Segnale TV disturbato: cosa fare?

Ultimo aggiornamento: 09.04.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

Nonostante il digitale terrestre sia più affidabile del segnale analogico in uso fino a 10 anni fa circa, può comunque presentare problematiche. Scopriamo cosa fare in tali situazioni.

 

Se riscontrate problemi di segnale TV disturbato, la prima cosa da fare è assicurarsi che gli altri condomini non siano colpiti dalla stessa problematica. Il motivo è molto semplice, qualora anche i vostri vicini riscontrassero un segnale debole o assente, si potrebbe far risalire il tutto a un guasto della centralina condominiale, cosa che richiederebbe un intervento da parte dell’amministratore e che potrebbe impiegare più tempo del dovuto per riportare la situazione alla normalità.

Ma come mai il digitale terrestre, che come tecnologia prometteva un miglioramento sotto tutti i punti di vista rispetto al segnale analogico, presenta ancora oggi problemi legati a perdite di qualità visiva o addirittura a un segnale TV assente?

 

Cos’è il digitale terrestre

Questa nuova tecnologia ha sostituito completamente il vecchio segnale analogico, almeno in Italia, nel 2012, quando è stato completato lo switch-off della vecchia rete. In parole povere, immagini, video e audio vengono trasmesse ai vostri apparecchi tramite un segnale digitale che, per sua natura, occupa una porzione di banda inferiore al segnale analogico. In accoppiata con sistemi di compressione dati e codifica avanzati, è possibile inviare un video in qualità superiore rispetto alla televisione analogica, con tracce audio multiple e supporto al formato 16:9, un tempo prerogative dei soli contenuti su disco, come DVD e Blu-ray.

Con il passaggio al digitale terrestre non era stata promessa solo una qualità migliore ma anche una stabilità superiore. Chi ha vissuto l’era della TV analogica sicuramente ricorderà le continue perdite di segnale, effetti nevischio e tante altre deformazioni delle immagini che potevano dipendere da mille fattori diversi, dal meteo impietoso fino al posizionamento della propria antenna. Grazie al digitale terrestre molti di questi problemi sono stati del tutto eliminati, oggi è impossibile vedere un programma TV con immagine disturbata poiché il segnale digitale terrestre può essere solo presente o assente.

Problemi digitale terrestre

Detto ciò, è impossibile negare che anche il digitale terrestre ogni tanto faccia le bizze e crei problemi agli utenti, che a volte riscontrano un segnale debole TV e di conseguenza canali digitale terrestre che non si vedono. A volte l’impossibilità di sintonizzare determinati canali è subordinata alla propria area geografica di residenza. In questi casi c’è però ben poco da fare, dopo aver tentato più volte la sintonizzazione automatica e manuale sul proprio TV, senza risultati di alcun tipo, dovrete necessariamente rivolgervi a un antennista o esperto del settore che potrebbe proporvi l’acquisto di un’antenna più performante. 

Online è possibile trovare liste dei canali nazionali con tutte le frequenze divise in base alle regioni, per chi fosse un po’ più esperto e volesse eseguire test approfonditi è possibile farlo grazie a queste risorse facilmente reperibili anche con una ricerca sui migliori motori di ricerca come Google. Se non doveste comunque avere risultati soddisfacenti e al tempo stesso il vostro vicino riesce a sintonizzare i canali con cui avete problemi, è possibile effettuare altri test casalinghi per scoprire dove possa risiedere l’inghippo.

 

Controllare le prese

Innanzitutto verificate che l’impossibilità di ricevere il segnale specifico sia comune a tutte le prese dell’antenna presenti in casa. Ricordate inoltre di non utilizzare sempre lo stesso televisore per svolgere le prove, poiché non è detto che il problema non sia proprio del vostro dispositivo, magari non abilitato alla ricezione del segnale.

Se almeno una delle prese restituisce prestazioni migliori, allora potrebbe essere un problema legato all’impianto casalingo o ai cavi dell’antenna che utilizzate e basterà sostituire questi ultimi per avere subito delle migliorie. Se il TV non trova canali di alcun tipo, è molto probabile che si tratti di un vecchio modello senza tuner per il digitale terrestre e tra le opzioni avrete o una sostituzione del televisore stesso, oppure la scelta economica: dotarsi di un decoder da collegare al TV.

A causare più grattacapi sono spesso i canali Mediaset con segnale debole o assente, restituendo di fatto uno schermo nero poiché non raggiungono la soglia minima di ricezione per la decodificazione dei dati da parte del tuner del televisore. Anche in questo caso, come per il messaggio di “nessun segnale TV” che potrebbe comparire sul vostro apparecchio, è importante verificare innanzitutto che non sia un problema condominiale, per poi passare all’analisi delle prese e dei propri televisori al fine di individuare con estrema precisione l’origine del problema.

 

Passaggio al digitale terrestre 2 ed eventuali problemi

A partire da settembre 2021 si avrà il passaggio a un nuovo tipo di digitale terrestre, chiamato spesso T2 o DVB-T2. Rispetto allo switch-off dalla rete analogica sarà una transizione molto più veloce e silenziosa, tuttavia ciò non vuol dire che bisogna farsi trovare impreparati, poiché sicuramente molti utenti riscontreranno problemi durante il periodo di passaggio.

Il digitale terrestre 2 garantirà una migliore qualità video grazie all’utilizzo di un codec innovativo rispetto a H.264, chiamato HEVC, acronimo che sta per High Efficiency Video Coding. Tale codec è già utilizzato da piattaforme di streaming video come YouTube e persino Netflix ed è stato scelto per la capacità di garantire un’elevata risoluzione occupando meno spazio possibile.

Cosa devono sapere gli utenti riguardo al DVB-T2? Naturalmente non tutti i televisori saranno immediatamente abilitati, solo quelli venduti a partire dal 2017 hanno il tuner integrato mentre tutti quelli precedenti, per ricevere il segnale, avranno bisogno di un decoder da affiancare a parte. Ciononostante avete ancora un po’ di tempo per aggiornare i vostri dispositivi poiché il passaggio dovrebbe essere completato solo nella metà del 2022.

Non avete da preoccuparvi dunque se avete recentemente acquistato un TV LED da 43 pollici di nuova generazione, poiché molto probabilmente sarà compatibile con il segnale del digitale terrestre e, per assicurarvene, potete sintonizzarvi sul canale 100 o 200. Se sul display appare l’immagine che riporta la dicitura “Test HEVC Main 10”, allora saprete che l’apparecchio è già pronto per la ricezione del nuovo segnale.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status