I 5 Migliori TV LED da 43 Pollici del 2020

Ultimo aggiornamento: 27.01.20

 

TV LED da 43 Pollici – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni 

 

Le Tv Led, lo ricordiamo, sono televisori a cristalli liquidi, concettualmente identici a quelli che abbiamo sempre usato, ma usano lampadine a Led per la retroilluminazione dello schermo. Questo comporta principalmente due vantaggi: un minore consumo di energia e una maggiore durata, elementi sufficienti, ormai, a renderli quasi uno standard. Non sarà difficile trovarne sul mercato, anche se qui limitiamo la ricerca ai soli modelli da 43 pollici. Partiamo subito con il modello UE43RU7450UXZT, entry level che compete con prodotti più costosi. Lo segue a ruota un LG 43UM7390, a dimostrazione che LG non si concentra solo sugli schermi Oled.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere la migliore Tv Led da 43 pollici?

 

Abbiamo già individuato la tecnologia del nostro schermo Tv e le sue dimensioni, ma ci sono molti altri elementi da valutare per cercare i migliori Tv Led da 43 pollici del 2020.

All’interno di una stessa marca sono proposti modelli con caratteristiche, e prezzi, molto differenti tra loro.

Proviamo dunque a capire su cosa porre l’attenzione e cosa aspettarsi dalle tante offerte sul mercato.

Una particolarità dei Led: local dimming

Cerchiamo la migliore Tv Led da 43 pollici, quindi è giusto concentrarsi sulle migliori qualità offerte da questa tecnologia.

Uno dei vantaggi dei Led è certamente la possibilità di controllarne l’accensione e lo spegnimento, in ogni zona specifica dello schermo.

Questa opportunità si chiama tecnicamente “local dimming” e permette, concedeteci la semplificazione, di migliorare la qualità delle aree nere, quindi le ombre e i contrasti. 

Lo schermo a cristalli liquidi, infatti, è generalmente strutturato in modo tale da permettere comunque alla luce posta dietro il pannello di filtrare, sebbene i cristalli si siano “posizionati” in modo da non farla passare per offrire una immagine scura. 

Se c’è la possibilità di spegnere completamente i Led, è abbastanza evidente che si potrà rimediare a questo difetto.

Si tratta di una finezza, che a molti telespettatori potrebbe non interessare. In ogni caso, non tutti gli apparecchi televisivi a Led offrono questo strumento di controllo.

Non solo: anche se presente, il local dimming non sempre copre tutte le zone dello schermo. In alcuni casi è limitato alle fasce laterali, oppure a quelle inferiori e superiori.

Il risultato finale, dunque, è un maggiore rapporto di contrasto, che tuttavia si scontra con numerosi limiti quando si applica a scene con illuminazioni e giochi d’ombra complessi. 

Per una più completa comparazione tra le tv in commercio, tuttavia, è utile sapere di cosa si tratta.

 

43 pollici, ma quale risoluzione?

La migliore TV Led da 43 pollici non può avere una risoluzione inferiore a quella 4k.

Tutti i modelli consigliati hanno una risoluzione, dunque, di 3840×2160 pixel, che è di fatto la più alta disponibile, soprattutto come offerta di contenuti.

Le trasmissioni in 4k sono ancora piuttosto rare, e quasi introvabili sulle cosiddette tv generaliste del digitale terrestre. 

Per trovare un’offerta significativa occorre spostarsi su piattaforme a pagamento. Sky Q e Mediaset Premium, Netflix e Prime Video propongono per esempio un discreto numero di film e trasmissioni sportive in 4k e in 4k HDR. 

L’acronimo HDR, spesso associato a 4K, è un elemento da tenere in grande considerazione. 

Se la risoluzione 4k migliora il dettaglio dell’immagine, la tecnologia HDR ( High Dynamic Range) ne perfeziona la qualità, ampliando la gamma di colori e luminosità. 

 

 

La Tv oggi è Smart

Netflix e Prime Video sono app, scaricabili su tablet, pc e smartphone, ma ormai disponibili anche sulla Tv, se si tratta di una smart tv.

Se vi state domandando quale tv Led da 43 pollici comprare, non potete fare a meno di interrogarvi sulle qualità smart del vostro futuro acquisto.

