Il miglior gruppo di continuità professionale

Ultimo aggiornamento: 25.04.19

 

Gruppo di continuità professionale – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2019

 

Se si ha una piccola azienda e per le comuni operazioni lavorative si utilizzano una serie di PC collegati a un server, per non perdere tutto il lavoro fatto a causa dei malfunzionamenti della rete elettrica, serve installare un gruppo di continuità professionale. Modello molto apprezzato è CyberPower PR1500ELCD da 1.500VA che offre sei prese schuko sul retro per altrettanti dispositivi. Non da meno è l’APC Smart UPS, anch’esso da 1.500VA e dotato di display LCD per capire in un lampo quanto succede sulla rete elettrica.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Come scegliere i migliori gruppi di continuità professionali del 2019?

 

I gruppi di continuità, conosciuti anche con l’acronimo di UPS, sono dispositivi pensati per consentire agli apparecchi elettrici collegati ad essi di continuare a lavorare anche nel caso si verifichino problemi con la rete elettrica, come blackout, sovratensioni e via dicendo. Esistono modelli adatti a un solo PC e altri pensati per le aziende dove collegare più dispositivi contemporaneamente, che sono quelli che prenderemo in esame nella nostra guida.

 

 

Per valutare quale sia il migliore gruppo di continuità adatto alle esigenze della rete aziendale bisogna tenere presente alcune caratteristiche tecniche che consentono di indirizzarsi verso l’UPS professionale più indicato. In primis bisogna tenere conto della potenza che è in grado di supportare, ovvero il consumo in watt dei dispositivi che verranno collegati. Ad esempio se vengono collegati due PC, un server e un router ed ipoteticamente tutti e quattro arrivano a 2.000 watt, si dovrà acquistare un modello con questa potenza o superiore.

Ovviamente il gruppo di continuità per consentire ai dispositivi connessi la giusta alimentazione anche quando la rete elettrica non è disponibile si basa sulla presenza di una batteria. Questa consente l’alimentazione degli apparecchi per un determinato lasso di tempo, comunque il minimo per poter spegnere PC e server senza perdere i dati a causa di uno shutdown improvviso. È impensabile che un UPS consenta di lavorare senza corrente elettrica per ore e ore.

I modelli di UPS professionali possono essere connessi alla rete aziendale ed essere gestiti da remoto. Possono inviare alert al team IT di un’azienda quando verificano malfunzionamenti, e si possono impostare in diverse modalità a seconda delle varie esigenze. Spesso sono anche dotati di display a LED che consente, tra le altre cose, di vedere cosa è successo alla reta elettrica o di tenere sotto controllo l’autonomia della batteria

Gli UPS utilizzati in ambito aziendale sono di norma quelli denominati “Line interactive” ed offrono un circuito chiamato AVR. Quest’ultimo, molto importante se non determinante si occupa di regola la tensione in entrata mantenendo quella in uscita sempre nel modo migliore. Questo permette ai vari dispositivi connessi di non subire pericolosi sbalzi di tensione o altri problemi derivanti da una linea elettrica non ottimale  

I migliori modelli professionali di UPS si basano sull’onda sinusoidale pura in uscita, che è addirittura migliore di quella in entrata fornita dal gestore dell’energia elettrica. Ci sono modelli che offrono un’onda sinusoidale quadra, ma sono da non tenere in considerazione per un utilizzo aziendale, anche se hanno prezzi minori rispetto ai modelli a onda sinusoidale pura.

 

Quali sono i migliori gruppi di continuità professionali?

 

Prodotti raccomandati

 

CyberPower PR1500ELCD

 

Questo gruppo di continuità professionale è in grado di erogare una potenza di 1.500 VA ed integra una sistema AVR per la regolazione automatica della tensione. È ideale per proteggere da problemi di tensione PC, workstation, dispositivi di rete e periferiche quali stampanti, telefoni e fax.

L’UPS può essere gestito localmente tramite porte USB o seriali o gestito a distanza tramite una scheda SNMP (opzionale), e consente agli amministratori e agli utenti di accedere in remoto a ciascun UPS attraverso la rete per eseguire il monitoraggio in tempo reale, la configurazione e arresti di sistema pianificati utilizzando il software di gestione PowerPanel.

Il pannello di controllo LCD può essere scollegato dall’UPS per il monitoraggio dell’UPS locale. Con una un cavo lungo al massimo 1,2 metri collegato al pannello di controllo LCD, è possibile riposizionarlo per un comodo monitoraggio e funzionamento del sistema. La presenza di un buco dietro il pannello di controllo LCD permette anche il montaggio a parete.

Acquista su Amazon.it (€496,09)

 

 

 

APC Smart-UPS

 

Come altri modelli sul mercato di ottima qualità, anche questo UPS proposto da un brand molto famoso sul mercato come APC offre ben 1.500 VA (900 watt) di potenza. È un modello a onda sinusoidale quindi ideale per proteggere server, router, terminali POS, hub, switch, e altri dispositivi di rete.

Il comodo display LCD consente di tenere sotto controllo lo stato dell’UPS oltre ad offrire altri indicatori che rappresentano lo stato della batteria e del carico collegato. Inoltre è in grado di fornire il consumo effettivo in kilowattora per avere sempre un’idea dei costi energetici.

APS Smart-UPS ha diverse funzioni, tipiche dei prodotti di fascia alta. Ad esempio non ci si dovrà più preoccupare della sostituzione della batteria, in quanto sarà lo stesso UPS ad indicare autonomamente il mese e l’anno in cui è consigliabile la sostituzione per favorire così la pianificazione della manutenzione dell’UPS anche nel lungo periodo.

Acquista su Amazon.it (€522)

 

 

 

iTek ITUWPP3K WinPower 3000

 

Il gruppo di continuità proposto da iTek si denota per la sua potenza, che arriva a ben 3.000 VA (2.400 watt) in un chassis dalle dimensioni molto compatte e che lo rende agevola da posizionare dove serve.

Grazie alla tecnologia a doppia conversione, questo UPS genere una tensione in uscita, filtrata, stabilizzata e soprattutto indipendente da quella in ingresso. Questo avviene anche per quanto riguarda la frequenza. Il modello in questione è gestibile tramite il software ViewPower fornito in dotazione.

Una volta che la batteria si esaurisce, è da tenere presente che servono almeno quattro ore per una ricarica completa. L’immancabile display posto sullo chassis consente di gestire il gruppo di continuità, mentre non mancano avvisi per batteria scarica o quando entra funzione, guasti e sovraccarichi della linea elettrica..

Acquista su Amazon.it (€488,99)

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5.00 su 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2019. All Rights Reserved.

DMCA.com Protection Status