visualizzazione dei canali 4K UHD della piattaforma tivùsat.

Per trovare soddisfazione alla vostra sete di contenuti in Ultra HD è probabile che dobbiate spendere qualche euro.

La nuova piattaforma Sky Q e Mediaset Premium, per esempio, dispongono di un discreto archivio di film e altri contenuti in 4k. 

Netflix, la piattaforma per la visione di film e serie tv in streaming, prevede nel suo pacchetto di abbonamento anche un bel gruzzolo di film e serie tv in 4k. 

Avrete però bisogno di una connessione alla Rete che viaggi ad almeno 25 megabit al secondo, in modo stabile. Inoltre, dovrete sottoscrivere un abbonamento Premium, che costa attualmente 15,99 euro al mese.

Amazon Prime Video, la piattaforma a cui accede gratuitamente chi sottoscrive il servizio di consegna gratuita Prime, propone qualche titolo con definizione Ultra HD. 

L’app è scaricabile o precaricata su numerosi tv 4k ed è accessibile da Apple TV.

Cos’è il 4k HDR

Quando si scorre un elenco di contenuti video in 4k, si trova spesso anche l’acronimo HDR, vale a dire High Dynamic Range.

Tradotto, significa gamma dinamica estesa, ed è in pratica una tecnologia che garantisce una più ampia gamma di colori e luminosità. 

La risoluzione di una immagine si ottiene con l’aumento del numero di pixel che la compongono, mentre l’HDR si occupa di migliorare la qualità dei singoli pixel.

Il risultato finale dovrebbe restituire bianchi più luminosi e neri più scuri e profondi.

In linea teorica, l’HDR propone una gamma cromatica a 10 bit, in grado cioè di restituire circa un miliardo di tonalità diverse. Si prevede di riuscire a riprodurre tra il 54% e il 76% dei colori percepiti dall’occhio umano in natura. 

Lo standard attuale, per intenderci, è quello Blu-Ray a 8 bit, che si traduce in 16 milioni di colori, 35% di quelli visibili.

Per assicurarsi che una tv supporti questo tipo di tecnologia,  e che quindi si possa godere appieno dei contenuti video HDR, dovrebbe bastare la certificazione che si trova sulle etichette, ma non è esattamente così.

L’HDR si sta ancora assestando sul mercato e, per ragioni tecniche che sarebbe lungo e complicato approfondire in questa sede, non è detto che si riesca a percepire tutta l’effettiva potenzialità di un’immagine HDR.

Molto dipende ancora dalla qualità dello schermo ed è in atto anche una piccola guerra tra standard diversi.

Così come accadde tra Betamax e VHS quando furono introdotti i videoregistratori e, più recentemente, tra Blu-Ray e HD-Dvd, si stanno confrontando HDR 10+ (promosso da Samsung, Philips e altri marchi) e HDR Dolby vision (già adottato da Sony, Lg, Philips e anche alcuni fornitori di contenuti come Netflix e Apple TV). 

 

 

 

Domande frequenti 

 

È vero che esistono tv a 8k?

Esistono, è vero, e sono già sul mercato. Questo però non significa che sia consigliabile comprarle.

È una sfida al limite dell’impossibile trovare una televisione 8k che costi meno di 4.000 euro. 

Ammesso che non abbiate problemi di budget, bisogna considerare che i contenuti compatibili con una risoluzione tanto elevata sono al momento introvabili. Certo, potreste generarli voi stessi con una (altrettanto costosa) videocamera a 8k, e si può sempre sperare in una rapida diffusione di questo formato.

Non dimentichiamo che in tv i contenuti viaggiano ancora su una doppia pista, ad alta definizione e in bassa definizione. 

Al momento, i soldi spesi per un televisore 8k ci sembrerebbero francamente “buttati”.

 

Cos’è l’upscaling 4k? 

Il termine upscaling indica, in generale, la possibilità di migliorare la definizione di un’immagine, rispetto alla sua risoluzione nativa.

Spieghiamo meglio. Abbiamo una tv 4k, ma sono ancora pochi i contenuti Ultra HD. Abbondano, invece, quelli Full HD. Alcuni apparecchi televisivi (e non solo) permettono con un artificio di trasformare una risoluzione Full HD in una 4k. Con che esiti? Dipende dall’apparecchio.

Allo stesso modo, è possibile effettuare l’upscaling per la tecnologia HDR. Anche in questo caso il risultato finale è lontano da quello di un’immagine originalmente realizzata con questa tecnologia.

 

Esistono lettori di Blu-ray 4k e dischi Blu-ray in 4k? 

Naturalmente sì. Sono, anzi, una delle principali fonti di contenuti ad altissima risoluzione al momento disponibili.

Le case di produzione puntano sulla temporanea mancanza o scarsità di contenuti Ultra HD sulle piattaforme di streaming per vendere i loro titoli più gettonati a un’utenza che non vede l’ora di sfruttare il suo nuovissimo tv 4k.

Si può già acquistare la nuova saga di Star Wars, il blockbuster Endgame della serie Avengers, il cult movie Blade Runner e il suo recente sequel Blade Runner 2049, e moltissimi altri titoli, spesso disponibili in versione HDR.

Per poterli vedere, però, occorre un lettore Blu-Ray compatibile, e anche in questo caso l’offerta non manca.

 

Posso registrare da tv su un supporto digitale?

Alcuni apparecchi televisivi permettono di registrare su una memoria interna, altri prevedono una funzione a cui non sempre gli utenti fanno caso: la possibilità di registrare contenuti dalla tv su pendrive o hard disk esterno.

Perché ciò sia possibile occorre una porta USB, ma non basta. Accanto alla porta si dovrebbe trovare una etichetta che specifichi se da lì si può realmente registrare: HDD Rec e PVR (Personal Video Recorder) sono le indicazioni più frequenti, ma spesso si può leggere USB Rec/Play, USB Recording, o DVR (Digital Video Recorder).

I manuali della tv dovrebbero fugare ogni dubbio. Sappiate che, dopo avere collegato la vostra unità di memoria esterna, questa subirà una nuova formattazione, quindi ogni contenuto precedentemente memorizzato potrebbe essere cancellato.

La nuova formattazione renderà la pendrive o il disco leggibile solo dalla vostra tv.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

TV 4K – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Se è arrivato il momento di cambiare tv, è bene non farsi spaventare dalle leggende sui prezzi e dai dubbi che aleggiano intorno agli apparecchi 4k, o Ultra HD. Si tratta, in sostanza, della più alta risoluzione d’immagine attualmente disponibile, e se è vero che non sono ancora molto diffusi contenuti video e trasmissioni all’altezza di questo standard, è altrettanto vero che l’intrattenimento televisivo si evolve velocemente. Quel che oggi scarseggia, domani sarà moneta corrente: vale la pena fare un investimento, anche perché la televisione non sembra affatto destinata a estinguersi come si profetizzava all’alba di Internet. L’elettrodomestico che ha cambiato i tinelli di casa è invece in lizza per conquistare un ruolo centrale nell’intrattenimento digitale casalingo, integrandosi con Internet, con le console per videogame e tutte le app per lo streaming video oggi disponibili. Abbiamo selezionato prodotti di prezzo medio, come il Samsung UE55RU7400U, e di prezzo più alto, come il modello LG Oled 55C8. Nel mezzo, anche una tv economica, HISENSE H43BE7000.

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior TV 4K?

 

Una volta deciso di scegliere una tv Ultra HD, è normale chiedersi quale Tv 4k comprare.

Sotto la definizione 4k, infatti, si possono selezionare molti modelli, con qualità, prezzi e caratteristiche tecniche differenti.

Tutte le televisioni più recenti sono anche Smart, sono in grado cioè di collegarsi a Internet tramite cavo o Wi-Fi per scaricare programmi, giochi e app dedicate alla visione in streaming di film, ma anche i più famosi social network.

Inoltre, compatibilmente con le esigenze di spazio a vostra disposizione, bisogna decidere le dimensioni dello schermo. Una tv 4k non è necessariamente sinonimo di display giganteschi, anzi: l’altissima definizione permette un’ottima visione anche su apparecchi da 32 pollici, senza bisogno di tenerli a distanza troppo ravvicinata. 

In questa guida abbiamo cercato di riassumere i criteri fondamentali per comprare il miglior tv 4k, che è poi quello più vicino alle nostre necessità, anche economiche.

Questione di pollici

La qualità e le dimensioni dello schermo restano ancora le principali caratteristiche da verificare, quando si acquista una tv.

Per quanto riguarda le dimensioni, sono indicate in pollici, e un pollice corrisponde a circa 2,5 cm.

Una tv da 40 pollici, quindi, avrà una diagonale di un metro, e si può considerare già una buona misura. 

Se possibile, tuttavia, suggeriamo di orientarsi su modelli da, almeno, 43”. Si trova una più ampia varietà di prodotti, anche venduti online, e la differenza di prezzo, generalmente, non dovrebbe essere eccessivamente onerosa. 

Per chi se lo può permettere, naturalmente, riuscire a coniugare altissima risoluzione e uno schermo oltre i 50 pollici garantisce un intrattenimento ben più coinvolgente ed emozionante, soprattutto se si è grandi consumatori di film spettacolari e sontuose serie tv. 

 

LCD, OLED o Qled?

È un po’ più complicato orientarsi tra le diverse tecnologie con cui sono realizzati gli schermi tv, spesso determinanti per la qualità di colori e contrasti.

Non prenderemo in considerazione schermi al plasma, superati, costosi e considerati ormai poco efficienti dagli addetti ai lavori. 

Gli schermi LCD (a cristalli liquidi) sono i più diffusi e, in questa categoria, quelli retroilluminati con Led garantiscono minori consumi e un’usura più lenta.

Dal punto di vista tecnico, i migliori potrebbero essere i display OLED, i cui costi si stanno rapidamente ridimensionando e presto potrebbero competere con gli LCD. 

Gli schermi OLED sono considerati imbattibili nella resa dei neri, una caratteristica importante nella definizione delle immagini e garantiscono un maggiore angolo di visione.

A metà strada tra i due è recentemente comparsa una “terza via”. Si chiamano schermi Qled, sigla che significa Quantum Led. 

A dispetto dell’assonanza con la sigla OLED (non casuale, sostengono i maligni) si tratta di schermi LCD, utilizzati soprattutto su televisori Samsung, che hanno, in più, un apparato di filtraggio costituito da nano particelle di punti quantici. 

Il risultato finale si traduce, sostanzialmente, in una gamma cromatica che può essere perfino superiore a quella degli OLED, ma molto dipende dalla tecnologia che supporta l’apparecchio.

Smart è meglio

Non troverete tra le offerte sul mercato, e tanto meno tra i migliori tv 4k del 2020, un modello con risoluzione Ultra HD che non sia anche Smart.

Una tv Smart, come detto, è un apparecchio in grado di collegarsi a Internet e svolgere alcune funzioni come un computer.

Potrete dunque navigare in Rete e, a seconda del sistema operativo installato sul televisore, scaricare le più diffuse app dedicate allo streaming video.

Le più note sono Amazon Prime Video, Netflix, TimVision, Chili, NowTV, Dazn (per lo sport), Infinity e, naturalmente, YouTube, Rai Play e Mediaset Play.