Una tv Smart è semplicemente un apparecchio in grado di collegarsi a Internet e svolgere alcune funzioni come un computer: navigare in Rete e scaricare le più diffuse app dedicate allo streaming video, ma non solo.

I programmi più noti (Amazon Prime Video, Netflix, TimVision, Chili, NowTV, Dazn (per lo sport), Infinity e, naturalmente, YouTube, Rai Play e Mediaset Play) si trovano spesso già caricati sull’apparecchio e alcuni di essi hanno un tasto dedicato sul telecomando.

Non bisogna stupirsi dunque, quando si leggono tra i consigli d’acquisto anche valutazioni sul sistema operativo di una tv.

Su Tv Sony, Sharp e Philips si trova spesso il sistema Android Tv, che riproduce in parte le caratteristiche del software installato sulla maggior parte dei telefonini.

Sui televisori Samsung, invece, è molto più probabile incontrare Tizen, forse il più adatto, per completezza e reattività, a competere con Android Tv.

 

Le 5 Migliori TV LED da 43 Pollici – Classifica 2020

 

 

1. Samsung UE43RU7450UXZT Smart TV 4K Ultra HD 43″

 

Principale vantaggio:

Buon rapporto prezzo qualità: immagini fluide, con una buona resa delle sfumature possibili con la tecnologia HDR. Consigliato ai videogiocatori.

 

Principale svantaggio:

L’audio, soprattutto per contenuti in 4k, meriterebbe qualcosa di più. Il rapporto di contrasto è buono, qualche limite nella visione laterale. 

 

Verdetto: 9.7/10

Il modello che qui proponiamo, in colore grigio, è un’esclusiva Amazon, ma ne esiste un omologo, tecnicamente identico nel classico colore nero. Un prodotto affidabile, con un buon rapporto qualità prezzo ed equipaggiato per il futuro dell’intrattenimento TV: 4k, HDR, Internet.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Esclusiva Amazon

Il modello Samsung RU7450 è identico a quello RU7400 da un punto di vista tecnico, ma è in color argento ed è in vendita esclusivamente su Amazon.

Il sito del colosso americano è dunque l’unico luogo dove acquistare questo prodotto.  

Si presenta nel classico design pulito dei Tv Samsung, con la base a V e una sottile cornice grigia.

È un modello di fascia bassa, dotato di schermo Lcd Edge Led che non supporta il local dimming. 

Ciò detto, il rapporto di contrasto di 5700:1 è buono, così come buona è la luminosità, per la visione di contenuti normali. Il supporto alla tecnologia HDR, invece, non è superlativo, ma bisogna anche considerare la fascia di prezzo di questo prodotto.

La gamma di colori e sfumature è comunque decisamente godibile, perfino sorprendente.

Peccato non si riesca ad apprezzarla totalmente se ci si colloca in posizione troppo laterale rispetto allo schermo.

Non solo Tv

Per quanto riguarda le funzioni Smart, questo modello Samsung installa il collaudato sistema operativo Tizen, con il suo vasto archivio di applicazioni e giochi scaricabili e le immancabili app per lo streaming video (Netflix, Prime video, YouTube e tutte le più note).

Il televisore si dimostra quasi impeccabile anche se lo si vuole usare abbinato a una console di gioco.

Il cosiddetto input lag, in modalità gioco, è di 11 ms (millisecondi), un valore record, e non solo per un prodotto entry level.

Ci sono altri problemi, naturalmente, ma il Samsung esce dalla prova videogiochi con voti molto più che sufficienti.

Si incontrano pareri negativi, invece, per quanto riguarda l’interazione con i sistemi di assistenza domotica Alexa e Google Assistant. 

Sulla carta risultano attivi e funzionanti, ma molti utenti lamentano un ritardo nell’aggiornamento del software che dovrebbe renderne effettivo il funzionamento.

È invece possibile impartire istruzioni con comando vocale e usare il cellulare come telecomando alternativo grazie a un’apposita app.

 

In conclusione

Il Samsung RU7450 è un modello entry level, realizzato con la consolidata perizia dell’azienda coreana. 

Raccoglie punteggi piuttosto alti in quasi tutti i comparti, è pronta per l’imminente trasloco delle frequenze tv del digitale terrestre, ma anche per le più impegnative sfide di formato e di risoluzione del mercato futuro.

