I 5 migliori TV LED del 2021

Ultimo aggiornamento: 25.06.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

 

TV LED – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Con la moltitudine di televisori che popolano il mercato e le numerose sigle che li accompagnano, sceglierne uno adatto alle proprie esigenze si rivela sempre più un’impresa. Abbiamo quindi deciso di selezionare i prodotti più convincenti nella nostra classifica, dove troviamo in prima posizione Sony KD75XH8096PBAEP, decisamente più costoso della media ma con accorgimenti tecnologici che rendono l’esperienza audio/video superba, seguito da Samsung NU7090, più economico ma comunque compatibile con la risoluzione 4K e l’High Dynamic Range.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere il miglior TV LED?

 

Per capire come scegliere un buon TV LED bisogna avere ben chiari alcuni concetti fondamentali, a partire dalle sigle che indicano la risoluzione del pannello, nuove tecnologie in grado di migliorare la resa qualitativa delle immagini e dell’audio, tenere presente la compatibilità con le applicazioni di streaming video e anche con le console di nuova generazione per i videogiocatori incalliti. Vediamo dunque insieme gli elementi più importanti.

LED, LCD e OLED: come districarsi tra le sigle

Avrete sicuramente notato una gran quantità di modelli di TV che riportano la voce LCD, LED, OLED, QLED e simili, ma cosa significano di preciso? Questi acronimi evidenziano il tipo di pannello montato. Generalmente sono tutti LCD, Liquid Crystal Display, ma la retroilluminazione fa la differenza. Questa può essere LED, la tecnologia più popolare e meno costosa sul mercato, OLED oppure QLED (esclusiva Samsung). 

Gli OLED hanno il vantaggio di restituire neri più intensi poiché i pixel che devono riprodurli vengono direttamente spenti dal software, mentre i QLED hanno una pellicola di nanocristalli posizionata dietro lo schermo a cristalli liquidi, che garantiscono una brillantezza senza eguali per gestire al meglio i segnali HDR. Tali tecnologie, però, hanno anche un prezzo e generalmente i LED sono i TV che rientrano nella fascia più accessibile, con i QLED in quella intermedia e gli OLED in quella più alta.

 

Risoluzione

Dopo aver fatto chiarezza sui display, bisogna necessariamente parlare anche di risoluzione massima, ovvero la qualità delle immagini che vengono visualizzate. Il nuovo standard ormai consolidato è il 4K o Ultra HD, la maggior parte dei televisori in commercio riporterà questa sigla e lentamente tutti i TV che invece sono rimasti al Full HD spariranno. 

Bisogna considerare che la risoluzione Full HD è pari a 1.920 x 1.080 pixel a schermo mentre il 4K raddoppia tale valore: 3.840 x 2.160 pixel, rendendo le immagini ancor più dettagliate e precise. Chi si limita a guardare programmi TV potrebbe accontentarsi anche di un Full HD, tuttavia se possedete abbonamenti a servizi streaming e on demand come Netflix, Amazon Prime Video, TimVision e simili, allora l’investimento per un TV 4K sarà ampiamente ripagato dalla resa video finale.

 

HDR si o no?

L’High Dynamic Range, popolare in fotografia, è sbarcato anche sui televisori, fornendo una vasta palette cromatica e una maggiore precisione nella resa dei colori. A differenza del 4K, però, bisogna sottolineare che sono ancora molto pochi i contenuti che utilizzano questo standard ed è una caratteristica riscontrabile solo in alcuni film e videogiochi. Se possedete una console di ultima generazione, acquistare un TV LED che disponga di 4K e HDR potrebbe rivelarsi una buona idea, avrete così una resa globale nettamente superiore alla sola risoluzione 4K.

Smart

Non dimenticate, infine, che le funzionalità Smart non sono uguali per tutti i TV e molto dipende anche dal sistema operativo installato. Oltre al classico Android, che offre una compatibilità notevole con una gran quantità di app, troverete webOS e altri sistemi proprietari che hanno invece una resa leggermente inferiore. Se non sfruttate molto l’ambiente Smart, potrete anche ignorare questo aspetto, tuttavia se possedete abbonamenti a molti servizi di streaming potreste preferire un TV Android che vi eviterà di acquistare in un secondo momento un box esterno dal design discutibile da collegare al televisore.

