7 programmi TV degli anni ’80 che hanno fatto la storia

Ultimo aggiornamento: 18.10.21

Questo sito si sostiene grazie ai lettori. Quando acquisti tramite i nostri link riceviamo una piccola commissione. Clicca qui per maggiori informazioni su di noi

Se siete nati a cavallo degli anni ‘80 conoscerete senz’altro i programmi che compaiono nella nostra classifica. Fate un salto nella storia della TV insieme a noi.

 

Giochi televisivi, programmi sportivi, di informazione, di musica: quanti ne sono passati di questi tramite quell’apparecchio elettronico che oggi occupa un buono spazio nel salotto di casa? Ecco allora i nove che hanno segnato, forse, più di tutti la storia, entrando nell’immaginario collettivo di ogni italiano.

La TV anni ‘80 è stata senz’altro ricca, forse anche grazie al fatto che si trovava in una posizione mediana rispetto agli inizi della storia della televisione in italia. Ma bando alle ciance e iniziamo subito a ricordare quali sono state le trasmissioni televisive più di successo, che oggi possiamo riguardare, magari sfruttando YouTube, anche tramite una TV LED da 50 pollici.

 

Bis

Il primo programmi anni ’80 è questo game show che è stato trasmesso dal 1981 al 1990.

Presentato da Mike Bongiorno, è andato in onda per nove stagioni consecutive, per un totale di 2.600 puntate. Lo scopo di questo gioco a premi era quello di risolvere un rebus nascosto dietro un tabellone. Il format, di ispirazione americana, ha avuto un successo davvero notevole.

Durante le nove stagioni si sono avvicendati diversi concorrenti, ma solo alcuni sono riusciti a diventare campioni e a mantenere questo status molto a lungo. Infatti, i quiz televisivi italiani sono caratterizzati molto spesso da semplici meteore, che dopo poco tempo perdono il loro posto in classifica. Ma in questo caso non è stato così, considerando anche un montepremi che raggiungeva persino i 100 milioni di Lire.

 

Paroliamo

Tra i programmi TV anni ’80 non poteva mancare: Paroliamo. Si trattava di un altro quiz a premi, trasmesso per la prima volta nel 1982 da Fabrizio Frizzi, nel contenitore di Rai2 Tandem. L’idea non era del tutto originale, perché il primo gioco era stato un vero e proprio derivato dal programma televisivo francese “Des chiffres et des lettres”. A ogni modo, la modalità di gioco era singolare rispetto ad altri quiz.

Sì utilizzavano mazzi di carte su cui erano impresse le lettere dell’alfabeto italiano.

I giocatori dovevano indovinare la parola più lunga allo scadere del tempo. E tra questi, quelli che sono passati alla storia per la velocità sono principalmente due: Ernesto Casale e Roberto Morassi.

 

Tandem

Tra i programmi televisivi pomeridiani, Tandem è stato uno dei più amati da grandi e piccoli. Dalle 14:30 alle 16:30 era l’ora di questo spettacolo, andato in onda prima su Rete 2 e poi su Rai 2. Si trattava, in realtà, più di un contenitore in cui ragazzi delle scuole superiori si alternavano a giocare in quiz di carattere geografico, di cultura generale, ma anche storico. Insomma, il palinsesto era davvero variegato, ma ciò che distingueva questo programma dagli altri era proprio il tipo di pubblico giovane e di fascia oraria pomeridiana.

Praticamente un appuntamento fisso atteso da grandi e piccoli.

 

Drive In

Un’altra trasmissione della televisione anni ‘80 è sicuramente Drive In, appartenente al genere commedia e ideato da Antonio Ricci. La cadenza era settimanale e veniva trasmesso in prima serata tra il 1983 e il 1988, riscuotendo un grande successo e diventando un vero e proprio segno distintivo nazionale. La sua fama contribuì anche a portare linfa a nuovi personaggi dello spettacolo, visto che da qui sono passati personaggi come Ezio Greggio, Gianfranco D’Angelo, Giorgio Faletti ed Enrico Beruschi. 

Come si può intuire dallo stesso nome, il programma era ambientato in un drive-in in stile americano, con la scenografia a cura di Graziella Evangelista ed Enzo De Camillis. La trasmissione alternava riusciti sketch comici (che diventavano spesso tormentoni) a brevi balletti di procaci ragazze strizzate in costumi succinti.

 

Ok, il prezzo è giusto!

Non si può evitare di parlare di uno dei programmi culto di quegli anni, ovvero “Ok, il prezzo è giusto!”. Ciò che lo ha reso famoso e che ha permesso di farlo diventare quasi un simbolo nazionale, è stato sicuramente il fatto che questo quiz show sia stato il primo, in Italia, in cui il pubblico poteva suggerire le risposte al concorrente. Lo scopo del gioco era quello di indovinare il prezzo dei prodotti che venivano mostrati (un vero e proprio trionfo della pubblicità più o meno occulta). Pensate che la prima puntata riuscì a raggiungere più di 10 milioni di telespettatori, davvero un record se si considerano gli anni di uscita di questa trasmissione in TV.

 

Festivalbar

Uno dei programmi televisivi musicali più amati e apprezzati anche dalle generazioni nate durante gli anni ‘90. Infatti, il Festivalbar è stata una manifestazione che si è tenuta dal 1964 al 2007 e ha visto passare sul palco tantissimi artisti italiani e stranieri. La sua nascita si deve all’intuizione di Vittorio Salvetti, il quale volle sfruttare i famosi jukebox in una chiave più commerciale e statistica. Infatti, gli artisti sfidanti giravano per tutta l’Italia, diventando ben presto un vero punto di riferimento per gli italiani.

Le estati non erano le stesse senza il Festivalbar, sebbene il cambio di musica, di tecnologie e di interesse da parte del pubblico, abbiano portato negli anni alla completa chiusura di quello che resta uno dei programmi musicali in TV più importanti di sempre. Durante gli anni ‘80, pensate un po’, finì sempre in prima serata, perciò la fama di questa trasmissione era davvero tanta. 

Domenica Sprint

Concludiamo con uno dei programmi televisivi sportivi che tutti gli appassionati di calcio ricorderanno. La prima puntata venne trasmessa nel marzo del 1976, ma fu poi durante tutti gli anni ‘80 che raggiunse il picco di telespettatori. La trasmissione Veniva mandata in onda su Rete 2 al termine dell’edizione del TG2 ed era l’occasione per vedere le sintesi di tutte le partite del campionato. Diciamo che era una versione più approfondita e meno folcloristica del mitico 90° Minuto. 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI

Buonoedeconomico fa parte del gruppo Seroxy che gestisce diversi progetti in vari Paesi: Germania, Francia, Olanda, Spagna, Polonia, Romania e Canada.

Buono ed Economico © 2021. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status