È un modello recente, acquistabile a prezzi sostenibili, che potrete appoggiare su una mensola o appendere a parete. 

La qualità delle immagini è molto buona, e lo schermo non ha problemi significativi a inseguire scene particolarmente movimentate: non si notano scie o sfarfallii fastidiosi.

Le casse audio da 20 watt sono una dotazione modesta, ma standard per i prodotti di questa fascia di Samsung. 

Come abbiamo precisato, il supporto alla tecnologia HDR 10+ non può dare risultati esaltanti, ma stiamo parlando di finezze e, soprattutto, di un dettaglio che riguarda attualmente una percentuale molto bassa dei contenuti disponibili su una Tv. 

È dotata di tutte le porte necessarie per collegarsi a decoder, console e periferiche wireless grazie al protocollo Bluetooth.

Permette il mirroring con i più diffusi modelli di cellulare e, ovviamente, con tutti i prodotti Samsung. 

Una Tv che ha tutto l’occorrente per supportare presente e futuro dell’intrattenimento digitale, a un prezzo contenuto. Giustamente tra i più venduti. 

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. LG 43UM7390 43″ 4K Ultra HD Smart TV Wi-Fi

 

LG controlla piuttosto serenamente il mercato dei Tv con schermo OLed, ma sa anche costruire apparecchi a Led.

Questo modello sfoggia, prima di tutto, un prezzo davvero competitivo, che ne esalta ancora di più le caratteristiche tecniche.

Si tratta di un prodotto entry level, ma si può dire che non gli manchi nulla. 

L’azienda punta molto sulla promozione del suo sistema AI Thinq, una funzione di intelligenza artificiale che dovrebbe accompagnare l’utente nella scelta dei programmi, dopo averne assimilato le abitudini e i gusti.

Nello stesso tempo, la Tv è in grado di interfacciarsi con Alexa e Google Assistant per controllare con comandi vocali eventuali funzioni di domotica integrati nel proprio appartamento (cosa ancora rara).

Il supporto alla tecnologia HDR comprende gli standard HDR10 e HDR10+ e HLG con risultati, rispetto alle potenzialità, abbastanza limitati.

La resa delle immagini e dei colori è comunque ottima, soprattutto quando si tratta di film o trasmissioni in 4k. I contenuti a bassa risoluzione sono “ottimizzati”, con qualche artificio non troppo invadente o fastidioso. 

Gli strumenti smart sono delegati al sistema Web OS, che non è tra i nostri preferiti ma a cui neppure si possono imputare gravi lacune. 

Merita d’essere ricordata la possibilità di registrare su pendrive USB. 

Il modello che qui proponiamo è di colore bianco, particolarmente adatto a mimetizzarsi su una parete di uguale tinta. 

Ripassiamo nella tabella sottostante le migliori e le peggiori caratteristiche di questo modello venduto oggi a prezzi bassi.

Pro
Intelligenza artificiale:

Lo strumento AI Thinq può costituire un utile supporto per orientarsi nel mare magnum dell\'offerta mediatica di oggi.

Prezzo interessante:

un modello LG del 2019, venduto a costi inferiori ai 350 euro, è un elemento che non si può assolutamente sottovalutare.

Contro
Valori di contrasto:

il rapporto di contrasto non è tra i migliori, sebbene rientri più o meno nei valori di media per questo genere di prodotti.

Funzioni smart:

per le funzioni smart, Web OS non è il sistema operativo che preferiamo, sebbene garantisca efficienza e il giusto numero di app. 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Sony KD43XG7005, TV Smart da 43″, 4K Ultra HD, HDR

 

In altre categorie di prodotto, Sony occuperebbe gradini più alti del podio, ma non è il caso di questo modello, che alterna valori eccellenti a scelte discutibili.

Il Sony XG70 ha un bel design, anche se la scelta del piedistallo, costituito da due piedini, costringe a cercare una base di supporto piuttosto ampia.

La cornice dello schermo è di poco superiore al centimetro, mentre lo spessore di 8 cm è un po’ fuori standard. 

La qualità strutturale complessiva, tuttavia, è eccellente, secondo noi più robusta di quella dei concorrenti entry level della Samsung. 