 

I 5 migliori TV LED – Classifica 2021

 

Per capire quale TV LED comprare bisogna prendere in considerazione una moltitudine di fattori, proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una classifica dei migliori TV LED del 2021, in grado di aiutarvi a selezionare un prodotto adatto alle vostre esigenze senza spendere troppo. Abbandonando quindi ulteriori indugi, date un’occhiata ai nostri consigli d’acquisto direttamente qui in basso.

 

 

1. Sony KD75XH8096PBAEP Android TV 75 pollici 4K

Principale vantaggio

Quando si acquista un TV da 75 pollici, la preoccupazione principale deve essere legata alla qualità video restituita. Grazie alle migliori tecnologie attualmente disponibili, il dispositivo Sony è uno dei più performanti sul mercato e difficilmente vi deluderà.

 

Principale svantaggio

Gli acquirenti hanno sottolineato che il bluetooth di cui il TV è dotato non può essere sfruttato per collegare casse wireless ma solo ed esclusivamente per periferiche di controllo esterne come mouse e tastiere.

 

Verdetto 9.8/10

Non ci troviamo di fronte a un’opzione per tutti i consumatori, il TV Sony è infatti costoso e poco efficiente dal punto di vista energetico. Dovrebbe pertanto essere preso in considerazione solo da chi cerca la massima qualità audio e video dal proprio dispositivo, punti di vista sotto i quali il prodotto è irreprensibile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Tecnologia Sony

Il nuovo TV 75 pollici di Sony è una delle opzioni più convincenti del mercato poiché dotato di tutte le tecnologie più moderne per la migliore esperienza nella visione di contenuti multimediali. Abbiamo un pannello LED che supporta la risoluzione 4K Ultra HD, quattro volte superiore a quella dei normali Full HD, tuttavia le ottime performance non si fermano qui dal momento che sfrutta un processore X1 che elimina il rumore e il 4K X-Reality Pro per processare le immagini in tempo reale, migliorandone sia la nitidezza sia il contrasto fungendo da upscaler quando la fonte non è in Ultra HD. 

Non può mancare su un prodotto di fascia alta anche l’High Dynamic Range, per colori più vividi e realistici nei vostri film preferiti e soprattutto nei videogiochi di nuova generazione che sfruttano tale tecnologia.

Dando un’occhiata al comparto audio, abbiamo il supporto al nuovo Dolby Atmos, che regala un’esperienza multidimensionale pur non avendo un sistema di casse ad-hoc, emulando al meglio 5.1 e 7.1. Le casse integrate svolgono un discreto lavoro, tuttavia è comunque consigliato investire in una soundbar compatibile.

Android TV

Se effettuiamo una comparazione con altri televisori dotati di sistemi operativi proprietari, possiamo subito notare che il modello proposto da Sony ha una marcia in più poiché dotato del popolare ed efficiente Android, lo stesso utilizzato dalla maggior parte di smartphone e tablet in commercio. I pareri degli utenti sono in tal senso entusiastici, parliamo infatti di una velocità di esecuzione notevole con rapido passaggio da un’app all’altra.

Per scoprire dove acquistare il prodotto Sony non dovrete far altro che cliccare sul link sottostante, che vi porterà alla pagina del venditore dove poter effettuare la transazione in modo comodo e veloce. Attenzione al bluetooth, che può essere usato per accoppiare mouse o tastiere ma non funziona in caso di casse wireless, e al consumo energetico, più alto rispetto ad altre offerte poiché il dispositivo rientra in classe di efficienza B.

Uno dei pochi punti deboli del TV è il suo prezzo, fattore che lo rende difficile da prendere in considerazione se non si hanno esigenze qualitative specifiche.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Samsung NU7090 TV UHD Flat Smart Serie 7

 

Tra i prodotti venduti online, i televisori Samsung rappresentano una delle scelte più popolari, soprattutto per l’ottimo rapporto qualità/prezzo che questi offrono. Il modello preso in esame è NU7090, con pannello LED da 43 pollici e risoluzione Ultra HD, ovvero 3.840 x 2.160 pixel.