Alcune di queste applicazioni sono preinstallate sulle tv e, addirittura, hanno una loro collocazione sulla tastiera del telecomando, per poterle raggiungere comodamente, senza passare da interfacce intermedie. 

Per capire come scegliere un buon tv 4k, quindi, bisogna abituarsi a una comparazione anche tra i diversi sistemi software, esattamente come si fa per l’acquisto di un computer.

Android TV è la versione televisiva del sistema operativo per cellulare più diffuso al mondo.

Molte delle app già compatibili con Android si potrebbero ritrovare sulla tv e, volendo, il telefonino si trasformerà anche nel vostro telecomando. Sony, Sharp e Philips installano questo sistema sui loro modelli.

I televisori Samsung, invece, sono solitamente equipaggiati con Samsung Smart Hub o Tizen.

Tizen è probabilmente il più ricco e flessibile tra i due, e il più adatto a competere con Android Tv.

Anche Samsung Smart Hub, tuttavia, garantisce una interessante collezione di app e può dialogare senza problemi con cellulari e altri apparecchi della stessa marca.

 

I 5 Migliori TV 4K – Classifica 2020

 

 

1. Samsung UE55RU7400U Smart TV 4K Ultra HD 55″

 

Principale vantaggio:

Tutta la tecnologia e lo spettacolo dell’Ultra HD a un prezzo contenuto. Una tv sufficientemente sofisticata da soddisfare appassionati di film, videogiochi e nuove piattaforme di streaming, ma abbastanza semplice da tentare i neofiti della tecnologia.

 

Principale svantaggio:

Questo modello Samsung non supporta tutta la gamma cromatica potenzialmente espressa dalla tecnologia HDR, ma il rapporto qualità prezzo è secondo noi tra i più interessanti.

 

Verdetto: 9.8/10

La scelta ideale per chi non può o non desidera sopportare una spesa molto alta, ma non vuole sacrificare troppo la qualità dell’esperienza multimediale e televisiva. Un modello che fa tutto bene e, in qualche caso, riesce anche a stupire.

Acquista su Amazon.it (€409,9)

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Una tv ambiziosa

Questo prodotto Samsung ha esordito nel 2020. Dovrebbe appartenere alla categoria cosiddetta “entry level”, eufemismo per indicare i modelli più economici e destinati al grande pubblico.

In realtà, ed è questa la principale ragione per cui occupa il primo posto in questa piccola classifica, le sue caratteristiche tecniche competono degnamente con concorrenti di livello teoricamente più alto, e certamente più costosi.

Lo schermo è un LCD con retroilluminazione a led, dotato di pannello di tipo VA. L’acronimo significa Vertical Allignment, e sta a indicare il modo in cui sono posizionati i cristalli del display.

La questione è molto tecnica, ma ha rilevanza rispetto alla qualità finale della riproduzione delle immagini.

In questo caso, utenti e addetti ai lavori testimoniano un ottimo valore di contrasto, che permette di visualizzare neri profondi e immagini incise. La luminosità entusiasma un po’ meno, ma parliamo sempre di qualità molto al di sopra della sufficienza.

La visione laterale non è perfetta, ma rispetta le caratteristiche tecniche di questo tipo di schermo.

Una tv molto Smart

Grazie alla tecnologia SmartThings, questi modelli di Tv possono dialogare con Alexa, Google Assistant e AirPlay, i dispositivi di controllo demotici che funzionano attraverso comandi vocali.

Se possedete uno di questi strumenti, potrete usarli per accendere la televisione e sintonizzarvi su un preciso canale. 

Il sistema operativo dell’apparecchio è Tizen, uno dei più flessibili ed efficienti sul mercato. Potrete scaricare tutte le principali applicazioni dedicate allo streaming video: Netflix e Prime Video hanno un tasto dedicato sul telecomando, per raggiungere la loro offerta senza passare da menu intermedi.

Il microfono integrato nel comando a distanza permette anche di effettuare ricerche e attivare le diverse funzioni del televisore con la voce.

Il televisore supporta in linea teorica la tecnologia 4k HDR (di cui si parla in altra sezione di questa guida), anche se non lo fa con la brillantezza dei modelli di fascia più alta. Non aspettatevi di vedere effettivamente un miliardo di tonalità di colore, ma se provenite da una tv Full HD resterete comunque a bocca aperta.

Come tutti i televisori Samsung prevede soltanto lo standard HDR 10+ e non il Dolby Vision. 

 

Azione e Videogiochi

Se siete divoratori di action movie, non dovreste restare insoddisfatti dal modo in cui questa tv gestisce le scene movimentate. 

Qualche difetto, naturalmente, si trova, ma bisogna sempre considerare il rapporto qualità-prezzo, che anche su questo fronte specifico si dimostra ottimo.

Ci sono buone notizie anche per gli appassionati di videogame: qualunque sia la console di gioco che volete collegare, i tempi di reazione sono eccellenti. 

È possibile attivare una modalità game che consente di gestire movimenti e accelerazioni senza perdere mai (o quasi mai) la qualità dell’immagine, anche con definizione 4k.

Gli effetti sonori dei giochi, così come l’audio dei film, non possono contare su un sistema di casse molto efficiente. 

I due altoparlanti da venti Watt fanno quello che possono, ma se si vuole un effetto home cinema bisognerà ricorrere a un impianto esterno.

Per riassumere, questa è davvero, secondo noi (e più di una recensione lo conferma) una tv “ambiziosa”, ma non fa il passo più lungo della gamba.

Disponibile in diverse dimensioni (da 43” a 65”) a prezzo accessibile, può essere la porta di ingresso all’Ultra HD, e non è certo un ingresso di servizio. Non stupisce compaia nelle classifiche dei tv più venduti.

 

Acquista su Amazon.it (€409,9)

 

 

 

2. Philips 6800 Series 43PUS6814/12 43″ 4K UHD Smart TV

 

Anche questo modello Philips ha visto la luce nel 2020. Lo si può acquistare in diversi formati, da 43 a 65 pollici, con ovvie oscillazioni di costo. Chi confronta prezzi, e lì si ferma, rischia di sottovalutare questa opzione, che prevede una spesa chiaramente (ma non eccessivamente) superiore rispetto al diretto concorrente in classifica.

E farebbe male. Risparmiare qualche volta si deve, ma sempre consapevoli di quel che si sacrifica.

La tv Philips ha molte frecce al suo arco, a cominciare dall’efficiente display, in grado di garantire un reale supporto alla tecnologia HDR, allargato ai due standard in concorrenza, Dolby Vision e HDR10+.

Il produttore olandese punta molto sulla sua tecnologia esclusiva Ambilight. Si tratta di un sistema di illuminazione posteriore che aggiunge atmosfera alla visione di un film, proiettando colori sulla parete di casa e creando giochi di luce in sintonia con le musiche.

Perché funzioni, occorre posizionare la tv a circa 20 cm dalla parete. Se la si vuole appendere, occorre un adattatore. 

Le funzioni Smart non deludono: tutte le app migliori per l’intrattenimento digitale sono presenti all’appello. Inoltre, anche tramite comando vocale (magari usando il dispositivo di domotica Amazon Alexa) è possibile registrare film o trasmissioni su dispositivi collegati a una delle porte USB. 

E parlando di connessioni, grazie al Bluetooth è possibile aggiungere casse wireless o cuffie. Tutti gli ingressi HDMI consentono la trasmissione di video 4k, per esempio da un lettore Blu-ray.

Il sistema audio integrato regala, secondo noi, un sonoro avvolgente, che perlustra toni alti e bassi senza perdere in limpidezza. Certo, un vero audio da Home Cinema è un’altra cosa.

Nella tabella qui sotto, potrete trovare sintetizzate le caratteristiche migliori e quelle meno convincenti del tv 4k Philips.

Pro
Definizione e colore:

questo modello Philips abbina alla definizione 4k un degno supporto alla tecnologia HDR, che copre HLG, Dolby Vision e HDR 10+.

Effetto Ambilight:

questione di gusti, ma il sistema Ambilight di Philips, oltre ad aggiungere atmosfera, rende meno faticosa la visione sullo schermo.

Registrazione USB:

È possibile registrare contenuti video dalla tv a una periferica esterna collegata tramite porta USB.

Contro
Spazio posteriore:

per godere dell’effetto Ambilight, la tv ha bisogno di 20 cm di spazio dalla parete, caratteristica che può creare qualche difficoltà (risolvibile) a chi intende appenderla al muro.

Acquista su Amazon.it (€569)

 

 

 

3. Sony KD-43XF7596 Televisore da 43″4K

 

Il TV da 43” che vi presentiamo ha una risoluzione 4K, le immagini sono nitide e ben definite, anche grazie al supporto per la tecnologia HDR. In generale la clientela si è detta soddisfatta ma secondo alcuni i neri non sono perfetti e il motivo è che si tratta di un TV Edge, il che significa che i LED sono posizionati in corrispondenza dei bordi dello schermo, con conseguente eccessiva illuminazione proprio in quella porzione. 

In questo modello con sistema operativo Android trovate integrato ChromeCast, il che vi consente di trasmettere sul TV lo schermo del computer oppure del telefonino, oltre a una serie di App compatibili con questa funzione. Il comando vocale vi dà la possibilità di gestire il televisore con la vostra voce, per esempio potete cercare le applicazioni dallo store, cambiare programma o regolare il volume; inoltre il televisore è compatibile con Google Assistant. 

Non tutti si sono detti soddisfatti della qualità audio e c’è chi ritiene indispensabile fare ricorso a una soundbar per migliorare la situazione. Per quanto riguarda la connettività, oltre al Wi-Fi e al Bluetooth, ci sono quattro porte HDMI e tre USB. Molto pratico il nascondicavi che evita di lasciare in vista matasse di fili elettrici.

Pro
ChromeCast:

Il TV Sony ha ChromeCast integrato, il che consente di visualizzare lo schermo del computer o dello smartphone su quello del televisore.

Comandi vocali:

Sono molto utili per gestire il TV, cambiare canale o regolare l’audio. L’apparecchio è compatibile anche con Google Assistant.

Buona connettività:

Dotato di tecnologia Bluetooth e Wi-Fi, questo televisore presenta un buon numero di porte HDMI e USB.

Contro
Sonoro:

Non tutti si sono ritenuti soddisfatti per la qualità audio, a quanto pare è necessario integrare il televisore con una buona soundbar.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. LG OLED AI ThinQ 55C8 da 55” 4 K

 

Questo è l’unico televisore con schermo Oled selezionato nella nostra cinquina. Malgrado gli evidenti progressi della tecnologia LCD, sembra di poter dire che i display Oled hanno ancora, mediamente, qualcosa in più.

Qualcosa in più anche nel prezzo, anche se la distanza si sta assottigliando. Per questa ragione abbiamo confinato i prodotti con un costo superiore ai mille euro in fondo alla classifica.

Se si cerca la qualità, tuttavia, i modelli C8 sono una tappa obbligatoria, anche perché LG è da molti considerata la migliore marca di questo settore. 

I valori di contrasto sono eccezionali, e i neri sono resi con una compattezza e profondità insuperabile.