Il valore di contrasto (1050:1) non è tra i più alti, e la TV non prevede funzioni di local dimming.

Luminosità e colore sono più che adeguati per la maggior parte dei contenuti disponibili, ma se guardiamo in prospettiva, il supporto alla tecnologia HDR non è dei più promettenti: sono previsti HDR10 e HLG, ma gli standard con metadati dinamici, come HDR 10+ o Dolby Vision, non sono contemplati.

Come sempre, la calibrazione preimpostata sui televisori Sony non delude, ma se qualcuno non è soddisfatto avrà a disposizione abbondanti strumenti di regolazione. 

Non ci sono problemi con immagini in movimento, né con videogame, anche se recensioni specializzate e singoli utenti avevano aspettative più alte dal produttore della Playstation.  

Per la parte smart l’azienda giapponese ha optato per un sistema Linux, che svolge perfettamente il suo compito: funziona senza incertezze, mette a disposizione tutte le app più conosciute e dispone di 16 gigabyte per archiviare software e altri contenuti.

L’audio è modesto, e per buoni risultati andrebbe integrato con una soundbar o casse acustiche.

Nella tabella qui sotto potete trovare sintetizzati i punti di forza e debolezza di questo prodotto.  

Pro
Qualità prezzo:

il prezzo di questo modello Sony è molto interessante e permette di assolvere qualche difetto strutturale.

Alta risoluzione:

il televisore dà il suo meglio con i contenuti in 4k e supporta ottimamente le scene d\'azione. 

Contro
HDR limitato:

la Sony non ha previsto il supporto per nessuno degli standard attualmente disponibili di HDR con metadati. 

Videogame:

qualche appassionato videogiocatore non è rimasto completamente soddisfatto dal modo in cui la Tv interagisce con le console per videogiochi.

Acquista su Amazon.it (€479)

 

 

 

4. Philips 7300 Series 43PUS7304/12 43″ 4K Ultra HD Smart TV

 

Le caratteristiche migliori del televisore Philips sono la tecnologia Ambilight 3 e i moltissimi set di controllo preconfigurati (Naturale, Film, Gioco…).

È una tv che cerca di ridurre al minimo l’intervento degli utenti, soprattutto quelli che non hanno voglia di perdere troppo tempo nella rifinitura di contrasto, luminosità e colore.

La funzione Ambilight prevede l’installazione di Led luminosi su due bordi laterali e su quello inferiore, che proiettano effetti di luce più o meno in sintonia con le immagini sullo schermo. 

Il risultato è particolarmente efficace se alle spalle della TV c’è una parete chiara, che regala l’illusione di uno schermo più ampio.

La retroilluminazione, inoltre, distrae da valori di contrasto che non rendono mai alla perfezione il nero. 

In questo caso, però, c’è anche la funzione di Local Dimming, per nulla scontata in prodotti di questo tipo.

La visione laterale è migliore della media grazie allo schermo Ips, ma la tv può comunque ruotare sugli appoggi.  

Buone le prestazioni con film e altri contenuti in 4K HDR, per il quale Philips ha pensato le cose in grande: sono supportati tutti gli standard attualmente sul mercato, dagli scontati HDR10 e HLG a HDR10+ e Dolby Vision.

Considerata la struttura dello schermo e la fascia di prezzo di questo prodotto, i risultati sono molto soddisfacenti.

Il rapporto con i videogame e le console di gioco non è mai stato il cavallo di battaglia dell’azienda olandese, ma in questo caso molti utenti hanno registrato netti progressi. 

Il sistema operativo per le funzioni smart è Android, supportato da un processore ARM Cortex-A53 dotato di 4 core.

Il software è dotato di un arsenale di app scaricabili che non ha rivali. Lo spazio per archiviarli è di 16 gigabyte, più che sufficienti per quelli che vorrete sempre tenere a portata di mano. 

Ecco in sintesi le ragioni a favore e a sfavore dell’acquisto di questo televisore, con caratteristiche uniche nella sua fascia di mercato.

Pro
Sistema Ambilight:

la funzione di Philips che regala l\'illusione di uno schermo più ampio e alleggerisce la visione è molto apprezzata.