Analizzandone le caratteristiche in dettaglio possiamo notare che dispone di supporto alla tecnologia HDR, ovvero High Dynamic Range, per riprodurre colori in modo ancor più dettagliato, nonché UHD Dimming, per la gestione dei livelli di bianco e nero in tempo reale tramite la suddivisione dello schermo in sezioni controllate dal software del TV.

Per chi volesse fissarlo a parete, è importante sapere che dispone di standard VESA 200 x 200 mm come per la maggior parte dei TV Samsung. Una delle pecche riscontrate, soprattutto perché si tratta di un modello di fascia medio/bassa, è relativa alla resa audio delle casse integrate, non esattamente entusiasmante. Se siete appassionati di film e serie TV potrebbe essere consigliato utilizzare un impianto ad hoc.

Pro
Prezzo:

Il costo è basso poiché parliamo di un televisore entry level per tutti coloro che non possiedono ancora un TV Smart. Una spesa per tutte le tasche.

Tecnologia:

Buono il supporto ai contenuti in 4K, la nuova frontiera della risoluzione, sempre più utilizzata, senza dimenticare quelli che sfruttano l’High Dynamic Range.

Consumi:

La classe di efficienza energetica è la A, non dovrete quindi preoccuparvi troppo di un aumento significativo all'arrivo della bolletta della luce.

Contro
Audio:

La resa lascia a desiderare e potrebbe essere il caso di utilizzare delle casse separate o una buona soundbar se volete migliorare l'ascolto dei vostri film preferiti.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. LG 32LM6300PLA 32 pollici Full HD Smart TV

 

Se non avete un budget elevato e tutto sommato del 4K non vi interessa granché, allora potreste valutare l’acquisto del più economico TV Smart della nostra classifica: il modello 32LM6300PLA di LG, brand sudcoreano dalla fama consolidata.

Il display da 32 pollici raggiunge una risoluzione massima di 1080p, ovvero il classico Full HD, ancora valido e performante soprattutto se posizionate lo schermo a una distanza superiore a 2 metri. Si rivela una scelta adeguata anche per la stanza degli ospiti o quella dei bambini, dove una qualità estrema dell’immagine non è generalmente richiesta. 

Come secondo o terzo televisore di casa convince a pieno grazie anche all’inclusione di Alexa, integrata e alla quale si può chiedere di controllare notizie, il meteo o persino controllare altri dispositivi presenti nel sistema domotica. Non tutte le ciambelle riescono col buco, però, e dove il TV lascia a desiderare è nel software, basato su webOS e quindi meno performante rispetto a modelli dotati di Android.

Pro
Streaming:

Il telecomando è dotato di tasti rapidi per raggiungere immediatamente applicazioni come Netflix e Amazon Prime, per visualizzare velocemente i propri contenuti multimediali in abbonamento.

Alexa:

Ottima l'integrazione con l'assistente vocale di Amazon. Potrete chiedere ad Alexa di eseguire brani musicali o semplicemente le notizie del giorno.

Prezzi bassi:

Il TV rientra in una fascia medio/bassa, quindi alla portata di tutti. Il costo inferiore però indica anche limiti hardware, come quello del pannello che ha risoluzione Full HD.

Contro
WebOS:

Il sistema operativo è un punto importante del TV, che ne decreta le capacità di utilizzo in ambiente Smart, da questo punto di vista webOS è un po' più lento e meno supportato di Android.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

4. Philips TV LED 43PUS7805/12 43 pollici 4K UHD

 

In una fascia di prezzo più alta rispetto ad alcuni dei modelli che abbiamo precedentemente analizzato troviamo il TV 43 pollici di Philips. La tecnologia utilizzata è moderna e include la risoluzione 4K Ultra HD e HDR10+, a cui si aggiungono anche sistemi audio performanti come Dolby Vision e Dolby Atmos.

Secondo quanto riferiscono gli utenti, è molto apprezzato anche Ambilight, ovvero una serie di LED posizionati nella parte posteriore del TV che illuminano la parete con colori che si rifanno a quanto proposto sul pannello, dando vita a un’atmosfera piacevole quando ci si gode un film insieme alla propria famiglia.