Per quanto riguarda la tecnologia HDR, LG ha deciso di supportare gli standard Dolby Vision e HDR pro, e lo fa nel migliore dei modi. È infatti possibile osservare una straordinaria varietà di sfumature cromatiche. 

Le funzioni Smart sono delegate, come sempre per questa marca, al sistema operativo Web Os. Netflix, Prime Video, Youtube e altre celebri app non mancano, ma nel complesso l’offerta è un po’ inferiore rispetto a quella che si trova sui televisori Samsung e Sony. 

In compenso, LG propone l’AI Things, un sistema di intelligenza artificiale che permette, per esempio, di dare istruzioni alla tv usando un normale linguaggio colloquiale.

La qualità dell’audio offerto dalle casse integrate nel televisore è superiore alla media: compatibile con Dolby Atmos, regge anche la prova di contenuti 4k di alto livello.

Il modello LG non teme il confronto neppure con le scene di azione più movimentate, anche se qualche video giocatore molto esigente potrebbe rimanere meno soddisfatto (considerato il prezzo pagato). 

Ecco dunque un elenco di pregi e mancanze di questo modello di tv 4k, dalla tecnologia al prezzo.

Pro
Schermo Oled:

la qualità degli schermi Oled domina ancora il mercato, grazie a valori di contrasto altissimi e perfetta resa della definizione 4k.

Supporto HDR:

le grandi possibilità cromatiche offerte dalla tecnologia HDR trovano un ottimo partner in questo televisore.

AI Things:

L’integrazione del sistema di intelligenza artificiale permette di dialogare con la tv, per ottenere informazioni, programmare lo spegnimento, attivare funzioni.

Contro
Prezzo alto:

la qualità della tv non si discute, ma per averla occorre spendere l’equivalente di uno stipendio medio. 

Acquista su Amazon.it (€1182,13)

 

 

 

5. Sony KD-55XG9505 Android TV Smart TV 4K

 

Il modello Sony KD 55XG9505 rientra in una fascia di prezzo più impegnativa, ma complessivamente giustificata dalla qualità tecnologica.

Le recensioni che lo riguardano si soffermano in particolare sullo schermo LCD con un pannello Full led di tipo VA (Vertical allignment). 

Il rapporto di contrasto è superiore a 4000:1, ulteriormente migliorabile con il local dimming, vale a dire tramite il controllo dei led che illuminano i pixel dello schermo. 

Tradotto in parole semplici: sulla tv si possono vedere ombre scure e profonde. Allo stesso tempo, il bianco mostra una eccezionale purezza e brillantezza. 

Queste due caratteristiche permettono di ottenere una visione ottimale sia al buio sia in ambienti illuminati.

I televisori Sony supportano la tecnologia HDR, ma hanno scelto lo standard Dolby Vision, attualmente il più diffuso. 

Per le funzioni Smart, il produttore giapponese si affida ad Android Tv 8.0, con un arsenale di applicazioni e giochi tra i più ricchi.

I film d’azione e le scene più movimentate dei videogiochi sono perfettamente gestite, senza aloni, artefatti o sfarfallii fastidiosi. 

L’unico vero difetto potrebbero essere le casse per l’audio integrate, efficienti ma non all’altezza di tutte le altre prestazioni garantite da questo modello. 

Ecco, in sintesi, i principali pregi e gli inevitabili punti deboli del televisore Sony.

Pro
Colori e contrasto:

le caratteristiche tecniche di questo televisore permettono di vedere neri davvero neri e compatti, bianchi brillanti e una gamma cromatica spettacolare.

Android tv:

Le funzioni Smart sono affidate a un sistema operativo in grado di dialogare senza esitazioni con moltissimi dispositivi esterni e di offrire un’arsenale completo di app e giochi.

Contro
Prezzo alto:

Il prezzo di questo modello, sebbene proporzionato alla qualità, è oggettivamente alto.

Audio non all’altezza:

le due casse da 10 watt svolgono bene il loro compito, ma questa tv secondo noi meriterebbe di più. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come usare una tv 4k

 

Una tv 4k, se si esclude la risoluzione più alta, non funziona diversamente rispetto ad altri apparecchi relativamente recenti. 

Richiederà un po’ di studio la componente “Smart” e, naturalmente, per sfruttare pienamente l’altissima definizione occorre sapere dove, e a che prezzo, sono reperibili contenuti in 4k.

 

 

Programmi in 4k

La risoluzione in 4k corrisponde a 3840×2160 pixel, la migliore disponibile sul mercato. La migliore? Non proprio: i produttori stanno già scaldando i motori per il lancio di uno standard ancora più elevato. Parliamo di 8k (7.680 x 4.320), e ne esistono già degli esempi sul mercato. 

Si tratta, per ora, di prodotti per le tasche di pochi, e francamente non supportati dai produttori di contenuti video.

È ancora abbastanza raro riuscire a sintonizzarsi su trasmissioni in 4k, quindi chi sta per comprare una tv riteniamo possa serenamente orientarsi su questo standard, senza temere di trovarsi un apparecchio obsoleto nel giro di poco tempo.

Sulle tv cosiddette generaliste (gli storici canali Rai e Mediaset) in 4k si trova poco o nulla.

Esiste un canale Rai 4k, trasmesso da Tivùsat, che necessita, però, di un decoder appropriato e una parabola satellitare. 

Il decoder può non essere necessario, purché il televisore in nostro possesso abbia alcune caratteristiche. 

Deve disporre, infatti, di un doppio sintonizzatore, supportare lo standard televisivo DVB-S2 e il codec HEVC ed essere certificato per  per la visualizzazione dei canali 4K UHD della piattaforma tivùsat.

 

Programmi 4k a pagamento

La nuova piattaforma Sky Q e Mediaset Premium sono già attrezzate con un discreto numero di film e altri contenuti in 4k e in 4k HDR. Confidiamo che il mercato convincerà i network televisivi ad allinearsi in tempi relativamente rapidi all’Ultra HD. 

Nulla è scontato, però. Le trasmissioni in 3d sembravano destinate a diffondersi a macchia d’olio, ma… non è andata così.

Anche Netflix dispone già di un buon arsenale di contenuti in 4k. Si tratta però di una applicazione che trasmette in streaming attraverso Internet.

Occorre considerare che per vedere in 4k è necessaria una connessione alla Rete che garantisca almeno 25 megabit al secondo, in modo stabile. Inoltre, è previsto un abbonamento Premium, che costa attualmente 15,99 euro al mese.

Amazon Prime Video può vantare un piccolo gruzzolo di film e altre trasmissioni con definizione Ultra HD e ha una particolarità. La maggior parte dei suoi attuali utenti non lo ha scelto per l’offerta di contenuti, ma perché è incluso nel servizio Prime di consegna gratuita di Amazon. 

L’app è scaricabile o precaricata su numerosi tv 4k ed è accessibile da Apple TV.

 

 

…e 4k HDR

Quando si scorre un elenco di contenuti video in 4k, si trova spesso anche l’acronimo HDR, vale a dire High Dynamic Range.

Tradotto, significa gamma dinamica estesa, ed è in pratica una tecnologia che garantisce una più ampia gamma di colori e luminosità. 

La risoluzione di una immagine si ottiene con l’aumento del numero di pixel che la compongono, mentre l’HDR si occupa di migliorare la qualità dei singoli pixel.

Il risultato finale dovrebbe restituire bianchi più luminosi e neri più scuri e profondi.

In linea teorica, l’HDR propone una gamma cromatica a 10 bit, in grado cioè di restituire circa un miliardo di tonalità diverse. Si prevede di riuscire a riprodurre tra il 54% e il 76% dei colori percepiti dall’occhio umano in natura. 

Lo standard attuale, per intenderci, è quello Blu-Ray a 8 bit, che si traduce in 16 milioni di colori, 35% di quelli visibili.

Per assicurarsi che una tv supporti questo tipo di tecnologia,  e che quindi si possa godere appieno dei contenuti video HDR, dovrebbe bastare la certificazione che si trova sulle etichette, ma non è esattamente così.

L’HDR si sta ancora assestando sul mercato e, per ragioni tecniche che sarebbe lungo e complicato approfondire in questa sede, non è detto che si riesca a percepire tutta l’effettiva potenzialità di un’immagine HDR.

Molto dipende ancora dalla qualità dello schermo ed è in atto anche una piccola guerra tra standard diversi.

Così come accadde tra Betamax e VHS quando furono introdotti i videoregistratori e, più recentemente, tra Blu-Ray e HD-Dvd, si stanno confrontando HDR 10+ (promosso da Samsung, Philips e altri marchi) e HDR Dolby vision (già adottato da Sony, Lg, Philips e anche alcuni fornitori di contenuti come Netflix e Apple TV). 

 

 

 

Domande frequenti

 

Esistono lettori di Blu-ray 4k e dischi Blu-ray in 4k? 

La rivoluzione 4k ha naturalmente interessato anche la produzione di dischi Blu-ray e, quindi, di lettori Blu-ray adeguati.

Le case di produzione, anzi, approfittano della temporanea mancanza di contenuti Ultra HD sulle piattaforme di streaming per vendere i loro titoli più gettonati a un’utenza che non vede l’ora di sfruttare il suo nuovissimo tv 4k.

Si può già acquistare la nuova saga di Star Wars, il blockbuster Endgame della serie Avengers, il cult movie Blade Runner e il suo recente sequel Blade Runner 2049, e moltissimi altri titoli, spesso disponibili in versione HDR.

Per poterli vedere, però, occorre un lettore Blu-Ray compatibile, e anche in questo caso l’offerta non manca.

 

Cos’è l’upscaling 4k? 

Il termine upscaling indica, in generale, la possibilità di migliorare la definizione di un’immagine, rispetto alla sua risoluzione nativa.

Spieghiamo meglio. Abbiamo una tv 4k, ma sono ancora pochi i contenuti Ultra HD. Abbondano, invece, quelli Full HD. Alcuni apparecchi televisivi (e non solo) permettono con un artificio di trasformare una risoluzione Full HD in una 4k. Con che esiti? Dipende dall’apparecchio, ma in generale è interessante.

Allo stesso modo, è possibile effettuare l’upscaling per la tecnologia HDR. Anche in questo caso il risultato finale è lontano da quello di un’immagine originalmente realizzata con questa tecnologia, ma si fa apprezzare.

 

Conviene acquistare una tv 8k? 

Molto dipende dal budget di cui si dispone, e dalla fiducia che si ha nell’evoluzione del mercato.

È difficile, attualmente, trovare una televisione 8k che costi meno di 4.000 euro. Inoltre, sono quasi inesistenti i contenuti compatibili con una risoluzione tanto elevata. Questo non significa che non possano moltiplicarsi in un futuro non troppo lontano. 

Le telecamere usate per il cinema, ma anche alcuni recenti modelli apparsi sul mercato di largo consumo, permettono già di realizzare video con questa stratosferica definizione. 

 

Cosa vuol dire Dolby Atmos?

È un sistema audio surround creato dalla Dolby nel 2012. La sua caratteristica innovativa è quella di trattare il suono suddividendolo in “oggetti”, invece di dividerlo in canali.