Funzioni HDR:

ottima la scelta di non rinunciare a nessuno degli standard per HDR con metadati.

Calibrazione semplice:

molti set di calibrazione preconfigurati aiutano una visione ottimale senza perdere troppo tempo.

Contro
Videogame e console:

Philips ha migliorato i tempi di risposta con videogame e console di gioco, ma i perfezionisti avranno ancora da ridire.

Acquista su Amazon.it (€499)

 

 

 

5. Hisense H43BE7000 TV LED Ultra HD 4K, HDR

 

Quello proposto qui è il prodotto più economico della nostra cinquina. Hisense è sul mercato con diversi modelli a prezzi davvero concorrenziali, che si difendono però molto bene anche nella comparazione con tv di fascia un po’ più alta.

Il supporto alla tecnologia HDR è ai minimi termini, e si limita agli standard HDR10 e HLG.

Il valore di contrasto è discreto, anche se i neri non sono mai del tutto saturi (difetto comune un po’ a tutti i display a cristalli liquidi). 

Il sistema operativo scelto per le funzioni smart non è tra i più noti, né tra i più scattanti e ricchi.

Le principali app per lo streaming video sono presenti all’appello e con un apposito  programma, scaricabile su cellulare o su tablet, si può usare una di queste periferiche al posto del telecomando.

Hisense reclamizza molto il suo sistema di intelligenza artificiale, integrato nel sistema operativo Vidaa U3.0, che dovrebbe calibrare l’immagine in base al tipo di scene proiettate sullo schermo.

Alcuni utenti lamentano, in realtà, scarsi margini di miglioramento di tonalità e contrasto, limitati a comandi di base. 

Un limite che può rivelarsi un pregio per chi vuole una Tv aggiornata, ma non ama inseguire controlli troppo sofisticati.   

La tv è naturalmente compatibile con il nuovo sistema di trasmissione del digitale terrestre, e rende al meglio con contenuti 4k.

Talvolta esagera negli artefatto quando deve riprodurre film o contenuti a bassa risoluzione. 

Riproduciamo, nella tabella, limiti e qualità di questo televisore pensato per chi deve o vuole risparmiare. 

Pro
Prezzo vantaggioso:

è il prezzo più basso tra tutti quelli proposti nella nostra guida all\'acquisto.

Connettività:

la tv è equipaggiata per ogni tipo di connessione, con cavo e wireless.

Contro
Limiti di regolazione:

alcuni utenti lamentano il fatto che non si possa effettuare regolazioni troppo raffinate su luminosità, contrasto e colore. 

Acquista su Amazon.it (€319)

 

 

 

Come usare e selezionare Tv Led da 43 pollici

 

Nella nostra guida per scegliere il miglior Tv Led da 43 pollici abbiamo preso in considerazione esclusivamente schermi che rispettassero queste caratteristiche.

Un pannello da 43” avrà una diagonale di 109 cm e dimensioni complessive di 97×57 cm

Lo spazio non è un dettaglio: non solo per collocare la Tv senza problemi, ma anche per potersi collocare alla giusta distanza per la visione.

Più di un sito consiglia di calcolare con formule matematiche la giusta misura che deve separarvi dalla TV.

 

 

Nel caso di una immagine con risoluzione Full HD (1920×1.080 Pixel) si dovrebbe moltiplicare la diagonale dello schermo per 2,5. Per monitor che supportino il 4k o ultra HD, l’operazione è: diagonale schermo moltiplicato per 1,5.

Non è il caso di prendere alla lettera questi consigli, ma è ovvio che maggiore è la definizione dell’immagine, meno fatica farà l’occhio. Ma c’è un altro elemento che potrebbe condizionare il posizionamento della vostra TV: la connessione a Internet. 

Quasi tutti i nuovi modelli prevedono la connessione wi-fi, che consente di accedere a Internet e fare funzionare le app di streaming (Netflix, YouTube, Prime, RaiPlay, Mediaset Play…). Se dovesse mancare, avreste bisogno di una presa ethernet vicino al televisore, cosa abbastanza rara in un appartamento non cablato. 

 

Collegarsi a Internet

Una volta compreso come potete collegare la Tv alla Rete casalinga, bisogna passare all’azione. 