Ciò che invece non convince è la qualità costruttiva globale, sono state utilizzate plastiche poco resistenti e i fori che ospitano le viti per i piedini sono troppo piccoli e dalla corsa breve, fattore che potrebbe preoccupare chi decide di non fissare il TV a parete.

Pro
Audio:

Grazie al supporto delle tecnologie Dolby Atmos e Dolby Vision, la resa globale di suoni, musiche e voci è di qualità elevata, soprattutto se paragoniamo il TV a quelli della stessa fascia di prezzo.

Ambilight:

Le luci LED dietro il pannello illuminano la parete, dando vita a spettacoli colorati mentre si guardano i propri contenuti multimediali preferiti e rilassando la vista anche quando le luci di casa sono spente.

Contro
App:

Non potrete scaricarne ulteriori, dovrete quindi farvi bastare Netflix, Amazon Prime Video e Youtube, rinunciando a Disney+ e Dazn se non collegate un dispositivo esterno.

Materiali:

Non sono top di gamma, le plastiche del TV sono poco resistenti e gli utenti lamentano la gestione dei piedini, un vero e proprio incubo da montare. Ideale solo se fissata a parete.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Hisense 50AE7000F Smart TV LED UHD HDR10+

 

Concludiamo infine la classifica con uno dei più venduti sul mercato, il TV 50 pollici di Hisense. A renderlo una scelta popolare è il rapporto tra le dimensioni del display e il prezzo che, se comparato a quello di offerte simili, è notevolmente inferiore.

Il pannello offre una risoluzione Ultra HD, chiamato anche comunemente 4K, nonché la possibilità di riprodurre contenuti HDR10+, per gli amanti di sport e film che potranno usufruire di applicazioni compatibili come Amazon Prime Video, Netflix, Dazn, TimVision e anche l’emergente Chili.

Per garantire un’offerta dal prezzo così contenuto, è comunque necessario effettuare dei tagli che, se non applicati sulla tecnologia, saranno riscontrabili in altri elementi. Analizzando attentamente il prodotto si può notare che la scocca esterna non è particolarmente solida e anche i piedini che sostengono il TV sono in plastica di bassa qualità. Meglio rivolgersi verso qualcosa di più costoso, infine, se siete videogiocatori che vorrebbero un TV a cui collegare console di nuova generazione.

Pro
4K:

Il pannello riesce a riprodurre contenuti in Ultra HD, buono quindi per la visione di programmi TV e contenuti multimediali che supportano l'alta definizione.

Compatibilità:

Troverete già installate le app più importanti per lo streaming come Prime Video, Netflix, TimVision e Dazn.

Contro
Modalità gioco:

Manca completamente, rendendo l'acquisto poco conveniente per i videogiocatori che hanno intenzione di collegare nuove console al televisore.

Materiali:

Non si presenta come un modello premium e per questo motivo la scocca esterna e i piedini che sostengono il televisore non restituiscono una sensazione di solidità.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare il TV LED

 

Dopo esservi procurati il miglior TV LED per le vostre esigenze, dovrete anche selezionare il luogo più adatto per posizionarlo correttamente. In questo frangente è importante tener conto di alcuni elementi come la distanza dagli occhi e la luminosità della stanza.

Prendendo come elemento di riferimento un TV 4K, vediamo dunque quali sono le distanze consigliate: per display da 22 a 32 pollici è consigliato un posizionamento da 80 cm a 1,2 metri; per quelli da 40 a 50 pollici tra 1,5 e 1,9 metri; per display da 50 a 60 pollici la distanza ottimale si aggira invece intorno ai 2,2 metri. Seguendo queste indicazioni riuscirete a visualizzare i vostri contenuti in 4K senza percepire una qualità inferiore.

Se non disponete di un TV Ambilight, che proietti dunque luci LED sulla parete posteriore durante la visione, potrebbe essere necessario installare il TV in una stanza che abbia almeno una fonte luminosa per evitare di guardare lo schermo al buio, affaticherete così meno gli occhi.

