La migliore base di raffreddamento per PC portatili

Ultimo aggiornamento: 16.10.18

 

Basi di raffreddamento per PC portatili – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni del 2018

 

Nel caso il portatile dia problemi con continui riavvii anche dopo aver fatto uno scan antivirus più volte e aver formattato tutto, allora probabilmente il colpevole è la temperatura eccessiva. Non resta quindi che provare una base di raffreddamento che con le sue ventole terrà tutti i componenti a temperatura normale, allungando anche la vita del proprio PC. Visto che sul mercato ci sono tantissimi modelli disponibili, abbiamo pensato di creare una guida in modo da aiutare i nostri lettori nella scelta e fare l’acquisto giusto senza sprecare i propri soldi. A chi non ha proprio tempo di leggerela tutta, suggeriamo subito KLIM Wind e E-Prance X4, due modelli con quattro ventole a disposizione ideali sia per PC da gaming sia per quelli un po’ datati, da preservare dalle temperature estreme.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

Come scegliere la migliore base di raffreddamento per PC portatili

 

Si sa che i portatili non sono proprio il massimo quando si tratta di ventole interne, infatti la maggior parte delle volte i componenti iniziano a dare problemi durante i periodi più caldi dell’anno e finiscono per rompersi con inevitabile sostituzione (quando va bene) dell’intero apparecchio. Per risolvere il problema si può comprare una base di raffreddamento e dare un po’ di sollievo al povero PC! Visto che sul mercato ci sono tantissimi modelli disponibili, abbiamo preparato una guida con classifica che include quelli della migliore marca. Così sarà possibile confrontare i prezzi e scegliere quello giusto per le proprie esigenze.

Guida all’acquisto

 

Ventole

Nel caso si stia pensando di acquistare un nuovo laptop, consigliamo comunque di acquistare una base di raffreddamento. Così si potranno prevenire danni irreparabili o fastidiosi riavvi che rischiano di far perdere parte del lavoro svolto. Come si potrà vedere dalle nostre recensioni in fondo alla pagina, ci sono molte basi con quattro ventole, indicate per lo più per chi ha un laptop adibito al gaming e deve tenere la temperatura sotto controllo quando mette sotto sforzo CPU e GPU.

Sebbene il prezzo di queste non sia comunque esorbitante, potrebbe essere eccessivo avere quattro ventole per raffreddare un PC utilizzato solo per navigare o lavorare su programmi leggeri. Per questi può essere preferibile un modello con una sola ventola, giusto per tenere le temperature a livelli normali ed eliminare eventuali problemi di riavvio del PC.

 

Comodità

Una base per PC portatile non deve solo raffreddarlo, ma anche sostenerlo. Per questo è sempre bene controllare che il modello scelto si possa poggiare saldamente sulla scrivania e mantenere il PC in una posizione stabile anche mentre si scrive. Inoltre le basi di raffreddamento migliori possono essere addirittura regolate in diverse posizioni, in modo da trovare quello più comodo per appoggiare le mani sulla tastiera o vedere il monitor da un’angolatura più confortevole.

Solitamente questa caratteristica non è strettamente necessaria, ma bisogna aspettarsi di spendere giusto qualche euro in più nel caso si voglia anche questa comodità. Ci sono sul mercato basi di raffreddamento che possono essere comodamente messe sulle gambe, una buona soluzione per chi spesso deve usare il laptop al volo. Per quanto riguarda il collegamento e l’alimentazione occorre sapere che tutte le basi di raffreddamento possono essere connesse al PC tramite il cavo USB annesso.

Design

Quando si parla di basi di raffreddamento si potrebbe pensare a dei dispositivi dal look sobrio, con una ventolina annessa. In realtà ci si può trovare di fronte a dei prodotti che sembrano usciti da un film di fantascienza! Non che la salvezza del proprio PC dipenda dall’estetica della base, ma d’altronde si sa che anche l’occhio vuole la sua parte. Nel caso il proprio laptop sia abbastanza pesante, occorre scegliere un modello fatto con buoni materiali.

In questo modo potranno sostenerlo senza rompersi e inoltre la temperatura eccessiva del PC non rischierà di fondere la copertura delle ventole. Per lo stesso motivo sconsigliamo vivamente di acquistare prodotti che sembrano fatti con la plastica o con del materiale scadente, a meno che non si abbia un budget davvero basso.