In questo modo, ogni suono può essere trattato separatamente e posizionato in uno spazio tridimensionale.

L’esempio più classico può essere uno scroscio di pioggia che viene fatto calare dall’alto, mentre si sentono dei passi arrivare lateralmente. Questo tipo di effetti è in grado di immergere letteralmente nel sonoro di un film.

Le casse di una tv, anche se compatibile con questa tecnologia, difficilmente possono restituirne la qualità senza l’aiuto di una soundbar aggiuntiva o di un set di casse che includa altoparlanti sul soffitto.

 

 

 

TV 4K – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

L’evoluzione degli schermi televisivi ha conosciuti svariati step nel corso degli ultimi anni. La rivoluzione più significativa è stata l’abbandono del tubo catodico, scelta che ha permesso ai produttori di lanciare dispositivi dalle linee più sottili, capaci di occupare spazi ridotti e trasformarsi in veri e propri complementi d’arredo. Poi si è passati alla risoluzione, con modelli capaci di offrire immagini sempre più nitide, prima grazie all’HD, poi al Full HD e adesso all’Ultra HD, anche identificato dalla sigla 4K. Proprio di questi modelli ci occupiamo nella guida all’acquisto che segue, nella quale abbiamo messo in evidenza quali peculiarità un Tv di questo tipo deve avere ma soprattutto abbiamo selezionato i prodotti migliori, sia sotto il profilo della resa visiva sia del rapporto tra qualità e prezzo. La presenza di funzionalità accessorie, come quelle Smart che sfruttano internet per offrire servizi aggiuntivi, e di tecnologie di miglioramento dell’immagine, rappresentano valori aggiunti che è indispensabile soppesare prima dell’acquisto. Se volete andare subito al sodo, vi consigliamo di dare un’occhiata all’LG 43UJ634V, uno smart Tv con pannello da 43 pollici e prezzo di vendita che non spaventa. Che dire, poi, del prezzo di vendita del Samsung UE43NU7090UXZT, difficile trovare uno Smart TV 4K a queste cifre.

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior TV 4K?

 

Una vasta gamma di modelli sul mercato rende la scelta di uno specifico dispositivo un compito difficile. Vale la pena investire ora in un TV 4K o forse è meglio aspettare ancora qualche mese o anno? L’utente che confronta i prezzi dei vari modelli avrà di certo notato che, specialmente nell’ultimo anno, il prezzo medio per questa tipologia di elettronica si è leggermente abbassato: questo trend si accentuerà e porterà a un ulteriore ribasso dei prezzi?

Rispondere a tale domanda non è semplice. Ciò che invece possiamo dire di certo è che la tecnologia 4K è destinata a prendere piede in larga scala, come del resto sta già succedendo per il 4K nel mondo cinematografo.

Se ti stai chiedendo come scegliere il TV 4K più adatto alle tue esigenze, leggi la nostra recensione dei modelli consigliati.

1

 

Risoluzione

La TV 4K (Ultra HD, oppure detta UHD) ha una risoluzione, a oggi, incredibile: 3840 x 2160 pixel (da non confondere col formato 4K cinematografico!).

Si tratta della più alta risoluzione disponibile in ambito televisivo e, per fare un confronto, basti sapere che, attualmente, i televisori più popolari presentano una risoluzione Full HD di “soli” 1920 x 1080 pixel (cioè circa quattro volte meno il numero di pixel della 4K, due milioni contro otto milioni): empiricamente, puoi valutare la differenza tra questi due formati affiancando l’una accanto all’altra due qualsiasi immagini nei rispettivi formati nativi.

 

Dimensioni e programmazione

Come appena detto, il 4K è soprattutto sinonimo di un’immagine di alta qualità in termini di dettagli. Sullo schermo televisivo 4K, invece di 2 milioni di pixel, come nel caso di Full HD, ce ne sono ben 8 milioni.

La caratteristica principale di questo nuovo formato è che la qualità della visione non subisce grosse perdite fino a formati giganti. Molti produttori delle migliori marche offrono televisori con un grande schermo, fino a 80 pollici, con immagini mai sgranate. Ma nella classifica dei televisori 4K di maggiore successo troviamo anche schermi più piccoli, intorno a 40 pollici, a prezzi decisamente minori. Adatti quindi a una fascia più ampia di utenti.

Dobbiamo però ricordare in questa guida che la programmazione televisiva in 4K è ancora relativamente ridotta, nel senso che non tutte le emittenti si sono ancora pienamente adeguate. Si tratta però di una realtà che si sta affermando tra le emittenti principali, è il caso della BBC britannica, della RAI italiana e della giapponese NHK.

Nel corso dell’anno si prospetta un’impennata delle produzioni di documenti e di programmi audiovisivi in 4K: non solo produzioni televisive, ma anche cinematografiche, web e streaming.

2

Lo schermo curvo

Diversi produttori hanno studiato e realizzato uno schermo innovativo, che adesso si presenta leggermente ricurvo, concavo. Ciò garantisce un interessante effetto visivo di profondità, che contribuisce a rendere ancora più reali e tridimensionali le immagini.

La funzione principale di un monitor di questo tipo oggi disponibile sul mercato è quella di creare un’immagine più avvolgente: l’esperienza simil-3D che ne deriva, anche se artefatta, dà la sensazione di sentirsi parte e di essere protagonisti dell’azione.

 

I 4 Migliori TV 4K – Classifica 2020

 

L’evoluzione della televisione, dopo l’epocale passaggio dagli ingombranti apparecchi a tubo catodico a quelli piatti, si sta concentrando sulla qualità della visione e in particolare sulla definizione delle immagini. Adesso che la risoluzione Full HD è diventata lo standard, si stanno affacciando i primi modelli con definizione 4K Ultra HD (quattro volte quella a 1080p), sebbene al momento la disponibilità di contenuti compatibili non sia ricchissima.

Se però non volete farvi cogliere impreparati e soprattutto volete una qualità di visione senza precedenti, qui di seguito vi proponiamo quelle che secondo noi sono le migliori televisioni 4K del 2020.

 

1. LG 43UJ634V 43″ 4K Ultra HD Smart TV

Principale vantaggio:

Se collegato a internet questa TV consente di fruire di funzioni “smart” come la visione di programmi di canali che trasmettono on-demand.

 

Principale svantaggio:

A livello estetico non è sicuramente al passo con i televisori più moderni proposti dalle più famose case costruttrici.

 

Verdetto: 9.6/10

Un buon televisore che offre in pratica tutte le caratteristiche tecniche dei modelli di ultima generazione a un prezzo molto aggressivo. Non eccelle però per il design decisamente non all’ultimo grido.

Acquista su Amazon.it (€509)

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Funzioni smart

Senza dubbio una delle migliori caratteristiche offerte da questo TV LG è la possibilità di sfruttare una serie di funzioni smart una volta che viene collegato a internet. Per fare questo si può optare per la connessione Wi-Fi, visto che il televisore dispone di un modulo integrato in grado di “agganciare” la rete presente in casa.

Il sistema operativo è webOS proposto nella versione 3.5 che mette a disposizione una serie di app con cui è possibile connettersi ai maggiori siti che trasmettono on-demand i propri programmi, sia a pagamento sia gratuitamente. Tra questi l’immancabile Netflix ma anche TimVision e PrimeVideo di Amazon, mentre per chi non vuole spendere c’è anche l’app RAI Play.

Nel caso non si disponesse di un router Wi-Fi, la connessione a internet è possibile collegando un normale cavo ethernet in arrivo dal router. Non mancano anche una serie di porte USB da cui è possibile riprodurre film e foto che sono archiviati su un qualsiasi dispositivo di memoria esterno dotato di tale interfaccia. Altro punto a favore del TV LG è la compatibilità con file video e audio più diffusi.

4K e HD

Il pannello di cui è dotato il televisore LG è di tipo IPS (In Plain Switching) una delle migliori per quanto riguarda la riproduzione fedele dei colori delle immagini trasmesse. Tale pannello offre la risoluzione 4K anche conosciuta come Ultra HD (UHD) che in pratica visualizza 3.840 x 2.160 pixel. Il TV LG supporta anche alcune delle più attuali tecnologie sviluppate per il miglioramento delle immagini, tra cui HDR 10 e HLG.

Le immagini in arrivo da sorgenti che trasmettono in HD o Full HD possono essere “trasformate” in 4K grazie a un potente processore d’immagine integrato in grado di eseguire il cosiddetto upscaling, ovvero tramite una serie di algoritmi, di migliorare le immagini fino a farle diventare in Ultra HD (o molto simili).

 

Audio di livello e non solo

Oltre alla buona qualità delle immagini che è in grado di riprodurre, il modello LG 43UJ634V integra due altoparlanti a 2 canali da 20 watt ciascuno, in grado di supportare la decodifica audio DTS evoluzione della più conosciuta tecnologia Dolby Digital.

La ricezione dei canali in chiaro che trasmettono tramite il digitale terrestre è disponibile grazie alla presenza di un sintonizzatore DVB-T2, ultima versione di questo componente che è obbligatorio su tutte le TV dal 2017 per poter ricevere i canali Mediaset, Rai e così via.

Inoltre, sempre pensando alle specifiche future che dovranno avere i TV di ultima generazione, non manca anche il codec HEVC che tra qualche anno, come per il DVB-T2, sarà obbligatorio per poter vedere i programmi in chiaro.

 

Acquista su Amazon.it (€509)

 

 

 

2. Samsung NU7090 TV UHD 4K Flat Smart Serie 7, 43″

 

Samsung riesce a proporre un buon televisore 4K a un prezzo molto competitivo. Tale caratteristica non è sfuggita a tantissime persone che si sono lanciate a capofitto sul TV. Le immagini sono buone, ne apprezzerete la nitidezza anche grazie all’HDR però prestate un attimo di attenzione perché l’azienda coreana non garantisce la compatibilità della tecnologia con qualsiasi tipologia di contenuto. Molto bene i colori, grazie a una serie di soluzioni.

Vogliamo in particolare soffermarci un attimo sulla funzione UHD Dimming che ottimizza i colori suddividendo lo schermo in sezioni: il risultato è un contrasto notevole.

È uno Smart TV, dunque si collega a internet e permette di usare tante applicazioni. Dobbiamo dire che il sistema operativo è un po’ lento inoltre non è possibile disinstallare applicazioni già presenti sul televisore, che occupano spazio della memoria che non può essere liberata. Il telecomando non è molto reattivo mentre la qualità audio è accettabile. Un po’ deludente la connettività: appena due porte HDMI, niente ingresso analogico e di Bluetooth neanche a parlarne.

Pro
Costo:

Il prezzo richiesto per l’acquisto è di quelli che fanno agire d’impulso considerando che parliamo di uno Smart TV Samsung da 43”.

Qualità delle immagini:

La qualità di visione ha soddisfatto la maggior parte delle persone che si sono decise a comprare questo modello. Molto bene anche i colori.

Contro
Sistema operativo:

A detta di diversi utenti è un po’ lento, inoltre non è piaciuta l’impossibilità di eliminare alcune applicazioni già presenti al momento dell’acquisto, che occupano spazio che si potrebbe usare per altre app.