Collegamenti

Sul retro del TV avrete una notevole selezione di uscite, HDMI, USB e in alcuni casi anche standard più datati. Le porte più importanti sono naturalmente quelle HDMI, tramite quali viene trasmesso sia il segnale video sia quello audio, sono generalmente utilizzate per collegare qualsiasi dispositivo dalle console di gioco fino a lettori Blu-ray e TV box. Averne almeno tre o quattro è vantaggioso, dandovi così la possibilità di espandere il vostro angolo multimediale a piacimento, senza dover scollegare continuamente i dispositivi meno utilizzati per far posto ad altri.

 

Scaricare applicazioni

Non tutti i TV lo permettono, tuttavia quelli che dispongono di negozio virtuale potranno darvi accesso ad app aggiuntive oltre a quelle preinstallate. Per accedere per esempio al Play Store di Google in ambiente Android avrete bisogno di un account Gmail, che potrete facilmente creare anche da smartphone. A questo punto dovrete collegare il TV alla rete wireless casalinga e, successivamente, inserire le credenziali per accedere con l’account Google appena creato. Effettuata questa procedura potrete recarvi nel negozio virtuale e acquistare o scaricare gratuitamente tutte le applicazioni compatibili che desiderate.

Installare IPTV

L’Internet Protocol Television consente la visione di programmi televisivi attraverso la rete internet. Non sempre queste applicazioni sono disponibili, soprattutto su TV con sistema chiuso, ciononostante se disponete di un TV Android potrete scaricare app come Smart IPTV da computer e, sfruttando una chiavetta USB, trasferire l’applicazione direttamente sul TV. La procedura non è del tutto sicura poiché l’app non è certificata, va dunque eseguita a proprio rischio e pericolo.

 

 

 

Domande frequenti

 

Cosa significa TV LED?

Quando si parla di TV LED, si fa riferimento al tipo di pannello di cui questa è dotata. La tecnologia LED è oggi considerata una delle più affidabili, l’acronimo sta per Light-Emitting Diode e nasce più di 40 anni fa. Il pregio fondamentale dei TV LED è dato non solo dalla loro maggiore luminosità rispetto ai televisori del passato ma anche dal costo di produzione che è considerevolmente basso e da una lunga durata.

Non vanno assolutamente confusi con i display OLED, tecnologia leggermente più costosa poiché la resa dei neri è migliore, ottenuta tramite spegnimento dei pixel, oppure QLED, ideata dal brand Samsung.

Come pulire lo schermo del TV LED?

Quando iniziano a presentarsi ditate, accumuli di polvere o altre impurità che comprometterebbero la corretta visione, è arrivato il momento di dare una bella pulita al display. Come farlo però senza rovinare il televisore? Non c’è nulla da temere, non si tratta di un procedimento complicato, avrete semplicemente bisogno di un panno in microfibra, noto per la sua morbidezza, e un po’ di acqua distillata. Non versatela direttamente sul display ma inumidite leggermente il panno e iniziate a pulire lo schermo dall’alto verso il basso, evitando movimenti circolari.

È sconsigliato utilizzare prodotti detergenti aggressivi, alcol o simili, affidatevi dunque a una semplice preparazione composta da acqua distillata e aceto bianco fatta in casa oppure acquistate prodotti specifici venduti online e nei negozi specializzati.

 

Come collegare il DVD al TV LED?

I lettori DVD o Blu-ray possono essere facilmente collegati al proprio televisore se dispongono di uscita HDMI. Ormai tutti i TV ne sono dotati e basta semplicemente utilizzare il cavo incluso nella confezione del dispositivo o acquistarne uno a prezzi competitivi online. Qualora tale collegamento non fosse possibile, potrete optare per il cavo component, costituito da cinque connettori di diversi colori o il cavo composito, tramite il quale però non potrete ottenere una risoluzione HD.

 

Qual è la differenza tra LED e LCD?

Se avete seguito la nostra guida per scegliere il migliore TV LED, saprete che i modelli LCD hanno una retroilluminazione basata su lampade fluorescenti. Parlare di display differenti però è spesso sbagliato perché il televisore LED non è altro che un tipo di LCD ma, al posto di utilizzare le lampade fluorescenti, CCFL, utilizza appunto i LED. Sarebbe dunque più opportuno fare una suddivisione tra LCD CCFL e LCD LED, scontro dal quale questi ultimi escono nettamente vincitori, restituendo una migliore luminosità e una durata maggiore.