Potete eseguire le operazioni tramite telecomando: controllate che la rete Wi-Fi sia accesa, quindi appuntatevi la password che consente di accedervi. 

I televisori Samsung, che in questa guida abbiamo messo in cima alla classifica, propongono schermate chiare e percorsi semplici.

Dal telecomando, si accede alla voce Menu, da cui si seleziona Rete, quindi Impostazioni di rete e, infine, Wireless. A quel punto la Tv visualizza un elenco di reti wireless disponibili, tra cui la vostra. Dovrete digitare la password e, voilà, la tv sarà online. 

Nel caso usiate invece un cavo Ethernet, non dovrete fare nulla di tutto ciò, neppure inserire la password: vi basterà infilare la presa e sarete connessi. 

Ogni tv ha un’interfaccia propria, ma i percorsi si assomigliano su tutti i modelli.

 


Videoregistratore addio

I videoregistratori sono ormai preistoria, e cosa si può fare per salvare un contenuto che si desidera vedere in un diverso momento della giornata. Alcuni apparecchi hanno perfino una memoria interna, ma altri prevedono una funzione a cui non sempre gli utenti fanno caso: la possibilità di registrare contenuti dalla tv su pendrive o hard disk esterno.

Perché ciò sia possibile occorre una porta USB, ma non basta. Accanto alla porta si dovrebbe trovare una etichetta che specifici se da lì si può realmente registrare: HDD Rec e PVR (Personal Video Recorder) sono le indicazioni più frequenti, ma spesso si può leggere USB Rec/Play, USB Recording, o DVR (Digital Video Recorder).

I manuali della tv dovrebbero fugare ogni dubbio. Sappiate che, dopo avere collegato la vostra unità di memoria esterna, questa subirà una nuova formattazione, quindi ogni contenuto precedentemente memorizzato potrebbe essere cancellato.

La nuova formattazione renderà la pendrive o il disco leggibile solo dalla vostra tv.

 

 

 

Domande frequenti

 

È vero che sarà previsto un bonus per l’acquisto di una nuova TV o di un nuovo decoder?

Tra le specifiche dei televisori recensiti in questa guida, troverete spesso la sigla Dvb-T2, che certifica la compatibilità del vostro acquisto con il futuro standard del digitale terrestre. 

Entro il 2022, infatti, i programmi tv saranno inviati su nuove frequenze per fare posto alla telefonia mobile, e al nuovo G5.

È vero che si sta studiando un finanziamento per i redditi più bassi, per l’acquisto di una nuova tv o decoder. Si parla però di un aiuto destinato a pochissimi e, per di più, sembra che non raggiungerà i 50 euro. 

Una simile cifra può avere un peso discreto per comprare un decoder, non certo per una televisione. Il nostro suggerimento, quindi, è di non aspettare che il bonus entri in vigore, e provvedere in anticipo con le vostre forze, per quanto limitate possano essere. 

 

A cosa serve la compatibilità tra Alexa e la TV?

È un’autentica mania: in cima alle caratteristiche di una Tv compare spesso la possibilità di interagire con questo assistente digitale prodotto da Amazon, che ne ha già venduti online migliaia di esemplari. Google Assistant è la principale controparte sul mercato.

In pratica, chi ha in casa Alexa può, potenzialmente, controllare alcuni elettrodomestici della casa tramite controlli vocali, purché siano predisposti per questo e ottenere informazioni e risposte dialogando con un linguaggio naturale.

Le tv più recenti sono quasi tutte compatibili con Alexa, anche se molto spesso con funzioni piuttosto limitate o aggiornamenti software in ritardo.

Potete chiedere ad Alexa di accendere la tv e sintonizzarla su un programma specifico o aprire un’app di streaming. Viceversa, dovreste poter dare comandi ad Alexa dalla vostra Tv. 

È un mercato che potrebbe svilupparsi velocemente, oppure scontrarsi con una certa immaturità dell’attuale platea e mercato. 

Quel che è certo è che tutto si basa sul software installato dalla Tv, soggetto ad aggiornamenti. Quindi sconsigliamo di condizionare l’acquisto di un televisore, allo stato attuale, su questo dettaglio.

 

Cos’è l’input lag?