Connettività:

Per quanto riguarda la connettività si poteva e doveva fare di meglio. Due porte HDMI ci sembrano insufficienti, addirittura un solo ingresso USB; oltretutto non c’è nessun ingresso analogico così come assente è il Bluetooth.

button-IT-2

 

Acquista su Amazon.it (€457)

 

 

 

3. Sony KD-43X8305C Televisore 4K Ultra HD

 

5.Sony X83CA tutti piacerebbe avere un televisore dalle dimensioni del display più ampie possibile ma spesso, per ragioni di spazio e di costi, è necessario scendere a compromessi. Se siete disposti a farlo per quanto riguarda il polliciaggio ma non la qualità di visione, quello che per noi è il miglior Tv 4K di Sony è un ottimo compromesso perché ha uno schermo da 43 pollici e risoluzione Ultra HD. Inoltre vanta il piacevole design che ha da sempre contraddistinto i modelli dell’azienda nipponica.

Il Tv 4K di Sony abbonda in fatto di tecnologia, grazie all’accoppiata tra motore grafico X-Reality Pro e al trattamento Motionflow a 800 Hz che conferiscono alle immagini naturalezza e una resa estremamente realistica. Inoltre la presenza di altoparlanti di qualità, abbinati alla modalità Clear Audio+, restituisce un suono preciso e ricco di sfumature, qualità non sempre comune a tutti i televisori di nuova generazione.

A chiudere il cerchio sulle qualità di questo televisore Ultra HD ci sono le funzioni Smart garantite dal sistema operativo Android, con la piena compatibilità con centinaia di applicazioni e funzionalità Internet.

La nostra guida per scegliere la migliore tv prosegue adesso presentandoti la Sony che guadagna alti punteggi secondo le recensioni degli utenti, eccoti il giudizio complessivo pesato in termini di pro e contro. Alla fine dell’articolo, poi, avrai un quadro completo per fare la scelta più adatta a te.

button-IT-2

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Samsung UE65MU6500TXZT UHD Smart TV 65”, Serie MU6500

 

Nella nostra classifica non poteva mancare un TV Samsung: in questo caso parliamo di un modello da 55” con tecnologia proprietaria Auto Depth Enhancer che analizza l’immagine regolandone automaticamente il contrasto e Active Crystal Colour che assicura un livello di dettaglio e una resa cromatica superiori. Non può mancare nemmeno l’HDR che migliora ulteriormente la qualità della visione, non aggiungendo pixel ma intervenendo, per così dire, sulla qualità di ognuno di essi.

Lo schermo curvo non è solo un vezzo estetico ma serve a dare un maggiore senso di profondità alle immagini. Liscio, pulito e impeccabile il lato posteriore.

Naturalmente, parliamo di uno smart TV Wi-Fi che, rispetto ad altri, ha i comandi vocali per attivare più comodamente i canali e che visualizza automaticamente con chiare icone sullo schermo tutti i dispositivi connessi per poterli individuare più facilmente.

Il nuovo Samsung Mu6500 ha soddisfatto le aspettative della maggior parte dei consumatori. Ecco un breve quadro riepilogativo dei suoi principali vantaggi e svantaggi.

Pro
Tecnologico:

Si tratta di un TV UHD che, in più, integra HDR e tecnologie proprietarie Samsung in grado di migliorare ulteriormente il livello di dettaglio e la qualità complessiva delle immagini.

Schermo curvo:

Lo schermo curvo ha sempre un fascino irresistibile dal punto di vista del design ma ricordiamo che serve a dare un senso diverso e più realistico alla profondità dell’immagine. Ottima la parte posteriore.

Funzioni:

Questo è uno smart TV Wi-Fi con comandi vocali per i canali e visualizzazione automatica dei dispositivi connessi.

Contro
HDR:

Volendo trovare un difetto a questo TV molto apprezzato per l’ottimo rapporto qualità/prezzo, possiamo dire che l’HDR non è quello 10+, il sistema più avanzato attualmente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

LG 43UJ634V 43″ 4K Ultra HD Smart TV

 

LG è da anni un brand da tenere nella massima considerazione nel momento in cui vi trovate davanti alla necessità di acquistare un nuovo televisore. Il modello in questione abbina una serie di caratteristiche che lo rendono sicuramente degno di attenzione, sia per quanto riguarda le dimensioni sia le sue funzionalità. Tanto per cominciare stiamo parlando di un pannello da 43 pollici di diagonale con risoluzione 4K, ovvero quanto di meglio sia al momento possibile acquistare in termini di definizione e qualità dell’immagine.

In aggiunta il Tv dell’azienda coreana è anche dotato di funzioni Smart, perciò sarà sufficiente collegarlo a Internet per poterne sfruttare la ricca offerta in termini di applicazioni e accesso diretto a servizi di video streaming come YouTube, Netflix o Infinity.

Pareri positivi riguardano sia la qualità della resa visiva sia il sonoro, spesso poco convincente nelle televisioni di nuova generazione. Meno entusiasmo, invece, per quanto concerne il design, che appare un po’ datato, e per la presenza di una cornice troppo spessa e dunque invadente, soprattutto se paragonata a quella praticamente invisibile di molti televisori della concorrenza.

Stiamo parlando di un prodotto tra i più economici, del quale di seguito abbiamo elencato gli aspetti più interessanti e quelli meno convincenti. A seguire il link dove acquistarlo a prezzi bassi.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare un TV 4K

 

Oltre l’alta definizione si sta ormai diffondendo l’ultra qualità dell’immagine; sintetizzata dalla sigla 4K. Chi si trova a dover scegliere un TV del genere potrebbe avere qualche perplessità su certi settaggi e sistemazioni. Di seguito abbiamo riassunto in più punti le note che possono tornare utili.

Controllate distanza e dimensioni dello schermo

Il primo aspetto di cui tenere conto riguarda la scelta di uno schermo della giusta grandezza rispetto all’ambiente in cui verrà collocato. Un TV da 40 pollici riesce a dare il suo meglio con uno spettatore posizionato a 2 metri dallo schermo. Per schermi da 60 pollici invece la distanza consigliata parte dai 3 metri.

 

Scegliete un’installazione fissa o su mobile

Capire dove e come posizionare lo schermo vi farà risparmiare tempo. Controllate gli attacchi presenti nella parte posteriore dello schermo, ben sapendo che sarà necessario l’acquisto di supporti per il fissaggio a muro e, dunque, una spesa ulteriore. Per chi punta a posizionare il televisore sopra un mobile, il consiglio è di avere una base stabile con un’area ampia in cui poter far passare i cavi senza problemi.

 

Controllate via menu impostazioni audio e video

La gamma cromatica, il contrasto e la luminosità di questi schermi trovano la loro dimensione ideale in un settaggio altamente personalizzato dei parametri di visione. In rete si può risalire al modello e trovare guide che consigliano come ottenere le migliori configurazioni modificando ogni singolo valore ma la profonda conoscenza del menu può fare ulteriormente la differenza.

 

Sfruttate le funzione Smart TV per accedere a contenuti dedicati

Al momento non sono molte le emittenti che trasmettono in formato 4K. Con le modalità tipiche di una Smart TV è possibile però accedere a siti e piattaforme di streaming video che hanno messo a disposizione contenuti e film in altissima definizione. Controllate su schermo la disponibilità in tal senso per un accesso immediato a video dalla qualità cinematografica.

 

Controllate e collegate i dispositivi con le prese dedicate

La presenza di una o più prese Hdmi è la porta attraverso cui far passare i collegamenti tra un lettore Blu-ray, una console e il vostro televisore 4K. Assicurarsi, manuale di istruzioni alla mano, che ogni cavo sia collegato alla giusta presa, vi consentirà di sfruttare al meglio quanto offerto in termini di visione e di resa ottimale dell’immagine.

 

Non dimenticate la pulizia dello schermo

Quanti vogliono avere uno schermo che riesca a restituire immagini al top non dovrebbero trascurare la pulizia. Il nostro consiglio è di utilizzare un panno e prodotti adatti, leggendo sul manuale quelli suggeriti dal produttore. Tutte queste operazioni vanno svolte dopo aver spento il televisore e staccato la spina dalla presa di corrente.

Leggete con attenzione le istruzioni presenti sul manuale

La lettura delle specifiche e del libretto di istruzioni ha il pregio di illuminare l’utente sulle capacità e funzionalità più o meno evidenti che uno schermo 4K possiede. Non trascurate quindi un aspetto che vi consentirà di ottenere il meglio da quanto acquistato.

 

Scegliete Blu-ray specificamente 4K

Quanti amano collezionare film su supporto fisico devono puntare su prodotti nati e codificati appositamente per una visione 4K. In questo modo sarete certi della piena compatibilità e di una visione quanto mai fedele al formato originale.

 

 

 

Domande più frequenti

 

Q1: Come si vede un tv 4K rispetto agli altri?

L’innovativo standard 4K è ideale per chi cerca il massimo della qualità e un’esperienza di visione superiore. Si pensi che il televisore tradizionale analogico ha una risoluzione standard di 720 x 576, il tv HD Ready arriva a 1366 x 768 pixel, quello Full HD a 1920 x 1080 e il 4K, o Ultra HD, a 3840 x 2160 pixel. Si tratta, dunque, di un valore ben quattro volte superiore al Full HD, e la denominazione 4K fa riferimento ai circa 4.000 pixel – 4kilo – di risoluzione in orizzontale.

La qualità dell’immagine sarà, quindi, decisamente maggiore in termini di nitidezza, chiarezza, resa dei colori e ricchezza di dettagli.

 

Q2: Come posso sfruttare al meglio un tv 4K?

Assicurati che il tv sia dotato di un manuale di istruzioni in italiano per capire meglio come sfruttarne tutte le funzionalità. L’elevatissima risoluzione che garantisce uno straordinario realismo delle immagini può essere sfruttata anche in negozi e punti vendita per presentazioni e informazioni pubblicitarie di grande effetto. In ambito domestico bisogna considerare che oggi non sono ancora molti i contenuti disponibili in questo formato innovativo, ma lo saranno sempre di più in futuro.

Non mancano, comunque, offerte interessanti come quelle di Netflix che da subito ha proposto film e serie tv in 4K; hanno immediatamente risposto Infinity, la piattaforma di Mediaset, e la tv a pagamento Sky, determinando un ampliamento dell’offerta che è destinata ad aumentare e che va a tutto vantaggio del consumatore. Anche le case produttrici di videogiochi non stanno a guardare e sono sempre più numerosi i giochi disponibili in 4K nativi.

 

Q3: Come funziona un tv 4K?

Il tv 4K non ha un funzionamento diverso da quello degli altri televisori più moderni. In base al modello scelto, cambiano le funzioni disponibili. Per esempio, potrebbe essere presente il 3D e in questo caso occorre munirsi di appositi occhialini, se non sono già inclusi nella confezione. Molto probabilmente il tv 4K che hai adocchiato è anche uno smart tv, questo significa che potrai collegarti a Internet e scaricare una serie di applicazioni come YouTube e Netflix e goderti tutti i relativi contenuti con lo straordinario realismo del 4K. Il collegamento alla rete può avvenire in due modi: tramite cavo Ethernet oppure, per i televisori che supportano il Wi-Fi, anche in modalità wireless.