 

Come migliorare l’audio di un TV LED?

Acquistando un TV LED a basso costo potreste incorrere in problemi derivanti dalla qualità audio delle casse integrate. Queste infatti sono poco performanti nella maggior parte dei casi e, uno dei modi per migliorare l’audio è quello di collegare il TV a un sistema Hi-Fi esterno, con diffusori più potenti e un sistema di equalizzazione professionale. Chi non volesse però investire in un sistema del genere, che potrebbe costare anche più del TV stesso, può optare per una soundbar, molto più economiche e in grado di modificare radicalmente la resa audio.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

7 COMMENTI

Ele

February 26, 2019 at 7:50 am

Buongiorno, vorrei acquistare un a smart tv da 55” e vedo ante offerte per la marca BLUE. Cosa ne pensate?

Risposta
BuonoedEconomico

February 26, 2019 at 3:44 pm

Buongiorno Ele,

da qualche tempo il marchio Blue comincia a fare capolino tra le offerte di TV e capiamo il tuo interesse perché le caratteristiche tecniche dei vari modelli appaiono di alto livello, in particolare analizzando i televisori della serie 6 che generalmente hanno risoluzione 4K e funzioni Smart con alcune delle app più utilizzate, vedi Netflix, già installate. Il tutto a un prezzo economico. Diciamo che in linea di massima possiamo considerare un buon affare l’acquisto di uno di questi modelli, però quando abbiamo a che fare con brand non di prima fascia, le perplessità che ci accompagnano sono sempre un paio. Per prima cosa c’è il sistema operativo, che è proprietario e che l’azienda produttrice afferma essere aggiornato. Spesso in questi casi però la disponibilità di app compatibili non è elevata, dunque potrebbe capitare che alcune molto utilizzate – tipo Infinity o DAZN per esempio – non siano disponibili e che mai lo saranno, visto che successivi aggiornamenti sono rari. Poi c’è la questione dell’assistenza, nella malaugurata circostanza di problematiche tecniche. In questo caso è meglio accordarsi con il rivenditore per non dover poi vagare in cerca di un’assistenza italiana difficile da trovare. Insomma, considerato quanto i prezzi dei TV si siano abbassati e la frequenza di offerte, magari affidarsi a un brand più consolidato e riconosciuto potrebbe non essere una cattiva idea…

Saluti

Risposta
Ele

February 27, 2019 at 6:58 am

Grazie mille, gentilissimi!!! La stessa cosa vale anche per la marca Hisense immagino?

Risposta
BuonoedEconomico

February 27, 2019 at 3:05 pm

In realtà no, perché parliamo di un brand di tutt’altro livello, presente in Italia da molti anni e con centri assistenza ben presenti sul territorio. Tra l’altro la qualità dei televisori è alta, dunque, in questo caso se dovessi trovare delle offerte di tuo interesse, puoi valutare serenamente l’acquisto.

Risposta
gIGI

February 15, 2018 at 7:15 am

Che mi dite dei televisori di marca Skyworth?

Risposta
Sandro

December 4, 2018 at 9:53 am

Ma che fa cu stu skyworth… marche cinesi e pure tossiche.

Risposta
Buonoedeconomico

February 19, 2018 at 6:01 pm

Skyworth è un’azienda cinese che da qualche settimana ha cominciato a commercializzare i suoi televisori anche in Italia. Diciamo che essendo proprio all’inizio abbiamo ancora poche informazioni in merito alla qualità dei suoi prodotti, di certo non si tratta di una società piccola né tantomeno di una che utilizza componenti di scarso livello, visto che i pannelli dei Tv sono forniti da LG mentre molti modelli integrano l’audio di JBL. Potenzialmente dunque si tratta di prodotti in grado di soddisfare, anche in virtù di un prezzo concorrenziale. Magari prima di investire nell’acquisto sarebbe meglio attendere ancora un po’ per vedere come si consolideranno e anche per avere una diffusione più ampia di centri d’assistenza sul territorio…

Risposta

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia, Romania e Canada.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status