Nel caso di un televisore, si definisce input lag l’intervallo di tempo che trascorre tra il momento in cui un’immagine è prodotta su una periferica collegata alla tv e il momento in cui questa appare sullo schermo della televisione. 

Ma si può anche riferire alla differenza temporale tra la pressione su un joystick, per esempio di una console di gioco, come Paystation o X Box, e l’effetto di questa pressione sul video.

Si misura in millisecondi, vale a dire millesimi di secondi, che tuttavia diventano rilevanti per appassionati videogiocatori.

La loro destrezza si basa in gran parte nella rapidità dell’uso dei pollici, e i tempi di reazione della tv a cui si è collegati potrebbe fare la differenza tra un livello superato e l’indesiderata scritta “game over”. 

 

Cos’è uno schermo LCD IPS?

Si trova spesso, nelle recensioni più tecniche, la distinzione tra schermi VA e IPS. 

Un monitor VA è un normale schermo a cristalli liquidi, in cui però i cristalli da cui dipende la creazione dell’immagine sullo schermo hanno una particolare disposizione Verticale. VA è infatti l’acronimo di Vertical Allignment.

I nuovi tv Samsung propongono sempre questa caratteristica, che ha il vantaggio sostanziale di migliorare il contrasto e la resa del nero, ma di solito ha come controindicazione un peggioramento dell’angolo di visione. 

Questi schermi, quindi, danno il meglio di loro se li si osserva frontalmente, e chi si colloca ai lati potrebbe notare qualche distorsione di colore più o meno evidente.

Tutto il contrario per gli schermi IPS (In-Plane-Switching), che migliorano molto l’angolo di visione, ma hanno rapporti di contrasto mediamente meno efficienti.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

TV LED 43 Pollici – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

Se è giunto il momento di cambiare la TV di casa, e se lo spazio disponibile dove installarlo è abbastanza ampio, un taglio da tenere in considerazione è quello da 43 pollici. Uno dei modelli più apprezzati in questa categoria è il Samsung UE43MU6120K, che offre anche le funzioni di smart TV oltre alla risoluzione 4K. Altro modello interessante è il Philips 43PUS6432/12 che si nota per l’integrazione del sistema operativo Android e per offrire il famoso sistema Ambilight 2 dell’azienda olandese.

 

 

Come scegliere i migliori TV LED da 43 pollici del 2020?

 

I TV LED da 43 pollici hanno una dimensione ottimale per chi non ha molti euro da spendere ma vuole comunque un modello con ampia visuale e che offra tutte le caratteristiche più importanti per essere considerato un televisore di ultima generazione, tra cui la funzione smart TV e la risoluzione 4K.

 

 

La maggior parte degli schermi da 43 pollici che offrono il massimo a livello di tecnologia, hanno un prezzo ampiamente sotto i 1.000 euro, in media tra 500 e 700 euro. Questo costo, decisamente accessibile per la maggior parte degli acquirenti, consente di avere una TV che consente di vedere alla grande i film preferiti o la partita della squadra del cuore anche se non si ha molto spazio a disposizione nel salotto.

Infatti, la distanza ottimale tra il divano e un TV da 43 pollici è di circa due metri e mezzo, per poter vedere le immagini trasmesse nel migliore dei modi. Questa collocazione è facilmente disponibile in un po’ tutti i salotti, magari appoggiando il televisore su un mobiletto o appendendolo con supporti idonei al muro. I modelli da 43 pollici inoltre sono i primi, come dimensioni, ad offrire la risoluzione 4K.

Una delle novità dei televisori di ultima generazione è quella di poterli collegare ad internet per poter sfruttare molti dei canali che trasmettono via web programmi in streaming. Per fare questo, la maggior parte dei TV dispone di una connessione Wi-Fi, e se ciò non dovesse essere presente come minimo offrono una porta LAN per il collegamento diretto con il modem/router.

Dal momento che una TV si può collegare a internet, molto probabilmente offre anche le funzioni di smart tv, ovvero si possono avere informazioni come news di cronaca o sportive, meteo, e così via direttamente dal web, o vedere, come detto, le emittenti che trasmettono in streaming, tra cui quelle più famose come Netflix, NowTV, Chili e via dicendo.