Potrai anche trasmettere su grande schermo immagini, video e musica che hai memorizzato su PC, smartphone e tablet. L’ingresso USB, sicuramente presente, ti permette di registrare programmi su un hard disk esterno e di visualizzare i contenuti archiviati su una pen drive.

 

Q4: Come faccio a calibrare un tv 4K?

Dopo aver scelto la posizione migliore dove collocare il tv e dopo aver completato i vari collegamenti, si può passare alla calibrazione, non dissimile da quella degli altri televisori; bisogna fare riferimento alle istruzioni – meglio se in italiano – perché le regolazioni delle impostazioni non sono uguali per tutti i marchi. Questa operazione può avvenire manualmente, modificando colore, luminosità e contrasto, ecc. fino al livello desiderato. Mantenendo le impostazioni di fabbrica difficilmente si ottengono risultati soddisfacenti in ambito domestico, poiché quelle pre-settate sono regolate per ambienti molto luminosi come negozi o vetrine.

Attenzione: le modifiche apportate potrebbero riguardare tutti gli ingressi HDMI o uno singolarmente. Quest’ultima soluzione potrebbe essere ideale per chi preferisce mantenere impostazioni diverse in base alla sorgente, per esempio Blu-ray o videogioco.

 

Q5: Come faccio a testare un tv 4K?

Esistono anche altri sistemi, non solo quello manuale, per testare un tv 4K. Per esempio, è possibile scaricare un’app gratuita sullo smartphone come THX Tune-Up o Display Tester e collegarlo al tv per avviare il test. Allo stesso modo verrà verificata la corretta posizione degli altoparlanti esterni, se presenti, per una migliore calibrazione anche del suono, oltre che delle immagini. Un altro sistema è l’utilizzo di un programma per effettuare dei test, che si riveleranno più precisi di una regolazione basata solo sull’occhio umano. Anche qui ce ne sono diversi disponibili gratuitamente sul mercato, come THX Optimizer.

Questi programmi possono essere scaricati su una pen drive da collegare al tv, mentre in altri casi si trovano come contenuti extra di alcuni DVD. Il vantaggio è che possono essere utilizzati per tutti gli schermi tv e i proiettori e consentono di testare e calibrare anche l’audio. Lo svantaggio è che le indicazioni potrebbero essere solamente in lingua inglese.

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

LG 40UH630V

 

Il notevole apprezzamento per questo tv 4K deriva dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, decisamente interessante per un modello completo da 40” come questo.

Uno dei punti di forza è il design molto elegante e rifinito con un bordo di metallo che aggiunge un tocco di modernità.

Non può mancare il decoder integrato con lo standard moderno DVB-T2 che ben presto sostituirà il DVB-T, attualmente più diffuso ma già obsoleto.

Si tratta di uno smart tv che, collegandosi a Internet, permette di accedere a piattaforme come Netflix o YouTube e ad altre applicazioni. Pensato per il mercato britannico, può comunque essere adattato al sistema italiano con accorgimenti che si possono trovare in rete.

Il processore QuadCore e il sistema operativo WebOS assicurano una navigazione e un’esecuzione delle operazioni molto fluida e veloce.

Grazie alla tecnologia ColourPrime Pro, la gamma cromatica visualizzabile aumenta e le immagini appaiono notevolmente più vibranti e vivide, acquistando sfumature impensabili. La differenza tra i colori su schermo e quelli effettivamente presenti nella realtà si assottiglia e la sensazione è quella di un incredibile realismo.

La particolare conformazione dello schermo permette una visione delle immagini che non vengono distorte anche se si cambia l’angolazione; in questo modo si potrà apprezzare l’integrità dei colori e la loro dinamicità da qualunque punto del salotto.

Per quanto riguarda l’audio, la tecnologia Ultra Surround trasforma i due altoparlanti in un sistema virtuale a sette canali, dando l’impressione di un suono coinvolgente e proveniente da ogni direzione.

Facciamo adesso una sintesi di un ottimo tv 4K, quello realizzato dalla sudcoreana LG.

 

Pro

Qualità/prezzo: I tv 4K hanno ancora un costo notevole in Italia, ma questo modello da 40” della LG può essere acquistato a un prezzo competitivo.

Smart tv: Trattandosi di uno smart tv, è possibile accedere a numerose piattaforme e applicazioni già presenti o scaricabili dalla rete che rendono il tv completo e versatile.

Colori: La moderna tecnologia utilizzata assicura una resa cromatica impensabile solo fino a pochi anni fa, grazie alla possibilità di aumentare la gamma di colori visualizzabili che consentono di avere sfumature sempre più simili a quelle presenti nella vita reale.

Audio: Anche l’audio del tv LG è di prima qualità, grazie a un sistema che crea un surround virtuale a sette canali, senza l’utilizzo di diffusori esterni.

 

Contro

Mercato britannico: Il tv è settato per il mercato britannico e non ha di default tutti i servizi tipici di quello italiano. Si tratta di un inconveniente, comunque, risolvibile.

 

 

 

 

Samsung UE49KU6172

 

Regina sul mercato dei dispositivi elettronici, Samsung presenta un tv 4K che ha tutto per soddisfare anche gli utenti più esigenti, a cominciare dal rapporto qualità/prezzo incredibilmente vantaggioso per un prodotto con questa tecnologia.

Si tratta di un tv con schermo da 49” con due caratteristiche che lo distinguono nettamente da molti altri modelli simili. In primo luogo, si tratta di un tv con schermo curvo; al di là dell’aspetto estetico moderno e piacevole, questo tipo di schermi assicura una visione delle immagini più coinvolgente e immersiva poiché viene migliorata la percezione della profondità: guardare un film o giocare alla PlayStation sarà un’esperienza incredibilmente realistica.

In secondo luogo, la tecnologia UHD Crystal Colour di Samsung modifica la struttura della retroilluminazione LED restituendo una luce bianca pura che permette di ampliare la gamma cromatica disponibile su schermo per avere immagini e colori più realistici e naturali.

Non solo, ma grazie al 4K Upscaling anche i contenuti in streaming con risoluzione inferiore vengono convertiti nel formato UHD.

La tecnologia HDR, invece, consente di massimizzare il realismo dei dettagli che generalmente si disperdono nella luminosità delle immagini.

Questo modello ha il moderno decoder DVB-T2 incorporato, è uno smart tv e quindi consente l’accesso a Internet. Il potente processore e il moderno sistema operativo assicurano notevole fluidità della navigazione e velocità nell’esecuzione dei comandi.

Facciamo adesso un breve quadro riepilogativo dello smart tv 4K Samsung, molto apprezzato dai consumatori per i vantaggi che assicura. Ecco quali sono.

 

Pro

Qualità/prezzo: Samsung lancia sul mercato un tv LED 4K da 49” a un prezzo molto vantaggioso che merita di essere tenuto in considerazione. Clicca sul link che ti raccomandiamo per accedere a un’offerta imperdibile.

Curvo: Lo schermo ultrapiatto è curvo. Non solo è di grande effetto dal punto di vista estetico, ma riesce a offrire una diversa percezione della profondità, migliorando considerevolmente la visione delle immagini.

Tecnologia: La tecnologia UHD Crystal Colour assicura colori più realistici e naturali, mentre il 4K Upscaling porta anche i contenuti in streaming con risoluzione inferiore a un livello pari a quello UHD.

Smart tv: Il tv permette di accedere a Internet e sfruttare diversi servizi. Processore e sistema operativo assicurano velocità nella navigazione e nell’esecuzione dei comandi.

 

Contro

Assistenza: Non è prevista l’assistenza a domicilio per questo modello d’importazione. In caso di problemi occorre recarsi presso un centro specializzato.

 

 

Samsung UE55HU8200

 

3.Samsung UE55HU8200Samsung raramente delude quando si tratta di televisori e non a caso i suoi modelli sono sempre tra i più venduti. Il merito è da ascrivere all’ottima qualità generale e alla costante innovazione tecnologica dei prodotti realizzati dalla casa coreana. Questo televisore 4K Ultra HD non fa eccezione, a cominciare dal design allo stato dell’arte che ruota attorno alla curvatura che si dimostra tutt’altro che un mero vezzo stilistico ma che contribuisce a un’ulteriore coinvolgimento nella visione, soprattutto di film a 2020p o in Full HD.

La difficoltà nel reperire contenuti con risoluzione 4K è ovviata dal Picture Engine che elabora le immagini con dettaglio inferiore e assicura una visione ottimale in ogni circostanza. Il motore grafico agisce anche in caso di sequenze notturne o per ottimizzare il contrasto, così da garantire una visione sempre gratificante.

Il televisore di Samsung ha funzioni di Smart Tv e la possibilità di visualizzare contenuti in tre dimensioni con gli occhialini in dotazione. Tutte caratteristiche che lo rendono un acquisto consigliato, fatto confermato anche dal prezzo elevato, come quello di ogni modello di fascia alta che si rispetti.

Adesso, a conclusione della guida per scegliere la miglior tv 4k presente sul mercato, ti presentiamo una breve rassegna dei pro e dei contro che il modello Samsung in esame possiede. Alla fine ti proponiamo il suggerimento su dove acquistarlo.

 

Pro

Semplicità di utilizzo: Nonostante sia una tv ricchissima di funzionalità, gli utenti che l’hanno provata si sono ritrovati a settare in massima semplicità e senza neppure l’ausilio del manuale di istruzioni tutte le principali impostazioni.

Tante funzionalità: Samsung ha certamente raggiunto l’apice per quel che riguarda le funzionalità integrate all’interno del processore che regola e governa questa tecnologia di nuova generazione.

 

Contro

Prezzo: La tv proposta ha decisamente una qualità molto elevata sia in termini di audio che di video, oltre che tantissime funzioni molto interessanti per l’utente. Purtroppo, però, tutto ciò si paga e, per l’appunto, il prezzo finale non è di certo tra i più economici.

button-IT-2

 

 

 

 

Samsung UE40JU6400K

 

1.Samsung UE40JU6400KIl Samsung UHD Smart, come confermato dalla maggior parte degli utenti, assicura una qualità dell’immagine notevole. Ciò dipende dalla risoluzione ultra HD utilizzata, superiore di quattro volte a quella, pur elevata, di un tv Full HD.

È inoltre facile da usare grazie all’interfaccia intuitiva con un menu che, a differenza del manuale, è in italiano. Altrettanto semplice è la connessione con i dispositivi mobili.

Il televisore è completo e versatile perché ricco di funzioni e applicazioni personalizzabili, in grado quindi di accontentare anche gli utenti più esigenti.

Colpisce la velocità e fluidità di navigazione che dipende dal potente processore Quad Core. Il beneficio per l’utente si traduce in tempi di attesa ridottissimi.

Infine, pur potendo vantare una diagonale di “soli” 40 pollici il Samsung, rispetto agli altri televisori 4k, ha il vantaggio di costare decisamente meno.

Samsung, nelle classifiche delle tv, è solitamente presente nelle posizioni top anche con diversi modelli. Ti presentiamo allora i pro e i contro di questa tv e il link da dove acquistarla direttamente da casa.