 

Le migliori basi di raffreddamento per PC portatili del 2018

 

Come abbiamo visto nei nostri consigli d’acquisto, ci sono diversi fattori da considerare per sapere come scegliere una buona base di raffreddamento per PC portatili. Diversi dispositivi richiedono diverse ventole, per questo qui di seguito presentiamo i modelli più venduti, recensiti secondo le opinioni degli utenti. In questo modo sarà possibile fare una comparazione delle offerte e scegliere la migliore base di raffreddamento per PC portatili in base alle proprie esigenze.

 

Prodotti raccomandati

 

KLIM Wind

Principale vantaggio:

Le quattro ventole sono in grado di raggiungere una velocità massima di rotazione di 1.400 RPM e dunque assolvono al loro compito in modo più che soddisfacente.

 

Principale svantaggio:

Non particolarmente felice la scelta dell’azienda produttrice di posizionare il logo nel centro, visto che, in base al modello di notebook, potrebbe ostruire parte della griglia deputata all’ingresso dell’aria fresca.

 

Verdetto 9.7/10

Un prodotto pensato per allungare la vita del vostro portatile, visto che riesce a raffreddarne le componenti sfruttando l’azione delle quattro ventole. Prezzo proporzionato a quanto la base è in grado di offrire.

Acquista su Amazon.it (€29,9)

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

Quattro ventole

Per poter ridurre il surriscaldamento del vostro portatile, soprattutto qualora lo utilizziate in modo intenso e ne sfruttiate pesantemente le varie componenti, l’acquisto di una base come quella proposta da KLIM è un passaggio quasi obbligato. Nello specifico parliamo di un supporto pensato per poter ospitare notebook fino a 19 pollici di diagonale del display.

Il raffreddamento avviene tramite l’azione di quattro ventole incastonate nella base e alimentate dalla corrente stessa del computer, vista la presenza di un cavo da inserire in una delle porte USB. Ecco da dove il Wind ricava l’energia per mettere in moto le succitate ventole e assicurare che ruotino a 1.400 giri al minuto, inondando d’aria la scocca inferiore del Pc e contribuendo a calmierare le temperature. La sua versatilità e resistenza è tale che il produttore afferma che possa essere utilizzato non solo con i notebook ma anche con le console come PS4 e Xbox One, che hanno spesso la tendenza a surriscaldarsi.

Migliore collocazione

La struttura della base di KLIM è pensata per un utilizzo versatile, visto che potrete posizionarla sulla scrivania e deciderne l’inclinazione, andando ad agire sui due piedini posteriori, che sono ripiegabili in modo da ridurre gli ingombri quando è il momento di riporre il dispositivo. Tutti e quattro i piedini sono gommati e hanno un ottimo grip. In alternativa è possibile anche sfruttare la base restando seduti sul divano e poggiandola sulle gambe, visto che l’azione delle ventole non le farà scaldare in modo fastidioso. Oltre al comfort, un altro elemento da apprezzare è la silenziosità, date che, pur con le quattro ventole in funzione, la rotazione sarà appena percettibile e non infastidirà chi si trova al vostro fianco.

Se, facendo un discorso generale, l’efficacia del Wind non è in discussione, qualcuno ha sollevato qualche perplessità sull’opportunità di posizionare il logo proprio nel centro della base. Questo perché, con alcuni modelli di notebook che hanno le prese d’aria in punti specifici, può capitare che coincidano proprio con parte della zona priva di ventole e dunque l’azione rinfrescante venga (in parte) meno.

 

Un tocco di colore

La scelta dell’azienda produttrice è stata quella di inserire anche dei led blu che si accendono quando si attivano le ventole, garantendo un piacevole effetto. Almeno secondo il nostro parere, mentre alcuni utenti avrebbero preferito avere la possibilità di decidere se avere o meno l’illuminazione, che invece non può essere esclusa.

Ultima annotazione sul prezzo di listino che è un po’ più elevato rispetto alla media ma, per fortuna, non è infrequente che il prodotto sia proposto in offerta.

 

Acquista su Amazon.it (€29,9)

 

 

 

E-Prance X4

 

Consigliamo questo modello nel caso il proprio laptop si stia lentamente avvicinando ad un ingloriosa fine per scioglimento del processore, ma proprio non si sa quale base di raffreddamento per PC portatile comprare.