Per poter fare questo, le smart tv hanno un proprio sistema operativo che sfrutta delle app per il collegamento veloce ai contenuti, un po’ come avviene con gli attuali smartphone. Molti dei marchi di TV più famosi negli ultimi tempi sfruttano il sistema operativo Android Tv che offre anche una buona dose di app da scaricare e utilizzare direttamente dal televisore.

 

I 3 Migliori TV LED da 43 Pollici – Classifica 2020

 

1. Samsung UE43MU6120K 43″ 4K Ultra HD Smart TV

 

Questo TV da 43 pollici marchiato Samsung offre un pannello LED di buona qualità ed è in grado di visualizzare contenuti in 4K, ovvero alla risoluzione di 3.840×2.160 pixel. Viene fornito con connessione Wi-Fi, quindi la possibilità di collegarlo a internet è garantita e molto semplice da effettuare.

Il modello UE43MU6120K consente anche di riprodurre i contenuti in HDR, una nuova tecnologia di visualizzazione che si caratterizza dalla possibilità di avere immagini con neri più profondi e bianchi brillanti. Questa, abbinata alla tecnologia UHD Dimming, che suddivide lo schermo in sezione per ottimizzare, brillantezza, colore e livelli di nero e bianco offre una visione di altissima qualità.

A livello di design spiccano le cornici particolarmente sottili, e le dimensioni “slim” per offrire una TV elegante che non stona in nessun ambiente dove dovesse venire collocato. Non mancano le funzioni smart tv con preinstallate le app dei più famosi siti di streaming video come Netflix, Amazon Tv e molte altre.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

2. Philips 43PUS6432/12 Smart TV UHD 43”

 

Tra i modelli di fascia alta nei TV da 43 pollici non si può non tenere in considerazione quello proposto da Philips. Infatti offre quanto di meglio la tecnologia attuale in questo mercato è in grado di offrire, a partire della risoluzione 4K abbinata allo standard video HDR Plus, che consente di avere un’accuratezza delle immagini riprodotte di livello molto alto.

I TV Philips sono molto famosi per la tecnologia Ambilight, che su questo modello è proposta nella seconda versione. Il televisore, in pratica, proietta sulle pareti circostanti una soffusa luce che cambia in base ai colori primari delle immagini visualizzate sullo schermo. Questo consente di avere un’esperienza visiva senza paragoni, immersiva e appagante.

Per le funzioni di smart TV Philips si affida al sistema operativo Android TV che grazie al Google Play Store offre una grande varietà di applicazioni da scaricare sul televisore per avere a portata di mano, notizie, meteo, e le più famose emittenti di streaming che trasmettono via web.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. LG 43UJ620V 43″ 4K Ultra HD Smart TV

 

Questo modello di di TV LE innanzitutto può essere preso in considerazione per il prezzo non molto alto, a fronte comunque di una serie di caratteristiche tecniche di assoluto valore. Infatti offre risoluzione 4K, connessione Wi-Fi e un design non male.

Come molti TV di ultima generazione anche questo modello è in grado di riprodurre contenuti video in HDR, ultima frontiera della visualizzazione in Ultra HD. Le funzioni smart TV sono offerte tramite il sistema operativo WebOS 3.5, che offre la disponibilità delle più importanti app, anche se non è a livello dei modelli basati su Android TV.

La parte audio può contare su un sistema Ultra Surround 2.0 in grado di sprigionare 20 Watt di potenza massima e un suono ricco e coinvolgente. Grazie alla presenza della connessione Bluetooth è possibile ascoltare l’audio con un paio di cuffie dotate di tale interfaccia per non disturbare i vicini se piace l’audio ad alto volume.

Acquista su Amazon.it (€449)

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

1
Leave a Reply

avatar
1 Commentare le discussioni
0 Risposte alla discussione
0 Followers
 
I commenti con il maggior numero di reazioni
La discussione più calda
1 Gli autori dei commenti
Paul I più recenti autori dei commenti
  Sottoscrivere  
Il più nuovo Il più vecchio Il più votato
Notifica di
Paul
Ospite
Paul

Come è possibile che la pagina sia aggiornata ad oggi e state proponendo un LG del 2017 ??????????

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 voti, media: 4.75 su 5)
Loading...

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi europei: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia e Romania.

Buono ed Economico © 2020. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status