 

Pro

Rapporto qualità / prezzo: Questo interessante modello di schermo 16:9 ti permette la visione anche in HD dei tuoi film e video preferiti, a un prezzo che si situa decisamente tra i più economici rispetto ad altri prodotti della stessa categoria.

Materiali di supporto: L’involucro esterno si presente molto bene, sia nella forma che nella sostanza. Samsung si avvale di materiali di qualità in ogni suo prodotto e, anche in questo caso, ogni minimo particolare è realizzato con prodotti di qualità.

 

Contro

Assenza di presa scart: Molti utenti utilizzano ancora degli apparecchi elettronici con la classica presa scart. Questa tv non è dotata di tale presa: pertanto, al momento dell’acquisto ricordate anche di acquistare un adattatore scart per poter effettuare tutti i collegamenti del caso.

button-IT-2

 

 

 

 

Philips 50PUK6809

 

4.Philips 50PUK6809Sperare di spendere poco quando si parla di televisori con tecnologia 4K è una chimera. Se volete sapere come scegliere un buon Tv 4K di Philips spendendo una cifra non certo low cost ma comunque più facilmente accessibile, date un’occhiata a questo modello che, tra l’altro, sfoggia un pannello da ben 50 pollici, per vivere un’esperienza di stampo decisamente cinematografico.

Smart Tv (si collega alla rete via wi-fi) e 3D (in confezione ci sono due paia di occhiali attivi), il televisore di Philips opera a una frequenza di 400 Hz e assicura una qualità di visione elevata, cosa particolarmente evidente quando si guarda un film d’azione o una partita di calcio, perché non noterete mai alcuna perdita di dettaglio. Se pensate di sfruttarne a fondo le funzioni Internet è possibile collegarvi un disco fisso esterno e una tastiera per agevolare la navigazione online.

Pur non raggiungendo l’eccellenza dei Tv 4K che lo precedono in classifica, questo modello di Philips vanta ottime qualità e, secondo noi, merita la vostra attenzione in particolare per il rimarchevole rapporto tra le offerte che è possibile trovare e le caratteristiche tecniche.

 

 

Panasonic TX-48AX630E

 

2.Panasonic TX-48AX630EAl secondo posto della nostra classifica dei migliori televisori 4K che abbiamo messo in comparazione, troviamo un modello dal costo decisamente più accessibile e alla portata di chiunque abbia il desiderio di una visione domestica di stampo cinematografico. Il Tv di Panasonic si caratterizza per un design piacevolmente ricercato e per l’utilizzo di materiali quali il metallo spazzolato per la cornice e il metallo per il supporto da tavolo.

Lo schermo ha dimensioni di 48 pollici, una diagonale di ben 121 cm e, grazie alle tecnologie di scansione e brillant contrast, assicura contrasti netti, bianchi impeccabili e ombre profonde. Al di là delle qualità in visione, il televisore della casa giapponese è anche uno Smart Tv, con funzionalità avanzate come il servizio my Stream che vi suggerisce programmi Tv e video di YouTube in base alle vostre preferenze di visione, la modalità di personalizzazione My Home Screen e l’interazione tramite i comandi vocali.

In confezione si trovano anche un paio di occhiali per poter visualizzare i contenuti in 3D. Ultima ciliegina sulla torta di quello che, a nostro giudizio, è uno dei migliori Tv 4K tra quelli venduti online.

 

 

LG 98UB980V

 

1.LG 98UB980VLa casa coreana è una garanzia per quanto riguarda la qualità dei suoi televisori e, non a caso, al primo posto della nostra top five dei migliori Tv Ultra HD 4K del 2020 c’è proprio un modello di LG, sebbene si tratti di un prodotto al momento elitario, in virtù di dimensioni e prezzo di vendita alla portata di pochissimi.

Il televisore è infatti dotato di uno straordinario pannello da 98 pollici con risoluzione di 3840×2160 pixel che assicura immagini impeccabili e incredibilmente vivide, anche nel caso vengano riprodotti contenuti con una definizione inferiore. Merito di un sofisticato algoritmo che migliora la qualità e la risoluzione delle immagini, incrementandola e consentendo di ottenere una resa complessiva prossima a quella di un’immagine Ultra HD nativa.

L’esperienza di visione è completata dalla possibilità di guardare film in 3D e dall’integrazione degli altoparlanti sviluppati da Harman/Kardon a garanzia di uno qualità del suono in linea con gli elevatissimi standard (e prezzo) del 98 pollici di LG.

 

 

Sony FWD-85X9600P

 

10.Sony FWD-85X9600PIl prezzo elevato del tv Sony può scoraggiare la maggior parte degli utenti privati, ma alle aziende o alle attività che hanno bisogno di presentazioni di altissimo livello occorrono prodotti di qualità superiore, quale il tv Sony è.

Si pensi che un tv Full HD a 1080p ha una risoluzione pari a cinque volte quella di un tv standard; bene, quella del Sony 4K 16:9 è quattro volte superiore rispetto a un Full HD. Grazie agli 8 milioni di pixel il dettaglio e il realismo delle immagini è davvero senza precedenti. Lo schermo enorme da 85 pollici è in grado di impressionare collaboratori e potenziali clienti. In più, è dotato dell’esclusiva tecnologia Triluminos, capace di rendere tutti i colori, anche quelli più difficili da riprodurre, in maniera straordinaria. Il risultato è una qualità dell’immagine come non si era mai vista prima.

Le infinite funzionalità presenti, dalle opzioni interattive alla tecnologia mirroring, rendono il tv Sony estremamente completo e versatile.

Rivediamo in sintesi quali sono le caratteristiche principali del nuovo tv 4K Sony.

 

 

Philips 49PUH4900

 

11.Philips 4000 series 49PUH4900Il tv 4K della Philips offre all’utente una serie di vantaggi che ne hanno determinato il grande apprezzamento, a cominciare dallo straordinario rapporto qualità/prezzo, difficile da battere sul mercato. Anche il design, elegante e sottile, costituisce uno dei punti di forza di questo modello.

Ma è l’elevata qualità delle immagini a rappresentare il beneficio principale di cui i consumatori si troveranno a usufruire. I notevoli risultati che si ottengono dipendono da diversi fattori tecnici, tra cui gli 8 milioni di pixel che garantiscono una qualità impressionante. L’innovativa tecnologia Ultra Resolution, inoltre, converte qualsiasi contenuto in un’immagine Ultra HD col vantaggio di avere sempre risultati estremamente nitidi e definiti.

Grazie allo speciale software Philips, anche il contrasto apparirà notevolmente migliorato, producendo immagini di grande realismo.

Integrando la tecnologia HDMI e Easy Link, l’utente ha il vantaggio di poter usare un solo telecomando per controllare le principali funzioni dei dispositivi collegati come decoder, home theatre, DVD e Blu-ray.

Sfruttando, infine, i due ingressi USB è possibile guardare foto, video o ascoltare musica dai vari dispositivi con la qualità dell’Ultra HD.

Di seguito sintetizziamo le caratteristiche principali del tv Philips.

 

 

Philips 6000 series 43PUT6101/12

 

Il design all’avanguardia, elegante e ultra sottile è uno dei vantaggi offerti dal tv 4K Philips, capace di aggiungere un tocco di modernità a ogni ambiente. È ideale anche se lo spazio a disposizione è molto ridotto. Della dotazione fanno parte anche i piedistalli abbinati, notevolmente stabili e resistenti.

Si tratta di un modello in cui non può mancare il decoder con standard DVB-T2 che, quindi, non andrà acquistato a parte. In più è uno smart tv e ciò consente di accedere a Internet e di godersi direttamente contenuti quali, per esempio, quelli presenti su YouTube o su Netflix, ma sono numerose le applicazioni che si possono aggiungere.

È, dunque, un tv completo e versatile che, per quanto riguarda le connessioni, può contare su quattro porte HDMI per collegare altri apparecchi presenti in casa come console giochi per potersi godere tutti i videogiochi con la qualità del 4K.

Non mancano gli ingressi USB ai quali poter connettere pen drive e hard disk esterni e riprodurre tutti i contenuti presenti. È disponibile anche lo slot CI+ che consente di inserire le smart card per digitale terrestre come quella tivùsat, previo acquisto del modulo CAM. È un tv da 43” che, rispetto a tanti altri modelli simili presenti sul mercato, può essere acquistato a un prezzo incredibilmente vantaggioso.

Ricapitoliamo adesso in breve gli aspetti che caratterizzano maggiormente lo smart tv 4K Philips.

 

 

 

Hisense H45N5755

 

Qualcuno tra voi potrebbe storcere il naso davanti al brand, probabilmente ancora non molto conosciuto, in particolare nell’ambito dei televisori. Questo modello però è l’occasione per ricredersi o dare fiducia all’azienda cinese, visto che vanta una serie di caratteristiche di un certo pregio, a cominciare da un pannello da 45 pollici con risoluzione 4K, tecnologia HDR   per una resa dell’immagine di alto livello e sistema audio DBX-TV.

Proprio la tecnologia HDR si incarica di estendere la gamma di luci e colori, migliorando la qualità di visione, garantendo sia neri profondi sia bianchi brillanti. Il risultato è un contrasto elevato che mette in risalto ogni dettaglio, che stiate guardando un film o una partita di calcio. La resa è impeccabile quando abbiamo a che fare con contenuti in 4K o in alta definizione mentre qualche appunto si può muovere all’upscaling, ovvero all’adattamento dell’immagine trasmessa con una risoluzione più bassa, come per esempio nel caso di un canale televisivo tradizionale, non in HD.

Discordanti i pareri degli utenti sulla bellezza del televisore che, al di là dell’estetica che può piacere o meno, vanta una cornice ridotta e base in metallo, un materiale che trasmette una convincente sensazione di solidità. Non mancano poi le funzioni smart, per accedere alle app e ai servizi che funzionano grazie a Internet.

 

 

 

Hisense H43BE7000 TV LED Ultra HD 4K

 

Se si sceglie il modello da 43”, è possibile spendere meno di 300 euro per l’acquisto di questo televisore Hisense. Il produttore cerca infatti di sfondare nel mercato di fascia bassa, e lo fa con prodotti onesti e affidabili.

Inutile aspettarsi valori di contrasto altissimi e una gamma cromatica spettacolare, ma se è imperativo risparmiare, questo modello non è un cattivo investimento.

Supporta la tecnologia HDR nella versione base, anche se non è in grado di catturare le finezze del Dolby Vision e di HDR 10+.

Il sistema operativo per le funzioni Smart è proprietario: non è flessibile e reattivo come Android tv, ma può ospitare le principali piattaforme di streaming (da Netflix a Prime Video) e consente, con un’app scaricabile su cellulare, di sostituire il telecomando con il telefonino.

Anche le casse audio, a nostro parere, svolgono bene il loro compito, meglio di quanto ci si aspetterebbe.

Se acquistate online, verificate con attenzione e senza indugi il pacco: tra i consigli d’acquisto si trova più di un utente che lamenta la consegna di prodotti danneggiati.

Nella tabella che segue abbiamo raccolto ragioni a favore e contro la scelta del modello tv Hisense.