Va bene sia per portatili adibiti al gaming o alla grafica che per dispositivi meno potenti, dato che grazie alle sue quattro ventole da 1.200 RPM potrà raffreddare con efficacia i componenti. La base può essere regolata per scegliere la posizione più comoda, inoltre le sue dimensioni compatte permettono di portarla facilmente nello zaino o nella borsa del computer.

Sebbene siano molto potenti, le ventole a disposizione risultano abbastanza silenziose, al punto da poter usare la base anche in presenza di altre persone senza dare troppo fastidio. Segnaliamo che alcuni utenti si sono lamentati del materiale, giudicato poco resistente.

Modello di base versatile, in grado di refrigerare i componenti interni di molti tipi di laptop: da quelli per il gaming a quelli utilizzati principalmente per navigare in internet e per la produttività personale. Dispone di quattro ventole che arrivano a una velocità 1.200 RPM, sufficienti per tenere al fresco tutte le periferiche interne.

Pro
Regolazione:

Il nuovo modello E-Prance può essere regolato come inclinazione per avere il portatile nella posizione più gradita per le proprie attività.

Compatta:

Le sue dimensioni risultano molto compatte, tanto che può essere tranquillamente inserita in uno zaino per averla sempre con sé.

Silenziosa:

Nonostante le quattro ventole girino a ben 1.200 RPM, secondo il parere degli utenti che l’hanno acquistata, non risultano per nulla rumorose quando sono in funzione.

Contro
Materiali:

Non tutti sono soddisfatti dei materiali con cui è costruita questa base di raffreddamento, valutati poco resistenti soprattutto con l’andare del tempo.

Acquista su Amazon.it (€25,99)

 

 

 

Ewent EW1258

 

Tra le migliori basi di raffreddamento per PC portatili del 2018 abbiamo inserito questo modello versatile ed economico, adatto a soddisfare diverse esigenze. Ha un alto livello di compatibilità, quindi potrà essere usata con notebook da 12” a 17”, inoltre può andare bene sia per raffreddare un PC adibito al gaming che un portatile con problemi di alta temperatura.

Ovviamente non ci si potrà aspettare un livello di performance pari ad altri modelli con più ventole, ma a giudicare dai pareri degli utenti questa base si difende comunque molto bene. Questo soprattutto grazie al materiale ABS e alluminio che consentono un’ottima dispersione del calore.

Il prezzo basso tra l’altro fa in modo che si possa acquistare anche solo per dare nuova vita a un PC di vecchia data che si riavvia in continuazione a causa della temperatura troppo alta.

Può ospitare notebook Windows e MacBook con dimensioni che vanno da 12 a 17 pollici e, nonostante sia dotata di una sola ventola centrale da 145 mm, riesce a dissipare a dovere il calore generato dalle componenti interne del laptop. Questo grazie soprattutto ai materiali con cui è costruita, ovvero ABS e alluminio.

Pro
Posizione:

Molto gradita dagli utenti la possibilità di regolare l’inclinazione della base di raffreddamento scegliendo tra ben cinque posizioni, in modo da trovare quella più congeniale rispetto alla proprie esigenze.

Silent Fan:

La ventola da 145 mm posizionata nella zona centrale della base è di tipo “Silent Fan”, quindi risulta molto silenziosa quando è in funzione.

Alluminio e ABS:

Rispetto ad altre basi di raffreddamento dello stesso livello, questa spicca per i materiali impiegati per la sua realizzazione, ovvero ABS e alluminio, utili per disperdere il calore in maniera efficace.

Contro
USB:

Per funzionare necessita di ben due porte USB, cosa da valutare se il proprio laptop non ne possiede molte e che, nel caso, verrebbero occupate per dare energia alla base di raffreddamento.

Acquista su Amazon.it (€9,99)

 

 

 

RooLee WLS0010-EU

 

Tra i modelli più venduti online, troviamo questa base di raffreddamento dal design aggressivo che ne suggerisce un utilizzo prettamente legato al gaming. Ed in effetti con cinque ventole che ruotano a 1.200 RPM si potrà stare davvero sul sicuro e ottenere le performance migliori anche settando la grafica su livelli alti o su “ultra”.