Pro
Prezzo conveniente:

se il budget è limitato, ma non si vuole rinunciare alla risoluzione 4k, la tv Hisense è una buona scelta.

Funzioni Smart:

sulla tv sono disponibili o scaricabili le più diffuse app per lo streaming video e l’intrattenimento, raggiungibili anche direttamente dal tasto del telecomando.

Contro
Supporto HDR limitato:

non ci si può aspettare di vedere tutta la gamma cromatica promessa dalla tecnologia HDR.

Regolazione:

qualche utente si è lamentato perché non sono possibili raffinate regolazioni della qualità dell’immagine (colore, luminosità, contrasto...).

 

 

Ti è piaciuto il nostro articolo? Qui sotto ne puoi trovare altri altrettanto interessanti:

 

Il miglior climatizzatore portatile

La migliore autoradio 2 DIN

Caricabatterie portatili

Radiosveglia

eBook reader

 

 

 

Bibliografia
1- Cosa significa 4K?
2- Cosa vuol dire 4K nei televisori
3- Collegamento di un televisore 4K
4- Televisione a ultra alta definizione
5- Ci sono contenuti in 4K HDR?

 

1.1 Philips 4000 series 49PUH4900

Principale vantaggio

La diagonale di 49 pollici piace parecchio a chi ha voglia di portare il miglior cinema in casa: si tratta di ben 123 centimetri utili a una risoluzione sorprendente.

 

Principale svantaggio

Non è smart, dettaglio che impatta positivamente sui costi ma che può lasciare dubbioso qualcuno che invece si aspetta di trovare grandi prestazioni anche per quanto riguarda i vantaggi offerti dalla nuova tecnologia.

 

Verdetto: 9.6/10

Il prezzo tutto sommato è accettabile per questo televisore Philips a ultra definizione dalla diagonale di 49’’ che consente una visione davvero gradevole e coinvolgente. Alcuni accorgimenti di alta tecnologia fanno dimenticare l’assenza della connessione alle funzioni smart ormai presenti in tutti i televisori di nuova generazione e che possono essere attivate con una semplice smart box.

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Tecnologia LED per l’ultra definizione

Si tratta di uno schermo LED che magnifica il potenziale del formato Ultra HD 4K con una luminosità e una ricercatezza dei dettagli davvero soddisfacente e a un prezzo estremamente appetibile.

Adopera una tecnologia speciale Pixel Plus Ultra HD per rendere ottimale l’elaborazione dei file, film o immagini riprodotti a schermo. Sono oltre 8 milioni di pixel che lo schermo è in grado di accogliere, questo si traduce in una definizione di colori e dettagli davvero gratificante alla vista e come inizio per la realizzazione di un vero angolo home cinema da ricreare in casa.

Nonostante non supporti la tecnologia 3D per la riproduzione di contenuti tridimensionali, il contrasto e il senso di spazialità danno la sensazione che le immagini escano fuori dallo schermo, seppure completamente piatto e non curvo come in alcune soluzioni hi-tech.

Manca la possibilità di connettere il televisore alla rete e quindi tutte le funzioni smart, ma sono presenti tre ingressi HDMI per collegare il lettore Blu-ray o altri dispositivi di riproduzione come il decoder o il sistema home theatre.

1.2 Philips 4000 series 49PUH4900

 

Upscaling avanzato dei contenuti riprodotti

Il bello di questo televisore è che è in grado di effettuare l’Upscaling dei contenuti riprodotti, funzione di solito relegata agli strumenti per la riproduzione dei contenuti come il lettore Blu-ray.

In questo modo qualunque sia la fonte dei contenuti da vedere, l’effetto finale sarà sempre quello dell’ultra definizione, anche quando non prevista in origine. La funzione Ultra Resolution si occupa proprio di convertire tutti i contenuti nel formato 4K, lo fa applicando un sofisticato algoritmo che migliora la definizione dei dettagli delle immagini.

Un software speciale si occupa di analizzare le immagini in dettaglio, fino a 6.400 parti distinte, in modo da regolare automaticamente il contrasto e la luminosità e migliorare la qualità visiva delle immagini riprodotte.

 

Design innovativo ed elegante

Lo schermo è sottile e le casse non sono poi così male se si considerano lo spessore e il fatto che il televisore è preposto per essere soprattutto guardato, e supportato da un sistema specifico di riproduzione audio se lo si desidera.

La diagonale è di 123 cm e, compresa la cornice, lo spazio occupato linearmente è pressoché simile, necessita di un mobile apposito per essere collocato sugli eleganti piedistalli, ma può essere anche istallato a parete a seconda delle preferenze personali.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
15 Comments
Il più vecchio
Il più nuovo Il più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Ludwig48
Ludwig48
October 27, 2018 9:19 am

Che ne pensate della TV-COLOR GRAETZ-Full-HD 43 pollici,venduta ad un prezzo politico?In parole povere:<la stessa…e' affidabile,quanto il notissimo MARCHIO????

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
October 27, 2018 7:14 pm
Reply to  Ludwig48

Buonasera Ludwig,

non conosciamo questo modello, ma magari qualche nostro visitatore può aiutarci…

Saluti

giovita
giovita
November 14, 2018 4:10 pm
Reply to  Ludwig48

Buonasera, la invitiamo a visitare il nostro sito http://www.graetzitalia.it e i nostri profili social.

Grazie

Nikolas
Nikolas
November 29, 2018 2:12 pm

Buongiorno, avrei bisogno di un informazione se possibile: ho comprato un qbell 55″ 4k smart TV con decoder dvb t2 ed s2 integrati….il problema é che con l antenna terrestre posta sul tetto non prende, deve essere riorientata per usare questi nuovi decoder o ne serve una specifica?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 30, 2018 7:41 pm
Reply to  Nikolas

Salve Nikolas,

in realtà non è necessario fare alcun cambiamento di orientamento dell’antenna. Hai provato a effettuare una sintonizzazione manuale? Con il vecchio televisore non avevi problemi? Potrebbe a questo punto essere un problema del nuovo Tv…

Saluti

mauro
mauro
November 20, 2019 10:02 am

buongiorno, vorrei avere una recensione sul tv panasonic TX65GX810E, è ora in offerta a 850 Euro, ne val la pena o si trova di meglio sul mercato a questa cifra?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
November 21, 2019 8:17 pm
Reply to  mauro

Salve Mauro, cominciamo col parlare di questo televisore di Panasonic che, in effetti, ha davvero caratteristiche tecniche di rilievo e che, solitamente, è venduto ad almeno 200 euro in più rispetto all’offerta che hai trovato. Merita un esborso economico importante? Noi pensiamo di sì, perché intanto si parla di un 65 pollici 4K e poi perché integra molte soluzioni di trattamento dell’immagine e del sonoro tipiche dei modelli di fascia alta. A cominciare dal supporto per diversi standard HDR, dal 10 al Dolby Vision e questo si traduce in un’esperienza di visione molto soddisfacente. Selezionando la modalità dinamica otterrai una… Read more »

caterina
caterina
January 22, 2020 11:07 am

salve,
avrei la necessità di confrontare 3 tv led 4k e per i primi due non ho grossi problemi, ma per il terzo non riesco a capire se le caratteristiche sono migliori o meno degli altri 2. i modelli sono
samsung 50″ RU7090
samsung 50″ RU7170
Hitachi 55″ 55HK5100

tra i tre, quale è quello che ha le migliori caratteristiche? sono confussa perche l’hitachi non la conosco come marca…
grazie

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
January 24, 2020 8:14 pm
Reply to  caterina

Salve Caterina, I due modelli di Samsung sono davvero molto simili tra loro e sostanzialmente ci sentiamo di consigliarti sia l’uno sia l’altro perché differenze che possano spingerci a privilegiare uno piuttosto che l’altro non ce ne sono. Diciamo che è una questione di prezzo, se ne trovi uno meno caro dell’altro… Il paragone con il modello di Hitachi vede quest’ultimo indubbiamente penalizzato, un po’ perché Samsung nel campo dei TV rappresenta una garanzia, un po’ perché effettivamente qualche carenza c’è (e il fatto che un modello da 55 pollici costi meno dei due da 50 già lo lascia intendere).… Read more »

Francesca
Francesca
March 27, 2020 9:03 am

Vorrei info su Panasonic TX-55FX550E SMART TV da 55”, risoluzione 4K (3840 x 2160 pixel)
Tecnologia: Pannello UHD 4K HDR, Wi-Fi, LAN wireless integrata, Smart TV, media player, 3 HDMI + 2 USB, satellitare DVB-S2 per SKY e TivùSat, DVB-T2 HEVC 10 bit

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
March 30, 2020 6:58 pm
Reply to  Francesca

Salve Francesca, si tratta di un televisore di cui hai già elencato tutte le caratteristiche tecniche che, dunque, conosci molto bene 🙂 Rispetto alla scheda tecnica possiamo aggiungere che la resa delle immagini è più che soddisfacente, soprattutto sfruttando il 4K e l’HDR (parlando ovviamente di un prodotto di fascia media). Nel complesso il modello è soddisfacente sotto la maggior parte dei punti di vista ma, credendo di farti un servizio più utile, qui vogliamo concentrarci su qualche carenza in modo che tu possa valutare se si tratta di mancanze tali da pregiudicare l’acquisto. Dunque, è privo di connessione Bluetooth,… Read more »

diaconfrost@hotmail.it
diaconfrost@hotmail.it
May 31, 2020 7:10 pm

salve volevo un vostro parere sul modello 70 pollici della lg 7450

possiedo un oled sempre della lg 55c6 so gia che si noterà la differenza ma ne vale la pena

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
June 1, 2020 8:32 pm

Salve,

non siamo sicuri di aver compreso al meglio i due televisori di cui parli, visto che le sigle rendono un po’ complicata l’operazione. Lo diciamo perché ci sembra strano il confronto, visto che il modello di cui sei già in possesso è un OLED davvero molto bello mentre l’altro (caratterizzato dalla sigla 70UM7450PLA) certo ha dimensioni big però è un Led con illuminazione Direct e dunque una resa inferiore all’OLED. Per quello ci viene il dubbio di non aver capito bene a quale modello fai riferimento. Riesci per piacere a essere più specifico? Grazie

Saluti

Team BeE

Alberto
Alberto
June 8, 2020 2:09 pm

Buongiorno alla redazione, sono orientato alla tv Sharp Aquos 40BL2EA Tv 40 pollici 4k da voi recensita recentemente. In rete trovo però che solo Amazon ha quel modello. Altri rivenditori hanno il modello 40BL3 o BL4 o BL5. come comportarsi e quali le differenze rispetto a quello da voi testato?

BuonoedEconomico
Admin
BuonoedEconomico
June 10, 2020 4:23 pm
Reply to  Alberto

Salve Alberto,

mettendo a confronto le caratteristiche tecniche delle tre famiglie di Smart TV Sharp Aquos (BL3, 4 e 5) non siamo riusciti a notare differenze per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, le funzionalità e l’hardware. Anche il sistema operativo e le sue caratteristiche sono identiche, perciò ci sentiamo di dirti di puntare su uno qualunque dei modelli perché non noterai sostanziali differenze che possano spostare l’ago della bilancia da uno all’altro.

Saluti

Team BeE

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status