Nonostante il numero di ventole, il prodotto è abbastanza silenzioso, quindi potrà essere utilizzato senza dare fastidio al prossimo. La base rivela essere molto comoda, dato che potrà essere regolata su sette livelli di altezza diversi per trovare la posizione più adatta. Il suo funzionamento è molto semplice, basterà collegarla alla presa USB del portatile che potrà essere dai 12” ai 17”.

Visto il prezzo leggermente superiore alla media, suggeriamo a chi usa il portatile in modo meno intensivo di cercare un prodotto più economico.

Nella nostra guida per scegliere la migliore base di raffreddamento abbiamo scelto questo modello particolarmente indicato per laptop destinati al gaming, vista la presenza di ben cinque ventole con velocità di rotazione di 1.200 RPM. Con questa base i videogiocatori potranno settare al massimo tutte le varie impostazioni senza rischiare di surriscaldare il notebook.

Pro
Cinque ventole:

Questo modello di fascia alta offre ben cinque ventole, di cui una centrale più grande destinate a mantenere alla giusta temperatura disco, CPU e scheda video del notebook gaming.

Altezza:

Per trovare la giusta posizione per giocare, la base consente di impostare l’altezza tra ben sette livelli.

Versatile:

La base RooLee è adatta per quasi tutte le dimensioni di notebook in commercio, per la precisione a partire da quelli da 12 pollici fino ad arrivare ai mastodontici modelli da 17 pollici.

Contro
Prezzo:

Il costo leggermente superiore alla media non la rende un prodotto adatto a chi non utilizza il notebook per giocare, che si può rivolgere a modelli meno costosi.

Acquista su Amazon.it (€100)

 

 

 

Trust Xstream

 

Nel caso non si possieda un portatile adibito al gaming e si vuole soltanto cercare di salvare il proprio da temperature potenzialmente dannose, allora si potrà optare per questo modello. È dotato di due ventole che raffredderanno sia la base del PC che la superficie sulla quale lo si poggia.

In questo modo si eviterà di trovare la scrivania bollente dopo l’utilizzo, inoltre si potrà poggiare il portatile sulle gambe senza alcun fastidio dovuto al calore. Il prodotto ha un prezzo davvero conveniente, ideale per chi non ha grosse pretese e vuole spendere il meno possibile.

Il risvolto della medaglia è che i materiali non sono proprio il massimo e che le ventole siano un po’ troppo rumorose, almeno stando a quanto dichiarato dagli utenti.

Base da raffreddamento pensata per notebook di fascia medio bassa, che potrebbero surriscaldarsi magari per l’intesa attività giornaliera. Ha solo due ventole che comunque svolgono a dovere quello per cui sono pensate. Chi volesse sapere dove acquistare questa base di raffreddamento per Pc portatili può trovare i link dei venditori online sotto i pro e i contro di questa pagina.

Pro
Costo:

Il suo prezzo molto concorrenziale la rende una base di raffreddamento per tenere al fresco notebook non destinati al gioco più spinto.

Cavo a scomparsa:

Cavo USB e relativo spinotto per l’alimentazione si possono riporre all’interno della base quando non si utilizza.

Gommini:

La presenza di alcuni gommini protettivi consente di non graffiare le scrivanie e i tavoli su cui posizionare questa base.

Contro
Rumorosa:

Le due ventole, secondo quanto riportato dagli utenti che l’hanno acquistata, sembra un po’ troppo rumorose.

Acquista su Amazon.it (€8,99)

 

 

 

KLIM Wind

 

Chi ha comprato un moderno laptop per il gaming probabilmente saprà già che il processore e la GPU avranno vita breve senza il corretto raffreddamento. Per questo è consigliabile acquistare una base adatta, proprio come questa Klim.

Grazie alle sue quattro ventole dalle 1.400 rotazioni al minuto si riuscirà ad alleviare la temperatura del PC e giocare ai propri titoli preferiti senza preoccuparsi di eventuali danni o di vedere i classici BSOD di Windows. Le prestazioni verranno tenute stabili e la temperatura a bada, con il vantaggio di allungare notevolmente la vita al proprio portatile.

Il prezzo potrebbe essere un po’ alto, infatti suggeriamo l’acquisto solo a chi ha davvero un portatile in “fin di vita” o a chi sa di doverlo spremere fino all’ultimo con giochi o programmi di grafica. È compatibile con portatili di diversa misura e si alimenta collegandola direttamente al PC tramite cavo USB.

Base di raffreddamento dotata di quattro ventole che girano a 1.400 RPM che riescono a tenere alla giusta temperatura tutti i componenti interno dei laptop. L’alimentazione per il suo funzionamento viene presa direttamente dalla porta USB del portatile, grazie alla presenza di un cavo con tale interfaccia di connessione.

Pro
Potenza:

Le quattro ventole presenti, disposte in modo strategico, raggiungono una velocità di 1.400 giri al minuto e in questo modo consentono di non far surriscaldare CPU e scheda grafica presenti nel laptop.

Gaming:

La sua potenza di raffreddamento è particolarmente indicata a chi utilizza il notebook per giocare e quindi spreme soprattutto processore e scheda video.

Alimentazione:

La base di raffreddamento Klim per funzionare prende l’energia necessaria dal notebook che deve raffreddare, semplicemente collegandola a un porta USB tramite apposito cavo.

Contro
Prezzo:

Non è sicuramente il prodotto più economico di quelli presi in esame, ed è quindi consigliato per chi passa davvero molte ore a giocare con il notebook e non vuole un calo di prestazioni.

Acquista su Amazon.it (€29,9)

 

 

Come utilizzare una base di raffreddamento per PC portatile

 

Il caldo non è mai alleato dei computer, portatili o meno. Vi sono temperature sopra le quali è bene non andare (in vero anche l’eccessivo freddo causa un blocco del PC ma non è di questo che parleremo qui).

Tuttavia, anche se la giornata è caratterizzata da una temperatura gradevole, può capitare al PC portatile di surriscaldarsi, spesso a causa di comportamenti scorretti da parte dell’utilizzatore. Cercheremo di capire come usare, ma anche quale utilità ha, una base di raffreddamento per il PC portatile.

 

 

Cose da non fare

Vediamo innanzitutto quali sono i comportamenti da evitare quando si utilizza un PC portatile. Molte persone sono solite mettere il notebook sulle gambe, certo, a  volte può essere una scelta obbligata. Altri, i più poltroni, stanno al letto con il loro computer, appoggiandolo, magari, sulle coperte. Situazioni del genere possono causare il surriscaldamento del dispositivo perché è quasi inevitabile ostruire le prese d’aria.

Avrete notato, infatti, un crescente calore se anche voi avete fatto le cose sopracitate. Se proprio non sapete stare a letto senza il computer o siete obbligati ad appoggiarlo sulle vostre gambe, allora continuate a leggere e vi daremo la soluzione al problema.

 

Collegare la base di raffreddamento

Vi siete decisi, volete comprare una base di raffreddamento ma siete poco pratici sull’argomento, vi preoccupa di non essere in grado di installarle, non avete la minima idea di come si faccia. Permetteteci di dirlo, le vostre preoccupazioni sono infondate.

Una base di raffreddamento, per funzionare, ha bisogno di essere collegata al PC portatile tramite un cavo USB. La base, dunque, si alimenta tramite il computer. Chiaramente questo inciderà sui consumi della batteria, ma è una questione trascurabile secondo noi, soprattutto considerando il grande vantaggio di evitare che il computer si surriscaldi.

 

Il numero di ventole

Le basi per computer possono essere realizzate in materiale plastico oppure metallo ma la vera differenza è da ricercarsi nel numero delle ventole. È chiaro che più sono e maggiore sarà il flusso d’aria, oltre a essere meglio distribuito.

 

 

Regolare la velocità della ventola

Concludiamo parlando di un’altra ventola, quella che si trova all’interno del computer. Esistono alcuni programmi che possono aumentare la capacità di raffreddamento della ventola interna, aumentando la sua velocità di rotazione. Questi programmi, innanzitutto, monitorano la temperatura interna e in base a questa si decide se intervenire.

Generalmente la sola base di raffreddamento può bastare ma se non vi accontentate, questi programmi possono essere una soluzione. L’installazione, però, è consigliata solo a chi sa dove mettere le mani perché un uso scorretto del programma potrebbe avere conseguenze negative sul funzionamento del computer.

 

 

 

Leave a Reply

avatar
  Sottoscrivere  
Notifica di
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5.00 out of 5)
Loading...

Buono ed Economico © 2018. All Rights Reserved.